Facebook ti legge in faccia

Annunciata una speciale feature che permetterà il riconoscimento automatico dei volti social. Per semplificare la vita di chi tagga. E il sito in blu ha pensato anche a come suggerire pagine ai neofiti

Roma – Si tratta di una mossa che dovrebbe facilitare una pratica quotidiana come quella del caricamento di fotografie sul proprio profilo social. Velocizzarla, ma anche e soprattutto renderla ancora più diffusa. Dal momento che su Facebook vengono attualmente caricate circa 100 milioni di immagini al giorno , da parte del 99 per cento dei suoi utenti .

Numeri imponenti, proprio recentemente sottolineati da un post apparso sul blog ufficiale del sito in blu. Che ha dunque annunciato l’introduzione di una speciale feature , atta al riconoscimento facciale automatico . Un servizio che dovrebbe appunto semplificare la vita di chi tagga , più o meno selvaggiamente.

“Grazie a questa nuova caratteristica – ha spiegato il photo product manager del sito in blu, Sam Odio – taggare diventa un’attività più rapida perché non c’è più bisogno di selezionare un viso. Questo è infatti già selezionato per l’utente, proprio come quei rettangoli che si vedono intorno al volto di un amico quando viene immortalato con una fotocamera digitale”.

In sostanza, Facebook provvederà al riconoscimento automatico dei visi, lasciando ai suoi milioni di utenti il semplice passaggio relativo all’inserimento di nome e cognome . Facile, almeno secondo lo stesso Odio, noto per essere stato il founder di quella Divvyshot ingollata di recente dal sito in blu.

Ma quella del riconoscimento facciale non è stata l’unica feature annunciata dal sito di Mark Zuckerberg con l’obiettivo di semplificare la vita social degli utenti iscritti. Proprio ai profili novelli è stata dedicata un’altra caratteristica, spiegata in un altro post apparso sempre sul blog ufficiale.

Praticamente, un sistema di suggerimento automatico delle pagine – di personalità come Barack Obama o Lady Gaga, così come di telefilm o organizzazioni – che verrà offerto a tutti i nuovi iscritti in base alle loro caratteristiche demografiche. Pagine che dovrebbero perciò interessare l’utente solo perché milioni di altri coetanei hanno già espresso la propria preferenza in fatto di musica o attori.

Intanto, non pare placarsi la tormenta di critiche su Facebook per questioni legate alla privacy. Merchant Law Group , società legale con base in Canada, ha infatti recentemente dato avvio ad una class action contro il sito, reo di aver violato senza vergogna la privacy dei suoi iscritti. Le stesse modifiche messe in atto dal social network californiano non avrebbero fatto altro che ingannare, sbandierando una protezione mai davvero efficace.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • cotton scrive:
    apple nel mirino anitrust
    e rincariamo la dose valà:http://www.gizmodo.it/2010/07/06/apple-nel-mirino-dellantitrust-europea-lapp-store-e-troppo-chiuso.htmlapple che clona m$ ??? che tristezza...
  • Ruppolo scrive:
    Apple è meglio
    altro che palle!io si che sono figo col mio iPhone in mano !
  • bertuccia scrive:
    proposta per La Redazione
    sarebbe interessante un articolo in cuisi analizza il motivo di questo attacco mediaticomassivo ai danni di Apple.oops, PI stesso sta perpetrando questo attaccodando eco solo ad alcune fonti
    • none scrive:
      Re: proposta per La Redazione
      - Scritto da: bertuccia
      sarebbe interessante un articolo in cui
      si analizza il motivo di questo attacco mediatico
      massivo ai danni di Apple.

      oops, PI stesso sta perpetrando questo attacco
      dando eco solo ad alcune fontiIo proporrei alla redazione un bel pranzo a base delle fette di salame sui tuoi occhi:ce ne sono talmente tante che ci puoi sfamare noi e la concorrenza per almeno 2 settimane.
      • Livio scrive:
        Re: proposta per La Redazione
        Se invece fosse un pranzo a base di superficialità e luoghi comuni ci hai fatto la scorta per qualche lustro.
        • none scrive:
          Re: proposta per La Redazione
          - Scritto da: Livio
          Se invece fosse un pranzo a base di
          superficialità e luoghi comuni ci hai fatto la
          scorta per qualche
          lustro.se invece fosse,ma non lo è.
          • Livio scrive:
            Re: proposta per La Redazione
            Esatto non è un pranzo, ma la scorta ce l'ha fatta eccome.
    • Innovatore scrive:
      Re: proposta per La Redazione
      Chi avra' interesse in tutto cio' ?1. Gli alieni ? 2. Bin Laden ? 3 I testimoni di Geova ? 4 Microsoft5 Quelo6 Goggle7 I comunisti ?8 Nokia9 PI
    • Alvaro Vitali scrive:
      Re: proposta per La Redazione
      - Scritto da: bertuccia
      sarebbe interessante un articolo in cui
      si analizza il motivo di questo attacco mediatico
      massivo ai danni di Apple.

      oops, PI stesso sta perpetrando questo attacco
      dando eco solo ad alcune fontiEvidentemente ti sei perso la saga di articoli di PI della serie: "Linux sotto attacco".Quando compaiono quegli articoli, noi utenti Linux siamo costretti a nasconderci per una settimana.Adesso è il turno dei fans di "Stiv Giobs".Sulle magagne di Windows non pubblicano più nulla visto che è come sparare sulla Croce Rossa; infatti, Dovella è rimasto disoccupato ed ora è alla disperata ricerca di altri forum dove si parla male di Seven.
    • Ubunto scrive:
      Re: proposta per La Redazione
      - Scritto da: bertuccia
      sarebbe interessante un articolo in cui
      si analizza il motivo di questo attacco mediatico
      massivo ai danni di Apple.

      oops, PI stesso sta perpetrando questo attacco
      dando eco solo ad alcune fontiPI fa parte del partito dell'odio, ecco il motivo.Non danno notizie vere, è tutto gonfiato. E anche se fossero vere perché non fanno i ruffiani come tutti gli altri allineati al servizio del potere?
      • Livio scrive:
        Re: proposta per La Redazione
        E la cospirazione aliena e l'uomo della sigaretta, dove li lasci?
        • Ubunto scrive:
          Re: proposta per La Redazione
          Gli esperti di cospirazioni sono quelli che lanciano l'allarme per il pericolo comunista.Di seguito troviamo i pedoterrosatanisti, il signor babau ed il suo gemello "uomo nero".Poi parlano di partiti dell'amore, o di fornte all'esposizione dei fatti - tali e quali per quel che è dato sapere - accusano i retti e gli onesti di faziosità ed incitazione all'odio.
          • ullala scrive:
            Re: proposta per La Redazione
            - Scritto da: Ubunto
            Gli esperti di cospirazioni sono quelli che
            lanciano l'allarme per il pericolo
            comunista.
            Di seguito troviamo i pedoterrosatanisti, il
            signor babau ed il suo gemello "uomo
            nero".Egli anarcoinsurrezionalisti dove li mettiamo?Sono stati il cavallo di battaglia di Pisanu!
          • Livio scrive:
            Re: proposta per La Redazione
            - Scritto da: Ubunto
            Gli esperti di cospirazioni sono quelli che
            lanciano l'allarme per il pericolo
            comunista.Riduttivo.Cerca su google 11/9 ecc
            Di seguito troviamo i pedoterrosatanisti, il
            signor babau ed il suo gemello "uomo
            nero".

            Poi parlano di partiti dell'amore, o di fornte
            all'esposizione dei fatti - tali e quali per quel
            che è dato sapere - accusano i retti e gli onesti
            di faziosità ed incitazione
            all'odio.Poi troviamo anche te.
          • Ubunto scrive:
            Re: proposta per La Redazione
            tu invece dove pensi di collocarti?
          • Livio scrive:
            Re: proposta per La Redazione
            Tra chi ride di te.
          • Ubunto scrive:
            Re: proposta per La Redazione
            - Scritto da: Livio
            Tra chi ride di te.Ridi ridi, che mamma ha fatto...
          • Livio scrive:
            Re: proposta per La Redazione
            Ha fatto te!
          • Ubunto scrive:
            Re: proposta per La Redazione
            - Scritto da: Livio
            Ha fatto te!Specchio riflesso...
          • shevathas scrive:
            Re: proposta per La Redazione
            - Scritto da: Ubunto
            Gli esperti di cospirazioni sono quelli che
            lanciano l'allarme per il pericolo
            comunista.
            Di seguito troviamo i pedoterrosatanisti, il
            signor babau ed il suo gemello "uomo
            nero".
            aggiungici gli illuminati di baviera, l'opus dei, i savi di sion, la P2, i servizi segreti deviati, la massoneria...Qualunque sia la tua aderenza politica e/o il tuo credo c'è sempre un nemico adatto a te che partecipa alla grande cospirazione mondiale :)
            Poi parlano di partiti dell'amore, o di fornte
            all'esposizione dei fatti - tali e quali per quel
            che è dato sapere - accusano i retti e gli onesti
            di faziosità ed incitazione
            all'odio.ma...parli di travaglio o di fede ? se non dici il nome del partito è difficile da indovinare :)
          • Ubunto scrive:
            Re: proposta per La Redazione
            Parlo di chiunque è libero di esprimere il proprio parere, di essere partecipe della società in cui vive, di chi intende farlo seguendo dei principi di trasparenza ed onestà.Principi che dovrebbero essere fondanti degli stati democratici, stati in cui la partecipazione dei cittadini alla vita politica e civile è la più sana delle abitudini.Ma noi abbiamo uno che "ci pensa lui" ed un gregge di pecore puzzolenti che obbediscono al padrone.
          • Livio scrive:
            Re: proposta per La Redazione
            Per spargere insegnamenti di democrazia sei piuttosto intollerante!
          • Ubunto scrive:
            Re: proposta per La Redazione
            - Scritto da: Livio
            Per spargere insegnamenti di democrazia sei
            piuttosto
            intollerante!Sono intransigente, la tolleranza non centra nulla con le regole ed i fatti.Una donna non può essere "un po' in cinta", o è gravida o non lo è.Allo stesso modo un politico non può essere un po' coinvolto in affari torbidi, non deve esserlo per nessun motivo, anche se viene eletto democraticamente.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 07 luglio 2010 01.18-----------------------------------------------------------
          • Livio scrive:
            Re: proposta per La Redazione
            - Scritto da: Ubunto
            - Scritto da: Livio

            Per spargere insegnamenti di democrazia sei

            piuttosto

            intollerante!

            Sono intransigente, la tolleranza non centra
            nulla con le regole ed i
            fatti.La tua non è intransigenza è già intolleranza.Il resto è coreografia.
            Una donna non può essere "un po' in cinta", o è
            gravida o non lo
            è.Un esempio può essere pertinente oppure no e il tuo non lo è.
            Allo stesso modo un politico non può essere un
            po' coinvolto in affari torbidi, non deve esserlo
            per nessun motivo, anche se viene eletto
            democraticamente.Si ma nulla c'azzecca che tu sei troppo intollerante per pretendere di dare lezioni di democrazia.Poi puoi rispondere OT ogni volta che va bene ugualmente.
          • Ubunto scrive:
            Re: proposta per La Redazione
            - Scritto da: Livio
            - Scritto da: Ubunto

            - Scritto da: Livio


            Per spargere insegnamenti di democrazia sei


            piuttosto


            intollerante!



            Sono intransigente, la tolleranza non centra

            nulla con le regole ed i

            fatti.

            La tua non è intransigenza è già intolleranza.
            Il resto è coreografia.Intolleranza verso cosa? Argomenta dato che parli di pertinenza,
    • non so scrive:
      Re: proposta per La Redazione
      - Scritto da: bertuccia
      sarebbe interessante un articolo in cui
      si analizza il motivo di questo attacco mediatico
      massivo ai danni di Apple.perchè fa odiens, prima rendeva di più scrivere su microsoft, ma non crederai che tutto quello che si scrive è vero.. oppure credi che Elvis sia vivo e che Paul McCartney sia stato clonato ? :-)
  • lordream scrive:
    imho
    imho bisogna aspettare un paio di giorni e lasciare il tempo agli analisti di controllare codice e log prima di sparare sul phishing o altro.. qualunque cosa sia successa è indubbio che un controllo piu accurato ed una maggior propensione all'open source favorirebbero policy di sicurezza piu adeguate e meno rischi per l'utenza..
    • Livio scrive:
      Re: imho
      - Scritto da: lordream
      imho bisogna aspettare un paio di giorni e
      lasciare il tempo agli analisti di controllare
      codice e log prima di sparare sul phishing o
      altro.. qualunque cosa sia successa è indubbio
      che un controllo piu accurato ed una maggior
      propensione all'open source favorirebbero policy
      di sicurezza piu adeguate e meno rischi per
      l'utenza..Se si tratta di uno che ha pensato fare la furbata pensando che non venisse scoperto, qui l'open source non c'azzecca molto.
    • bertuccia scrive:
      Re: imho
      - Scritto da: lordream

      una maggior
      propensione all'open source favorirebbero policy
      di sicurezza piu adeguate e meno rischi per
      l'utenza..ma fammi il piacere.ok la prima parte dove dici che ci va più controllo.ma questo è codice compilato con i tool e le librerie di apple.ci mettono niente a disassemblare e guardarlo come se fosse opensource, e se cerchi di offuscare in qualche modo ovviamente ti tiri solo la zappa sui piedi.se fosse stato open il problema si poneva alla stessa identica maniera
      • lordream scrive:
        Re: imho
        - Scritto da: bertuccia
        - Scritto da: lordream



        una maggior

        propensione all'open source favorirebbero policy

        di sicurezza piu adeguate e meno rischi per

        l'utenza..

        ma fammi il piacere.

        ok la prima parte dove dici che ci va più
        controllo.

        ma questo è codice compilato con i tool e le
        librerie di
        apple.
        ci mettono niente a disassemblare e guardarlo
        come se fosse opensource, e se cerchi di
        offuscare in qualche modo ovviamente ti tiri solo
        la zappa sui
        piedi.si ma chi lo farebbe visto che non puo vedere il codice nativo e non hai una comunità come quella open source dietro?.. la comunità degli applefan? che tutto sono meno che alfabetizzati informaticamente?

        se fosse stato open il problema si poneva alla
        stessa identica
        manierase il tutto fosse open source il problema non sussisterebbe e coi repository come quelli di debian la sicurezza sarebbe molto elevata sia per il sistema che per gli utenti
        • Livio scrive:
          Re: imho
          - Scritto da: lordream
          si ma chi lo farebbe visto che non puo vedere il
          codice nativo e non hai una comunità come quella
          open source dietro?.. la comunità degli applefan?
          che tutto sono meno che alfabetizzati
          informaticamente?
          Chi deve controllare?Certo che c'è gente che riesce ad infgilare l'open source pure nel panino al salame pu di riempirsi la bocca.



          se fosse stato open il problema si poneva alla

          stessa identica

          maniera

          se il tutto fosse open source il problema non
          sussisterebbe e coi repository come quelli di
          debian la sicurezza sarebbe molto elevata sia per
          il sistema che per gli
          utentiAncora tutto da dimostrare immagino o abbiamo degli studi in merito a questo tema?
          • lordream scrive:
            Re: imho
            - Scritto da: Livio
            - Scritto da: lordream


            si ma chi lo farebbe visto che non puo vedere il

            codice nativo e non hai una comunità come quella

            open source dietro?.. la comunità degli
            applefan?

            che tutto sono meno che alfabetizzati

            informaticamente?



            Chi deve controllare?
            Certo che c'è gente che riesce ad infgilare
            l'open source pure nel panino al salame pu di
            riempirsi la
            bocca.se non sai di che parlo non ci sta il bisogno che lo fai notare rispondendo a caso eh.. basta dire non ho capito una singola parola di quello che hai scritto e io te lo spiego di nuovo con parole piu semplici..







            se fosse stato open il problema si poneva alla


            stessa identica


            maniera



            se il tutto fosse open source il problema non

            sussisterebbe e coi repository come quelli di

            debian la sicurezza sarebbe molto elevata sia
            per

            il sistema che per gli

            utenti

            Ancora tutto da dimostrare immagino o abbiamo
            degli studi in merito a questo
            tema?humm.. ok non sai cosa sono i repository e non sai cosa sono i repository debian.. se mi chiedi gentilmente di spiegartelo posso farlo.. basta chiedere..tu devi vendere il pesce e basta.. quello lo sai fare (cit da telefonata ai fratelli capone)
          • Livio scrive:
            Re: imho
            Se per ingannare il tempo scrivi le prime cose che ti transicano nella scatola cranica, perché non vai a farlo in altri lidi a te più consoni?
          • lordream scrive:
            Re: imho
            non mi va
  • Amedeo Mantica scrive:
    Phishing non è Vulnerabilità
    Per quanto ho appreso, gli utenti sono state vittime dell'ormai famoso Phishing ( http://it.wikipedia.org/wiki/Phishing ); fenomeno che purtroppo è diventato molto frequente.Le aziende più colpite sono PayPal, eBay, CartaSI, (microsoft (MSN) Poste Italiane, le Banche etc...Apple, come nessuna delle aziende/enti sopra citati sono colpevoli, purtroppo la causa è da imputare all'ignoranza dell'utente medio.Ignoranza su cui purtroppo è molto difficile intervenire.
    • Gigi scrive:
      Re: Phishing non è Vulnerabilità
      certo e invece quando l'utonto windows clicca avanti avanti avanti la colpa non è dell'utonto ma di windows, eh?
      • Innovatore scrive:
        Re: Phishing non è Vulnerabilità
        Sai cosa é il fishing, vero ?
        • Gigi scrive:
          Re: Phishing non è Vulnerabilità
          - Scritto da: Innovatore
          Sai cosa é il f ishing, vero ?no, una tecnica di pesca?
          • scrotone scrive:
            Re: Phishing non è Vulnerabilità
            - Scritto da: Gigi
            - Scritto da: Innovatore

            Sai cosa é il f ishing, vero ?

            no, una tecnica di pesca?Si, dove ad abboccare sono gli XXXXXXX.
          • Difensore scrive:
            Re: Phishing non è Vulnerabilità
            Allora tu abbocchi spesso
        • scrotone scrive:
          Re: Phishing non è Vulnerabilità
          - Scritto da: Innovatore
          Sai cosa é il fishing, vero ?Ma che domande fai? E' chiaro che non lo sa.
        • Legione scrive:
          Re: Phishing non è Vulnerabilità
          - Scritto da: Innovatore
          Sai cosa é il fishing, vero ?fishing???
          • Innovatore scrive:
            Re: Phishing non è Vulnerabilità
            Pignoli: PHISHING :-oSai cosa é ?
          • Gigi scrive:
            Re: Phishing non è Vulnerabilità
            pignoli? ma se non sai nemmeno come si scrive vuoi venire a fare la predica a me?
          • Innovatore scrive:
            Re: Phishing non è Vulnerabilità
            Vi sto che non mi rispondi :http://it.wikipedia.org/wiki/PhishingCosi ora IO cerchero' di stare piu' attento alle mie dita e TU impari il significato di quella parola che tu non avrai MAI sbagliato a scrivere PS: http://punto-informatico.it/policy.asp , sempre utile ;)
          • Innovatore scrive:
            Re: Phishing non è Vulnerabilità
            PS: http://punto-informatico.it/policy.asp , sempre utile
          • Innovatore scrive:
            Re: Phishing non è Vulnerabilità
            NIente, non riesco . ho le dita ballerine . Se ti va é cosi altrimenti é cosi :D
          • Funz scrive:
            Re: Phishing non è Vulnerabilità
            - Scritto da: Legione
            - Scritto da: Innovatore

            Sai cosa é il fishing, vero ?
            fishing???fisting?
        • scrotone scrive:
          Re: Phishing non è Vulnerabilità
          ah, e a quanto pare non lo sai nemmeno tu!
    • Shu scrive:
      Re: Phishing non è Vulnerabilità
      - Scritto da: Amedeo Mantica
      Per quanto ho appreso, gli utenti sono state
      vittime dell'ormai famoso Phishing (
      http://it.wikipedia.org/wiki/Phishing ); fenomeno
      che purtroppo è diventato molto
      frequente.Phishing diventa vulnerabilità nel momento in cui un'azienda dichiara di verificare una per una le applicazioni che vengono pubblicate nel suo store per garantire la sicurezza degli utenti.Ecco, questa è una vulnerabilità (del sistema di controllo, non del software), e Apple è responsabile.Bye.
      • Innovatore scrive:
        Re: Phishing non è Vulnerabilità
        - Scritto da: Shu
        - Scritto da: Amedeo Mantica


        Per quanto ho appreso, gli utenti sono state

        vittime dell'ormai famoso Phishing (

        http://it.wikipedia.org/wiki/Phishing );
        fenomeno

        che purtroppo è diventato molto

        frequente.

        Phishing diventa vulnerabilità nel momento in cui
        un'azienda dichiara di verificare una per una le
        applicazioni che vengono pubblicate nel suo store
        per garantire la sicurezza degli
        utenti.Mmmmhh non proprio , Apple ti garantisce che l'app non sia dannosa per il device (non occupa tutta la ram, non frigge la batteria, ecc)
      • Livio scrive:
        Re: Phishing non è Vulnerabilità
        Questa definizione la si usa solo a casa tua o vale per tutti?
      • Amedeo Mantica scrive:
        Re: Phishing non è Vulnerabilità
        Infatti, grazie al suo sistema, Apple conosce bene l'autore e può andare a bussare legalmente a casa sua e rimborsare gli utenti.
        • panda rossa scrive:
          Re: Phishing non è Vulnerabilità
          - Scritto da: Amedeo Mantica
          Infatti, grazie al suo sistema, Apple conosce
          bene l'autore e può andare a bussare legalmente a
          casa sua e rimborsare gli
          utenti.Nel frattempo restiamo in attesa.Quando comparira' un articolo su P.I. dal titolo: "Beccato il vietnamita del phishing su iPhone e condannato a rifondere tutti i truffati", allora ti daro' ragione.Fissiamo un tempo limite, o consideriamo l'intervallo aperto?
          • Livio scrive:
            Re: Phishing non è Vulnerabilità
            Hai una idea di come ci si debba registrare per pubblicare sull'app store o anche qui palesi che parli senza sapere le cose?
          • bertuccia scrive:
            Re: Phishing non è Vulnerabilità
            - Scritto da: Livio
            Hai una idea di come ci si debba registrare per
            pubblicare sull'app store o anche qui palesi che
            parli senza sapere le
            cose?quoto, panda rossa hai toppatobisogna faxare alla Apple i documenti legali relativi alla propria attività, dati che vengono controllati uno a uno dal personale della Apple.a meno che questo tizio non sia riuscito a XXXXXXX i documenti di qualche azienda, ma la vedo dura..
          • Livio scrive:
            Re: Phishing non è Vulnerabilità
            E se c'è riuscito è stato bravo.Comunque l'ha pensata bene. Unico problema è poi sparire coi soldi senza lasciare traccie.
          • Livio scrive:
            Re: Phishing non è Vulnerabilità

            tracc i e.vedo che ti sei fermato alla prima elementare...ora tutto si spiega
          • Torna registrato scrive:
            Re: Phishing non è Vulnerabilità
            E tu quando ci andrai? Così impari la punteggiatura e le maiuscole?
          • panda rossa scrive:
            Re: Phishing non è Vulnerabilità
            - Scritto da: Livio
            Hai una idea di come ci si debba registrare per
            pubblicare sull'app store o anche qui palesi che
            parli senza sapere le
            cose?Mi basta leggere l'articolo.Basta creare una app bellina, che non contenga sesso, che non contenga roba sconveniente per apple, che passi i loro controlli formali...
          • scrotone scrive:
            Re: Phishing non è Vulnerabilità
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Livio

            Hai una idea di come ci si debba registrare per

            pubblicare sull'app store o anche qui palesi che

            parli senza sapere le

            cose?

            Mi basta leggere l'articolo.
            Basta creare una app bellina, che non contenga
            sesso, che non contenga roba sconveniente per
            apple, che passi i loro controlli
            formali...Hai dimenticato un dettaglio: che funzioni. Il che ti taglia subito fuori dalla cerchia dei potenziali programmatori.
          • Livio scrive:
            Re: Phishing non è Vulnerabilità
            Praticamente non sai una cippa di come funziona!
          • scrotone scrive:
            Re: Phishing non è Vulnerabilità
            - Scritto da: panda rossa
            Nel frattempo restiamo in attesa.
            Quando comparira' un articolo su P.I. dal titolo:
            "Beccato il vietnamita del phishing su iPhone e
            condannato a rifondere tutti i truffati", allora
            ti daro' ragione.Quindi tu prendi gli articoli di PI come la verità assoluta? Questo spiega molte cose sul tuo conto.
            Fissiamo un tempo limite, o consideriamo
            l'intervallo aperto?E' una battuta? Davvero squallida.
          • panda rossa scrive:
            Re: Phishing non è Vulnerabilità
            - Scritto da: scrotone
            - Scritto da: panda rossa

            Nel frattempo restiamo in attesa.

            Quando comparira' un articolo su P.I. dal
            titolo:

            "Beccato il vietnamita del phishing su iPhone e

            condannato a rifondere tutti i truffati", allora

            ti daro' ragione.
            Quindi tu prendi gli articoli di PI come la
            verità assoluta? Questo spiega molte cose sul tuo
            conto.Quindi tu sostieni che PI scriva delle balle.Mi chiedo perche' stai qui a perdere tempo a leggere.
    • scrotone scrive:
      Re: Phishing non è Vulnerabilità
      - Scritto da: Amedeo Mantica
      Per quanto ho appreso, gli utenti sono state
      vittime dell'ormai famoso Phishing (
      http://it.wikipedia.org/wiki/Phishing ); fenomeno
      che purtroppo è diventato molto
      frequente.
      Le aziende più colpite sono PayPal, eBay,
      CartaSI, (microsoft (MSN) Poste Italiane, le
      Banche
      etc...

      Apple, come nessuna delle aziende/enti sopra
      citati sono colpevoli, purtroppo la causa è da
      imputare all'ignoranza dell'utente
      medio.Qui ci sono molti esempi infatti.
      Ignoranza su cui purtroppo è molto difficile
      intervenire.Tu ne sai qualcosa, vero?
      • Amedeo Mantica scrive:
        Re: Phishing non è Vulnerabilità
        Si, ogni volta che leggo qualche articolo su P.I. mi rendo conto di essere sempre più circondato da ignoranti; non posso farci nulla.Ad ogni modo... a casa mia la caldaia funziona.
        • scrotone scrive:
          Re: Phishing non è Vulnerabilità
          - Scritto da: Amedeo Mantica
          Si, ogni volta che leggo qualche articolo su P.I.
          mi rendo conto di essere sempre più circondato da
          ignoranti; non posso farci
          nulla.Si invece. Se tu te ne vai ci sarebbe un ignorante in meno.
          Ad ogni modo... a casa mia la caldaia funziona.Da me funziona bene il XXXXX invece.
  • Shu scrive:
    Controlli AppStore
    Quello che forse nessuno ha fatto notare finora è che il tutto non è avvenuto hackerando i server iTunes o altro, ma semplicemente mettendo nell'AppStore delle applicazioni di phishing, che hanno raccolto dati per qualche mese e poi sono state sfruttate contemporaneamente lo stesso giorno.http://thenextweb.com/apple/2010/07/04/appstore-hack-itunes/Esattamente lo scenario che ho prospettato diversi mesi fa quando si criticava il modello di "non controllo" dell'Android Store. Io l'avevo ipotizzato con le banche, ma la situazione è la stessa.E questo prova che il controllo di Apple non serve a niente.Bye.
    • Formalmente Errato scrive:
      Re: Controlli AppStore
      - Scritto da: Shu
      Quello che forse nessuno ha fatto notare finora è
      che il tutto non è avvenuto hackerando i server
      iTunes o altro, ma semplicemente mettendo
      nell'AppStore delle applicazioni di phishing, che
      hanno raccolto dati per qualche mese e poi sono
      state sfruttate contemporaneamente lo stesso
      giorno.

      http://thenextweb.com/apple/2010/07/04/appstore-ha

      Esattamente lo scenario che ho prospettato
      diversi mesi fa quando si criticava il modello di
      "non controllo" dell'Android Store. Io l'avevo
      ipotizzato con le banche, ma la situazione è la
      stessa.

      E questo prova che il controllo di Apple non
      serve a
      niente.

      Bye.basta creare (per puro esempio) un applicazione chiamata Banca lntesa. notare la L minuscola all'inizio della seconda parola. chi la scarica potrebbe fidarsi, inserire i propri codici... controlli o meno, o ti metti persone che conoscono ogni cosa di ogni paese in ogni lingua a controllare ogni applicazione o è inutile
    • FDG scrive:
      Re: Controlli AppStore
      - Scritto da: Shu
      Esattamente lo scenario che ho prospettato
      diversi mesi fa quando si criticava il modello di
      "non controllo" dell'Android Store. Io l'avevo
      ipotizzato con le banche, ma la situazione è la
      stessa.

      E questo prova che il controllo di Apple non
      serve a niente.La differenza, oggettiva, è che in questo modo appena qualcuno si accorge che un'applicazione ha qualcosa che non va questa viene tolta dalla circolazione. Se la circolazione è libera l'applicazione continuerà ad imperversare. E siccome ti devi sempre affidare ad una fonte sicura per controllare se le applicazioni che installi non siano pericolose, questa fonte sicura diventa un software anti-malaware.Nota: non sono qui per difendere le scelte di Apple, che potrebbero anche non piacere a me.
      • Livio scrive:
        Re: Controlli AppStore
        E soprattutto hanno eliminato l'account dello sviluppatore disonesto rimuovendo de facto tutte le sue app o meglio i suoi book
    • Livio scrive:
      Re: Controlli AppStore
      - Scritto da: Shu

      E questo prova che il controllo di Apple non
      serve a
      niente.
      falso, prova semplicemente che un controllo può limitare i danni rispetto ad una situazione di totale assenza di controllo.
    • ruppolo scrive:
      Re: Controlli AppStore
      - Scritto da: Shu
      Quello che forse nessuno ha fatto notare finora è
      che il tutto non è avvenuto hackerando i server
      iTunes o altro, ma semplicemente mettendo
      nell'AppStore delle applicazioni di phishing, che
      hanno raccolto dati per qualche mese e poi sono
      state sfruttate contemporaneamente lo stesso
      giorno.E quale sarebbe, o quali sarebbero, queste applicazioni?

      http://thenextweb.com/apple/2010/07/04/appstore-ha

      Esattamente lo scenario che ho prospettato
      diversi mesi fa quando si criticava il modello di
      "non controllo" dell'Android Store. Io l'avevo
      ipotizzato con le banche, ma la situazione è la
      stessa.

      E questo prova che il controllo di Apple non
      serve a
      niente.

      Bye.Per ora stai parlando di aria fritta.
      • Livio scrive:
        Re: Controlli AppStore
        Ma non si trattava di book?
        • ruppolo scrive:
          Re: Controlli AppStore
          - Scritto da: Livio
          Ma non si trattava di book?Appunto, quindi mi piacerebbe sapere come fa il book a fare phishing...
          • Livio scrive:
            Re: Controlli AppStore
            Concordo
          • Livio scrive:
            Re: Controlli AppStore
            già sono talmente idiota che concordo anche io
          • Torna da registrato scrive:
            Re: Controlli AppStore
            Tu sei idiota a prescindere, clonetto!
          • Torna da registrato scrive:
            Re: Controlli AppStore
            Un clonetto
          • Torna da registrato scrive:
            Re: Controlli AppStore
            toh l'inconcludente
          • vivo scrive:
            Re: Controlli AppStore
            Figuriamoci tu...http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2933292&m=2935028#p2935028
          • lordream scrive:
            Re: Controlli AppStore
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: Livio

            Ma non si trattava di book?

            Appunto, quindi mi piacerebbe sapere come fa il
            book a fare
            phishing...perchè il book è una app.. non si tratta di pdf o txt ma di una vera app con ricerca interna evidenziazione browsing e altre robe.. facile che sia stato costruito apposta per lavorare in questo modo.. quello che non mi convince è che sia passato al controllo.. presumo che il recupero dati non sia avvenuto con la app ma nei soliti modi..
        • vivo scrive:
          Re: Controlli AppStore
          - Scritto da: Livio
          Ma non si trattava di book?Nessuno pensava che potessi capirci qualcosa
          • Livio scrive:
            Re: Controlli AppStore
            Forse ma col tuo post s'è capito che non l'hai capita.
          • vivo scrive:
            Re: Controlli AppStore
            Ruppolo, aka yellow, aka ciao, cambia tattica.Mi rendo conto che sei in difficoltà tremenda perché tutte le mie previsioni si sono avverate e iPhone4 e iPad si sono rivelati due flop colossali e Android sta volando, distruggendo il mercato di iOS.Ma parlare ancora per "specchio riflesso" a 50 anni è davvero troppo.
          • Livio scrive:
            Re: Controlli AppStore
            Capisco che hai anche questo clone, ma capisco anche che non ci azzecchi mai Tom.
          • Livio scrive:
            Re: Controlli AppStore
            finito di sparare razzate?
          • Torna registrato scrive:
            Re: Controlli AppStore
            Continua pure tu che sei più bravo tometto clonetto
    • Aleph72 scrive:
      Re: Controlli AppStore
      - Scritto da: Shu
      Quello che forse nessuno ha fatto notare finora è
      che il tutto non è avvenuto hackerando i server
      iTunes o altro, ma semplicemente mettendo
      nell'AppStore delle applicazioni di phishing, A me invece pare aver capito che il tipo sviluppava apps per Cydia.Quindi le app di phishing erano su Cydia, non sull'App Store.La cosa è ben diversa!
      • Livio scrive:
        Re: Controlli AppStore
        - Scritto da: Aleph72
        - Scritto da: Shu

        Quello che forse nessuno ha fatto notare finora
        è

        che il tutto non è avvenuto hackerando i server

        iTunes o altro, ma semplicemente mettendo

        nell'AppStore delle applicazioni di phishing,

        A me invece pare aver capito che il tipo
        sviluppava apps per
        Cydia.
        Quindi le app di phishing erano su Cydia, non
        sull'App
        Store.
        La cosa è ben diversa!E come avrebbe fatto a pubblicarle sull'app store?
        • Aleph72 scrive:
          Re: Controlli AppStore
          - Scritto da: Livio
          - Scritto da: Aleph72

          - Scritto da: Shu


          Quello che forse nessuno ha fatto notare
          finora

          è


          che il tutto non è avvenuto hackerando i
          server


          iTunes o altro, ma semplicemente mettendo


          nell'AppStore delle applicazioni di phishing,



          A me invece pare aver capito che il tipo

          sviluppava apps per

          Cydia.

          Quindi le app di phishing erano su Cydia, non

          sull'App

          Store.

          La cosa è ben diversa!

          E come avrebbe fatto a pubblicarle sull'app store?Dove hai letto che sono state pubblicate sull'app store?Da quello che ho capito io, questo tizio grazie alle sue app su Cydia ha ottenuto le pass degli utenti (che evidentemente usavano la stessa pass sia per Cydia che per App Store) e le ha usate per fare acquisti sull'App Store...
          • Livio scrive:
            Re: Controlli AppStore
            - Scritto da: Aleph72
            Dove hai letto che sono state pubblicate sull'app
            store?dalla rete, GIYF
            Da quello che ho capito io, questo tizio grazie
            alle sue app su Cydia ha ottenuto le pass degli
            utenti (che evidentemente usavano la stessa pass
            sia per Cydia che per App Store) e le ha usate
            per fare acquisti sull'App
            Store...E dove lo hai letto?
          • Aleph72 scrive:
            Re: Controlli AppStore
            - Scritto da: Livio
            - Scritto da: Aleph72




            Dove hai letto che sono state pubblicate
            sull'app

            store?

            dalla rete, GIYF



            Da quello che ho capito io, questo tizio grazie

            alle sue app su Cydia ha ottenuto le pass degli

            utenti (che evidentemente usavano la stessa pass

            sia per Cydia che per App Store) e le ha usate

            per fare acquisti sull'App

            Store...

            E dove lo hai letto?Da uno dei link postati in questo thread... se lo ritrovo lo riposto.
          • Livio scrive:
            Re: Controlli AppStore
            Ottimo, perché risulterebbe altro.
  • pentolino scrive:
    Una vulnerabilità inaccettabile
    Ecco quello che io dico da anni; io trovo inammissibile che nel mio account apple pretendano di registrare le informazioni della mia carta di credito come unico metodo per pagare.Ma perchè le devono registrare? Quando devo acquistare qualcosa faccio così: registro la carta, acquisto e deregistro, per "simulare" un' immissione "one shot".Ma sono convinto che invece tanti regsitrano la loro carta di credito e si ritrovano di queste sorprese; e la colpa di chi è? Di apple o degli utenti? Io direi di entrambi, ma certo il modo di fare di Apple induce l' utente in errore.
    • gnulinux86 scrive:
      Re: Una vulnerabilità inaccettabile
      Apple in quanto a sicurezza e privacy è peggiorata in maniera incredibile:http://www.webnews.it/news/leggi/13183/apple-vede-registra-e-condivide-la-tua-posizione/
      • Livio scrive:
        Re: Una vulnerabilità inaccettabile
        Beh io mi preoccuperei dapprima di google.
        • gnulinux86 scrive:
          Re: Una vulnerabilità inaccettabile
          Di tutti e due.
          • Livio scrive:
            Re: Una vulnerabilità inaccettabile
            O primaci si occupa di chi ti sniffa senza dire nulla.
        • lordream scrive:
          Re: Una vulnerabilità inaccettabile
          - Scritto da: Livio
          Beh io mi preoccuperei dapprima di google.non ho dato il numero di carta a google
          • Livio scrive:
            Re: Una vulnerabilità inaccettabile
            Non serve se l'è sniffata da sola.
          • lordream scrive:
            Re: Una vulnerabilità inaccettabile
            - Scritto da: Livio
            Non serve se l'è sniffata da sola.ma come sei intelligente.. insegna a tutti come fai a scrivere cose cosi intelligenti che stimolano l'intelligenza e che rendono piu intelligentips. livio nel caso non lo avessi capito era ironico il commento
          • Livio scrive:
            Re: Una vulnerabilità inaccettabile
            Intelligenza sopraffina la tua.
          • Livio scrive:
            Re: Una vulnerabilità inaccettabile
            ci vuole poco per essere meglio di te
          • Torna registrato scrive:
            Re: Una vulnerabilità inaccettabile
            Ancor meno per essere meglio di te, tometto!
      • FDG scrive:
        Re: Una vulnerabilità inaccettabile
        - Scritto da: gnulinux86
        Apple in quanto a sicurezza e privacy è
        peggiorata in maniera
        incredibile:

        http://www.webnews.it/news/leggi/13183/apple-vede-Si parla di sicurezza, non di privacy...
    • Livio scrive:
      Re: Una vulnerabilità inaccettabile
      - Scritto da: pentolino
      Ecco quello che io dico da anni; io trovo
      inammissibile che nel mio account apple
      pretendano di registrare le informazioni della
      mia carta di credito come unico metodo per
      pagare.A parte il fatto che non è l'unico metodo di pagamento, ma guarda che ci sono vari siti che ti permettono di tenerla memorizzata per "far più veloce" alla prossima visita.
      Ma perchè le devono registrare?Devono?Guarda che puoi inserirla per l'acquisto e poi cancellarla.Secondo te, se non attivi una carta di credito nel tuo account, poi, dal telefonino, come fai a comprare un app che non è gratuita? Quando devo
      acquistare qualcosa faccio così: registro la
      carta, acquisto e deregistro, per "simulare" un'
      immissione "one
      shot".E se non sei al PC e vuoi comprarti un app dal dispositivo come fai?
      Ma sono convinto che invece tanti regsitrano la
      loro carta di credito e si ritrovano di queste
      sorprese;A quanto si legge non è capitato a tutti in modo sistematico. e la colpa di chi è? Di apple o degli
      utenti? Io direi di entrambi, ma certo il modo di
      fare di Apple induce l' utente in
      errore.Invece di critiche poco costruttive, si propongano soluzioni utili.
      • Formalmente Errato scrive:
        Re: Una vulnerabilità inaccettabile
        - Scritto da: Livio

        E se non sei al PC e vuoi comprarti un app dal
        dispositivo come
        fai?non so col tuo iPhone ma col mio Nokia, le volte che ho dovuto comprare qualcosa su internet dal telefonino, e spazio tra ricariche a prodotti online per poi andarli a ritirare al momento dato che mi trovavo per caso sotto al punto vendita, ho sempre inserito 16 cifre dalla tastiera del mio telefono... non è cosi difficile...d'altronde ne il cellulare ne il pc hanno un tastierino encryptor tipo quello dei bancomat... non vedo il problema ad inserire 16 cifre da telefono.
        • Livio scrive:
          Re: Una vulnerabilità inaccettabile
          - Scritto da: Formalmente Errato

          non so col tuo iPhone ma col mio Nokia, le volte
          che ho dovuto comprare qualcosa su internet dal
          telefonino, e spazio tra ricariche a prodotti
          online per poi andarli a ritirare al momento dato
          che mi trovavo per caso sotto al punto vendita,
          ho sempre inserito 16 cifre dalla tastiera del
          mio telefono... non è cosi
          difficile...Guarda che non è un disonore chiedere come funziona l'app store se lo si ignora.
          d'altronde ne il cellulare ne il pc hanno un
          tastierino encryptor tipo quello dei bancomat...
          non vedo il problema ad inserire 16 cifre da
          telefono.Vedi sopra.
          • Formalmente Errato scrive:
            Re: Una vulnerabilità inaccettabile
            - Scritto da: Livio

            Guarda che non è un disonore chiedere come
            funziona l'app store se lo si
            ignora.
            Evidentemente tale appstore è fatto col (|) (simbolo relativo ad un antico strumento di cultura celtica, dal nome non pronunciabile, che si usava per realizzare un po di tutto in maniera sommaria e senza impegno)
      • pentolino scrive:
        Re: Una vulnerabilità inaccettabile
        - Scritto da: Livio

        A parte il fatto che non è l'unico metodo di
        pagamento, hai ragione, dopo avere riletto l' intervento e prima di postarlo, stavo per precisarlo ma mi sembrava una perdita di tempo.Vale lo stesso per tutti gli altri metodi di pagamento.
        ma guarda che ci sono vari siti che ti
        permettono di tenerla memorizzata per "far più
        veloce" alla prossima
        visita.appunto, quindi se sbagliano tutti è tutto ok no?
        Devono?Va meglio "vogliono"?
        Guarda che puoi inserirla per l'acquisto e poi
        cancellarla.Non sarebbe più semplice chiedermela ogni volta?
        Secondo te, se non attivi una carta di credito
        nel tuo account, poi, dal telefonino, come fai a
        comprare un app che non è
        gratuita?non possiedo telefonini che accedano all' app store, gli acquisti li faccio solo da pc, o meglio da mac

        A quanto si legge non è capitato a tutti in modo
        sistematico.ma a molti sì, a me questo basta

        Invece di critiche poco costruttive, si
        propongano soluzioni
        utili.tipo chiedere di volta la carta come scritto nel primo post?Ma pensa prima di scrivere, va...
        • Livio scrive:
          Re: Una vulnerabilità inaccettabile
          - Scritto da: pentolino

          ma guarda che ci sono vari siti che ti

          permettono di tenerla memorizzata per "far più

          veloce" alla prossima

          visita.

          appunto, quindi se sbagliano tutti è tutto ok no?
          Sei tu che starnazzi se lo fa la apple.


          Guarda che puoi inserirla per l'acquisto e poi

          cancellarla.

          Non sarebbe più semplice chiedermela ogni volta?
          Visto che sai solo criticare, perché non vai a riprogrammare tutto il loro store online?

          non possiedo telefonini che accedano all' app
          store, gli acquisti li faccio solo da pc, o
          meglio da
          macCioè fammi capire, sto a leggere tuoi post critici sull'appstore e sul suo funzionamento per poi scoprire che non sai una mazza di come funzionano gli acquisti su appstore via il dispositivo mobile?
          Ma pensa prima di scrivere, va...Appunto, pensa prima di scrivere su cose che poco conosci, va.
          • pentolino scrive:
            Re: Una vulnerabilità inaccettabile

            - Scritto da: Livioalle trollate pure non sto a rispondere


            Cioè fammi capire, sto a leggere tuoi post
            critici sull'appstore e sul suo funzionamento per
            poi scoprire che non sai una mazza di come
            funzionano gli acquisti su appstore via il
            dispositivo
            mobile?cioè fammi capire, hai letto quello che ho scritto? Ho scritto che non ho mai acquistato dall' app store? FALSO. Ho scritto che "non possiedo un telfono che..." e a me sembrano cose diverse.Questo non mi ha impedito di:- acquistare app sull' app store per regalarle a mia moglie che ha l' iphone- acquistare musica su itunesE appunto critico il meccanismo e me ben noto per cui devo registrare la carta di credito sull' account prima di acquistare; non esite la possibilità di umputare i dati al checkout. E' una sottile differenza ma a me sembra rilevante
          • Livio scrive:
            Re: Una vulnerabilità inaccettabile
            - Scritto da: pentolino
            E appunto critico il meccanismo e me ben noto per
            cui devo registrare la carta di credito sull'
            account prima di acquistare; non esite la
            possibilità di umputare i dati al checkout. E'
            una sottile differenza ma a me sembra
            rilevanteE reitero la domanda, se non hai registrata la carta di credito nel tuo account come fai ad acqusitare app/book via iphone?
          • pentolino scrive:
            Re: Una vulnerabilità inaccettabile
            Non hai mai visto un sito in cui al momento di pagare ci sono dei campi (oltre a nome, cognome, indirizzo etc.) che ti chiedono numero carta, tipo carta etc?E sì, li devi imputare ogni volta, non vedo dove sia il problema.Non c'è NESSUNA NECESSITA' da parte dell' esercente del negozio di memorizzare i dati della tua carta di credito per un tempo superiore alla durata della transazione corrente. Invece nell' Apple Store per aggirare questa loro assurda richiesta ci tocca fare come facciamo io e panda rossa:1. registriamo la carta di credito2. facciamo l' acquisto3. deregistriamo la cartaed in caso di nuovi acquisti si riparte dal punto 1.A me sembra tempo perso...
          • Livio scrive:
            Re: Una vulnerabilità inaccettabile
            A me sembra tempo perso disquisire con chi non ha la benché minima idea di come funzionano gli acquisti su appstore dal cellulare e insiste a criticare senza apportare soluzioni.
          • JonnyLolla scrive:
            Re: Una vulnerabilità inaccettabile
            - Scritto da: Livio
            A me sembra tempo perso disquisire con chi non ha
            la benché minima idea di come funzionano gli
            acquisti su appstore dal cellulare e insiste a
            criticare senza apportare
            soluzioni.RUPPOLO: e falla finita perdioma fatti una vita, XXXXXXXX!
          • Gesualdo scrive:
            Re: Una vulnerabilità inaccettabile
            - Scritto da: pentolino
            E sì, li devi imputare ogni volta, non vedo doveUsiamo l'italiano, vuoi? "immettere" suona molto meglio.
          • pentolino scrive:
            Re: Una vulnerabilità inaccettabile
            hai ragione, imputare non c' entra una mazza :-)Roba scritta di fretta senza rileggere, capita!
          • Livio scrive:
            Re: Una vulnerabilità inaccettabile
            - Scritto da: pentolino
            Non hai mai visto un sito in cui al momento di
            pagare ci sono dei campi (oltre a nome, cognome,
            indirizzo etc.) che ti chiedono numero carta,
            tipo carta
            etc?Reitero la domanda visto che continui a glissare. Hai la vaga idea di come è impostato l'appstore da iphone/touch/ipad?
            E sì, li devi imputare ogni volta, non vedo dove
            sia il
            problema.Stai dicendo tutto da solo, mai sostenuto che vi fosse un problema.
            Non c'è NESSUNA NECESSITA' da parte dell'
            esercente del negozio di memorizzare i dati della
            tua carta di credito per un tempo superiore alla
            durata della transazione corrente.Oppure è un servizio al cliente abituale per evitare appunto di dover reimmettere sempre le 16 cifre + data

            Invece nell' Apple Store per aggirare questa loro
            assurda richiesta ci tocca fare come facciamo io
            e panda
            rossa:
            1. registriamo la carta di credito
            2. facciamo l' acquisto
            3. deregistriamo la cartaAssurda dal tuo punto di vista monotematico.

            ed in caso di nuovi acquisti si riparte dal punto
            1.
            A me sembra tempo perso...A me par tempo perso discutere con chi sa poco dell'argomento su cui scrive.
          • pentolino scrive:
            Re: Una vulnerabilità inaccettabile
            - Scritto da: Livio
            Reitero la domanda visto che continui a glissare.
            Hai la vaga idea di come è impostato l'appstore
            da
            iphone/touch/ipad?sì è lo ho anche usato; questo non è in contraddizione con quanto faccio abitualmente (compro solo da mac) ne' con quanto ho scritto (non ho un telefono che acceda all' app store).Sul resto non sto nemmeno a rispondere, se tu sei contento che apple memorizzi la tua carta di credito sui loro server buon per te, non è un mio problema. A me non sta bene. Punto
          • Livio scrive:
            Re: Una vulnerabilità inaccettabile
            Che noia./plonk
          • Livio scrive:
            Re: Una vulnerabilità inaccettabile

            /plonksì aspetta
          • Torna registrato scrive:
            Re: Una vulnerabilità inaccettabile
            figuremmerd eh tometto!
          • scrotone scrive:
            Re: Una vulnerabilità inaccettabile
            - Scritto da: pentolino
            E appunto critico il meccanismo e me ben noto per
            cui devo registrare la carta di credito sull'
            account prima di acquistare; non esite la
            possibilità di umputare i dati al checkout. E'
            una sottile differenza ma a me sembra
            rilevanteCioè per te e rilevante se i soldi te li fottono un minuto dopo. Evidentemente a vendere il XXXX come fai si guadagna bene e quindi un minuto in più di interessi conviene sempre.
    • panda rossa scrive:
      Re: Una vulnerabilità inaccettabile
      - Scritto da: pentolino
      Ecco quello che io dico da anni; io trovo
      inammissibile che nel mio account apple
      pretendano di registrare le informazioni della
      mia carta di credito come unico metodo per
      pagare.
      Ma perchè le devono registrare? Quando devo
      acquistare qualcosa faccio così: registro la
      carta, acquisto e deregistro, per "simulare" un'
      immissione "one
      shot".
      Ma sono convinto che invece tanti regsitrano la
      loro carta di credito e si ritrovano di queste
      sorprese; e la colpa di chi è? Di apple o degli
      utenti? Io direi di entrambi, ma certo il modo di
      fare di Apple induce l' utente in
      errore.Io pure. In tutti i siti che pretendono di memorizzare il mio numero di carta, uso sempre la mia vecchia carta scaduta, che cosi' memorizzano quella.Poi quando devo acquistare, inserisco temporaneamente quella buona, faccio l'acquisto e poi rimetto quella scaduta.Ah, gia', pero' c'e' un particolare non da poco: io sono abituato ad usare il cervello mio, non quello di giobs!
      • pentolino scrive:
        Re: Una vulnerabilità inaccettabile
        ecco, mi sembra un modo giusto di reagire
      • scrotone scrive:
        Re: Una vulnerabilità inaccettabile
        - Scritto da: panda rossa
        Io pure. In tutti i siti che pretendono di
        memorizzare il mio numero di carta, uso sempre la
        mia vecchia carta scaduta, che cosi' memorizzano
        quella.Tu si che sei un dritto.
        Poi quando devo acquistare, inserisco
        temporaneamente quella buona, faccio l'acquisto e
        poi rimetto quella
        scaduta.Il cui numero viene comunque loggato.
        Ah, gia', pero' c'e' un particolare non da poco:
        io sono abituato ad usare il cervello mio, non
        quello di giobs!Quindi il tuo cervello è più funzionale di quello di Jobs? Povero Jobs allora, è proprio mal messo.
        • panda rossa scrive:
          Re: Una vulnerabilità inaccettabile
          - Scritto da: scrotone

          poi rimetto quella

          scaduta.
          Il cui numero viene comunque loggato.Certo, ma tu hacker che riesci a penetrare nel sistema, che cosa vai a prendere ? I dati sul db, che sai per certo esserci, o quelli nei log, che potrebbero avere vita breve e contenere chissa' che cosa?

          Ah, gia', pero' c'e' un particolare non da poco:

          io sono abituato ad usare il cervello mio, non

          quello di giobs!
          Quindi il tuo cervello è più funzionale di quello
          di Jobs? Povero Jobs allora, è proprio mal
          messo.No, il mio cervello funziona indipendentemente dal pensiero di giobs.
          • Livio scrive:
            Re: Una vulnerabilità inaccettabile
            Funziona talmente bene che pensi di non essere mai tracciato.LOL
      • rottamatore di pande rosse scrive:
        Re: Una vulnerabilità inaccettabile
        - Scritto da: panda rossa
        Ah, gia', pero' c'e' un particolare non da poco:
        io sono abituato ad usare il cervello mio, non
        quello di giobs!A vedere dalla quotazione in borsa della sua azienda forse sarebbe meglio se pensi come ha pensato lui! :D Ma forse ho capito come ha fatto a farsi tanti soldi la Apple... semplicemente non pagando i programmatori, in quanto il lavoro intellettuale non può essere barattato!!! :D
        • angros scrive:
          Re: Una vulnerabilità inaccettabile

          A vedere dalla quotazione in borsa della sua
          azienda forse sarebbe meglio se pensi come ha
          pensato lui! :D Solo un decerebrato non sa pensare, ed ha bisogno di un padrone che pensi per lui.
          Ma forse ho capito come ha fatto
          a farsi tanti soldi la Apple... semplicemente non
          pagando i programmatori, in quanto il lavoro
          intellettuale non può essere barattato!!!No, ha fatto tanti soldi truffando gli utenti e vendendo aria fritta.Torna all'ufficio marketing della apple
    • scrotone scrive:
      Re: Una vulnerabilità inaccettabile
      - Scritto da: pentolino
      Ecco quello che io dico da anni; io trovo
      inammissibile che nel mio account apple
      pretendano di registrare le informazioni della
      mia carta di credito come unico metodo per
      pagare.
      Ma perchè le devono registrare? Quando devo
      acquistare qualcosa faccio così: registro la
      carta, acquisto e deregistro, per "simulare" un'
      immissione "one
      shot".
      Ma sono convinto che invece tanti regsitrano la
      loro carta di credito e si ritrovano di queste
      sorprese; e la colpa di chi è? Di apple o degli
      utenti? Io direi di entrambi, ma certo il modo di
      fare di Apple induce l' utente in
      errore.Perchè non lo proponi ad Apple, invece di stressarci. Intelligente come sei ti ascolteranno subito.
      • pentolino scrive:
        Re: Una vulnerabilità inaccettabile
        a parte che nessuno ti obbliga a leggere quello che scrivo...E poi cosa pensi che mi aspetti da parte di un' azienda che a chi si lamenta di non potere tenere l' iphone 4 con la sinistra: "Tenetelo con la destra"?
        • scrotone scrive:
          Re: Una vulnerabilità inaccettabile
          - Scritto da: pentolino
          a parte che nessuno ti obbliga a leggere quello
          che
          scrivo...Non volevo farlo, ma disgraziatamente ho fatto click sul tuo delirante commento e l'ho letto pensando fosse furbo.
          E poi cosa pensi che mi aspetti da parte di un'
          azienda che a chi si lamenta di non potere tenere
          l' iphone 4 con la sinistra: " Tenetelo con la
          destra "?Cosa?
        • Livio scrive:
          Re: Una vulnerabilità inaccettabile
          Potremmo anche pretendere che ti informi su come funzionano gli acquisti delle app dal dispositivo PRIMA di sorbirci post di imprecisioni degne di una trollata.
          • pentolino scrive:
            Re: Una vulnerabilità inaccettabile
            eh? E che c' entra questo?SO benissimo come funziona l' app store, avendolo usato; non me ne posso forse lamentare?
          • Livio scrive:
            Re: Una vulnerabilità inaccettabile
            - Scritto da: pentolino
            eh? E che c' entra questo?
            SO benissimo come funziona l' app store, avendolo
            usato; non me ne posso forse
            lamentare?"non possiedo telefonini che accedano all' app store, gli acquisti li faccio solo da pc, o meglio da mac" e dal resto che hai scritto nell'altro post è palese che tu non abbia la minima idea di come funzionino gli acquisti su appstore via iphone/touch/ipad
          • pentolino scrive:
            Re: Una vulnerabilità inaccettabile
            (troll) :-ointerpreta un po' tu...
          • Livio scrive:
            Re: Una vulnerabilità inaccettabile
            Fammi capire, cito tue parole che non occorre interpretare, e arrivi a dare del troll?Hai proprio la coda di paglia.
          • scrotone scrive:
            Re: Una vulnerabilità inaccettabile
            - Scritto da: pentolino
            eh? E che c' entra questo?
            SO benissimo come funziona l' app store, avendolo
            usato; non me ne posso forse
            lamentare?C'è gente che usa l'uccello senza sapere come funziona, infatti poi si lamenta perchè diventa cieco, ha il braccio destro più sviluppato del sinistro e ha i calli alla mano.
    • ciccio pasticcio quello vero scrive:
      Re: Una vulnerabilità inaccettabile
      - Scritto da: pentolino
      Ecco quello che io dico da anni; io trovo
      inammissibile che nel mio account apple
      pretendano di registrare le informazioni della
      mia carta di credito come unico metodo per
      pagare.
      Ma perchè le devono registrare? Quando devo
      acquistare qualcosa faccio così: registro la
      carta, acquisto e deregistro, per "simulare" un'
      immissione "one
      shot".
      Ma sono convinto che invece tanti regsitrano la
      loro carta di credito e si ritrovano di queste
      sorprese; e la colpa di chi è? Di apple o degli
      utenti? Io direi di entrambi, ma certo il modo di
      fare di Apple induce l' utente in
      errore.perché ora sei a un solo click di distanza dall'acquisto d'impulso.Vedi l'applicazione, ti piace, la compri. In questo modo l'utente spende molto più facilmente perché non ha lo sbatto di dover registrare la carta inserendo ogni volta quel lunghissimo numero, il codice di sicurezza, la data di scadenza etc etc. Dovresti partire dal presupposto che Apple sa che i propri clienti sono utonti e incapaci, per cui più è facile il metodo di pagamento (ma anche tutto il resto) meglio è (per apple).
      • Livio scrive:
        Re: Una vulnerabilità inaccettabile
        - Scritto da: ciccio pasticcio quello vero
        perché ora sei a un solo click di distanza
        dall'acquisto
        d'impulso.Uno solo non proprio.E l'acquisto ad impulso puoi farlo anche laddove devi inserire il nro di credit card.
        Vedi l'applicazione, ti piace, la compri.Oppure leggi prima i commenti, verifichi in rete e magari provi prima la versione lite.Cosa che può anche capitare laddov edevi inserire il nro di carta di credito. In
        questo modo l'utente spende molto più facilmente
        perché non ha lo sbatto di dover registrare la
        carta inserendo ogni volta quel lunghissimo
        numero, il codice di sicurezza, la data di
        scadenza etc etc.16 cifrepoi 3 cifre poi 4Sai che fatica per uno che è compulsivo negli acquisti.


        Dovresti partire dal presupposto che Apple sa che
        i propri clienti sono utonti e incapaci, per cui
        più è facile il metodo di pagamento (ma anche
        tutto il resto) meglio è (per
        apple).Dovremmo anche partire dal presupposto che la stupidità è una tua prerogativa?
      • pentolino scrive:
        Re: Una vulnerabilità inaccettabile
        esatto era appunto la parte di ragionamento che davo per scontata
        • Livio scrive:
          Re: Una vulnerabilità inaccettabile
          Talmente scontata che hai scritto corbellerie tutto il pomeriggio riguardo il funzionamento degli acquisti via cellulare su appstore?
          • pentolino scrive:
            Re: Una vulnerabilità inaccettabile
            :-ose non era chiaro, mi sono stufato di rispondere su tutti i tread, tempo perso con chi snatura quello che gli altri scrivono per dargli contro
          • Livio scrive:
            Re: Una vulnerabilità inaccettabile
            E immagino che puoi indicarmi dove sono state snaturate certe tue uscite.Guarda che stai dando contro pure tu, ma sicuramente ti è scomodo accettarlo.Puerile.
  • panda rossa scrive:
    questo e' quello che succede coi soldi..
    Ecco quello che succede quando si vuole attribuire un valore in soldi a qualcosa che valore in soldi non ha.Oggi un libro su itunes, domani una app su iphone...Il giorno che si arrivera' a capire che un bene digitale puo' essere acquistato solo con denaro digitale (che ognuno si duplica in proprio) sara' sempre troppo tardi.
    • Livio scrive:
      Re: questo e' quello che succede coi soldi..
      - Scritto da: panda rossa
      Ecco quello che succede quando si vuole
      attribuire un valore in soldi a qualcosa che
      valore in soldi non
      ha.
      E col baratto non facevano la stessa cosa?
      Oggi un libro su itunes, domani una app su
      iphone...Che un valore ce l'ha comunque.

      Il giorno che si arrivera' a capire che un bene
      digitale puo' essere acquistato solo con denaro
      digitale (che ognuno si duplica in proprio) sara'
      sempre troppo
      tardi.E la moneta scritturale cosa pensi che sia?
      • panda rossa scrive:
        Re: questo e' quello che succede coi soldi..
        - Scritto da: Livio
        - Scritto da: panda rossa

        Ecco quello che succede quando si vuole

        attribuire un valore in soldi a qualcosa che

        valore in soldi non

        ha.



        E col baratto non facevano la stessa cosa?Il baratto prevede scambio di beni materiali.Lo scambio di beni immateriali, come le idee, si svolge su un piano completamente diverso.

        Oggi un libro su itunes, domani una app su

        iphone...

        Che un valore ce l'ha comunque.Indubbiamente, ma non e' misurabile col denaro.

        Il giorno che si arrivera' a capire che un bene

        digitale puo' essere acquistato solo con denaro

        digitale (che ognuno si duplica in proprio)
        sara'

        sempre troppo

        tardi.

        E la moneta scritturale cosa pensi che sia?La moneta scritturale non era infinitamente duplicabile: doveva esistere un controvalore da qualche parte.
        • scrotone scrive:
          Re: questo e' quello che succede coi soldi..
          - Scritto da: panda rossa
          Il baratto prevede scambio di beni materiali.Non dire XXXXXXX, non è sempre così. Ad esempio se mi faccio fare una pompa da una a cui ho sistemato il PC c'è un baratto da intellettuale a materiale. Lo capisci o ti devo fare un disegno?
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            Perché trattasi di servizio (e il termine casca a pennello) e non di bene. :-D
          • Giordano Bruno scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            Due geni!
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            Ci mancava appunto la capra, benvenuta!
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            Benvenuto Einstein!
          • ciccio pasticcio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: scrotone
            Non dire XXXXXXX, non è sempre così. Ad esempio
            se mi faccio fare una pompa da una a cui ho
            sistemato il PC c'è un baratto da intellettuale a
            materiale. Lo capisci o ti devo fare un
            disegno?Per fare una pompa la tipa ha messo a disposizione tempo, energie, salute. supponiamo che le pompe siano 2 , 3, o + : le risorse messe a disposizione saranno in proporzione 2, 3, o + volte superiori (o quasi).Io per sistemare il pc ho messo a disposizione tempo, energie, salute. supponiamo che i pc da sistemare siano 2 , 3, o + : le risorse messe a disposizione saranno in proporzione 2, 3, o + volte superiori (o quasi)Pinco Pallino realizza un applicazione, o un' opera su formato digitale (canzone, immagine, video), per realizzarlo ha messo a disposizione tempo, energie, salute. supponiamo che le opere da realizzare 2 , 3, 1000, 1000000 o + : le risorse messe a disposizione saranno sempre le stesse (o comunque non saranno direttamente proporzionali al numero prodotto successivamente alla prima opera)Quindi, in un mondo più giusto del nostro, le "opere virtuali" in teoria dovrebbero seguire una legge di mercato differente rispetto alle "opere reali".lo capisci o vuoi un disegno?
          • shevathas scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..

            Pinco Pallino realizza un applicazione, o un'
            opera su formato digitale (canzone, immagine,
            video), per realizzarlo ha messo a disposizione
            tempo, energie, salute. supponiamo che le opere
            da realizzare 2 , 3, 1000, 1000000 o + : le
            risorse messe a disposizione saranno sempre le
            stesse (o comunque non saranno direttamente
            proporzionali al numero prodotto successivamente
            alla prima
            opera)

            Quindi, in un mondo più giusto del nostro, le
            "opere virtuali" in teoria dovrebbero seguire una
            legge di mercato differente rispetto alle "opere
            reali".
            lo capisci o vuoi un disegno?e infatti seguono altre leggi di mercato. Per cambiare un tubo oggi spenderei più o meno quanto ho speso l'anno scorso. Non è che per cambiare il tubo oggi l'idraulico mi chiede il 30%/50% in meno di un anno fa. Cosa che invece capita con i giochi visto che i giochi "vecchi", a parte qualche eccezione, si deprezzano fortemente.Idem per tutti i prodotti dove c'è una forte componente immateriale legata alla progettazione. Per fare un progetto spendo lo stesso tanto sia che poi produca un'automobile sola su quel progetto o ne produca 100.000Magari se son stato bravo e la mia automobile vende non vedo cosa ci sia di male se ci guadagno.
        • il programmat ore incazzato scrive:
          Re: questo e' quello che succede coi soldi..

          Indubbiamente, ma non e' misurabile col denaro.Bene, quindi essere sviluppatore significa produrre cose con valore non misurabile in denaro e che quindi non sono remunerative.A questo punto io interrompo i miei studi nell'ambito informatico e mi vado a laureare in agraria. Anzi, meglio, vado propio a fare il contadino o il manovale (il laureato in agraria non produce una beneamata fava, da consigli su cosa e' meglio fare e come e' meglio farlo, ma di suo non produce nulla).Esorto qualsiasi altro sviluppatore a seguire il mio percorso (non tutti a coltivare, mi raccomando, magari qualcuno a fare lo spazzino cosi c'e' lavoro un po per tutti). D'ora in poi svilupperemo soltanto per diletto (lavoro e famiglia permettendo).
          • panda rossa scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: il programmat ore XXXXXXXto

            Indubbiamente, ma non e' misurabile col denaro.

            Bene, quindi essere sviluppatore significa
            produrre cose con valore non misurabile in denaro
            e che quindi non sono
            remunerative.Esatto, quello che e' remunerativo e' il tempo.
            A questo punto io interrompo i miei studi
            nell'ambito informatico e mi vado a laureare in
            agraria. Anzi, meglio, vado propio a fare il
            contadino o il manovale (il laureato in agraria
            non produce una beneamata fava, da consigli su
            cosa e' meglio fare e come e' meglio farlo, ma di
            suo non produce
            nulla).Questa potrebbe essere un'ottima alternativa, che quotidianamente suggerisco a tanta gente che si ostina a voler lavorare nell'IT pur non riuscendo a distinguere un computer da una rapa.
            Esorto qualsiasi altro sviluppatore a seguire il
            mio percorso (non tutti a coltivare, mi
            raccomando, magari qualcuno a fare lo spazzino
            cosi c'e' lavoro un po per tutti). D'ora in poi
            svilupperemo soltanto per diletto (lavoro e
            famiglia permettendo).Mi piacerebbe tanto: ho gia' individuato un piccolo appezzamento per farci un orticello.
          • il programmat ore incazzato scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..


            Esatto, quello che e' remunerativo e' il tempo.
            No, non capisco.Il software non ha valore in denaro, ma il tempo dello sviluppatore si.Quindi lo sviluppatore ha diritto ad essere rimborsato per il tempo che ha impiegato a programmare e progettare, ma il frutto del suo lavoro non puo' essere venduto. Praticamente mi stai dicendo che e' giusto pagare i muratori che costruiscono una casa ma non e' giusto far pagare la casa a chi ci va ad abitare. E i muratori come li pago, scusa?

            Questa potrebbe essere un'ottima alternativa, che
            quotidianamente suggerisco a tanta gente che si
            ostina a voler lavorare nell'IT pur non riuscendo
            a distinguere un computer da una
            rapa.
            Gia', peccato che questo lo dovrebbero fare TUTTI i professionisti dell'IT, visto che come dici tu i frutti dell'IT non hanno un valore in denaro, quindi non li posso vendere, quindi non posso pagare le ore di lavoro (che devo giustamente retribuire) ai miei professionisti dell'IT

            Mi piacerebbe tanto: ho gia' individuato un
            piccolo appezzamento per farci un
            orticello.Ecco
          • panda rossa scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: il programmat ore XXXXXXXto



            Esatto, quello che e' remunerativo e' il tempo.


            No, non capisco.
            Il software non ha valore in denaro, ma il tempo
            dello sviluppatore
            si.
            Quindi lo sviluppatore ha diritto ad essere
            rimborsato per il tempo che ha impiegato a
            programmare e progettare, ma il frutto del suo
            lavoro non puo' essere venduto. Praticamente mi
            stai dicendo che e' giusto pagare i muratori che
            costruiscono una casa ma non e' giusto far pagare
            la casa a chi ci va ad abitare. E i muratori come
            li pago, scusa?La casa la vendi una volta sola.E' un bene materiale.Il software lo puoi vendere infinite volte, senza contare che il programmatore puo' rifarlo infinite volte e piazzarlo prima di te, cosa che i muratori non possono fare.

            Questa potrebbe essere un'ottima alternativa,
            che

            quotidianamente suggerisco a tanta gente che si

            ostina a voler lavorare nell'IT pur non
            riuscendo

            a distinguere un computer da una

            rapa.


            Gia', peccato che questo lo dovrebbero fare TUTTI
            i professionisti dell'IT, visto che come dici tu
            i frutti dell'IT non hanno un valore in denaro,
            quindi non li posso vendere, quindi non posso
            pagare le ore di lavoro (che devo giustamente
            retribuire) ai miei professionisti
            dell'ITEh gia', perche' adesso l'IT si occupa solo di software da vendere.
          • il programmat ore incazzato scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..


            La casa la vendi una volta sola.
            E' un bene materiale.

            Il software lo puoi vendere infinite volte, senza
            contare che il programmatore puo' rifarlo
            infinite volte e piazzarlo prima di te, cosa che
            i muratori non possono
            fare.
            Questo non risolve un problema di fondo di natura economica:Devo pagare della gente per il lavoro che ha fatto ma non posso vendere il frutto del loro lavoro. Come pago la gente che ha fatto il lavoro?

            Eh gia', perche' adesso l'IT si occupa solo di
            software da
            vendere.Ahum, e i servizi (giusto per fare un esempio fra tanti)? Perche' dovrei pagare per dei "servizi"? I servizi meli da un computer, al massimo sono disposto a pagarti la corrente che usa quel computer, perche' mai dovrei pagare di piu per mantenere una persona (che chiameremo l'omino del server)?
          • panda rossa scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: il programmat ore XXXXXXXto



            La casa la vendi una volta sola.

            E' un bene materiale.



            Il software lo puoi vendere infinite volte,
            senza

            contare che il programmatore puo' rifarlo

            infinite volte e piazzarlo prima di te, cosa che

            i muratori non possono

            fare.


            Questo non risolve un problema di fondo di natura
            economica:
            Devo pagare della gente per il lavoro che ha
            fatto ma non posso vendere il frutto del loro
            lavoro. Come pago la gente che ha fatto il
            lavoro?Paghi l'imbianchino che ti ridipinge il plafone, ma mica rivendi il plafone.Paghi l'idrauilico che ti stura lo scarico, ma mica rivendi lo scarico.Mica tutto quello che uno fa per te, lo puoi rivendere.

            Eh gia', perche' adesso l'IT si occupa solo di

            software da

            vendere.
            Ahum, e i servizi (giusto per fare un esempio fra
            tanti)? Perche' dovrei pagare per dei "servizi"?
            I servizi meli da un computer,Certo, dopo che e' stato programmato secondo le tue specifiche, da un programmatore che devi pagare un tanto al giorno.
            al massimo sono
            disposto a pagarti la corrente che usa quel
            computer, No, no, quella e' compresa nella tariffa.
            perche' mai dovrei pagare di piu per
            mantenere una persona (che chiameremo l'omino del
            server)?Liberissimo di tenere un server senza sistemista, soprattutto se e' un server M$. Siamo in un paese libero e uno e' libero di sbattere via il proprio denaro come meglio preferisce.Solo, fammi sapere in che campo operi, perche' sai, a sapere che nel tuo campo c'e' qualcuno che si azzarda a tenere un server senza sistemista, magari mi evita di prendere la polvere quando crollera' tutto.
          • il programmat ore incazzato scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..


            Paghi l'imbianchino che ti ridipinge il plafone,
            ma mica rivendi il
            plafone.
            Paghi l'idrauilico che ti stura lo scarico, ma
            mica rivendi lo
            scarico.

            Mica tutto quello che uno fa per te, lo puoi
            rivendere.
            No, non ci siamo, mi spiace.Stai parlando di beni materiali stavolta.Io voglio che tu mi dica come fa una _ditta_ a mantenere degli sviluppatori (quindi senza fare come fai te, ovvero un contratto ad ore per ogni progetto) se li deve _comunque_ pagare (visto che li ha assunti) e se _non puo'_ dare un valore materiale al frutto degli sforzi dei programmatori.
            Certo, dopo che e' stato programmato secondo le
            tue specifiche, da un programmatore che devi
            pagare un tanto al
            giorno.
            Quindi non esiste il concetto di "software house" come lo intendiamo ora. Ovvero un'impresa che decide di realizzare un prodotto che vendera' ad un prezzo stabilito. Forse era questo che mi sfuggiva.
            Liberissimo di tenere un server senza sistemista,
            soprattutto se e' un server M$. Siamo in un paese
            libero e uno e' libero di sbattere via il proprio
            denaro come meglio
            preferisce.

            Solo, fammi sapere in che campo operi, perche'
            sai, a sapere che nel tuo campo c'e' qualcuno che
            si azzarda a tenere un server senza sistemista,
            magari mi evita di prendere la polvere quando
            crollera'
            tutto.A dire il vero rispondevo al tuo ragionamento per il quale i beni "immateriali" non hanno valore materiale. Io utente mica voglio patare il sistemista, il sistemista mi da un servizio, il servizio e' immateriale. I server mi danno un servizio, anch'esso immateriale. Posso pagarti la banda usata e la corrente, ma non vedo perche', applicando le tue teorie, dovrei pagare qualcos'altro.
          • panda rossa scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: il programmat ore XXXXXXXto



            Paghi l'imbianchino che ti ridipinge il plafone,

            ma mica rivendi il

            plafone.

            Paghi l'idrauilico che ti stura lo scarico, ma

            mica rivendi lo

            scarico.



            Mica tutto quello che uno fa per te, lo puoi

            rivendere.


            No, non ci siamo, mi spiace.
            Stai parlando di beni materiali stavolta.
            Io voglio che tu mi dica come fa una _ditta_ a
            mantenere degli sviluppatori (quindi senza fare
            come fai te, ovvero un contratto ad ore per ogni
            progetto) se li deve _comunque_ pagare (visto che
            li ha assunti) e se _non puo'_ dare un valore
            materiale al frutto degli sforzi dei
            programmatori.Chiedilo ad un imprenditore questo, mica a me!Io faccio il programmatore.Io ti posso solo assicurare che da almeno 25 anni a questa parte, ci sono imprenditori che mi commissionano attivita' informatiche.Che cosa se ne facciano del frutto del mio lavoro, sono solo affaracci loro.

            Certo, dopo che e' stato programmato secondo le

            tue specifiche, da un programmatore che devi

            pagare un tanto al

            giorno.


            Quindi non esiste il concetto di "software house"
            come lo intendiamo ora. No. E' un concetto del secolo scorso.
            Ovvero un'impresa che
            decide di realizzare un prodotto che vendera' ad
            un prezzo stabilito. Forse era questo che mi
            sfuggiva.Forse adesso ci siamo.
            A dire il vero rispondevo al tuo ragionamento per
            il quale i beni "immateriali" non hanno valore
            materiale. Io utente mica voglio patare il
            sistemista, il sistemista mi da un servizio, il
            servizio e' immateriale. I server mi danno un
            servizio, anch'esso immateriale. Posso pagarti la
            banda usata e la corrente, ma non vedo perche',
            applicando le tue teorie, dovrei pagare
            qualcos'altro.Devi pagare a me il mio tempo che dedico a fare quanto mi richiedi.Se la mia tariffa non ti soddisfa, o se il modo in cui faccio le cose non ti garba, sei libero di contattare un altro al posto mio.
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: panda rossa
            Devi pagare a me il mio tempo che dedico a fare
            quanto mi
            richiedi.Continua a fare il programmatore perché come imprenditore, ahi.
            Se la mia tariffa non ti soddisfa, o se il modo
            in cui faccio le cose non ti garba, sei libero di
            contattare un altro al posto
            mio.Se il problema è il modo con cui fai le cose, allora c'è anche il rischio che debba contattare un legale.
          • Tetsuia scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            La questione è molto diversa. Se un cliente mi chiede un lavoro ad Hoc, studiato su misura per lui, gli faccio (Azienda informatica) un preventivo e se accettato gli realizzo il lavoro che lui paga, il prezzo pagato è la copertura del tempo del programmatore e dei costi di gestione più un piccolo guadagno per la società. Se il cliente cerca una soluzione standard che io ho, mia o rivenduta conto terzi allora paga un piccolo prezzo che non è il costo del tempo e la copertura di tutti i costi relativi ma una frazione dello stesso in quanto il progetto e la realizzazione hanno impegnato notevoli risorse che recupero un poco alla volta.Per essere chiaro:caso 1 - sviluppo un sito internet (o una applicazione personalizzata) per la ditta A; tempo sviluppo 50 ore = 892.50 (3000 euro lorde mese pari a circa 1500 euro nette pari 168 ore lavorative mese di un programmatore = a 17,85 euro di puro costo programmatore), aggiungo costi per le attrezzature messe a disposizione del programmatore, ammortamento software, luce, telefono riscaldamento, pulizie, cancelleria, affitti o mutui, oneri bancari, e quanto ancora manca; aggiunto spese commerciali per il lavoro svolto da chi il lavoro lo ha trovato e deve essere retribuito per il suo tempo, aggiungo i costi del personale amministrativo ecc. Per semplicità diciamo che i costi sono finali tutti compresi sono pari a 1800 euro + un ricarico aziendale del 10% vogliamo darlo per remunerare l'investimento? tot 2090 . Certamente il web master che lavora da casa nella solita cantina di costi ne ha molti meno e i 3000 euro di stipendio mensile per lui sono giù il suo guadagno e può fare lo stesso lavoro alla metà.caso 2 - la ditta A decide di fare un investimento per realizzare un prodotto per es. un software per la gestione dei registri e formulari per i rifiuti. Fa un progetto e investe la sua struttura del compito di realizzarlo. Tempo per lo studio della materia (rifiuti e leggi) 120 ore, per realizzare il progetto 8 ore (e qui mi tengo stretto), per realizzare il software, testarlo ecc. 336 ore. Costo puro solo in termini di ora alle condizioni di cui sopra 8282 euro. A questo vanno aggiunte le solite spese di luce, telefono affitti ecc ecc per un totale 3500 diciamo così un po' a caso. Tot: 11800 euro circa + il solito 10% di guadagno12.980. Pagati tutti i costi prima di tutto gli stipendi del personale alla azienda resta in mano un prodotto da vendere, se le concedete di venderlo perchè a leggere i vostri commenti a sto punto il software è invendibile perchè non ha valore ma lo ha solo il costo del programmatore mentre gli altri costi sono solo illusioni.nella realtà nel caso 2 la società mirerà a venderne almeno 100 e quindi divide il costo più ricavo per 100 e decide di vendere il prodotto a 130 (in realtà deve venderlo a molto di più perchè dalla fine del lavoro al recupero investimento concorrono i ad aumentarne i costi, gli oneri bancari e finanziari e altri costi fissi strutturali) quindi diciamo lo vende a 290 euro ma molto meno del costo di sviluppo. Da questa cifra deve togliere le commissioni ai venditori o se stipendiati i loro costi interni.Dire che un software non ha valore perchè è immateriale, perchè può essere rivenduto n volte perchè ingenera guadagni non accettabili è segno di non conoscenza dei meccanismi aziendali di gestione e dei costi. Se uno è un libero professionista si fa pagare il tuo tempo e nella paciara si mette tutti i suoi costi che sono nulla rispetto a quelli aziendali. L'azienda paga lo stipendio sia che ci sia lavoro per 168 ore sia che ce ne sia per 100 solamente tu se non lavori guadagni meno e stop. Certi software come i gestionali, venissero venduti ad uno al costo di copertura investimento costerebbero cifre impossibili da spendere per la maggior parte delle aziende e non avrebbe senso. Il mondo non è solo sviluppo progetti ad hoc e quando è sviluppo progetti per una ampia base allora è ovvio rivendere il software e non dite che si vive di assistenza, per certi prodotti ben realizzati l'assistenza è minima e con quella non recuperi certo l'investimento, senza considerare gli update vari necessari per tenere il software aggiornato con le legislazioni o con i sistemi vari.Poi io per primo proporrei l'abolizione totale del denaro e la sostituzione con la meritocrazia, lavoro e bene hai diritto a chiedere entro certi limiti, non lavori? affari tuoi.
          • shevathas scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            quotone. Ottimo messaggio che spiega perché sia una stupidata il ritenere che il software "non abbia valore".
          • angros scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            Allora, nel caso 2, quando hai venduto le 100 copie che miravi a vendere, il tuo lavoro e il tuo investimento sono stati pagati: quindi, cosa fai? Il software diventa gratuito?
          • shevathas scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: angros
            Allora, nel caso 2, quando hai venduto le 100
            copie che miravi a vendere, il tuo lavoro e il
            tuo investimento sono stati pagati: quindi, cosa
            fai? Il software diventa
            gratuito?e se invece riesce a vendere solo 90 copie chi paga la differenza ?
          • angros scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            Tu, perchè hai sbagliato i tuoi conti e ne paghi le conseguenze.Poi, ti eri già messo un po' di margine di sicurezza, no?
          • shevathas scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: angros
            Tu, perchè hai sbagliato i tuoi conti e ne paghi
            le
            conseguenze.
            mi sembra una questione asimmetrica: io rischio a finanziare il software, se vendo posso vendere solo fino a che mi son ripagato i costi e poi devo regalarlo rinunciando ad eventuali guadagni extra.se perdo ho perso i soldi e ci rimetto solo io.
          • angros scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..

            mi sembra una questione asimmetrica: io rischio a
            finanziare il software, se vendo posso vendere
            solo fino a che mi son ripagato i costi e poi
            devo regalarlo rinunciando ad eventuali guadagni
            extra.
            se perdo ho perso i soldi e ci rimetto solo io.Tu ti sei scelto un certo margine, e i guadagni extra li hai.Ma tu vuoi un guadagno a oltranza, e non vedo proprio perchè dovrei pagartelo: sei tu che stai truffando me, non sono io a derubare te se pirato. Anzi, se piratando ti danneggio, a questo punto penso "bene! un truffatore in meno!", perchè per me (e per tutti gli altri) a questo punto sarebbe un maggiore vantaggio se tu chiudessi la baracca. Se non sei utile, nessuno ti protegge.
          • shevathas scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..

            Tu ti sei scelto un certo margine, e i guadagni
            extra li
            hai.
            Ma tu vuoi un guadagno a oltranza, e non vedo
            proprio perchè dovrei pagartelo: sei tu che stai
            truffando me, non sono io a derubare te se
            pirato. :-o solita sindrome del rubagalline che si crede robin hood.
          • angros scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            Se non fosse per il fatto che nessuno ruba niente, avresti ragione.
          • shevathas scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: angros
            Se non fosse per il fatto che nessuno ruba
            niente, avresti
            ragione.bene, perché non pubblichi il numero della tua carta di credito, comprensivo di scadenza e di CCV2 ?cosa ti costa: la carta di credito rimane a te, cosa perdi ?
          • angros scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..

            bene, perché non pubblichi il numero della tua
            carta di credito, comprensivo di scadenza e di
            CCV2
            ?Semplicemente perchè non ho una carta di credito. Non saprei proprio cosa farmene.
          • shevathas scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..

            Semplicemente perchè non ho una carta di credito.
            Non saprei proprio cosa
            farmene.potresti prenderla e comprare software ;)
          • angros scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            Perchè dovrei comprare ciò che posso scaricare gratis? Cosa otterrei, in più?
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            Potresti ad esempio pubblicare le tue generalità complete, poi lo spieghi a chi di dovere cosa potresti ottenere.
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            ma tipo te dare un senso alla tua vita? i tuoi non potevano andare a far funghi quel giorno?
          • Torna registrato scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            È quello che ti raccontano spesso dela tua infanzia?
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: shevathas
            - Scritto da: angros

            Se non fosse per il fatto che nessuno ruba

            niente, avresti

            ragione.

            bene, perché non pubblichi il numero della tua
            carta di credito, comprensivo di scadenza e di
            CCV2
            ?
            cosa ti costa: la carta di credito rimane a te,
            cosa perdi
            ?tanto è moneta scritturale, mica gli rubano le banconote dal portamonete!
          • bertuccia scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: angros

            se piratando ti danneggiola pirateria è spesso una risorsa anche per chi viene "derubato" (vedi MS, Adobe, Autodesk, ecc..) che grazie alla pirateria hanno potuto imporre uno standard de facto
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: angros

            mi sembra una questione asimmetrica: io rischio
            a

            finanziare il software, se vendo posso vendere

            solo fino a che mi son ripagato i costi e poi

            devo regalarlo rinunciando ad eventuali guadagni

            extra.

            se perdo ho perso i soldi e ci rimetto solo io.

            Tu ti sei scelto un certo margine, e i guadagni
            extra li
            hai.
            Ma tu vuoi un guadagno a oltranza, e non vedo
            proprio perchè dovrei pagartelo: Bene ora vai a spiegarlo al panettiere che ti fa pagare lo stesso prezzo per il pane anche se ha ammortizzato il suo macchinario da tempo.sei tu che stai
            truffando me, non sono io a derubare te se
            pirato. Anzi, se piratando ti danneggio, a questo
            punto penso "bene! un truffatore in meno!",
            perchè per me (e per tutti gli altri) a questo
            punto sarebbe un maggiore vantaggio se tu
            chiudessi la baracca. Se non sei utile, nessuno
            ti
            protegge.Quindi lui truffa ma tu piratando non rubi. Che stupidata!
          • panda rossa scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: Livio

            Bene ora vai a spiegarlo al panettiere che ti fa
            pagare lo stesso prezzo per il pane anche se ha
            ammortizzato il suo macchinario da
            tempo.Acqua, farina, sale, lievito, manodopera...
            sei tu che stai

            truffando me, non sono io a derubare te se

            pirato. Anzi, se piratando ti danneggio, a
            questo

            punto penso "bene! un truffatore in meno!",

            perchè per me (e per tutti gli altri) a questo

            punto sarebbe un maggiore vantaggio se tu

            chiudessi la baracca. Se non sei utile, nessuno

            ti

            protegge.

            Quindi lui truffa ma tu piratando non rubi.
            Che stupidata!Rubare = sottrarre.Se io entro in casa tua e ti porto via un quadro, e' rubare.Se io entro in casa tua e faccio una foto al quadro, non e' rubare.
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Livio



            Bene ora vai a spiegarlo al panettiere che ti fa

            pagare lo stesso prezzo per il pane anche se ha

            ammortizzato il suo macchinario da

            tempo.

            Acqua, farina, sale, lievito, manodopera...Costi mnetari e variabili.Peccato tu non l'abbia capita. Troppo complessa la contabilità per te?
            Rubare = sottrarre.okkio alla XXXXXXX eh
            Se io entro in casa tua e ti porto via un quadro,
            e'
            rubare.
            Se io entro in casa tua e faccio una foto al
            quadro, non e'
            rubare.è violazione di domicilio, il resto è senza senso
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..

            è violazione di domicilio, il resto è senza sensoun po' come te
          • Torna registrato scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            Cetto cetto Tometto-clonetto inconcludente
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: angros
            Allora, nel caso 2, quando hai venduto le 100
            copie che miravi a vendere, il tuo lavoro e il
            tuo investimento sono stati pagati: quindi, cosa
            fai? Il software diventa
            gratuito?No continua a guadagnarci sopra. Dove sta il problema?Se ho una ditta di viaggi e ho ammortizzato il pullman, secondo te vado avanti a fatturare i viaggi tanto quanto facevo prima o li riduco del costo dell'ammortamento che non ho più?
          • shevathas scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..


            e che quindi non sono

            remunerative.

            Esatto, quello che e' remunerativo e' il tempo.
            e come misuri la renumeratività del tempo ? cioè per un lavoro di un'ora la paga deve essere la stessa sia che si usi tutto il tempo per scrivere "hello world" che per fare una libreria di classi o un signor plug in per qualche programma ?
          • panda rossa scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: shevathas


            e che quindi non sono


            remunerative.



            Esatto, quello che e' remunerativo e' il tempo.


            e come misuri la renumeratività del tempo ? In euro se siamo in europa.In sterline in UK.In dollari in america.
            cioè
            per un lavoro di un'ora la paga deve essere la
            stessa sia che si usi tutto il tempo per scrivere
            "hello world" che per fare una libreria di classi
            o un signor plug in per qualche programma ?Il committente fa una richiesta.Sulla richiesta viene formulato un preventivo in giorni.E quindi viene fatta una offerta.Anche se a volte il cliente richiede espressamente 30 giorni di presenza sul posto, ma in sostanza cambia poco.
          • shevathas scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..


            e come misuri la renumeratività del tempo ?

            In euro se siamo in europa.
            In sterline in UK.
            In dollari in america.
            ok la domanda era ambigua, intendevo: "e come stabilisci quanto dovrebbe essere la paga oraria della persona ?"

            Il committente fa una richiesta.
            Sulla richiesta viene formulato un preventivo in
            giorni.
            E quindi viene fatta una offerta.
            e la quantificazione del preventivo come la fa l'offerente ? da una paga oraria diversa ai programmatori junior e senior ? e come mai visto che un'ora passa per tutti allo stesso modo ?
          • panda rossa scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: shevathas


            e come misuri la renumeratività del tempo ?



            In euro se siamo in europa.

            In sterline in UK.

            In dollari in america.


            ok la domanda era ambigua, intendevo: "e come
            stabilisci quanto dovrebbe essere la paga oraria
            della persona
            ?"Essendo anni che faccio questo mestiere, io so perfettamente a che tariffa proporre il mio lavoro.All'inizio uno prova a chiedere, e se non accettano abbassa, e se accettano, in seguito provera' ad alzare...

            Il committente fa una richiesta.

            Sulla richiesta viene formulato un preventivo in

            giorni.

            E quindi viene fatta una offerta.


            e la quantificazione del preventivo come la fa
            l'offerente ? da una paga oraria diversa ai
            programmatori junior e senior ? e come mai visto
            che un'ora passa per tutti allo stesso modo
            ?Evidentemente il programmatore senior, a parita' di tempo produce di piu' e meglio.
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: panda rossa
            Essendo anni che faccio questo mestiere, io so
            perfettamente a che tariffa proporre il mio
            lavoro.
            Quindi sai benissimo se sei forui mercato oppure no.Il tutto torna a confermare che i prodotti immateriali vengono monetizzatiper essere venduti.
            All'inizio uno prova a chiedere, e se non
            accettano abbassa, e se accettano, in seguito
            provera' ad
            alzare...Insomma vai a spanne per cui non sai quale sia il tuo vero valore dato che vieni valorizzato in base alla benevolenza/tirchieria del tuo cliente
            Evidentemente il programmatore senior, a parita'
            di tempo produce di piu' e
            meglio.Cosa che può anche essere non vera dato che non è l'età (anzianità) ad essere discriminate, ma per il salario anche l'età ha un ruolo.
          • bLax scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: Livio
            Quindi sai benissimo se sei forui mercato oppure
            no. parlo per panda ma ti dico: si...dov'è il problema?
            Il tutto torna a confermare che i prodotti
            immateriali vengono
            monetizzati
            per essere venduti.


            All'inizio uno prova a chiedere, e se non

            accettano abbassa, e se accettano, in seguito

            provera' ad

            alzare...

            Insomma vai a spanne per cui non sai quale sia il
            tuo vero valore dato che vieni valorizzato in
            base alla benevolenza/tirchieria del tuo
            cliente secondo te gli imbianchini come fanno? e gi altri?
            Cosa che può anche essere non vera dato che non è
            l'età (anzianità) ad essere discriminate, ma per
            il salario anche l'età ha un
            ruolo
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: bLax
            - Scritto da: Livio


            Quindi sai benissimo se sei forui mercato oppure

            no.

            parlo per panda ma ti dico: si...dov'è il
            problema?
            E dove sta scritto che è un problema? Mi sfugge!Mi chiedo quale sia lo scopo di parlare per altri per poi scrivere a sproposito.
            secondo te gli imbianchini come fanno? e gi altri?Perché non ti apri una tua ditta che magari impari qualcosa?
          • shevathas scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..

            Essendo anni che faccio questo mestiere, io so
            perfettamente a che tariffa proporre il mio
            lavoro.
            e come hai stabilito quella cifra ?

            Evidentemente il programmatore senior, a parita'
            di tempo produce di piu' e
            meglio.ma questo significherebbe che il software scritto da un senior è di qualità maggiore rispetto a quello scritto da uno junior e quindi, a rigor di logica, dovrebbe valere di più.Ma se entrambi, in quanto beni immateriali, valgono zero come la mettiamo?
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: shevathas

            Essendo anni che faccio questo mestiere, io so

            perfettamente a che tariffa proporre il mio

            lavoro.


            e come hai stabilito quella cifra ?A tentativi tra un "ma come è a buon mercato lei" e un "grazie e arrivederci", infatti ha scritto:
            All'inizio uno prova a chiedere, e se non
            accettano abbassa, e se accettano, in seguito
            provera' ad
            alzare...
            ma questo significherebbe che il software scritto
            da un senior è di qualità maggiore rispetto a
            quello scritto da uno junior e quindi, a rigor di
            logica, dovrebbe valere di
            più.
            Ma se entrambi, in quanto beni immateriali,
            valgono zero come la
            mettiamo?Che si è incartato anche sul fatto che secondo lui il senior debba sempre e comunque produrre miglior qualità dello junior.
          • shevathas scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..


            Che si è incartato anche sul fatto che secondo
            lui il senior debba sempre e comunque produrre
            miglior qualità dello
            junior.non è detto. Ma la questione di fondo è che se devi pagare solo il tempo impiegato paradossalmente un guru capace di scrivere il programma in un giorno dovrebbe prendere un quinto rispetto a chi è capace di scrivere il medesimo programma in cinque giorni, visto che impiega molto meno tempo. Cosa a mio avviso assurda e irrealistica.
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: shevathas



            Che si è incartato anche sul fatto che secondo

            lui il senior debba sempre e comunque produrre

            miglior qualità dello

            junior.

            non è detto. Ma la questione di fondo è che se
            devi pagare solo il tempo impiegato
            paradossalmente un guru capace di scrivere il
            programma in un giorno dovrebbe prendere un
            quinto rispetto a chi è capace di scrivere il
            medesimo programma in cinque giorni, visto che
            impiega molto meno tempo.

            Cosa a mio avviso assurda e irrealistica.Senza contare che poi non va remunerato il solo lavoro dei collaboratori, ma vanno coperti i costi fissi e variabili della struttura, ev costi di finanziamento, i costi non monetari.Piccoli dettagli che il Nostro sembra ignorare bellamente.
          • rottamatore di pande rosse scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: panda rossa
            Questa potrebbe essere un'ottima alternativa, che
            quotidianamente suggerisco a tanta gente che si
            ostina a voler lavorare nell'IT pur non riuscendo
            a distinguere un computer da una
            rapa.Allora vedi che la tua logica vacilla.... se non distingue un PC da una rapa allora non può fare l'informatico ma neanche il contadino.... a ma forse tu intendevi rapa=rapina.... allora OK, non può fare il rapinatore ma il contadino sì :D
            Mi piacerebbe tanto: ho gia' individuato un
            piccolo appezzamento per farci un
            orticello.Ottimo! Così tra una compilata del kernel e l'altra dai due zappate!
          • panda rossa scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: rottamatore di pande rosse
            - Scritto da: panda rossa

            Questa potrebbe essere un'ottima alternativa,
            che

            quotidianamente suggerisco a tanta gente che si

            ostina a voler lavorare nell'IT pur non
            riuscendo

            a distinguere un computer da una

            rapa.
            Allora vedi che la tua logica vacilla.... se non
            distingue un PC da una rapa allora non può fare
            l'informatico ma neanche il contadino....Almeno se facessero i contadini non sarebbero un rischio per l'integrita' dei server e dei dati aziendali, pero'.

            Mi piacerebbe tanto: ho gia' individuato un

            piccolo appezzamento per farci un

            orticello.
            Ottimo! Così tra una compilata del kernel e
            l'altra dai due zappate!Ma guarda, non c'e' piu' neanche bisogno di ricompilare adesso.Da quando e' uscita Lucid Lynx, i sistemi sono stabili e veloci.
          • rottamatore di pande rosse scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: panda rossa
            Da quando e' uscita Lucid Lynx, i sistemi sono
            stabili e
            veloci.https://bugs.launchpad.net/ubuntu/lucid/+bugs
          • panda rossa scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: rottamatore di pande rosse
            - Scritto da: panda rossa

            Da quando e' uscita Lucid Lynx, i sistemi sono

            stabili e

            veloci.
            https://bugs.launchpad.net/ubuntu/lucid/+bugsIl che non mi impedisce di postare su PI a differenza dei sistemisti winsozz che sono sempre alle prese con gatte da pelare.
          • rottamatore di pande rosse scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            Siamo un pò sul generico non trovi... E comunque postare da un portatile o netbook fra i molti a cui Ubunto non riconosce la scheda wireless diventa difficile... ahhhh già che sciocco che sono, basta che uso il cavo ;)
          • Lex Logic scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..

            Da quando e' uscita Lucid Lynx, i sistemi sono
            stabili e
            veloci.Vado Off Topic perchè la lince lucida mi ha deluso abbastanza come stabilità lato server.. magari aspetterei qualche tempo (magari quando patchano un po' meglio il kernel del branch amd64) prima di andare stabile in produzione con quella.Cmq il problema non è la security dei server dell'appstore ma delle applicazioni che, nonostante tutti i processi blasonatissimi di controllo e selezione, permettono di accedere a dati che non dovrebbero essere accessibili da qualsiasi app. Io continuo a preferire la filosofia di android e non sono mancino ;)
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: Lex Logic
            Cmq il problema non è la security dei server
            dell'appstore ma delle applicazioni che,
            nonostante tutti i processi blasonatissimi di
            controllo e selezione, permettono di accedere a
            dati che non dovrebbero essere accessibili da
            qualsiasi app.Qualche esempio soprattutto in relazione ai book del vietnamita? Io continuo a preferire la
            filosofia di android e non sono mancino
            ;)Anche quella del marketplace e della cancellazione delle app da remoto?
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: panda rossa

            Esatto, quello che e' remunerativo e' il tempo.
            Falso, il tuo tempo lavoro viene remunerato grazie al fatturato che il tuo pogramma/servizio ti permette di generare.Quindi ha un valore il sw che permette poi di remunerare il tuo lavoro che oltretutto ha un valore non uguale per ogni collaboratore.
            Questa potrebbe essere un'ottima alternativa, che
            quotidianamente suggerisco a tanta gente che si
            ostina a voler lavorare nell'IT pur non riuscendo
            a distinguere un computer da una
            rapa.Beh potresti continuare ad occuparti di IT piuttosto che lanciati in pseudo teorie economiche.
          • panda rossa scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: Livio
            - Scritto da: panda rossa




            Esatto, quello che e' remunerativo e' il tempo.



            Falso, il tuo tempo lavoro viene remunerato
            grazie al fatturato che il tuo pogramma/servizio
            ti permette di
            generare.IO vengo remunearato a tempo.Nella fattura scrivo tot giorni x costo giornaliero, piu' iva.Quello che ci fa il committente con il frutto del mio lavoro sono cose sue. Se lo riesce a far fruttare, io sono solo contento. Vuol dire che funziona bene.
            Quindi ha un valore il sw che permette poi di
            remunerare il tuo lavoro che oltretutto ha un
            valore non uguale per ogni
            collaboratore.Ha un valore in quanto fa diminuire il tempo di determinate procedure, fa diminuire gli errori, fa diminuire il numero delle persone che ci sono dietro.
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: panda rossa
            IO vengo remunearato a tempo.dettaglio.
            Nella fattura scrivo tot giorni x costo
            giornaliero, piu'
            iva.
            E secondo te il tuo sw non ha un valore?
            Quello che ci fa il committente con il frutto del
            mio lavoro sono cose sue. Se lo riesce a far
            fruttare, io sono solo contento. Vuol dire che
            funziona
            bene.dettaglio.


            Quindi ha un valore il sw che permette poi di

            remunerare il tuo lavoro che oltretutto ha un

            valore non uguale per ogni

            collaboratore.

            Ha un valore in quanto fa diminuire il tempo di
            determinate procedure, fa diminuire gli errori,
            fa diminuire il numero delle persone che ci sono
            dietro.Hai ragione.Hai mai pensato di laurearti in economia?
          • panda rossa scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: Livio
            - Scritto da: panda rossa



            IO vengo remunearato a tempo.

            dettaglio.Mica tanto.


            Nella fattura scrivo tot giorni x costo

            giornaliero, piu'

            iva.



            E secondo te il tuo sw non ha un valore?No.

            Quello che ci fa il committente con il frutto
            del

            mio lavoro sono cose sue. Se lo riesce a far

            fruttare, io sono solo contento. Vuol dire che

            funziona

            bene.

            dettaglio.E siamo a due dettagli...


            Quindi ha un valore il sw che permette poi di


            remunerare il tuo lavoro che oltretutto ha un


            valore non uguale per ogni


            collaboratore.



            Ha un valore in quanto fa diminuire il tempo di

            determinate procedure, fa diminuire gli errori,

            fa diminuire il numero delle persone che ci sono

            dietro.

            Hai ragione.Prima no?
            Hai mai pensato di laurearti in economia?Neanche per idea.A me piace programmare.
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            Viste le troppe digressioni, inutile andare oltre.
          • Lex Logic scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            Finitela, Pandarossa probabilmente ha una clientela che chiede le personalizzazioni più assurde (come lo è stato per lungo tempo la mia) dunque non può puntare sulla quantità di software venduto ma sulla personalizzazione (dunque meramente tempo impiegato dato che il cliente è 1 e probabilmente il software è disegnato su misura) di conseguenza le personalizzazioni costano parecchio e uno ci può vivere..Il modello del fare un software e poi rivenderlo e più lo vendi più guadagni è un altro modello di business, entrambi validi ma sicuramente il software che vendi su larga scala non potrà soddisfare le esigenze più particolari, dunque lo vendi ad un costo basso perchè hai comunque concorrenza e un sistema di marketing da ripagare..Se sei bravo e hai clienti onesti allora ci puoi vivere altrimenti no, in entrambi i modelli.Potete andare avanti sul topic finchè volete ma non ne caverete niente :)
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            Infatti con questa raccolta di argomenti da bar non ci compriamo proprio nulla. Grazie lo stesso.
          • shevathas scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: Lex Logic
            Finitela, Pandarossa probabilmente ha una
            clientela che chiede le personalizzazioni più
            assurde (come lo è stato per lungo tempo la mia)
            dunque non può puntare sulla quantità di software
            venduto ma sulla personalizzazione (dunque
            meramente tempo impiegato dato che il cliente è 1
            e probabilmente il software è disegnato su
            misura) di conseguenza le personalizzazioni
            costano parecchio e uno ci può
            vivere..
            infatti e per tale software può essere vantaggioso il rilascio su licenza OS sia per avere una mano nel debugging e nel test e anche perché se un software è ultrapersonalizzato molto difficilmente qualcun'altro lo prenderà e lo impiegherà "as is" senza chiedere a sua volta ulteriori personalizzazioni.
            Il modello del fare un software e poi rivenderlo
            e più lo vendi più guadagni è un altro modello di
            business, entrambi validi ma sicuramente il
            software che vendi su larga scala non potrà
            soddisfare le esigenze più particolari, dunque lo
            vendi ad un costo basso perchè hai comunque
            concorrenza e un sistema di marketing da
            ripagare..quoto, son due sistemi diversi, questo significa che se il modello di businnes OS può essere vantaggioso nel caso di un CMS diventa semplicemente suicida nel caso di un gioco dove le esisgenze di personalizzazione sono praticamente nulle e l'assistenza è minima.
            Se sei bravo e hai clienti onesti allora ci puoi
            vivere altrimenti no, in entrambi i
            modelli.

            Potete andare avanti sul topic finchè volete ma
            non ne caverete niente
            :)
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            Interessante, ma il discorso iniziale era un altro.
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            e sarebbe? quando darai un senso alla tua vita?
          • Torna registrato scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            Dai il buon esempio tometto clonetto
          • Mad scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            Ciao Panda, c'è chi lavora a tempo e chi no...Sono uno sviluppatore e lavoro in base al tipo di lavoro che faccio...Se ti sto scrivendo un applicativo che ti fa risparmiare 50 000 euro all'anno e che per realizzarla usa sistemi complessi di autenticazione e security (Esempio) costa X + 50Se devo farti un gestore di magazzino che è solo una serie infinita di query semplici... costa Xanche se ci metto lo stesso tempo, perchè scrivere le mille mila query è lungo e noioso, ma nell'altro hai un vantaggio concreto, e quello si paga.Capisci cosa voglio dire?
          • Mad scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            ps il + 50 è per dire che c'è un surplus ovviamente
          • panda rossa scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: Mad
            ps il + 50 è per dire che c'è un surplus
            ovviamenteNaturalmente.Il surplus esiste sempre ed e' tanto piu' alto quanto piu' e' noiosa l'applicazione e suscettibile di manutenzione causata da incapacita' di chi dovra' utilizzarla e non vuol saperne di leggere la documentazione.
          • Mad scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            Si oltre alla quantità di manutenzione, il fatto di quanto sia importante questa per il core business aziendale, e di quanto implichi quindi nei costi aziendali.
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            E non solo, ma spiegalo a pandarossa.
          • panda rossa scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: Livio
            E non solo, ma spiegalo a pandarossa.Non c'e' bisogno: pandarossa lo sa, visto che fa questo lavoro.Il committente ha bisogno di un informatico, non di un software!E il committente paga l'informatico, non il software.
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            E pandarossa non ci arriva neppure oggi, pazienza
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            se non capisci ti faccio un disegnino...
          • Torna registrato scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            Già non sai scrivere, figuriamoci disegnare tometto clonetto
        • Livio scrive:
          Re: questo e' quello che succede coi soldi..
          - Scritto da: panda rossa

          Il baratto prevede scambio di beni materiali.
          Che hanno il valore che tu hai deciso di dargli al momento del baratto.
          Lo scambio di beni immateriali, come le idee, si
          svolge su un piano completamente
          diverso.Il concetto di monetizzazione del bene non cambia.



          Oggi un libro su itunes, domani una app su


          iphone...



          Che un valore ce l'ha comunque.

          Indubbiamente, ma non e' misurabile col denaro.
          Misurabilissimo dato che vi è una domanda e una offerta.


          Il giorno che si arrivera' a capire che un
          bene


          digitale puo' essere acquistato solo con
          denaro


          digitale (che ognuno si duplica in proprio)

          sara'


          sempre troppo


          tardi.



          E la moneta scritturale cosa pensi che sia?

          La moneta scritturale non era infinitamente
          duplicabile: doveva esistere un controvalore da
          qualche
          parte.La convertibilità con l'oro è caduta da un pezzo.La moneta scritturale esiste tutt'ora. La moneta essendo competenza della banca centrale non può essere infinitamente duplicabile. Pretendere che lo sia è per lo meno azzerdato.
          • panda rossa scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: Livio
            - Scritto da: panda rossa




            Il baratto prevede scambio di beni materiali.



            Che hanno il valore che tu hai deciso di dargli
            al momento del
            baratto.Si, ma di uno in funzione dell'altro.Es. un sacco di grano in cambio di un cesto di mele.

            Lo scambio di beni immateriali, come le idee, si

            svolge su un piano completamente

            diverso.

            Il concetto di monetizzazione del bene non cambia.Cambia. Io non posso darti un bene immateriale in cambio di una mela:tu saresti senza la mela e io possiederei ancora il bene immateriale.



            Oggi un libro su itunes, domani una app su



            iphone...





            Che un valore ce l'ha comunque.



            Indubbiamente, ma non e' misurabile col denaro.



            Misurabilissimo dato che vi è una domanda e una
            offerta.Sbagliato: vi e' una domanda, e infinite offerte.Il bene e' immateriale: chiunque ne possiede una copia puo' offrirla a sua volta.



            Il giorno che si arrivera' a capire che un

            bene



            digitale puo' essere acquistato solo con

            denaro



            digitale (che ognuno si duplica in proprio)


            sara'



            sempre troppo



            tardi.





            E la moneta scritturale cosa pensi che sia?



            La moneta scritturale non era infinitamente

            duplicabile: doveva esistere un controvalore da

            qualche

            parte.

            La convertibilità con l'oro è caduta da un pezzo.Mica tanto. E comunque la moneta scritturale aveva convertibilita' con l'euro.
            La moneta scritturale esiste tutt'ora. Mi sa che stiamo parlando di cose diverse, oppure tu sei in errore:http://it.wikipedia.org/wiki/Moneta_scritturale
            La moneta essendo competenza della banca centrale
            non può essere infinitamente duplicabile.Ma i beni immateriali si.
            Pretendere che lo sia è per lo meno
            azzerdato.Per questo non e' possibile usare moneta per scambiare beni immateriali.
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: panda rossa
            Si, ma di uno in funzione dell'altro.
            Es. un sacco di grano in cambio di un cesto di
            mele.E secondo te come mai hanno introdotto la moneta? Solo perché non riuscivano a produrre portamoneti enormi per fari entrare sacchi di grano e cesta di mele.Guarda che anche nel caso del sw vale la stessa cosa.

            Il concetto di monetizzazione del bene non
            cambia.

            Cambia. Non cambia affatto.
            Io non posso darti un bene immateriale in cambio
            di una
            mela:
            tu saresti senza la mela e io possiederei ancora
            il bene
            immateriale.Perché la mela è un bene di consumo che ti permette l'esclusione.Rimane il fatto che ho monetizzato a una mela quanto valore attribuisco al bene immateriale. Il fatto che resti senza la mela è mero dettaglio.
            Sbagliato: vi e' una domanda, e infinite offerte.Vi è domanda e offerta che determinano il prezzo. Il fatto che tu possa replicare l'offerta poco c'azzecca dato che allora ci possono essere tante richieste.
            Il bene e' immateriale: chiunque ne possiede una
            copia puo' offrirla a sua
            volta.Si ma questo non cambia nulla col fatto che si possa definire un prezzo in base alla domanda e offerta.

            La convertibilità con l'oro è caduta da un
            pezzo.
            Mica tanto.La soppressione della convertibilità USD-oro è del 1971, vedi tu. E comunque la moneta scritturale
            aveva convertibilita' con
            l'euro.La moneta scritturale non è altro che una registrazione elettronica (nella valuta che più ti piace). Questo non ne definisce la convertibilità con l'Euro. Perché se tutti si precipitassero in banca a ritirare tutti i loro EUR, non ce en sarebbero a sufficienza in circolazione e questo è da quando esiste la moneta scritturale.
            Mi sa che stiamo parlando di cose diverse, oppure
            tu sei in
            errore:
            http://it.wikipedia.org/wiki/Moneta_scritturale
            Oppure non hai capito cosa sia la moneta scritturale.Secondo te le tue operazioni bancarie non allo sportello che tipo di moneta concernono?

            La moneta essendo competenza della banca
            centrale

            non può essere infinitamente duplicabile.
            Ma i beni immateriali si.
            E allora? Sei tu che parli di moneta digitale inefinitamente duplicabile e straparli di moneta scritturale.Il fatto che il tuo bene immateriale è "rivendibile" più volte è una cosa, il fatto che abbia valore monetario è un'altra.

            Pretendere che lo sia è per lo meno

            azzerdato.
            Per questo non e' possibile usare moneta per
            scambiare beni
            immateriali.Forse nel tuo concetto quanto meno singolare di valore, moentizzazione, moneta, moneta scritturale ecc ecc ecc
        • rottamatore di pande rosse scrive:
          Re: questo e' quello che succede coi soldi..
          - Scritto da: panda rossa
          Indubbiamente, ma non e' misurabile col denaro.E allora come vengono pagati i programmatori? Ahhh già, i programmatori che conosci tu sviluppano di notte in cantina solo per spirito sportivo, e nonostante le poche ore di sonno producono SW di gran lunga superiore a quelli commerciali!! :D
          • panda rossa scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: rottamatore di pande rosse
            - Scritto da: panda rossa

            Indubbiamente, ma non e' misurabile col denaro.
            E allora come vengono pagati i programmatori?In denaro, ma non per i programmi, ma per il tempo che dedicano al cliente.
            Ahhh già, i programmatori che conosci tu
            sviluppano di notte in cantina solo per spirito
            sportivo, e nonostante le poche ore di sonno
            producono SW di gran lunga superiore a quelli
            commerciali!!
            :D[img]http://img7.imageshack.us/f/rosik.png/[/img]
          • rottamatore di pande rosse scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: panda rossa
            In denaro, ma non per i programmi, ma per il
            tempo che dedicano al
            cliente.LOL hai scoperto l'acqua calda? Benvenuto nel mondo della consulenza informatica!! :D
          • rottamatore di pande rosse scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            Meglio tardi che mai ;)
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: panda rossa

            In denaro, ma non per i programmi, ma per il
            tempo che dedicano al
            cliente.Si infatti e si misura in ore per lo sviluppo di un programma o per l'erogazione di un servizio al cliente.Tutto monetizzabile e quindi ha un valore in moneta sonante, malgrado tu sostenga altro.A quale scuola di pensiero economico fa riferimento la tua analisi?
          • panda rossa scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: Livio
            A quale scuola di pensiero economico fa
            riferimento la tua
            analisi?Vuoi vendere del software?Rispondi alla mia domanda allora: a che prezzo venderesti Photoshop al pubblico?
          • panda rossa scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: Livio

            Rispondi alla mia domanda allora: a che prezzo

            venderesti Photoshop al

            pubblico?

            Domanda senza senso dato che dovremmo prima
            definire che tipo di situazione si
            tratta:
            - lo produci tu photoshop o lo compri e lo
            rivendi?
            - che struttura hai? che costi fissi hai? che
            costi variabili
            hai?
            - che costi monetari e non monetari devi coprire?
            - ecc ecc

            Come vedi la tua domanda, posta in quel modo non
            ha gran
            senso.La domanda ha senso e tu non conosci il mercato del software.Nessun privato comprerebbe mai photoshop (e infatti non lo compra).
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: panda rossa
            La domanda ha senso e tu non conosci il mercato
            del
            software.La domanda non ha senso come l'hai posta tu. E infatti lo hai dimostrato con la tua risposta.
            Nessun privato comprerebbe mai photoshop (e
            infatti non lo
            compra).Telefona a Adobe per chiedere se nessuno lo paga.
          • il programmat ore incazzato scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..

            Telefona a Adobe per chiedere se nessuno lo paga.Secondo me sono abbastanza incacchiati visto quanti lo scaricano (alla cui maggioranza va piu' che bene paint, al massimo irfanview)
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            Sicuramente, ma non sono io quello che va affermando che "Nessun privato comprerebbe mai photoshop (e infatti non lo compra)."
          • panda rossa scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: Livio
            - Scritto da: panda rossa


            La domanda ha senso e tu non conosci il mercato

            del

            software.

            La domanda non ha senso come l'hai posta tu. E
            infatti lo hai dimostrato con la tua
            risposta.



            Nessun privato comprerebbe mai photoshop (e

            infatti non lo

            compra).
            Telefona a Adobe per chiedere se nessuno lo paga.Adobe non puo' essere attendibile nella risposta ad una simile domanda.E' piu' semplice chiedere ad amici e conoscenti: quasi tutti hanno photoshop e nessuno lo ha acquistato.Stessa cosa applicabile anche per MSOffice.
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: panda rossa


            Nessun privato comprerebbe mai photoshop (e


            infatti non lo


            compra).

            Telefona a Adobe per chiedere se nessuno lo
            paga.

            Adobe non puo' essere attendibile nella risposta
            ad una simile
            domanda.Neppure tu. Quindi chi stiamo a sentire?
            E' piu' semplice chiedere ad amici e conoscenti:
            quasi tutti hanno photoshop e nessuno lo ha
            acquistato.Campione statisticamente irrilevante.
            Stessa cosa applicabile anche per MSOffice.Idem con patate.
          • panda rossa scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: Livio
            - Scritto da: panda rossa




            Nessun privato comprerebbe mai photoshop (e



            infatti non lo



            compra).


            Telefona a Adobe per chiedere se nessuno lo

            paga.



            Adobe non puo' essere attendibile nella risposta

            ad una simile

            domanda.

            Neppure tu. Quindi chi stiamo a sentire?
            La gente!Proviamo a chiedere tra i lettori del forum quanti posseggono una copia di photoshop, e quanti di questi l'hanno pagata!

            E' piu' semplice chiedere ad amici e conoscenti:

            quasi tutti hanno photoshop e nessuno lo ha

            acquistato.

            Campione statisticamente irrilevante.Meglio che niente.

            Stessa cosa applicabile anche per MSOffice.

            Idem con patate.Sai che usciranno dei numeri che darebbero ragione a me.
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: panda rossa
            La gente!
            Proviamo a chiedere tra i lettori del forum
            quanti posseggono una copia di photoshop, e
            quanti di questi l'hanno
            pagata!Quindi basta che ne troviamo uno che l'ha pagata e il tuo assunto è sbagliato.rimane il fatto che anche un sondaggio su PI non è attendibile statisticamente.

            Campione statisticamente irrilevante.

            Meglio che niente.Meglio niente che un campione statisticamente irrilevante.



            Stessa cosa applicabile anche per MSOffice.



            Idem con patate.

            Sai che usciranno dei numeri che darebbero
            ragione a
            me.Assolutamente no dato che sei tu quello che afferma che "nessun privato lo compra". Affermazioni assolutistiche che dovresti prima provare.
          • panda rossa scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: Livio
            Quindi basta che ne troviamo uno che l'ha pagata
            e il tuo assunto è
            sbagliato.
            rimane il fatto che anche un sondaggio su PI non
            è attendibile
            statisticamente.Esatto. Un privato che si e' acquistato Photoshop, pagato il prezzo di listino e non deducibile in alcun modo.Troviamone solo uno e il mio assunto e' sbagliato.


            Campione statisticamente irrilevante.



            Meglio che niente.

            Meglio niente che un campione statisticamente
            irrilevante.Ah, be' allora...



            Stessa cosa applicabile anche per MSOffice.





            Idem con patate.



            Sai che usciranno dei numeri che darebbero

            ragione a

            me.

            Assolutamente no dato che sei tu quello che
            afferma che "nessun privato lo compra".
            Affermazioni assolutistiche che dovresti prima
            provare.La situazione e' perfettamente simmetrica giacche' tu sostieni che i privati comprano.La mia pero' e' piu' facile da dimostrare: ti basta un controesempio.
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Livio

            Esatto.
            Un privato che si e' acquistato Photoshop, pagato
            il prezzo di listino e non deducibile in alcun
            modo.
            Troviamone solo uno e il mio assunto e' sbagliato.
            Se lo cerchi tu ovviamente farai in modo di non trovarlo :-D
            La situazione e' perfettamente simmetrica
            giacche' tu sostieni che i privati
            comprano.Deduzione arbitraria la tua (mai scritto che tutti pagano). Ho solo detto che non credo alla tua affermazione che devi dapprima dimostrare. Quindi ti lascio l'incombenza.

            La mia pero' e' piu' facile da dimostrare: ti
            basta un
            controesempio.Avendo fatto tu l'affermazione lascio a te l'onere della prova.
          • panda rossa scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: Livio
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: Livio




            Esatto.

            Un privato che si e' acquistato Photoshop,
            pagato

            il prezzo di listino e non deducibile in alcun

            modo.

            Troviamone solo uno e il mio assunto e'
            sbagliato.



            Se lo cerchi tu ovviamente farai in modo di non
            trovarlo
            :-DQuindi cercalo tu.Io mi fido di te.

            La situazione e' perfettamente simmetrica

            giacche' tu sostieni che i privati

            comprano.


            Deduzione arbitraria la tua (mai scritto che
            tutti pagano). Ho solo detto che non credo alla
            tua affermazione che devi dapprima dimostrare.
            Quindi ti lascio
            l'incombenza.Io la sto dimostrando per esaustione: non c'e' nessuno che ha una copia acquistata.Puoi confutare la mia dimostrazione con un controesempio.

            La mia pero' e' piu' facile da dimostrare: ti

            basta un

            controesempio.

            Avendo fatto tu l'affermazione lascio a te
            l'onere della
            prova.La prova e' che nessuno verra' mai qui a dire "Io ho comprato Photoshop!"
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            La prova è che non hai uno straccio di prova per affermare quanto hai detto bellamente all'inizio.
          • il programmat ore incazzato scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..


            Adobe non puo' essere attendibile nella risposta
            ad una simile
            domanda.
            E' piu' semplice chiedere ad amici e conoscenti:
            quasi tutti hanno photoshop e nessuno lo ha
            acquistato.
            Stessa cosa applicabile anche per MSOffice."Lo fanno tutti", e quindi?Il signor Adobe ti offre un contratto: tot euro in cambio di una licenza d'uso. Ha stabilito cosi' e non vedo cosa ci sia di male (nel fatto che ha deciso di farsi pagare, sul quanto potremmo anche discutere).Se non sei disposto a pagare quella cifra per una licenza stai senza photoshop.
        • markoer scrive:
          Re: questo e' quello che succede coi soldi..
          - Scritto da: panda rossa[...]

          E la moneta scritturale cosa pensi che sia?

          La moneta scritturale non era infinitamente
          duplicabile: doveva esistere un controvalore da
          qualche parte.Non più dagli anni 70 in poi, da quando il Dollaro si è sganciato dalle riserve auree e le altre valute hanno seguito a ruotaCordiali saluti
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            Dal 1971, ma lui non se n'è ancora accorto.
      • angros scrive:
        Re: questo e' quello che succede coi soldi..
        - Scritto da: Livio
        - Scritto da: panda rossa

        Ecco quello che succede quando si vuole

        attribuire un valore in soldi a qualcosa che

        valore in soldi non

        ha.



        E col baratto non facevano la stessa cosa?Il baratto, con i beni digitali, è quello che si fa con il mulo.
        • Livio scrive:
          Re: questo e' quello che succede coi soldi..
          - Scritto da: angros
          Il baratto, con i beni digitali, è quello che si
          fa con il
          mulo.Che col baratto non c'azzecca per nulla.
          • angros scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            Certo che ci azzecca: io ti dò un file, tu mi dai un file. Con il mulo chi carica di più scarica di più (per via del sistema dei "crediti")Se non sai le cose, salle.
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: angros
            Certo che ci azzecca: io ti dò un file, tu mi dai
            un file. Con il mulo chi carica di più scarica di
            più (per via del sistema dei
            "crediti")
            Si chiama credito, non baratto.
            Se non sai le cose, salle.Appunto, quindi evita di scrivere scemenze.
          • angros scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: Livio
            - Scritto da: angros

            Certo che ci azzecca: io ti dò un file, tu mi
            dai

            un file. Con il mulo chi carica di più scarica
            di

            più (per via del sistema dei

            "crediti")



            Si chiama credito, non baratto.Il credito è una unità di misura del baratto


            Se non sai le cose, salle.

            Appunto, quindi evita di scrivere scemenze.Scusami, ho sopravvalutato la tua intelligenza.
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: angros
            Il credito è una unità di misura del barattoNon essenso un'unità di misura, difficile.Ma puoi sempre postarmi qualche riferimento bibliografico.

            Appunto, quindi evita di scrivere scemenze.

            Scusami, ho sopravvalutato la tua intelligenza.O sottovalutato le tue critinate.
          • angros scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: Livio
            - Scritto da: angros



            Il credito è una unità di misura del baratto

            Non essenso un'unità di misura, difficile.

            Ma puoi sempre postarmi qualche riferimento
            bibliografico.





            Appunto, quindi evita di scrivere scemenze.



            Scusami, ho sopravvalutato la tua intelligenza.

            O sottovalutato le tue critinate .Anche la tua ortografia, animale.PLONK
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            Dottrina economica?
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            inutilità totale?
          • Torna registrato scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            Tu senz'altro, il resto mah
    • Antony scrive:
      Re: questo e' quello che succede coi soldi..
      Quando produrrai/costruirai da zero qualcosa anche tu ovviamente lo metterai gratis e/o open source, vero?Sopratutto se non è una pagina HTML "Hello world" ma una cosa nettamente complessa o comunque che ti ha impegnato 2 anni del tuo tempo.Ovvio, sei il nostro dio!!EPIC LOL
    • scrotone scrive:
      Re: questo e' quello che succede coi soldi..
      - Scritto da: panda rossa
      Ecco quello che succede quando si vuole
      attribuire un valore in soldi a qualcosa che
      valore in soldi non
      ha.

      Oggi un libro su itunes, domani una app su
      iphone...

      Il giorno che si arrivera' a capire che un bene
      digitale puo' essere acquistato solo con denaro
      digitale (che ognuno si duplica in proprio) sara'
      sempre troppo
      tardi.E allora che soluzione proponi? Facile criticare senza proporre, vero?
    • rottamatore di pande rosse scrive:
      Re: questo e' quello che succede coi soldi..
      Pensavo di aver già letto tutto il meglio delle tue sparate parlando di Linux, dell'inutilità del mouse, ecc, ma queste le batte tutte!!! Sei il mio eroe! :D :D
    • ruppolo scrive:
      Re: questo e' quello che succede coi soldi..
      - Scritto da: panda rossa
      Ecco quello che succede quando si vuole
      attribuire un valore in soldi a qualcosa che
      valore in soldi non
      ha.

      Oggi un libro su itunes, domani una app su
      iphone...

      Il giorno che si arrivera' a capire che un bene
      digitale puo' essere acquistato solo con denaro
      digitale (che ognuno si duplica in proprio) sara'
      sempre troppo
      tardi.Bene, inizia tu a mettere online i tuoi prodotti, affinché noi li si possa copiare.
      • panda rossa scrive:
        Re: questo e' quello che succede coi soldi..
        - Scritto da: ruppolo
        Bene, inizia tu a mettere online i tuoi prodotti,
        affinché noi li si possa
        copiare.I miei prodotti sono online da sempre, su sourceforge.
        • Livio scrive:
          Re: questo e' quello che succede coi soldi..
          Ce li linki che magari troviamo qualcosa di interessante?
          • panda rossa scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: Livio
            Ce li linki che magari troviamo qualcosa di
            interessante?www.sourceforge.comScegli pure quelli che preferisci: pandarossa puo' essere chiunque per quanto ti riguarda.
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            E secondo te come mai ti chiedo un link ai tuoi? Ti vergogni a mostrare il risultato del tuo lavoro?
          • panda rossa scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: Livio
            E secondo te come mai ti chiedo un link ai tuoi?

            Ti vergogni a mostrare il risultato del tuo
            lavoro?No. Ma per quanto riguarda te, uno vale l'altro: scegli pure quelli che preferisci, anche i piu' brutti, cosi' hai pure una ragione in piu' per dire male di me.
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: panda rossa

            No. Ma per quanto riguarda te, uno vale l'altro:
            scegli pure quelli che preferisci, anche i piu'
            brutti, cosi' hai pure una ragione in piu' per
            dire male di
            me.Infantile.
          • panda rossa scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: Livio
            - Scritto da: panda rossa



            No. Ma per quanto riguarda te, uno vale l'altro:

            scegli pure quelli che preferisci, anche i piu'

            brutti, cosi' hai pure una ragione in piu' per

            dire male di

            me.

            Infantile.Io?Sei tu che vuoi curiosare.Se il motivo per cui vuoi vedere i miei lavori e' quello di denigrare ti ho detto di scegliere pure il piu' brutto che c'e'.Se invece il motivo e' quello di voler sapere chi si cela dietro "pandarossa", devi dare dell'infantile a colui che vedi nello specchio.
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: panda rossa
            Io?
            Sei tu che vuoi curiosare.
            Sei tu che parli del valore del tuo lavoro, quindi quale miglior cosa c'è nel vederlo?
            Se il motivo per cui vuoi vedere i miei lavori e'
            quello di denigrare ti ho detto di scegliere pure
            il piu' brutto che
            c'e'.Se non hai argomenti ma ti sono rimaste le pesudo-deduzioni sei messo un po male eh.

            Se invece il motivo e' quello di voler sapere chi
            si cela dietro "pandarossa",Non occorre tanto per sapere chi sei. devi dare
            dell'infantile a colui che vedi nello
            specchio.Sempre infantile. Occhio allo specchio.
          • panda rossa scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: Livio



            Se invece il motivo e' quello di voler sapere
            chi

            si cela dietro "pandarossa",

            Non occorre tanto per sapere chi sei.
            Quindi non occorre neanche tanto trovare i miei contributi su sourceforge.In ogni caso stiamo troppo OT.Si era parlato a lungo di questa questione qualche giorno fa nei commenti di un altro articolo piu' pertinente.

            devi dare

            dell'infantile a colui che vedi nello

            specchio.

            Sempre infantile.

            Occhio allo specchio.
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: panda rossa
            Quindi non occorre neanche tanto trovare i miei
            contributi su
            sourceforge.
            Sei tu quello che scriveva di quanto è bravo a sviluppare e i quanto vale il suo lavoro ecc ecc
            In ogni caso stiamo troppo OT.È da quando hai iniziato a digredire che è OT
            Si era parlato a lungo di questa questione
            qualche giorno fa nei commenti di un altro
            articolo piu'
            pertinente.
            E anche lì non si trovano link ai tuoi sw?
          • angros scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            Scusa, ma quando tu cerchi un programma, lo cerchi in base a quello che fa (se fa quello che ti serve), o in base all'autore (usi un programma solo perchè l'ha scritto tizio, anche se è un programma che a te non serve a nulla)?Ti importa qualcosa di come si chiama chi ha scritto il programma che usi? O piuttosto, ti interessa che il programma faccia ciò che deve fare, e lo faccia bene?
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: angros
            Scusa, ma quando tu cerchi un programma, lo
            cerchi in base a quello che fa (se fa quello che
            ti serve), o in base all'autore (usi un programma
            solo perchè l'ha scritto tizio, anche se è un
            programma che a te non serve a
            nulla)?
            Se poi mi riesci a spiegare la pertinenza di questa tua uscita col fatto che chiedevo ad uno sviluppatore cosa avesse sviluppato di interessante e dove si potesse trovare il suo sw.
            Ti importa qualcosa di come si chiama chi ha
            scritto il programma che usi? O piuttosto, ti
            interessa che il programma faccia ciò che deve
            fare, e lo faccia
            bene?Magari se avessi riletto prima di premere "invia" ci saremmo evitati un post che è a assolutamente non pertinente.
          • non so scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: Livio
            Magari se avessi riletto prima di premere "invia"
            ci saremmo evitati un post che è a assolutamente
            non pertinente.sei tragicomico
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            Sei imbarazzante, ma riclonati pure anche stavolta.
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            Sei imbarazzante
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            paura che raggiunga i tuoi livelli?
          • Torna registrato scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            Tu sei insuperabile tometto clonetto
      • lordream scrive:
        Re: questo e' quello che succede coi soldi..
        - Scritto da: ruppolo
        - Scritto da: panda rossa

        Ecco quello che succede quando si vuole

        attribuire un valore in soldi a qualcosa che

        valore in soldi non

        ha.



        Oggi un libro su itunes, domani una app su

        iphone...



        Il giorno che si arrivera' a capire che un bene

        digitale puo' essere acquistato solo con denaro

        digitale (che ognuno si duplica in proprio)
        sara'

        sempre troppo

        tardi.

        Bene, inizia tu a mettere online i tuoi prodotti,
        affinché noi li si possa
        copiare.scaricati gretl da surgeforce.. copialo e dallo in giro il piu possibileps. sorry for spam-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 05 luglio 2010 17.32-----------------------------------------------------------
        • Livio scrive:
          Re: questo e' quello che succede coi soldi..
          A me non serve. Altre opzioni più utili anche per altri titpi di utenza?
          • lordream scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            - Scritto da: Livio
            A me non serve. Altre opzioni più utili anche per
            altri titpi di
            utenza?sai.. penso che siccome sei cosi intelligente le licenze su surgeforce cambieranno da open source in "vietato ai livio"
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            Penso che sei troppo limitato per sostenere una qualsivoglia conversazione degna di tale nome.
          • Livio scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            penso che spari paroloni ma non capisci un razzo di quello che dici
          • Torna registrato scrive:
            Re: questo e' quello che succede coi soldi..
            Pensa che tu manco capisci quelle facili.
  • Lex Logic scrive:
    Diamo i numeri
    suhttp://thenextweb.com/apple/2010/07/04/app-store-hacked/trovate un'effettiva dimensione del fenomeno con tanto di screenshot.. se le applicazioni comprate usando gli account hackerati degli utenti sono salite così tanto in classifica secondo voi è un fenomeno ridotto?astenersi dal postare commenti del tipo "ecco il solito trollone anti mela" fatti da gente che come al solito cerca di nascondersi dietro i fili d'erba.la mia non è una critica ma uno spunto anche per PI per dare la giusta dimensione alle news che posta.
    • Livio scrive:
      Re: Diamo i numeri
      Trattandosi di libri, è palese che in classifica salgano più rapidamente di altre app.Ma almeno lo hai letto il link che ci hai postato?
      • Lex Logic scrive:
        Re: Diamo i numeri
        Si si ho letto, il mercato dei book sull'app store ti pare marginale? :) hai sentito che hanno lanciato l'ipad?
        • Livio scrive:
          Re: Diamo i numeri
          - Scritto da: Lex Logic
          Si si ho letto, il mercato dei book sull'app
          store ti pare marginale?Se paragonato a quello delle altre app direi di si. :) hai sentito che hanno
          lanciato
          l'ipad?E questo evento recente, secondo te, può generare in così poco tempo lo stesso fatturato dell'app store? Mi pare azzedata.
          • Lex Logic scrive:
            Re: Diamo i numeri
            Considera che sull'ipad dovrebbero poterci girare tutte le app dell'iphone solo che chiaramente se hai il modello senza sim l'uso più immediato che puoi fare di un tablet del genere è leggerci le cose sopra..
          • Livio scrive:
            Re: Diamo i numeri
            Teoria interessante la tua, ma poco realistica."Aggiornamento: i libri sospetti sono stati rimossi da iTunes. Secondo questo articolo su MacRumors, il numero di acquisti necessario per prendere il controllo della fascia alta della classifica nella sezione libri di iTunes è piuttosto modesto (50-250 al giorno), per cui il numero di account violati potrebbe essere dello stesso ordine di grandezza. Sempre troppi quando si è fra le vittime della violazione, ma non si potrebbe parlare di violazioni di massa."http://attivissimo.blogspot.com/2010/07/app-store-e-account-itunes-bucati.html
    • Aleph72 scrive:
      Re: Diamo i numeri
      - Scritto da: Lex Logic
      su
      http://thenextweb.com/apple/2010/07/04/app-store-h
      Da quello che leggo non mi pare che sia stato "hackerato" un bel niente.Sembra piuttosto che le persone che hanno lamentato acquisti non autorizzati dagli store della Mela abbiano subito un attacco tipo phishing e gli siano state rubate le credenziali.Vedremo come si evolve la faccenda.Intanto io cambierò la mia pwd di iTunes, era da tanto che dovevo farlo...
      • Livio scrive:
        Re: Diamo i numeri
        Oppure hanno tirato ad indovinare azzeccando qualche centinaio di password.
        • Livio scrive:
          Re: Diamo i numeri
          con la tua non ci hanno provato nemmeno, tanto la postepay è svuotata da tutte le cavolate che hai comprato sull'iNutil store
  • angros scrive:
    Fanboy Apple.....
    Ruppolo, Mex, bibop.... dove siete?
    • Gigi scrive:
      Re: Fanboy Apple.....
      A leggere le XXXXXXX che scrivi nel forum?
      • Lord Kap scrive:
        Re: Fanboy Apple.....
        - Scritto da: Gigi
        A leggere le XXXXXXX che scrivi nel forum?Angros, aggiungi alla lista Gigi... ;)-- Saluti, Kap
        • FDG scrive:
          Re: Fanboy Apple.....
          - Scritto da: Lord Kap
          - Scritto da: Gigi

          A leggere le XXXXXXX che scrivi nel forum?

          Angros, aggiungi alla lista Gigi... ;)Ok, corro il rischio di farmi inserire nella lista (ma sai quanto me ne frega). Ma quale sarebbe il senso di questo intervento critico? Un flame di altri 500 messaggi?
          • Lord Kap scrive:
            Re: Fanboy Apple.....
            - Scritto da: FDG
            - Scritto da: Lord Kap

            - Scritto da: Gigi


            A leggere le XXXXXXX che scrivi nel forum?

            Angros, aggiungi alla lista Gigi... ;)
            Ok, corro il rischio di farmi inserire nella
            lista (ma sai quanto me ne frega).'La lista è vita.' [cit. più o meno]
            Ma quale sarebbe il senso di questo intervento
            critico? Un flame di altri 500 messaggi?Se parli del mio intervento, è solo per fare una battuta. Se parli di quello di Angros, beh, devi chiederlo a lui.Però, sai, leggersi le arrampicate sugli specchi mi hanno sempre divertito, perché ho una ditta che vende ventose per l'occasione... ;)-- Saluti, Kap
          • Gigi scrive:
            Re: Fanboy Apple.....
            - Scritto da: Lord Kap
            Però, sai, leggersi le arrampicate sugli specchi
            mi hanno sempre divertito, perché ho una ditta
            che vende ventose per l'occasione...
            ;)Idem, ma tu non smettere però!
        • Gigi scrive:
          Re: Fanboy Apple.....
          Eccone un altro :-) Si perde il conto.
          • FDG scrive:
            Re: Fanboy Apple.....
            - Scritto da: Gigi
            Eccone un altro :-) Si perde il conto.Magari ci sei pure tu nella lista e non lo sai :)
          • MeX scrive:
            Re: Fanboy Apple.....
            The SteveJob's list?
          • Gigi scrive:
            Re: Fanboy Apple.....
            http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2933292&m=2933602#p2933602No no me lo aveva pure detto :-)
    • MeX scrive:
      Re: Fanboy Apple.....
      io tanto tengo la carta di credito con la sinistra...
      • Anti scrive:
        Re: Fanboy Apple.....
        - Scritto da: MeX
        io tanto tengo la carta di credito con la
        sinistra... bella questa (rotfl)(rotfl)(rotfl)
    • ruppolo scrive:
      Re: Fanboy Apple.....
      - Scritto da: angros
      Ruppolo, Mex, bibop.... dove siete?Qui.http://www.spider-mac.com/blog/spider-mac/Voci/2010/7/5_Account_iTunes_violati__Apple_ha_sospeso_lo_sviluppatore-hacker.html
      • lordream scrive:
        Re: Fanboy Apple.....
        - Scritto da: ruppolo
        - Scritto da: angros

        Ruppolo, Mex, bibop.... dove siete?

        Qui.

        http://www.spider-mac.com/blog/spider-mac/Voci/201lol giusto per far capire come sono di parte basta postare le prime frasi dell'articolo.. qualcosa di vergognoso..Parafrasando la famosa frase di Mark Twain, La notizia delliTunes Store sotto attacco degli hacker è grandemente esagerata.Nel giorno della festa dellindipendenza degli Stati Uniti, non si è verificato alcun attacco hacker nei confronti delliTunes Store e dellApp Store. Uno sviluppatore infedele (singolare) ha violato gli account di alcuni utenti per acquistare libri del genere manga da lui stesso commercializzati su App Store.addirittura infedele looooool e che siete una religione?.. ps. la presa per il XXXX era troppo facile su questo articolo
        • Livio scrive:
          Re: Fanboy Apple.....
          E dove saresti riuscito nell'epica opera di prendere per il didietro qualcuno dato che pare proprio l'opposto?
        • Aleph72 scrive:
          Re: Fanboy Apple.....
          - Scritto da: lordream
          addirittura infedele looooool e che siete una
          religione?..Si, in effetti è un po' esagerato. Fa sembrare Apple una setta...
          • JonnyLolla scrive:
            Re: Fanboy Apple.....
            - Scritto da: Aleph72
            - Scritto da: lordream


            addirittura infedele looooool e che siete una

            religione?..

            Si, in effetti è un po' esagerato. Fa sembrare
            Apple una
            setta...è così che si sentono i fanboy Apple..una setta...lo vedi che non sono normali ? è gente piena di problemi, cerca di capire
          • Aleph72 scrive:
            Re: Fanboy Apple.....
            - Scritto da: JonnyLolla
            - Scritto da: Aleph72

            - Scritto da: lordream




            addirittura infedele looooool e che siete una


            religione?..



            Si, in effetti è un po' esagerato. Fa sembrare

            Apple una

            setta...

            è così che si sentono i fanboy Apple..

            una setta...

            lo vedi che non sono normali ? è gente piena di
            problemi, cerca di
            capireNon tutti.Io sono fan di Apple da molto tempo, ma non mi sento di appartenere a nessuna setta e se Apple fa qualche cagata lo dico e mi ci inkazzo anche.
          • bertuccia scrive:
            Re: Fanboy Apple.....
            - Scritto da: JonnyLolla

            è così che si sentono i fanboy Apple..

            una setta...

            lo vedi che non sono normali ? è gente piena di
            problemi, cerca di capiretanto arriverà il giorno che ti confronteraicon i prodotti apple e rimarrai schiavo a tua volta.siamo schiavi della qualità,me ne rendo conto, ma una volta dentro non se ne esce
          • lordream scrive:
            Re: Fanboy Apple.....
            - Scritto da: bertuccia
            - Scritto da: JonnyLolla



            è così che si sentono i fanboy Apple..



            una setta...



            lo vedi che non sono normali ? è gente piena di

            problemi, cerca di capire

            tanto arriverà il giorno che ti confronterai
            con i prodotti apple e rimarrai schiavo a tua
            volta.

            siamo schiavi della qualità,
            me ne rendo conto, ma una volta dentro non se ne
            escepiu che della qualità siete schiavi del marketing.. la qualità l'ha persa coi proXXXXXri motorola
          • Livio scrive:
            Re: Fanboy Apple.....
            Più che altro sei schiavo dei tuoi luoghi comuni per non dire d'altro.
          • Livio scrive:
            Re: Fanboy Apple.....
            Dopo il riposino delle 3 come i bambini all'asilo ecco tornare alla riscossa l'imperatore dei trolloni!
          • Torna registrato scrive:
            Re: Fanboy Apple.....
            Ubriaco già a quest'ora?
          • JonnyLolla scrive:
            Re: Fanboy Apple.....
            - Scritto da: bertuccia
            - Scritto da: JonnyLolla



            è così che si sentono i fanboy Apple..



            una setta...



            lo vedi che non sono normali ? è gente piena di

            problemi, cerca di capire

            tanto arriverà il giorno che ti confronterai
            con i prodotti apple e rimarrai schiavo a tua
            volta.

            siamo schiavi della qualità,
            me ne rendo conto, ma una volta dentro non se ne
            esceuso già prodotti Apple (macbook pro 17) per il mio lavoro (studio musicale, quindi Logic studio e PT) e ne sono contento...cioè non toglie che molti prodotti siano overpriced, che Steve Jobs sia un fanatico spocchioso e sbruffone e che Apple non ha piu quella qualità di una volta. E di certo non mi ritengo un fanboy
          • Livio scrive:
            Re: Fanboy Apple.....
            Coi tuoi problemi a quale altra setta appartieni?
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Fanboy Apple.....
            contenuto non disponibile
          • Aleph72 scrive:
            Re: Fanboy Apple.....
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: Aleph72

            - Scritto da: lordream




            addirittura infedele looooool e che siete una


            religione?..



            Si, in effetti è un po' esagerato. Fa sembrare

            Apple una

            setta...


            lol, fila a guardarti il film 'i pirati di
            Silicon Valley'

            Scoprirai che è davvero così.
            E che qualcuno moooolto noto (BG) lo disse prima
            di
            teL'ho visto il film... tanto tempo fa. Mica mi ricordo che parlava di sette?Comunque, come ho sempre detto, per quanto MI riguarda Apple mi ha sempre fatto felice e quindi sono ben contento di consigliare i suoi prodotti agli amici.Nel momento in cui mi farà qualche c...ta grossa, allora cercherò alternative.Oggi per esempio, stavo giochicchiando con un bel Samsung Galaxy S di un mio collega. Bel telefono, davvero, ma non cambierei il mio iPhone 3G per quel Samsung.Motivo? Boh... il feeling è molto diverso. Il Samsung sembrava fatto di plasticaccia, era più grande, il display (bellissimo, per carità) ha dei colori troppo falsati tutte le foto sembrano uscite da cartoni animati...Sicuramente se lo tengo per qualche giorno mi ci abituo, ma (per ora) preferisco ancora attendere l'iPhone 4.Poi se quando l'avrò preso risulterà una ciofega, me lo darò in faccia! :)
          • nome e cognome scrive:
            Re: Fanboy Apple.....

            Si, in effetti è un po' esagerato. Fa sembrare
            Apple una
            setta...Fa sembrare?
Chiudi i commenti