Facebook, quotazioni e figli maschi

Mentre Zuckerberg si sposa il suo social network esordisce tra i problemi tecnici di Nasdaq. L'esordio non è stato irresistibile, ma gli esperti puntano sul medio-lungo termine

Roma – L’esordio sul mercato pubblico delle azioni ha permesso a Facebook di racimolare un cifra molto elevata, che davvero poche aziende e nessuna realtà ICT erano finora riuscite a raggiungere: tuttavia il prezzo delle sue azioni è cresciuto appena di 0,23 centesimi di dollari . Scatenando opinioni contrastanti sul successo o meno dell’operazione.

Questo significa che il prezzo rispetto alla valutazione iniziale non è schizzato in alto come molti si sarebbero aspettati: un segno, secondo alcuni commentatori , di parziale insuccesso, cui si sommava il contemporaneo crollo del 13,3 per cento delle azioni di Zynga , il cui successo è legato a doppio filo a quello del social network.

Tuttavia c’è da considerare che si partiva da un valore complessivo del social network già elevato e che l’eventuale boom del prezzo delle azioni avrebbe rappresentato un valore aggiunto per gli speculatori legati a banche e servizi finanziari che per primi si accaparrano i titoli, più che per Facebook stesso.

In considerazione di questo, dunque, gli autentici addetti ai lavori rilevano che si è trattato di un successo finanziario che ha permesso a Zuckerberg di racimolare gli investimenti che intendeva raccogliere , confermando una stima di valore (elevatissima) che poteva non sembrare solida come la roccia. Per questi, insomma, il mancato balzo delle quotazioni non significa insuccesso, ma solo che il prezzo scelto fosse quello più giusto, rappresentando la maggiore offerta possibile per racimolare soldi sul mercato.

A questi discorsi si aggiungono fattori esterni che potrebbero aver influenzato l’andamento del titolo, come le parole (e la decisione ) di General Motors a pochi giorni dalla quotazione, ma soprattutto come i problemi tecnici che Nasdaq ha confermato di aver avuto al momento dell’esordio di Facebook: le operazioni sono iniziate con 30 minuti di ritardo e alcune transazioni hanno subito ulteriori ritardi di circa due ore e mezzo, generando una situazione di insicurezza per gli investitori e rallentando in generale le operazioni.

D’altra parte occorre rilevare che il successo (e il valore effettivo) di Facebook dovrà essere valutato sul medio periodo: gli investitori sembrano non star puntando su una scommessa a breve termine, ma su una orientata ad un periodo più lungo. Nel frattempo, d’altra parte, il sito in blu continua ad aggiungere tasselli al suo mosaico e registra la prima operazione post-quotazione con l’acquisizione dell’ app per il “social gifting” Karma.

Infine, forse per esorcizzare la paura delle conseguenze di un evento così importante per il sito in blu, forse con la convinzione che tutto sarebbe andato e continuerà ad andare comunque bene, il giovane fondatore e CEO Mark Zuckerberg ha fatto seguire all’esordio in borsa il suo matrimonio con Priscilla Chan. Una sorpresa pure per gli invitati, convinti di stare partecipando a un party per il debutto in Borsa, e che si sono ritrovati a una cerimonia nuziale.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • panda rossa scrive:
    E intanto gli appelli di aprire i wi-fi
    La protezione civile si appella alla gente che ha un wi-fi, di togliere la password.http://www3.varesenews.it/scienza_tecnologia/articolo.php?id=235242Gli stessi che fino al giorno prima additavano il wi-fi libero perche' pericoloso strumento nelle mani dei pedoterrosatanistiscarriconi, adesso invece richiedono l'apertura delle reti.IL WI-FI LIBERO SALVA LE VITE UMANE!!!
    • shevathas scrive:
      Re: E intanto gli appelli di aprire i wi-fi
      - Scritto da: panda rossa
      La protezione civile si appella alla gente che ha
      un wi-fi, di togliere la
      password.

      http://www3.varesenews.it/scienza_tecnologia/artic
      veramente dalla lettura dell'articolo non mi sembra che sia stata una richiesta ufficiale della protezione civile quanto richieste fatte da privati o notizie non ufficiali. Meglio non dar retta, servono solo ad aumentare il rumore.
    • shevathas scrive:
      Re: E intanto gli appelli di aprire i wi-fi
      un altra cosa: gli appelli dei comuni per cercare professionisti ingegneri, geologi etc. sono al 101% bufale. In caso di emergenza il comune non può fare di testa sua incaricando personale "random" ma deve coordinarsi con protezione civile ed eventuali altre autorità per agire. E poi per male che vada un comune ha un ufficio tecnico e riesce a raggiungere facilmente i nominativi di personale qualificato e accreditato senza bisogno di passare a twitter.
      • panda rossa scrive:
        Re: E intanto gli appelli di aprire i wi-fi
        - Scritto da: shevathas
        un altra cosa: gli appelli dei comuni per cercare
        professionisti ingegneri, geologi etc. sono al
        101% bufale.

        In caso di emergenza il comune non può fare di
        testa sua incaricando personale "random" ma deve
        coordinarsi con protezione civile ed eventuali
        altre autorità per agire. E poi per male che vada
        un comune ha un ufficio tecnico e riesce a
        raggiungere facilmente i nominativi di personale
        qualificato e accreditato senza bisogno di
        passare a
        twitter.Stai forse dicendo indirettamente che quei giornali (gli stessi che stamattina strillavano perche' qualcuno mirrorava i loro articoli in siti di rassegne stampa) stanno scrivendo bufale?
        • shevathas scrive:
          Re: E intanto gli appelli di aprire i wi-fi

          Stai forse dicendo indirettamente che quei
          giornali (gli stessi che stamattina strillavano
          perche' qualcuno mirrorava i loro articoli in
          siti di rassegne stampa) stanno scrivendo
          bufale?Noooo.... ma cosa te lo farebbe pensare ? :(
          • panda rossa scrive:
            Re: E intanto gli appelli di aprire i wi-fi
            - Scritto da: shevathas

            Stai forse dicendo indirettamente che quei

            giornali (gli stessi che stamattina
            strillavano

            perche' qualcuno mirrorava i loro articoli in

            siti di rassegne stampa) stanno scrivendo

            bufale?

            Noooo.... ma cosa te lo farebbe pensare ? :(Niente. Tiravo ad indovinare.Se cosi' fosse, sarebbe un motivo in piu' per eliminare i giornali a pagamento, cosi' questa gentaglia non avrebbe motivo di scrivere balle sensazionalistiche al solo scopo di far vendere, ma si limiterebbe a scrivere cose vere, al solo scopo di informare.
    • shevathas scrive:
      Re: E intanto gli appelli di aprire i wi-fi
      Ti faccio notare anche la stupidata colossale all'apertura dell'articolo <i
      tra gli appelli, anche quello a rendere agevole la navigazione sul web, per aggirare il black-out della rete telefonica </i
      di grazia le wi-fi a cosa dovrebbero appoggiari per il trasporto dati verso l'esterno ? ma guarda alla rete telefonica. e se questa non funziona, anche se si ha il wi-fi aperto, come si naviga in internet ? sistema di backup su CP/IP (rfc 1149) ? :D
      • krane scrive:
        Re: E intanto gli appelli di aprire i wi-fi
        - Scritto da: shevathas
        Ti faccio notare anche la stupidata colossale
        all'apertura dell'articolo
        <i
        tra gli appelli, anche quello a
        rendere agevole la navigazione sul web, per
        aggirare il black-out della rete telefonica
        </i

        di grazia le wi-fi a cosa dovrebbero appoggiari
        per il trasporto dati verso l'esterno ? ma guarda
        alla rete telefonica. e se questa non funziona,
        anche se si ha il wi-fi aperto, come si naviga in
        internet ? sistema di backup su CP/IP (rfc 1149)
        ?
        :DOvviamente non ho letto qua la notizia, ma altrove si dice chiaramente che il problema e' degli operatori cellulari che sono andati in sovraccarico.
        • shevathas scrive:
          Re: E intanto gli appelli di aprire i wi-fi

          Ovviamente non ho letto qua la notizia, ma
          altrove si dice chiaramente che il problema e'
          degli operatori cellulari che sono andati in
          sovraccarico.ovvio e le linee fisse, causa cedimenti strutturali, potrebbero avere dei sovraccarichi. Meglio ridurre il traffico e chiamare il meno possibile, altro che twittare a iosa.
  • Nome e cognome scrive:
    macchina vs social
    Mi pare si sia dimostrato per l'ennesima volta che mentre il decine di persone "social" davano informazioni inesatte e confuse basta una persona competente che rende disponibili i dati di un sismografo per fornire tutte le informazioni necessarie.L'informazione dal basso va bene ma non dal troppo basso...
    • Magutt scrive:
      Re: macchina vs social
      Si sono "drogati" di social che non vedono più la realtà. Sentono una vibrazione sotto ai piedi, ma per sapere che si tratta di un terremoto, devono avere la conferma da Twitter e Facebook.Non solo, vivono a Milano o Canicattì o altra parte e devono sapere in quel momento dov'è l'epicentro, perchè due minuti dopo sarebbe troppo tardi, dimenticandosene esattamente un secondo dopo aver a loro volta inserito un altro inutile "cinguettio" o post su facebook, tanto per intasare la rete.Tante pseudoinformazioni sul nulla, che non servono a nulla.
  • iome scrive:
    domande e risposte
    D: Di chi sono le immagini sui profili Facebook?R: Di Facebook, leggi il contratto.D: È lecito utilizzarle senza autorizzazione in nome del diritto di cronaca?R: No.D: E come la mettiamo con la Carta di Treviso?R: Non so cosa sia, ma evidentemente la usano per pulircisi il XXXXD: Al riguardo sabato il Garante della Privacy Pizzetti, di fronte ad un istinto davvero famelico dei media on line si è visto costretto a rilasciare in tempi insolitamente rapidi un comunicato stampa nel quale invoca maggior etica e moderazione.R: se il comunicato non era sulla pagina facebook della Pizzetti, non se lo sara' XXXXXXXX nessunoE' il WEBBE 2.0, bellezza!Siete voluti andare su faceboobk, in piazza 24 ore al giono? e mo so XXXXX vostri!
    • Mavala scrive:
      Re: domande e risposte
      - Scritto da: iome
      D: Di chi sono le immagini sui profili Facebook?
      R: Di Facebook, leggi il contratto.Peccato che quasi nessuno lo legga.
      D: È lecito utilizzarle senza autorizzazione in
      nome del diritto di
      cronaca?

      R: No.Tra l'altro i giornali sono stati beccati a pescare immagini dalla rete senza citare la fonte, dopo di che nel loro sito mettono riproduzione riservata bla bla bla.http://attivissimo.blogspot.it/2012/05/repubblica-trovacinema-copiato-dal.html
      D: E come la mettiamo con la Carta di Treviso?

      R: Non so cosa sia, ma evidentemente la usano per
      pulircisi il
      XXXXBastava cliccare il link. : Informarsi aiuta a formarsi un'opinione, troppi le sparano senza informarsi :p
      D: Al riguardo sabato il Garante della Privacy
      Pizzetti, di fronte ad un istinto davvero
      famelico dei media on line si è visto costretto a
      rilasciare in tempi insolitamente rapidi un
      comunicato stampa nel quale invoca maggior etica
      e
      moderazione.

      R: se il comunicato non era sulla pagina facebook
      della Pizzetti, non se lo sara' XXXXXXXX
      nessuno

      E' il WEBBE 2.0, bellezza!

      Siete voluti andare su faceboobk, in piazza 24
      ore al giono? e mo so XXXXX
      vostri!Sì, ma non giustifica certi giornalisti comunque.Intanto gli utonti non vanno più in Internet, vanno "su Facebook", come se fosse il nuovo web. Non voglio un Web 3.0, recintato e controllato, con tutti i dati e messaggi di centinaia di milioni di pecore e tutto il network in mano ad un'unica azienda. Per giunta un'azienda che ha già dimostrato di avere politiche discutibili nei confronti dei dati dell'utenza.
  • 1xor1 scrive:
    Velocità???
    Svegliatomi col cuore in gola ho guardato subito Twitter INGVterremoti per avere un'idea di quello che era sucXXXXX.L'evento delle 4:04 (MI:6.0) è stato pubblicato dopo 50 interminabili minuti.Per fortuna che dovrebbe essere in tempo reale.Non parliamo del sito che nemmeno rispondeva.Questo invece funzionava:http://earthquake.usgs.gov/earthquakes/map/
    • Sgabbio scrive:
      Re: Velocità???
      bhe, senza offesa, ma se c'è una scossa e sei dentro casa cosa fai ? Scappi o stai li a scriverlo su twitter?
      • Mavala scrive:
        Re: Velocità???
        - Scritto da: Sgabbio
        bhe, senza offesa, ma se c'è una scossa e sei
        dentro casa cosa fai ? Scappi o stai li a
        scriverlo su
        twitter?Se ti crolla la casa è un conto, ma chi stava lontano dall'epicentro non è che scappa in strada per una magnitudo 3 o 4 dalle sue parti. O vivi in un castello di carte? :DA parte che lui citava l'INGV, ma gli utenti di Twitter hanno postato praticamente subito invece, Mantellini compreso.
        • 1xor1 scrive:
          Re: Velocità???
          - Scritto da: Mavala
          ...
          A parte che lui citava l'INGV, ma gli utenti di
          Twitter hanno postato praticamente subito invece,
          Mantellini
          compreso.Esatto.Vorrei aggiungere che quando senti il terremoto non puoi sapere se è l'evento è stato debole e vicino oppure forte e lontano, quindi potrai dare l'allarme, dare conforto, descrivere la tua situazione locale (soggettiva) ma, senza dati scientifici, non puoi dare un'idea oggettiva dell'evento.
        • Magutt scrive:
          Re: Velocità???
          Finiamola con la panzana di twitter.Cosa ha dato sto aborto di software per perditempo?NULLA!Invece che corre ad aiutare, si tuitta!XXXXXNI!
        • Magutt scrive:
          Re: Velocità???
          Mi vuoi spiegare che senso ha sapere 1 minuto dopo la scossa di terremoto sapere dov'è l'epicentro e la magnitudo, se tanto vivi lontano da quel punto?Che valore ha quell'informazione immediata a persone non addette ai lavori?Non vi passa per la testa che nel momento di un evento importante i sismologi hanno altro da fare che perder tempo con twitter?
      • 1xor1 scrive:
        Re: Velocità???
        Sgabbio, io non ho detto di essere in casa, l'hai immaginato tu; inoltre non si tratta di inviare messaggi a qualcuno ma di riceverli dall'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia che afferma di pubblicarli in "tempo quasi reale... H24" a opera di "personale esperto", e in effetti questo avviene spesso, ma non l'altra notte.Forse il "personale esperto" era a letto o forse ha fatto cilecca qualche macchina, ad ogni modo a mio avviso il servizio non è stato all'altezza situazione.Non entro nemmeno nel merito del perché ma solo sottolineare che certi servizi devono funzionare sempre e a maggior ragione quando la gente ne sente l'esigenza.
        • Magutt scrive:
          Re: Velocità???
          E se personale esperto in quel momento avesse avuto qualcosa di più serio e importante da fare che "cinguettare" sul web?Siccome non sei sicuramente uno studioso di questi fenomeni, altrimenti ti serviresti di altri canali di informazione, siccome mi sembra di capire che non vivi nella zona dell'epicentro, altrimenti saresti scappato in strada, altro che perdere tempo con tweeter,ci puoi spiegare che te ne fai dell'informazione in tempo reale sul luogo dell'epicentro o se la magnitudo è 5.1 invece che 5.0 ?
          • 1xor1 scrive:
            Re: Velocità???
            Mi rendo conto che il concetto sia difficile ma provo a spiegarlo in un altro modo.I Vigili del Fuoco quando sono in servizio non hanno mai di meglio da fare se non i Vigili del Fuoco.Lo stesso si può dire per tutti quelli preposti a un servizio che si trovano in servizio, specialmente se di pubblica utilità e in un momento in cui il pubblico ne ha o potrebbe averne l'esigenza.Quindi se si dichiara che un servizio c'è ci deve essere.Non ha nessuna rilevanza chi sia io, quanto sia interessato e dove sia, e ne ha ancora meno quello che supponi tu di me oltretutto in modo molto superficiale; infatti a Twitter si può accedere anche per strada da un telefono e stare sul canale INGVterremoti non significa "perdere tempo con Twitter".
          • Magutt scrive:
            Re: Velocità???
            Tu trasformi in obbligatorietà un servizio che ti viene offerto.Dove è scritto che quel servizio ti deve essere garantito e soprattutto pochi secondi dopo la registrazione dell'evento. Lo dice il tuo iPhone?Quelle persone di cui tu hai dubitato della loro professionalità nel tuo post più sopra, mancando sicuramente di rispetto, non sono lì per inviare un "tuit" a te, ma prima di tutto per controllare e studiare quel che accade. Poi arriva l'attività meno importante di pubblicare sul sito il dato acquisito.Evidentemente tu non hai idea di cosa accade durante un'emergenza e quali siano le priorità.Quelle informazioni che tu pretendi non sono dovute nei tempi e nei modi che dici tu. E nemmeno hanno un'utilità effettiva. Solo per il fatto che te ne stai con lo smartphone in mano, non hai nulla da pretendere. Io non sono affatto superficiale. E' sicuramente superficiale quel sistema "social" che pretende informazioni, genera tanto RUMORE e chiacchere e alla fine disinforma.Basta rilevare che hanno fatto più notizia le sciocchezze espresse da un personaggio come Red Ronnie con Twitter e le profezie Maya sulle TV nazionali e la stampa che l'effettivo stato in cui si trovano le popolazioni nei luoghi colpiti dal terremoto.Se l'informazione in tempo reale è questa, meglio tornare al piccione viaggiatore.
          • 1xor1 scrive:
            Re: Velocità???
            Leggi bene e vedrai che non ho offeso nessuno.Mi sembra che tu ti crei delle immagini delle persone nella tua mente e poi ti ci inXXXXX e li combatti come mostri; ma sono solo tue proiezioni.Hai sbagliato quando hai cercato di entrare nel personale con me (e anche di molto perché non hai imbroccato quasi nulla) e sbagli ancora quando ti metti sulle difensive di chi, secondo te, ho offeso.Non hai letto che ho sottolineato di non entrare nel merito del perché e hai ignorato che ho parlato anche del server web, non solo del canale Twitter che ho controllato proprio perché non rispondeva il server.Non è in discussione se questi servizi non hanno funzionato per difetti delle apparecchiature, per carenza del personale o per negligenza.Il punto è che i servizi si sono dimostrati inadeguati rispetto alle aspettative e le aspettative non derivano da quello che mi aspetto io, ma da ciò che hanno dichiarato di fornire.E comunque, sei superficiale, e se vuoi te lo dimostro; ma via messaggi privati perché qui siamo ampiamente fuori tema.
          • Magutt scrive:
            Re: Velocità???
            I servizi hanno funzionato perfettamente, tant'è che il sistema di soccorso e protezione civile si è mosso nei tempi previsti.Quindi significa che le informazioni, quelle utili a chi lavora, non a chi cazzeggia con twitter, facebook e simili, sono arrivate nei tempi giusti.Sul sito sono stati pubblicati tutti i dati nei tempi e nelle modalità previste e possibili di chi è incaricato a gestire quel sito.Se il tuo, vostro, metro di giudizio è lo spot twitter più sotto nei commenti, ti, vi, ricordo che quella è pubblicità. Sarebbe bello prevedere i terremoti nel posto esatto e per l'intesità precisa, ma siamo molto lontani dal saperlo e dal poterlo pubblicare.Tutto il resto sono chiacchere da bar o da forum che non portano nessun contributo o vantaggio. p.s.: se vuoi dimostrare la mia superficialità e la tua profondità, puoi proseguire qui. Anche di seguito a questo inutile articolo oltre la metà dei commenti è OT.
          • 1xor1 scrive:
            Re: Velocità???
            Io non ho minimamente accennato a soccorsi o protezione civile; ho solo riportato che due servizi INGV non hanno funzionato come atteso; ovviamente dal mio punto di vista e non da quello dei servizi di soccorso.Ripeto.Mi sembra che tu ti crei delle immagini delle persone nella tua mente e poi ti ci inXXXXX e li combatti come mostri; ma sono solo tue proiezioni.Aggiungo che le proiezioni sono totalmente sbagliate e che quand'anche non lo fossero non avresti il diritto di accanirti come stai facendo.Scusami ma non mi sembri in grado di gestire una discussione, quindi ti lascio in pace a combattere i tuoi mostri.Attento alla coda (non quella del mostro).
          • Magutt scrive:
            Re: Velocità???
            Vedo che sei abile a sparare giudizi. Sei un campione!Accusi IGNV di non averti dato quello che volevi nel tempo preteso (da te);accusi me di non saper reggere un discussione.Leggi bene: http://istituto.ingv.it/
          • 1xor1 scrive:
            Re: Velocità???
            Forse non ti rendi conto ma stai contestando le tue illazioni non le mie affermazioni.Non ho accusato nessuno e non ho preteso niente; ho solo segnalato che due servizi non sono stati disponibili. E' questo è un dato di fatto. Condividerai che l'interesse alle informazioni è soggettivo; ecco il mio intervento era per dire che le uniche informazioni che interessavano a me non sono state così "straordinariamente veloci" (come recita il sottotitolo dell'articolo) e che tutte quelle "straordinariamente veloci" che sono circolate non erano per me altrettanto interessanti.Avrei desiderato tantissimo poter disporre delle informazioni prodotte da INGV proprio perché le considero di grandissimo valore ma non per questo mi permetto di offendere quelli che hanno usato strumenti come i social network per darsi conforto o anche solo per salutarsi.Spero veramente di essermi spiegato perché mi hai sfiancato.
          • Magutt scrive:
            Re: Velocità???
            Aggiungo anche...Cosa significa per te la dicitura in alto a sinistra "INGVterremoti | beta - sperimentale" ?
          • 1xor1 scrive:
            Re: Velocità???
            Dai basta Magutt, lo so cosa significa ma ti ho già spiegato che su Twitter ci sono andato proprio perché non rispondeva la pagina del sito su cui vado di solito e cioè http://cnt.rm.ingv.it/ oppure http://cnt.rm.ingv.it/earthquakes_map.html.Per dirla tutta questo mi è già capitato altre volte specialmente in corrispondenza di eventi importanti quando, presumibilmente, molta gente interroga questo servizio per avere informazioni attendibili e specialmente per la mappa (il secondo URL).Invece di massacrarmi dedica qualche minuto a rileggere quello che ho scritto io, non quello che hai scritto tu con il sangue alla testa per aver travisato il mio messaggio iniziale, scoprirai che ripeto le stesse cose e forse capirai che non c'è nulla di quello che hai tirato in ballo tu.Mi vorrai scusare ma su questo argomento non ti risponderò più pubblicamente perché mi sembra un abuso.
          • Magutt scrive:
            Re: Velocità???
            Ma chi ti massacra? Per favore!Qui siamo solo soggetti virtuali.
          • Teo_ scrive:
            Re: Velocità???
            - Scritto da: Magutt
            I servizi hanno funzionato perfettamente, tant'è
            che il sistema di soccorso e protezione civile si
            è mosso nei tempi
            previsti.
            Quindi significa che le informazioni, quelle
            utili a chi lavora, non a chi cazzeggia con
            twitter, facebook e simili, sono arrivate nei
            tempi
            giusti.
            Sul sito sono stati pubblicati tutti i dati nei
            tempi e nelle modalità previste e possibili di
            chi è incaricato a gestire quel
            sito.

            Se il tuo, vostro, metro di giudizio è lo spot
            twitter più sotto nei commenti, ti, vi, ricordo
            che quella è pubblicità. Sarebbe bello prevedere
            i terremoti nel posto esatto e per l'intesità
            precisa, ma siamo molto lontani dal saperlo e dal
            poterlo
            pubblicare.Se attualmente non è possibile prevederli, è possibile fornire dati in tempo reale automatizzando il proXXXXX anche per i non tecnici.Sapere di un terremoto (uno tsunami, un uragano, ecc.) appena si verifica può salvare delle vite e non credo riguardi solo gli addetti ai lavori.
          • Magutt scrive:
            Re: Velocità???
            Vedi la disinformazione cosa fa?Se attualmente un terremoto non è prevedibile, è ovvio che quando si verifica ha già fatto danni e vittime.Quindi l'informazione in tempo reale alla popolazione in questo momento non ha nessuna utilità, se non per curiosità.Inoltre, durante l'emergenza le informazioni sono giustamente filtrate per non creare panico e per non consentire di deformare ulteriormente la realtà come appunto si è verificato domenica scorsa con i vari "social".
          • pignolo scrive:
            Re: Velocità???
            - Scritto da: Magutt
            Vedi la disinformazione cosa fa?

            Se attualmente un terremoto non è prevedibile,
            è ovvio che quando si verifica ha già fatto danni
            e
            vittime.
            Questo non è del tutto vero, vedi il sistema di early warning attualmente in fase di sperimentazione in Giappone:http://www.lescienze.it/news/2011/03/24/news/domare_i_terremoti-552570/Certo, dal punto di vista pratico, una manciata di secondi di preavviso servirebbe a poco, ma rendendolo affidabile e automatizzando il tutto si potrebbe anche riuscire a rallentare/fermare treni in corsa, mettere in sicurezza centrali nucleari, etc
            Quindi l'informazione in tempo reale alla
            popolazione in questo momento non ha nessuna
            utilità, se non per
            curiosità.E tu che ne sai? Se io ho in corso un esperimento con strumenti delicati e sono in grado, con un sistema automatizzato e con un preavviso di pochi secondi sulle scosse più forti, di metterlo in sicurezza...
          • Magutt scrive:
            Re: Velocità???
            - Scritto da: pignolo
            - Scritto da: Magutt

            Vedi la disinformazione cosa fa?



            Se attualmente un terremoto non è
            prevedibile,


            è ovvio che quando si verifica ha già fatto
            danni

            e

            vittime.



            Questo non è del tutto vero, vedi il sistema di
            early warning attualmente in fase di
            sperimentazione in
            Giappone:
            http://www.lescienze.it/news/2011/03/24/news/domar

            Certo, dal punto di vista pratico, una manciata
            di secondi di preavviso servirebbe a poco, ma
            rendendolo affidabile e automatizzando il tutto
            si potrebbe anche riuscire a rallentare/fermare
            treni in corsa, mettere in sicurezza centrali
            nucleari,
            etc"Si tratta di una manciata di secondi, troppo pochi per le aree più prossime allepicentro,... "Ecco, appunto!Quando sarà possibile allertare la popolazione, saremo tutti più sicuri.Purtroppo per il momento non c'è nulla.Comunque l'unica vera soluzione è costruire edifici e infrastrutture adeguate al rischio sismico. In Italia siamo indietro. Sono queste le cose importanti, non il rumore del "social".Se una centrale nucleare non è stata costruita seguendo determinati criteri, dell'allarme preventivo, ce ne facciamo una XXXXX.


            Quindi l'informazione in tempo reale alla

            popolazione in questo momento non ha nessuna

            utilità, se non per

            curiosità.

            E tu che ne sai? Se io ho in corso un esperimento
            con strumenti delicati e sono in grado, con un
            sistema automatizzato e con un preavviso di pochi
            secondi sulle scosse più forti, di metterlo in
            sicurezza...Leggi bene che ho scritto "in questo momento"!!!Domani sarà un'altra storia. Sicuramente si darà l'allarme in un certo modo, emettendo avvisi che non provocano panico tra la popolazione, non certo demandando al tam tam dei "social" che arriverebbero sicuramente con notevole ritardo. Quindi oggi non possiamo fare altro che attendere serenamente senza ansie anche qualche minuto per poter leggere il "tuit" che informa che in un determinato posto c'è stato un terremoto di una determinata intensità, perchè non ci cambierebbe la vita. Senza dubitare, come si fa qualunquisticamente troppo spesso in Italia, che i tecnici dei nostri centri di geofisica e vulcanologia siano a letto a dormire solo perchè 10 secondi dopo il sisma non c'era il "tuit" che volevamo.
          • Teo_ scrive:
            Re: Velocità???
            - Scritto da: Magutt
            Vedi la disinformazione cosa fa?

            Se attualmente un terremoto non è prevedibile,
            è ovvio che quando si verifica ha già fatto danni
            e
            vittime.

            Quindi l'informazione in tempo reale alla
            popolazione in questo momento non ha nessuna
            utilità, se non per
            curiosità.Se ad esempio si verifica un terremoto di magnitudo 7, abitando in un una catapecchia che crollerà perché a chilometri di distanza il terremoto farà comunque ingenti danni, quei secondi mi possono salvare la vita.Mi sembra più utile un SMS o altra notifica push per tutti gli abitanti nel raggio di tot Km dallepicentro che uno tipo PresDelCons- Elezioni[...].
            Inoltre, durante l'emergenza le informazioni sono
            giustamente filtrate per non creare panico e per
            non consentire di deformare ulteriormente la
            realtà come appunto si è verificato domenica
            scorsa con i vari
            "social".Cè più caos così dove tutti chiamano i pompieri per informarsi che fornire uninformazione oggettiva. Qualcosa tipo «04:03 Scossa sismica a Modena 44.89°N, 11.23°E magnitudo 5,9 profondità 6,3 Km. Maggiori info 800840840 o http://bit.ly/protciv»
          • shevathas scrive:
            Re: Velocità???

            Cè più caos così dove tutti chiamano i pompieri
            per informarsi che fornire uninformazionescusa ma il chiamare i pompieri per informarsi è un comportamento alquanto idiota. Anche perché le chiamate dovrebbero essere per segnalare emergenze non per sapere dove è stato l'epicentro o la magnitudo.Facendo così si stanno ostacolando i soccorsi, in quel caso non vedrei male qualche "multone" al curioso di turno.
          • Magutt scrive:
            Re: Velocità???
            - Scritto da: Teo_
            - Scritto da: Magutt

            Vedi la disinformazione cosa fa?



            Se attualmente un terremoto non è
            prevedibile,


            è ovvio che quando si verifica ha già fatto
            danni

            e

            vittime.



            Quindi l'informazione in tempo reale alla

            popolazione in questo momento non ha nessuna

            utilità, se non per

            curiosità.

            Se ad esempio si verifica un terremoto di
            magnitudo 7, abitando in un una catapecchia che
            crollerà perché a chilometri di distanza il
            terremoto farà comunque ingenti danni, quei
            secondi mi possono salvare la
            vita.
            Mi sembra più utile un SMS o altra notifica push
            per tutti gli abitanti nel raggio di tot Km
            dallepicentro che uno tipo PresDelCons-
            Elezioni[...].
            Io abito a 200 + o - km dall'epicentro.Secondo te, OGGI, IN QUESTO MOMENTO, come ho scritto, quanto passa da quando uno strumento automatico rileva la scossa di una determinata magnitudo, a inviare un sms, io che leggo il sms e cerco di uscire dalla "catapecchia"?Inoltre invio il sms fino a quale distanza dall'epicentro, visto che dovrei considerare le "catapecchie"?

            Inoltre, durante l'emergenza le informazioni
            sono

            giustamente filtrate per non creare panico e
            per

            non consentire di deformare ulteriormente la

            realtà come appunto si è verificato domenica

            scorsa con i vari

            "social".

            Cè più caos così dove tutti chiamano i pompieri
            per informarsi che fornire uninformazione
            oggettiva. Qualcosa tipo «04:03 Scossa
            sismica a Modena 44.89°N, 11.23°E
            magnitudo 5,9 profondità 6,3 Km. Maggiori info
            800840840 o
            http://bit.ly/protciv»Per la verità basterebbe un "uscite dalle vostre case" che quella serie di cifre inutili da leggere e interpretare nel momento dell'emergenza.Non sei tu che devi chiamare i VVF, perchè nel caso di un terremoto sono già allertati. Si dovrà (tempo futuro, perchè oggi non si può prevedere nulla, se non in modo molto sommario) attivare la popolazione con sistemi diversi dal cellulare. Mettevi in testa che nell'epicentro potrebbero essere fuori uso i ripetitori della telefonia cellulare per i più disparati motivi. Non a caso lo strumento ancor'oggi ritenuto più affidabile e sicuro e che funziona sempre è la radio!Una sirena è un sistema vecchio, economico ed efficace, perchè tutti capiscono che c'è un allarme, indipendentemente dal tipo di emergenza e dalle possibilità economiche.
          • Teo_ scrive:
            Re: Velocità???
            - Scritto da: Magutt
            - Scritto da: Teo_

            - Scritto da: Magutt


            Vedi la disinformazione cosa fa?





            Se attualmente un terremoto non è

            prevedibile,




            è ovvio che quando si verifica ha già
            fatto

            danni


            e


            vittime.





            Quindi l'informazione in tempo reale
            alla


            popolazione in questo momento non ha
            nessuna


            utilità, se non per


            curiosità.



            Se ad esempio si verifica un terremoto di

            magnitudo 7, abitando in un una catapecchia
            che

            crollerà perché a chilometri di distanza il

            terremoto farà comunque ingenti danni, quei

            secondi mi possono salvare la

            vita.

            Mi sembra più utile un SMS o altra notifica
            push

            per tutti gli abitanti nel raggio di tot Km

            dallepicentro che uno tipo PresDelCons-

            Elezioni[...].



            Io abito a 200 + o - km dall'epicentro.
            Secondo te, OGGI, IN QUESTO MOMENTO, come ho
            scritto, quanto passa da quando uno strumento
            automatico rileva la scossa di una determinata
            magnitudo, a inviare un sms, io che leggo il sms
            e cerco di uscire dalla
            "catapecchia"?Visto quanto ci impiegano ad arrivare notifiche push o SMS da diversi servizi o macchinari, in genere sui 5 secondi.
            Inoltre invio il sms fino a quale distanza
            dall'epicentro, visto che dovrei considerare le
            "catapecchie"?Dipenderà da come si vuole impostare lalgoritmo: si potrebbe aumentare o diminuire il raggio in base a diversi fattori.


            Inoltre, durante l'emergenza le
            informazioni

            sono


            giustamente filtrate per non creare
            panico
            e

            per


            non consentire di deformare
            ulteriormente
            la


            realtà come appunto si è verificato
            domenica


            scorsa con i vari


            "social".



            Cè più caos così dove tutti chiamano i
            pompieri

            per informarsi che fornire uninformazione

            oggettiva. Qualcosa tipo «04:03 Scossa

            sismica a Modena 44.89°N, 11.23°E

            magnitudo 5,9 profondità 6,3 Km. Maggiori
            info

            800840840 o

            http://bit.ly/protciv»
            Per la verità basterebbe un "uscite dalle vostre
            case" che quella serie di cifre inutili da
            leggere e interpretare nel momento
            dell'emergenza.
            Non sei tu che devi chiamare i VVF, perchè nel
            caso di un terremoto sono già allertati.Io lo so, tu lo sai, ma i centralini in questi casi sono sempre intasati non solo da chi è in emergenza.
            Si dovrà (tempo futuro, perchè oggi non si può
            prevedere nulla, se non in modo molto sommario)
            attivare la popolazione con sistemi diversi dal
            cellulare.

            Mettevi in testa che nell'epicentro potrebbero
            essere fuori uso i ripetitori della telefonia
            cellulare per i più disparati motivi. Non a caso
            lo strumento ancor'oggi ritenuto più affidabile e
            sicuro e che funziona sempre è la
            radio!
            Una sirena è un sistema vecchio, economico ed
            efficace, perchè tutti capiscono che c'è un
            allarme, indipendentemente dal tipo di emergenza
            e dalle possibilità
            economiche.Ben vengano tutti i canali disponibili, anche qualcuno che passa casa per casa col megafono, ma rassicurerebbe oltre dare lallarme indicare anche perché si è in allarme: terremoto? Attacco aereo? Tsunami? Invasione aliena? Il vicino di casa che prova il nuovo antifurto?
          • Magutt scrive:
            Re: Velocità???
            Oggi, 24 maggio 2012, non è possibile prevedere dove, come, quando e con quale forza si scatenerà un terremoto, s'intende previsioni scientificamente attendibili, che possano generare un allarme automatico e sufficientemente tempestivo per evacuare le persone dalle case.Prova immaginare cosa scantenerebbero solo due falsi allarmi per qualche migliaio di persone, figuriamoci in una città come Milano o Roma o più grande.Sai dove te lo mettono il tuo algoritmo?Tutto il resto sono chiacchere da forum.
          • Teo_ scrive:
            Re: Velocità???
            - Scritto da: Magutt
            Oggi, 24 maggio 2012,

            non è possibile prevedere dove, come, quando e
            con quale forza si scatenerà un
            terremoto,

            s'intende previsioni scientificamente
            attendibili,


            che possano generare un allarme automatico e
            sufficientemente tempestivo per evacuare le
            persone dalle
            case.

            Prova immaginare cosa scantenerebbero solo due
            falsi allarmi per qualche migliaio di persone,
            figuriamoci in una città come Milano o Roma o più
            grande.
            Sai dove te lo mettono il tuo algoritmo?

            Tutto il resto sono chiacchere da forum.Hai ragione, non insistere perché mi hai convinto.Ora però prova a convincere quei giapponesi che si sono salvati grazie ai messaggi dallarme automatici inviati su televisione e telefono partiti dal loro sistema early warning che quei messaggi se li sono immaginati.
          • Magutt scrive:
            Re: Velocità???
            Non devo convincere nessuno.Il sistema giapponese è sicuramente il più avanzato, ma è ancora in fase sperimentale e non sempre efficace.Comunque ben venga ogni tipo di sistema che sia in grado di lanciare l'allerta. Ora fai il confronto sulle modalità di costruzione degli edifici giapponesi e quelli italiani;fai un confronto sulla collaborazione dei cittadini con il sistema di protezione civile giapponese e dei cittadini italiano con il nostro sistema di protezione civile;fai un confronto con il senso civico dei giapponesi e il senso civico degli italiani.Ora vai a vedere il filmato ufficiale del sistema che hai citatohttp://www.jma.go.jp/jma/kishou/books/sokuho_dvd/on_subtitles256ENG.wmvoppure alla pagina http://www.jma.go.jp/jma/en/Activities/eew.html e poi per favore rileggiti almeno i miei ultimi post che hai deriso.Buona visione. :)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 24 maggio 2012 22.17-----------------------------------------------------------
          • shevathas scrive:
            Re: Velocità???

            Hai ragione, non insistere perché mi hai convinto.
            Ora però prova a convincere quei giapponesi che
            si sono salvati grazie ai messaggi dallarme
            automatici inviati su televisione e telefono
            partiti dal loro sistema early warning che quei
            messaggi se li sono
            immaginati.in giappone insegnano che durante gli allarmi di terremoto devi correre a nasconderti sotto un tavolo per ripararti dalla caduta degli oggetti, non che devi correre giù per strada. E gli edifici giapponesi sono costruiti per reggere forti scosse di terremoto, basta ricordare il terremoto dell'anno scorso e vedere i danni causati direttamente dal terremoto per rendersene conto. In italia purtroppo avresti solo isterici che corrono per strada rischiando di prendersi calcinacci di balconi e comignoli in testa.Prima di pensare sistemi di allarme forse sarebbe il caso di lavorare più sulla prevenzione e sui controlli riguardo al rispetto delle norme edilizie.
          • panda rossa scrive:
            Re: Velocità???
            - Scritto da: shevathas
            in giappone insegnano che durante gli allarmi di
            terremoto devi correre a nasconderti sotto un
            tavolo per ripararti dalla caduta degli oggetti,
            non che devi correre giù per strada. E gli
            edifici giapponesi sono costruiti per reggere
            forti scosse di terremoto, Una delle due e' conseguenza dell'altra.Siccome gli edifici giapponesi NON CROLLANO, allora tu devi restare dentro l'edificio e metterti sotto un tavolo perche' potrebbero caderti in testa lampadari, plafonier e scaffali.In Italia invece, dove gli edifici antisismici sono fatti con sabbia di mare e saliva, scappi fuori: meglio il rischio di un calcinaccio che la CERTEZZA di un crollo.
            Prima di pensare sistemi di allarme forse sarebbe
            il caso di lavorare più sulla prevenzione e sui
            controlli riguardo al rispetto delle norme
            edilizie.Basterebbe applicare la legge coranica che prevede la lapidazione utilizzando le macerie del crollo. Cosi' le imprese costruttrici hanno tutto l'interesse che non crolli e quindi niente macerie.
          • shevathas scrive:
            Re: Velocità???

            In Italia invece, dove gli edifici antisismici
            sono fatti con sabbia di mare e saliva, scappi
            fuori: meglio il rischio di un calcinaccio che la
            CERTEZZA di un
            crollo.
            a meno di non avere il XXXX di abitare in campagna sei, e rimani nella XXXXX, anche se ti catapulti fuori. Le case quando crollano per cedimento strutturale non si afflosciano come un souflè ma qualche calcinaccio per strada lo lanciano.Per il resto la responsabilità è di chi abita in quella casa; prima di pigliarla almeno una minima perizietta da un amico ingegnere o muratore te la dovresti far fare.
            Basterebbe applicare la legge coranica che
            prevede la lapidazione utilizzando le macerie del
            crollo. Cosi' le imprese costruttrici hanno tutto
            l'interesse che non crolli e quindi niente
            macerie.basterebbe semplicemente applicare la legge italiana e controllare i cantieri e i lavori prima di dare agibilità e abitabilità a pera. E punire realmente chi le regole le viola. Guarda all'auiuila, se la si sta menando con la commissione grandi rischi e la previsione del terremoto ma di chi ha progettato e chi doveva vigilare sulla casa dello studente dell'aquila silenzio totale. :(
          • Magutt scrive:
            Re: Velocità???
            Assolutamente d'accordo.
          • bastian contrario scrive:
            Re: Velocità???
            - Scritto da: shevathas
            in Giappone insegnano che durante gli allarmi di
            terremoto devi correre a nasconderti sotto un
            tavolo per ripararti dalla caduta degli oggetti,
            non che devi correre giù per strada. E gli
            edifici giapponesi sono costruiti per reggere
            forti scosse di terremoto, basta ricordare il
            terremoto dell'anno scorso e vedere i danni
            causati direttamente dal terremoto per rendersene
            conto.

            In Italia purtroppo avresti solo isterici che
            corrono per strada rischiando di prendersi
            calcinacci di balconi e comignoli in testa.

            Prima di pensare sistemi di allarme forse sarebbe
            il caso di lavorare più sulla prevenzione e sui
            controlli riguardo al rispetto delle norme
            edilizie.QUOTO."Dove ha tremato, tremerà" è l'unica norma empirica che da secoli ha dimostrato la sua validità. Faccio notare che tale regola non esclude che la terra possa tremare anche là dove non ha ancora tremato. <b
            Se vogliamo realmente prevenire i danni dei terremoti </b
            , le soluzioni ci sono, ma tutti gli attori coinvolti devono comportarsi degnamente. Trovo che l'analogia con la catena sia appropriata: basta un anello debole e la catena si spezza, col suo doloroso strascico di lutti.Tutti devono fare la loro parte (molti dei citati qui nel seguito già la fanno, sia chiaro, ma qualcuno deve fare di più):- l'ingv deve elaborare mappe del rischio sismico precise e aggiornate; pecchino pure di cautela che in questo caso non guasta proprio.- il legislatore deve prevedere una maggior frequenza di aggiornamento delle mappe ufficiali del rischio sismico che hanno valore normativo per i progettisti e sono fondamentali per formulare ipotesi realistiche di progetto.- la normativa tecnica per le costruzioni deve elevare i coefficienti di sicurezza per gli stati limite di esercizio, nonché innalzare i requisiti di resistenza al sisma per le strutture in zone che attualmente risultano a basso rischio sismico.- il legislatore deve prevedere agevolazioni realmente incentivanti per gli interventi sul patrimonio edilizio esistente che sia sismicamente inadeguato, e di agire su vasta scala nell'interesse della collettività. Senza dimenticare che l'adeguamento strutturale può essere considerato dal singolo proprietario come una protezione del proprio investimento immobiliare.- il legislatore deve prevedere metodi più efficaci per la prevenzione dei comportamenti fraudolenti (i cubetti di cls preconfezionati... :@) e gli strumenti per una loro effettiva applicazione (es: ispezioni in cantiere che siano realmente a sorpresa @^).- l'amministrazione comunale deve sorvegliare il territorio di propria competenza stroncando l'abusivismo edilizio: piani in più rispetto al progetto, costruzioni in zone interdette perché pericolose dal punto di vista idro-geologico...- i progettisti devono progettare a regola d'arte sia gli edifici nuovi (con attenzione anche agli elementi secondari: muri di tamponamento, vetrate...) che l'adeguamento di quelli esistenti, nonché le infrastrutture.- le varie fasi della costruzione degli edifici devono venir attentamente e efficacemente monitorate, con particolare riguardo alla qualità del materiale impiegato e al rispetto delle prescrizioni di progetto; la direzione dei lavori va ulteriormente responsabilizzata nel suo ruolo di controllore del costruttore (una capatina saltuaria del geometra... ma per favore! :@) con sanzioni efficaci in caso di inadempienze.- i costruttori colti a "fare i furbetti" vanno puniti severamente subito @^, senza aspettare i crolli e la celebrazione dei funerali delle vittime.- tutti i cittadini devono essere preventivamente istruiti, magari avvalendosi anche dell'onnipresente tv, sui comportamenti corretti da tenere in caso di sisma, avvalendoci delle esperienze delle nazioni esposte con maggior frequenza ai terremoti (le soluzioni adottate dal Giappone mi sembrano ok).- la protezione civile predisponga per tempo quei "piccoli" accorgimenti che si sono rivelati particolarmente preziosi a gestire l'emergenza nei Paesi a maggior rischio sismico.Alcuni di queste soluzioni, se attuate, potrebbero inoltre rappresentare un volàno per l'economia del nostro Paese.
          • shevathas scrive:
            Re: Velocità???
            Un articolo interessante che spiega le differenze fra le opere di prevenzione dei terremoti in italia ed in giapponehttp://www.butta.org/?p=5174
          • Magutt scrive:
            Re: Velocità???
            Sono d'accordo con quanto esposto nell'articolo che hai proposto, meno quando si dice che in Italia non si insegna niente.L'Italia, o meglio l'italiano, è molto indietro soprattutto nel recepire la questione prevenzione che non nella sua proposta. E' soprattutto il cittadino che vuole rimanere ignorante. Le proposte ci sono.Sta sicuro che se in una casa si devono fare delle spese, le si faranno nel rifacimento dell'arredamento o per l'auto nuova magari di grossa cilindrata, piuttosto che nella messa in sicurezza della propria casa. Tutte le leggi in materia di sicurezza vengono viste come spesa imposta, quasi una tassa, piuttosto che dovere per sè e per chi ti sta vicino.E' quello che io descrivo più sopra come mancanza del senso civico.Nelle scuole, dove pur si fanno delle esercitazioni, spesso si fanno queste attività più per obbligo che per convinzione. Sono solo un peso, un'inutile perdita di tempo. Bisogna farle e allora si fanno, ma se appena si può rimandare, festa per tutti!Esistono molte proposte di formazione ed esercitazione sui vari rischi, ma la partecipazione dei cittadini è vicina allo zero. Anzi, se un cittadino è bloccato da un'esercitazione mentre sta andando al bar, stadio o gita, sono solo proteste e insulti.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 25 maggio 2012 15.17-----------------------------------------------------------
          • shevathas scrive:
            Re: Velocità???
            - Scritto da: Magutt
            Sono d'accordo con quanto esposto nell'articolo
            che hai proposto, meno quando si dice che in
            Italia non si insegna
            niente.
            L'Italia, o meglio l'italiano, è molto indietro
            soprattutto nel recepire la questione prevenzione
            che non nella sua proposta.
            purtroppo siamo ancora legati alla solfa della "disgrazia imprevedibile ma annunciata", frase poco felice pronunziata dopo il disastro di sarno.

            E' soprattutto il cittadino che vuole rimanere
            ignorante. Le proposte ci
            sono.
            quello che manca è il coraggio di definire "diversamente intelligente" chi sceglie di rimanere ignorante. E di indicarlo come primo responsabile delle sue disgrazie invece di far partire il piagnisteo contro la protezione civile che doveva prevedere il terremoto.

            Tutte le leggi in materia di sicurezza vengono
            viste come spesa imposta, quasi una tassa,
            piuttosto che dovere per sè e per chi ti sta
            vicino.
            o come un investimento in sicurezza.
            E' quello che io descrivo più sopra come mancanza
            del senso
            civico.
            direi più colpevole idiozia
            Nelle scuole, dove pur si fanno delle
            esercitazioni, spesso si fanno queste attività
            più per obbligo che per convinzione. Sono solo un
            peso, un'inutile perdita di tempo. Bisogna farle
            e allora si fanno, ma se appena si può rimandare,
            festa per
            tutti!ho fatto anche io i corsi per la 626; il difficile è far capire ai colleghi che quando c'è una emergenza reale non hai ne il tempo di pensare e neppure ci si può riunire per decidere se è meglio uscire dalla porta A o dalla porta B. Serve muoversi in maniera il più possibile automatica; la differenza fra la vita e la morte spesso è una manciata di secondi.
            Esistono molte proposte di formazione ed
            esercitazione sui vari rischi, ma la
            partecipazione dei cittadini è vicina allo zero.
            Anzi, se un cittadino è bloccato da
            un'esercitazione mentre sta andando al bar,
            stadio o gita, sono solo proteste e
            insulti.salvo prendersela con il resto del mondo quando accade una disgrazia e qualcuno resta arrostito perché invece di andare verso l'uscita di sicurezza è corso dalla parte sbagliata :(
          • panda rossa scrive:
            Re: Velocità???
            - Scritto da: shevathas
            salvo prendersela con il resto del mondo quando
            accade una disgrazia e qualcuno resta arrostito
            perché invece di andare verso l'uscita di
            sicurezza è corso dalla parte sbagliata
            :(Basterebbe che tali eventi accadessero con una frequenza maggiore e poi lasciare che siano le teorie di Darwin a risolvere il problema.
      • shevathas scrive:
        Re: Velocità???
        - Scritto da: Sgabbio
        bhe, senza offesa, ma se c'è una scossa e sei
        dentro casa cosa fai ? Scappi o stai li a
        scriverlo su
        twitter?se la casa è costruita secondo le norme ti conviene stare sotto un letto o sotto un tavolo, se è stata costruita in "economia" forse rischi di meno scappando in strada
        • MacGeek scrive:
          Re: Velocità???
          - Scritto da: shevathas
          - Scritto da: Sgabbio

          bhe, senza offesa, ma se c'è una scossa e sei

          dentro casa cosa fai ? Scappi o stai li a

          scriverlo su

          twitter?

          se la casa è costruita secondo le norme ti
          conviene stare sotto un letto o sotto un tavolo,
          se è stata costruita in "economia" forse rischi
          di meno scappando in stradaAnche se il progetto era a norma che ne sai se il muratore ha messo la sabbia di mare per risparmiare o si è fregato un sacco di cemento? Vedi l'Aquila...
          • panda rossa scrive:
            Re: Velocità???
            - Scritto da: MacGeek
            - Scritto da: shevathas

            - Scritto da: Sgabbio


            bhe, senza offesa, ma se c'è una scossa
            e
            sei


            dentro casa cosa fai ? Scappi o stai
            li
            a


            scriverlo su


            twitter?



            se la casa è costruita secondo le norme ti

            conviene stare sotto un letto o sotto un
            tavolo,

            se è stata costruita in "economia" forse
            rischi

            di meno scappando in strada

            Anche se il progetto era a norma che ne sai se il
            muratore ha messo la sabbia di mare per
            risparmiare o si è fregato un sacco di cemento?
            Vedi
            l'Aquila...Non so come funzioni in edilizia, ma in informatica si fanno i test per verificare che il progetto sia stato realizzato secondo specifiche.Se manca qualcosa, o non e' stata implementata a dovere, il test non passa e il software non va in produzione.
    • Mavala scrive:
      Re: Velocità???
      - Scritto da: 1xor1
      Svegliatomi col cuore in gola ho guardato subito
      Twitter INGVterremoti per avere un'idea di quello
      che era
      sucXXXXX.

      L'evento delle 4:04 (MI:6.0) è stato pubblicato
      dopo 50 interminabili
      minuti.

      Per fortuna che dovrebbe essere in tempo reale.

      Non parliamo del sito che nemmeno rispondeva.

      Questo invece funzionava:
      http://earthquake.usgs.gov/earthquakes/map/INGV no, magari non lavorano 24/7, ma se cercavi "terremoto" su Twitter, dopo un minuto hanno cominciato a fioccare messaggi. Fra i primi c'era proprio quello di Mantellini :D
      • 1xor1 scrive:
        Re: Velocità???
        Io sono stato svegliato dal terremoto quindi non avevo bisogno che qualcuno mi confermasse l'evidenza, avevo però bisogno di sapere dove si trovava l'ipocentro e la magnitudo. Informazione che senza disponibilità dei dati dei sismografi e delle localizzazioni nessuno poteva darmi.
      • terrematto scrive:
        Re: Velocità???

        INGV no, magari non lavorano 24/7, ma se cercavi
        "terremoto" su Twitter, dopo un minuto hanno
        cominciato a fioccare messaggi. Fra i primi c'era
        proprio quello di Mantellini
        :Dottimo, ma se io non so che c'è il terremoto come mai dovrei cercare quella parola?
  • panda rossa scrive:
    A Parma vince l'open source!
    E' questo il vero terremoto!A Parma vince l'open source e il wi-fi libero.La gente, dove ha potuto scegliere, ha scelto la liberta' tecnologica.
    • Enjoy with Us scrive:
      Re: A Parma vince l'open source!
      - Scritto da: panda rossa
      E' questo il vero terremoto!
      A Parma vince l'open source e il wi-fi libero.

      La gente, dove ha potuto scegliere, ha scelto la
      liberta'
      tecnologica.mah, il movimento 5 stelle ha in programma alcune cose sicuramente condivisibili Internet, diritti d'autore (20 anni sono anche troppi), ma altre francamente no... dove ad esempio parla di No ai grandi progetti come la TAV o di No agli inceneritori, utilizzati anche nella civilissima Svezia e magari anche con i sistemi di cogenerazione tanto cari (giustamente) ai Grillini. Non vorrei che in tale movimento l'anima anti, quella che da sempre paralizza l'Italia fosse troppo forte, vediamo un pò come governano Parma e ne riparliamo!
      • Mavala scrive:
        Re: A Parma vince l'open source!
        - Scritto da: Enjoy with Us
        mah, il movimento 5 stelle ha in programma alcune
        cose sicuramente condivisibili Internet, diritti
        d'autore (20 anni sono anche troppi), ma altre
        francamente no... Cose condivisibili e non condivisibili da te ;)
        • _bubu_ scrive:
          Re: A Parma vince l'open source!
          Condivisibili e non condivisibili anche da me e da tanti altri...
          • Sgabbio scrive:
            Re: A Parma vince l'open source!
            Soggettivamente parlando?
          • Mavala scrive:
            Re: A Parma vince l'open source!
            - Scritto da: Sgabbio
            Soggettivamente parlando?Bravo, esatto ;)Anche io condivido e non condivido alcune cose; ma un conto è dire la propria opinione come "secondo me", un altro è prendersi come paradigma dell'umanità ed esporla come se valesse per tutti.
      • Ubunto scrive:
        Re: A Parma vince l'open source!
        - Scritto da: Enjoy with Us
        - Scritto da: panda rossa

        E' questo il vero terremoto!

        A Parma vince l'open source e il wi-fi
        libero.



        La gente, dove ha potuto scegliere, ha
        scelto
        la

        liberta'

        tecnologica.

        mah, il movimento 5 stelle ha in programma alcune
        cose sicuramente condivisibili Internet, diritti
        d'autore (20 anni sono anche troppi), ma altre
        francamente no... dove ad esempio parla di No ai
        grandi progetti come la TAV Sulla TAV contestano il costo dell'opera e la contrarietà delle popolazioni locali. Ammetto di non essere particolarmente informato sull'argomento, quando si sono verificati episodi di violenza a tal riguardo però, mi è venuto in mente che nel periodo in cui alcuni affaristi volevano trasformare casa mia in un deposito di scorie nucleari, se non avessero rispettato l'esito di un referendum regionale... gli sarei andato incontro armato, altro che non-violenza.E ti assicuro che dall'aria che tirava in quel periodo, avrebbero fatto altrettanto i miei conterranei.o di No agli
        inceneritori, utilizzati anche nella civilissima
        Svezia e magari anche con i sistemi di
        cogenerazione tanto cari (giustamente) ai
        Grillini. Gli inceneritori sono accettabili quando smaltiscono quello che la raccolta differenziata non riesce a fare. Ma se non si fa la raccolta differenziata ed invece si predispone l'esproprio di terreni e la costruzione di inceneritori, come abbiamo visto in certe regioni, si cerca un po' di tutto meno che la soluzione del problema. Finché c'è emergenza spazzatura è consentito appaltare a tizio, caio e sempronio incarichi di costruzione (oh oh!), inoltre terreni di proprietà possono essere espropriati per il temporaneo stoccaggio dei rifiuti... salvo il fatto poi di rivenderli ai soliti tizio, caio e sempronio (ma guarda) per l'utilizzo che meglio ritengono (palazzine?).Penso siano questi i motivi della contrarietà agli inceneritori.
        Non vorrei che in tale movimento
        l'anima anti, quella che da sempre paralizza
        l'Italia fosse troppo forte, vediamo un pò come
        governano Parma e ne riparliamo!Il M5S a volte mi lascia un po' perplesso, ho sempre votato un certo partito nelle sue diverse incarnazioni, tuttavia sono tentato di dar loro una chance. Magari è la volta buona che si butta giù quello che viene definito il "teatrino" della politica.
        • panda rossa scrive:
          Re: A Parma vince l'open source!
          - Scritto da: Ubunto
          Il M5S a volte mi lascia un po' perplesso, ho
          sempre votato un certo partito nelle sue diverse
          incarnazioni, tuttavia sono tentato di dar loro
          una chance. Magari è la volta buona che si butta
          giù quello che viene definito il "teatrino" della
          politica.Guarda: solo un paio di semplici concetti.1) riprisitnare l'elezione diretta delle persone mediante voto di preferenza2) eradicazione sempiterna del fenomeno della politica di professione, impedendo per legge di venire eletti a cariche pubbliche per piu' di due volte3) eliminazione dei rimborsi elettorali e dei finanziamenti pubblici ai partiti (con applicazione retroattiva)4) stipendi e rimborsi ai politici di importi non superiori a 4 volte la pensione minima.5) divieto eterno di eleggibilita' per tutti i condannati6) obbligo di dimissioni immediate per tutti gli inquisitiBasterebbe soltanto realizzare questi tre semplici punti per eliminare dalla vita pubblica tutto il magna magna e poi ricominciare daccapo, con persone che vogliono entrare in politica perche' ci credono veramente.
          • Avvocato del diavolo scrive:
            Re: A Parma vince l'open source!
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Ubunto


            Il M5S a volte mi lascia un po' perplesso, ho

            sempre votato un certo partito nelle sue
            diverse

            incarnazioni, tuttavia sono tentato di dar
            loro

            una chance. Magari è la volta buona che si
            butta

            giù quello che viene definito il "teatrino"
            della

            politica.
            Giusto per, vediamo un po' cosa potrebbero comportare queste proposte:
            Guarda: solo un paio di semplici concetti.
            1) riprisitnare l'elezione diretta delle persone
            mediante voto di
            preferenzaNiente di più e niente di meno di quello che dovrebbe accadre in una democrazia rappresentativa
            2) eradicazione sempiterna del fenomeno della
            politica di professione, impedendo per legge di
            venire eletti a cariche pubbliche per piu' di due
            volteSolita critica: due mandati per un idiota/incompetente sono troppi, per uno bravo/competente sono pochi. E gestire uno Stato non è proprio un'operazione alla portata di tutti....
            3) eliminazione dei rimborsi elettorali e dei
            finanziamenti pubblici ai partiti (con
            applicazione
            retroattiva)E ci potrebbe anche stare. Ma io nuovo soggetto che voglio fare politica come finanzio la campagna elettorale ? Come tengo in piedi la mia attività di politico una volta che vengo eletto ?
            4) stipendi e rimborsi ai politici di importi non
            superiori a 4 volte la pensione
            minima.Vedi sopra: anche ai tempi della Repubblica Romana (quella "terminata" da un certo Caio Giulio...) non c'erano rimborsi o stipendi esagerati per i politici. Col risultato che i ricchi/nobili se la cantavano e se la suonavano e i "governati" non avevano praticamente voce in capitolo.
            5) divieto eterno di eleggibilita' per tutti i
            condannatiE anche questa ci potrebbe stare....
            6) obbligo di dimissioni immediate per tutti gli
            inquisiti
            Grandissima XXXXXXX: dimissioni istantanee se condannato, ok.Ma inquisito ? Mi basta denunciarti per una qualsiasi XXXXXXXta (ricordo che per certi reati esiste l'obbligatorietà dell'azione penale....) per far partire le indagini e farti guadagnare lo status di "inquisito".
            Basterebbe soltanto realizzare questi tre
            semplici punti per eliminare dalla vita pubblica
            tutto il magna magna e poi ricominciare daccapo,
            con persone che vogliono entrare in politica
            perche' ci credono
            veramente.Soluzioni troppo semplici a problemi complessi producono problemi più gravi di quelli che dovrebbero risolvere, solitamente....
          • panda rossa scrive:
            Re: A Parma vince l'open source!
            - Scritto da: Avvocato del diavolo
            Giusto per, vediamo un po' cosa potrebbero
            comportare queste
            proposte:

            Guarda: solo un paio di semplici concetti.

            1) riprisitnare l'elezione diretta delle
            persone

            mediante voto di

            preferenza
            Niente di più e niente di meno di quello che
            dovrebbe accadre in una democrazia
            rappresentativaCosa che in questo momento l'italia non e'!

            2) eradicazione sempiterna del fenomeno della

            politica di professione, impedendo per legge
            di

            venire eletti a cariche pubbliche per piu'
            di
            due

            volte
            Solita critica: due mandati per un
            idiota/incompetente sono troppi, per uno
            bravo/competente sono pochi. E gestire uno Stato
            non è proprio un'operazione alla portata di
            tutti....Non sono cosi' pochi quelli che sono in grado di gestire uno stato.Quindi limitare a pochi anni il mandato permette maggior riciclo ed azzera il rischio dell'incapacita' e del magna magna.Il presidente degli USA resta in carica 4 anni, rinnovabili una sola volta, poi a casa.Da noi Andreotti invece?

            3) eliminazione dei rimborsi elettorali e dei

            finanziamenti pubblici ai partiti (con

            applicazione

            retroattiva)
            E ci potrebbe anche stare. Ma io nuovo soggetto
            che voglio fare politica come finanzio la
            campagna elettorale ? Hai un seguito? Un elettorato? Finanziassero loro.Il neo sindaco di Parma ha speso molto meno di 10.000 euro per finanziare la propria campagna elettorale: una cifra alla portata di chiunque abbia un consenso di almeno l'1%
            Come tengo in piedi la mia
            attività di politico una volta che vengo eletto
            ?Lavorando per la carica a cui sei stato eletto!

            4) stipendi e rimborsi ai politici di
            importi
            non

            superiori a 4 volte la pensione

            minima.
            Vedi sopra: anche ai tempi della Repubblica
            Romana (quella "terminata" da un certo Caio
            Giulio...) non c'erano rimborsi o stipendi
            esagerati per i politici. Col risultato che i
            ricchi/nobili se la cantavano e se la suonavano e
            i "governati" non avevano praticamente voce in
            capitolo.Chi sarebbero i ricchi e i nobili nel caso di Parma?A me risulta che sia stato eletto un rappresentante dei "governati".

            5) divieto eterno di eleggibilita' per tutti
            i

            condannati
            E anche questa ci potrebbe stare.... Vedi che poche semplici cosette, immediatamente realizzabili a costo zero, gia' migliorerebbero le condizioni di democrazia di questa repubblica delle banane.

            6) obbligo di dimissioni immediate per tutti
            gli

            inquisiti


            Grandissima XXXXXXX: dimissioni istantanee se
            condannato,
            ok.
            Ma inquisito ? Mi basta denunciarti per una
            qualsiasi XXXXXXXta (ricordo che per certi reati
            esiste l'obbligatorietà dell'azione penale....)
            per far partire le indagini e farti guadagnare lo
            status di "inquisito".Se sei inquisito vieni sospeso dall'incarico.Non ho detto "dimissioni", ho detto sospensione dall'incarico.Succede in quasi tutte le attivita' produttive di ogni paese democratico.Potra' succedere quello che dici tu, che qualcuno sporga una denuncia fasulla.Pazienza.Questo qualcuno ne rispondera' qualora la denuncia finisca in un niente.Resta il fatto innegabile che una persona per bene, e che fa bene il proprio lavoro senza infognarsi in faccende di corruzione e tangenti, difficilmente fornira' appigli per denunce gratuite.Inoltre tieni conto che una volta spogliata la politica di tutti i vantaggi personali che oggi porta, non ci sara' piu' nessuno disposto a tirare coltellate alle spalle per la conquista di una poltrona che non porta alcun vantaggio.

            Basterebbe soltanto realizzare questi tre

            semplici punti per eliminare dalla vita
            pubblica

            tutto il magna magna e poi ricominciare
            daccapo,

            con persone che vogliono entrare in politica

            perche' ci credono

            veramente.
            Soluzioni troppo semplici a problemi complessi
            producono problemi più gravi di quelli che
            dovrebbero risolvere,
            solitamente....Le soluzioni semplici sono sempre le migliori.L'unica buona ragione per cui chi puo' attuare queste riforme non lo fa, e' il loro personalissimo tornaconto.Mandiamo a casa tutti e ricominciamo daccapo.
          • Gennarino B scrive:
            Re: A Parma vince l'open source!
            Cioé sui condannati ha detto ci POTREBBE starePotrebbeE tu ci stai ancora a dialogare?
          • panda rossa scrive:
            Re: A Parma vince l'open source!
            - Scritto da: Gennarino B
            Cioé sui condannati ha detto ci POTREBBE stare

            Potrebbe

            E tu ci stai ancora a dialogare?Certo!Piu' parlano, piu' si sXXXXXXXno!E il bello della rete e' che non dimentica!Quanto e' stato scritto restera' nella cache di google per i secoli a venire e quando gli storici dei secoli futuri si chiederanno perche' gli italiani ci hanno messo tanto a cacciare a calci questa schifosa classe politica, scopriranno che c'era tanta gente che si infilava i condom sulla testa.
          • Gennarino B scrive:
            Re: A Parma vince l'open source!
            I tempi dei cavillosi avvocaticchi sono finitiOra si ara tutto senza se e senza ma
  • Teo_ scrive:
    Sismografi collegati a internet
    OK, qui credo si intenta utenti cinguettanti.Avete invece degli indirizzi di sismografi automatici in tempo reale con dati fruibili da web? Lultima volta che ho guardato http://cnt.rm.ingv.it/ è passato un po di tempo dalla scossa alla pubblicazione...
    • 1xor1 scrive:
      Re: Sismografi collegati a internet
      http://earthquake.usgs.gov/earthquakes/map/Per l'Italia è meno dettagliato di INGV ma gli eventi più importanti ci sono.Per la verità quello importante di ieri alle 15 (MI:5.1 mi pare) non è stato riportato mentre ne sono stati riportati altri di minori. Quindi non capisco quale sia la logica che li filtra.Se fai lo zoom su una zona cambia coerentemente la lista sotto.Ciao.
      • Teo_ scrive:
        Re: Sismografi collegati a internet
        - Scritto da: 1xor1
        http://earthquake.usgs.gov/earthquakes/map/Grazie. Sarebbe bello se si potessero sottoscrivere servizi di notifica per una certa zona, così da avere magari in anticipo rispetto allonda sismica le segnalazioni.Un po come esagera nella pubblicità Twitter.[yt]0UFsJhYBxzY[/yt]
        • Funz scrive:
          Re: Sismografi collegati a internet
          wow, Twitter che frega l'idea a XKCD :D[img]http://imgs.xkcd.com/comics/seismic_waves.png[/img]
      • Teo_ scrive:
        Re: Sismografi collegati a internet
        - Scritto da: 1xor1
        http://earthquake.usgs.gov/earthquakes/map/

        Per l'Italia è meno dettagliato di INGV ma gli
        eventi più importanti ci
        sono.Vedo che non cè quello che si e appena verificato Ho provato a segnalarlo.Edit: Ora è pubblicato http://earthquake.usgs.gov/earthquakes/eventpage/usb000a1mn#summary-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 29 maggio 2012 09.27-----------------------------------------------------------
  • Mr Bil scrive:
    Radioamatore
    A causa di questa disavventura che ci sta colpendo in questi giorni, ho riscoperto l'uso della radio trasmittente come mezzo utile ad avere notizie da chi era nell'epicentro.Feci la patente da radioamatore qualche anno fa così per gioco...e con questa esperienza mi son reso conto di quanta gente c'è alle 4 del mattino a raccontare con la propria voce direttamente dal posto. Fortuna che i ponti radio non si sono spenti...altrimenti via di diretta VHF UHF
    • krane scrive:
      Re: Radioamatore
      - Scritto da: Mr Bil
      A causa di questa disavventura che ci sta
      colpendo in questi giorni, ho riscoperto l'uso
      della radio trasmittente come mezzo utile ad
      avere notizie da chi era
      nell'epicentro.
      Feci la patente da radioamatore qualche anno fa
      così per gioco...e con questa esperienza mi son
      reso conto di quanta gente c'è alle 4 del mattino
      a raccontare con la propria voce direttamente dal
      posto. Fortuna che i ponti radio non si sono
      spenti...altrimenti via di diretta VHF
      UHFA me sono bastati i millemila contatti di msn e skype :D
    • Sisko212 scrive:
      Re: Radioamatore
      Sono d'accordo.In caso di reale disastro, dove le infrastrutture dovessero collassare, solo le radio trasmittenti, con anche solo una batteria al piombo di automobile, potrebbero funzionare e dare una qualche sorta di collegamento.Internet per quanto potente è anche troppo complessa... in caso di disastro devastante che dovesse interrompere l'energia elettrica per tempi prolungati, manderebbe offline router, server e quant'altro necessari all'inoltro dei dati... I disastri dell' Aquila e questo ben inferiore del ferrarese, con rispetto parlando per le vittime e disagi della popolazione, non erano comunque tali da far collassare linee elettriche e telefoniche, ed è per questo che "internet" ha continuato a funzionare.
      • krane scrive:
        Re: Radioamatore
        - Scritto da: Sisko212
        Sono d'accordo.
        In caso di reale disastro, dove le infrastrutture
        dovessero collassare, solo le radio trasmittenti,
        con anche solo una batteria al piombo di
        automobile, potrebbero funzionare e dare una
        qualche sorta di collegamento.
        Internet per quanto potente è anche troppo
        complessa... in caso di disastro devastante che
        dovesse interrompere l'energia elettrica per
        tempi prolungati, manderebbe offline router,
        server e quant'altro necessari all'inoltro dei
        dati...E invece le radio continuerebbero a funzionare ???Spegami come una radio trasmittente continuerebbe a funzionare e un palmofonino o un portatile no...
        I disastri dell' Aquila e questo ben inferiore
        del ferrarese, con rispetto parlando per le
        vittime e disagi della popolazione, non erano
        comunque tali da far collassare linee elettriche
        e telefoniche, ed è per questo che "internet" ha
        continuato a funzionare.Senza corrente anche le radiotrasmittenti che io sappia non funzionano.
        • Ale T scrive:
          Re: Radioamatore
          Certamente le radio funzionano comunque e solo quelle.Tu indichi il telefonino e il portatile ecc. ma se ti saltano i ripetitori cellulari che te ne fai del tuo bel telefonino?Se salta la corrente e la rete telefonica anche se tieni il pc ma che non si collega ad internet che te ne fai? Ci giochi a solitario?Noi radioamatori con un VHF/UHF portatile a batteria anche se ci saltano i ponti trasmettiamo in diretta e ci ascoltiamo lo stesso per svariati km e ci facciamo da ponte tra di noi.Hai visto un bel mondo tu a rispondere cosi, la tecnologia di oggi va finche non crolla il sistema che la gestisce e la collega, la radio in diretta non avra' mai alcun problema.
          • krane scrive:
            Re: Radioamatore
            - Scritto da: Ale T
            Certamente le radio funzionano comunque e solo
            quelle.
            Tu indichi il telefonino e il portatile ecc. ma
            se ti saltano i ripetitori cellulari che te ne
            fai del tuo bel telefonino?
            Se salta la corrente e la rete telefonica anche
            se tieni il pc ma che non si collega ad internet
            che te ne fai? Ci giochi a solitario?Vero ci vuole un satellitare o un hotspot satellitare, non che sia un problema, sono diffusi tra protezione civile e militari.
            Noi radioamatori con un VHF/UHF portatile
            a batteria anche se ci saltano i ponti
            trasmettiamo in diretta e ci ascoltiamo lo
            stesso per svariati km e ci facciamo da
            ponte tra di noi.Io ho un vecchio satellitare ;) lo tengo li' nel caso venga utile.
            Hai visto un bel mondo tu a rispondere cosi, la
            tecnologia di oggi va finche non crolla il
            sistema che la gestisce e la collega, la radio in
            diretta non avra' mai alcun problema.Emmm, anche i cellulari vanno via onde radio, in particolare i satellitari, certo se saltano i satelliti occorre tornare a marconi; se poi ci becca un impulso magnetico ancora piu' forte torniamo ai fuochi delle vedette romane.
          • pignolo scrive:
            Re: Radioamatore
            - Scritto da: krane
            Emmm, anche i cellulari vanno via onde radio, in
            particolare i satellitari, certo se saltano i
            satelliti occorre tornare a marconi; se poi ci
            becca un impulso magnetico ancora piu' forte
            torniamo ai fuochi delle vedette
            romane.Oppure ai piccioni viaggiatori; il che non impedirebbe di usare internet:http://tools.ietf.org/html/rfc2549;)
          • Ale T. scrive:
            Re: Radioamatore
            Qualsiasi tipo di comunicazione senza fili ovviamente va via onde radio ma la differenza e' che al di fuori delle radio amatoriali qualsiasi mezzo funziona finche rimane in piedi il sistema a cui si appoggia se no e' morto, inutile.Il tuo telefono se saltano i satelliti non va, il cellulare se salta un ponte non va ecc.Le radio amatoriali se saltano i loro ponti hanno sempre la possibilita' di trasmettere tra loro per via diretta senza alcun sistema di appoggio quindi direttamente da radio a radio e si continua a comunicare.
        • Sisko212 scrive:
          Re: Radioamatore

          E invece le radio continuerebbero a funzionare ???Se leggevi bene il mio post, trovavi anche la risposta... con una banale batteria al piombo, come quelle da 12 volt, in uso nelle automobili, garantiscono alcuni giorni di funzionamento di una normale radio Vhf o Uhf.
          a funzionare e un palmofonino o un portatileI telefonini per comunicare hanno bisogno di un infrastruttura, i cosiddetti transponder ( http://it.wikipedia.org/wiki/Global_System_for_Mobile_Communications ) che "purtroppo" è abbastanza complessa e consuma energia (parecchia), se saltano le linee elettriche, i transponder attivano la loro batteria di backup che anche quella dura qualche ora, dopo di che... ciao... ergo anche i telefonini diventano muti, anche se hanno ancora la loro bella batteria carica... Nel caso di disastro, automobili, anche de danneggiate, ne trovi parecchie, e poi estrarre loro le batterie per far funzionare per giorni e giorni la tua radio trasmittente che non necessita di alcuna infrastruttura preesistente.Non voglio quì aprire un flame su vhf vs gsm, stò solo dicendo che in caso di disastro serio, dove vengono seriamente compromesse le infrastrutture, reti di comunicazione come internet, telefonini e qualsiasi altro dispositivo che necessiti di un infrastruttura efficiente preesistente, cessa di funzionare.Una radio Vhs o Uhf, essendo di per se autonoma può continuare a funzionare, ovviamente entro i limiti geografici e tecnici del dispositivo stesso.E' vero che internet nacque dall'idea di avere una rete che doveva funzionare anche in caso di attacco nucleare, ma poi, diventando civile, le cose hanno preso una strada diversa, e internet stessa ormai fa affidamento su grossi accentramenti dove convergono le tratte provenienti da reti e/o gestori diversi. Se blocchi uno di questi nodi, ben che ti vada, isoli comunque i vari operatori o i vari paesi... ed è per questo che si cerca di replicare anche questi snodi, in zone geograficamente distanti, in modo tale che un terremoto o un qualsiasi disastro naturale non comprometta completamente un intera nazione.
          • ruppolo scrive:
            Re: Radioamatore
            - Scritto da: Sisko212

            E invece le radio continuerebbero a funzionare
            ???
            Se leggevi bene il mio post, trovavi anche la
            risposta... con una banale batteria al piombo,
            come quelle da 12 volt, in uso nelle automobili,
            garantiscono alcuni giorni di funzionamento di
            una normale radio Vhf o
            Uhf.Non solo a quella, ma anche ai ponti radio. Se poi il ponte radio è coadiuvato da un pannello solare, può andare avanti per tempo indefinito.
            E' vero che internet nacque dall'idea di avere
            una rete che doveva funzionare anche in caso di
            attacco nucleare, ma poi, diventando civile, le
            cose hanno preso una strada diversa, e internet
            stessa ormai fa affidamento su grossi
            accentramenti dove convergono le tratte
            provenienti da reti e/o gestori diversi. Se
            blocchi uno di questi nodi, ben che ti vada,
            isoli comunque i vari operatori o i vari paesi...
            ed è per questo che si cerca di replicare anche
            questi snodi, in zone geograficamente distanti,
            in modo tale che un terremoto o un qualsiasi
            disastro naturale non comprometta completamente
            un intera
            nazione.Esistono un po' ovunque link satellitari, ma ovviamente possono sopportare una minuscola frazione del traffico attuale. In caso di disastro potrebbero certamente sopportare il carico di cittadini che twittano, ma non certo dei deficienti incollati al p2p.
        • MegaJock scrive:
          Re: Radioamatore
          - Scritto da: krane
          E invece le radio continuerebbero a funzionare ???Certo. Le radio non hanno bisogno di infrastruttura, solo di batterie e di altre radio in ascolto.
          Spegami come una radio trasmittente continuerebbe
          a funzionare e un palmofonino o un portatile
          no...
          Devi essere un tecnominkia, quindi proviamo a spiegartelo come si farebbe con un ritardato:NO CORRENTE NO RIPETITORI NO TELEFONINO

          Senza corrente anche le radiotrasmittenti che io
          sappia non
          funzionano.Capisco che sei poco intelligente, ma sai cosa sono le batterie?Probabilmente no. Cribbio, allora quelli che dicevano che la tecnologia rende stupidi non avevano tutti i torti!
          • iome scrive:
            Re: Radioamatore
            - Scritto da: MegaJock
            - Scritto da: krane


            E invece le radio continuerebbero a funzionare
            ???

            Certo. Le radio non hanno bisogno di
            infrastruttura, solo di batterie e di altre radio
            in
            ascolto.


            Spegami come una radio trasmittente
            continuerebbe

            a funzionare e un palmofonino o un portatile

            no...



            Devi essere un tecnominkia, quindi proviamo a
            spiegartelo come si farebbe con un
            ritardato:

            NO CORRENTE NO RIPETITORI NO TELEFONINO





            Senza corrente anche le radiotrasmittenti che io

            sappia non

            funzionano.

            Capisco che sei poco intelligente, ma sai cosa
            sono le
            batterie?

            Probabilmente no. Cribbio, allora quelli che
            dicevano che la tecnologia rende stupidi non
            avevano tutti i
            torti!krane non e' un cretino ma stavolta l'ha fatta incontestabilmente fuori dal vaso.
  • Magutt scrive:
    Articolo di una banalità infinita.
    Chi è l'autore dell'articolo? Il cugino di Red Ronnie?Twetter, Facebook.... immondizia inutile, passatempo per ricchi nullafacenti e perditempo.Articolo banale e inutile.
    • TuttoaSaldo scrive:
      Re: Articolo di una banalità infinita.
      - Scritto da: Magutt
      Chi è l'autore dell'articolo? Il cugino di Red
      Ronnie?
      Twetter, Facebook.... immondizia inutile,
      passatempo per ricchi nullafacenti e
      perditempo.Anche io sono rimasto a questi :(Quali sono quelli per le persone impegnate ed attive?
    • non ciai scrive:
      Re: Articolo di una banalità infinita.
      - Scritto da: Magutt
      Articolo banale e inutile.non hai neanche minimamente capito di cosa parla... e dai giudizi di merito?
  • MisterM scrive:
    Problema nuovi media
    Credo che al titolo non segua l'articolo.Per fortuna con in nuovi media è un problema facilmente risolvibile:)
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: Problema nuovi media
      mi spiace, abbiamo fatto qualche errore evidentementecurioso come sia sparito il testo ma sia rimasta la firma :)sistemato cmq ora ;)
    • Allibito scrive:
      Re: Problema nuovi media
      - Scritto da: MisterM
      Credo che al titolo non segua l'articolo.
      Per fortuna con in nuovi media è un problema
      facilmente
      risolvibile:)Ci sarebbe molto da dire, anche che per una data sbagliata su wiky ben 12 studendi non hanno passato un esame di storia... In molti dei nuovi media non c'è neanche la firma di scrive articoli, con questo non dico che sia tutto negativo, ci mancherebbe, ma una regolamentazione non guasterebbe. L'informazione dal basso non è informazione, manca competenza e "la giusta distanza" che ogni buon cronista dovrebbe conoscere.p.s. sempre su Wiky, qualcuno ricordewrà l'annunciata morte di Castagna che invece dopo poco si riprese.
      • MacGeek scrive:
        Re: Problema nuovi media
        Però poi il wiki lo correggono.Le st*onzate stampate rimangono là per sempre.E comunque 1000 volte meglio un'informazione dal basso ignorante ma genuina, che una "colta" ma pilotata da interessi di parte. E i giornalisti italiani, dispiace dirlo, sono tutti prezzolati. Non se ne salva 1.
        • collione scrive:
          Re: Problema nuovi media
          - Scritto da: MacGeek
          Le st*onzate stampate rimangono là per sempre.ma quelle non sono XXXXXXXte, bensì abili manovre per buttare giù il Berlusconi di turno e farci digerire il governo non eletto dei banchierila stampa tradizionale è uno strumento di potere, non commette errori, commette crimini
          • ndr scrive:
            Re: Problema nuovi media

            ma quelle non sono XXXXXXXte, bensì abili manovre
            per buttare giù il Berlusconi di turno e farci
            digerire il governo non eletto dei
            banchieriE' vero, è vero, lo ha detto anche Studio Aperto!
          • devnull scrive:
            Re: Problema nuovi media
            Blog di Grillo ----
            That way.
          • non ciai scrive:
            Re: Problema nuovi media
            - Scritto da: collione
            ma quelle non sono XXXXXXXte, bensì abili manovre
            per buttare giù il Berlusconi di turno e farci
            digerire il governo non eletto dei banchieridici lo stesso governo sostenuto anche da berlusconi...?
            la stampa tradizionale è uno strumento di potere,
            non commette errori, commette criminiquella online pure
          • PsychoBit scrive:
            Re: Problema nuovi media
            - Scritto da: collione
            - Scritto da: MacGeek

            Le st*onzate stampate rimangono là per sempre.

            ma quelle non sono XXXXXXXte, bensì abili manovre
            per buttare giù il Berlusconi di turno e farci
            digerire il governo non eletto dei
            banchieriIn Italia i governi non sono <b
            mai </b
            eletti, possibile che nessuno si legga la Costituzione?
          • ndr scrive:
            Re: Problema nuovi media
            Ahah epic win.
        • iome scrive:
          Re: Problema nuovi media
          - Scritto da: MacGeek
          Però poi il wiki lo correggono.
          Le st*onzate stampate rimangono là per sempre.

          E comunque 1000 volte meglio un'informazione dal
          basso ignorante ma genuina, che una "colta" ma
          pilotata da interessi di parte. E i giornalisti
          italiani, dispiace dirlo, sono tutti prezzolati.
          Non se ne salva 1.appena annunziata capisce che stai parlando di lui, sai che fine fara' il tuo post?
      • Gennarino B scrive:
        Re: Problema nuovi media
        Ecco il fenomeno con le sue brillanti idee:Tutto ciò che sconquassa vecchi equilibri va "regolamentato"Lei, se non lo ha giá fatto, dovrebbe fondare un "sindacato dei vecchi arnesi". Col politichese é messo bene e scommetto sarebbe un fuoriclasse nel gestire la "cassaforte"
        • Magutt scrive:
          Re: Problema nuovi media
          Se il nuovo e utile è Twetter e Facebook, stiamo freschi.Non informano, forniscono informazioni alla stessa velocità degli strumenti tradizionali.E' abbastanza che si guasti un cavo telefonico o un antenna di telefonia per farli diventare completamente inutili.Non sopporto la mitizzazione di questi pseudostrumenti.
          • Gennarino B scrive:
            Re: Problema nuovi media
            Ma torna a mungere la Lola
          • Magutt scrive:
            Re: Problema nuovi media
            Classica risposta da sottosviluppato "attrezzato" twitter e facebook.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Problema nuovi media
            dire che twitter ha la stessa velocità dei media tradizionali è alquanto ridicolo se permetti.
          • Mavala scrive:
            Re: Problema nuovi media
            - Scritto da: Sgabbio
            dire che twitter ha la stessa velocità dei media
            tradizionali è alquanto ridicolo se
            permetti.Concordo. E distinguerei anche fra Twitter e Facebook.
          • Gennarino B scrive:
            Re: Problema nuovi media
            Ma tornatene a guardare porta a porta
      • Sgabbio scrive:
        Re: Problema nuovi media
        - Scritto da: Allibito
        - Scritto da: MisterM

        Credo che al titolo non segua l'articolo.

        Per fortuna con in nuovi media è un problema

        facilmente

        risolvibile:)
        Ci sarebbe molto da dire, anche che per una data
        sbagliata su wiky ben 12 studendi non hanno
        passato un esame di storia...

        In molti dei nuovi media non c'è neanche la firma
        di scrive articoli, con questo non dico che sia
        tutto negativo, ci mancherebbe, ma una
        regolamentazione non guasterebbe. L'informazione
        dal basso non è informazione, manca competenza e
        "la giusta distanza" che ogni buon cronista
        dovrebbe
        conoscere.
        p.s. sempre su Wiky, qualcuno ricordewrà
        l'annunciata morte di Castagna che invece dopo
        poco si
        riprese.la solita boiata anti internet.
        • panda rossa scrive:
          Re: Problema nuovi media
          - Scritto da: Sgabbio
          - Scritto da: Allibito

          - Scritto da: MisterM


          Credo che al titolo non segua l'articolo.


          Per fortuna con in nuovi media è un problema


          facilmente


          risolvibile:)

          Ci sarebbe molto da dire, anche che per una data

          sbagliata su wiky ben 12 studendi non hanno

          passato un esame di storia...



          In molti dei nuovi media non c'è neanche la
          firma

          di scrive articoli, con questo non dico che sia

          tutto negativo, ci mancherebbe, ma una

          regolamentazione non guasterebbe. L'informazione

          dal basso non è informazione, manca competenza e

          "la giusta distanza" che ogni buon cronista

          dovrebbe

          conoscere.

          p.s. sempre su Wiky, qualcuno ricordewrà

          l'annunciata morte di Castagna che invece dopo

          poco si

          riprese.

          la solita boiata anti internet.Ma lascialo rosikare, che tanto alle prossime elezioni politiche vincera' il movimento 5 stelle, rendera' internet obbligatorio, wi-fi gratuita per tutti, open source nella PA e abolizione del copyright e del videonoleggio.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Problema nuovi media
            Panda, non ci conterei troppo.
          • shevathas scrive:
            Re: Problema nuovi media

            Ma lascialo rosikare, che tanto alle prossime
            elezioni politiche vincera' il movimento 5
            stelle, rendera' internet obbligatorio, wi-fi
            gratuita per tutti, open source nella PA e
            abolizione del copyright e del
            videonoleggio.e i soldi per fare tutto quel popo' di roba da dove salteranno fuori ? dalle accise sulle biowashball ?
          • MacGeek scrive:
            Re: Problema nuovi media
            - Scritto da: shevathas

            Ma lascialo rosikare, che tanto alle prossime

            elezioni politiche vincera' il movimento 5

            stelle, rendera' internet obbligatorio, wi-fi

            gratuita per tutti, open source nella PA e

            abolizione del copyright e del

            videonoleggio.

            e i soldi per fare tutto quel popo' di roba da
            dove salteranno fuori ? dalle accise sulle
            biowashball ?Beh già passando tutta la PA da M$ ad Linux sarebbe un bel risparmio.Poi mandiamo a casa Banalitano, che non serve a niente, e sono altri 250 milioni/anno.Poi ci sarebbe ancora tanto da tagliare (la sola camera dei deputati costa oltre 1 miliardo l'anno e ha 4000 dipendenti, più stuole di consulenti. E 7 palazzi, non UNO!!!).
          • panda rossa scrive:
            Re: Problema nuovi media
            - Scritto da: shevathas

            Ma lascialo rosikare, che tanto alle prossime

            elezioni politiche vincera' il movimento 5

            stelle, rendera' internet obbligatorio, wi-fi

            gratuita per tutti, open source nella PA e

            abolizione del copyright e del

            videonoleggio.

            e i soldi per fare tutto quel popo' di roba da
            dove salteranno fuori ? dalle accise sulle
            biowashball
            ?Non servono soldi per dire NO all'inceneritore.Non servono soldi per fare la raccolta differenziata porta a porta.Non servono soldi per chiudere il centro cittadino ai veicoli privati e trasformare tutto in zona pedonale e piste ciclabili.Il wi-fi gratuito verra' finanziato con quello che oggi il comune spende in licenze M$ che da domani non spendera' piu'.Ah, e ci sara' una bella webcam fissa nel consiglio comunale, visionabile via youtube, che restituira' la democrazia alla citta'.
          • Teo_ scrive:
            Re: Problema nuovi media
            - Scritto da: panda rossa
            Ah, e ci sara' una bella webcam fissa nel
            consiglio comunale, visionabile via youtube, che
            restituira' la democrazia alla
            citta'.A me piacerebbe averla nel mio comune, solo che temo aumenteranno gli episodi come quello avvenuto in uno degli ultimi consigli: la minoranza ha chiesto delucidazioni riguardo la gestione di un immobile (era allordine del giorno) ed è stato risposto che era meglio parlarne al bar lontani da orecchi indiscreti :|
          • shevathas scrive:
            Re: Problema nuovi media

            Non servono soldi per dire NO all'inceneritore.ma servono per gestire il secco non riciclabile.
            Non servono soldi per fare la raccolta
            differenziata porta a
            porta.paghi gli operatori ecologici o istituisci le corvee comunali ?
            Non servono soldi per chiudere il centro
            cittadino ai veicoli privati e trasformare tutto
            in zona pedonale e piste
            ciclabili.
            sevono però soldi per potenziare i servizi pubblici, per pagare chi presidia i valichi e controlla i pass...
            Il wi-fi gratuito verra' finanziato con quello
            che oggi il comune spende in licenze M$ che da
            domani non spendera'
            piu'.
            viste le cifre in ballo al più potrà garantire 5' di connessione gratuita a cittadino al mese.
            Ah, e ci sara' una bella webcam fissa nel
            consiglio comunale, visionabile via youtube, che
            restituira' la democrazia alla
            citta'.le sedute del consiglio comunale sono pubbliche.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 21 maggio 2012 18.47-----------------------------------------------------------
          • panda rossa scrive:
            Re: Problema nuovi media
            - Scritto da: shevathas

            Non servono soldi per dire NO
            all'inceneritore.

            ma servono per gestire il secco non riciclabile.Eliminando le province, i rimborsi elettorali, i contributi alla stampa, le liquidazioni d'oro ai manager (con effetto retroattivo), i soldi salteranno fuori.Hai visto i tuoi concittadini come si sono dimostrati intelligenti: hanno detto NO allo spreco delle inutili province.

            Non servono soldi per fare la raccolta

            differenziata porta a

            porta.

            paghi gli operatori ecologici o istituisci le
            corvee comunali ?Sconto le tasse comunali a chi porta i rifiuti all'isola ecologica personalmente. Vedrai come si attivano tutti i disoccupati per andare a fare la raccolta porta a porta...

            Non servono soldi per chiudere il centro

            cittadino ai veicoli privati e trasformare
            tutto

            in zona pedonale e piste

            ciclabili.



            sevono però soldi per potenziare i servizi
            pubblici, per pagare chi presidia i valichi e
            controlla i
            pass...Altri volontari che si autofinanziano con il 90% delle multe che staccano.

            Il wi-fi gratuito verra' finanziato con
            quello

            che oggi il comune spende in licenze M$ che
            da

            domani non spendera'

            piu'.



            viste le cifre in ballo al più potrà garantire 5'
            di connessione gratuita a cittadino al
            mese.Se vuoi una flat da 20 gigabit, la paghi.Chi si accontenta di poco si fa bastare quella.

            Ah, e ci sara' una bella webcam fissa nel

            consiglio comunale, visionabile via youtube,
            che

            restituira' la democrazia alla

            citta'.

            le sedute del consiglio comunale sono pubbliche.Vuoi un elenco di tutti i bellimbusti che si sono rifiutati di farsi riprendere in queste assemblee "pubbliche" ?
          • jackoverfull scrive:
            Re: Problema nuovi media
            - Scritto da: panda rossa


            Sconto le tasse comunali a chi porta i rifiuti
            all'isola ecologica personalmente. Vedrai come si
            attivano tutti i disoccupati per andare a fare la
            raccolta porta a
            porta...Non male come idea, in effetti.Per assurdo, si potrebbe verificare il "furto di spazzatura"! :D


            Altri volontari che si autofinanziano con il 90%
            delle multe che
            staccanoQuesta la vedo dura. O, più che altro, vedrei tanta gente che stacca multe false
            Se vuoi una flat da 20 gigabit, la paghi.
            Chi si accontenta di poco si fa bastare quella.
            Logico. Ma chi lo dice a telecom e compagnia bella?
          • panda rossa scrive:
            Re: Problema nuovi media
            - Scritto da: jackoverfull
            - Scritto da: panda rossa





            Sconto le tasse comunali a chi porta i
            rifiuti

            all'isola ecologica personalmente. Vedrai
            come
            si

            attivano tutti i disoccupati per andare a
            fare
            la

            raccolta porta a

            porta...

            Non male come idea, in effetti.
            Per assurdo, si potrebbe verificare il "furto di
            spazzatura"!
            :D





            Altri volontari che si autofinanziano con il
            90%

            delle multe che

            staccano
            Questa la vedo dura. O, più che altro, vedrei
            tanta gente che stacca multe
            false


            Se vuoi una flat da 20 gigabit, la paghi.

            Chi si accontenta di poco si fa bastare
            quella.


            Logico. Ma chi lo dice a telecom e compagnia
            bella?Telecom e' per caso quella societa' ex statale regalata ai "prenditori con le pezze al XXXX (cit.)" ?
          • Gennarino B scrive:
            Re: Problema nuovi media
            Si fa tutto non preoccuparti, basta far crollare l'attuale sistema come un castello di carteNon piacerá ai ferrara, agli sgarbi, agli shevatas e ai dalema ma della loro opinione frega nulla a nessuno
          • Gennarino B scrive:
            Re: Problema nuovi media
            Potremmo anche fare a meno di fini intellettuali come te..sarebbe un bel risparmio di ossigeno
          • panda rossa scrive:
            Re: Problema nuovi media
            - Scritto da: Gennarino B
            Potremmo anche fare a meno di fini intellettuali
            come te..sarebbe un bel risparmio di
            ossigenoSi, di quelli come lui si, ma almeno lui lasciamolo: e' uno dei pochi che posta qui su PI.
      • Sgabbio scrive:
        Re: Problema nuovi media
        Trolli assai.Wiki e non wiky, in primis, poi dire che i cronisti siano distanti dai fatti, mia fa veramente ridere, sopratutto se parliamo della maggioranza dei giornalisti italiani.
      • Funz scrive:
        Re: Problema nuovi media
        - Scritto da: Allibito
        - Scritto da: MisterM

        Credo che al titolo non segua l'articolo.

        Per fortuna con in nuovi media è un problema

        facilmente

        risolvibile:)
        Ci sarebbe molto da dire, anche che per una data
        sbagliata su wiky ben 12 studendi non hanno
        passato un esame di storia...ah, beh, pur con tutta l'ammirazione che ho per Wikipedia, direi che gli sta solo bene :p
        In molti dei nuovi media non c'è neanche la firma
        di scrive articoli, con questo non dico che sia
        tutto negativo, ci mancherebbe, ma una
        regolamentazione non guasterebbe. L'informazione
        dal basso non è informazione, manca competenza e
        "la giusta distanza" che ogni buon cronista
        dovrebbe
        conoscere.se solo i giornalisti "veri" fossero anche solo lontanamente seri come dici tu...
        p.s. sempre su Wiky, qualcuno ricordewrà
        l'annunciata morte di Castagna che invece dopo
        poco si
        riprese.e vabbé, buttiamo via qualche milione di informazioni giuste per qualche episodio prontamente corretto.
        • panda rossa scrive:
          Re: Problema nuovi media
          - Scritto da: Funz

          Ci sarebbe molto da dire, anche che per una
          data

          sbagliata su wiky ben 12 studendi non hanno

          passato un esame di storia...

          ah, beh, pur con tutta l'ammirazione che ho per
          Wikipedia, direi che gli sta solo bene
          :pAnche perche' se fosse vera questa leggenda urbana, la data sbagliata sarebbe stata solo uno dei troppi errori commessi in quell'esame.

          In molti dei nuovi media non c'è neanche la
          firma

          di scrive articoli, con questo non dico che
          sia

          tutto negativo, ci mancherebbe, ma una

          regolamentazione non guasterebbe.
          L'informazione

          dal basso non è informazione, manca
          competenza
          e

          "la giusta distanza" che ogni buon cronista

          dovrebbe

          conoscere.

          se solo i giornalisti "veri" fossero anche solo
          lontanamente seri come dici
          tu...La stragrande maggioranza di costoro ha la lingua molto lunga e ben aderente alle chiappe di chi li paga.Senza contare la colossale ignoranza in campo tecnologico, piu' ampia perfino dei videotecari.

          p.s. sempre su Wiky, qualcuno ricordewrà

          l'annunciata morte di Castagna che invece
          dopo

          poco si

          riprese.

          e vabbé, buttiamo via qualche milione di
          informazioni giuste per qualche episodio
          prontamente
          corretto.Di chi? Che contributo ha dato alla cultura quel personaggio che e' stato citato?
          • Funz scrive:
            Re: Problema nuovi media
            - Scritto da: panda rossa

            e vabbé, buttiamo via qualche milione di

            informazioni giuste per qualche episodio

            prontamente

            corretto.

            Di chi?
            Che contributo ha dato alla cultura quel
            personaggio che e' stato
            citato?non ne ho la più pallida idea di chi sia quel personaggio, facevo un discorso generale.
Chiudi i commenti