Gmail e le etichette intelligenti

La webmail di Google si arricchisce di una nuova funzionalità "smart", pensata per catalogare in maniera automatica le email. Tutto all'insegna della produttività

Roma – Google continua il suo lavoro di perfezionamento della terza webmail più popolare al mondo (abbondantemente dietro Microsoft Hotmail e Yahoo! Mail), e dopo la funzionalità di posta prioritaria introduce ora quella delle “smart label”. L’obiettivo è sempre lo stesso, vale a dire facilitare all’utente il compito di scremare i messaggi e nel contempo aumentare la produttività .

Parimenti a quanto fa la funzionalità di “posta prioritaria” succitata, le nuove smart label hanno l’incarico di catalogare automaticamente le email in arrivo nelle sotto-categorie “Bulk” (newsletter, promozioni e più in generale messaggi “di massa”), “Forums” (mailing list e partecipazione alle discussioni elettroniche) e “Notifications” (e-mail dirette).

Le smart tag introdotte da Google sono completamente configurabili , così come esiste la possibilità di creare nuove categorie e modificare la gestione della inbox in relazione alle etichette – la configurazione di default prevede che i messaggi appaiano in contemporanea sia nella posta in arrivo che nelle smart tag attive.

Diversamente dalla funzionalità di posta prioritaria introdotta la scorsa estate, il progetto Smart Labels fa ancora parte dei Gmail Labs e va quindi attivato nelle opzioni della webmail. Google spiega infine che le nuove etichette non impediscono che l’utente continui a utilizzare eventuali filtri e/o etichette “stupide” già configurate in precedenza.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • mario pincoli scrive:
    Soliti italiani ridicoli
    La Difesa vorrebbe un corrispettivo da un altro ministero. Ma si tratta sempre dello stesso Stato che quindi dovrebbe fare un giroconto? Certo che sono proprio degli intelligentoni. Le frequenze sono sempre date in concessione, non sono proprieta' privata di nessuno anche quando vengono e sono state occupate abusivamente. Che paese ridicolo! Come dice Masi "Ma manco nello Zimbabwe (con tutto il rispetto per questo)"
    • mchollyons scrive:
      Re: Soliti italiani ridicoli
      in germania l asta per le frequenze del digitale terrestre le hanno gia fatto oo mi sbaglio? hanno racimolato sui 4 miliardi di euro o mi sbaglio?qua in italia non faranno un asta ? bel colpo di fortuna per i proprietari di tv...
      • historyiswh atishappen ing scrive:
        Re: Soliti italiani ridicoli
        si perché han fatto qualcosa di diverso per le frequenze della tv?non si sa e non ci si ricorda nulla nel bel paese...e la trasmissione di report sulle proprietà del ministero della difesa non l'avete mai vista? guardatela da non credere...eppure...
Chiudi i commenti