Foxconn, condannati per la tavoletta

Tre impiegati della multinazionale con base a Taiwan sono stati arrestati e condannati per aver consegnato a terzi alcuni dettagli di design relativi al tablet di Apple iPad 2

Roma – A rivelarlo in esclusiva è stato un articolo pubblicato dal sito d’informazione cinese Sznews.com : tre dipendenti Foxconn sono stati condannati per aver violato gli accordi interni relativi alla segretezza di certi prodotti commerciali . I tre impiegati della multinazionale con base a Taiwan erano stati precedentemente arrestati a Shenzhen, primissima sede cinese per l’assemblaggio di device elettronici.

La polizia locale aveva in realtà arrestato i tre già alla fine dello scorso dicembre, senza ottenere alcuna eco mediatica. Il sito Sznews.com ha ora semplicemente sottolineato come i dipendenti di Foxconn siano stati condannati alla fine dello scorso marzo, per aver consegnato nelle mani di terzi alcuni elementi di design relativi alla seconda versione della tavoletta di Apple iPad .

La fuoriuscita di dettagli aveva rapidamente fatto il giro del web specializzato, a svelare – alla metà dello scorso dicembre – alcuni dettagli sull’allora inedito iPad 2. Dal retro tondeggiante alla struttura più sottile del 33 per cento, fino alla nuova posizione di altoparlante e microfono. Gli iniziali sospetti erano ricaduti proprio su alcuni dipendenti Foxconn, ora arrestati e condannati. Non è però chiaro quanto rischino ora i tre dipendenti.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • W.O.P.R. scrive:
    Non ho ben capito
    Come funzionerebbe questo "sistema ibrido"?Cioè viene visto come singola unita?In questo caso, come si sa quali dati finiscono sulla ssd e quali sul disco con velocità di r/w ovviamente diverse?E se la ssd e il disco vengono viste come 2 unità separate quale sarebbe l'innovazione?
    • The Raptus scrive:
      Re: Non ho ben capito
      NO: devi vederla come una cache invece di RAM c'è falsh e supporto magnetico.Io scrivo sulla flash SEMPRE, in modo molto veloce. Poi è il micro dell'hard disk che se lo smazza sul piatto, in maniera del tutto invisibile.QUesto in scrittura. In lettura ipotizzo un funzionamento tipico della ram cache: leggo un byte -
      leggo tutto un settore (cluster?). I dati prossimi dovrebbero risiedere lì.cmq già per la scrittura (più lenta a causa del controllo d'errore etc) immagino un ottimo miglioramento. Esistono già dei supporti così in commercio, mi pare seagate ma vado a memoria.Tempo fa vidi anche dei sistemi con batteria tampone enorme basati su memoria RAM che facevano la stessa cosa. Immaginati di fare un disco RAM ed un micro proXXXXXre che ti svuota la ram con i tempi del disco mentre per te la scrittura è istantanea. Non hanno mai avuto fortuna, ma a me non dispiacevano. Forse non erano troppo sicuri ... ma non so dirti. Certo che visti i costi della memoria un paio di gigabyte non costano molto. Era più alto il costo della batteria tampone!
      • Teo_ scrive:
        Re: Non ho ben capito
        - Scritto da: The Raptus
        Esistono già dei supporti così in
        commercio, mi pare seagate ma vado a
        memoria.Sono i Momentus XT. Io li sto valutando per infilarli in una soluzione di questo tipo: http://www.icydock.com/icy_tip/Low_Cost_With_SSD_Performance_For_Mac_Pro_Seagate-Momentus-XT_and_ICY-DOCK_MB982SPR-2S.html
Chiudi i commenti