Firefox 3 paladino del Web 2.0

Mozilla ha rivelato che la prossima versione di Firefox fornirà il supporto alle applicazioni web offline e accelererà il codice AJAX. Migliorata anche la gestione di bookmark e ricerche
Mozilla ha rivelato che la prossima versione di Firefox fornirà il supporto alle applicazioni web offline e accelererà il codice AJAX. Migliorata anche la gestione di bookmark e ricerche

San Francisco – In concomitanza con il rilascio di una nightly build che anticipa di poco la terza versione alpha di Firefox 3 , Mike Schroepfer, vice presidente del team tecnico di Mozilla Foundation , ha messo in luce alcune delle caratteristiche più innovative del futuro browser open source.

Schroepfer ha rivelato che la prossima versione di Firefox permetterà di compilare form e scrivere email anche mentre si è offline , e questo grazie al fatto che i dati vengono “messi in attesa” e inviati non appena si attiva la connessione ad Internet. Inoltre è prevista la piena compatibilità con la versione open-source di Zimbra , applicazione per la messaggistica e il VoIP.

Novità sono state annunciate anche per ciò che riguarda l’organizzazione dei bookmark e della cronologia : non è chiaro se verrà sfruttato il più volte annunciato Places , ma l’intento sembra quello di creare una funzione che classifichi i bookmark e la cronologia in base alla popolarità e alla frequenza di visita (come già adesso accade, per esempio, nel campo URL).

Firefox 3 utilizzerà anche il database SQLite integrato per indicizzare l’intera cronologia del browser (con un funzionamento probabilmente simile a quello di Google Desktop ). Secondo Schroepfer “il vantaggio di avere un database integrato è che diventa possibile effettuare ricerche nella cache”.

Infine la novità probabilmente più interessante. Una delle caratteristiche che hanno determinato il successo di Firefox è la grande disponibilità di add-on ed estensioni compilati da semplici utenti ed installabili da tutti. Se installati in grande quantità, però, possono andare a gravare sulle risorse del sistema, rallentandolo. Per risolvere ciò, il team Mozilla preparerà e renderà pubblica una libreria di codice già testato ed ottimizzato che i creatori di estensioni potranno scaricare ed utilizzare liberamente.

Negli scorsi giorni Mozilla ha anche riorganizzato il sito dedicato alle estensioni e sfoltito l’elenco degli add-on: in particolare, sono stati eliminati quelli che da lungo tempo non venivano più aggiornati, e sono stati messi in evidenza quelli più scaricati o nuovi.

In un post di qualche settimana fa, il capo del team tecnico Mozilla Brendan Eich ha parlato sul proprio blog anche di Firefox 4 . Questa versione, prevista per il 2008, supporterà JavaScript 2 , attualmente in fase di sviluppo, e una nuova Virtual Machine che dovrebbe migliorare notevolmente le prestazioni di AJAX , la tecnologia alla base del cosiddetto Web 2.0. Queste novità, secondo Schroepfer, dovrebbero influenzare anche lo sviluppo di Firefox 3.

L’intento più generale di Eich è quello di “portare il codice Mozilla ad un livello superiore: più pulito, compatto, sicuro, con migliori API e un più veloce caricamento delle pagine e degli eventi DOM”. “Ma è più facile a dirsi che a farsi: tutto ciò sarà infatti pronto non prima del 2008”, ha aggiunto lo sviluppatore.

Luca Spinelli

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

28 02 2007
Link copiato negli appunti