Facebook, uno scatto che brucia Instagram?

Nuova app dedicata interamente alle foto e alla loro condivisione. Che fa pensare alle strategie legate al recente acquisto milionario

Roma – Facebook ha annunciato un’applicazione gratuita per iOS dedicata alle fotografia: si chiama semplicemente “Camera” ed offre una versione del social network completamente dedicata alle immagini .

Tramite di essa, infatti, Facebook collega gli utenti direttamente con le gallerie fotografiche dei propri contatti, senza passaggio sui rispettivi Wall. Inoltre offre diversi strumenti funzionali al caricamento e alla modifica dei propri scatti, come la possibilità di caricamenti multipli completi di tag e descrizioni e diversi tipi di filtri in perfetto stile Instragram .

Proprio la più hipster tra le social app di condivisione fotografica viene alla mente pensando alla nuova offerta di Facebook: il social netwrok, d’altronde, ha annunciato ad aprile l’acquisto di Instragram per 1 miliardo di dollari, anche se l’operazione attende ancora il via libera delle autorità antitrust.

Essendo così ravvicinata (e ancora in bilico) l’acquisizione, però, la nuova app difficilmente rappresenta la conseguenza di tale operazione e l’integrazione della tecnologia di Instagram con la struttura di Facebook.

Dirk Stoop, a capo della divisione di Facebook dedicata ai prodotti fotografici, dice di “star lavorando da un po’ a Facebook Camera”: il problema maggiore a cui si è cercato di rispondere, spiega, era come rendere il meno complicato possibile il caricamento di una foto o il vedere quelle scattate dai propri amici. Insomma, permettere di saltare tutti quei click che per esempio adesso bisogna fare per passare dalla schermata dell’app o dalla sua homepage alle rispettive gallerie fotografiche.

Con Camera, d’altronde, il sito in blu dimostra chiaramente di voler offrire un proprio prodotto ad hoc, e che di conseguenza il destino di Instagram sarebbe fortemente integrato con esso (se non inglobato). Già adesso Facebook rappresenta di gran lunga il più grande archivio fotografico al mondo, con 250 milioni di foto caricate al giorno . E anche se Facebook continua a parlare dell’intenzione di mantenere Instagram distinto ed indipendente, è chiaro che con il suo pubblico e i suoi milioni di foto rappresenta già un concorrente diretto (interno) per il suo nuovo servizio.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Poof scrive:
    Brevetti ridicoli
    Adesso spero che salti anche l'ultimo ridicolo brevetto di MS e con esso tutto il castello di carte per farsi pagare il pizzo su Android. Le altre società non hanno avuto il coraggio di affrontare la minaccia di un proXXXXX con in ballo milioni di dollari e hanno preferito patteggiare. MS fa più ricavi col pizzo sull'aria fritta, che con quel fiasco di WP7. Spero proprio che questa assurdità finisca.
    • pippo75 scrive:
      Re: Brevetti ridicoli
      - Scritto da: Poof
      Adesso spero che salti anche l'ultimo ridicolo
      brevetto di MS e con esso tutto il castello di
      carte per farsi pagare il pizzo su Android. Le
      altre società non hanno avuto il coraggio di
      affrontare la minaccia di un proXXXXX con in
      ballo milioni di dollari e hanno preferito
      patteggiare.Io invece spero che blocchino tutti, ma proprio tutti.Quando nessuno potrà vendere, magari si sveglieranno e faranno una riforma dei brevetti.

      MS fa più ricavi col pizzo sull'aria fritta, che
      con quel fiasco di WP7. Spero proprio che questa
      assurdità
      finisca.
Chiudi i commenti