Facebook Messenger, tracciamento controllato

A pochi giorni dalle polemiche scatenate dalla mappa del Malandrino, condividere la propria posizione diventa una scelta deliberata, non un automatismo da gestire con le impostazioni

Roma – Anche l’utente meno accorto smetterà di essere tracciabile dai contatti con i quali comunica a mezzo Facebook Messenger: con l’occasione del lancio di una nuova funzione di condivisione della propria posizione localizzata sulle mappe, a cui il social network sta lavorando da tre mesi, l’applicazione inverte silenziosamente la rotta sulla funzione di condivisione automatica che nei giorni scorsi aveva sollevato un polverone di polemiche.

L’estensione Chrome Marauder’s Map , la mappa del malandrino che razionalizzava i dati di geolocalizzazione condivisi automaticamente con ogni messaggio scambiato attraverso l’app, aveva reso esplicita l’opera di tracciamento dei contatti da parte di Facebook Messenger. Nulla a cui l’utente non avesse accettato di sottostare, nulla a cui l’utente non potesse scegliere di rinunciare: Facebook chiariva nelle condizioni d’uso che ogni messaggio può essere associato alla posizione di chi lo invia, e ha sempre consentito agli utenti di non approfittare dell’opzione, scegliendo di disabilitarla. Evidentemente, date l’indignazione e la sorpresa di molti utenti nell’apprendere che i propri contatti potessero localizzarli e tracciarne gli spostamenti, Facebook deve aver intuito la necessità di un cambio di rotta.

È così che Messenger ora permette di condividere la propria posizione, o un punto a scelta sulle mappe, con un gesto deliberato , dedicando a questa funzione un nuovo tasto che compare nell’app di messaggistica, così come avviene per altri servizi quali WhatsApp, ritenuta da Facebook complementare a Messenger.

“Come sempre – ricorda Facebook – Messenger non ottiene alcun dato di localizzazione dal vostro dispositivo a meno che non abilitiate i servizi di localizzazione per l’app”: per modificare queste preferenze basta agire sulle impostazioni .

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • rudy scrive:
    liberalizazione licenze e uber
    A me sembra che il problema sia la liberalizzazione delle licenze. E' chiaro che i 30 anni di mutuo li pagano i clienti e non ha senso sia cosi, e che ci va un intervento articolato, cosa gia tentata ma osteggiata da manovre corporative se non persino violente. uber, piu che ultranovita, potrebbe essere una occasione per bloccare la situazione. Secondo me, nel panorama del trasporto pubblico e' assolutramente inefficiente la situazione attuale. Ma ce ne sono tante anche peggio..
    • Leguleio scrive:
      Re: liberalizazione licenze e uber

      A me sembra che il problema sia la
      liberalizzazione delle licenze. I tassisti non ti lasciano. E i tassisti sono più forti, le battaglie combattute finora le hanno vinte. Tutte.
      uber, piu che ultranovita, potrebbe essere una
      occasione per bloccare la situazione. Caso mai sbloccare. :D
      • Funz scrive:
        Re: liberalizazione licenze e uber
        - Scritto da: Leguleio

        A me sembra che il problema sia la

        liberalizzazione delle licenze.

        I tassisti non ti lasciano. E i tassisti sono più
        forti, le battaglie combattute finora le hanno
        vinte.
        Tutte.possono bloccare le città, ma per quanto tempo? A che prezzo?Già tutti li odiano. Figurati quanta gente accetterebbe di non poter andare a lavorare (e perdere tempo e soldi), per giorni o settimane, per la difesa i loro anacronistici diritti.Quale governo, di questi tempi, permetterebbe di sperperare così tanto PIL e relative tasse? Quanto ci metterebbe a mandare i celerini a picchiare tutti? Quanto tempo passerebbe prima che i loro picchetti vengano dati alle fiamme dalla gente inferocita?
        • panda rossa scrive:
          Re: liberalizazione licenze e uber
          - Scritto da: Funz
          - Scritto da: Leguleio


          A me sembra che il problema sia la


          liberalizzazione delle licenze.



          I tassisti non ti lasciano. E i tassisti
          sono
          più

          forti, le battaglie combattute finora le
          hanno

          vinte.

          Tutte.

          possono bloccare le città, ma per quanto tempo? A
          che
          prezzo?E soprattutto a chi frega?Io vengo a sapere degli scioperi dei taxi solo perche' ne parlano i giornali, altrimenti manco me ne accorgo.C'e' per caso qualcuno qui nel forum a cui uno sciopero' di taxi ha mai causato un disagio negli ultimi 20 anni?
          Già tutti li odiano. Figurati quanta gente
          accetterebbe di non poter andare a lavorare (e
          perdere tempo e soldi), per giorni o settimane,
          per la difesa i loro anacronistici
          diritti.Ma che andassero a zappare o in miniera, a capire che cosa vuol dire lavorare!
          Quale governo, di questi tempi, permetterebbe di
          sperperare così tanto PIL e relative tasse?
          Quanto ci metterebbe a mandare i celerini a
          picchiare tutti? Quanto tempo passerebbe prima
          che i loro picchetti vengano dati alle fiamme
          dalla gente
          inferocita?Ben poco, secondo me.
        • Izio01 scrive:
          Re: liberalizazione licenze e uber
          - Scritto da: Funz
          - Scritto da: Leguleio


          A me sembra che il problema sia la


          liberalizzazione delle licenze.



          I tassisti non ti lasciano. E i tassisti
          sono
          più

          forti, le battaglie combattute finora le
          hanno

          vinte.

          Tutte.

          possono bloccare le città, ma per quanto tempo? A
          che prezzo?Bè, Leguleio ha ragione: FINORA l'hanno sempre avuta vinta.
          Già tutti li odiano. Figurati quanta gente
          accetterebbe di non poter andare a lavorare (e
          perdere tempo e soldi), per giorni o settimane,
          per la difesa i loro anacronistici diritti.
          Quale governo, di questi tempi, permetterebbe di
          sperperare così tanto PIL e relative tasse?
          Quanto ci metterebbe a mandare i celerini a
          picchiare tutti? Quanto tempo passerebbe prima
          che i loro picchetti vengano dati alle fiamme
          dalla gente inferocita?Già, è quello che spero. Anzi, spero che non ci sia bisogno di arrivare a tanto. Il diritto di sciopero è una cosa, ma non coincide con il diritto di bloccare o minacciare una città.Credo che sia uno di quei casi in cui la maggior parte della gente approverebbe un intervento risolutivo. E più che picchiare, vedrei utile sospendere la licenza a chi interferisce volutamente con la circolazione. Mica di tanto: anche solo una settimana alla prima contestazione. Se però l'indomani sei ancora lì a bloccare il traffico, i sette giorni diventano trenta.No, va bè, come non detto: ripensandoci potrebbe compromettere il servizio pubblico, che è sottoposto a determinati vincoli, al punto che uno sciopero dei tassisti può anche essere precettato. Ok, restano solo gli sganassoni da parte dei pendolari imbufaliti :)
          • panda rossa scrive:
            Re: liberalizazione licenze e uber
            - Scritto da: Izio01
            - Scritto da: Funz

            - Scritto da: Leguleio



            A me sembra che il problema sia la



            liberalizzazione delle licenze.





            I tassisti non ti lasciano. E i tassisti

            sono

            più


            forti, le battaglie combattute finora le

            hanno


            vinte.


            Tutte.



            possono bloccare le città, ma per quanto
            tempo?
            A

            che prezzo?

            Bè, Leguleio ha ragione: FINORA l'hanno sempre
            avuta
            vinta.Finora non hanno mai combattuto, altro che averla vinta.

            Già tutti li odiano. Figurati quanta gente

            accetterebbe di non poter andare a lavorare
            (e

            perdere tempo e soldi), per giorni o
            settimane,

            per la difesa i loro anacronistici diritti.

            Quale governo, di questi tempi,
            permetterebbe
            di

            sperperare così tanto PIL e relative tasse?

            Quanto ci metterebbe a mandare i celerini a

            picchiare tutti? Quanto tempo passerebbe
            prima

            che i loro picchetti vengano dati alle fiamme

            dalla gente inferocita?

            Già, è quello che spero. Anzi, spero che non ci
            sia bisogno di arrivare a tanto. Il diritto di
            sciopero è una cosa, ma non coincide con il
            diritto di bloccare o minacciare una
            città.
            Credo che sia uno di quei casi in cui la maggior
            parte della gente approverebbe un intervento
            risolutivo. E più che picchiare, vedrei utile
            sospendere la licenza a chi interferisce
            volutamente con la circolazione. Mica di tanto:
            anche solo una settimana alla prima
            contestazione. Se però l'indomani sei ancora lì a
            bloccare il traffico, i sette giorni diventano
            trenta.Il ritiro della licenza dovrebbe essere sacrosanto per chi sgarra, a cui vanno aggiunte pure altre sanzioni, naturalmente.
            No, va bè, come non detto: ripensandoci potrebbe
            compromettere il servizio pubblico, che è
            sottoposto a determinati vincoli, al punto che
            uno sciopero dei tassisti può anche essere
            precettato. Ripeto: non mi sono mai accorto che scioperassero.E comunque nel momento in cui ci fosse una alternativa come uber, alla minaccia "Scioperiamo!" puo' seguire la risposta "Ecchissenefrega!"
            Ok, restano solo gli sganassoni da
            parte dei pendolari imbufaliti
            :)Taglio di gomme! Altro che sganassoni.
  • Fabio Prizzo scrive:
    Finalmente qualcosa si muove!
    Era davvero l'ora che qualcuno prendesse una posizione.Uber ha fatto tanto discutere, fatto sta che è un dato di fatto che se la gente lo utilizza, evidentemente è un servizio che la gente vuole. Le tariffe economiche e l'app innovativa hanno fatto il resto. Chi volesse provare il servizio può farlo con 20 DI CREDITO UBER GRATIS iscrivendosi da qua http://bit.ly/Uber20s o inserendo all'iscrizione il codice AZ84P12 , che equivale ad un viaggio di media entità, considerate le tariffe.
    • Hop scrive:
      Re: Finalmente qualcosa si muove!
      - Scritto da: Fabio Prizzo
      Era davvero l'ora che qualcuno prendesse una
      posizione.a 90 gradi come sempre, davanti agli ammmerrigani :D
      • panda rossa scrive:
        Re: Finalmente qualcosa si muove!
        - Scritto da: Hop
        - Scritto da: Fabio Prizzo

        Era davvero l'ora che qualcuno prendesse una

        posizione.
        a 90 gradi come sempre, davanti agli ammmerrigani
        :DIntanto e' un altra picconata contro le caste parassitarie de noantri.Quando il trasporto di persone sara' totalmente liberalizzato, vedrai che arriveranno anche cooperative europee al posto degli ammmerrigani che ti piacciono tanto.
    • Leguleio scrive:
      Re: Finalmente qualcosa si muove!
      Pubblicità occulta?
  • Leguleio scrive:
    Ci sarà la fila
    " le app che permettono la condivisione di un mezzo privato che si stava già recando in una determinata direzione con l'esclusiva divisione dei costi di trasporto, e l'attività di piattaforme che permettono a privati cittadini di guadagnare sfruttando la loro automobile, come appunto UberPop.È proprio nei confronti di questo secondo caso che l'authority suggerisce l'inquadramento di figure professionali che non superino le 15 ore di guida settimanali, che stipulino un'assicurazione aggiuntiva e siano riconosciuti all'interno di un registro apposito delle Regioni. Tutte idee già condivise anche da Lucini ".Ci sarà la fila per poter lavorare solo 15 ore alla settimana, e dopo aver pagato un'assicurazione più costosa.
    • panda rossa scrive:
      Re: Ci sarà la fila
      - Scritto da: Leguleio
      " <I
      le app che permettono la condivisione di un
      mezzo privato che si stava già recando in una
      determinata direzione con l'esclusiva divisione
      dei costi di trasporto, e l'attività di
      piattaforme che permettono a privati cittadini di
      guadagnare sfruttando la loro automobile, come
      appunto
      UberPop.
      È proprio nei confronti di questo secondo caso
      che l'authority suggerisce l'inquadramento di
      figure professionali che non superino le 15 ore
      di guida settimanali, che stipulino
      un'assicurazione aggiuntiva e siano riconosciuti
      all'interno di un registro apposito delle
      Regioni. Tutte idee già condivise anche da
      Lucini </I
      ".

      Ci sarà la fila per poter lavorare solo 15 ore
      alla settimana, e dopo aver pagato
      un'assicurazione più
      costosa.L'importante e' che passi il principio.Poi i costi verranno abbattuti col tempo.
      • Leguleio scrive:
        Re: Ci sarà la fila

        L'importante e' che passi il principio.
        Poi i costi verranno abbattuti col tempo.No, alcuni costi non sono comprimibili. Diversamente avremmo auto che costano come calcolatrici tascabili, visto che esistono da 130 anni (le auto, non le calcolatrici), e la benzina che costa come l'acqua di rubinetto.L'assicurazione costerà comunque di più rispetto a quella base, idem il carburante, fatti i conti a fine mese. Non so quanto sarà conveniente per chi offre il servizio: a quel punto tanto vale fare l'abusivo e via, si rischiano multe, ma non ci sono limiti e il prezzo lo stabilisce il conducente, non Uber.
        • Stimato Pubblico scrive:
          Re: Ci sarà la fila
          - Scritto da: Leguleio

          L'importante e' che passi il principio.

          Poi i costi verranno abbattuti col tempo.

          No, alcuni costi non sono comprimibili.
          Diversamente avremmo auto che costano come
          calcolatrici tascabili, visto che esistono da 130
          anni (le auto, non le calcolatrici), e la benzina
          che costa come l'acqua di
          rubinetto.
          L'assicurazione costerà comunque di più rispetto
          a quella base, idem il carburante, fatti i conti
          a fine mese. Non so quanto sarà conveniente per
          chi offre il servizio: a quel punto tanto vale
          fare l'abusivo e via, si rischiano multe, ma non
          ci sono limiti e il prezzo lo stabilisce il
          conducente, non
          Uber.Dovresti rigraziarmi per il suggerimento se non te lo facevo notare non saresti qui a sparare XXXXXXX su un cavallo di battaglia storico. :D
        • Jiahdista Macaco scrive:
          Re: Ci sarà la fila
          - Scritto da: panda rossa
          130 anni fa le auto erano un lusso per pochissimi.
          Oggi hai un'auto perfino tu.Dici? :oIo non mi allargherei... a sentir lui manco ha il cellulare e usa solo il "fisso"... :D
          • Dott. Siringhini scrive:
            Re: Ci sarà la fila
            In effetti io lo vedo così...[img]http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/f/f8/Internet_dog.jpg[/img]
        • Fegatelli alla Veneziana scrive:
          Re: Ci sarà la fila
          Bhe la faccenda Uber messa assieme alle auto a guida automatica taglieranno la testa al toro...
          • Fegatelli alla Veneziana scrive:
            Re: Ci sarà la fila
            - Scritto da: Fegatelli alla VenezianaIn umido con la maionese? :-o
          • Fegatelli alla Veneziana scrive:
            Re: Ci sarà la fila
            - Scritto da: Fegatelli alla Veneziana
            In umido con la maionese? :-oPresente quella città dove c'è piazza san Marco? ;)Per essere umida non c'è dubbio che lo sia ma non pare che sia umidità trasferibile ai fegatelli.Sempre che non compaiano gondole a guida automatica gestite da applicazione alla Uber in quel caso la laguna comincerebbe a virare verso il verdolino spento.Naturalmente. 8)
        • Fegatelli alla Veneziana scrive:
          Re: Ci sarà la fila
          - Scritto da: Leguleio
          Fino a quando non ci sarà una legge precisa varrà
          la recente sentenza del tribunale di Milano, che
          inibisce a UberPop di operare. A che pro? se non conviene come "qualcuno" sostiene ha lo stesso valore di una sentenza che ti impedisca di prendere stricnina a colazione la mattina.Si potrebbe anche "far pace col cervello" prima di lanciarsi in campagne infinite di inutili post sulla questione no? :|
          • panda rossa scrive:
            Re: Ci sarà la fila
            - Scritto da: Fegatelli alla Veneziana
            - Scritto da: Leguleio


            Fino a quando non ci sarà una legge precisa
            varrà

            la recente sentenza del tribunale di Milano,
            che

            inibisce a UberPop di operare.

            A che pro? se non conviene come "qualcuno"
            sostiene ha lo stesso valore di una sentenza che
            ti impedisca di prendere stricnina a colazione la
            mattina.Che non convenga e' fuor di dubbio.La domanda piuttosto e': a chi non conviene?E la risposta non e' "gli autisti di uber".
          • ... scrive:
            Re: Ci sarà la fila
            - Scritto da: Fegatelli alla Veneziana
            - Scritto da: Leguleio


            Fino a quando non ci sarà una legge precisa
            varrà

            la recente sentenza del tribunale di Milano,
            che

            inibisce a UberPop di operare.

            A che pro? se non conviene come "qualcuno"
            sostiene ha lo stesso valore di una sentenza che
            ti impedisca di prendere stricnina a colazione la
            mattina.

            Si potrebbe anche "far pace col cervello" prima
            di lanciarsi in campagne infinite di inutili post
            sulla questione
            no?
            :|purtroppo, nel caso ti personalita' multiple, e' molto difficile.
        • Leguleio scrive:
          Re: Ci sarà la fila

          E alla fine si arrivera' alla liberalizzazione e
          anche alle auto senza
          pilota.Ma figuriamoci, tu spari una profezia al giorno. E sono sicuro che non sei disposto a pagare una penale ogni volta che non ci prendi.
          • Fegatelli alla Veneziana scrive:
            Re: Ci sarà la fila
            - Scritto da: Leguleio
            Ma figuriamoci, tu spari una profezia al giorno.
            E sono sicuro che non sei disposto a pagare una
            penale ogni volta che non ci
            prendi.Ah tu invece si? @^E naturalmente immagino che sia tu a stabilire quando e se una previsione "ci prende" e naturlmente pure l'importo della penale... giusto?(rotfl)(rotfl)Il problema è che (ti piaccia o meno) dietro molte delle sperimentazioni sulla mobilità (sia pubblica che privata) ci sono (e non casualmente) municipalità metropolitane (si anche in italia ad esempio a Bologna ha fatto tentativi in questa direzione) a cui risolvere il problema interessa assai.Perchè la mobilità a corto raggio (quella a lungo raggio è stata praticamente già più che risolta) costituisce praticamente la TOTALITÀ del problema.La tecnologia si evolve assai rapidamente in quella direzione e dubito che sia chi dovrà regolamentare le cose sia chi dovrà implementare prenderà spunto dai tuoi post su Punto Informatico.Mi perdonerai spero se sono un pochino scettico no? ;)
          • panda rossa scrive:
            Re: Ci sarà la fila
            - Scritto da: Leguleio

            E alla fine si arrivera' alla
            liberalizzazione
            e

            anche alle auto senza

            pilota.

            Ma figuriamoci, tu spari una profezia al giorno.
            E sono sicuro che non sei disposto a pagare una
            penale ogni volta che non ci
            prendi.Il tempo gioca a mio favore.Da quando mi sono seduto in riva al fiume, sai quanti cadaveri sono gia' passati?Passera' pure questo, altro che penale.
          • Leguleio scrive:
            Re: Ci sarà la fila


            E sono sicuro che non sei disposto a pagare
            una

            penale ogni volta che non ci

            prendi.

            Il tempo gioca a mio favore.
            Da quando mi sono seduto in riva al fiume, sai
            quanti cadaveri sono gia'
            passati?
            Passera' pure questo, altro che penale.Ma figuriamoci, tu spari una previsione al giorno. E per legge statistica ogni tanti ci prenderai anche. Così sono capaci tutti.
          • panda rossa scrive:
            Re: Ci sarà la fila
            - Scritto da: Leguleio


            E sono sicuro che non sei disposto a
            pagare

            una


            penale ogni volta che non ci


            prendi.



            Il tempo gioca a mio favore.

            Da quando mi sono seduto in riva al fiume,
            sai

            quanti cadaveri sono gia'

            passati?

            Passera' pure questo, altro che penale.

            Ma figuriamoci, tu spari una previsione al
            giorno. E per legge statistica ogni tanti ci
            prenderai anche. Così sono capaci
            tutti.Quindi lo sai che ho ragione.E cominci a mettere le mani avanti...
          • Leguleio scrive:
            Re: Ci sarà la fila




            E sono sicuro che non sei disposto
            a

            pagare


            una



            penale ogni volta che non ci



            prendi.





            Il tempo gioca a mio favore.


            Da quando mi sono seduto in riva al
            fiume,

            sai


            quanti cadaveri sono gia'


            passati?


            Passera' pure questo, altro che penale.



            Ma figuriamoci, tu spari una previsione al

            giorno. E per legge statistica ogni tanti ci

            prenderai anche. Così sono capaci

            tutti.

            Quindi lo sai che ho ragione.
            E cominci a mettere le mani avanti...Non me ne importa nulla perché non sono un tassista. Dico solo che a furia di spararle ci azzecchi, ma in qualsiasi campo, non solo quello della tecnologia e quello dell'informatica. Non hai meriti. Che utilità pratica avrà mai evocare il futuro mentre si discute di una questione attuale, cioè la sentenza di un tribunale di Milano seguita da una raccomandazione della ART, lo sai solo tu. "C'è un epidemia di Aids in corso, ma in futuro ci sarà il vaccino". E grazie tante, ai malati di Aids interessa l'oggi, non il futuro!
          • panda rossa scrive:
            Re: Ci sarà la fila
            - Scritto da: Leguleio
            Non me ne importa nulla perché non sono un
            tassista. Dico solo che a furia di spararle ci
            azzecchi, ma in qualsiasi campo, non solo quello
            della tecnologia e quello dell'informatica. Non
            hai meriti.No. Sei tu che non li sai misurare i miei meriti.E' ben diverso.
            Che utilità pratica avrà mai evocare il futuro
            mentre si discute di una questione attuale, cioè
            la sentenza di un tribunale di Milano seguita da
            una raccomandazione della ART, lo sai solo tu.Si valuta la tendenza della questione attuale.In questo forum capita spesso di discutere di applicazioni di leggi medievali o preistoriche (al cui confronto Hamurrabi era un innovatore futurista), a campi di tecnologia, con tutti gli effetti anacronistici del caso.Se la cosa ti urta, vendono degli ottimi antiacidita' di stomaco in farmacia.
            "C'è un epidemia di Aids in corso, ma in futuro
            ci sarà il vaccino". E grazie tante, ai malati di
            Aids interessa l'oggi, non il
            futuro!A me che l'aids non ce l'ho, interessa il futuro, invece.Sapere che ci sono studi e ricerche e un principio di risultati mi fa pensare che l'aids in futuro cessera' di essere un problema.Come ha smesso di essere un problema la peste, il vaiolo, la tbc, e altre malattie ormai debellate.
          • Leguleio scrive:
            Re: Ci sarà la fila

            No. Sei tu che non li sai misurare i miei meriti.
            E' ben diverso.Ma sentilo! Lo sputasentenze si dà le pagelle da sé.
            Si valuta la tendenza della questione attuale.Si sparano dati a caso, è diverso. Nella questione attuale non c'è una "tendenza": c'è una sentenza, quella sì, e se sarà confermata da un tribunale superiore, toccherà pure rispettarla.
            A me che l'aids non ce l'ho, interessa il futuro,
            invece.
            Sapere che ci sono studi e ricerche e un
            principio di risultati mi fa pensare che l'aids
            in futuro cessera' di essere un
            problema.
            Come ha smesso di essere un problema la peste, il
            vaiolo, la tbc, e altre malattie ormai
            debellate.Qui, in questo articolo, si parla del presente, se non te ne fossi accorto. Sono capaci tutti di rapportarsi a un problema dicendo "in futuro sarà così". Equivale a non dire nulla. Ti informo che non è automatico che per il fatto che ci siano malattie come la tbc, il vaiolo e la difterite, allora <B
            tutte </B
            le malattie saranno debellate. È una generalizzazione tutta tua.
          • panda rossa scrive:
            Re: Ci sarà la fila
            - Scritto da: Leguleio

            No. Sei tu che non li sai misurare i miei
            meriti.

            E' ben diverso.

            Ma sentilo! Lo sputasentenze si dà le pagelle da
            sé.Sempre piu' affidabili delle pagelle che dai tu da inesperto di ogni settore.

            Si valuta la tendenza della questione
            attuale.

            Si sparano dati a caso, è diverso. Nella
            questione attuale non c'è una "tendenza": c'è una
            sentenza, quella sì, e se sarà confermata da un
            tribunale superiore, toccherà pure rispettarla.Il popolo e' in grado di dettare le leggi.Ci sono stati referendum in passato.E ci sono movimenti di opinione.Guarda la storia delle coppie omosessuali. La legge le vieta.Secondo te come andra' a finire?Hint: esattamente come per il trasporto pubblico. Cambiera' la legge.

            A me che l'aids non ce l'ho, interessa il
            futuro,

            invece.

            Sapere che ci sono studi e ricerche e un

            principio di risultati mi fa pensare che
            l'aids

            in futuro cessera' di essere un

            problema.

            Come ha smesso di essere un problema la
            peste,
            il

            vaiolo, la tbc, e altre malattie ormai

            debellate.

            Qui, in questo articolo, si parla del presente,
            se non te ne fossi accorto.Qui siamo nel forum. L'articolo (che neanche ho letto) sta in un'altra pagina.
            Sono capaci tutti di rapportarsi a un problema
            dicendo "in futuro sarà così". Equivale a non
            dire nulla.No, equivale a lavora per correggere le cose sbagliate.
            Ti informo che non è automatico che per il fatto
            che ci siano malattie come la tbc, il vaiolo e la
            difterite, allora <B
            tutte </B
            le
            malattie saranno debellate. È una
            generalizzazione tutta
            tua.La mia e' una analisi dei dati.I grafici sulla diminuzione di mortalita' dovuta a malattie infettive, negli ultimi 50 anni, parlano chiaro.Non occorre una laurea in medicina per interpretare questo grafico.[img]http://www.mednat.org/vaccini/tubercolosi-2a.gif[/img]
          • Leguleio scrive:
            Re: Ci sarà la fila

            Sempre piu' affidabili delle pagelle che dai tu
            da inesperto di ogni
            settore.Quali? Citami un caso.
            Il popolo e' in grado di dettare le leggi.
            Ci sono stati referendum in passato.Cosa c'entrano i referendum adesso? Qui si parla di trasporti pubblici, non sono cose che permettono di raccogliere firme da referendum più di quanto ne attirerebbe una legge sulle bocciofile. Tra l'altro cambiare una materia piuttosto complessa, con licenze emesse dai comuni e bandi di concorso, solo con i referendum abrogativi la vedo dura.
            E ci sono movimenti di opinione.

            Guarda la storia delle coppie omosessuali. La
            legge le
            vieta.Non parlare di cose che non sai.Le legge non prevedeva il matrimonio fra omosessuali, cosa ben diverso dal vietarlo.A parte in alcuni stati, come la Polonia e la Lituania, in cui la Costituzione definisce espressamente il matrimonio come unione fra de persone di sesso opposto: in quel caso è corretto dire che lo vietava, ma solo in quei luoghi. Non certo in Eire, e nemmeno in Italia.
            Secondo te come andra' a finire?

            Hint: esattamente come per il trasporto pubblico.
            Cambiera' la
            legge.No. È una pia illusione.
            L'articolo (che neanche ho letto) sta in un'altra
            pagina.Come volevasi dimostrare. Lo scopo è snocciolare le proprie personali fantasie, non discutere dell'argomento.
    • prova123 scrive:
      Re: Ci sarà la fila
      Alla fine dopo le 15 ore il servizio funzionerà in nero ... a questo punto o rimuoveranno il limite delle 15 ore o entrerà meno denaro nelle casse dello stato. Questa è la realtà.
      • Leguleio scrive:
        Re: Ci sarà la fila
        - Scritto da: prova123
        Alla fine dopo le 15 ore il servizio funzionerà
        in nero ... a questo punto o rimuoveranno il
        limite delle 15 ore o entrerà meno denaro nelle
        casse dello stato. Questa è la
        realtà.I servizi che funzionano in nero ci sono già, e da molto prima dell'esistenza di internet: si chiamano tassisti abusivi, e decidono loro le tariffe, quanto lavorare ogni giorno, e che assicurazione stipulare. Chi glielo fa fare di complicarsi la vita con questi adempimenti, lo sa solo l'ART.
        • panda rossa scrive:
          Re: Ci sarà la fila
          - Scritto da: Leguleio
          - Scritto da: prova123

          Alla fine dopo le 15 ore il servizio
          funzionerà

          in nero ... a questo punto o rimuoveranno il

          limite delle 15 ore o entrerà meno denaro
          nelle

          casse dello stato. Questa è la

          realtà.

          I servizi che funzionano in nero ci sono già, e
          da molto prima dell'esistenza di internet: si
          chiamano tassisti abusivi, e decidono loro le
          tariffe, quanto lavorare ogni giorno, e che
          assicurazione stipulare.

          Chi glielo fa fare di complicarsi la vita con
          questi adempimenti, lo sa solo
          l'ART.Tu continui a svicolare dal punto della questione.Io, cliente, devo andare a piazza Garibaldi.A questo punto valuto le varie offerte sul mercato.Qualcuno mi fa un preventivo direttamente sullo smartphone di 5 euro.Qualcun altro mi dice " 'A dotto', il problema di Palemmo e' il tcraffico!" E non mi fa il preventivo, salvo sparare 30 euro a fine corsa.Io scelgo sulla base di questi dati.Tutto il resto non e' e non deve essere un mio problema.
          • Fegatelli alla Veneziana scrive:
            Re: Ci sarà la fila
            - Scritto da: panda rossa
            Tu continui a svicolare dal punto della questione.Non è che svicola è che proprio non vede oltre la punta del proprio naso.Praticamente è così:[img]http://www.bartlebycafe.com/wp-content/uploads/2013/01/article-1005361-00C3FFBE00000578-7_468x328-300x210.jpg[/img]
          • Leguleio scrive:
            Re: Ci sarà la fila

            Tu continui a svicolare dal punto della questione.

            Io, cliente, devo andare a piazza Garibaldi.
            A questo punto valuto le varie offerte sul
            mercato.

            Qualcuno mi fa un preventivo direttamente sullo
            smartphone di 5
            euro.Risparmiami le istruzioni per le "furbate" da parte dei cittadini, grazie. Le conosco, e la mentalità che sta dietro è la stessa che considera l'elusione fiscale una "furbata", così come la raccomandazione per ottenere più rapidamente un servizio o una concessione. Qui nessuno è uscito dall'uovo ieri, tanto da non capire che cosa si è disposti a fare pur di risparmiare.
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: Ci sarà la fila
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Leguleio
            Io, cliente, devo andare a piazza Garibaldi.
            A questo punto valuto le varie offerte sul
            mercato.

            Qualcuno mi fa un preventivo direttamente sullo
            smartphone di 5
            euro.

            Qualcun altro mi dice " 'A dotto', il problema di
            Palemmo e' il tcraffico!"

            E non mi fa il preventivo, salvo sparare 30 euro
            a fine
            corsa.

            Io scelgo sulla base di questi dati.

            Tutto il resto non e' e non deve essere un mio
            problema.la ricerca del prezzo più basso ad ogni costo è un grosso problema. Prima o poi lo capirai, forse.
          • Funz scrive:
            Re: Ci sarà la fila
            - Scritto da: mcmcmcmcmc
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: Leguleio


            Io, cliente, devo andare a piazza Garibaldi.

            A questo punto valuto le varie offerte sul

            mercato.



            Qualcuno mi fa un preventivo direttamente
            sullo

            smartphone di 5

            euro.



            Qualcun altro mi dice " 'A dotto', il
            problema
            di

            Palemmo e' il tcraffico!"



            E non mi fa il preventivo, salvo sparare 30
            euro

            a fine

            corsa.



            Io scelgo sulla base di questi dati.



            Tutto il resto non e' e non deve essere un
            mio

            problema.

            la ricerca del prezzo più basso ad ogni costo è
            un grosso problema. Prima o poi lo capirai,
            forse.il suo problema è scegliere tra un servizio migliore a prezzo più basso e... e?Poi non è necessariamente vero che le corse Uber siano più economiche che col taxi.
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: Ci sarà la fila
            - Scritto da: Funz
            - Scritto da: mcmcmcmcmc
            il suo problema è scegliere tra un servizio
            migliore a prezzo più basso e...
            e?
            Poi non è necessariamente vero che le corse Uber
            siano più economiche che col
            taxi.ciascuno di noi è libero di fare quel che vuole, se può. Usare il prezzo come unico metro di decisione è da ***one.
          • Funz scrive:
            Re: Ci sarà la fila
            - Scritto da: mcmcmcmcmc
            - Scritto da: Funz

            - Scritto da: mcmcmcmcmc


            il suo problema è scegliere tra un servizio

            migliore a prezzo più basso e...

            e?

            Poi non è necessariamente vero che le corse
            Uber

            siano più economiche che col

            taxi.

            ciascuno di noi è libero di fare quel che vuole,
            se può. Usare il prezzo come unico metro di
            decisione è da
            ***one.converrai che scegliere a priori il servizio peggiore, più caro e gestito da gente pessima (non sto parlando di Uber), è ancora più da co...
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: Ci sarà la fila
            - Scritto da: Funz
            - Scritto da: mcmcmcmcmc

            - Scritto da: Funz


            - Scritto da: mcmcmcmcmc




            il suo problema è scegliere tra un
            servizio


            migliore a prezzo più basso e...


            e?


            Poi non è necessariamente vero che le
            corse

            Uber


            siano più economiche che col


            taxi.



            ciascuno di noi è libero di fare quel che
            vuole,

            se può. Usare il prezzo come unico metro di

            decisione è da

            ***one.

            converrai che scegliere a priori il servizio
            peggiore, più caro e gestito da gente pessima
            (non sto parlando di Uber), è ancora più da
            co...non stiamo evidentemente parlando della stessa cosa. Si parlava di qualità, nell'altro ramo.
          • Funz scrive:
            Re: Ci sarà la fila
            - Scritto da: mcmcmcmcmc
            - Scritto da: Funz

            - Scritto da: mcmcmcmcmc


            - Scritto da: Funz



            - Scritto da: mcmcmcmcmc






            il suo problema è scegliere tra un

            servizio



            migliore a prezzo più basso e...



            e?



            Poi non è necessariamente vero che
            le

            corse


            Uber



            siano più economiche che col



            taxi.





            ciascuno di noi è libero di fare quel
            che

            vuole,


            se può. Usare il prezzo come unico
            metro
            di


            decisione è da


            ***one.



            converrai che scegliere a priori il servizio

            peggiore, più caro e gestito da gente pessima

            (non sto parlando di Uber), è ancora più da

            co...

            non stiamo evidentemente parlando della stessa
            cosa. Si parlava di qualità, nell'altro
            ramo.altroché se parliamo della stessa cosa.perché se credi veramente che il servizio dei taxi sia quello di qualità, mentre uber sia inferiore, evidentemente non hai capito i termini della questione.
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: Ci sarà la fila
            - Scritto da: Funz
            - Scritto da: mcmcmcmcmc

            altroché se parliamo della stessa cosa.
            perché se credi veramente che il servizio dei
            taxi sia quello di qualità, mentre uber sia
            inferiore, evidentemente non hai capito i termini
            della
            questione.se sia più di qualità uber o il taxi non lo so. Di certo so che dire che uber è meglio perchè costa meno è sbagliato.
          • panda rossa scrive:
            Re: Ci sarà la fila
            - Scritto da: mcmcmcmcmc

            la ricerca del prezzo più basso ad ogni costo è
            un grosso problema. Prima o poi lo capirai,
            forse.Non e' piu' un problema.Oggi c'e' l'app che lo cerca per te.
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: Ci sarà la fila
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: mcmcmcmcmc




            la ricerca del prezzo più basso ad ogni
            costo
            è

            un grosso problema. Prima o poi lo capirai,

            forse.

            Non e' piu' un problema.
            Oggi c'e' l'app che lo cerca per te.e meno male che c'è l'app. Pio Bove.
          • panda rossa scrive:
            Re: Ci sarà la fila
            - Scritto da: mcmcmcmcmc
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: mcmcmcmcmc







            la ricerca del prezzo più basso ad ogni

            costo

            è


            un grosso problema. Prima o poi lo
            capirai,


            forse.



            Non e' piu' un problema.

            Oggi c'e' l'app che lo cerca per te.

            e meno male che c'è l'app. Pio Bove.Da parecchio tempo una delle applicazioni della rete e' il confronto dei prezzi.Una volta si andava nel negozio e si comprava al prezzo del venditore senza avere alcun paragone.Oggi, senza uscire di casa gia' sai quanto costa in media quello che vuoi e puoi facilmente trovare il prezzo migliore.Prima di internet uno non aveva idea di quanto ricarico imponevano gli intermediari parassiti.La rete ha scoperchiato un pentolone enorme!
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: Ci sarà la fila
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: mcmcmcmcmc

            - Scritto da: panda rossa


            - Scritto da: mcmcmcmcmc










            la ricerca del prezzo più basso ad
            ogni


            costo


            è



            un grosso problema. Prima o poi lo

            capirai,



            forse.





            Non e' piu' un problema.


            Oggi c'e' l'app che lo cerca per te.



            e meno male che c'è l'app. Pio Bove.

            Da parecchio tempo una delle applicazioni della
            rete e' il confronto dei
            prezzi.

            Una volta si andava nel negozio e si comprava al
            prezzo del venditore senza avere alcun
            paragone.

            Oggi, senza uscire di casa gia' sai quanto costa
            in media quello che vuoi e puoi facilmente
            trovare il prezzo
            migliore.

            Prima di internet uno non aveva idea di quanto
            ricarico imponevano gli intermediari
            parassiti.
            La rete ha scoperchiato un pentolone enorme!dammi la tua definizione di prezzo migliore.
          • panda rossa scrive:
            Re: Ci sarà la fila
            - Scritto da: mcmcmcmcmc
            dammi la tua definizione di prezzo migliore.Tu che ne dici?[img]http://images.dimmicosacerchi.it/uploads/1415096146.jpg[/img][img]http://image.issuu.com/140207090445-84cf4f502f79810002d64671c979a0ae/jpg/page_1_thumb_large.jpg[/img]
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: Ci sarà la fila
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: mcmcmcmcmc


            dammi la tua definizione di prezzo migliore.

            Tu che ne dici?

            [img]http://images.dimmicosacerchi.it/uploads/1415
            [img]http://image.issuu.com/140207090445-84cf4f502ne dico che hai postato il classico specchietto per le allodole, come volevasi dimostrare.
          • panda rossa scrive:
            Re: Ci sarà la fila
            - Scritto da: mcmcmcmcmc
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: mcmcmcmcmc




            dammi la tua definizione di prezzo
            migliore.



            Tu che ne dici?




            [img]http://images.dimmicosacerchi.it/uploads/1415


            [img]http://image.issuu.com/140207090445-84cf4f502

            ne dico che hai postato il classico specchietto
            per le allodole, come volevasi
            dimostrare.E allora posta tu la tua definizione di prezzo migliore.
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: Ci sarà la fila
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: mcmcmcmcmc
            E allora posta tu la tua definizione di prezzo
            migliore.non mi interessa farlo. Sarebbe inutile. Tu continua a giocare al ribasso. Io cerco la qualità. E la qualità costa. Basta avere le competenze per capire se il prezzo è giusto (e in questo l'Iva non conta).
          • panda rossa scrive:
            Re: Ci sarà la fila
            - Scritto da: mcmcmcmcmc
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: mcmcmcmcmc


            E allora posta tu la tua definizione di
            prezzo

            migliore.

            non mi interessa farlo. Sarebbe inutile. Tu
            continua a giocare al ribasso. Io cerco la
            qualità. E la qualità costa. Basta avere le
            competenze per capire se il prezzo è giusto (e in
            questo l'Iva non
            conta).Ma quale qualita'?Stiamo parlando di un identico prodotto: il fustino di dixan.O nel caso del trasporto, un identico servizio: andare in piazza Garibaldi.Non sto confrontando un Rolex con uno swatch.
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: Ci sarà la fila
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: mcmcmcmcmc

            Ma quale qualita'?
            Stiamo parlando di un identico prodotto: il
            fustino di
            dixan.
            O nel caso del trasporto, un identico servizio:
            andare in piazza
            Garibaldi.

            Non sto confrontando un Rolex con uno swatch.convinto tu. Io so per certo che in campo NCC ci sono clienti che richiedono un conducente specifico e non uno qualsiasi (qualità). Così come so che andare in piazza Garibaldi su di una macchina comoda è meglio (qualità). Così come so per certo che lo sconto del 50% sul dixan, alla fine della fiera, è una presa in giro.E non sto dicendo che dixan sia meglio di dash o che taxi sia meglio di uber.
          • panda rossa scrive:
            Re: Ci sarà la fila
            - Scritto da: mcmcmcmcmc
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: mcmcmcmcmc




            Ma quale qualita'?

            Stiamo parlando di un identico prodotto: il

            fustino di

            dixan.

            O nel caso del trasporto, un identico
            servizio:

            andare in piazza

            Garibaldi.



            Non sto confrontando un Rolex con uno swatch.

            convinto tu. Io so per certo che in campo NCC ci
            sono clienti che richiedono un conducente
            specifico e non uno qualsiasi (qualità).Per costoro il mercato fornira' prodotti adeguati.
            Così
            come so che andare in piazza Garibaldi su di una
            macchina comoda è meglio (qualità). Anche i treni sono formati da prima e seconda classe.
            Così come so
            per certo che lo sconto del 50% sul dixan, alla
            fine della fiera, è una presa in
            giro.Quello che vuoi. Ma se al negozio A mi costa meno che al negozio B, al netto di ogni finto sconto, io vado a comprarlo al negozio A.
            E non sto dicendo che dixan sia meglio di dash o
            che taxi sia meglio di
            uber.Io sto dicendo che lo stesso dixan viene venduto a prezzi diversi, come sto dicendo che per andare a Piazza Garibaldi, diversi mezzi hanno costi diversi.
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: Ci sarà la fila
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: mcmcmcmcmc
            Io sto dicendo che lo stesso dixan viene venduto
            a prezzi diversi, come sto dicendo che per andare
            a Piazza Garibaldi, diversi mezzi hanno costi
            diversi.molto bene. E il prezzo come unico metro di giudizio è un metro sbagliato. E siamo tornati all'inizio.
          • Funz scrive:
            Re: Ci sarà la fila
            - Scritto da: mcmcmcmcmc
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: mcmcmcmcmc


            E allora posta tu la tua definizione di
            prezzo

            migliore.

            non mi interessa farlo. Sarebbe inutile. Tu
            continua a giocare al ribasso. Io cerco la
            qualità. E la qualità costa. Basta avere le
            competenze per capire se il prezzo è giusto (e in
            questo l'Iva non
            conta).di solito la "qualità" che ti propagandano non ha nessun valore aggiunto reale, ma è puro marketing.Ma se tu sei felice di crederlo...
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: Ci sarà la fila
            - Scritto da: Funz
            - Scritto da: mcmcmcmcmc

            - Scritto da: panda rossa


            - Scritto da: mcmcmcmcmc




            E allora posta tu la tua definizione di

            prezzo


            migliore.



            non mi interessa farlo. Sarebbe inutile. Tu

            continua a giocare al ribasso. Io cerco la

            qualità. E la qualità costa. Basta avere le

            competenze per capire se il prezzo è giusto
            (e
            in

            questo l'Iva non

            conta).

            di solito la "qualità" che ti propagandano non ha
            nessun valore aggiunto reale, ma è puro
            marketing.
            Ma se tu sei felice di crederlo...non sai dicosa parli. Ma sarebbe troppo complicato fartelo capire. Quando vai a comprare qualcosa, prova un po' a pensare come è possibile che costi così poco. Fatti qualche domanda. Prova a verificare quale dovrebbe e potrebbe essere il costo. In particolare per il cibo.
          • Funz scrive:
            Re: Ci sarà la fila
            - Scritto da: mcmcmcmcmc
            - Scritto da: Funz

            - Scritto da: mcmcmcmcmc


            - Scritto da: panda rossa



            - Scritto da: mcmcmcmcmc






            E allora posta tu la tua
            definizione
            di


            prezzo



            migliore.





            non mi interessa farlo. Sarebbe
            inutile.
            Tu


            continua a giocare al ribasso. Io cerco
            la


            qualità. E la qualità costa. Basta
            avere
            le


            competenze per capire se il prezzo è
            giusto

            (e

            in


            questo l'Iva non


            conta).



            di solito la "qualità" che ti propagandano
            non
            ha

            nessun valore aggiunto reale, ma è puro

            marketing.

            Ma se tu sei felice di crederlo...

            non sai dicosa parli. Ma sarebbe troppo
            complicato fartelo capire. Quando vai a comprare
            qualcosa, prova un po' a pensare come è possibile
            che costi così poco. Fatti qualche domanda. Prova
            a verificare quale dovrebbe e potrebbe essere il
            costo. In particolare per il
            cibo.si parlava di tecnologia e siamo arrivati al cibo, vabbé...a me sembra che sia tu quello che si fa poche domande: quando vedi qualcosa di più caro credi che sia implicata una qualità intrinseca migliore. Sei decisamente lontano dalla realtà, non hai la minima idea di come funzioni il marketing. Sei la vittima ideale...
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: Ci sarà la fila
            - Scritto da: Funz
            - Scritto da: mcmcmcmcmc
            si parlava di tecnologia e siamo arrivati al
            cibo,
            vabbé...
            a me sembra che sia tu quello che si fa poche
            domande: quando vedi qualcosa di più caro credi
            che sia implicata una qualità intrinseca
            migliore.

            Sei decisamente lontano dalla realtà, non hai la
            minima idea di come funzioni il marketing. Sei la
            vittima
            ideale...probabile. Però, come sempre c'è un però. Non si parlava di tecnologia, ma di servizi. Uber non è tecnologia, è un servizio. Il taxi non è tecnologia, è un servizio. Rileggi con più attenzione e cerca di capire di che si sta parlando. Non sto parlando di prodotti tecnologici uguali o analoghi venduti a prezzi differenti. E se proprio vuoi metterci in mezzo il marketing, il caso delle offerte del supermenrcato è proprio il caso di marketing in cui il cliente è preso per il naso.
          • Hop scrive:
            Re: Ci sarà la fila
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: mcmcmcmcmc




            la ricerca del prezzo più basso ad ogni
            costo
            è

            un grosso problema. Prima o poi lo capirai,

            forse.

            Non e' piu' un problema.
            Oggi c'e' l'app che lo cerca per te.Guarda se ti trova un cervello
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: Ci sarà la fila
            - Scritto da: Hop
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: mcmcmcmcmc







            la ricerca del prezzo più basso ad ogni

            costo

            è


            un grosso problema. Prima o poi lo
            capirai,


            forse.



            Non e' piu' un problema.

            Oggi c'e' l'app che lo cerca per te.
            Guarda se ti trova un cervello[img]https://lunanuvola.files.wordpress.com/2013/12/empty-head.jpg?w=500[/img]
    • Funz scrive:
      Re: Ci sarà la fila
      - Scritto da: Leguleio
      Ci sarà la fila per poter lavorare solo 15 ore
      alla settimana, e dopo aver pagato
      un'assicurazione più
      costosa.Parli bene tu che hai un lavoro fisso, che ti lascia pure il tempo di stare sempre qui a postare.Pensa a quelli a cui 15 ore come secondo (o quarto) lavoro farebbero comodo per sbarcare il lunario.
Chiudi i commenti