Firefox, addio alla gestione individuale dei cookie

Le future versioni del browser elimineranno la possibilità di cancellare un singolo cookie tra quelli salvati nella cache, ennesima concessione alle specifiche "ufficiali" del Web che toglie un altro pezzetto di controllo all'utente finale

Roma – L’ultima versione preliminare del codice di Firefox (canale Nightly) anticipa una delle novità in arrivo sul browser open source, vale a dire il riassetto delle opzioni di configurazione inerenti privacy e affini. Di conseguenza, presto Firefox (60) non permetterà più all’utente di cancellare con facilità i singoli cookie salvati dai siti Web in locale.

La versione (stabile) di Firefox attualmente disponibile per il download garantisce ancora la possibilità di visualizzare, gestire ed (eventualmente) cancellare i cookie individuali del siti Web, ma dal codice Nightly di Firefox 60 si evince che tale opportunità è stata eliminata .

Gli sviluppatori Mozilla hanno modificato la gestione delle opzioni sulla privacy, implementando a quanto pare le specifiche ufficiali del Web che prevedono la presentazione di tutto lo storage locale (cookie, LocalStorage, indexedDB) in un unico blocco.

La cancellazione dei cookie individuali si è fatta più complicata ma non è sparita del tutto, dicono i suddetti sviluppatori, visto che chi è interessato a compiere questo genere di operazione potrà servirsi degli strumenti per sviluppatori integrati in ogni browser moderno.

Di certo la rimozione delle opzioni “in chiaro” per la gestione dei cookie rappresenta l’ennesima modifica anti-utente perpetrata da Mozilla, una corporation che dice di voler difendere il Web ma lavora per inserire l’ advertising in Firefox . Tanto più che Google continua a offrire la rimozione dei singoli cookie sul browser Chrome.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ellascott scrive:
    interesting information
    I regularly visit your site and find a lot of interesting information. Not only good posts but also great comments. Thank you and look forward to your page growing stronger. https://www.gmaillogin.help/
  • Stelvio Brunazzi scrive:
    .....
    Dio c'è!
  • 4bec66fe923 scrive:
    Chip e PIN
    Notare che questa grande tecnologia che sta riducendo le truffe e' il classico chip e PIN. Mentre negli USA vantano il sucXXXXX di questta tecnologia qui in Europa stanno forzando il passaggio ai chip NFC anche si i clienti non li vogliono.
    • panda rossa scrive:
      Re: Chip e PIN
      - Scritto da: 4bec66fe923
      Notare che questa grande tecnologia che sta
      riducendo le truffe e' il classico chip e PIN.
      Mentre negli USA vantano il sucXXXXX di questta
      tecnologia qui in Europa stanno forzando il
      passaggio ai chip NFC anche si i clienti non li
      vogliono.E certo che i clienti non li vogliono!A fronte di NESSUN VANTAGGIO si aggiunge la possibilita di intercettare la carta semplicemente avvicinando un sensore alla tasca.
    • xte scrive:
      Re: Chip e PIN
      Veramente il sistema si chiama EMV perché è europeo, gli usa han enormi volumi di truffa perché sono in larga parte rimasti alla banda magnetica...Piantatela di gloliare gli USA sena conoscerli e senza manco documentarvi.
      • ee399c5019f scrive:
        Re: Chip e PIN
        - Scritto da: xte
        Veramente il sistema si chiama EMV perché è
        europeo, gli usa han enormi volumi di truffa
        perché sono in larga parte rimasti alla banda
        magnetica...

        Piantatela di gloliare gli USA sena conoscerli e
        senza manco
        documentarvi.Hmm perche' trolli, fai finta di non capire e distorci quello che altri hanno scritto?Il discorso e' chiaro. Le banche europee hanno deciso di abbandonare chip e PIN e in questo modo stanno aumentando i rischi di truffa, che cosa vogliono ottenere dai chip NFC?Gli americani sono rimasti alla banda magnetica per anni perche non volevano cambiare le abitudini dei loro clienti dopo che avevano passato anni a fargli il lavaggio del cervello per convincerli ad indebitarsi con facilita. Quando la crisi ha fatto esplodere l'indebitamento hanno deciso che era il momento buono per adottare il chip e PIN.
        • xte scrive:
          Re: Chip e PIN
          Perché non stò trollando e tu descrivi un film che non esiste: gli USA han scelto di restare con la banda magnetica perché essendo un paese privo di "pubblico", interamente "privato" non muove nulla se non c'è un rapido ritorno economico, le truffe per le banche USA non sono un problema, sono guadagni col meccanismo del costo di assicurazione: non so se lo sai, e immagino di no, ma da noi ogni transazione fraudolenta è protetta per legge; fai denuncia e vieni rimborsato, in USA *paghi* nelle spese di gestione della carta un'assicurazione *obbligatoria* che varia dai 60 ai 140$/anno. Gli USA non avendo investimenti pubblici sono alla retroguardia del mondo occidentale per ogni cambiamento tecnologico.Quanto all'Europa non vuole affatto eliminare il chip, vuole l'nfc aggiunto (e lo abbiamo già grossomodo tutti) per i pagamenti di piccolo importo poiché in molti paesi europei il pagamento elettronico è abituale per ogni importo, caffè al bar incluso, e invita molto di più il cliente a spendere la possibilità di appoggiare *il portafoglio* o *il cellulare* su un totem che non "pagare" in forma classica. Tieni anche presente che altrove in Europa quasi *tutte* le banche offrono l'export di ogni transazione, da anni, in QXF&c poiché i clienti mediamente abituati all'elettronica si tengono la contabilità personale con qualche applicativo del caso (se non ne conosci cito Homebank e Grisbi per le versioni semplici, GNUCash un po' più complesso) da noi al massimo c'è l'export *SV per i fogli di calcolo. In moltissimi paesi europei l'azionario (puro, non derivati, fondi &c) è una forma di "risparmio" oltre che di "investimento", gestito spesso come cassettisti direttamente dai clienti e le banche non fan chiusure di bilancio annuali/biennali come in Italia ma mensili, con il D/A a parte dettagliato (ovvero dove capisci chiaramente quanto spendi di gestione e quanto guadagni).L'Italia ha conservato (e questo le ha giovato) un sistema arcaico, dove l'utente è rimasto legato al mero soldo delegando ogni cosa alla banca, nell'Europa occidentale, diciamo del centro e del nord i cittadini sono parecchio più attivi in termini di educazione finanziaria (pur restando mediamente ignoranti) e questo ha generato una certa evoluzione, assente in USA (e in larga parte in Canada) e poco presente in Italia.
          • 4bec66fe923 4 scrive:
            Re: Chip e PIN

            Perché non stò trollando [...]
            gli USA han scelto di restare con
            la banda magnetica Non stai trollando, ma contraddici l'articolo. Chiaro.
            le truffe per le banche USA non sono un
            problema, sono guadagni col meccanismo del
            costo di assicurazione:E ti sei dimenticato i costi amministrativi e il fatto che alle banche l'assicurazione costa. Recuperano solo perche' guadagnano sugli interessi passivi e a loro conviene indurre i clienti ad indebitarsi (finche non scoppia tutto).
            non so se lo sai,
            e immagino di no, ma da noi ogni transazione
            fraudolenta è protetta per legge; fai denuncia e vieni
            rimborsato, A patto di controllare minuziosamente gli estratti conto, quanti lo fanno?
            Quanto all'Europa non vuole affatto eliminare il
            chip, vuole l'nfc aggiunto Non stai trollando, ma mi accusi di aver lamentato l'eliminazione del chip, mentre io lamento l'eliminazione del PIN.
            (e lo abbiamo già
            grossomodo tutti) per i pagamenti di piccolo
            importo E infatti di mini truffe del tizio che nella calca dell'autobus ti avvicina il lettore alla tasca gia ce ne sono state tante. Quanti controllano i minipagamenti sull'estratto conto e se ne accorgono?
            poiché in molti paesi europei il
            pagamento elettronico è abituale per ogni
            importo, caffè al bar inclusoE le banche cosi guadagnano la commissione anche sui piccoli pagamenti. (in contanti non c'e' commissione).
            Tieni anche presente che altrove in Europa quasi
            *tutte* le banche offrono l'export di ogni
            transazione, da anni, in QXF&c poiché i clienti
            mediamente abituati all'elettronica si tengono la
            contabilità personale con qualche applicativo del
            caso (se non ne conosci cito Homebank e Grisbi
            per le versioni semplici, GNUCash un po' più
            complesso)Si certo. Solo che la percentuale di popolazione che usa queste possibilita si conta sulla punta delle dita.
          • xte scrive:
            Re: Chip e PIN

            Non stai trollando, ma contraddici l'articolo. Chiaro.Non proprio, espongo solo la situazione presente in USA, parzialmente omessa nell'articolo
            E ti sei dimenticato i costi amministrativi
            e il fatto che alle banche l'assicurazione costa.Negli USA l'assicurazione sulle carte è parte della banca, non di società esterne. Da noi cominciamo ad avere assicurazioni che fan banche (pure le poste) e banche che fan assicurazioni ma siamo agli albori, in USA è la norma da molto tempo. In altri termini la banca forza tutti a sottoscrivere un'assicurazione o prendersi il rischio di usi fraudolenti senza protezione. Con quel che incassa per l'assicurazione non perde nulla per le frodi, anzi mediamente guadagna.
            A patto di controllare minuziosamente gli
            estratti conto, quanti lo fanno?In Italia avevo l'avviso SMS per ogni operazione, da 0 euro in su, una tassa giacché succhiavano 13 cent a sms ma utile, in Francia ho l'avviso via mail che è gratis quindi qualsiasi operazione che faccio la ricevo nella mail, da questa lo passo a ledger e di tanto in tanto (più o meno mensilmente) importo in QXF le transazioni dalla banca riconciliando o notando che ci sono problemi... Il problema qui è che l'utente medio non ha un "workflow integrato" per mancanza di software.
            Non stai trollando, ma mi accusi di aver lamentato
            l'eliminazione del chip, mentre io lamento
            l'eliminazione del PIN.

            Le banche europee hanno deciso di abbandonare chip e PINCapisco che ti piace variare nick ma mi pare chiaro no?
            E infatti di mini truffe del tizio che nella
            calca dell'autobus ti avvicina il lettore
            alla tasca gia ce ne sono state tante. Sia in Italia che in Francia tutte le carte nfc che ho avuto avevano ed hanno il pin obbligatorio per ogni transazione nfc, la soglia si sceglie via web o in filiale... L'unica cosa che mi possono rubare è lo storico delle ultime 10 transazioni che tutte le carte che ho avuto espongono con più o meno dettagli senza problemi, però questo furto non mi preoccupa granché...
            E le banche cosi guadagnano la commissione
            anche sui piccoli pagamenti. (in contanti
            non c'e' commissione).In Francia ed altri paesi (so per certo la Svezia, ma penso molti altri) non esiste la commissione, c'è un forfait mensile che dipende dal numero di transazioni/mese medie e non è granché pesante. Il costo di commissione italico è in effetti uno dei freni ai pagamenti elettronici.
            Si certo. Solo che la percentuale di
            popolazione che usa queste possibilita
            si conta sulla punta delle dita.Non posso risponderti con dati validi, tuttavia sentendo tra amici, colleghi ecc quando capita mi pare che bene o male tutti traccino le loro spese, i più anziani in forma cartacea stile vecchi mastrini "dare/avere", la fascia "30-50 anni" (a spanne, molto spannometriche) con qualche software personale, qualcuno direttamente via banca con gestionale mediamente schifoso messo a disposizione tirandosi poi giù pdf riassuntivi ecc. 'Somma mi pare che il "fregarsene" sia molto italico o forse del sud Europa in genere, non globale... Comunque qui mi astengo non ho dati. Posso solo dire che avere gli strumenti è importante. Ho sempre criticato ogni banca italica avuta per non offrire un export decente delle transazioni (più varie altre lamentele, tutte ben scritte e descritte ad ogni "sondaggio" ricevuto o di mia sponte quando la seccatura saliva troppo)... In Francia ho analoghe lamentele eh, solo l'export c'è sinora in tutte le banche provate.
  • Mao99 scrive:
    info
    Fino a che potro' fare acquisti senza le carte (contanti) lo faro' :P
    • xte scrive:
      Re: info
      Questo è un problema annoso: già oggi il contante stampato è una frazione del denaro emesso dalle banche centrali. Io sono molto favorevole ai pagamenti elettronici, praticamente pago solo a carta (di debito, non di credito), tengo un po' di contante nel portafoglio ma per dire passerò ad un bancomat una volta ogni 1 o 2 anni. D'altro canto voglio che il contante sia sempre possibile come mera forma di sovranità monetaria, garanzia, backup.Se siamo solo a pagamenti elettronici, fossero anche FOSS (e non lo sono), ci legherebbero all'hardware che normalmente non è *di stato* ma prodotto da aziende private e questa dipendenza è inaccettabile. Se poi il pagamento elettronico è gestito da pochi colossi privati è ancora peggio. Le banche sono tante, diciamo non abbastanza per avere un libero mercato e percentuali non troppo grandi per star sicuri ma un po' di varietà c'è, i circuiti di pagamento sono 4 gatti.
  • xte scrive:
    Hem,
    qui da noi non è un problema, a parte le autostrade siamo ovunque a smart-card, semmai sarebbe interessante puntare il dito su quanto siano arretrati gli USA che sono ancora tutt'oggi all'epoca delle carte con cifre in rilievo e macchinette per leggerle "a leva".
Chiudi i commenti