Gmail, i nastri riportano in vita gli account

Google conferma di essere al lavoro per riattivare tutti gli account di posta divenuti inaccessibili a causa di un bug software. Le email cancellate verranno ripristinare a partire dai backup su nastro
Google conferma di essere al lavoro per riattivare tutti gli account di posta divenuti inaccessibili a causa di un bug software. Le email cancellate verranno ripristinare a partire dai backup su nastro

Nuovo aggiornamento sul problema di accesso riscontrato da non pochi utenti Gmail nei giorni scorsi: Google di essere venuta a capo della questione, individuando l’origine dell’incidente e avviando il ripristino delle email scomparse. Merito di un backup offline su nastro tenuto al sicuro , ben lontano dai capricci delle nuvole telematiche del cloud computing.

Nel tirare le somme dell’incidente sul blog ufficiale, il management di Gmail arrotonda al ribasso la stima degli utenti colpiti: dal precedente 0,08% (a sua volta “riduzione” della stima iniziale dello 0,29%) si passa all’attuale 0,02%, vale a dire 40mila account Gmail.

All’origine del nuovo G-incidente c’è un aggiornamento al software di gestione dell’infrastruttura, spiega Google, aggiornamento che è stato subito interrotto una volta appreso degli effetti nefasti che il nuovo codice stava producendo sugli account .

Non solo il baco software ha cancellato i dati contenuti negli account “standard”, ma anche le diverse copie archiviate “su diversi data center” sono state eliminate al punto da costringere Google a ripristinare le email dai backup su nastro tenuti rigorosamente offline.

Il ripristino dai nastri magnetici richiede però tempo, per cui Google consiglia pazienza e avvisa gli utenti del fatto che le email ricevute tra il 27 e il 28 febbraio sono andate molto probabilmente perdute. Nessuna notizia invece sull’eventuale “freschezza” del backup su nastro e la perdita di corrispondenza archiviata di recente , mentre l’incidente servirà certamente da ennesimo monito riguardo ai rischi connessi all’utilizzo intensivo delle infrastrutture telematiche gestite da terze parti per l’archiviazioni di dati.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

01 03 2011
Link copiato negli appunti