Gli insegnanti: giù le mani dal non profit

Attiva da qualche giorno raccoglie unanimi consensi in rete: è la Petizione con cui si chiede l'esenzione dal pagamento dei diritti d'autore per le opere utilizzate nel non profit educativo e formativo. SIAE al centro

Roma – Ha già superato le mille sottoscrizioni mentre scriviamo una nuova iniziativa che chiede di rivedere le attuali normative sul diritto d’autore e il modo in cui sono interpretate dalla SIAE , una petizione che sta raccogliendo numerosi consensi anche nella blogosfera italiana.

La petizione, avviata tre giorni fa subito dopo la pubblicazione su Punto Informatico dell’approfondimento Siae: paghi chi pubblica online foto di opere ripreso poi da l’Espresso , chiede che siano esentate formalmente dal versamento dei diritti d’autore le attività non profit condotte a scopo educativo, formativo e didattico.

Promossa da ANITEL (Associazione Nazionale Insegnanti Tutor e-Learning), la Petizione spiega: “Alla luce delle recenti denunce dalla Siae a siti didattici e culturali non profit per l’utilizzo di immagini digitali di pittori protette dai diritti d’autore, con richiesta di ingenti somme pecuniarie, esprimiamo all’opinione pubblica le nostre preoccupazioni di educatori e formatori. La Siae infatti, applicando “alla lettera” una legge le cui origini risalgono all’anteguerra (legge del 22/4/1941, n. 633 e successivamente adeguata con la legge 22 maggio 2004, n. 128) e non individuando alcuna differenza tra uso didattico-formativo-istituzionale e uso commerciale, pretende il pagamento di diritti d’autore su opere protette. In particolare essa sostiene che l’utilizzazione, anche parziale, di un’opera costituisce lesione del diritto morale dell’autore e che la riproduzione non autorizzata delle opere in questione lede gli esclusivi diritti patrimoniali che la legge riconosce agli stessi”.

Tra le molte conseguenze di questa situazione la Petizione ne elenca quattro:
“1- qualsiasi sito scolastico o blog didattico che utilizza per puro scopo didattico file sonori, immagini protette, citazioni d’autore, rischia ingenti sanzioni e quindi la chiusura immediata
2- le rappresentazioni teatrali, i saggi di fine anno caratterizzati da sottofondi musicali alla presenza di pubblico o dei genitori sono insostenibili dal punto di vista economico
3- la realizzazione di cd rom didattici e la creazione di ipertesti sono estremamente costose
4- la libertà didattica e le specifiche competenze professionali degli insegnanti ne risultano condizionate”.

Rivolgendosi al Governo, dunque, la Petizione chiede anche che gli insegnanti vengano equiparati alle categorie che possono beneficiare gratuitamente di opere artistiche nel contesto professionale, senza fini di lucro. “Chiediamo inoltre – conclude la Petizione – che le richieste vengano estese a produttori di cultura off /on line a livello gratuito e che operano nello spirito del Cooperative Learning, quali associazioni e community non profit”.

Un particolare del più celebre quadro di Leonardo da Vinci Alessandro Ronchi, capogruppo verde a Forlì, sul proprio blog sostiene la petizione spiegando come le attuali normative sul diritto d’autore non solo risalgano al 1941 ma anche che i successivi aggiornamenti, compresi quelli più recenti, sono stati fatti da chi “non aveva la minima idea di cosa stava facendo, o se ce l’aveva era troppo soffocato sulle posizioni di una industria, quella della vendita di beni di consumo culturali, che probabilmente oggi dovrebbe essere più matura, alla luce dei cambiamenti di questo ultimo triennio. Altrimenti merita un inevitabile declino che faccia spazio ai soggetti, anche economici, più lungimiranti”.

Ma sono molti i blogger italiani che riprendono e supportano in modo pressoché unanime gli scopi e i contenuti della Petizione. “Non è possibile – si legge su Succede@catepol – che il mondo degli insegnanti, delle scuole e della cultura in generale non possa utilizzare liberamente materiali/immagini ecc. per realizzazioni del tutto gratuite nel campo della formazione, dell’informazione, della didattica e dell’elaborazione ipertestuale e multimediale”. “Come formatore – scrive Semioblog – non posso mettere delle fotografie di opere d’arte recenti sul mio blog scolastico oppure in una presentazione, perché infrango la legge”, dunque si invita a “firmare fiduciosi la proposta dell’ANITEL”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Il Google-monopolio
    L'acquisizione a suo di miliardi di YouTube dimostra come il pesce grosso abbia sempre più fame.Google è IL motore di ricerca. E finché svolge al meglio il proprio compito si merita il primato.Ma stiamo parlando di un'azienda che controlla di fatto la nostra visione di internet, che gestisce la posta di centinaia di migliaia di utenti, che diventa sempre più influente.Quello che spaventa è l'assenza di spirito critico. Gmail è un ottimo servizio ma usa le nostre mail a scopi pubblicitari (analizzandone le parole chiave e fornendo poi pubblicità mirata). Una roba del genere, fatta da altri avrebbe suscitato indignazione.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il Google-monopolio
      andatevi a leggerehttp://mail.google.com/mail/help/more.htmlassociano le parole chiave individuate nelle nostre email al nostro IP, per fornire pubblicità.Certo che AdSense è potente e draga soldi. Certo che ci daranno anche 100Gb di spazio. Nel mondo della pubblicità il bene più prezioso è la nostra privacy. Google lo vende worldwide.
      • Anonimo scrive:
        Re: Il Google-monopolio
        - Scritto da:
        andatevi a leggere

        http://mail.google.com/mail/help/more.html

        associano le parole chiave individuate nelle
        nostre email al nostro IP, per fornire
        pubblicità.
        Certo che AdSense è potente e draga soldi. Certo
        che ci daranno anche 100Gb di spazio. Nel mondo
        della pubblicità il bene più prezioso è la nostra
        privacy. Google lo vende
        worldwide.E non l'hai capito dal 1' giorno di Gmail ???
  • seranto scrive:
    Crawler e metamotori e vostra esperienza
    Agli albori, prima di G usavo i metamotori, che como approcio concettuale sono molto interessanti. Io inserisco una domanda e loro la inviano a tot motori di ricerca, comparano i vari risultati e mi mostrano il risultato finale eliminando i doppioni. Qualcuno li conosce od usa?I crawler sono i bot su cui si basano i motori, mi sono sempre chiesto, xkè non sia possibile crearne uno personalizzato. Mi spiego meglio: quando inserisco una ricerca in G lui mi risponde con quello che i suoi bot hanno trovato nel suo database. Vorrei invece creare una ricerca e lanciarla sul web, poi che so dopo 3/4 gg o magari settimane il mio presonale bot dopo aver scandagliato la rete mi da un risultato. Conoscete qualcosa di simile (se fattibile tecnicamente)?saluti
  • Anonimo scrive:
    Ora non dite che sono complottista, ma..
    Secondo me l'articolo e' dovuto a uno o piu' dei seguenti motivi :-Schiavoni e' una schiappa ad indicizzare il suo sito su google, e quindi ne dice peste e corna :D-P.I. ha perso rank su google, e ora si vendica :P-Qualcuno amico di qualcuno ha aperto un motore di ricerca altenativo a google, e ora lo si vuol mettere in luce, magari proponendolo in modo spammone tra i commenti 8)-Le major hanno capito che google indicizza contenuti a loro sgraditi, e quindi stanno facendo pressione per mettere in riga i siti d'informazione :o(troll1)Sor' Schiavoni scherzo eh ! ;) l'articolo e' interessante :) , anch'io spesso uso altri motori fuori dal buon google, specie quando i contenuti che cerco software libero o opinioni su questioni molto trattate dai media (che affollano SEMPRE le prime pagine di google, tarpando gli altri risultati).
  • Anonimo scrive:
    Ma che sciocchezza
    Certo che google non è tutto internet. Ma andare a fare una passeggiata su internet non ci porta lontano! Google invece è come un aereo, ci permette di fare il giro del mondo in tempi così rapidi che, a piedi, non sarebbe neanche umanamente possibile.E' bella tutta la poesia sulla mente umana superiore alla ricerca automatica. Ma è una balla. Nessuno potrebbe mai scandagliare internet "a mano". Con google si. E se la mente umana è superiore, lo è proprio perché inventa gli strumenti tecnici (leggi google) per sopperire ai suoi limiti
    • Luca Schiavoni scrive:
      Re: Ma che sciocchezza
      - Scritto da:
      Certo che google non è tutto internet. Ma andare
      a fare una passeggiata su internet non ci porta
      lontano! Google invece è come un aereo, ci
      permette di fare il giro del mondo in tempi così
      rapidi che, a piedi, non sarebbe neanche
      umanamente
      possibile.Ciao Ezechiele, hai fatto un esempio perfetto.Il mondo dall'aereo non lo vedi. Arrivi da una parte all'altra. A piedi lo vedi, conosci la gente, i posti, il cibo, etc. Non solo. Dall'aereo non vedi nulla, se non quel piccolo rettangolo di cielo. Gia' dal treno vedi di piu, dall auto di piu, in moto te lo godi quasi tutto.
      E' bella tutta la poesia sulla mente umana
      superiore alla ricerca automatica. Ma è una
      balla. Nessuno potrebbe mai scandagliare internet
      "a mano". Con google si.Ma e' come se io ti porto a visitare Roma. Posso conoscerla bene, evitarti perdite di tempo. Ma come disse un mio amico che va spesso in India... li' ognuno vede e trova "la propria India". Non c'e' guida che tenga. Google non e' l unico motore che scandaglia la rete, esistevano ed esistono altri mezzi e motori. La quantita' di materiale invisibile a Google e' superiore a quella indicizzata da Google.Quindi e' una guida si, ma una guida Michelin. La trattoria buona, che non si pubblicizza (ad esempio) non la trovila troverai solo col passaparola, o camminando a piedi nella rete. o nei vicoletti ;) E se la mente umana è
      superiore, lo è proprio perché inventa gli
      strumenti tecnici (leggi google) per sopperire ai
      suoi
      limitima la mente umana non crea strumenti perfetti, e temo chi pensa e crede veramente che quello sia un motore perfetto, una guida completa, un sistema indispensabile. argh ;)LucaSps - prima di google molto spesso si usava navigare perdendo tempo a rovistare nei link proposti dai vari siti, partendo magari da un sito o due trovati in una directory. Cercavi notizie su San Gimignano ? Dal sito di San Gimignano arrivavi a scoprire un apicultore, e da li la storia del miele, e dal sito del miele ad altri siti relativi. In questo modo sicuramente non trovi SUBITO quel che credi che stai cercando, ma scopri la rete per quel che e', ovvero un insieme enorme e in-indicizzabile di contenuti e persone.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 febbraio 2007 17.51-----------------------------------------------------------
      • mr_setter scrive:
        Re: Ma che sciocchezza
        Modificato dall' autore il 01 febbraio 2007 17.51
        --------------------------------------------------Mai pensato di proporti come net-divulgatore magari in un programma serale-notturno che ne so' a LA7 o su RAI3? Scrivi e pensi in maniera lucida e coincisa su argomenti decisamente stimolanti. Possibile che nessuno te l'abbia mai proposto? :$Ciao, mr_setter LV&P O)
  • Anonimo scrive:
    Maledetta nostalgia.....
    ...che ti pervade l'animo in certi momenti........si,sono tornato indietro di dodici anni quando la Digital,quella dei potentissimi Alpha,creo' lo straordinario Altavista il primo grande motore di ricerca che ci fece assaggiare insieme al compagno Netscape il primo web nel vero senso della parola.Gia' tutto questo e' oramai storia ma chissene,la pagina di default di FF l'ho appena riassegnata ad una nuova vecchia gloria.....
  • Anonimo scrive:
    Il successo di Google è strameritato.
    L'editorialista ha ragione a dire che Google != Internet, ma se questo si è affermato come miglior motore di ricerca c'è un motivo ben valido.Il motivo è che mentre gli altri (vedi Yahoo) s'infarcivano la home page con pubblicità, notizie di gossip, ultimo minuto, meteo e porcherie varie, Google ha mantenuto nel tempo la sua paginetta semplice, efficiente, PULITA! Le altre (ed era al tempo dei 56Kb) ci mettevano una vita a caricarsi, Google la aprivi subito.E anche adesso, con l'ADSL, chi ha voglia di riempirsi lo schermo con paccottiglia varia, quando tutto quello che si vuole è fare una semplice ricerca?Poi, alcune delle alternative nel sito dei top 100 sono semplicemente ridicole. In una pagina propone l'elenco dei motori di ricerca in formato Excel !?!!! Ma dico, scherziamo?Un'altra pagina linkata, msdewey.com, mi dice che per accedere devo installare il plug-in per il Flash! Ma sono scemi?Non ci siamo proprio! Se le alternative rimangono quelle, Google continuerà a guadagnare utenti.Anch'io, ovviamente, se devo cercare qualche cosa per lavoro, non mi affido SOLO a Google; ma se devo fare una ricerca solo per soddisfare una mia curiosità personale, Google tutta la vita e a tutti gli altri motori di ricerca, con le loro pagine pacchiane, tanti auguri di miglior fortuna!
    • Anonimo scrive:
      Re: Il successo di Google è strameritato
      Scorrendo meglio la lista, devo ammettere che alcune delle alternative mantengono la semplicità tipica di Google. Credo che comincerò ad usare anche quelle.
  • Anonimo scrive:
    Opinioni personali
    ok, anche google sta diventando "odiato" come tutti i potenti...ma le alternative? Sinceramente non ne vedo. Ci sono tanti altri "colossi" che comunque non godono di simpatia. Se dovessi spegnere la grande "G" per un mese, non mi affiderò certo a Windows Live... che ne è la copia sputata, come solo mamma microsoft sa fare!Yahoo, altavista, lycos, beh si magari funzionano.. ma quanta pubblicità ogni volta?Parliamoci chiaro, preferisco Google!
  • Anonimo scrive:
    "La mappa non e' il territorio"
    "La mappa non e' il territorio", come recita la logica non Aristelica (http://it.wikipedia.org/wiki/Identit%C3%A0_%28scienze_sociali%29).Il resto e' lasciato come facile esercizio ai lettori :D k1
  • reXistenZ scrive:
    alternative ridicole e poco credibili
    Anche a me piacerebbe avere una valida alternativa a Google. Ma oggi non esiste.Ho "provato" alcune delle alternative segnalate nell'articolo citato da Luca.A dir poco ridicole. Vanno bene da provare una volta, per curiosità, e poi da far cadere nel dimenticatorio. Per la maggior aparte inutili, semplicemente inutili.E poi... la lista delle 100 alternative a google... comica se non fosse pietosa. QUanto ci voleva a fare una pagina web? No, il tizio ha compilato un elenco in Excel (eh sì, l'alternativa a Google va cercata nel formato M$!), come neanche un bambino di 5 anni l'avrebbe saputa preparare. Ho cercato una voce che conoscevo già da tempo e mi aveva bene impressionato per l'originalità dell'idea: vivisimo. Neanche uno straccio di url.Insomma, se proprio occorre un'alternativa a google, anzi, proprio perché occorre un'alternativa a google, sarebbe bene fare le cose meglio. E più seriamente. Altrimenti, si rischia di non essere credibili. Di articoli di blog, di quelli che piacciono tanto a Massimo Mantellini ma non hanno nessuna utilità pratica ne faccio del tutto a meno.
    • hulio scrive:
      Re: alternative ridicole e poco credibil
      - Scritto da: reXistenZ
      Anche a me piacerebbe avere una valida
      alternativa a GoogleNo, il concetto fico non è cercare alternative ma ricordarsi che non bastano gli indici a capire cosa è on-line. Imho eh.
    • HotEngine scrive:
      Re: alternative ridicole e poco credibil
      L'articolo non vuole essere un incitamento *all'alternativo* a tutti i costi. Semplicemente vuol ricordare che google non è *tutto internet* così come leggere un'enciclopedia non significa *sapere tutto*.
    • Luca Schiavoni scrive:
      Re: alternative ridicole e poco credibil
      - Scritto da: reXistenZ
      Anche a me piacerebbe avere una valida
      alternativa a Google. Ma oggi non
      esiste.aiocosi' pessimista.L' alternativa c'e', e' Internet.Cosi' come non serve una guida per conoscere un paese, e non serve una enciclopedia degli animali per conoscere il tuo cane, Internet esiste e puoi conoscerla anche senza Google.ottimismo! ;)LucaSps - Ao ma qui sembra che prima del 2000 c'erano 300 milioni di navigatori sparsi per la rete girando a vuoto.. poi e' arrivato IL FARO e finalmente abbiamo tutti scoperto internet ? ao.
      • reXistenZ scrive:
        Re: alternative ridicole e poco credibil

        aio
        cosi' pessimista.
        L' alternativa c'e', e' Internet.

        Cosi' come non serve una guida per conoscere un
        paese, e non serve una enciclopedia degli animali
        per conoscere il tuo cane, Internet esiste e puoi
        conoscerla anche senza
        Google.

        ottimismo! ;)
        LucaS


        ps - Ao ma qui sembra che prima del 2000 c'erano
        300 milioni di navigatori sparsi per la rete
        girando a vuoto.. poi e' arrivato IL FARO e
        finalmente abbiamo tutti scoperto internet ?
        ao.Ao. La critica era rivolta soprattutto all'articolo del link. Penso che anche a Tonino Guerra sarebbero cascate le palle leggendo quell'insulso elenco di motori di ricerca in formato Excel. Proprio perché voglio essere ottimista, dico che si può fare di meglio. Molto meglio. Ao.
        • Anonimo scrive:
          Re: alternative ridicole e poco credibil
          - Scritto da: reXistenZ

          aio

          cosi' pessimista.

          L' alternativa c'e', e' Internet.



          Cosi' come non serve una guida per conoscere un

          paese, e non serve una enciclopedia degli
          animali

          per conoscere il tuo cane, Internet esiste e
          puoi

          conoscerla anche senza

          Google.



          ottimismo! ;)

          LucaS





          ps - Ao ma qui sembra che prima del 2000 c'erano

          300 milioni di navigatori sparsi per la rete

          girando a vuoto.. poi e' arrivato IL FARO e

          finalmente abbiamo tutti scoperto internet ?

          ao.

          Ao. La critica era rivolta soprattutto
          all'articolo del link. Penso che anche a Tonino
          Guerra sarebbero cascate le palle leggendo
          quell'insulso elenco di motori di ricerca in
          formato Excel.

          Proprio perché voglio essere ottimista, dico che
          si può fare di meglio. Molto meglio.
          Ao.Aò... Ixquick no, eh?... ao.(anonimo)
        • Luca Schiavoni scrive:
          Re: alternative ridicole e poco credibil
          - Scritto da: reXistenZ

          aio

          cosi' pessimista.

          L' alternativa c'e', e' Internet.



          Cosi' come non serve una guida per conoscere un

          paese, e non serve una enciclopedia degli
          animali

          per conoscere il tuo cane, Internet esiste e
          puoi

          conoscerla anche senza

          Google.



          ottimismo! ;)

          LucaS





          ps - Ao ma qui sembra che prima del 2000 c'erano

          300 milioni di navigatori sparsi per la rete

          girando a vuoto.. poi e' arrivato IL FARO e

          finalmente abbiamo tutti scoperto internet ?

          ao.

          Ao. La critica era rivolta soprattutto
          all'articolo del link. Penso che anche a Tonino
          Guerra sarebbero cascate le palle leggendo
          quell'insulso elenco di motori di ricerca in
          formato Excel.

          Proprio perché voglio essere ottimista, dico che
          si può fare di meglio. Molto meglio.
          Ao.;)beh l articolo di ReadwriteWeb mi sembra ottimo invece, spiega anche i metodi alternativi di ricerca. ovvero Google ha il suo algoritmo, ottimo, ma non e' l unico modo per catalogare e indicizzare il web.http://www.readwriteweb.com/archives/top_100_alternative_search_engines.phpRiguardo all elenco excel beh.. sara' che (come google) preferisco la sostanza, all apparenza ;)non ci trovo nulla di scandaloso, anzi... anche PI nel 1996 sembrava un foglio di Excel, e i contenuti erano gli stessi di oggi (piu o meno!)!! ahem!LucaS
    • mr_setter scrive:
      Re: alternative ridicole e poco credibil
      - Scritto da: reXistenZ
      Anche a me piacerebbe avere una valida
      alternativa a Google. Ma oggi non
      esiste.
      Ho "provato" alcune delle alternative segnalate
      nell'articolo citato da
      Luca.
      A dir poco ridicole. Ma almeno hai provato Dogpile o Thefind? Io ne dubito perche' almeno nel caso di TheFind sono riuscito a trovare un paio di prodotti che ne' Froogle ne' Google stesso indicizzava...LV&P O)
  • SardinianBoy scrive:
    Non solo Google
    Provate per esempio ad utilizzare www.ask.com , oppure www.hotbot.lycos.it i quali non hanno nulla da invidiare a google.Provare per credere.www.bloggers.it/thepoweroflinux-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 febbraio 2007 08.14-----------------------------------------------------------
    • Anonimo scrive:
      Re: Non solo Google
      - Scritto da: SardinianBoy
      Provate per esempio ad utilizzare
      www.ask.com , oppure www.hotbot.lycos.it i quali
      non hanno nulla da invidiare a google.Provare per
      credere.
      Grazie, li proverò.Io invece segnalo dei motori di ricerca che capiscono il contesto, cioè a sinistra dividono la ricera per categorie, in modo da raffinare la ricerca senza mettere ulteriori termini nella ricerca (es: corsa, può essere la opel corsa, la f1 ecc. è il primo esempio che mi è venuto in mente)http://search.vivisimo.comhttp://www.clusty.compieggi
  • Anonimo scrive:
    Concordo
    Ne parlavamo giusto qualche giorno fa qui: http://www.dreamsworld.it/emanuele/2007-01-31/centralita-dei-motori-di-ricerca/ Google sta cambiando e ...dobbiamo stare attenti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Concordo
      OMG! Google is stealing all my internets! ...Abbiamo due esempi di italianità:a) L'autore dell'articolo rappresenta il classico ricercatore italiano che ormai non ha più niente di nuovo da dire, e che pensa di dover stupire andando a cercare il dettaglio che nessuno ha visto (perchè inessenziale) e presentarlo come grande scoperta. "Google non trova tutto, vuoi perderti quei bei sitoni nascosti? eh? eh?..."b) L'autore di sto post, che introduce il suo blog per aumentarsi il contavisite. Non troppo da biasimare in realtà, visto che rientra tutto nella ragione stessa di esistenza dei blog. Aggiunge quel pizzico di valore aggiunto presentando una nuova cospirazione fresca fresca per tutti i depressi paranoici che su internet costituiscono una buona metà dei navigatori...
      • Anonimo scrive:
        Re: Concordo
        Considerato l'influenza che ha Google sulla gente non credo che dubitare della sua imparzialità sia qualcosa di irrilevante al giorno d'oggi.
  • mr_setter scrive:
    il miglior articolo di oggi!!!
    "Come da una finestra, per quanto grande sia, non si può ammirare tutto il paesaggio, allo stesso modo Google mostra solo quel che vede. Che troppo spesso diventa tutto ciò che vediamo noi tutti."....e miglior metafora di Google non potevi fare... Ti si legge davvero in forma dott. Schiavoni: risulta d'obbligo mantenere questo standard cosi' elevato anche nei prossimi articoli mi raccomando! :) :)LV&P O)
  • Anonimo scrive:
    Siete patologici
    Non scherzo.Voi linuxisti avete la mania di andare "contro", di cercare e utilizzare programmi e siti particolari.. a prescindere andate contro il mainstream.. secondo me nel vostro cervello c'è qualcosa che non va.Ripigliatevi.Il resto del mondo vuole il monopolio, per il semplice fatto che a differenza vostra non ci sta cinque ore al giorno (o più) davanti al computer.
    • Anonimo scrive:
      Re: Siete patologici
      da uno che risponde alle 2 di notte è tutto dire..io rispondo alle 4 ma mi sveglio ora per lavoro ;)comunque non c'è niente di male a andare contro, anzi se non ci fosse qualcuno che va contro la società non andrebbe mai avanti, riflettici.e poi qui linux non c'entra per nulla,tra l'altro.ah comunque le persone che vogliono il monopolio,in qualsiasi settore sia, poi un giorno si svegliano e vogliono il posto di lavoro, ma succede che non lo trovano perchè l'azienda col monopolio è già al completo. va bè però il monopolio è comodo,no?
    • Luca Schiavoni scrive:
      Re: Siete patologici
      - Scritto da:
      Non scherzo.
      Voi linuxisti avete la mania di andare "contro",
      di cercare e utilizzare programmi e siti
      particolari.. a prescindere andate contro il
      mainstream.. secondo me nel vostro cervello c'è
      qualcosa che non
      va.

      Ripigliatevi.

      Il resto del mondo vuole il monopolio, per il
      semplice fatto che a differenza vostra non ci sta
      cinque ore al giorno (o più) davanti al
      computer.Non sono un linuxista.Uso Windows, con soddisfazione.Lo usavo anche prima, quando Google non c'era. Ma che c'entra poi ? :DLucaSps - sul perche' non uso Linux per lavoro e per svago potrei scrivere un'altro commento, in effetti :D perche' la voglia cell avrei pure, ma e' LINUX che non vuol farsi usare da me. Io gli voglio bene, ce provo, ma e' lui che se la tira. ps2 - e poi mi prendono per i fondelli quando parlo di pregiudizi e cose che esistono solo nella mente di certi lettori :Dps3 - e la prossima volta che qualcuno dice che Vista e' uscito in troppe versioni gli elenco le distro esistenti! :D -----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 febbraio 2007 10.54-----------------------------------------------------------
  • Anonimo scrive:
    BRAVISSIMO LUCA!
    Uno dei migliori articoli che leggo su PI da svariatissimi mesi a questa parte.Lucido, chiaro e soprattutto super partes.Davvero interessante, bravo Luca. E scrivi piu' spesso che secondo me vali molto ma molto ma molto di piu' dei tanti sedicenti "opinionisti" blogger che scrivono sempre qui su PI.
  • Anonimo scrive:
    The Invisible Web
    http://en.wikipedia.org/wiki/Deep_web
    • Anonimo scrive:
      Re: The Invisible Web
      - Scritto da:
      http://en.wikipedia.org/wiki/Deep_webil che si riassume a : * Limited access content - sites that require registration or otherwise limit access to their pages (e.g., using the Robots Exclusion Standard), prohibiting search engines from browsing them and creating cached copies. * Scripted content - pages that are only accessible through links produced by JavaScript and Flash which require special handlinge aggiungo: *siti personali su grandi hosting gratuiti,non segnalati ai motori di ricerca*un mondo di siti in charset particolaridynamic pages sono spesso risultati di ricerche,le unlinked sono spesso in costruzione o comunque inutili altrimenti sarebbero linked dal sito di appartenenzanon dico che sia poco ma per il resto non c'è niente di tanto invisible..anche proprio perchè di solito non si mette un sito online per avere invisibilità, potenza del motore di ricerca a parte.Michele I.
      • Anonimo scrive:
        Re: The Invisible Web
        ps: il * Limited access content è quello a cui mi riferivo quando parlavo di civiltà di altri pianeti appuntoMichele I.
  • infernet scrive:
    Ci voleva ...
    Questo intervento ha poco del giornalista e molto dell'appassionato, quello che quasi tutti noi siamo. Per una volta si esce dagli schemi paludati delle cifre, del business, della tecnologia, per tornare a parlare della rete come evento umano, di cultura, di scambio di esperienza, di curiosita', di liberta' creativa.E' un bell'intervento, caro Luca. Ed e' anche autorevole, perche' non viene dall'ultimo arrivato in fatto di cose della rete.E' l'appassionata proclamazione di una visione "laica" di internet, che si contrappone alla santificazione, all'abbraccio soffocante di nuove religioni, ed e' un ritornare con i piedi per terra e le dita sulla tastiera.Un monito a tutti quelli che, come polli in batteria, demandano a una superiore entita' la gestione delle informazioni, rinunciando a coscienza critica, liberta' di scelta, istinto e curiosita' personali.Google era e rimane un progetto accattivante, un po' meno da quando nelle mani di una oligarchia si e' raccolto un potere smisurato, con embrioni di una capacita di controllo sulla rete davvero devastanti, se dovessero realizzarsi.E' un gran bene che sempre piu' persone comincino a porsi degli interrogativi, se non proprio dei dubbi, a cercare alternative, perche' dalla pluralita' delle fonti viene la crescita individuale e di tutto il sistema.
    • mr_setter scrive:
      Re: Ci voleva ...
      - Scritto da: infernet
      Questo intervento ha poco del giornalista e molto
      dell'appassionato, quello che quasi tutti noi
      siamo. Per una volta si esce dagli schemi
      paludati delle cifre, del business, della
      tecnologia, per tornare a parlare della rete come
      evento umano, di cultura, di scambio di
      esperienza, di curiosita', di liberta'
      creativa.
      E' un bell'intervento, caro Luca. Ed e' anche
      autorevole, perche' non viene dall'ultimo
      arrivato in fatto di cose della
      rete.
      E' l'appassionata proclamazione di una visione
      "laica" di internet, che si contrappone alla
      santificazione, all'abbraccio soffocante di nuove
      religioni, ed e' un ritornare con i piedi per
      terra e le dita sulla
      tastiera.
      Un monito a tutti quelli che, come polli in
      batteria, demandano a una superiore entita' la
      gestione delle informazioni, rinunciando a
      coscienza critica, liberta' di scelta, istinto e
      curiosita'
      personali.
      Google era e rimane un progetto accattivante, un
      po' meno da quando nelle mani di una oligarchia
      si e' raccolto un potere smisurato, con embrioni
      di una capacita di controllo sulla rete davvero
      devastanti, se dovessero
      realizzarsi.
      E' un gran bene che sempre piu' persone comincino
      a porsi degli interrogativi, se non proprio dei
      dubbi, a cercare alternative, perche' dalla
      pluralita' delle fonti viene la crescita
      individuale e di tutto il
      sistema.Che dire...QUOTO e basta!Complimenti al post e..ovviamente all'articolo di Luca Schiavoni... (geek)LV&P O)P.S. ma quanti saranno quelli che usano alternative di ricerca quotidiane alla Grande G?
    • Luca Schiavoni scrive:
      Re: Ci voleva ...
      - Scritto da: infernet
      Questo intervento ha poco del giornalista e molto
      dell'appassionato, quello che quasi tutti noi
      siamo. ..;)ciao, grazie per il tuo intervento. Ehi non sono un giornalista ne posso dire di esserlo (sarebbe un reato, in Italia).Google era un alternativa, ed e' diventato un dogma. E come tale va preso con le pinze. Forse il nocciolo e' tutto qui. Anche io non ne posso fare a meno, ma l'importante e' comunque rendersi conto che mi fa vedere solo quel che vede, e non il tutto. Chi "usa" internet da pochi anni (l'internet di Google) e' come chi oggi ha 12 anni ed e' cresciuto col telefonino e la televisione a colori. Non immaginano un mondo possibile senza queste cose, che invece c'era anche prima e c'e' ancora, al di fuori di esse ;)Quasi nessuno tiene più grandi liste di bookmark, ad esempio, come si è sempre fatto e come è utile fare. "tanto poi lo ritrovo con Google". Io trovo i "miei" bookmark, che hanno un senso ed un valore per me, sono io l'algoritmo delle mie navigazioni ;)e benvengano le alternative, all'alternativa. Il bello di Internet è che non ha una forma, tantomento quella li'! un salutos!LucaS
      • Anonimo scrive:
        Re: Ci voleva ...
        - Scritto da: lucaschiavoni
        Quasi nessuno tiene più grandi liste di bookmark,
        ad esempio, come si è sempre fatto e come è utile
        fare. "tanto poi lo ritrovo con Google". Io trovo
        i "miei" bookmark, che hanno un senso ed un
        valore per me, sono io l'algoritmo delle mie
        navigazioni
        ;)

        e benvengano le alternative, all'alternativa. Il
        bello di Internet è che non ha una forma,
        tantomento quella li'!Sottoscrivo anche questo!Bravo Luca! :-DE scrivi di piu' su PI, sei ben meglio di tanti altri vostri collaboratori, fidati.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ci voleva ...
        - Scritto da: lucaschiavoni

        - Scritto da: infernet

        Questo intervento ha poco del giornalista e
        molto

        dell'appassionato, quello che quasi tutti noi

        siamo. ..

        ;)

        ciao, grazie per il tuo intervento. Ehi non sono
        un giornalista ne posso dire di esserlo (sarebbe
        un reato, in
        Italia).

        Google era un alternativa, ed e' diventato un
        dogma. E come tale va preso con le pinze. Forse
        il nocciolo e' tutto qui. Anche io non ne posso
        fare a meno, ma l'importante e' comunque rendersi
        conto che mi fa vedere solo quel che vede, e non
        il tutto. Chi "usa" internet da pochi anni
        (l'internet di Google) e' come chi oggi ha 12
        anni ed e' cresciuto col telefonino e la
        televisione a colori.


        Non immaginano un mondo possibile senza queste
        cose, che invece c'era anche prima e c'e' ancora,
        al di fuori di esse
        ;)

        Quasi nessuno tiene più grandi liste di bookmark,
        ad esempio, come si è sempre fatto e come è utile
        fare. "tanto poi lo ritrovo con Google". Io trovo
        i "miei" bookmark, che hanno un senso ed un
        valore per me, sono io l'algoritmo delle mie
        navigazioni
        ;)

        e benvengano le alternative, all'alternativa. Il
        bello di Internet è che non ha una forma,
        tantomento quella li'!


        un salutos!
        LucaS

        ma su che dati si basa l'affermazione che nessuno tiene più liste di bookmark scusa? io ne ho un infinità,e non sono il solo considerando appena un attimo i trend attuali sulla rete.Detto questo ero sicuro che nemmeno tu ne avresti mai fatto a meno di Google,non perchè ti sei dichiarato fan accanito, ma semplicemente perchè è la più grande "finestra" del mondo, se vogliamo metterla così, e la manopola per aprirla è oliata benissimo rispetto a quello che si trova in circolazione,se vogliamo proseguire con le figure retoriche.A che serve dire:"hey gente non c'è solo una finestra!" se poi tanto fino adesso non ci sono finestre altrettanto grandi? A stimolare una decina di minuti di curiosità e a prendersi qualche applauso forse, infatti hai anche il mio, è giusto ricordare che c'è anche altro.Però se parliamo di internet e non di web come fai tu in questo commento, si può anche dire che è fatta anche di risorse come chat,email,messenger,ftp,p2p e molte altre.Per cui Google già oggi non basta nemmeno lontanamente.Michele I.
        • Cavallo GolOso scrive:
          Re: Ci voleva ...
          c'era scrito "QUASI", no? e "su che basi "?su basi personali.come il resto dell'articolo, si tratta di una opinione , no? ;-)del resto tutte le persone che conosco da anni la lista dei bookmarks la perdono periodicamente.i nuovi arrivati si fanno le liste di bookmark che persono anche loro periodicamente.e se la fanno solo per comodità, non con l'intento cosciente indicato da Schiavoni.non nego di aver pensato spesso che la mia lista di bookmarks, una volta persa, potrebbe essere persa per sempre , in un mondo con un google che decide che deve modificare i risultati pertinenti, per quanto con ragioni comprensibili (ma non accettabili)Un articolo interessante!-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 febbraio 2007 08.12-----------------------------------------------------------
      • Cavallo GolOso scrive:
        Re: Ci voleva ...
        - Scritto da: lucaschiavoni
        Quasi nessuno tiene più grandi liste di bookmark,
        ad esempio, come si è sempre fatto e come è utile
        fare. "tanto poi lo ritrovo con Google". Io trovo
        i "miei" bookmark, che hanno un senso ed un
        valore per me, sono io l'algoritmo delle mie
        navigazioni
        ;)

        e benvengano le alternative, all'alternativa. Il
        bello di Internet è che non ha una forma,
        tantomento quella li'!Pensa che io talvolta parto da PI per trovare dei link :) Magari google li troverebbe altrettanto bene (anzi, a volte uso Google come motore di ricerca su PI) ... però spesso faccio 3 click e so cosa trovo
  • Anonimo scrive:
    Bravo ma..
    google acquisterà il primo che diventa pericoloso.. come ha fatto con youtube non dimenticarlo.E poi tutti i competitor menzionati sono forti in un solo settore specifico, il mero information retrieval, google invece offre una molteplicità di esperienze per lo scambio della conoscenza,tutte semplici e abbastanza funzionali,(gruppi, ricerca su libri stampati,ecc..) che lo rendono la porta d'ingresso ideale per la rete.Google non pretende di essere tutta la rete, vuole solo che ci passi attraverso per entrarci, e ci riesce molto bene secondo me.saluti,Michele I.
    • Anonimo scrive:
      Re: Bravo ma..
      - Scritto da:
      Google non pretende di essere tutta la rete,
      vuole solo che ci passi attraverso per entrarci,
      e ci riesce molto bene secondo
      me.

      saluti,Sostanzialmente google è come un grosso buco di culo.
      Michele I.Ass
    • mr_setter scrive:
      Re: Bravo ma..
      - Scritto da:
      Google non pretende di essere tutta la rete,
      vuole solo che ci passi attraverso per entrarci,
      e ci riesce molto bene secondo
      me.

      saluti,

      Michele I.Si, ma la metafora proposta da Luca Schiavoni e' assolutamente illuminante:"Come da una finestra, per quanto grande sia, non si può ammirare tutto il paesaggio, allo stesso modo Google mostra solo quel che vede. Che troppo spesso diventa tutto ciò che vediamo noi tutti."Google non pretendera' di essere la rete ma se tutti guardano solo da quella finestra allora tutti vedranno SOLO quello che riesce a vedere Google che, per nostra fortuna, non e' la rete ma una parte della rete e forse neanche la piu' interessante...LV&P O)
      • Anonimo scrive:
        Re: Bravo ma..

        Si, ma la metafora proposta da Luca Schiavoni e'
        assolutamente
        illuminante:
        "Come da una finestra, per quanto grande sia, non
        si può ammirare tutto il paesaggio, allo stesso
        modo Google mostra solo quel che vede. Che troppo
        spesso diventa tutto ciò che vediamo noi
        tutti."

        Google non pretendera' di essere la rete ma se
        tutti guardano solo da quella finestra allora
        tutti vedranno SOLO quello che riesce a vedere
        Google che, per nostra fortuna, non e' la rete ma
        una parte della rete e forse neanche la piu'
        interessante...

        LV&P O)scusa ma allora una directory cos'è?una cantina?secondo me una directory/portale e più paragonabile a una finestra, google è più paragonabile a un telescopio, non è potente abbastanza da farti vedere le civiltà su altri pianeti per adesso, ma già ti mostra miliardi di pagine.poi è ovvio che conviene esplorare invece che guardare il mondo solo da un telescopio..Michele I.
        • mr_setter scrive:
          Re: Bravo ma..
          - Scritto da:
          poi è ovvio che conviene esplorare invece che
          guardare il mondo solo da un
          telescopio..

          Michele I.Esatto: provato a dare un'occhiata alla lista dei motori http://charlesknightseo.com/Documents/Top%20100%20SE%20List.xlsne sto provando alcuni davvero notevoli ad es. TheFind al posto di Froogle per prodotti sulla rete e' davvero una bella scoperta...E' questo il bello della rete: non finisci mai di scoprirla...'Notte (geek)LV&P O)
  • Anonimo scrive:
    ma come ? ....
    Okay, non uso google .... come mi muovo nella rete liberamente senza un motore di ricerca ?cioè, la proposta è di non usare Google e di provare anche con altri motori di ricerca o di fare senza proprio ad uno che ci proponga i siti in base alle nostre key-woard ?Nel secondo caso ..... non saprei da che parte muovermi a dire il vero .... :$
    • Anonimo scrive:
      Re: ma come ? ....
      - Scritto da:
      Okay, non uso google .... come mi muovo nella
      rete liberamente senza un motore di ricerca
      ?Usa Google e non dare retta a questi editorialidemodè.
      • Luca Schiavoni scrive:
        Re: ma come ? ....
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Okay, non uso google .... come mi muovo nella

        rete liberamente senza un motore di ricerca

        ?

        Usa Google e non dare retta a questi editoriali
        demodè.
        sono un fan dichiarato di Google, ma Internet c'era anche prima eh ;)segui il link dei 100 motori alternativi, segui i link presenti nei siti che frequenti, segui i link che trovi nei blog, nei newsgroup, consigliati dai tuoi amici.Google non indicizza tutta la rete eh.Ci sono siti e materiali invisibili a Google. Vuoi perderteli ? ;) LucaSps - Google e' nato (e diventato noto) quasi dieci anni dopo la nascita di Internet. Motori c'erano, e anche tante directory (che per molte cose sono infinitamente piu comode di un motore) . il tuo commento e' la prova che il mio commento e' utile, c'e' davvero chi pensa che Google sia Internet, e che tutta Internet sia li', e che senza google non si sa piu dove andare. Argh. Non diamogli sto potere, ve prego. :D-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 febbraio 2007 01.19-----------------------------------------------------------
        • Anonimo scrive:
          Re: ma come ? ....
          - Scritto da: lucaschiavoni
          Google non indicizza tutta la rete eh.
          Ci sono siti e materiali invisibili a Google.
          Vuoi perderteli ? ;)


          LucaSSi lo so ma Google oramai è diventata una scelta quasi obbligata non solo per i webmaster ma anche per quelli che per esempio cercano sulla rete manuali documentazione howto e via discorrendo.
        • Anonimo scrive:
          Re: ma come ? ....
          - Scritto da: lucaschiavoni
          sono un fan dichiarato di Google, ma Internet
          c'era anche prima eh
          ;)

          Google non indicizza tutta la rete eh.
          Ci sono siti e materiali invisibili a Google.
          Vuoi perderteli ? ;)ce ne puoi segnalare un po'? :)davvero eh :)
        • reXistenZ scrive:
          Re: ma come ? ....

          segui il link dei 100 motori alternativi, segui iC'ho provato senza nessun risultato. Forse l'ho fatto troppo di fretta, ora vaddo a riprovare.
          link presenti nei siti che frequenti, segui i
          link che trovi nei blog, nei newsgroup,
          consigliati dai tuoi
          amici.Ecco, come faccio a consultare i post vecchi dei newsgroup?Per me Google E' la memoria storica di usenet. Il che ne fa una buona fetta di Internet. Che pois ia un male, lo riconosco. PIacerebbe anche a me la possibilità di consultare gli ultimi 10 anni di usenet da un'altra parte.O forse sono solo ignorante. C'è qualche servizio alternativo a groups.google?
        • kubu scrive:
          Re: ma come ? ....
          - Scritto da: lucaschiavoni
          . il tuo commento e' la prova che il mio commento
          e' utile, c'e' davvero chi pensa che Google sia
          Internet, e che tutta Internet sia li'Ma internet non è Microsoft e Internet Explorer?? :|(rotfl)
          • Anonimo scrive:
            Re: ma come ? ....

            Ma internet non è Microsoft e Internet Explorer??Internet è la "e" che c'è sul desktop e MSN Search è il suo profeta!(win)
        • Anonimo scrive:
          Re: ma come ? ....
          Ahahah e quali sarebbero questi incredibili siti nascosti a Google che contengono la risposta alla domanda originaria? Per favore...Google trova tutto quello che serve... Se qualcuno non l'ha notato ormai la sfida non sono il numero di pagine indicizzate da un motore, ma la capacità di stabilire la rilevanza e la presentazione del dato. Anche perché data una ricerca x le pagine utili sono lo 0.0001%, il resto è spazzatura per banale statistica.L'unica alternativa valida a Google, da usare in caso si voglia costruire un elenco di fonti per una ricerca ad esempio, potrebbe essere Clusty, che grazie al suo sistema di clusterizzazione delle informazioni riesce a mostrarmi in maniera diversa da Google ed altrettanto efficace la pertinenza di un documento (presentazione del dato)Ancora migliore può essere delicious, dove la pertinenza è stabilita da esseri umani e non da algoritmi (pertinenza)...Detto questo, per chi cerca un'informazione rapida, Google è più che sufficiente. Certe opzioni sono utili per chi deve eseguire ricerche per scopi specifici, se proprio non trovano ciò che serve in Google...
          • Anonimo scrive:
            Re: ma come ? ....
            Che poi mi fa ridere anche il fatto che la dialettica dietro all'articolo originale sottintende che non siamo noi che usiamo uno strumento in base alle nostre necessità, ma è lo strumento che in virtù del fatto che esiste dev'essere usato per trovare "informazioni nascoste che non conosciamo"...
    • Anonimo scrive:
      Re: ma come ? ....
      - Scritto da:
      Okay, non uso google .... come mi muovo nella
      rete liberamente senza un motore di ricerca
      ?
      cioè, la proposta è di non usare Google e di
      provare anche con altri motori di ricerca o di
      fare senza proprio ad uno che ci proponga i siti
      in base alle nostre key-woard
      ?
      Nel secondo caso ..... non saprei da che parte
      muovermi a dire il vero .... Prima di Google come facevamo?Semplice: passaparola e link.Con il passaparola scoprivamo i siti che parlavano di argomenti che ci interessavano, passaparola che girava per i centri di aggregazione d'interessi, ossia gli amici, i conoscenti e i newsgroup. Le affinita' elettive facevano il resto. :)Una volta su un sito, si poteva andare a dare un'occhiata alle raccolte di link esterni, ovviamente attinenti. Cosi' nacquero i webring...Altra fonte erano le pubblicazioni, sia cartacee che elettroniche (ma questo vale anche oggi, no?). Lo stesso PI propone "siti visitati" e download vari.E prima del web? :)Si andava di ftp, a scaricare specifiche tecniche e archivi e documentazione e software (e poi immagini, che' i filmati ancora erano pochi e minuscoli e la banda scarseggiava).E ancora i newsgroup, vero punto di interscambio, anche di file, tramite i ng binari.Prima del web, prima dei blog, prima del p2p...Diciamo nell'era della netiquette :Dk1
  • Cirene scrive:
    Complimenti
    Bellissimo articolo Luca,complimenti.
  • Anonimo scrive:
    grandeee schiavoni!!
    non aggiungo altro.
Chiudi i commenti