Firefox è social, Chrome è sicuro

Mozilla rilascia l'ultima versione del suo browser open source, lo stesso fa Opera, mentre Google prepara le novità della prossima release di Chrome. E regala soldi, tanti, a chi scova vulnerabilità nelle app

Roma – Firefox 27 è fuori dai blocchi di partenza con tutto il suo carico di novità, bugfix e migliorie varie, con Mozilla che si preoccupa di sottolineare in particolare la rinnovata vocazione social del browser open source tramite libreria SocialAPI.

Il browser del Panda Rosso è in grado di gestire le notifiche e le attività dei social network direttamente all’interno del browser, e la release 27 aggiorna questa funzionalità aggiungendovi nuovi “provider” di strepitii social come il redivivo Delicious e Saavn (popolare lettore musicale indiano).

Ma Mozilla Firefox non è (ancora) solo social e l’ultima versione del browser include novità importanti sul fronte della sicurezza, con l’abilitazione di default del supporto alle versioni 1.1 e 1.2 dei protocolli TLS (Transport Layer Security) per le connessioni sicure. È stato aggiunto, inoltre, il supporto per la versione 1.3 del protocollo SPDY di Google per le connessioni HTTP veloci.

Il piatto delle novità del nuovo Firefox è come al solito ricco, ma per quanti non riuscissero proprio a farsi piacere la tendenza del browser Mozilla a inglobare ogni genere di funzionalità accessoria (come le notifiche social di cui sopra), c’è sempre la possibilità di installare versioni alternative ridotte all’osso come Light .

Chi ha già subito una cura dimagrante a dir poco drastica è Opera, che ora sta infatti provando a tornare ai livelli di funzionalità precedenti all’ abbandono del layout engine Presto (in favore di Blink) con miglioramenti nella gestione dei preferiti, nelle performance e nell’interfaccia.

E parlando di aggiornamenti per browser Google non è seconda a nessuno, con la nuova versione beta di Chrome che può ora vantare l’integrazione della funzionalità Google Now e l’abilitazione di default del pinch-to-zoom su macchine Windows 8 (.1).

La sicurezza è da sempre il pallino di Mountain View, e Chrome sarà ora in grado di avvertire gli utenti nel caso in cui software di terze parti avessero apportato modifiche non richieste alle impostazioni del browser dando la possibilità di ripristinare le impostazioni di default . Per una sicurezza ancora maggiore, infine, Google ha deciso di assegnare premi in denaro (dai 500 ai 10mila dollari) a quanti saranno in grado di scovare vulnerabilità all’interno delle app e delle estensioni per Chrome realizzate di prima mano dalla corporation.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Psico Anal Ittico scrive:
    italiano?
    "Se in tribunale dovesse avere la peggio rischia come minimo 30 anni di prigione, ma in caso di vittoria completa dell'accusa potrebbe trascorrere il resto della vita dietro le sbarre."Ah beh, e se le cose dovessero veramente prendere una brutta piega?Forse la frase va riformulata: il peggio é il carcere a vita = vittoria completa dell'accusa.O forse google traslate non traduce correttamente la singola negazione "not any..." :D
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: italiano?
      o forse non hai capito quanto c'era scrittorileggilo
      • No Nome scrive:
        Re: italiano?
        Forse invece e´ proprio scritto male.Il rischio della condanna a vita sta nella frase sopra.Poi, specifichi: se dovessero essere dimostrate le accuse, come minimo si becca 30 anni, e al peggio se perde su tutta la linea l'attende il carcere a vita.Che cosa volevi scrivere con quell'aborto lo sai solo tu.Sei inoltre maleducato: potevi spiegare le tue ragioni e il significato della frase, ma sai di essere in torto e quindi... rileggitela tu la frase!
    • get the facts scrive:
      Re: italiano?
      prego notare come i marines del massacrro di haditha e degli altri casi dsi civili uccisi non hanno fatto un giorno di galera
Chiudi i commenti