Fermata l'onda dei player DVD cinesi

Il sequestro di migliaia di lettori provenienti dalla Cina e fermati nel Mezzogiorno è dovuto al mancato pagamento delle licenze per le tecnologie MP3


Roma – La Guardia di Finanza ha ieri portato a compimento un’operazione in collaborazione con i funzionari della dogana di Gioia Tauro, in provincia di Reggio Calabria, che ha portato al blocco dell’importazione di una quantità di lettori DVD provenienti dalla Cina.

Le Fiamme Gialle hanno spiegato che l’operazione, conclusa con il sequestro di 5.946 apparecchi cinesi, è legata al fatto che i produttori non avrebbero coperto i diritti di licenza sull’integrazione nei sistemi di lettura, delle tecnologie di lettura dei file MP3 .

Va detto, infatti, che l’importazione di questi prodotti dotati di quel dispositivo è soggetta alla licenza gestita in via esclusiva dall’italiana Società Italiana per lo Sviluppo dell’Elettronica , la SISVEL spa , che nella sua lista dei licenziatari elenca un gran numero di società di mezzo mondo e anche produttori cinesi. Non quelli, però, dietro l’importazione di questi lettori.

“SISVEL – si legge sul sito dell’azienda – garantisce licenze per l’uso dei brevetti in set-top box, lettori MP3, hardware di testing o hardware e software audio per personal computer”.

Secondo la Guardia di Finanza, se immessi sul mercato italiano, questi lettori avrebbero portato nelle tasche dei produttori almeno 700mila euro .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Boicottate i prodotti HP e sfruttatori
    Bella cavolta... Ci ritroviamo ad aggiungere 15'000 disoccupati a quelli già esistenti. Produrranno a basso costo in Asia. Poi come faranno a piazzarli sul mercato europeo se non ci sono più i soldi (vedi tutti disoccupati) per acquistare i nuovi prodotti. I consiglio tutti di boicottare i prodotti proveniente dall'asia, nonostante il basso costo di acquisto. Acquistando prodotti made in China o generalmente in Asia, non faremo altro che rafforzare il potere di certe case e certi manager. Acquistando i prodotti esteri all'EU impoveriamo l'EU al livello economico e politico. Non sono contro gli States o l'Asia ma contro le industrie che vogliono annientare la nostra economia.Se paghiamo di più per acquistare un nostro prodotto interno all'EU potremmo assicuerarci il posto di lavoro.Quante macchine Toyota ci ritroviamo in Italia e poi ci lamentiamo quando Fiat licenzia. È ora di dare fiducia all'Industria nazionale ed europea. BASTA AI PRODOTTI LOW COAST (che poi tanto low non sono).Pensate più volte durante in acquisto se ce un'alternativa valida italiana o europea. Non dimentichiamoci che i migliori ingegneri sono italiani e tedeschi.VOLETE IL POSTO DI LAVORO GRANTITO E VIVERE BENE = COMPRA PRODOTTO ITALIANO + LAVORA IN ITALIA + INVESTI IN ITALIASe lo facciamo tutti (e non solo un nicchia) miglioreremo la nostra società.
  • Anonimo scrive:
    atteggiamento verso l'oss in europa
    Chissa perché nei paesi civili e tecnologicamenteevoluti del nord-europa (europa tout-court), qualiGermania, Norvegia, Finlandia, ma anche Spagna,Francia, Polonia, Ungheria, etc, si ha tra gli addettiai lavori un atteggiamento di grande aperturarispetto all'oss, visto come un'enorme opportunitàdi sviluppo di un'industria informatica europeaindipendente dalle grandi aziende mondializzate, mentre i fetecchiari delle ns parti che scrivono qui, guarda caso riescono solo a vomitare calunnie gratuite.Chissa perché nell'europa che conta tanteamministrazioni migrano a linux, tante sw housesviluppano oss, tanti professionisti usano linux(linux-apache oltre il 90% dei web server in germaniaper es), tanti utenti usano software aperti (ff al 25 ingermania, scuole in norvegia e svezia dove si insegnaoss, etc) mentre per i fetecchiari di qui sarebbe ildiavolo che gli toglie il pane dalla boccamentre le idoladrate corporation americane chelicenziano in europa per assumere in far-east etagliare i costi delle risorse umane per il 90%,o che danno tutto in outsourcing, sw e hwsono un sano modello di sviluppo e innovazioneChissa perché il mondo dei tecnici nord-europei,pur essendo in crisi come ogni altro, nondenigra l'oss, ma anzi sviluppa una buona parte delsoftware libero a livello mondiale. Chissa perchéesiste una cosi forte tendenza a limitare l'uso disw proprietario prodotto da multinazionali extra-europee e a sostituirlo con sistemi aperti. Eppure si tratta di tecnici intelligenti, proverbialmente molto preparati che abitano e lavorano in paesi civili. E' inspiegabile perché i ns fetecchiari vadano cosi in controtendenza rispetto ai loro molto piu preparati colleghi del nord. Che i nostri fetecchiari abbianoragione, mentre i loro colleghi, piu avanti di loro datutti i punti di vista, abbiano torto ?Non sarà una questione di limitatezza mentale cheimpedisce la piu elementare capacità di analisi, nonché sfoghi di incompetenti, nonché gente che ha un interesse a denigrare e calunniare una cosa di cui ha paura perché sta dalla parte di un concorrentee quindi è completamente in malafede ?Una cosa è certa: sono proprio ridicoli e penosi conle loro continue recrimnazioni da suocera in arteriosclerosi.Una cosa è certa: le voci dai bassifondi del terzo mondo dell'informatica italiota non hanno semplicemente ilbenché minimo peso. L'europa, in questo settore comein tanti altri, è fatta da nazioni piu evolute e civili, i cuiabitanti NON usano piu al 99% le ciofeche di billo,record mondiale, NON piratano oltre il 50% delle suddette (record mondiale) non sbavano se billoincidentalmente passa da milano e si degna divolgere verso di loro il pietoso sguardo di compatimento.Non è che ci voglia molto a scegliere il meglio tra queste due tendenze, un possibile sviluppo, unagonia senza speranza.Hi
    • Anonimo scrive:
      Re: atteggiamento verso l'oss in europa
      - Scritto da: Anonimo
      Chissa perché nei paesi civili e tecnologicamente
      evoluti del nord-europa (europa tout-court), quali
      Germania, Norvegia, Finlandia, ma anche Spagna,
      Francia, Polonia, Ungheria, etc, si ha tra gli
      addetti
      ai lavori un atteggiamento di grande apertura
      rispetto all'oss, visto come un'enorme opportunità
      di sviluppo di un'industria informatica europea
      indipendente dalle grandi aziende mondializzate,
      mentre i fetecchiari delle ns parti che scrivono
      qui, guarda caso riescono solo a vomitare
      calunnie gratuite.ma per favore non esagerarenon credo che ci sia stata questa grande apertura di cui parli, probabilmente qualche amministrazione è stata solo abbindolata dalle prediche del santonelo _sviluppo_ dell'economia e dell'informatica non si fa con l'open source e tanto meno rendendosi indipendenti da chissà che cosase l'europa è informaticamente indietro rispetto all'america, non è certo dovuto al fatto che negli usa esiste solo l'open source (tutto il contrario quasi)la realtà è che l'europa è culturalmente più arretrata e l'informatica è ancora un tabu

      Chissa perché nell'europa che conta tante
      amministrazioni migrano a linux, tante sw house
      sviluppano oss, tanti professionisti usano linux
      (linux-apache oltre il 90% dei web server in
      germania
      per es), tanti utenti usano software aperti (ff
      al 25 in
      germania, scuole in norvegia e svezia dove si
      insegna
      oss, etc) mentre per i fetecchiari di qui sarebbe
      il
      diavolo che gli toglie il pane dalla bocca
      mentre le idoladrate corporation americane che
      licenziano in europa per assumere in far-east e
      tagliare i costi delle risorse umane per il 90%,
      o che danno tutto in outsourcing, sw e hw
      sono un sano modello di sviluppo e innovazione

      Chissa perché il mondo dei tecnici nord-europei,
      pur essendo in crisi come ogni altro, non
      denigra l'oss, ma anzi sviluppa una buona parte
      del
      software libero a livello mondiale. Chissa perché
      esiste una cosi forte tendenza a limitare l'uso di
      sw proprietario prodotto da multinazionali extra-
      europee e a sostituirlo con sistemi aperti.
      Eppure si tratta di tecnici intelligenti,
      proverbialmente molto preparati che abitano e
      lavorano in paesi civili. E' inspiegabile perché
      i ns fetecchiari vadano cosi in controtendenza
      rispetto ai loro molto piu preparati colleghi del
      nord. Che i nostri fetecchiari abbiano
      ragione, mentre i loro colleghi, piu avanti di
      loro da
      tutti i punti di vista, abbiano torto ?

      Non sarà una questione di limitatezza mentale che
      impedisce la piu elementare capacità di analisi,
      nonché sfoghi di incompetenti, nonché gente che
      ha un interesse a denigrare e calunniare una cosa
      di cui ha paura perché sta dalla parte di un
      concorrente
      e quindi è completamente in malafede ?

      Una cosa è certa: sono proprio ridicoli e penosi
      con
      le loro continue recrimnazioni da suocera in
      arterio
      sclerosi.

      Una cosa è certa: le voci dai bassifondi del
      terzo mondo dell'informatica italiota non hanno
      semplicemente il
      benché minimo peso. L'europa, in questo settore
      come
      in tanti altri, è fatta da nazioni piu evolute e
      civili, i cui
      abitanti NON usano piu al 99% le ciofeche di
      billo,
      record mondiale, NON piratano oltre il 50% delle
      suddette (record mondiale) non sbavano se billo
      incidentalmente passa da milano e si degna di
      volgere verso di loro il pietoso sguardo di
      compatimento.

      Non è che ci voglia molto a scegliere il meglio
      tra queste due tendenze, un possibile sviluppo,
      un
      agonia senza speranza.

      Himi pento di averti risposto
      • Anonimo scrive:
        Re: atteggiamento verso l'oss in europa

        non credo che ci sia stata questa grande apertura di cui
        parliQuello che tu credi non ha nessuna importanza:quello che contano son i fattiNei paesi europei tecnologicamente evoluti si sviluppail 40% dell'oss e centinaia di pa sono migrate o stannomigrando a linux. Altro che posti di lavoro persi conl'oss.
        l'europa è culturalmente più arretrataL'italia è culturalmente piu arretrata: l'europa no.
        mi pento di averti rispostoSai quanto me ne frega: visti i contenuti della tuarisposta potevi astenerti
        • Anonimo scrive:
          Re: atteggiamento verso l'oss in europa
          - Scritto da: Anonimo
          Nei paesi europei tecnologicamente evoluti si
          sviluppa il 40% dell'oss e centinaia di pa sono
          migrate o stanno migrando a linux.(rotfl)di la verità, quante te ne sei fumate oggi?
          • Anonimo scrive:
            Re: atteggiamento verso l'oss in europa

            di la verità, quante te ne sei fumate oggi?messuna, e tu hai ancora un lembo di pellesana dove farti la pera ?
  • Anonimo scrive:
    disinformazione a basso costo
    Questi per un euro al giorno ci vengono araccontare che il nemico stallman, che l'ossci toglie qua, ci toglie la.Sono veramente dei morti di fame se pieganola schiena in maniera cosi umiliante per pochicent al giorno con cui sono pagati per disinformareLa verita' e' che noi continuiamo stupidamente aspendere decine di miliardi di euro l'anno ineuropa per le schifezze made in usa, ma prodottein outsourcing da programmatori cinesi e indianiche guadagnano 100$ al mese e lavorano 60 orealla settimana, schifezze poi vendute a noi acosti esorbitanti (con profitti stratosferici).Vogliamo continuare a buttare via enormi risorsein un buco nero che, oltre a dissanguarci conesborsi stratosferici, provoca la chiusura dellePMI aziende europee grazie a manovre monopoliste,fa in modo che i posti di lavoro siano continuamenteerosi e portati in outsourcing in oriente, non produceinnovazione, ne' attivita' economiche, ma soloun incalcolabile perdita di denaro, che prendeil largo e costituisce un passivo netto.La verita' e' che noi dobbiamo sostituire tutta questamarea di sw costosissimo, prodotto a costi infiminel far east e rivenduto qui a prezzi enormi, consistemi aperti. La verita' che l'open source, prodottoin gran parte in europa, e' per le pmi europee quelloche possono permettersi solo le grandi aziende,ovvero il loro R&D, una collaborazione che portainnovazione condivisa a basso costo. Tutti i miglioriprogetto oss sono finanziati da enti o industrie,piccole o grandi, e costituiscono, oltre che attivita'lavorative create, poli di innovazione che altrimentisarebbe difficile avere, salvo non si sia unamultinazionale con profitti enormi.Basta buttare via le poche risorse che abbiamo:occorre imparare a usarle qui per sostituire sistemiultra costosi con sistemi aperti, in modo che si possafinalmente pagare la competenza dei tecnici, non il marketing dei presunti innovatori fetecchiari
  • Anonimo scrive:
    tartufari pro-ms, andate a lavorare
    Questi per un euro al giorno ci vengono araccontare che il nemico stallman, che l'ossci toglie qua, ci toglie la.Sono veramente dei morti di fame se pieganola schiena in maniera cosi umiliante per pochicent al giorno con cui sono pagati per disinformareLa verita' e' che noi continuiamo stupidamente aspendere decine di miliardi di euro l'anno ineuropa per le schifezze made in usa, ma prodottein outsourcing da programmatori cinesi e indianiche guadagnano 100$ al mese e lavorano 60 orealla settimana, schifezze poi vendute a noi a costi esorbitanti (con profitti stratosferici).Vogliamo continuare a buttare via enormi risorsein un buco nero che, oltre a dissanguarci con esborsi stratosferici, provoca la chiusura dellePMI aziende europee grazie a manovre monopoliste, fa in modo che i posti di lavoro siano continuamenteerosi e portati in outsourcing in oriente, non produceinnovazione, ne' attivita' economiche, ma soloun incalcolabile perdita di denaro, che prendeil largo e costituisce un passivo netto. La verita' e' che noi dobbiamo sostituire tutta questamarea di sw costosissimo, prodotto a costi infiminel far east e rivenduto qui a prezzi enormi, consistemi aperti. La verita' che l'open source, prodottoin gran parte in europa, e' per le pmi europee quelloche possono permettersi solo le grandi aziende,ovvero il loro R&D, una collaborazione che portainnovazione condivisa a basso costo. Tutti i miglioriprogetto oss sono finanziati da enti o industrie,piccole o grandi, e costituiscono, oltre che attivita'lavorative create, poli di innovazione che altrimentisarebbe difficile avere, salvo non si sia una multinazionale con profitti enormi.Basta buttare via le poche risorse che abbiamo:occorre imparare a usarle qui per sostituire sistemiultra costosi con sistemi aperti, in modo che si possafinalmente pagare la competenza dei tecnici, non il marketing dei presunti innovatori fetecchiari
  • Anonimo scrive:
    Open Source unica risorsa europea
    L'oss e' lo strumento che ci permette di bilanciarel'enorme strapotere delle sw house extraeuropeein modo tale da ridurre drasticamente e una voltaper tutte gli enormi costi del software made in usa,ma prodotto in cina e india da programmatori chelavorano a 100 euro al mese (con i quali, quindi,non e' possibile nessun tipo di competizione perche'si perde in partenza)La vera sfida e' sostituire tutte le fetecchie dellaMicrosoft e delle altre multinazionali extra-europeecon software aperto, che tra l'altro viene prodottoper il 40% in europa. In tal caso si potra' finalmenteiniziare a retribuire la competenza dei tecniciper sviluppo, porting, personalizzazione, su baseoss, e smetterla di buttare a mare miliardi di eurol'anno regalandoli alle corporation usaSe pero voi pensate che e' meglio comprare tuttodagli americani, che producono in cina e india acosti irrisori e vi rifilano le fetecchie a costi iperbolici, beh, mi sa che, o ci magnate sopra,o avete le idee molto poco chiare. Poiche' credoche qui nel forum siano molti i tartufari morti difame pagati un euro al giorno per disinformare eanche quelli che credono nelle grandi multinazionalicome ad enti di beneficenza che promuovono lavoroe attivita' economiche in europa e in italia, vorreidirvi di svegliarvi una buona volta. Niente ci vera'mai da microsoft & co, sia in termini di lavoro, chedi attivita' economiche, che di innovazione, masemmai molto ci verra' tolto, a prescindere da quelloche propagandano i tartufari di pi. L'unica speranzaeuropea e' sostituire l'intera infrastruttura con sistemiaperti, sotto il controllo delle istituzioni europee, mantenuti d sviluppati da aziende europee, etccome stanno facendo centinaia di citta', di entie di scuole europee.Sveglia, basta ascoltare i tartufari, basta foraggiarele corporation usa. La vogliamo capire che dobbiamoiniziare a badare ai ns interessi e a costruire qualcosaqui, non a continuare a gettare via risorse enormi ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Open Source unica risorsa europea
      - Scritto da: Anonimo
      L'oss e' lo strumento che ci permette di
      bilanciare
      l'enorme strapotere delle sw house extraeuropee
      in modo tale da ridurre drasticamente e una volta
      per tutte gli enormi costi del software made in
      usa,si si... prova a bilanciare lo strapotere di Redhat in ambito server webl'europa, e soprattutto l'italia, è il fanalino di coda nello sviluppo del software semplicemente perchè, a differenza dell'america, il legislatore ha ignorato la materia informatica per troppo tempo e adesso si vorrebbe rimediare con la storia dei brevetti si... anzi brevetti no... anzi si... anzi... boh...
      Sveglia, basta ascoltare i tartufari, basta
      foraggiare
      le corporation usa. mammai mia, mi sembri appena appena uscito da un corso di aggiornamento del KGBsiamo messi proprio male :(
      • Anonimo scrive:
        Re: Open Source unica risorsa europea

        mi sembri appena appena uscitoi soliti argomenti da vecchia suocera chevive nella vecchia fattoria in preda all'arterio-sclerosisembri uscito dall'ideologie degli anni di piombo fai proprio pena
  • Anonimo scrive:
    l'Open Source non centra ma...
    Per come si sta mettendo la situazione,l'unico suggerimento che mi viene da fare,è quello di abbandonare del tutto gli studi di ingegneria informaticae correlati.....in america se ne sono gia accorti http://developers.slashdot.org/article.pl?sid=05/07/19/2115210&tid=146&tid=156&tid=187&tid=218
    • Anonimo scrive:
      Re: l'Open Source non centra ma...
      - Scritto da: Anonimo
      Per come si sta mettendo la situazione,l'unico
      suggerimento che mi viene da fare,è quello di
      abbandonare del tutto gli studi di ingegneria
      informatica
      e correlati.....
      in america se ne sono gia accorti
      http://developers.slashdot.org/article.pl?sid=05/0In effetti dell'informatica mi piacciono le parti collegate a robotica, bioingegneria (un po' meno) e elaborazione d'immagini, che è utile nei due precedenti campi... il cambio d'indirizzo con abbandono di quello informatico è proprio venuto da sé.
  • Anonimo scrive:
    It's the business, stupid!
    Questa frase non mi ricordo da chi è stata detta.... però ci stà a pennello per questa news. E il business, che ci vogliamo fare.HP stà semplicemente riducendo i costi: in periodi di magra, come questi, visto che grosse prospettive di aumentare i fatturati non c'è ne sono, ecco che si lavora sull'altro fronte del conto economico: i costi!! A quanto ho capito si tratta più di figure di staff e amministrazione, dall'it alle risorse umane, quindi la R&S e la produzione non viene intaccata lasciando inaviariato l'input dell'azienda.Naturalmente c'è da capire come mai ancora adesso si sono resi conti che hanno 15.000 membri dello staff in più, forse avranno introdotto qualche tecnologia innovativa in grado di aumentare la produttività!!! :-)) Scherzo...Piuttosto la cosa preoccupante che queste manovre e ristrutturazioni si fanno oltre che per risanare e ristrutturare un'azienda per il futuro, anche con un occhio strizzato a Wall Street. I manager delle società quotate oltre a dar conto al mercato, occuparsi di tecnologie, ai clienti e agli azionisti (quelli storici o di riferimento) devono anche pensare a rispolvere le quotazioni e hanno un orizzonte temporale che arriva al trimestre...... ovvero quando presentano i risultati agli analisti e al mercato..... un pò miope come politica.... dove per avere sempre utili per azione, bisogna continuamente creare profitto,,, come anche tagliare posti di lavoro.... un domani poi si possono sempre riassumere....Viviamo in un epoca troppo fast...... e dell'eccessiva finanziarizzazione dell'economia.....Quanto ad HP è vittima del suo male, delle scelte manageriali infelici, dalla inutile fusione con Compaq, e della conseguente mancata integrazione, della sua distruzione come brand e alla vocazione markettara poco attenta alla R&D.... e alla vera innovazione....Le sue stampanti comunque sono le migliori.,... e a me è un azienda che piace!!!Quanto all'open source e a linux,... non c'entra niente... azni può darsi che sia stato linux e i suoi costi minori di TCO a portare ad un ondata di licenziamenti..... forse ma maggior parte erano pertsonale addetto a formattare e reinstallre PC windows andati a male :-)) !!!Comunque è gente che non muorirà di fame.....E un pò di ottimismo per il resto.... la Cina e l'India sono opportunità..... non pericoli... Piuttosto un azienda non può prendersi carico dei destioni del mondo, fa in modo che possa sopravvivere e quanto possibile prosperare.... Sono i governi che dovrebbero pensare a quello che un azienda per definizione e sua funzione non può pensare..... Ognuno faccia il suo dovere..... Pensate che negli anni 70 IBM era l'azienda del posto a vita..... poi ha dovuto ricredersi, licenziando una buona parte della forza lavoro, altrimenti sarebbe già fallita da un pezzo....Poi ci sarebbe da parlare dei manager..... ma questa è un altra storia.... e poi i manager sono persone... e come tali soggetti ad errore...M.Giud.
  • Anonimo scrive:
    Tutta colpa di stallman
    non so se avete notato che quasi tutti i licenziamenti di massa riguardano le aziende multinazionali che hanno adottato l'open source da almeno un annohp è una delle poche aziende che si prende il lusso di fare pubblicità anche nelle tv nazionali e satellitari... non credo che navighi in brutte acque, è evidente invece che se licenziando si può trovare l'alternativa (vedi muli open source), non vedo perchè non se ne debba approfittare :@ se fossi fra i licenziati, scriverei una bella lettera a stallman dove chiedergli, come sussidio temporaneo, una parte del suo lauto stipendio da docente pellegrino
    • Anonimo scrive:
      Re: Tutta colpa di stallman
      - Scritto da: Anonimo
      non so se avete notato che quasi tutti i
      licenziamenti di massa riguardano le aziende
      multinazionali che hanno adottato l'open source
      da almeno un anno

      hp è una delle poche aziende che si prende il
      lusso di fare pubblicità anche nelle tv nazionali
      e satellitari... non credo che navighi in brutte
      acque, è evidente invece che se licenziando si
      può trovare l'alternativa (vedi muli open
      source), non vedo perchè non se ne debba
      approfittare :@

      se fossi fra i licenziati, scriverei una bella
      lettera a stallman dove chiedergli, come sussidio
      temporaneo, una parte del suo lauto stipendio da
      docente pellegrinoSicuramente e' colpa di Stallman se HPuna volta acquistata Compaq non ha fattoaltro che tenere il marchio HP-Compaq perqualche mese per poi eliminare il secondo,abbassando la qualità dei portatili del marchio appenaacquistato alle sue ciofeche?E' colpa di Stallman se si e' fatta bidonare per annida Intel col Merced (ora Itanium, ma doveva arrivare5 anni prima) abbandonando PA-RISC.Poi hanno cosi' tanto opensource, che ti colleghial loro sito di supporto, e c'e' scritto chefunziona solo con "Internet Explorer"...I licenziamenti in massa riguardano aziendeche producono beni materiali, non quelleche producono "aria fritta". Avere invenduti1 milione di CD di Windows XP non e' lastessa cosa di avere invendute 1 milionedi stampanti. Eppure vengono vendute allostesso prezzo...
    • Anonimo scrive:
      Re: Tutta colpa di stallman
      Nota che il reparto Ricerca&Sviluppo non verrà toccato (e grazie a Stallman c'è un sacco di gente che ci lavora 8) ). Probabilmente visto il successo SW dell'opensource hanno valutato che vendere HW non rende... :) Nota che solo la parte HW verrà ridimensionata. :'( Cosiglio: prima di dare colpe informati
    • lele2 scrive:
      Re: Tutta colpa di stallman
      - Scritto da: Anonimo
      è evidente invece che se licenziando si
      può trovare l'alternativa (vedi muli open
      source), non vedo perchè non se ne debba
      approfittare :@
      non vedo tutto questo opensource a parte qualche server e un driver per la stampantiil resto tutto con windows preinslallato
    • Anonimo scrive:
      Re: Tutta colpa di stallman

      non so se avete notatoche si capisce lontano um miglio che sei unatrollona tutta bagnata
    • Anonimo scrive:
      Re: Tutta colpa di stallman

      se licenziando si può trovare l'alternativa (vedi muli
      open sourceCerto, se il fatto che ci siano muli open-source puoportare al tuo licenziamento in tronco e a farti sbatterein mezzo alla strada, ben vengano.Ma ho il vago sospetto che tu usi queste storie comescusa per la tua incompetenza, vera ragione per cuiresti disoccupato o ti fai cacciare: no, mi baglio, vero ?
  • Anonimo scrive:
    Punto di vista da insider
    - Per gli integralisti dell'open source:Il CEO di HP ha appena assunto il nuovo CIO (il nuovo capo dell'IT di HP) che fino all'altro ieri era CIO di Dell e prima di Walmart. Il tale CIO ha fatto sfracelli (ha avuto molto successo nella ristrutturazione dell'IT delle citate corporation) anche grazie alla strategia di sostituzione massiccia di sistemi proprietari con Linux.Sull'IT di HP (e non solo)- Nonostante la complessita' delle operazioni (provi qualche piccola azienda a progettare, produrre, consegnare e offrire servizi per 6-7 milioni di pezzi AL MESE - stampanti, macchine fotografiche, pc, server) l'IT interno di HP e' obsoleto e incredibilmente costoso. I tagli colpiranno soprattutto il personale dell'IT.-Ovvio che l'offshoring diventa determinante. Quando un sistemista indiano o cinese costa un quinto di uno europeo e un decimo di uno statunitense, quello che si potra' spostare nei paesi a basso costo (e che non e' gia' stato spostato), verra' trasferito molto in fretta. Ma questo vale per HP, Ibm, Dell, Oracle, Microsoft...- Per i professionisti dei paesi occidentali (Italia inclusa) diventa piu' redditizio essere esperti di gestione di servizi in outsourcing e offshoring piuttosto che essere sviluppatori o sistemisti provetti. Quale grande azienda commetterebbe il suicidio di assumere sviluppatori nei paesi ad alto costo?non ho espresso nessun giudizio, solo qualche fatto e previsionecordialmente
    • Anonimo scrive:
      Re: Punto di vista da insider
      Il discorso non fa una piega, anzi, è ormai evidente in tutti i settori. Quello informatico, stranamente, risulta arretrato in questa migrazione rispeto ad altri settori. L'Europa in particolare finirà con le gambe all'aria (molto più degli stati uniti, secondo me). Prima si è spostata la produzione, poi lentamente, anche gli uffici di progettazione.In questo circolo vizioso c'è una cosa che non torna: i grandi industriali sono convinti di produrre a poco fuori dall'europa e vendere a molto in europa ma... se in europa nessuno lavora... chi comprerà i loro prodotti?? alla lunga sarà un autogol pauroso... i poco lungimiranti manager vogliono tanti soldi e subito... probabilmente li avranno ma per poco, poco tempo... poi????
      • tillo scrive:
        Re: Punto di vista da insider
        - Scritto da: Anonimo
        Il discorso non fa una piega, anzi, è ormai
        evidente in tutti i settori. Quello informatico,
        stranamente, risulta arretrato in questa
        migrazione rispeto ad altri settori. L'Europa in
        particolare finirà con le gambe all'aria (molto
        più degli stati uniti, secondo me). Prima si è
        spostata la produzione, poi lentamente, anche gli
        uffici di progettazione.
        In questo circolo vizioso c'è una cosa che non
        torna: i grandi industriali sono convinti di
        produrre a poco fuori dall'europa e vendere a
        molto in europa ma... se in europa nessuno
        lavora... chi comprerà i loro prodotti?? alla
        lunga sarà un autogol pauroso... i poco
        lungimiranti manager vogliono tanti soldi e
        subito... probabilmente li avranno ma per poco,
        poco tempo... poi????poi venderanno solo nell'Est, e noi diventeremo il terzo mondo, e dovremo chiedere favori ai paesi benestanti (Est) per acquistare hw o sw (come le medicine per l'AIDS in Africa)sìsì esagero, c'è gente che avrà previsto anche questo, ma può darsi, no?!
    • Anonimo scrive:
      Re: Punto di vista da insider

      sostituzione massiccia di sistemi proprietari con Linux.speriamo
      Ovvio che l'offshoring diventa determinante
      questo vale per HP, Ibm, Dell, Oracle, Microsoft...Chiaro, solo i troll possono tirare in ballo l'ossNon sono previsioni, ma la realta sotto gli occhi ditutti. In questo momento gli ingegneri cinesi sonoil quadruplo di quelli degli usa, poi ci sono gliindiani, etc. Ottima preparazione, forti motivazioni,basso costo. Altro che oss ! Solo un coglione puofar finta di non vedere questa situazione.
    • Anonimo scrive:
      Re: Punto di vista da insider

      linuxsperiamo
      Ovvio che l'offshoring diventa determinante
      questo vale per HP, Ibm, Dell, Oracle, Microsoft...Chiaro, solo i troll possono tirare in ballo l'ossNon sono previsioni, ma la realta sotto gli occhi ditutti. In questo momento gli ingegneri cinesi sonoil quadruplo di quelli degli usa, poi ci sono gliindiani, etc. Ottima preparazione, forti motivazioni,basso costo. Altro che oss ! Solo un cojon puofar finta di non vedere questa situazione.
      • Anonimo scrive:
        Re: Punto di vista da insider
        - Scritto da: Anonimo

        linux

        speriamo



        Ovvio che l'offshoring diventa determinante

        questo vale per HP, Ibm, Dell, Oracle,
        Microsoft...

        Chiaro, solo i troll possono tirare in ballo l'oss


        Non sono previsioni, ma la realta sotto gli occhi
        di
        tutti. In questo momento gli ingegneri cinesi sono
        il quadruplo di quelli degli usa, poi ci sono gli
        indiani, etc. Ottima preparazione, forti
        motivazioni,
        basso costo. Altro che oss ! Solo un cojon puo
        far finta di non vedere questa situazione.Peggio ancora, additare come colpevole l'oss svia l'attenzione dal vero colpevole della crisi, l'outsourcing/offshoring e permette a chi lo sta attuando a danno della propria economia nazionale di agire indisturbato.Naturalmente Gates e Ballmer sono troppo furbi per licenziare in patria, creando shock, scandalo e risentimento, semplicemente le nuove assunzioni avverranno in India e Cina in qualsiasi casso non sia indispensabile assumere un americano.Ovviamente deprimere il proprio mercato, a lungo termine è senz'altro un suicidio: be', vuol dire che quella che una volta era "new economy" si è sclerotizzata diventando veterocapitalismo e questo per un capitalista è il passo prima dell'estinzione, ma è sempre stato così fin dall'inizio dell'era industriale: Marx ha fallito perché i capitalisti di cui scriveva stavano già estinguendosi in Europa mentre i suoi libri andavano in stampa, solo in Russia, più retrograda, hanno resistito più a lungo, portando però a fondo con sé tutto il loro vecchio sistema.Attualmente il veterocapitalismo può resistere solo nelle parti più arretrate e non emergenti del terzo mondo, altrove il progresso è troppo rapido e il vecchio è destinato ovunque ad estinguersi.Anche in Cina lo sfruttamento durerà lo stretto necessario per sbaragliare i concorrenti USA e UE meno agili ad adattarsi al nuovo, poi inizierà la fase di diffusione del benessere per ampliare il mercato interno.E noi?Verremo pagati la metà, forse, ma in tal caso anche i prezzi dovranno dimezzarsi, pena la perdita del cliente, a meno che non rendano legale stamparsi i soldi da soli quando finisce lo stipendio.Più verosimilmente, chiunque non abbia in qualche campo una preparazione superiore al suo omologo cinese, dovrà rassegnarsi a vivere da cinese: è la globalizzazione capita e fatta propria in tempo record dalla Cina, baby.
  • Anonimo scrive:
    Mah
    Loro ci licenziano e noi subiamo! Loro aumentano le tariffe e noi subiamo! Loro ci rubano e noi subiamo! Loro fanno guerre e noi subiamo! Per quanto andremo avanti così?? Ci vogliono le bombe in testa per svegliarci??? Siamo pecore,siamo stupidi,siamo egoisti,siamo deboli!!! La vigliaccheria ci ucciderà tutti e quando le porte dell'inferno si apriranno, io riderò!! ahhahhahahahahahhahahahahha
  • Riot scrive:
    Outsourcing
    Mah, eppure è così semplice: il lavoratore è ormai visto come una risorsa omogenea e quindi si preferisce usare quello indiano o cinese che costa molto meno.Non c'è altro, davvero.Poco fa l'ha fatto anche IBM.E' il capitalismo selvaggio che sta succhiando le ultime gocce di sangue all'Occidente prima di buttarsi su Cina e India.L'opensource ovviamente non c'entra nulla se non per scatenare le solite flame, unico divertimento di un povero bambino con problemi di mente che assedia P.I.
    • compiler scrive:
      Re: Outsourcing
      - Scritto da: Riot
      Mah, eppure è così semplice: il lavoratore è
      ormai visto come una risorsa omogenea e quindi si
      preferisce usare quello indiano o cinese che
      costa molto meno.

      Non c'è altro, davvero.

      Poco fa l'ha fatto anche IBM.

      E' il capitalismo selvaggio che sta succhiando le
      ultime gocce di sangue all'Occidente prima di
      buttarsi su Cina e India.

      L'opensource ovviamente non c'entra nulla se non
      per scatenare le solite flame, unico divertimento
      di un povero bambino con problemi di mente che
      assedia P.I.ti rispondo seriamentel'open source c'entra e come, una qualsiasi azienda a scopo di lucro non ha motivo di pagare 1000 sviluppatori software a 2 mila euro al mese (1000 * 2000 * 12 = 24 milioni di euro annui) se si possono avere ugualmente gratis e a costo zero!l'open source distruggerà' il mercato e il valore del software, e questo alle aziende prevalentemente hardware (HP, IBM, Nokia, ecc..) piace tantissimoalle aziende hardware non interessa avere la proprietà del sistema operativo da caricare nel palmare di prossima uscita... basta che ci sia dentro un cacchio di OS risparmiando quattrini e facendo più $oldi possibilidammi pure del troll, ma è questo a cui credo
      • abbasso scrive:
        Re: Outsourcing
        - Scritto da: compiler
        l'open source distruggerà' il mercato e il valore
        del software, e questo alle aziende
        prevalentemente hardware (HP, IBM, Nokia, ecc..)
        piace tantissimoIBM azienda hardware? IBM vende perlopiù servizi.
        • nasoblu4 scrive:
          Re: Outsourcing
          - Scritto da: abbasso
          IBM azienda hardware? IBM vende perlopiù servizi.si ma essenzialmente connessi alla "ferramenta" che vende......
          • abbasso scrive:
            Re: Outsourcing
            - Scritto da: nasoblu4

            - Scritto da: abbasso


            IBM azienda hardware? IBM vende perlopiù
            servizi.

            si ma essenzialmente connessi alla "ferramenta"
            che vende......Ok, ma il valore aggiunto lo mette nei servizi, non nell'hw e in futuro sarà sempre più orientata ai servizi. Ha anche appena venduto la divisione portatili.
          • compiler scrive:
            Re: Outsourcing
            - Scritto da: abbasso

            - Scritto da: nasoblu4



            - Scritto da: abbasso




            IBM azienda hardware? IBM vende perlopiù

            servizi.



            si ma essenzialmente connessi alla "ferramenta"

            che vende......

            Ok, ma il valore aggiunto lo mette nei servizi,
            non nell'hw e in futuro sarà sempre più orientata
            ai servizi. Ha anche appena venduto la divisione
            portatili.i servizi di IBM sarebbero solo fumo senza il software e comunque la IBM di hardware ne vende ancora tanto
      • Kirisuto scrive:
        Re: Outsourcing
        - Scritto da: compiler

        - Scritto da: Riot

        Mah, eppure è così semplice: il lavoratore è

        ormai visto come una risorsa omogenea e quindi
        si

        preferisce usare quello indiano o cinese che

        costa molto meno.



        Non c'è altro, davvero.



        Poco fa l'ha fatto anche IBM.



        E' il capitalismo selvaggio che sta succhiando
        le

        ultime gocce di sangue all'Occidente prima di

        buttarsi su Cina e India.



        L'opensource ovviamente non c'entra nulla se non

        per scatenare le solite flame, unico
        divertimento

        di un povero bambino con problemi di mente che

        assedia P.I.

        ti rispondo seriamente

        l'open source c'entra e come, una qualsiasi
        azienda a scopo di lucro non ha motivo di pagare
        1000 sviluppatori software a 2 mila euro al mese
        (1000 * 2000 * 12 = 24 milioni di euro annui) se
        si possono avere ugualmente gratis e a costo
        zero!

        l'open source distruggerà' il mercato e il valore
        del software, e questo alle aziende
        prevalentemente hardware (HP, IBM, Nokia, ecc..)
        piace tantissimo

        alle aziende hardware non interessa avere la
        proprietà del sistema operativo da caricare nel
        palmare di prossima uscita... basta che ci sia
        dentro un cacchio di OS risparmiando quattrini e
        facendo più $oldi possibili

        dammi pure del troll, ma è questo a cui credoTi rispondo seriamente anch'io: l'azienda HW non può aspettare i comodi degli sviluppatori volontari per lanciare un dispositivo completo del SW o FW necessario a farlo funzionare e in più avrà sempre esigenze specifiche che non è detto siano coperte dai gusti di programmazione e/o dalle esigenze degli opensorcisti, quindi avrà sempre bisogno di pagare sviluppatori.Poi i programmatori a qualsiasi livello il cui posto dipende da programmi "assediati" dall'opensorcio sono una piccola parte, per lo più concentrata in USA, e sta già perdendo il posto a causa dell'outsourcing in India, Cina (e Irlanda, ma solo quando hanno bisogno di comprare voti nella UE), la stragrande maggioranza dei programmatori fa cose troppo specifiche perché siano coperte dall'opensorcio e comunque il datore di lavoro mai potrebbe stare ad aspettare i comodi di un volontario, proprio come le grandi aziende HW.Al più la disponibilità di una base open può far "limare" costi e assunzioni, non eliminarli, ma quello che viene limato abbassa i costi e rende disponibili risorse che prima andavano in massima parte a MS e pochi altri.Per fare un esempio straabusato, le città che adottano SW opensource personalizzato creano posti di lavoro locali a spesi di quelli a Redmond. E visto che la manutenzione e l'amministrazione del SW servono sempre, sia con l'open che col closed, su questo fronte la situazione è neutra.Ma il nemico dei nostri posti di lavoro non è assolutamente l'opensorcio, ma l'outsorcio, il sorcio straniero.
      • Riot scrive:
        Re: Outsourcing

        l'open source c'entra e come, una qualsiasi
        azienda a scopo di lucro non ha motivo di pagare
        1000 sviluppatori software a 2 mila euro al mese
        (1000 * 2000 * 12 = 24 milioni di euro annui) se
        si possono avere ugualmente gratis e a costo
        zero!Un lavoratore indiano o cinese ti costa un ventesimo, non ha sindacati e fa orari terrificanti.Fidati che un'impresa preferisce questo all'incertezza dell'open source.Poi se un lavoro è open source l'azienda che ne fa uso potrà subire la concorrenza di praticamente chiunque altro e questo farà abbassare i suoi margini di guadagno.L'unica vera licenza da "muli" è la BSD che permette alle corporazioni di sfruttare il codice prodotto da altrisenza che debbano restituire nulla.Seconda cosa, soprattutto per motivi ideologici è difficile che uno sviluppatore dedichi il suo tempo ad una grande impresa, anzi farà di tutto per creare un prodotto alternativo ad essa. Questo significa che le grandi compagnie di software probabilmente diventeranno inutili nel lungo periodo, ma questo non può che essere un bene, visto che verranno sostitute da molte piccole realtà locali e non transoceaniche dedicate alla fornitura di servizi, all'insegnamento ed alla personalizzazione del software.
        l'open source distruggerà' il mercato e il valore
        del software, e questo alle aziende
        prevalentemente hardware (HP, IBM, Nokia, ecc..)
        piace tantissimoDi aziende prevalentemente software ne rimangono veramente poche ed in genere sono (pseudo) monopoliste nel loro campo e distruggono molti più posti di lavoro di quanti ne creino.
        dammi pure del troll, ma è questo a cui credoIn pratica tu sei a favore delle multinazionali mentre io sono a favore delle piccole imprese.Visto che viviamo in Europa la tua posizione mi pare piuttosto masochistica.
  • mr_setter scrive:
    affascinante....
    e' sempre affascinante osservare il lavoro svolto da questi bei tomi che per combattere la crisi cosa fanno? ma usano il rimedio piu' vecchio del mondo no? a casa i lavoratori "in eccedenza" e che diamine!!! Notate tra l'altro che vige la ferrea regola "cane non mangia cane"! Non citano mai e poi mai i loro precedessori che solo 3 mesi prima sedevano al loro posto e che sono i principali responsabili della situazione attuale....Mai uno che lo si senta dire: "effettivamente la situazione si e' aggravata anche grazie alla gestione fallimentare di quello stronzo che mi ha preceduto.....". e mai uno che si sieda ad un tavolo pubblico con tutti i rappresentanti dei lavoratori e dica fuori dai denti: "Cazzo la situazione e' seria, gli investitori mi chiedono di licenziare 15.000 persone per rimettere in sesto l'azienda io invece propongo di non licenziare nessuno, di abbassare a tutto il ruolo dirigenziale lo stipendio del 40% e di reinvestirlo in ricerca e sviluppo a patto che mi diate una mano anche voi non chiedendo aumenti per i prossimi due anni...." Lo so che uno cosi' oggi non esiste ma sarebbe proprio impossibile in termini aziendali cominciare a ragionare in questo modo???O:-)
    • Anonimo scrive:
      Re: affascinante....
      Mi pare chiaro che i managers ormai rappresentano la nuova aristocrazia. I pochi che ho visto in azione pensavano solo al proprio stipendio: troppo spesso ho avuto lasensazione di lavorare più per il superbonus del dirigente di turno che per il bene di tutta l'azienda.
  • Anonimo scrive:
    Invece di licenziare lavoratori...
    ...HP potrebbe fare un pacco di soldi licenziando a cinesi, taiwanesi e coreani Alpha nelle sue ultime evoluzioni mai nate, EV8, EV9, EV10... magari anche AMD gliele pagherebbe bene, visto che lo ha già fatto per EV6, che, pur essendo indietro rispetto a EV7x degli ultimi Alpha prodotti, ha fatto il suo dovere contribuendo al successo di Athlon (per dire quanto Alpha fosse avanti, ma si può ribadire aggiungendo che nonostante Alpha avesse i rubinetti dei fondi quasi chiusi, Itanium 2 ha faticato non poco per sorpassarlo, Itanium 1 non c'è mai riuscito, che prendeva le carrube anche dai Pentium III).
  • flamer scrive:
    Managers ed analisti di mercato...
    ...andrebbero impalati sulla pubblica piazza come monito per gli altri aspiranti tali. E qualche beota se la prende con Stallman invece...che tristezza.
    • Anonimo scrive:
      Re: Managers ed analisti di mercato...
      - Scritto da: flamer
      ...andrebbero impalati sulla pubblica piazza come
      monito per gli altri aspiranti tali. E qualche
      beota se la prende con Stallman invece...che
      tristezza.I manager devono tirare avanti un azienda, ed hanno dei lavoratori pagati. Stallman no, ed ha creato milioni di lavoratori non pagati. Questa è la sostanziale differenza tra le due figure.
      • Anonimo scrive:
        Re: Managers ed analisti di mercato...
        Non dire stronzate, idiota.
      • Anonimo scrive:
        Re: Managers ed analisti di mercato...
        - Scritto da: Anonimo
        I manager devono tirare avanti un azienda, ed
        hanno dei lavoratori pagati. Stallman no, ed ha
        creato milioni di lavoratori non pagati. Questa è
        la sostanziale differenza tra le due figure.Lo faccio anche io il manager se da un giorno all'altro posso licenziare 15.000 persone. Sti cazzi, se vendo di meno mi ridimensiono.Poi sto ancora aspettando che mi dici dove posso comprare stampanti open-source aggratis che hanno rovinato il mercato di HP :D
        • Anonimo scrive:
          Re: Managers ed analisti di mercato...
          - Scritto da: Anonimo

          Lo faccio anche io il manager se da un giorno
          all'altro posso licenziare 15.000 persone. Sti
          cazzi, se vendo di meno mi ridimensiono.
          O così o la ditta intera fallisce.
          Poi sto ancora aspettando che mi dici dove posso
          comprare stampanti open-source aggratis che hanno
          rovinato il mercato di HP :DDimmi dove c'è scritto che solo il mercato delle stampanti è in crisi.
      • Anonimo scrive:
        Re: Managers ed analisti di mercato...
        Sempre a sbagliare obiettivo. Ma quando vi sveglierete?
        • Anonimo scrive:
          Re: Managers ed analisti di mercato...
          - Scritto da: Anonimo
          Sempre a sbagliare obiettivo. Ma quando vi
          sveglierete?Si sveglieranno il giorno in cui alla loro porta busseranno un paio di manager analisti di mercato con lo sfratto in mano, perchè al posto di casa loro ci metteranno un dormitorio per venti schiavi cinesi.
      • Anonimo scrive:
        Che c###o dici???
        Che cazzo fai, ringrazi, anzi idolatri, i "manager" che si prendono il merito di licenziare legioni di persone???
        • Anonimo scrive:
          Re: Che c###o dici???
          - Scritto da: Anonimo
          Che **** fai, ringrazi, anzi idolatri, i
          "manager" che si prendono il merito di licenziare
          legioni di persone???Sbagliato target: non idolatro di certo i manager che licenziano 15.000 persone, però me la prendo molto di più con stallman e la sua legione di lavoratori non pagati.
          • Anonimo scrive:
            Re: Che c###o dici???

            me la prendo molto di più con stallman e la sua legione
            di lavoratori non pagati.guarda, io faccio il sistemista e lavoro con unix e adesso con linux, ma qualche installazione linux a gratis da volontariato da qualche parte, se puo servire a mettertelo ancora piu in quel posto e a fartelo rodere ancora di piu la faccio volentieri. Gia mantengo unpaio di pacchetti debian, ma potrei fare di piu,chessò, metter giu un driver per un tipo recentedi deskjet.La verità è che siete gente inutile che non serve a nulla e che un ingegnere cinese per hp, ibm, etc, vale il triplo e costa dieci volte di menoPoi venite fuori con la favolina che stallman qui, stallman la. Io lavoro nel pubblico e fino a tre anni fa lo stato pagava 400.000 una copia di win2000 o XP e 1.300.000 office pro. Adesso, con la concorrenzadell'oss con 150 euro si compra tutt'e due, con unrisparmio generale enorme. Questo è l'open sourcein europa.Per un milione di ingegneri che restano a spassoin occidente, molti milioni di ingegneri nel mediooriente sono assunti: il centro dello sviluppo è la,non qui, i computer si vendono la, non qui, latecnologia si fa la, non qui, ma voi tirate fuorila stronzatina del programmillo gestionale chela ditta invece di farvelo fare a voi lo trova in linguasassone su freshmeat, etc etcSiete proprio patetici. A zappare.
    • Anonimo scrive:
      Il solito troll comunista
      a nanna dai
      • Anonimo scrive:
        Re: Il solito troll comunista
        - Scritto da: Anonimo
        a nanna daiPerché comunista? Potrebbe essere leghista, di AN, lepenista, perfino, ma anche gollista, solo per dire qualche partito di destra che non vede di buon occhio lo strapotere USA.
  • Anonimo scrive:
    La nostra economia
    Non voglio fare il Beppe Grillo della situazione (anche se lo adoro) ma... vi rendete conto di come va ormai la nostra economia?Gli analisti parlano addirittura positivamente di 15.000 tagli al personale, 15.000 persone che ora sono senza lavoro.Verso che mondo andiamo? Ma i lavoratori non sono anche consumatori? E 15.000 consumatori senza lavoro fanno davvero felice l'economia?Siamo sicuri che questi analisti riescano a capire cosa è diventata oggi l'economia? Con quali criteri 15.000 persone ora senza lavoro sono un dato positivo?E dovevano essere addirittura 25.000?!?E poi si alzano un mattino, e decidono che noi dobbiamo lavorare a progetto, senza ferie e malattie, che le case costano mezzo miliardo, che c'è crisi...Perchè non possiamo fare a meno degli analisti di mercato? Ma che è un dramma se per qualche mese vendi qualche stampante di meno?Datemi pure del comunista, ma secondo me il capitalismo, inteso come cultura del libero mercato, è alla frutta. Quando a forza di lavorare a progetto e a tempo per due lire non compreremo più stampanti voglio vedere cosa succederà alla HP.
    • Anonimo scrive:
      Re: La nostra economia
      - Scritto da: Anonimo
      Non voglio fare il Beppe Grillo della situazione
      (anche se lo adoro) ma... vi rendete conto di
      come va ormai la nostra economia?l'Italia è un caso a parte: - il 90% dei nostri imprenditori non ha una laurea in economia- l'accesso al credito è roba sconosciuta- gli investimenti strategici non sanno manco che significa- non sono in grado di scrivere business plan- non capiscono il significato di asset e risorse- sono notoriamente tirchi - varie ed eventuali.
      • Riot scrive:
        Re: La nostra economia

        l'Italia è un caso a parte:
        - il 90% dei nostri imprenditori non ha una laurea
        in economia
        - l'accesso al credito è roba sconosciuta
        - gli investimenti strategici non sanno manco che
        significa
        - non sono in grado di scrivere business plan
        - non capiscono il significato di asset e risorse
        - sono notoriamente tirchi
        - varie ed eventuali.L'Italia è un caso limite, ma anche il resto del mondo non è che sia messo benissimo.Il problema principale è costituito dalla figura del manager, che sta diventando, se già non lo è, la nobiltà del terzo millennio: costosa, decadente, dannosa, inutile.C'è poco da fare, un'impresa sopravvive se realizza prodotti vincenti e l'apporto del manager in questo è inesistente se non dannoso.Un'impresa la fanno quelli della ricerca & sviluppo, quelli che si sbattono a fare il lavoro sporco, talvolta quelli del marketing, magari pure qualche avvocato... tutto il resto è solo parassitismo.Dopotutto la cosa è abbastanza ovvia, chi arriva ai vertici è bravo nella politica aziendale e nel baciamento c**i, doti che si sviluppano quando ci si rende conto di essere incapaci di fare qualsiasi altra cosa.
    • Anonimo scrive:
      Re: La nostra economia
      - Scritto da: Anonimo

      Gli analisti parlano addirittura positivamente di
      15.000 tagli al personale, 15.000 persone che ora
      sono senza lavoro.

      Verso che mondo andiamo?

      Ma i lavoratori non sono anche consumatori? E
      15.000 consumatori senza lavoro fanno davvero
      felice l'economia?
      Risposta: le ditte perderanno forse 15.000 clienti in occidente, ma se sono possono diventare concorrenziali su mercati il cui numero di potenziali clienti è dell'ordine delle centinaia di milioni (India e soprattutto Cina), sai quanto gliene importa...Preparatevi all'idea di emigrare in India o Cina in un futuro nemmeno troppo remoto. Magari gli ultimi che lo faranno come clandestini.
      • Anonimo scrive:
        Re: La nostra economia
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo



        Gli analisti parlano addirittura positivamente
        di

        15.000 tagli al personale, 15.000 persone che
        ora

        sono senza lavoro.



        Verso che mondo andiamo?



        Ma i lavoratori non sono anche consumatori? E

        15.000 consumatori senza lavoro fanno davvero

        felice l'economia?



        Risposta: le ditte perderanno forse 15.000
        clienti in occidente, ma se sono possono
        diventare concorrenziali su mercati il cui numero
        di potenziali clienti è dell'ordine delle
        centinaia di milioni (India e soprattutto Cina),
        sai quanto gliene importa...

        Preparatevi all'idea di emigrare in India o Cina
        in un futuro nemmeno troppo remoto. Magari gli
        ultimi che lo faranno come clandestini.Si ma al metalmeccanico italiano medio i cinesi, al massimo, faranno pulire i vetri ai semafori, almeno finché la "Lega Mongola" non s'incazzerà e al grido di "Pechino ladrona, la Lega non perdona" invocherà le espulsioni dei visi pallidi clandestini @^ e il federalismno fiscale :D
        • Anonimo scrive:
          Re: La nostra economia
          - Scritto da: Anonimo
          Si ma al metalmeccanico italiano medio i cinesi,
          al massimo, faranno pulire i vetri ai semafori,
          almeno finché la "Lega Mongola" non s'incazzerà e
          al grido di "Pechino ladrona, la Lega non
          perdona" invocherà le espulsioni dei visi pallidi
          clandestini @^ e il federalismno fiscale :DE poi raccoglieranno urina di yak e verranno a cospargerla sulle nostre chiese... brrr :D
        • Anonimo scrive:
          Re: La nostra economia
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo





          Gli analisti parlano addirittura positivamente

          di


          15.000 tagli al personale, 15.000 persone che

          ora


          sono senza lavoro.





          Verso che mondo andiamo?





          Ma i lavoratori non sono anche consumatori? E


          15.000 consumatori senza lavoro fanno davvero


          felice l'economia?






          Risposta: le ditte perderanno forse 15.000

          clienti in occidente, ma se sono possono

          diventare concorrenziali su mercati il cui
          numero

          di potenziali clienti è dell'ordine delle

          centinaia di milioni (India e soprattutto Cina),

          sai quanto gliene importa...



          Preparatevi all'idea di emigrare in India o Cina

          in un futuro nemmeno troppo remoto. Magari gli

          ultimi che lo faranno come clandestini.

          Si ma al metalmeccanico italiano medio i cinesi,
          al massimo, faranno pulire i vetri ai semafori,
          almeno finché la "Lega Mongola" non s'incazzerà e
          al grido di "Pechino ladrona, la Lega non
          perdona" invocherà le espulsioni dei visi pallidi clandestini @^ e il federalismno fiscale :Di cinesi non usano espresione "visi palidi" usano la parolagaigin ed è un parollaca non da poco
          • Anonimo scrive:
            Re: La nostra economia
            errore usano la parola lao wai 8) Prima andare in china, poi parlare.
          • Anonimo scrive:
            Re: La nostra economia
            - Scritto da: Anonimo
            errore usano la parola lao wai 8)
            Prima andare in china, poi parlare.già gaijin lo dicono i giappi :D
      • Anonimo scrive:
        Re: La nostra economia

        Preparatevi all'idea di emigrare in India o Cina
        in un futuro nemmeno troppo remoto. Magari gli
        ultimi che lo faranno come clandestini.Mi hai letto nel pensiero. Effettivamente mi trasferisco definitivamente in Cina, a fare software.
      • Anonimo scrive:
        genio

        Risposta: le ditte perderanno forse 15.000
        clienti in occidente, ma se sono possono
        diventare concorrenziali su mercati il cui numero
        di potenziali clienti è dell'ordine delle
        centinaia di milioni (India e soprattutto Cina),
        sai quanto gliene importa...Genio, tagliano quei posti perchè assumono personale nel terzo mondo sottopagandolo.Ma se QUEL PERSONALE lo stottopagano con quale CA**O (T1000, passamla, ti prego!) di soldi pensi che questi poveretti sfruttatie sottopagati in Cina ed India portanno eprmettersi quei prodotti?Andiamo verso un mondo di barbarie, dove si distrugge con miopia il tessuto sociale e in nome del profitto immediato non lo si ricostruisce altrove, un mondo dove la nuova materia prima rubata al 3°mondo sono i lavoratori!
        • Anonimo scrive:
          Re: genio
          - Scritto da: Anonimo

          Risposta: le ditte perderanno forse 15.000

          clienti in occidente, ma se sono possono

          diventare concorrenziali su mercati il cui
          numero

          di potenziali clienti è dell'ordine delle

          centinaia di milioni (India e soprattutto Cina),

          sai quanto gliene importa...
          Genio, tagliano quei posti perchè assumono
          personale nel terzo mondo sottopagandolo.
          Ma se QUEL PERSONALE lo stottopagano con quale
          CA**O (T1000, passamla, ti prego!) di soldi pensi
          che questi poveretti sfruttatie sottopagati in
          Cina ed India portanno eprmettersi quei prodotti?
          Andiamo verso un mondo di barbarie, dove si
          distrugge con miopia il tessuto sociale e in nome
          del profitto immediato non lo si ricostruisce
          altrove, un mondo dove la nuova materia prima
          rubata al 3°mondo sono i lavoratori!E' una fase transitoria, appena necessario provvederanno a far diventare consumatori gli attuali schiavi.A restare produttori di schiavi saranno solo quei paesi con istruzione media troppo bassa.Ma anche il nostro Nord-Est, con gli abbandoni scolastici precoci per andare "a laurà" rischia parecchio, la semplice voglia di lavorare non unita ad una elevata preparazione di base è una merce sovrabbondante nel mondo, come rischia grosso qualsiasi capitalista con visione troppo ristretta e poco lungimirante dell'economia, nei periodi di cambiamento i dinosauri si estinguono.
          • Anonimo scrive:
            Re: genio

            E' una fase transitoria, appena necessario
            provvederanno a far diventare consumatori gli
            attuali schiavi.Non hai capito, le industrie sono inefficienti ed hanno bisogno di guadagnare efficienza barando, come rubando le materie prime al terzo mondo o come oggi rubandogli la manodopera a basso costo. Non vanno certo ad imbarcarsi le spese e i rischi di una migrazione delle strutture produttive per arrivare a pagare là quello che pagano qua, anzi, tutti i paesi che hanno alzato la cresta in seguito all'industrializzazione sono stati rapidamente (anche grazie all'assenza di leggi e di potere geopolitico) abbandonati per produrre in altri più poveri.Il livellamernto del potere d'acquisto, verso il basso o l'alto non è nei loro interessi, hanno sempre cercato il differenziale per legge economica: produci a poco, vendi a molto. Hanno bisogno di tenere povere queste persone e stanno usando tutti gli sporchi mezzi che possono come stanno ampiamente mostrando di fare (sulla nostra pelle).
            A restare produttori di schiavi saranno solo quei
            paesi con istruzione media troppo bassa.Diciamo invece: con istruzione troppo obsoleta.Come noi che non innoviamo, non diventiamo più efficienti, non sforniamo geni dell'economia o della tecnica o delle scienze che siano in grado di scrivere i libri di testo che domani il mondo studierà.Abbiamo già cominciato da decenni in tutte le discipline tecniche, scientifiche ed economiche, ad essere consumatori anzichè produttori di sapere e questo è un lusso che si paga molto caro.
            Ma anche il nostro Nord-Est, con gli abbandoni
            scolastici precoci per andare "a laurà" rischia
            parecchio, la semplice voglia di lavorare non
            unita ad una elevata preparazione di base è una
            merce sovrabbondante nel mondo, come rischia
            grosso qualsiasi capitalista con visione troppo
            ristretta e poco lungimirante dell'economia, nei
            periodi di cambiamento i dinosauri si estinguono.Balle, per ogni perito a spasso ci sono 10 laureati a spasso.E lo sai perchè?Perchè il perito studia discipline che hanno un contatto col mondo reale e sono aggiornate, un laureato studia discipline che sono invecchiate insieme al nostro corpus di sapere accademico e poi, se ha sviluppato la famosa forma mentis, dovrà arrabattarsi a studiare qualcosa di attuale, solo se trova qualche anima pia che lo assume.Abbiamo fisici e ingenieri che non sarebbero assunti da nessuna multinazionale dei semiconduttori o dell'elettronica perchè hanno studiato come sperimentali cose obsolete dalla produzione (figurati dalla ricerca) del mondo civilizzato, da cui acquistiamo brevetti e assistenza a tutto spiano.Ecco perchè un perito che sa operare con una macchina cad/cam che si usa OGGI troverà sempre più posto di un fisico 100 e lode che ha fatto una tesi sperimentale su una tecnica di drogaggio dei semiconduttori che l'industria statunitense ha abbandonato 10 anni fa.
          • Anonimo scrive:
            Re: genio
            - Scritto da: Anonimo
            Come noi che non innoviamo, non diventiamo più
            efficienti, non sforniamo geni dell'economia o
            della tecnica o delle scienze che siano in grado
            di scrivere i libri di testo che domani il mondo
            studierà.Tsk... be', io ci sono.Prima di essere costretto a emigrare in uno di quei paesi la`, rovescio tutto il mercato occidentale, compro la hewlett-packard e la microsoft, licenzio tutti e li sostituisco con veri talenti selezionati personalmente.E ora passatemi uno spillo, che mi devo sgonfiare... :pPero`... in un episodio di Star Trek Next Generation (seconda parte dell'attacco dei borg) c'era menzionato un aforisma interessante. C'erano 'sti borg che avevano assimilato Picard, no? E Riker novello capitano che si dava per perso. Ma l'elauriana barista di bordo, quella interpretata dalla tizia di colore che faceva anche la medium in "Ghost", gli faceva presente che se un popolo crede di aver perso, fara` di tutto perche` questa profezia si avveri.Quindi su con la vita... i geni li abbiamo dai tempi di Galileo Galilei. E` che siamo rassegnati a perdere, eh, si`, e` la Ruota della Storia™ che lo richiede, vero? Ascesa, massimo splendore e decadenza. Ma buttatela nel cesso e tirate la catena, la ruota e la storia. 'Che` troppi secoli di storia fanno male ai giovani...
    • Anonimo scrive:
      Re: La nostra economia

      Quando a forza di lavorare a progetto e a tempo
      per due lire non compreremo più stampanti voglio
      vedere cosa succederà alla HP.
      Licenzierà altre 50.000 persone.
    • abbasso scrive:
      Re: La nostra economia

      Datemi pure del comunista, ma secondo me il
      capitalismo, inteso come cultura del libero
      mercato, è alla frutta.
      Quando a forza di lavorare a progetto e a tempo
      per due lire non compreremo più stampanti voglio
      vedere cosa succederà alla HP.Sarebbe troppo facile darti del comunista.La cosa migliore sarebbe dirti di fare un giro in qualche paese dell'est e vedere di persona cosa ha combinato il modo di pensare che usi tu."Cosa saranno mai qualche stampanti in meno, teniamoci quindicimila persone che non fanno nulla".Aneddoto. Un ingegnere occidentale, vari anni fa, si recò in Cina per supervisionare la costruzione di una diga.Vide che la terra veniva rimossa con badili e cariole. Chiese come mai non si utilizzavano ruspe. Gli fu risposto che le persone dovevano lavorare.Allora lui ribattè che se il punto non era costruire una diga ma tenere occupata la gente, allora era ancora meglio utilizzare i cucchiai al posto dei badili.
      • Anonimo scrive:
        Re: La nostra economia
        Sei di una ingnoranza disarmante. Sei il prodotto di una sottocultura pseudo-capitalista che non riesce ad andare oltre banali aneddoti da due soldi. Questa dell' "efficentissimo" ingegnere occidentale che va a rimbrottare i poveri cristi che vogliono tenere "chi non fa nulla" è veramente ridicola, se non fosse un po' tragica per la carica di ottusità ed ignoranza che si porta dietro. La Cina eh, paese arretrato e poco efficente nei suoi processi produttivi...ma da dove arrivi, da un altro pianeta?
        • abbasso scrive:
          Re: La nostra economia
          - Scritto da: Anonimo
          Sei di una ingnoranza disarmante. Sei il prodotto
          di una sottocultura pseudo-capitalista che non
          riesce ad andare oltre banali aneddoti da due
          soldi.Questa frase è da stampare e da mandare a chi dice che il comunismo non deve più far paura.Sei vecchio, indipendentemente dalla tua età sei vecchio.
          • Anonimo scrive:
            Re: La nostra economia
            Non sono mai stato comunista, anzi ho sempre avuto diffidenza nei confronti di chi si definisce tale. Ma cosa c'entra con le sciocchezze che hai scritto? Cosa pensi di aver dimostrato con la tua "risposta"?
      • Anonimo scrive:
        Re: La nostra economia
        - Scritto da: abbasso
        Sarebbe troppo facile darti del comunista.
        La cosa migliore sarebbe dirti di fare un giro in
        qualche paese dell'est e vedere di persona cosa
        ha combinato il modo di pensare che usi tu.
        "Cosa saranno mai qualche stampanti in meno,
        teniamoci quindicimila persone che non fanno
        nulla".Non è vero che non fanno nulla, fanno stampanti. Non è compito loro trovare come venderne di più, è compito di chi fa marketing: perchè non licenziano anche qualche dirigente, allora? Qualche colpa ce l'avranno anche loro. O no?
        Aneddoto. Un ingegnere occidentale, vari anni fa,
        si recò in Cina per supervisionare la costruzione
        di una diga.[MEGACUT]Ma per favore, è un esempio totalmente fuori luogo. Avrebbe senso se HP avesse licenziato 25.000 lavoratori perchè hanno scoperto come fare lo stesso numero di stampanti con un decimo in meno del personale.Ma non è così, e lo sai. Quelli licenziano lì e vanno ad assumere in Cina, dove ci sono gli schiavi sottopagati cinesi.Quindi evitami tutto il discorso del mercato, ottimizzazione, etc... hanno solo scoperto il modo di pagare il lavoro dieci volte di meno.
        • Anonimo scrive:
          Re: La nostra economia

          Non è vero che non fanno nulla, fanno stampanti. Da ex-collaboratore HP (settore consulenza) : HP non fa solo stampanti eh :)
          Non è compito loro trovare come venderne di più,
          è compito di chi fa marketing: perchè non
          licenziano anche qualche dirigente, allora?
          Qualche colpa ce l'avranno anche loro. O no?Ma che stai dicendo ? Come ti permetti ? :)http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1076695&tid=1075584&p=1&r=PI#1076695ihihihih

          Aneddoto. Un ingegnere occidentale, vari anni
          fa,

          si recò in Cina per supervisionare la
          costruzione

          di una diga.
          [MEGACUT]Eppure, voi immaginate se l'ingegnere occidentale fosse andato sui Cantieri della Salerno-Reggio Calabria ?I cucchiai non li avrebbe trovati, di sicuro.Qualche ruspa, si, ma non tutte in movimentoIo dico che si sarebbe suicidato, altro che :D
          Avrebbe senso se HP avesse licenziato 25.000
          lavoratori perchè hanno scoperto come fare lo
          stesso numero di stampanti con un decimo in meno
          del personale.HP ha licenziato per 2 motivi fondamentali :1) Altissimo numero di Manager/Dirigenti (o cmq persone con piu' di 10-15 anni di esperienza, e redditi da capogiro). Si eliminano questi, si inseriscono neo-laureati, con contratti a progetto e compagnia bella.Parlo ovviamente della situazione Italiana (che, ripeto, ho visto con i miei occhi). Non dimentichiamo, inoltre, che intorno ad HP girano decine di societa' satellite che "prestano" piu' o meno regolarmente risorse a seconda delle esigenze.Allargando al mondo intero ci sono le gia' citate india e dintorni e cina. Manovalanza, anche discretamente capace (questo bisogna dirlo, sempre !) praticamente meno che sottopagata per i nostri standard.Il problema e' che si "crea" li' e si vende qui.Il mercato potenziale della cina e' enorme, ma solo per i prodotti della fasce bassissime (che siano Auto, Stampanti o Funghetti sott'olio)La distorsione e' tutta in questa cosa.Altro che "no-global" e cretinate varieIl mondo e' gia' no-global e sara' cosi' per sempre (ma fallo capire a 4 cretini con il volto coperto)2) Borsa: tagli, riorganizzi e il titolo sale. Lo squallore finanziario, ma funziona sempre ;)Io la vedo cosi'...
          • abbasso scrive:
            Re: La nostra economia
            No, dico, i due precedenti autori sono stati anni nell'organigramma di multinazionali e ne conoscono il funzionamento o "sparano a caso"?Perchè cercte cavolate non di possono nemmeno pensare.
          • Anonimo scrive:
            Re: La nostra economia
            - Scritto da: abbasso
            No, dico, i due precedenti autori sono stati anni
            nell'organigramma di multinazionali e ne
            conoscono il funzionamento o "sparano a caso"?
            Perchè cercte cavolate non di possono nemmeno
            pensare.Va bene che non sei d'accordo (e ci mancherebbe), ma ti rendi conto che cosi' sei davvero POCO costruttivo ?Se sei certo che si dicano cavolate, almeno quota e sottilineale, dando la possibilita' a chi ha visto determinate cose (se le ha viste) di risponderti con dati di fatto.Perche', sai, qui tutti conoscono l'open source a manetta, tutti sanno che HP fa le stampanti ecc. ecc.Ma quando gli parli di SAP (ERP ed EP), di Citrix, di B2E e Chain Supply allora vedi che gli occhietti si abbassano.... e non uso sigle solo per fare scena, eheh :)TheMac
          • abbasso scrive:
            Re: La nostra economia
            - Scritto da: Anonimo
            Va bene che non sei d'accordo (e ci mancherebbe),
            ma ti rendi conto che cosi' sei davvero POCO
            costruttivo ?

            Se sei certo che si dicano cavolate, almeno quota
            e sottilineale, dando la possibilita' a chi ha
            visto determinate cose (se le ha viste) di
            risponderti con dati di fatto.Ma come si fa a rispondere a obiezioni del tipo: "Se licenziano chi compra le stampanti?"?Questa è la classica banalità che rislae ai tempi del fordismo e valeva sotto certe condizioni, ma qui è buttata lì senza essere circostanziata.E le tirate contro i manager che prendono 300 mln di $? Robe da ragionamento di quindicenne appena uscito da un centro sociale, non si confutano si irridono e basta.Qui andrebbe ripreso il discorso VECCHIO DI SECOLI della produttività, che risale ai tempi della rivoluzione industriale: gli operai che distruggevano le macchine tessili perchè "gli rubava il lavoro". Il raginamento semplicistico è lo stesso.
            Perche', sai, qui tutti conoscono l'open source a
            manetta, tutti sanno che HP fa le stampanti ecc.
            ecc.

            Ma quando gli parli di SAP (ERP ed EP), di
            Citrix, di B2E e Chain Supply allora vedi che gli
            occhietti si abbassano.... e non uso sigle solo
            per fare scena, eheh :)Bhe la supply chain è la mia materia (strano, è molto raro leggere chain supply, in genere capita a chi ha poca dimestichezza con l'inglese e "inverte" la traduzione, ma l'importante è capirsi), su SAP per fortuna non ci devo lavorare Citrix non so cos'è.
          • Anonimo scrive:
            Re: La nostra economia

            della rivoluzione industriale: gli operai che
            distruggevano le macchine tessili perchè "gli
            rubava il lavoro". Il raginamento semplicistico è
            lo stesso.No "caro" amico, la macchina aumenta la produttività dell'azienda e quindi a produrre di più e quindi vendere a costi più bassi, di cui poi il mercato usufruirà.Il licenziamento per assumere un'altro operaio sottopagato serve solo a perdere due clienti, uno che ha perso il posto (non si scappa, non è come con le macchine che qualcuno deve pur controllare, progettare, manutenzionare, in pratica il lavoro cambia ma non scompare: qui se licenzi un uomo per un'altro il posto del primo soggetto è andato e basta) e l'altro che è stato assunto ma sottopagato, ad entrambi manca il dinero per acquistare il bene che sarà anche stato prodotto ad un po di prezzo in meno ma è lo stesso inarrivabile come prezzo da chi è stato licenziato e guadagna 0 sia da chi è sottopagato e guadagna troppo poco.Non è fordismo citato a sproposito, bisogna semplicemente prendere atto che il costo di un bene è composto da tante voci, di cui UNA SOLA, gli stipendi, sono un diretto investimento di mercato perchè si traducono in maggior epotere d'acquisto.Andare a cercare la competitività tagliando proprio quella voce è demenziale.Ammettetelo una buona volta, l'economia di questi decenni è particolarmente imperniata sulle truffe legalizzate dal potere politico e militare dell'occidente, si rubano le materie prime a prezzi politici ed ora (da una decina d'anni o più) si ruba la manodopera pagandola costi ridicoli.Non si cambia, come con le macchine, il modo di produrre e quindi i profili lavorativi, si fanno semplicemnete due non clienti per ogni posto di lavoro migrato.
          • Anonimo scrive:
            Re: La nostra economia

            Ma come si fa a rispondere a obiezioni del tipo:
            "Se licenziano chi compra le stampanti?"?
            Questa è la classica banalità che rislae ai tempi
            del fordismo e valeva sotto certe condizioni, ma
            qui è buttata lì senza essere circostanziata.Ok, pero' e' vero :)Possiamo tornare al discorso del rapporto Deficit/PIL ecc. ecc., cioe' non sempre piu' basso e' meglioO agli anni '80 quando l'inflazione non era certo ai (bassissimi) livelli di oggi, ma si stava (credo) meglio sotto molti punti di vista.
            E le tirate contro i manager che prendono 300 mln
            di $? Robe da ragionamento di quindicenne appena
            uscito da un centro sociale, non si confutano si
            irridono e basta.Puoi irridere quanto ti pare e piace, e va bene.Ma e' evidente che non conosci la storia del Signor Cesare Romiti.E' QUELLO che io intendo come Manager. Hai presente la Fiat ? Indovina di chi e' la colpa ?Io ho le mie idee, e per quasi tutte ti posso citare fatti e persone
            Qui andrebbe ripreso il discorso VECCHIO DI
            SECOLI della produttività, che risale ai tempi
            della rivoluzione industriale: gli operai che
            distruggevano le macchine tessili perchè "gli
            rubava il lavoro". Il raginamento semplicistico è
            lo stesso.Purtroppo all'inizio e' stato cosi', non puoi (non possiamo) negarlo.Quanto poi parliamo di "efficienza" e di "ottimizzazione", il discorso cambia e in sincerita' non si puo' nemmeno dare nessuna colpa ad un imprenditore se vuole ridurre i costi "riducibili" :)

            Perche', sai, qui tutti conoscono l'open source
            a

            manetta, tutti sanno che HP fa le stampanti ecc.

            ecc.



            Ma quando gli parli di SAP (ERP ed EP), di

            Citrix, di B2E e Chain Supply allora vedi che
            gli

            occhietti si abbassano.... e non uso sigle solo

            per fare scena, eheh :)

            Bhe la supply chain è la mia materia (strano, è
            molto raro leggere chain supply, in genere capita
            a chi ha poca dimestichezza con l'inglese e
            "inverte" la traduzione, ma l'importante è
            capirsi), su SAP per fortuna non ci devo lavorare
            Citrix non so cos'è.Ehm supply chain l'ho invertito io....e' che "avevo rimosso" visto che ora faccio tutt'altro (diciamo finance per usare un termine serio, ma in realta' sono fesserie :) )Cmq come credi che studierai/gestirai le Supply Chain se mai dovessi lavorare per una azienda di dimensioni molto ampie ?Credi che riuscirai ad evitare SAP ? :)Su Citrix non ti perdi nulla, lasciamo stare ;)
          • abbasso scrive:
            Re: La nostra economia
            - Scritto da: Anonimo
            Possiamo tornare al discorso del rapporto
            Deficit/PIL ecc. ecc., cioe' non sempre piu'
            basso e' meglio

            O agli anni '80 quando l'inflazione non era certo
            ai (bassissimi) livelli di oggi, ma si stava
            (credo) meglio sotto molti punti di vista.A mion parere non esistono ricette che vanno sempre bene; dipende dall'epoca, dal punto di sviluppo di un'economia e anche dalle situazioni contingenti, come i casi da te citati mostrano.


            E le tirate contro i manager che prendono 300
            mln

            di $? Robe da ragionamento di quindicenne appena

            uscito da un centro sociale, non si confutano si

            irridono e basta.
            Puoi irridere quanto ti pare e piace, e va bene.

            Ma e' evidente che non conosci la storia del
            Signor Cesare Romiti.

            E' QUELLO che io intendo come Manager. Sì ma Romiti è uno. Anche il buon De Benedetti rimase in FIAT mooolto poco e prese una bella buonuscita. Ma quelli non sono "i manager" è il top management, quelli che ce ne sono 1000 in tutto il mondo.

            Qui andrebbe ripreso il discorso VECCHIO DI

            SECOLI della produttività, che risale ai tempi

            della rivoluzione industriale: gli operai che

            distruggevano le macchine tessili perchè "gli

            rubava il lavoro". Il raginamento semplicistico
            è

            lo stesso.
            Purtroppo all'inizio e' stato cosi', non puoi
            (non possiamo) negarlo.

            Quanto poi parliamo di "efficienza" e di
            "ottimizzazione", il discorso cambia e in
            sincerita' non si puo' nemmeno dare nessuna colpa
            ad un imprenditore se vuole ridurre i costi
            "riducibili" :)Se l'insieme nel suo complesso è più efficiente allora si sta andando sulla strada giusta. Poi si parlerà della redistribuzione dell'efficienza (tenendo d'occhio la meritocrazia).

            Bhe la supply chain è la mia materia (strano, è

            molto raro leggere chain supply, in genere
            capita

            a chi ha poca dimestichezza con l'inglese e

            "inverte" la traduzione, ma l'importante è

            capirsi), su SAP per fortuna non ci devo
            lavorare

            Citrix non so cos'è.
            Ehm supply chain l'ho invertito io....e' che
            "avevo rimosso" visto che ora faccio tutt'altro
            (diciamo finance per usare un termine serio, ma
            in realta' sono fesserie :) )
            Cmq come credi che studierai/gestirai le Supply
            Chain se mai dovessi lavorare per una azienda di
            dimensioni molto ampie ?
            Credi che riuscirai ad evitare SAP ? :)Qui c'è l'AS400 e c'ho pure il tizio che tira fuori i dati.
            Su Citrix non ti perdi nulla, lasciamo stare ;)Hei, uno con cui si può discutere su PI. Ma oggi nevica?
          • Riot scrive:
            Re: La nostra economia

            Ma come si fa a rispondere a obiezioni del tipo:
            "Se licenziano chi compra le stampanti?"?
            Questa è la classica banalità che rislae ai tempi
            del fordismo e valeva sotto certe condizioni, ma
            qui è buttata lì senza essere circostanziata.Te la circostanzio io.Nel capitalismo attuale il lavoratore svolge la duplice schizofrenica funzione di forza lavoro e di acquirente.Da una parte, inteso come forza lavoro, diventa sempre più inutile a causa dell'automazione e sempre più fastidioso a causa dei sindacati e dei diritti dei lavoratori.Qui l'azienda tenta di fare il minor uso possibile della risorsa e/o di acquistarla dove costa meno.Conseguenza: meno lavoratori e con stipendi più bassi.Dall'altra, inteso come consumatore, diventa il punto focale di tutto il mercato e gli si richiede un acquisto continuo anche perchè ormai gran parte delle imprese sono improntate sulla produzione di massa.Conseguenza: i consumatori devono essere sempre in maggior numero e spendere di più.Conciliami queste due cose e crederò che quello che dici abbia qualche valore.
    • Akiro scrive:
      Re: La nostra economia
      volevo aprire un thread per sfogarmi ma hai detto praticamente già tutto tu.Il problema è che l'unica soluzione è una rivoluzione a livello mondiale, ma... praticamente impossibile.
  • Anonimo scrive:
    tanto ci sono i muli che lavorano gratis
    14.000 15.000 30.000 bazzecolesia IBM che HP contano su qualche milione di cazzoni che sviluppano software gratis per la gloria
    • Anonimo scrive:
      Re: tanto ci sono i muli che lavorano gr
      - Scritto da: Anonimo
      14.000 15.000 30.000
      bazzecole
      sia IBM che HP contano su qualche milione di
      cazzoni che sviluppano software gratis per la
      gloriaLe stampanti opensource ancora non le fanno.Leggiti l'articolo almeno, prima di scrivere le solite sciocchezze.
      • Anonimo scrive:
        Re: tanto ci sono i muli che lavorano gr
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Anonimo

        14.000 15.000 30.000

        bazzecole

        sia IBM che HP contano su qualche milione di

        cazzoni che sviluppano software gratis per la

        gloria

        Le stampanti opensource ancora non le fanno.però i driver per la stampa :)
        Leggiti l'articolo almeno, prima di scrivere le
        solite sciocchezze.non è una sciocchezza il software GPL ha sputtanatoil mercato.
        • Anonimo scrive:
          Re: tanto ci sono i muli che lavorano gr

          ha
          sputtanato
          il mercato.quale mercato ?il mercato, se mai è esistito si è sputtanato da soloa causa delle 4 ciofeche che riusciva a produrrenon mi risulta che il mercato, a parte windows,office, adobe, macromedia, oracle, ibm, etcproducesse granchese il sw aperto permette di risparmiare su tutta questamarea di denaro che si da a queste corporation extraeuropee ben vengama il mercato di cui tu parli non c'entra proprio nullala solita storia trita e ritrita da vecchia suocera rompiballe
      • Anonimo scrive:
        Re: tanto ci sono i muli che lavorano gr
        - Scritto da: Anonimo

        Le stampanti opensource ancora non le fanno.
        Quella è solo una parte della crisi.
    • Anonimo scrive:
      Re: tanto ci sono i muli che lavorano gr
      Quello che chiami gloria e' per me liberta'.Il mondo open, piano, piano sta iniziando a dettare legge.
      • Anonimo scrive:
        Re: tanto ci sono i muli che lavorano gr
        - Scritto da: Anonimo
        Quello che chiami gloria e' per me liberta'.
        Il mondo open, piano, piano sta iniziando a
        dettare legge.Quando regaleranno le pagnotte, quando la gente lavorerà gratuitamente sarò d'accordo con te.Per adesso c'è (c'era) un potenziale mercato e c'erano dei lavoratori.
        • Anonimo scrive:
          Re: tanto ci sono i muli che lavorano gr

          un potenziale mercato di aziendone tipo microsoft che vendevano la lorofuffa alle pa al doppio di quanto non facciano adesso grazie alla concorrenza dell'oss, che in tutta europa stacreando posti di lavoro in quanto centinaia di pamigrano a linux con la consulenza di aziende locali
        • Anonimo scrive:
          Re: tanto ci sono i muli che lavorano gr
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          Quello che chiami gloria e' per me liberta'.

          Il mondo open, piano, piano sta iniziando a

          dettare legge.

          Quando regaleranno le pagnotte, quando la gente
          lavorerà gratuitamente sarò d'accordo con te.

          Per adesso c'è (c'era) un potenziale mercato e
          c'erano dei lavoratori.Accidenti hanno inventato le auto open vai avedere quanti posti hanno tagliato alla FORD....
      • Anonimo scrive:
        Re: tanto ci sono i muli che lavorano gr
        - Scritto da: Anonimo
        Quello che chiami gloria e' per me liberta'.
        Il mondo open, piano, piano sta iniziando a
        dettare legge.
        Fai volantinaggio per spiegare alle persone che è giusto che vengano licenziate dato che non vogliono lavorare per hobby.
        • Anonimo scrive:
          Re: tanto ci sono i muli che lavorano gr

          Fai volantinaggio per spiegare alle persone fai volantinaggio per spiegare alla gente che perdeil lavoro perché i linari lavorano gratis, in modo cheti sputino in faccia perché sanno benissimo chequeste aziendone licenziano 1000 qui e assumono2000 in estremo oriente, e se non li assumono dannotutto in outsourcing là, sia a livello sw che hwIngegneri di ottimo livello, a decine di milioni, chelavorano per 100 $ al mese, sono qualcosa chequi non c'è (per ora)l'oss è un'occasione per non pagare piu alcunimiliardi di euro all'anno per merdaccia del tipodi quella della ms e per impiegare risorse quianziché buttarle nel cesso
          • Anonimo scrive:
            Re: tanto ci sono i muli che lavorano gr
            - Scritto da: Anonimo

            Fai volantinaggio per spiegare alle persone
            fai volantinaggio per spiegare alla gente che
            perde
            il lavoro perché i linari lavorano gratis, in
            modo che
            ti sputino in faccia perché sanno benissimo che
            queste aziendone licenziano 1000 qui e assumono
            2000 in estremo oriente, e se non li assumono
            danno
            tutto in outsourcing là, sia a livello sw che hw

            Ingegneri di ottimo livello, a decine di milioni,
            che
            lavorano per 100 $ al mese, sono qualcosa che
            qui non c'è (per ora)

            l'oss è un'occasione per non pagare piu alcuni
            miliardi di euro all'anno per merdaccia del tipo
            di quella della ms e per impiegare risorse qui
            anziché buttarle nel cesso
            Non sprecarti qui, vai direttamente a spiegarlo ai licenziandi in loco almeno si possono sfogare su qualcuno.
          • Anonimo scrive:
            Re: tanto ci sono i muli che lavorano gr

            vai direttamente a spiegarlo ai licenziandi mi dispiace, non lavoro gratis, sonoun programmatore perl
          • Anonimo scrive:
            Re: tanto ci sono i muli che lavorano gr
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            Fai volantinaggio per spiegare alle persone

            fai volantinaggio per spiegare alla gente che

            perde

            il lavoro perché i linari lavorano gratis, in

            modo che

            ti sputino in faccia perché sanno benissimo che

            queste aziendone licenziano 1000 qui e assumono

            2000 in estremo oriente, e se non li assumono

            danno

            tutto in outsourcing là, sia a livello sw che hw



            Ingegneri di ottimo livello, a decine di
            milioni,

            che

            lavorano per 100 $ al mese, sono qualcosa che

            qui non c'è (per ora)



            l'oss è un'occasione per non pagare piu alcuni

            miliardi di euro all'anno per merdaccia del tipo

            di quella della ms e per impiegare risorse qui

            anziché buttarle nel cesso


            Non sprecarti qui, vai direttamente a spiegarlo
            ai licenziandi in loco almeno si possono sfogare
            su qualcuno.Ma secondo te hanno licenziato 14500 programmatori ?Io creo che i licenziati siano soprattutto operai e al max impiegati genrici, di programmatori licenzieranno al max qualche cazzone incapace..
          • Anonimo scrive:
            Re: tanto ci sono i muli che lavorano gr

            Ma secondo te hanno licenziato 14500
            programmatori ?
            Io creo che i licenziati siano soprattutto operai
            e al max impiegati genrici, di programmatori
            licenzieranno al max qualche cazzone incapace..
            Purtroppo ho problemi di vista e il punto in cui si leggeva che sono operai o ipiegati generici non riesco a vederlo.
    • cla scrive:
      Re: tanto ci sono i muli che lavorano gr
      Cavolo, sei stato il primo ad iniziare un thread inutile e retorico su questa news ... pensa che volevo scriverne uno io ironico con scritto "è tutta colpa dell'open source", ma a volte la realtà supera la fantasia, anche in tempismo...Cla!
      • Anonimo scrive:
        Re: tanto ci sono i muli che lavorano gr
        - Scritto da: cla
        Cavolo, sei stato il primo ad iniziare un thread
        inutile e retorico su questa news ... pensa che
        volevo scriverne uno io ironico con scritto "è
        tutta colpa dell'open source", ma a volte la
        realtà supera la fantasia, anche in tempismo...

        Cla!Che ci vuoi fare, ormai i pretoriani winari soffittari (si perché i linari si son presi le cantine, più fresche l'estate, e si vede, non straparlano con la canicola, ma non sono avidi ed egoisti come zio Bill, agli winari han lasciato le soffitte) lavorano a contratto, @^ se vogliono portare a casa la pagnotta ammuffita che gli passa Ballmer tramite la divisione FUD devono vivere appollaiati sulla tastiera e gettarsi su ogni cattiva notizia per dare la colpa a linux.A fine anno i più temerari ricevono la croce di ferro, pardon, la finestra d'alluminio, per "sublime sprezzo del ridicolo".
    • Anonimo scrive:
      Re: tanto ci sono i muli che lavorano gr

      cazzoni che sviluppano software gratiscazzone sarai tu povero rincoglionitoe smettila di offendere idiota pezzo di merda
      • Anonimo scrive:
        Re: tanto ci sono i muli che lavorano gr
        - Scritto da: Anonimo

        cazzoni che sviluppano software gratis
        cazzone sarai tu povero rincoglionito
        e smettila di offendere idiota pezzo di merdaMa non vedi che è un DEBOSCIATO della MicroZoZ!Un povero cristo dal cervello di BABBUINO.
        • Anonimo scrive:
          Re: tanto ci sono i muli che lavorano gr
          - Scritto da: Anonimo
          Ma non vedi che è un DEBOSCIATO della MicroZoZ!chi ti dice che uso windows e non BSD o che so Apple ?
          Un povero cristo dal cervello di BABBUINO.eccolo un'altro che ha i pali della GPL ficcati su per il culo
    • Scorpion scrive:
      il genio dell'economia:eccolo qua
      - Scritto da: Anonimo
      14.000 15.000 30.000
      bazzecole
      sia IBM che HP contano su qualche milione di
      cazzoni che sviluppano software gratis per la
      gloriaeccone un altro che studia economia con gli inserti delle Pringles...C'è un tasto ON dietro la tua nuca..premilo.
      • Anonimo scrive:
        Re: il genio dell'economia:eccolo qua
        - Scritto da: Scorpion
        eccone un altro che studia economia con gli
        inserti delle Pringles...no guarda ti sbagli di grossonon occorre un MBA per capire i danni provocatida una licenza politica come la GPL......
        • Anonimo scrive:
          Re: il genio dell'economia:eccolo qua
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Scorpion

          eccone un altro che studia economia con gli

          inserti delle Pringles...

          no guarda ti sbagli di grosso
          non occorre un MBA per capire i danni provocati
          da una licenza politica come la GPL......Dimmi un mercato rovinato dalla GPL, un qualche prodotto commerciale che vendeva tanto e che è stato rovinato dall'open.Nomi, eh, non fuffa. Tira fuori i nomi che ne discutiamo.
          • Anonimo scrive:
            Re: il genio dell'economia:eccolo qua
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Scorpion


            eccone un altro che studia economia con gli


            inserti delle Pringles...



            no guarda ti sbagli di grosso

            non occorre un MBA per capire i danni provocati

            da una licenza politica come la GPL......

            Dimmi un mercato rovinato dalla GPL, un qualche
            prodotto commerciale che vendeva tanto e che è
            stato rovinato dall'open.

            Nomi, eh, non fuffa. Tira fuori i nomi che ne
            discutiamo.
            HP
          • Anonimo scrive:
            Re: il genio dell'economia:eccolo qua
            - Scritto da: Anonimo

            Dimmi un mercato rovinato dalla GPL, un qualche

            prodotto commerciale che vendeva tanto e che è

            stato rovinato dall'open.



            Nomi, eh, non fuffa. Tira fuori i nomi che ne

            discutiamo.


            HPBenissimo, allora adesso dimmi dove posso comprare stampanti open-source aggratis.Oppure driver open-source della HP (notare che i driver per linux della HP glieli fornisce... indovina un pò? HP!!)Per caso tu paghi i driver a parte? Non essere ridicolo!!
          • Anonimo scrive:
            Re: il genio dell'economia:eccolo qua

            Benissimo, allora adesso dimmi dove posso
            comprare stampanti open-source aggratis.
            TU non le compri gratis ma se invarrà l'usanza di affidare a hobbysti appassionati l'assemblaggio di stampanti perfettamente compatibili con linux via altri 30.000 posti di lavoro.
            Oppure driver open-source della HP (notare che i
            driver per linux della HP glieli fornisce...
            indovina un pò? HP!!)
            In HP qualcuno li farà a meno che non germoglino nel giardinetto aziendale.
            Per caso tu paghi i driver a parte? Non essere
            ridicolo!!
            I driver TU non li paghi a parte ma HP paga chi li fao almeno pagava fino a che non ha trovatto dei volontari hobbysti che per l'open source si sacrificanogratuitamente.
          • Anonimo scrive:
            Re: il genio dell'economia:eccolo qua
            - Scritto da: Anonimo

            Benissimo, allora adesso dimmi dove posso

            comprare stampanti open-source aggratis.


            TU non le compri gratis ma se invarrà l'usanza di
            affidare a hobbysti appassionati l'assemblaggio
            di stampanti perfettamente compatibili con linux
            via altri 30.000 posti di lavoro.

            Oppure driver open-source della HP (notare che i

            driver per linux della HP glieli fornisce...

            indovina un pò? HP!!)


            In HP qualcuno li farà a meno che non germoglino
            nel giardinetto aziendale.

            Per caso tu paghi i driver a parte? Non essere

            ridicolo!!


            I driver TU non li paghi a parte ma HP paga chi
            li fa
            o almeno pagava fino a che non ha trovatto dei
            volontari hobbysti che per l'open source si
            sacrificano
            gratuitamente. Hai un'idea talmente distorta del modello di sviluppo O.S. che proporro le tue frasi a qualche rivista affinche' si possa discutere di quanto sia difficile far recepire alla gente questi concetti.Ma anche di come la gente parli a vanvera di cose che non conosce....
          • Anonimo scrive:
            Re: il genio dell'economia:eccolo qua
            - Scritto da: Anonimo

            Benissimo, allora adesso dimmi dove posso

            comprare stampanti open-source aggratis.
            TU non le compri gratis ma se invarrà l'usanza di
            affidare a hobbysti appassionati l'assemblaggio
            di stampanti perfettamente compatibili con linux
            via altri 30.000 posti di lavoro.Ma di cosa stai parlando? Assemblaggio stampanti? Mica è il x86 assemblato che compri dal cantinaro... ti serve una catena di montaggio per stamparne un numero in scala industriale, o ne vuoi montare migliaia a mano? Che ti droghi?!?
            I driver TU non li paghi a parte ma HP paga chi
            li fa
            o almeno pagava fino a che non ha trovatto dei
            volontari hobbysti che per l'open source si
            sacrificano
            gratuitamente. Panzane. I driver della hp li scrivono i programmatori della hp, al massimo qualcuno potrà aver scritto i driver per linux, ma che lavoro ha tolto agli altri visto che prima i driver per linux HP non li faceva?!?La verita' è che vogliono guadagnare di più facendo lavorare gli schiavi cinesi, se tu sei contento così... beh buon viaggio a Pechino
        • Anonimo scrive:
          Re: il genio dell'economia:eccolo qua
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Scorpion

          eccone un altro che studia economia con gli

          inserti delle Pringles...

          no guarda ti sbagli di grosso
          non occorre un MBA per capire i danni provocati
          da una licenza politica come la GPL......E' tanto politica quanto la vuoi far essere.Politica ed economia non sono separate a compartimenti stagni, se ritengo un'aziemnda impresentabile posso boicottarla e combatterla in vari modi e farò nello stesso tempo politica ed economia in una maniera che gli economisti classici sembrano non comprendere.Che poi finora il nemico più mortale di ogni SW house è stata MS nell'esatto momento in cui si ingolosiva del loro settore.Ma credi che ti assumano in MS se produci abbastanza FUD? Quello viene pagato al massimo con sconti sul SW, o conferenze e convegni spesati, se sei giornalista.
          • Anonimo scrive:
            Re: il genio dell'economia:eccolo qua

            E' tanto politica quanto la vuoi far essere.
            Politica ed economia non sono separate a
            compartimenti stagni, se ritengo un'aziemnda
            impresentabile posso boicottarla e combatterla in
            vari modi e farò nello stesso tempo politica ed
            economia in una maniera che gli economisti
            classici sembrano non comprendere.
            Che poi finora il nemico più mortale di ogni SW
            house è stata MS nell'esatto momento in cui si
            ingolosiva del loro settore.
            Ma credi che ti assumano in MS se produci
            abbastanza FUD? Quello viene pagato al massimo
            con sconti sul SW, o conferenze e convegni
            spesati, se sei giornalista.
            Appunto in MS vieni pagato e i posti di lavoro non mi risultano siano in declino al contrario di altre aziendepro open source vedi HP e IBM.
          • Anonimo scrive:
            Re: il genio dell'economia:eccolo qua
            - Scritto da: Anonimo

            E' tanto politica quanto la vuoi far essere.

            Politica ed economia non sono separate a

            compartimenti stagni, se ritengo un'aziemnda

            impresentabile posso boicottarla e combatterla
            in

            vari modi e farò nello stesso tempo politica ed

            economia in una maniera che gli economisti

            classici sembrano non comprendere.

            Che poi finora il nemico più mortale di ogni SW

            house è stata MS nell'esatto momento in cui si

            ingolosiva del loro settore.

            Ma credi che ti assumano in MS se produci

            abbastanza FUD? Quello viene pagato al massimo

            con sconti sul SW, o conferenze e convegni

            spesati, se sei giornalista.


            Appunto in MS vieni pagato e i posti di lavoro
            non mi risultano siano in declino al contrario di
            altre aziende
            pro open source vedi HP e IBM.HP ha tagliato posti nel settore HW: questo è senz'altro male, ma non c'entra un'acca con l'opensorcio, forse c'entra di più con la passata gestione disastrosa della Fiorina, che faceva di tutto per tarpare le ali ai settori di eccellenza HP-Compaq-DEC, vedi la fine di Alpha.IBM nei servizi e marketing, forse è questo che fa tremare tanta gente che gratta gratta per l'IT è inutile.Ballmer i suoi preziosi e non licenziati (per ora) dipendenti vorrebbe pagarli sempre meno e tanto per cominciare ha tagliato i benefit.Evidentemente da bambino era talmente impegnato a ingozzarsi di doughnut e burro d'arachidi che non ascoltava mentre il nonno gli raccontava la favola della gallina dalle uova d'oro.Ma poi non ci hai detto se alla MS ti hanno preso o no...
          • Anonimo scrive:
            Re: il genio dell'economia:eccolo qua
            - Scritto da: Anonimo
            HP ha tagliato posti nel settore HW: questo è
            senz'altro male, ma non c'entra un'acca con
            l'opensorcio, Gradirei il riferimento dove c'è scritto che i soli comparti da cui ha tagliato posti sono quelli hw. Grazie, nell'articolo di PI non c'è scritto.
          • Anonimo scrive:
            Re: il genio dell'economia:eccolo qua
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            HP ha tagliato posti nel settore HW: questo è

            senz'altro male, ma non c'entra un'acca con

            l'opensorcio,

            Gradirei il riferimento dove c'è scritto che i
            soli comparti da cui ha tagliato posti sono
            quelli hw. Grazie, nell'articolo di PI non c'è
            scritto.OK, trovato:"The majority of staff reductions will come in support functions, such as information technology, human resources and finance. The remainder will be made inside business units, in areas where work can be reduced by improving processes and re-prioritizing existing tasks"dahttp://www.hp.com/hpinfo/newsroom/press/2005/050719a.htmlPiuttosto fumoso, nel complesso, ma il succo che si evince da tutto il comunicato è che la concorrenza è più produttiva.Ora i casi sono due:o l'opensorcio non c'entra niente, oppure c'entra, ma colpisce HP, mentre favorisce i suoi concorrenti, allora, in questo secondo caso, si tratterebbe solo di capacità di adeguarsi a questo nuovo mondo IT opensorcio, ma a me sembra più plausibile che tagliano perché in Cina sia chi fa HW che chi fa SW costa meno.
          • Anonimo scrive:
            Re: il genio dell'economia:eccolo qua
            Aggiungo un'altra cosa: HP assume neolaureati in tutto il mondo e fa stage e propone tesi per laureandi: evidentemente per chi entra fresco di studi con paga bassa, ancora niente logoramento e più voglia di cambiare il mondo dei vecchi impiegati il posto c'è, hanno paura che chi è ancorato al vecchio mondo li trascini a fondo.
          • Anonimo scrive:
            Re: il genio dell'economia:eccolo qua

            IBM.Ibm ha licenziato tot in europa e assunto totx2 in estremo oriente: ha poi assunto in europa un podi gente brava per R&DHP farà la stessa cosa, come fanno tutti.Amen
          • Anonimo scrive:
            Re: il genio dell'economia:eccolo qua

            Appunto in MS vieni pagato e i posti di lavoro non mi
            risultano siano in declino Non mi risulta neanche che esistano migliaia di programmatori ms in italia e in europa.Quindi, cosa vuoi dire, che se ms dimagrisse ci sarebbe un'industria informaticapiù grande in europa ? Chiaro, è ovvio,piu lavoro nell'informatica europea: altroche posti rubati dall'oss !
    • Anonimo scrive:
      Re: tanto ci sono i muli che lavorano gr
      - Scritto da: Anonimo
      14.000 15.000 30.000
      bazzecole
      sia IBM che HP contano su qualche milione di
      cazzoni che sviluppano software gratis per la
      gloriaPoi c'è un cazzone in più che fa confusione fra software e hardware...
      • Anonimo scrive:
        Re: tanto ci sono i muli che lavorano gr
        ma ti pensi che una volta costruita la stampante e scritti i driver non esistono altri lavori da fare in HP?Avranno software per fare tantissime cose, facendolo fare ai muli possono risparmiare su quello. Ecco che tanti programmatori non servono più
      • Anonimo scrive:
        Re: tanto ci sono i muli che lavorano gr
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        14.000 15.000 30.000

        bazzecole

        sia IBM che HP contano su qualche milione di

        cazzoni che sviluppano software gratis per la

        gloria

        Poi c'è un ***** in più che fa confusione fra
        software e hardware...Ribadisco l'invito a trovare dove c'è scritto che è solo una crisi di hw. Notare che HP non produce solo hw.
        • Anonimo scrive:
          Re: tanto ci sono i muli che lavorano gr
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          14.000 15.000 30.000


          bazzecole


          sia IBM che HP contano su qualche milione di


          cazzoni che sviluppano software gratis per la


          gloria



          Poi c'è un ***** in più che fa confusione fra

          software e hardware...

          Ribadisco l'invito a trovare dove c'è scritto che
          è solo una crisi di hw. Notare che HP non produce
          solo hw.Produce prevalentemente hw. Il sw che produce si riduce al firmware (che non credo proprio lo scarichi sa sourceforge...), ai driver (no, neppure questi li scarica, anzi è vero il contrario...) e ad un ottimo Unix (ma purtroppo ormai in decadenza).
          • Anonimo scrive:
            Aggiungo...
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo





            - Scritto da: Anonimo



            14.000 15.000 30.000



            bazzecole



            sia IBM che HP contano su qualche milione
            di



            cazzoni che sviluppano software gratis per
            la



            gloria





            Poi c'è un ***** in più che fa confusione fra


            software e hardware...



            Ribadisco l'invito a trovare dove c'è scritto
            che

            è solo una crisi di hw. Notare che HP non
            produce

            solo hw.

            Produce prevalentemente hw. Il sw che produce si
            riduce al firmware (che non credo proprio lo
            scarichi sa sourceforge...), ai driver (no,
            neppure questi li scarica, anzi è vero il
            contrario...) e ad un ottimo Unix (ma purtroppo
            ormai in decadenza).Dimenticavo... HP-UX non serve (serviva...) tanto per essere venduto ma per vendere le workstation PA-RISC...
    • Anonimo scrive:
      Re: tanto ci sono i muli che lavorano gr

      sviluppano software gratisGuarda io faccio il sistemista, però vedo chei programmatori del mio lug lavorano tutti eprendono bene. Sarà perché sanno fare il mestiere, penso.
      • Anonimo scrive:
        Re: tanto ci sono i muli che lavorano gr
        - Scritto da: Anonimo

        sviluppano software gratis
        Guarda io faccio il sistemista, però vedo che
        i programmatori del mio lug lavorano tutti e
        prendono bene. Sarà perché sanno fare il
        mestiere, penso.No, dai, ormai possiamo dirlo: è perché il complotto cantinaro è ormai in fase avanzata. Resistance is futile. Weenies will be buttered and opened.
        • Anonimo scrive:
          Re: tanto ci sono i muli che lavorano gr
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo


          sviluppano software gratis

          Guarda io faccio il sistemista, però vedo che

          i programmatori del mio lug lavorano tutti e

          prendono bene. Sarà perché sanno fare il

          mestiere, penso.
          No, dai, ormai possiamo dirlo: è perché il
          complotto cantinaro è ormai in fase avanzata.
          Resistance is futile. Weenies will be buttered
          and opened.Scherzi a parte, gli winari non riescono a capire che l'opensorcio fa solo sparire la fetta di torta per alcune (non tutte) multinazionali del SW, ma in ambito professionale tutte le altre fette della torta non vengono intaccate, anzi una parte della fetta risparmiata può essere redistribuita, specie se il committente è pubblico e oltre al miglioramento dei servizi vuole dare anche ossigeno all'economia locale.
Chiudi i commenti