Gestiva un nodo eDonkey. Bloccato

La Corte Distrettuale di Amburgo ha deciso di bloccare l'attività di un gestore di server eDonkey; come nel caso dell'operatore belga Scarlet Extended, l'industria discografica parla di responsabilità dirette

Roma – Venerdì scorso il braccio tedesco della International Federation of the Phonographic Industry ( IFPI ) ha strappato un’altra vittoria sul campo dello sharing P2P illegale. La Corte Distrettuale di Amburgo ha emanato un’ordinanza di ingiunzione nei confronti di un gestore di un server eDonkey. Questa prescrive l’immediata cessazione di ogni attività, almeno fino a quando saranno presenti sul sistema “file musicali illegali”.

Questo secondo IFPI, appunto. Secondo Heise Online , invece, la Corte avrebbe semplicemente proibito all’operatore P2P di distribuire le canzoni contenute in un album di una singola band. La verità, comunque, è che in Germania è in atto un’articolata offensiva nei confronti dei gestori di server di file-sharing. “Nel prossimo futuro agiremo legalmente contro ogni gestore di server P2P che renda possibile lo scambio illegale di tracce audio”, ha dichiarato Peter Zombik, direttore di IFPI Germany. “Spiace vedere che le potenzialità della tecnologia P2P vengano ancora utilizzate così tanto per violare il copyright – malgrado la disponibilità di tecnologie di filtro”.

Insomma, l’industria discografica ha individuato una presunta “debolezza” da sfruttare. I server eDonkey – e non solo – non offrendo direttamente i file illegali possono essere chiusi solo dimostrando che in qualche modo la responsabilità di ciò che accade sulle reti P2P è anche dei gestori. Non a caso la corte di Amburgo ha dichiarato che “l’operatore del server ha favorito l’attività illegale” anche non partecipando direttamente. Insomma, a questo punto deve essere chiaro che non rispondere adeguatamente alle richieste dei detentori dei diritti di copyright e non dotarsi di misure preventive d’ora in poi potrebbe rivelarsi un problema. Un po’ com’è avvenuto in Belgio con il caso del provider Scarlet Extended – obbligato ad istallare filtri antipirateria .

Per Stefan Michalk, portavoce di IFPI, è arrivato il momento di volgere lo sguardo verso gli ISP. A suo parere tutti coloro che non collaborano, o non utilizzano soluzioni tecnologiche adeguate, saranno ritenuti responsabili delle azioni illegali dei propri clienti. E quindi portati in tribunale.

Intanto Engadget , tra gli altri, parla di un disperato cinquantenne di Hannover che nella notte di sabato ha lanciato dalla finestra il suo PC. Era un gestore di server P2P? Non riusciva più a connettersi al nodo preferito? La polizia indaga.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • francesco totti scrive:
    nooooo
    nooooooo era bello!
  • alessio scrive:
    scusa ma che c.
    nn e colpa nostra se tuo figlio e un omicida ma sei te che devi vedere l'eta concessa sul gioco e poi nessuno al mondo uccide grazie a un video gioco, io ho giocato a tutti giochi horror e ho visto migliaia di film ma sono calmo anzi mi diverto a vederli, perche sono cavolate su cavolate come i giochi.Non capisco perche per colpa sua e della sua distrazione la gente di tutto il mondo deve smettere di giocare a giochi (di quel genere).Odio chi non sta presso hai propri figli, vogliamo mandarli fuori a giocare, immezzo a drogati,assassini(nei telegiornali si sente ogni giorno un morto per strada o nel parco) o immezzo a teppisti che si credono grandi e fanno a botte con quelli che incontrano ormai e cosi ragazzi meglio essere prudenti nn diamo colpa ai giochi ma colpa al mondo e di cio che si vede nella televisione, che e peggio di un videogame horror datemi retta
  • Rosmy scrive:
    Re: FERMIAMO I VIDEOGIOCHI GIAPPONESI
    AHAHAHAAHAHAHAHA che presa per il fondell... con cosa giochi all'oratorio? ah ah ah ah ah ma fammi il piacere Vista all'oratorio è già tanto se ci trovii il '98! Non c'è bisogno dei videogiochi x difendere la chiesa. Ehi, papero, dove hai lasciato la massa cerebrale? Un padre non ragiona cosi!La violenza estrema scaturisce dalla mancanza di vigilanza sulla crescita dell'individuo, questi figli abbandonati come pacchi davanti tv e console o dalla nonna, dalla zia a scuola ecc, se i genitori parlassero con i figli commentando scene e situazioni di vita li aiuterebbero a separare la fantasia dalla realtà e la famiglia sarebbe sempre il punto di riferimento dove riporre fiducia. Se esplode un estrema violenza è perchè ci sono situazioni irrisolte interiori non evidenziate, altro che giochi! Un figlio non è un accessorio, bisogna farlo con coscienza e con la certezza di volerlo accompagnare sempre.
  • frankiller 95 scrive:
    FERMIAMO I VIDEOGIOCHI GIAPPONESI
    IGNORANTE!!!!TU NON SAI NEANCHE CHE COS'è GTA 1 !!!!ERA UN GIOCHINO NORMALE, CONOSCO GENTE DI 8 ANNI CHE GIOCA A GTA3 E NON è MENTALMENTE INSTABILE!P.S Giocaci tu coi giochi dell'oratorio!
  • frankiller 95 scrive:
    la madre
    Di giochi violenti ce ne sono tanti e per tutti, conosco tanta gente che usa i giochi violenti e non ha mai ucciso nessuno.Secondo me la madre del ragazzo incolpato di omicidio a incolpato la Take Two solo per ricevere dei soldi di risarcimento.Come ho detto in precedenza sono un 13enne e ho finito manhunt proprio ieri:e proprio un bel gioco!Ho intenzione di ricominciarlo e la voglia di uccidere cente reale in me non affiore di certo.Uso manhunt come relax,come sfogo e sono felice che esca il secondo.Vivo in una famiglia unita e ,ia madre mi lascia giocare a quello che volglio:Sa che non mi metterei mai a fare il killer.Se uno uccide la gente è solo un pazzo,non è di certo colpa dei videogiochi.
  • frankiller 95 scrive:
    Ma quale Manhunt...
    Manhnt non è un gioco che fa uccidere, ci ho giocato pure io che ho 13 anni e l'o finito senza uccidere a mazzate nessuno.Secondo me se uno commette questi omicidi basandosi su un videogioco e pazzo di natura.
  • daccordo scrive:
    ecco le risposte sul sito dell'articolo!
    Mum To JailThis happens, if a parent does not care nothing about his/her child and than she is surprised.The MUM has probably not even noticed she has a child and now she is wondering.this is afault of the parent which is trying to find excuse in violent games as this is easier and also unfortunately easier to acceot by many simlar parents which do not care about own childrens and let them sit in fron of TV and let play games all day.when she buyed the game, she was blind to see that is a violent game ?The woman is stupid and should be putted to jail.Parents are responsible for they own childrens.Posted by: Kerembe, 19 Jul 2007the blames is the new generation of parentzabsolutely totally without any responsability.Separation and divorce for silly question, want freedom, without accept the duties. This generation of mothers and fathers sucks!No sense of duties and the blame is the videogame the blame is in this new generation of father and mother instead to go to with friends think and look after the childrens!Posted by: alex, 19 Jul 2007queste risposte mi paiono chiarificatrici della situazione e della realta' in cui viviamo.MA QUALE MANHUNT!
  • Gesù scrive:
    seascoltava metal la colpa era del metal
    Se l'assassino avesse avuto tra gli hobby il metal, state sicuri che se la sarebbero presa con Marilyn Manson e soci, così come se fosse stato appassionato di film horror o di cartoni animati giapponei o di qualsiasi cosa che non piace ai bigotti con la puzza sotto il naso.La cosa brutta è che ai videogiochi ci giocano un pò tutti: statisticamente è impossibile che non capiti ad un altro videogiocatore di compiere un crimine, quindi aspettiamoci altre cretinate sulla connessione videogiochi-reati
  • il sospettoso scrive:
    perche invece non analizziamo la madre?
    gia' perche' non lo si fa?Io spero proprio che qualcuno invece pubblichi la biografia della madre.Io ci scommetto sara' la solita pluridivorziata con seri problemi di relazioni con i partners e magari mentre andava a saltare sopra qualche letto lasciava il povero figliolo davanti alla play tutto il giorno.E quello come viene su?Con quali principi puo' venire su?A questo non ci pensa nessuno. Se succede una cosa simile ma quale manhunt!La donna in questione si faccia una bella analisi di coscienza e cominci a vedere cosa c'e' di storto nella SUA DI VITA NON NEL GIOCO
    • Gesù scrive:
      Re: perche invece non analizziamo la madre?
      è un dato di fatto che il figlio da molto tempo dava segni di squilibri mentali, ed i genitori se ne sono sbattuti altamente. Ora cercano di salvarsi la faccia incolpando i videogiochi: PATETICO!
      • Gesù scrive:
        Re: perche invece non analizziamo la madre?
        mi ricordo quando per incompetenza dei genitori capitava che un bambino cadesse da un balcone: davano la colpa a Jeeg Robot d'Acciaio!!!
        • borg_troll scrive:
          Re: perche invece non analizziamo la madre?
          - Scritto da: Gesù
          mi ricordo quando per incompetenza dei genitori
          capitava che un bambino cadesse da un balcone:
          davano la colpa a Jeeg Robot
          d'Acciaio!!!Colpa dei genitori che non gli hanno lanciato i componenti.
  • tomlnx scrive:
    ...ma quale manhunt
    io mi inca**o quando gioco a football manager e non riesco a vincere il campionato!! invece credo che manhunt (non ci ho giocato) ti scarichi... o almeno così hanno fatto per me i vari hitman, splinter cell, igi e via dicendo... Poi credo comunque che per un bambino giocare l'intera giornata, non faccia bene al fisico e denota anche una certa incapacità del genitore ad educarlo... che di fatto non lo educa ma lo scarica davanti alla console!
  • Non authenticat scrive:
    Re: FERMIAMO I VIDEOGIOCHI GIAPPONESI
    - Scritto da: nuclearstre ngth

    Rock & Troll è capace, tu noNon sono daccordo, secondo me è una "trollata niente male" in fondo ci sono articoli di giornali "prestigiosi" che usano più o meno lo stesso tono! :)Rock & Troll è troppo "monotematico" e trolla sempre sullo stesso argomento...Ma suppongo sia solo questione di gusti! ;)
  • Lepaca scrive:
    Comprensione...
    Capisco che questa madre sia pervasa dall'umana incapacita' di accettare i propri fallimenti e cerca fantasmi a cui affidare le proprie colpe, ma mi chiedo...Considerando il numero di genitori che appoggiano tutto questo, c'e' da chiedersi... ma ci sono genitori capaci di educare un figlio a questo mondo?
    • Gesù scrive:
      Re: Comprensione...
      non credo proprio, visto le teste di cazzo che infestano la nostra civiltà
    • il sospettoso scrive:
      Re: Comprensione...
      - Scritto da: Lepaca
      Capisco che questa madre sia pervasa dall'umana
      incapacita' di accettare i propri fallimenti e
      cerca fantasmi a cui affidare le proprie colpe,
      ma mi
      chiedo...

      Considerando il numero di genitori che appoggiano
      tutto questo, c'e' da chiedersi... ma ci sono
      genitori capaci di educare un figlio a questo
      mondo?ATTUALMENTE?La risposta e' NO!Basta vedere il numero di famiglie sfasciate in italia separazioni e divorzi per motivi futili.E questi sarebbero i genitori che devono essere da modello?si il modello in scatola della BBURAGO!
  • Carmelo Francescon i scrive:
    re: giochi violenti
    "...ognuno è libero di fare quello che vuole purchè non danneggi la libertà degli altri..."Giustissimo, come dice soulista, ma forse sarebbe da completare la frase. Io quindi aggiungerei che, oltre al rispetto della libertà altrui, c'è pure il dovere di non danneggiare se stessi, per quanto possibile, altrimenti il danno, presto o tardi, si riverbera sugli altri, a meno che uno non viva in una caverna lontano da tutti.Carl
    • Non authenticat scrive:
      Re: re: giochi violenti
      - Scritto da: Carmelo Francescon i
      "...ognuno è libero di fare quello che vuole
      purchè non danneggi la libertà degli
      altri..."
      Giustissimo, come dice soulista, ma forse sarebbe
      da completare la frase. Io quindi aggiungerei
      che, oltre al rispetto della libertà altrui, c'è
      pure il dovere di non danneggiare se stessi, per
      quanto possibile, altrimenti il danno, presto o
      tardi, si riverbera sugli altri, a meno che uno
      non viva in una caverna lontano da
      tutti.

      CarlEvidentemente "il rispetto della libertà altrui" risulta un modello "comportamentale" meno "credibile" (e quindi meno "realistico") di quello che c'è nel gioco in questione!Forse è il caso di chiedersi come mai un "gioco" e una realtà virtuale risultano "credibili"... forse la "realtà virtuale" del gioco "somiglia troppo" o è "abbastanza socialmente credibile" da essere sovrapponbile alla REALTÀ non virtuale!Forse il problema non è il gioco e neanche la realtà virtuale ma semplicemente LA REALTÀ che non è poi così rosea... a prescindere dal gioco stesso!Nascondere la polvere sotto il tappeto "censurare"...(se le cose stanno così) non è una buona soluzione!
  • Michele scrive:
    Ci risiamo...
    ...non sono i videogiochi che educano i figli, ma i genitori.La donna continua a cadere nello stesso errore, e non se ne rende ancora conto: la responsabilità dell'educazione di suo figlio è SUA e di suo marito, sempre che abbiano provato a dargliene una, e nonostante ciò continua imperterrita a de-responsabilizzarsi...Poi il fatto che le modalità con cui viene eseguito un atto criminale sia scelto traendo spunto da questo videogioco o da quell'altro film è solo una conseguenza, non la causa!Chi glielo spiega? Ma la delusione più grande è che c'è molta gente come lei, che non è cresciuta giocando coi "videogiochi", che si scandalizza per il grado di realismo che hanno raggiunto, convinta che videogioco=pacman e "deve" essere solo pacman, e non appena vede qualcosa di diverso è un'eresia, qualcosa da mandare al rogo!Meglio un giocatore di manhunt oggi che un bigotto dallo stereotipo facile domani...
    • Gesù scrive:
      Re: Ci risiamo...
      io non riesco ancora a capire come ci possa essere gente così idiota che possa paragonare ciò che si fa in videogioco con ciò che si fa nella realtà
      • Non authenticat scrive:
        Re: Ci risiamo...
        - Scritto da: Gesù
        io non riesco ancora a capire come ci possa
        essere gente così idiota che possa paragonare ciò
        che si fa in videogioco con ciò che si fa nella
        realtàEvidentemente si parla di "menti deboli"...No?
  • anonimo codardo scrive:
    ha bisogno di un motivo per vivere
    anche se può sembrare non penso che questa donna sia ritardata, stupida, incapace della più semplice deduzione logica. E' una persona ... chiamiamola "semplice" ... che ha bisogno di dare la colpa a qualcun altro che LEI abbia scopato e generato dai suoi lombi ed educato uno stronzo che ha spezzato una vita con 92 coltellate e che spero sia già marcito su una sedia elettrica.Lasciatela sbraitare e censurare un gioco se questo può servirle a rifarsi una vita, a me fa solo pena, e manhunt se lo compreranno cmq tutti da play.com o similia.
    • V-Day scrive:
      Re: ha bisogno di un motivo per vivere
      Mah... sulla pena di morte non sono d'accordo. Cmq anch'io penso che si tratti di un'alibi mentale per non incolpare se stessi.
    • Yanez scrive:
      Re: ha bisogno di un motivo per vivere
      Apparte il tono aggressivo e invettivo, sono d'accordo con te, quella madre può parlare quanto vuole, ma la colpa è sua che non è stata in grado di educare a una vita civile il suo pargoletto che di punto in bianco è diventato iun assasino. Non sono a favore, sia chiaro di manhunt, e non credo che la censura per questo gioco sia così fuori luogo... d'altronde esiste la censura anche sul porno fino a un'età in cui si ritiene una persona sia abbastanza matura da distinguere il bene e il male... IL PROBLEMA E' CHE QUALCUNO DEVE INSEGNARLO IL BENE E IL MALE...! E' A QUESTO CHE SERVONO I GENITORI! questi non possono andarsi a lamentare con lo stato...
      • Non authenticat scrive:
        Re: ha bisogno di un motivo per vivere
        - Scritto da: Yanez

        bene e il male... IL PROBLEMA E' CHE QUALCUNO
        DEVE INSEGNARLO IL BENE E IL MALE...! E' A QUESTO
        CHE SERVONO I GENITORI! questi non possonoE cioè gli orfani non possono conoscere la differenza tra bene e male?E cioè la società e i suoi modelli comportamentali non insegnano nulla e i genitori sono (come DIO nel paradiso terrestre) onnipotenti?E cioè l'unica cosa che la società (e i genitori) possono (o debbono) fare è censurare!Non fornire un modello di valori e comportamenti "sociali" in cui la violenza e cio che c'è in certi videogiochi risultino nei fatti non censurati ma semplicemente "poco credibili" e non confondibili o "sovrapponibili" con la realtà?Non, quindi, fare apparire "quella realtà virtuale" come "irrealtà virtuale"??...Riassumendo:I genitori sono COLPEVOLI, il resto del mondo (in cui si trascorre buona parte della propria vita) è INNOCENTE...E la soluzione ovvia è la CENSURA! O no? :|
  • Gesù scrive:
    Re: FERMIAMO I VIDEOGIOCHI GIAPPONESI
    Heil Hitler!
  • Dino Dini scrive:
    VERISSIMO anche io 20 anni fa...
    Anche mia madre esattamente 20 anni fa sbandierava con le sue amiche la mia ossessione per RAINBOW ISLAND della TAITO che secondo lei era la causa della mia dipendenza dall'LSD che mi faceva lanciare arcobaleni, saltare sulle nuvole e rubare pietre preziose di colori diversi....MA MI FACCIA IL PIACERE!Il problema è nell'educazione, nella società in cui viviamo, nei rapporti con le altre persone (spesso inesistenti)e nella totale mancanza di comunicazione con le persone con cui viviamo.sono d'accordo di vietare ai minori certi tipi di giochi alla stregua dei film porno.non sono d'accordo con la censura di nessun genere (vi ricordate gli zombie e il liquido verde di CARMAGEDDON nella versione italiana?)LA PRIMA e LA PIU' IMPORTANTE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FIGLI E' LA FAMIGLIA.chi vuo capire capisca chi non capisce almeno ci lasci liberi di giocare e scegliere quello che vogliamo sempre nel rispetto degli altri naturalmente.Baci a tutti.DD.
  • Gesù scrive:
    Fermiamo questa pazza scatenata
    Fermiamo questa donna inglese, evidentemente pazza, che cerca di buttare la colpa su un videogioco per giustificare la sua incapacità di saper crescere un figlio normale.Chiunque abbia giocato a Manhunt sa che solo un idiota potrebbe pensare che quel gioco possa far diventare assassini qualcuno. E chiunque conosca i videogiochi, sa che esistono videogiochi molto più violenti di Manhunt.Inoltre, chiunque giochi ai videogiochi violenti, sa che essi hanno l'effetto evidente di scaricare la violenza che si porta dentro nel videogioco.Se uno è un assassino psicopatico, lo è indipendentemente da qualsiasi videogioco o film violento. Anzi, la colpa è dei genitori che non l'hanno saputo far diventare una persona normale.Mi ricordo che quando non c'erano i videogiochi, i bambini giocavano ad ammazzarsi a vicenda con finte pistole e spade di plastica, questa volta agendo su esseri viventi e non su esseri virtuali: sicuramente questo era più diseducativo e pericoloso.Fermo restando che TUTTI I VIDEOGIOCHI VIOLENTI DA ANNI SONO VIETATI AI MINORI DI 18 ANNI, al pari dei film porno più estremi.Da me ci sono stati, ci sono e ci saranno sempre persone violente, che ti alzano le mani addosso per nulla, e guarda caso queste sono persone che non hanno mai giocato ad un videogioco in vita loro, anzi pensano che chi ci gioca sia uno sfigato.Insomma, sono almeno 20 anni che gioco a videogiochi violenti e sentire attribuire un omicidio ai videogiochi mi sembra la più grossa cazzata mai detta da quando l'uomo ha inventato l'omicidio.
  • Reolix scrive:
    Le solite 3 parole
    A notizie come queste, e in giro se ne stanno sentendo parecchie, servono SOLO 3 parole: sono tutte c*****e, neanche da commentare, al massimo da riportare, poi fate voi.....
  • pippo santoanast aso scrive:
    Re: FERMIAMO I VIDEOGIOCHI GIAPPONESI
    Bellissimo! Quoto l' ironia...Peccato che il 60% non capirà assolutamente le battute....
    • V-Day scrive:
      Re: FERMIAMO I VIDEOGIOCHI GIAPPONESI
      Lol. Io alcune non le ho capite al volo. Cmq metto qualche suggerimento per il 60% che nn capirà.* "Evil Residence" vuol dire "il residence malvagio", in realtà il gioco si chiama "resident evil"* "Soccer Hooligans" non esite. Però sarebbe divertente un gioco con gli ultrà violenti* Take Two è americana, GTA 1 è bidimensionale, lo scopo del gioco non è investire i pedoni. Inoltre la mod erotica (penso si riferisse a hot cofee) compare in gta 3.* Operazione pretofilia e l'altro gioco non hanno certo bisogno delle DX10 per girare
      • Sgabbio scrive:
        Re: FERMIAMO I VIDEOGIOCHI GIAPPONESI
        ma e chiaro che questo qui è un buon tempone e certi errori sono puramente voluti :D
  • Wolf01 scrive:
    Re: FERMIAMO I VIDEOGIOCHI GIAPPONESI
    certamente con i nerd, le armi senza una licenza sono illegali, si sà che fanno male, i videogiochi invece non sono conosciuti abbastanza, potrei usarli per condizionare mentalmente milioni di persone, potrei usare i cd per sventrare i genitori dopo aver perso l'ennesima vita a super mario...
    • soulista scrive:
      Re: FERMIAMO I VIDEOGIOCHI GIAPPONESI
      - Scritto da: Wolf01
      certamente con i nerd, le armi senza una licenza
      sono illegali, si sà che fanno male, i
      videogiochi invece non sono conosciuti
      abbastanza, potrei usarli per condizionare
      mentalmente milioni di persone, potrei usare i cd
      per sventrare i genitori dopo aver perso
      l'ennesima vita a super
      mario...comunque si sta parlando di lobbies. Guardati "Bowling for Columbine" e capirai che quelli della NRA sono fanatici e che la lobby dei produttori di armi é forse la più potente d'America; considerano inviolabile il diritto a possedere armi e non permetterebbero mai nemmeno che venissero considerate "pericolose" dai media e dai politici. E nessuno si permette di insinuarlo.Come dice "Cialtron" Heston (presidente della NRA): "dalle mie fredde e morte dita" (brandendo un fucile)
      • soulista scrive:
        Re: FERMIAMO I VIDEOGIOCHI GIAPPONESI
        - Scritto da: soulista
        - Scritto da: Wolf01

        certamente con i nerd, le armi senza una licenza

        sono illegali, si sà che fanno male, i

        videogiochi invece non sono conosciuti

        abbastanza, potrei usarli per condizionare

        mentalmente milioni di persone, potrei usare i
        cd

        per sventrare i genitori dopo aver perso

        l'ennesima vita a super

        mario...

        comunque si sta parlando di lobbies. Guardati
        "Bowling for Columbine" e capirai che quelli
        della NRA sono fanatici e che la lobby dei
        produttori di armi é forse la più potente
        d'America; considerano inviolabile il diritto a
        possedere armi e non permetterebbero mai nemmeno
        che venissero considerate "pericolose" dai media
        e dai politici. E nessuno si permette di
        insinuarlo.
        Come dice "Cialtron" Heston (presidente della
        NRA): "dalle mie fredde e morte dita" (brandendo
        un
        fucile)... alla fine sono d'accordo (in parte) con te. Pure un CD può diventare un'arma. Il fatto é che la colpa é sempre e comunque di chi tira il grilletto (o il CD). Se sei un'idiota e uccidi una persona solo perchè qualcuno ti dice di farlo (senza pagarti) o perchè lo recepisci da qualche "messaggio subliminale" demoniaco contenuto nella musica rocknroll, nel ballo Twist o nel tetris, allora meriti di finire rinchiuso.
      • borg_troll scrive:
        Re: FERMIAMO I VIDEOGIOCHI GIAPPONESI
        - Scritto da: soulista

        Come dice "Cialtron" Heston (presidente della
        NRA): "dalle mie fredde e morte dita" (brandendo
        un
        fucile)[TROLL MODE OFF]Charlton Heston marciava con Martin Luther King a favore dei diritti civili quando Michael Moore neanche sporcava pannolini. Moore è il vero cialtrone, che non corre rischi di persona, non mi stupisce sia un idolo per tutti gli sfigati che non hanno il coraggio o la voglia di scendere in piazza per quelli che considerano "diritti".[TROLL MODE ON]Fattene una ragione.
        • user scrive:
          Re: FERMIAMO I VIDEOGIOCHI GIAPPONESI
          Semplicemente perché è un volta-gabbana. E poi scendere in piazza non è che sia atto eroico.Anche qui in italia abbiamo molti voltagabbana. Per es. Benito Mussolini, Pera, Rutelli, Giuliano Ferrara, Bondi, De Gregorio etc etc etc etc
  • avware scrive:
    Originale
    Vi prego non censurate uno dei giochi più originali da poco tempo a questa parte. Non credo che diminuire o azzerare il punteggio del gioco possa servirea a qualcosa. Per il resto la notizia si commenta da sola :)Genitori pronti ad invocare la censura governativa piuttosto che vigilare sulla dieta videoludica dei minori
  • Wolf01 scrive:
    Re: FERMIAMO I VIDEOGIOCHI GIAPPONESI
    bhe, non avete colto il velato senso del post, ha parlato in VERO stile giornalistico, appunto per le varie menate e cazzate che scrivono sui giornali, dove ogni articolo sulla tecnologia è rigorosamente scritto da un giornalista che dovrebbe occuparsi di tutt'altro che tecnologia (non sto parlando di PI, che il lavoro tenta di farlo anche meglio che può) e quindi sbagliando evidentemente nomi con marchi (ho sentito di gente che cercava la pleistescion della nintendo) e così viainoltre capaci come sono di credere alle boiate che trovano su internet e alle varie leggende metropolitane pensano che anche la gente ci và a credere, però non hanno fatto i conti con i giovani, che penso non si facciano fregare così facilmente dai giornali e telegiornali (non ho mai visto un giovane che dà retta ad un tg)io dico che la vera causa di ogni male è la TV, dove sei obbligato a NON scegliere, tu vedi quello che ti passano loro e non quello che cerchi tu, se io trovo inattendibile un tg, sono libero si di vedere quello di un altro canale, che vista la facilità di come parlano delle stesse cose cambiando i dati per far vedere che è un'altra fonte quando invece è la stessa, è inattendibile pure quello (molti i casi di "morto bambino di 11 anni", 5 minuti dopo "sembrava morto ma era solo svenuto"... nell'altro tg "stesso bambino, 9 anni, rimasto ferito", dopo 5 minuti si correggono "aveva 10 anni ed è morto", ma allora, 9, 10 o 11 anni? morto o vivo?su internet almeno anche se il 90% sono cazzate basta un po' di buon senso e si riesce a cercarsi da soli le informazionibasta con sti articoli del piffero che demonizzano i giochi quando in realtà non ne hanno colpa, e se la hanno vuol dire che c'è qualcosa sotto, di marcio, già da tempo
  • Mario Rossi scrive:
    Re: FERMIAMO I VIDEOGIOCHI GIAPPONESI
    Soccer Hoolingans e Evil Residence li conosci solo tu. Al massimo esiste Residence Evil
    • soulista scrive:
      Re: FERMIAMO I VIDEOGIOCHI GIAPPONESI
      - Scritto da: Mario Rossi
      Soccer Hoolingans e Evil Residence li conosci
      solo tu. Al massimo esiste Residence
      Evil :p"RESIDENT evil"
  • Loris Batacchi scrive:
    Re: FERMIAMO I VIDEOGIOCHI GIAPPONESI
    Belin che trollata! E il bello è che c'è anche gente che ha preso sul serio il tuo discorso :D
  • martini scrive:
    FERMIAMO GLI SCOUT!!!
    come dimostrato sono pericolosissimi!!!
  • Shigeru scrive:
    Re: FERMIAMO I VIDEOGIOCHI GIAPPONESI
    La Playstation è della Sony, non della Nintendo
  • ba1782 scrive:
    Re: FERMIAMO I VIDEOGIOCHI GIAPPONESI
    1) c'è il capolavoro di Metal Gear Solid, creato da un MAESTRO dell'oriente in fatto di videogiochi :P2) la "playstation della nintendo"? Ma non è della sony? O intendevi usare un epiteto per definire il nintendo wii? Boh... magari sono ignorante io, non nego! :)3) "GTA 1 usa grafiche tridimensionali avanzatissime" ... Davvero? io mi ricordo che gta 1 era bidimensionale, che a malapena si vedeva l'omino, e che l'azione più palesemente "sconcia" fosse che se premevi cerchio, l'omino ruttava :D4) questo sei tu: http://it.wikipedia.org/wiki/Troll_%28Internet%29
    • pippo santoanast aso scrive:
      Re: FERMIAMO I VIDEOGIOCHI GIAPPONESI
      - Scritto da: ba1782
      1) c'è il capolavoro di Metal Gear Solid, creato
      da un MAESTRO dell'oriente in fatto di
      videogiochi
      :P
      2) la "playstation della nintendo"? Ma non è
      della sony? O intendevi usare un epiteto per
      definire il nintendo wii? Boh... magari sono
      ignorante io, non nego!
      :)
      3) "GTA 1 usa grafiche tridimensionali
      avanzatissime" ... Davvero? io mi ricordo che gta
      1 era bidimensionale, che a malapena si vedeva
      l'omino, e che l'azione più palesemente "sconcia"
      fosse che se premevi cerchio, l'omino ruttava
      :D
      4) questo sei tu:
      http://it.wikipedia.org/wiki/Troll_%28Internet%29Cacchio ... ma allora c'è davvero gente che il termine "ironia" ancora non ha capito che significa... SVEGLIA!!!
    • Me Medesimo scrive:
      Re: FERMIAMO I VIDEOGIOCHI GIAPPONESI
      - Scritto da: ba1782
      1) c'è il capolavoro di Metal Gear Solid, creato
      da un MAESTRO dell'oriente in fatto di
      videogiochi
      :P
      2) la "playstation della nintendo"? Ma non è
      della sony? O intendevi usare un epiteto per
      definire il nintendo wii? Boh... magari sono
      ignorante io, non nego!
      :)
      3) "GTA 1 usa grafiche tridimensionali
      avanzatissime" ... Davvero? io mi ricordo che gta
      1 era bidimensionale, che a malapena si vedeva
      l'omino, e che l'azione più palesemente "sconcia"
      fosse che se premevi cerchio, l'omino ruttava
      :D
      4) questo sei tu:
      http://it.wikipedia.org/wiki/Troll_%28Internet%29Don't feed the trolls
  • Ilpiccolo scrive:
    Allergia
    Anche io sono allergico alle uova. Le evito e i miei genitori, finchè non sono arrivato all'età adulta, mi proibivano di cibarmene...
  • nome.cognom e scrive:
    Colpa degli scout
    Chi non diventerebbe serial killer dopo un'esperienza negli scout? Sono tutti dei piccoli mostri che cantano "laudato sii mio signore" per fare ancora più paura.
    • ba1782 scrive:
      Re: Colpa degli scout
      Pardon, inviato due volte..!-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 19 luglio 2007 09.04-----------------------------------------------------------
    • ba1782 scrive:
      Re: Colpa degli scout
      Vero, gli scout sono un movimento neo-nazista che si nasconde dietro pantaloncini corti di velluto e calzettoni pesantissimi che sono obbligati a portare anche d'estate, come prova alle difficoltà fisiche... frustrante.... Tanto per fare una citazione non-colta: "cosa c'è di più irritante della neutralità?!?!" Capitano Zapp Brannigan
    • pippo santoanast aso scrive:
      Re: Colpa degli scout
      - Scritto da: nome.cognom e
      Chi non diventerebbe serial killer dopo
      un'esperienza negli scout? Sono tutti dei piccoli
      mostri che cantano "laudato sii mio signore" per
      fare ancora più
      paura.Brrr... il solo pensiero mi riempie di puro terrore!!Corro a ficcarmi sotto il letto... (
  • DarkDantesh scrive:
    limitatori?!
    mai sentito una cosa più assurda ed inutile!come se qualcuno mi dicesse che posso stare sotto la doccia per non più di 25 minuti!ma perchè mai?? e se io volessi farmi una doccia di mezz'ora o un bagno di un'ora? cos'è non posso? perchè se a qualcuno gira che io non posso lavarmi per più di 25 minuti consecutivi, io dovrei essere costretto a sottostare? non credo proprio!questo esempio è tale e quale a quello dei limitatori a tempo del gaming online. certo lì si parla di 3 o 5 ore, ma non è il tempo il problema, bensì il concetto in sé che è quantomai odioso e assurdo.ognuno è libero di fare quello che vuole purchè non danneggi la libertà degli altri.questo significa che all'interno della propria sfera di libertà è giusto che si possa fare ciò che si vuole; senza, ovviamente, danneggiare gli altri.tanto se qualcuno vorrà giocarci tutto il tempo che vuole ci riuscirà comunque tramite hacks e cheats vari.... quindi 'sta cosa è solo tutta 'na facciata.. tutto fumo e niente arrosto.mi dispiace solo per quelli che non sono a conoscenza di cheats o hacks vari e che saranno costretti a sorbirsi i limitatori. ma immagino che col tempo tutti ne diventeranno esperti se vorranno continuare a giocare, e il problema sarà bello che risolto.
    • alfonso scrive:
      Re: limitatori?!
      Doccia di 2 ore??? Vedrai che, tempo ancora qualche mese di bombardamento mediatico sulla siccità, ti limiteranno anche quella.
      • DarkDantesh scrive:
        Re: limitatori?!
        - Scritto da: alfonso
        Doccia di 2 ore??? intanto io ho parlato di doccia di mezz'ora o di bagno da un'ora.. dove le hai lette le 2 ore lo sai solo te..
        Vedrai che, tempo ancora
        qualche mese di bombardamento mediatico sulla
        siccità, che centra la siccità? anzi, semmai è proprio quando fa caldo che ci si lava di più e bisogna bere di più, perchè il corpo necessita di rinfresco e di una maggior quantità di liquidi.
        ti limiteranno anche
        quella.e voglio proprio vedere come! con un timer installato su tutte le docce?ma va' dai...
        • tex scrive:
          Re: limitatori?!
          - Scritto da: DarkDantesh

          ti limiteranno anche

          quella.

          e voglio proprio vedere come! con un timer
          installato su tutte le
          docce?
          ma va' dai...Macché timer, guardandoti con la microcamera impiantata negli spruzzini della doccia!
        • ba1782 scrive:
          Re: limitatori?!
          - Scritto da: DarkDantesh
          e voglio proprio vedere come! con un timer
          installato su tutte le
          docce?
          ma va' dai...... ti invito ad andare in sardegna, o in qualche altra regione del sud messa male, e vedi come ci stanno le limitazioni sull'acqua :PMagari non a tempo, ma la portata d'acqua viene drasticamente ridotta, e altro che doccia... già è tanto che riesci a lavarti le mani con quel filo d'acqua che esce...Ma comunque, diavolo, hai preso troppo seriamente un commento "scherzoso"... che poi che senso abbia quello che hai detto sulla siccità, ancora mi è oscuro... "se c'è caldo mi lavo più spesso"... se c'è caldo l'acqua non c'è e col piffero che ti lavi...Boh boh
    • Daniele scrive:
      Re: limitatori?!
      Delegare l'educazione dei propri figli alla playstation non è una cosa proprio logica... sia nell'usarla come baby sitter, sia nell'usarla insegnante."peace and LOVE" ergo "meno pippe davanti al videogame (se proprio dovete farvele fatevele pensando ad una bimba in carne ed ossa), più salute mentale"
      • ba1782 scrive:
        Re: limitatori?!
        - Scritto da: Daniele
        Delegare l'educazione dei propri figli alla
        playstation non è una cosa proprio logica... sia
        nell'usarla come baby sitter, sia nell'usarla
        insegnante.

        "peace and LOVE" ergo "meno pippe davanti al
        videogame (se proprio dovete farvele fatevele
        pensando ad una bimba in carne ed ossa), più
        salute
        mentale"Quoto - tristemente ma quoto :P -
      • Loris Batacchi scrive:
        Re: limitatori?!
        Hai detto bimba?!??! Lo sai vero che ora PI verrà chiuso per istigazione alla pedofilia...
      • soulista scrive:
        Re: limitatori?!
        - Scritto da: Daniele
        Delegare l'educazione dei propri figli alla
        playstation non è una cosa proprio logica... sia
        nell'usarla come baby sitter, sia nell'usarla
        insegnante.

        "peace and LOVE" ergo "meno pippe davanti al
        videogame (se proprio dovete farvele fatevele
        pensando ad una bimba in carne ed ossa), più
        salute
        mentale"Attento!per l'uso improprio del termine "bimba" sei già sotto indagine!
  • ... scrive:
    Ma quale manhunt...
    ...lì c'era ben altro che non andava.Caposcout, studente modello, il cocco di mamma che si sarebbe tagliato un braccio pur di compiacere tutti a cominciare da chi abitava con lui nelle 4 mura domestiche, probabilmente la trasfigurazione di Ian Nottingham (se vedete witchblade avete capito il personaggio) insomma un ragazzo stressato, la classica bomba ad orologeria che, prima o dopo, sarebbe esplosa.Manhunt era la cura (forse non quella migliore ma era qualcosa) per questo ragazzo, perchè gli permetteva di sfogare tutta la rabbia che normalmente teneva repressa altro che causa e fonte di ispirazione.Ma possibile che si creda veramente che una persona per compiere un omicidio abbia bisogno di ispirarsi da un monitor ? Quando certi elementi perdono le staffe ci arrivano tranquillamente da soli a certe azioni, anche se avessero visto durante la loro esistenza solo episodi di teletubbies e my little pony.
    • demi scrive:
      Re: Ma quale manhunt...
      se Manhunt era la cura... evidentemente la cura non ha funzionato, o molto più probabilmente e semplicemente non era/è una cura.
      • DarkDantesh scrive:
        Re: Ma quale manhunt...
        - Scritto da: demi
        se Manhunt era la cura... evidentemente la cura
        non ha funzionato, o molto più probabilmente e
        semplicemente non era/è una
        cura.non è che come cura non ha funzionato, è che non era sufficiente.probabilmente il ragazzo alla fine si è reso conto che quello era solo un gioco e che le soddisfazioni "virtuali" che gli forniva a lui non bastavano. Lui voleva qualcosa di più, voleva soddisfazioni "reali" e voleva sapere ed essere conscio di fare quello che ha fatto nella realtà.in poche parole: il gioco era sì una valvola di sfogo, utile a sfogare stress e tensioni, ma non sufficiente. tant'è che poi ha sentito il bisogno di fare quello che ha fatto realmente. ma NON perchè istigato o ipnotizzato dal gioco (mica ci stanno messaggi subliminali nei giochi), MA perchè era deviato mentalmente di suo. punto e basta.senno allora ogni volta che io mangio una bistecca mi dovrebbe venire l'istinto di andare ad ammazzare bovini a tutto spiano.ma non mi pare sia così.e se, per disgrazia, per qualcuno è così, quella persona è malata e va' curata. stop.ma non per questo ci devono rimettere tutti a causa della censura o limitazioni varie.
    • Daniele scrive:
      Re: Ma quale manhunt...
      Curare una mente malata con Manhunt è come dare un eccitante ad un iperteso.La cura giusta sarebbe stata una partita di pallone, una limonata con una coetanea se non addirittura una bella scopata e una pippa in meno.Poi ognuno è libero di frantumarsi gli attributi come meglio crede.
      • Gesù scrive:
        Re: Ma quale manhunt...
        quando uno è pazzo è pazzo, c'è poco da fare: ci vuoel solo un bel ricovero in una clinica psichiatrica. Quindi la colpa è tutta dei genitori che dormivano con la mammella in bocca.
      • ... scrive:
        Re: Ma quale manhunt...
        E secondo te mammina glie l'avrebbe permesso ?Forse, se va bene, tutte le domeniche doveva andare a messa come succede in molti posti dove "ti parlano dietro se non lo fai".Trovo difficile pensare che possa esistere qualcuno che preferisca un gioco ad una trombata ma tra i due bisogna anche vedere quale è accessibile.
    • soulista scrive:
      Re: Ma quale manhunt...
      - Scritto da: ...
      ...lì c'era ben altro che non andava.
      Caposcout, studente modello, il cocco di mamma
      che si sarebbe tagliato un braccio pur di
      compiacere tutti a cominciare da chi abitava con
      lui nelle 4 mura domestiche, probabilmente la
      trasfigurazione di Ian Nottingham (se vedete
      witchblade avete capito il personaggio) insomma
      un ragazzo stressato, la classica bomba ad
      orologeria che, prima o dopo, sarebbe
      esplosa.
      Manhunt era la cura (forse non quella migliore ma
      era qualcosa) per questo ragazzo, perchè gli
      permetteva di sfogare tutta la rabbia che
      normalmente teneva repressa altro che causa e
      fonte di
      ispirazione.
      Ma possibile che si creda veramente che una
      persona per compiere un omicidio abbia bisogno di
      ispirarsi da un monitor ? Quando certi elementi
      perdono le staffe ci arrivano tranquillamente da
      soli a certe azioni, anche se avessero visto
      durante la loro esistenza solo episodi di
      teletubbies e my little
      pony.Sacrosanto.Io ho vissuto la stessa esperienza (senza ammazzare nessuno)... con la musica, però: una volta ascoltavo musica pop, poi mi é capitata nelle orecchie una rabbiosa band metal e ho scoperto il mio lato oscuro.Ciao.
  • Zenigata scrive:
    Ma sapete che però stavolta la Cina...
    ... non l'ha pensata male?Voglio dire, magari come la applicano loro fa un pò ridere, ma non è un'idea malvagissima.Però prima dei videogiochi la applicherei alla tv... dopo due ore inizia una nebbiolina... due ore e mezza la nebbiolina aumenta... tre ore e pare di stare in val padana...C'è un mondo là fuori, andate e prendetevelo!Zenigataps. articolo veramente scadente lessicalmente e nell'ironia che sottende la chiara non approvazione del topic in oggetto... almeno si fosse presa la responsabilità di dire apertamente cosa pensa!
    • DarkDantesh scrive:
      Re: Ma sapete che però stavolta la Cina...
      - Scritto da: Zenigata
      C'è un mondo là fuori, andate e prendetevelo!ah sì, proprio un bel mondo là fuori!ogni volta che esco non vedo altro che strade sempre più sporche e immondizia ovunque, il fastidioso rumore del traffico senza sosta non mi dà tregua, e lo smog è a livelli sempre più alti, con la conseguenza che l'aria è sempre più inquinata e pesante da respirare; per non parlare poi del fatto che ci sono sempre meno alberi in giro e sempre meno verde, distrutti e annientati a favore del cemento di case o altro.eh sì, è proprio un bel mondo. non c'è niente di meglio che respirare un po' d'aria inquinata per vivere bene, eh?direi che quasi quasi si sta meglio in casa.. almeno lì c'è il condizionatore e si respira aria un po' più fresca e pulita, e si sta in pace.
      • alessio scrive:
        Re: Ma sapete che però stavolta la Cina...
        spegnilo il condizionatore, cosi vedi che fuori non lo trovi lo smog(amiga)
        • DarkDantesh scrive:
          Re: Ma sapete che però stavolta la Cina...
          come se fossero i condizionatori ad inquinare...i condizionatori moderni hanno consumi energetici bassi e tassi di inquinamento pari a zero.non è certo il mio condizionatore a produrre tutto quello smog che c'è la fuori.sono le industrie di settore (chimiche, petrolchimiche su tutte) e gli autoveicoli a fare tutto quell'inquinamento.andrebbero spente quelle....
          • Daniele scrive:
            Re: Ma sapete che però stavolta la Cina...
            Se è per quello ci sono pure le centrali elettriche a petrolio o a carbone... che poi il condizionatore abbia consumi bassi è pure da vedere.A parte quello chiudersi in casa sperando che la merda che c'è fuori non ti entri in casa è un'atteggiamento da struzzi, meglio mantenerlo un rapporto con la realtà, non trovi?
          • DarkDantesh scrive:
            Re: Ma sapete che però stavolta la Cina...
            - Scritto da: Daniele
            A parte quello chiudersi in casa sperando che la
            merda che c'è fuori non ti entri in casa è
            un'atteggiamento da struzzi, meglio mantenerlo un
            rapporto con la realtà, non
            trovi?e chi ha detto di chiudersi in casa?intanto il mio era un commento ironico non so se l'hai notato..ma a parte quello, col mio post volevo solo dire (ironicamente) che forse come clima e condizioni igieniche si sta meglio in casa. e non credo che questo si possa negare. o vuoi forse negare l'inquinamento che c'è fuori?che poi sia un atteggiamento da struzzi questo è da vedere...il fatto che uno preferisca stare in casa (perchè climaticamente ed igienicamente si sta meglio) non è da struzzi, semmai da furbi.la ragazza e le amicizie non sono certo un problema, invito tutti gli amici/e che voglio a casa mia e ci divertiamo lo stesso, magari anche con console o pc; oppure si va in qualche locale.per la mia ragazza uguale. se voglio stare con lei o ho bisogno di una scopata, ci si ritrova a casa mia o a casa sua, e il problema è risolto.non vedo perchè debba sentirmi costretto a stare nell'inquinamento che c'è fuori, quando la ragazza me la posso tranquillamente fare in casa, e con gli amici ci posso stare anche in casa o in altri locali (cinema, disco, ecc.).
      • ba1782 scrive:
        Re: Ma sapete che però stavolta la Cina...
        È lo stesso discorso di tanti cannaroli... non che ti stia dando del cannarolo eh, però non mettiamo in mezzo 'ste scuse banali... io vivo a roma e non me ne frega niente del traffico, dello smog o della criminalità... è una città che amo, e una bella passeggiata in compagnia di qualche amico/a non può essere paragonata a 1-2 ore di America's Army online :)E cacchio te lo dico io che da piccolo non sono cresciuto al parco giochi, ma davanti a un pc :P I miei primi ricordi di infanzia sono mio padre che gioca a lenny... ma questa è n'altra storia :°D
      • pippo santoanast aso scrive:
        Re: Ma sapete che però stavolta la Cina...
        - Scritto da: DarkDantesh
        - Scritto da: Zenigata


        C'è un mondo là fuori, andate e prendetevelo!

        ah sì, proprio un bel mondo là fuori!

        ..........Mmmm... direi che hai qualche problema. Prova ad uscire dalla tua piccola sporca città e spostarti dove si vive meglio...E magari provaci anche con qualcuno... il sesso è meglio reale che virtuale. E anche chiaccherare dal vico è meglio di chattare.
      • Zenigata scrive:
        Re: Ma sapete che però stavolta la Cina...
        - Scritto da: DarkDantesh
        - Scritto da: Zenigata


        C'è un mondo là fuori, andate e prendetevelo!

        ah sì, proprio un bel mondo là fuori!Sentire gente che ragiona così nel 2007 fa venire i brividi. Lo scontento per ciò che accade attorno a noi è più che lecito, la rassegnazione in un giovane è solo triste.
        ogni volta che esco non vedo altro che strade
        sempre più sporche e immondizia ovunque, il
        fastidioso rumore del traffico senza sosta non mi
        dà tregua, e lo smog è a livelli sempre più alti,
        con la conseguenza che l'aria è sempre più
        inquinata e pesante da respirare; per non parlare
        poi del fatto che ci sono sempre meno alberi in
        giro e sempre meno verde, distrutti e annientati
        a favore del cemento di case o
        altro.Guarda, un discorso così qualunquista che non saprei da dove iniziare a smontartelo. Nel suo aggregare luoghi comuni, quel "non c'è più la mezza stagione", quel "signora mia alla posta c'è sempre fila", è così perfetto.
        eh sì, è proprio un bel mondo. non c'è niente di
        meglio che respirare un po' d'aria inquinata per
        vivere bene,
        eh?E' un bellissimo mondo invece -oltre che l'unico che abbiamo per il momento-, e dovremmo imparare a preservarlo anzichè buttarci con la testa sotto la sabbia.
        direi che quasi quasi si sta meglio in casa..
        almeno lì c'è il condizionatore e si respira aria
        un po' più fresca e pulita, e si sta in
        pace.Non credo.Cosa fai per le ferie? Vai anche tu a Riccione? Perchè invece non vieni nel Mato Grosso? Metà biglietto te lo paga l'organizzazione http://www.savetherainforest.org/index.htm.Andiamo a dare una mano a quella gente a non tagliare gli alberi. Non serve essere medici, o botanici. Ognuno può mettere a disposizione la propria professionalità e dare una mano.Poi magari una mattina alle 6 ti svegli (eh si, ci si sveglia presto...) e guardando l'altipiano di fronte a te, pensi che questo è proprio un bel mondo.CiaoZenigata
    • Non authenticat scrive:
      Re: Ma sapete che però stavolta la Cina...
      - Scritto da: Zenigata
      C'è un mondo là fuori, andate e prendetevelo!
      Forse una parte SOSTANZIALE del problema è proprio il mondo che c'è "LA FUORI"...Mi spiego meglio... dubito che un aborigeno tribale australiano e il suo modo di "vedere il mondo" o il suo "sistema di valori sociali e umani" (quale che sia) possano essere influenzati da un videogioco (anche se lo avesse disponibile)....Perchè?Ma è semplice! perchè quel gioco non "somiglierebbe" affatto al suo modo di vivere e ai suoi valori e non risulterebbe "credibile" o "emulabile"!In parole povere che rapporto c'è tra "il mondo la fuori" e la realtà virtuale rappresentata nel gioco?E perchè eventualmente le due cose possono essere "sovrapponibili"?Il problema mi pare che sia spesso ribaltato come in uno specchio!Ovvero se giochi come questo (che non conosco nello specifico) sono così "simili alla realtà" o comunque "credibili" il tanto che basta a farne un possibile modello tale da risultare (sia pure per una mente "debole") "compatibile" con la vita reale e da indurre qualcuno a confondere le due cose (realtà e realtà "virtuale") forse significa che il problema non è il gioco in se!Forse il problema è la realtà QUELLA vera non quella virtuale!La "confusione" nasce evidentemente dalla "similitudine"....Ovvero La realtà (vera) e quella "violenta e virtuale" possono essere ritenute da una "mente debole" modelli di comportamento sociale "compatibili" tanto da sovrapporsi....Questa non è UNA BUONA NOTIZIA e non per colpa del gioco o della "realtà virtuale"!Questo significa che il nostro "mondo reale" i relativi modelli sociali sono una REALTA (vera) molto poco "edificante".... tanto è che possono apparire addirittura "compatibili".... con quelli "virtuali"!Insomma è il gioco che simula "una certa realtà" non il viceversa!Come nello specchio!Nello specchio c'è il riflesso!Se ciò che lo specchio riflette "non è piacevole" rompere lo specchio non risolve il problema!In un quadro del genere le censure sono un pò come mettere la polvere sotto il tappeto e sperare che nessuno se ne accorga!-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 19 luglio 2007 15.13-----------------------------------------------------------
Chiudi i commenti