Germania, Apple batte Motorola

Cupertino ottiene un'ingiunzione preliminare contro la vendita di vari device della società controllata da Google. Violato il brevetto sullo scorrimento "a molla" dei testi
Cupertino ottiene un'ingiunzione preliminare contro la vendita di vari device della società controllata da Google. Violato il brevetto sullo scorrimento "a molla" dei testi

Dovrà richiamare alcuni tra i suoi dispositivi di punta sul mercato tedesco, condannata da un giudice di Monaco di Baviera nell’estenuante sfida brevettuale tra iOS e Android. Una ferita aperta per Motorola Mobility, dopo l’attacco legale sferrato da Apple sulla tecnologia touchscreen implementata su alcuni device della società controllata da Google .

Dai modelli Milestone XT720 e DEFY a quelli Atrix e XOOM , Motorola Mobility rischia il blocco delle vendite in terra tedesca (e per estensione, secondo alcune interpretazioni, in tutta Europa). Il giudice bavarese ha garantito alla Mela un’ingiunzione preliminare per fermare la proliferazione della tecnologia abusiva, a condizione che depositi un fondo da 25 milioni di euro per ricompensare la stessa Motorola in caso le ragioni di Cupertino vengano sconfessate.

Alla società controllata da BigG resta comunque la possibilità di modificare il proprio impianto software per aggirare il problema e tornare a vendere sul mercato locale. Apple aveva puntato il dito contro i meccanismi di scrolling delle liste, oltre che per la traduzione e rotazione dei documenti sugli schermi touch dei vari dispositivi mobile .

Nelle richieste della Mela, la definitiva distruzione di tutti i device in violazione di brevetto , possibile con altri 10 milioni di euro nel fondo da depositare in aula. “Ma gli utenti non sono responsabili, solo Motorola” ha precisato Stefanie Ruhwinkel, portavoce della corte regionale bavarese. Appare ora più che probabile un ricorso in appello, anche per evitare il pagamento dei danni a Cupertino.

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

14 09 2012
Link copiato negli appunti