Furto di account WhatsApp: Meta denuncia tutti

Furto di account WhatsApp: Meta denuncia tutti

Meta ha denunciato tre aziende cinesi che distribuiscono versioni fasulle di WhatsApp per Android, usate per rubare oltre un milione di account.
Meta ha denunciato tre aziende cinesi che distribuiscono versioni fasulle di WhatsApp per Android, usate per rubare oltre un milione di account.

Meta ha presentato una denuncia contro tre aziende cinesi che distribuiscono versioni non ufficiali di WhatsApp per Android. Queste app fasulle sono state utilizzate per rubare oltre un milione di account tra maggio e luglio 2022. L’azienda di Menlo Park ha intanto avvisato alcuni utenti del furto della password di Facebook tramite app di terze parti.

Rubati gli account di WhatsApp con app fake

Will Cathcart, capo di WhatsApp, aveva invitato gli utenti a non installare versioni fake o modificate di WhatsApp. Nei tweet di luglio c’erano riferimenti a HeyMods e HeyWhatsApp che, insieme a Highlight Mobi, sono le app sviluppate dalle aziende cinesi denunciati da Meta. Google ha rimosso le tre app dal Play Store, ma possono essere scaricate da store di terze parti.

Queste app promettono nuove funzionalità, quindi gli utenti vengono facilmente ingannati. In realtà raccolgono diverse informazioni sensibili e prendono il controllo dell’account. Altre due app, ovvero AppUpdater for WhatsPlus 2021 GB Yo FM HeyMods e Theme Store for Zap, distribuiscono malware e inviano messaggi di spam commerciale.

Meta ha denunciato le tre aziende cinesi per violazione dei termini d’uso del servizio di messaggistica. Gli utenti non devono assolutamente scaricare versioni fake o modificate di WhatsApp. È inoltre consigliato l’uso di una soluzione di sicurezza che rileva e blocca eventuali malware nascosti.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione. Le offerte potrebbero subire variazioni di prezzo dopo la pubblicazione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 7 ott 2022
Link copiato negli appunti