FCC: Google Voice, parla con me

Avviata un'indagine volta a far luce sul blocco da parte del servizio di chiamate verso alcune aree rurali degli Stati Uniti. Si chiede a BigG di rispondere a spinosi interrogativi

Roma – “Indicazioni recenti hanno spiegato che il servizio Google Voice blocca alcune telefonate verso comunità rurali degli Stati Uniti. Siamo interessati nel raccogliere fatti che possano aiutarci a capire questa situazione nella maniera più completa”. Così l’inizio di una lettera indirizzata all’attenzione di Richard Whitt, consulente legale di Google, con cui la Federal Communications Commission (FCC) statunitense ha avviato un’inchiesta sulle effettive pratiche di funzionamento del servizio telefonico web-based di Mountain View.

Un esile documento di sole tre pagine, inviate dalla FCC per assicurarsi che “la banda larga rimanga larga, aperta, a basso costo e accessibile a tutti gli utenti”. Tre pagine per cinque punti principali, con cui le autorità cercheranno di far luce sulle chiamate in uscita bloccate da Google , in particolare verso alcune aree rurali statunitensi.

Per prima cosa, Google dovrà spiegare alla Commissione il modo in cui le chiamate vengono instradate e se ci siano restrizioni verso particolari numeri di telefono . Successivamente, dovranno essere illustrati il modo in cui BigG informa i suoi utenti in relazione alle restrizioni stesse, e i meccanismi legati all’eventuale pagamento di alcune funzionalità del servizio.

La lettera, firmata da Sharon E. Gillett a capo del Wireline Competition Bureau , ha chiesto a Mountain View di chiarire nel dettaglio il significato del concetto di invitation-only , spiegando se ci sia l’intenzione di offrire Google Voice in forme diverse da quest’ultima. Infine, l’interrogativo che ha già preoccupato società come AT&T: se il servizio sia in diretta concorrenza con quelli di telecomunicazione classificati dal Communications Act del 1934. “Si può definire Google Voice un servizio di telecomunicazione?”: a Mountain View avranno fino al 28 ottobre prossimo per spiegarlo.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Liosandro scrive:
    Esempio tipico...
    Di come anche una NON-notizia faccia scatenare i giornalisti tecnologici, quando si parla di Apple.Basta che UNA persona dica qualcosa, e subito il tamtam parte.Dovrebbe far riflettere molti troll.In pratica, anche eventuali difetti diffusi in percentuali infinitesimali, se riguardano prodotti Apple vengono amplificati in maniera abnorme.Tutto, come ho già detto, perchè si nota di più il difetto su una superficie perfetta che su una roccia rugosa.
  • I.N.I.T. scrive:
    Apple nega.
    http://www.macworld.com/article/143272/2009/10/ituneslp_fee.html
  • FinalCut scrive:
    Facciamo chiarezza su iTunes e Apple
    Allora...1) i 10.000 $ di "tassa" sono una balla, non è vero nulla:http://www.macitynet.it/macity/aA40212/itunes_lp_apple_nega_la_super_tariffa_presto_rilascera_le_specifiche.shtml2) anche se fosse stato vero, se sei un gruppo così povero e sconosciuto da non poterti permettere di affrontare quella spesa (che non è così esorbitante) probabilmente non hai nemmeno il budget per metterci dei contenuti davvero interessanti sull' iTunes LP... quindi passi direttamente al punto 3...3) vuoi il tuo primo album in vendita su iTunes? facile!vai qui: http://www.tunecore.comti registri gratuitamente, carichi la musica, paghi ... (alla fine meno di 50 all'anno)e hai la tua musica in vendita su iTunes!!!...che poi qualcuno te la compri è tutto da vedere...altre polemiche inutili?(linux)(apple)
    • MeX scrive:
      Re: Facciamo chiarezza su iTunes e Apple
      - Scritto da: FinalCut
      Allora...

      1) i 10.000 $ di "tassa" sono una balla, non è
      vero
      nulla:
      http://www.macitynet.it/macity/aA40212/itunes_lp_a


      2) anche se fosse stato vero, se sei un gruppo
      così povero e sconosciuto da non poterti
      permettere di affrontare quella spesa (che non è
      così esorbitante) probabilmente non hai nemmeno
      il budget per metterci dei contenuti davvero
      interessanti sull' iTunes LP... quindi passi
      direttamente al punto
      3...

      3) vuoi il tuo primo album in vendita su iTunes?
      facile!

      vai qui: http://www.tunecore.com
      ti registri gratuitamente, carichi la musica,
      paghi ... (alla fine meno di 50
      all'anno)
      e hai la tua musica in vendita su iTunes!!!...

      che poi qualcuno te la compri è tutto da vedere...

      altre polemiche inutili?

      (linux)(apple)
  • ruppolo scrive:
    Discorsi inutili
    Apple non ha alcuna tassa di 10 mila dollari per fare gli LP. Era una balla.
  • Massimo scrive:
    Quanti sono 10000 dollari?
    Al cambio di oggi sono 6700 euro...non mi sembra una cifra esorbitante... se una casa discografica cmque non può permettersi di investire 6700 euro per distribuire un suo artista atraverso il canale Itunes LP, utilizzi altri canali. Non vedo il problema, Apple è un'azienda privata, mica un ente per la promozione di giovani artisti emergenti e squattrinati, può decidere legittimamente i suoi prezzi... e in questo cao, ripeto, non mi pare un prezzo che può permettersi solo una "grande etichetta". Se un'etichetta crede in questo canale e ha voglia di investirci, non penso che finirà sul lastrico per 6700 euro, meno del costo di una Matiz
  • Altrocheind ie scrive:
    Se fossi in un gruppo...
    Se fossi in un gruppo che pubblica per una indie prima di dare del ladro a quelli di iTunes ci pernserei due volte.Supponiamo che io sia il bassista di un gruppo pop-rock che ha appenda finito di incidere un disco e cerco il modo di diffonderlo. Nessuna label mi ha badato nenche di striscio, nemmeno una indie. Il disco, come ormai fanno quesi tutti, me lo sono prodotto e pagato (sala di incisione e master compresi).Prima ipotesi: iTunes LP. 10k$ ??? LadriSeconda ipotesi: il web. Comincio con farmi un sito web. Ma siccome sono un bassista e non un programmatore, il sito me lo faccio fare e mi compro un dominio e lo spazio. Poi chiedo allo stesso che mi ha fatto il sito (perché anche se il sito c'è nessuno si è accorto che esistiamo) di farmi una pagina su MySpace, su Facebook, su Tweeter, su Youtube e ovviamente su Wikipedia (dove me la cancellano subito perché giustamente su 'pedia non vocliono lo spam). Il tutto deve essere professionale, con Flash e quella roba lì. Quindi il tizio che mi fa tutto lo devo pagare. Ok: quante copie ho venduto fino ad ora? Zero. Caspita, bisogna insistere. Faccio pubblicare il disco del mio gruppo su tutti i servizi di diffusione di musica esistenti. I migliori però vogliono essere pagati (ma non i russi, chi mi compra il disco in russia?). Alla fine ho venduto 1 copia del disco (download ditale ovviamente) è sul mulo il disco gira alla grande. Allora è piaciuto? Wow...Ma non era meglio spendere 10k$ e vedere il proprio lavoro sul negozio on-line più diffuso, più figo, più alla moda del momento?
    • krane scrive:
      Re: Se fossi in un gruppo...
      - Scritto da: Altrocheind ie
      Se fossi in un gruppo che pubblica per una indie
      prima di dare del ladro a quelli di iTunes ci
      pernserei due volte.
      Supponiamo che io sia il bassista di un gruppo
      pop-rock che ha appenda finito di incidere un
      disco e cerco il modo di diffonderlo. Nessuna
      label mi ha badato nenche di striscio, nemmeno
      una indie. Il disco, come ormai fanno quesi
      tutti, me lo sono prodotto e pagato (sala di
      incisione e master
      compresi).

      Prima ipotesi: iTunes LP. 10k$ ??? Ladri

      Seconda ipotesi: il web. Comincio con farmi un
      sito web. Ma siccome sono un bassista e non un
      programmatore, il sito me lo faccio fare e mi
      compro un dominio e lo spazio. Poi chiedo allo
      stesso che mi ha fatto il sito (perché anche se
      il sito c'è nessuno si è accorto che esistiamo)
      di farmi una pagina su MySpace, su Facebook, su
      Tweeter, su Youtube e ovviamente su Wikipedia
      (dove me la cancellano subito perché giustamente
      su 'pedia non vocliono lo spam).http://it.wikipedia.org/wiki/Assalti_frontalihttp://it.wikipedia.org/wiki/Fucktotumhttp://it.wikipedia.org/wiki/99_PosseNon mi sembra
      Il tutto deve
      essere professionale, con Flash e quella roba lì.Flash e quella roba li' fanno professionale ?Non mi sembra... Poi ognuno...
      Quindi il tizio che mi fa tutto lo devo pagare.
      Ok: quante copie ho venduto fino ad ora? Zero.
      Caspita, bisogna insistere. Faccio pubblicare il
      disco del mio gruppo su tutti i servizi di
      diffusione di musica esistenti. I migliori però
      vogliono essere pagati (ma non i russi, chi mi
      compra il disco in russia?). Alla fine ho venduto
      1 copia del disco (download ditale ovviamente) è
      sul mulo il disco gira alla grande. Allora è
      piaciuto?
      Wow...Io i cd dei suddetti gruppi li ho sempre comprati ai concerti, il gruppo di cui parli tu non li vende ai concerti ?
      Ma non era meglio spendere 10k$ e vedere il
      proprio lavoro sul negozio on-line più diffuso,
      più figo, più alla moda del momento?Secondo me no.
  • pirgosemga scrive:
    mac users
    dove sono adesso i vari iroby, yelloww etc...??
    • deactive scrive:
      Re: mac users
      che si fotta il mainstream, c'e' tanta musica stra buona in giro. Di Mika, dei muse o di norah jones ne facciamo volentieri a meno.Il web da solo basta e avanza ( vedi radiohead), e fanXXXX Itunes con le sue richieste irragionevoli.10K per cosa poi ?????Anche per il formato standard bisogna scendere a patti con agenzie che si atteggiano gia' a mafia ... Bleah, la musica deve esser di tutti e per tutti. regardsAlex
      • MeX scrive:
        Re: mac users
        - Scritto da: deactive
        che si fotta il mainstream, c'e' tanta musica
        stra buona in giro. Di Mika, dei muse o di norah
        jones ne facciamo volentieri a
        meno.infatti gli indyes in iTunes fanno grandi numeri... qui si parla nello specifico del nuovo formato digitale
        Il web da solo basta e avanza ( vedi radiohead)gli stessi Radiohead che poi il disco l'hanno venduto secondo i canali canonici? e nota che loro SONO mainstream e quel poco di sucXXXXX che hanno avuto con l'album scaricabile dal web é dovuto a tutto ció che sono stati PRIMA di questa operazione
        e fanXXXX Itunes con le sue richieste
        irragionevoli.
        10K per cosa poi ?????ah sicuramente spendere 10k per questo formato fuffa multimediale non ha senso, concordo, ma non capisco questo cosa centri con quello che iTunes fa con la musica in genere...
        Anche per il formato standard bisogna scendere a
        patti con agenzie che si atteggiano gia' a mafia
        ...? la casa discografica dove lavoravo pubblicava direttamente su iTunes... e non eravamo certo "grandi" se tu hai avuto a che fare con gente disonesta che ti ha proposto di venderti su iTunes é colpa di Apple?
        Bleah, la musica deve esser di tutti e per tutti. giá... iTUnes con i suoi brani a 99 cents ha rovinato il mercato della musica!
        regards
        Alex
    • MeX scrive:
      Re: mac users
      perché a loro che cambia?
    • FinalCut scrive:
      Re: mac users
      - Scritto da: pirgosemga
      dove sono adesso i vari iroby, yelloww etc...??Eccomi qui!....Allora...1) i 10.000 $ sono una c**zzatahttp://www.macitynet.it/macity/aA40212/itunes_lp_apple_nega_la_super_tariffa_presto_rilascera_le_specifiche.shtml2) anche se fosse stato vero, se sei così povero e sconosciuto da non poterti permettere di affrontare quella spesa (che non è così esorbitante) probabilmente non hai nemmeno il budget per metterci dei contenuti davvero interessanti sull'LP quindi passi al punto 3...3) vuoi il tuo LP su iTunes? facile vai qui: http://www.tunecore.comalla fine con meno di 50 hai la tua musica in vendita su iTunes... che poi qualcuno te la compri è tutto da vedere...4) cosa dicevi a proposito dei MacUser pivello?(linux)(apple)
    • Yellow scrive:
      Re: mac users
      Aspettano che tu trolli e poi te lo fanno notare.NB: quando ti slogghi a postare razzate, sii più accorto!
    • fdfjff scrive:
      Re: mac users
      vergognati. era una balla e tu hai abboccato accecato come sei dall'odio. vergogna e non tornare più su internet. vai via. internet non ti vuole.
Chiudi i commenti