Garanzia, Apple la deve pagare

Studente italiano si vede riconoscere da un giudice il diritto alla garanzia biennale su un Macintosh rottosi nel 2007

Roma – Nils Calasanzio, 22enne di Arignano (Vicenza), ha vinto la causa che lo vedeva contrapposto ad Apple dal 2007 .

Nel 2007, infatti, al ragazzo si era rotto il computer Mac acquistato a quasi due anni dall’acquisto. Tuttavia, dal momento che, a differenza di quanto previsto dalla normativa italiana, Apple gli garantiva una garanzia solo annuale, si era ritrovato nella spiacevole condizione di non poter chiedere sostituzioni gratuite ed aveva così deciso di rivolgersi all’Adusbef di Vicenza per far valere i propri diritti.

Il giudice ha deciso in questi giorni a suo favore riconoscendogli un risarcimento di 5.800 euro , 1.300 euro relativi al costo dello computer più una somma analoga per gli interessi legali, 350 euro per le spese sostenute dal ragazzo per riparare un vecchio PC da utilizzare in sostituzione e 1.800 per le spese legali sostenute.

La sentenza sembra aprire più che uno spiraglio per l’ azione avviata dall’Antitrust nei confronti di Apple sui tempi di tutela assicurati agli utenti.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Michel De Castle scrive:
    Ma.......
    Ma se facebook, invii un'amicizia ad una persona ke non conosci personalmente, ti blocca per un tot di giorni,ed è sucXXXXX a parecchi, come fai a conoscere persone di tutto il mondo,e chiattare?
  • ninjaverde scrive:
    Dubbi
    Ogni iniziativa più o meno stramba serve per il gregge.In pratica però se si traduce dall'italiano verso spagnolo, portoghese, francese e viceversa, le cose vanno abbastanza bene anche se qualche vocabolo deve essere corretto, le cose però non vanno altrettanto bene verso l'inglese, a meno di semplificare moltissimo le frasi ed eventualmente correggere la traduzione.Le frasi lasciate in condizione non corretta possono anche dare significati diversi dall'originale. Poi è ovvio che per le "stupidaggini" può andare bene ugualmente.
  • hp fiasco scrive:
    tze ...
    son anni che parlo con argentine e brasiliane aprendo in un altra finestra il google translateavrei dovuto brevettare l'idea
    • Marco Generosi scrive:
      Re: tze ...
      Ormai Facebook copia ogni singola cosa che Google+ lancia... il bello è che fino a poco tempo fa una novità la lanciavano a distanza di mesi, guarda caso ora fanno tutto insieme... che buffoni!
      • mr_caos scrive:
        Re: tze ...
        Ogni volta mi stupisco del credito di cui Google gode presso i suoi ute(o)nti. Google+ è al 99% la copia di Facebook, e loro riescono ad accusare Facebook di copiare da Google dei dettagli insignificanti.E' stupefacente.
Chiudi i commenti