Google e lo spam su Usenet

Ne parla un lettore, appassionato utilizzatore dell'accesso ai newsgroup ideato da Google ma critico su un punto chiave: la pubblicazione in chiaro dell'email degli iscritti


Roma – Salve, complimenti da parte mia per l’ottimo servizio. Vi scrivo per quello che mi sono trovato ad affrontare come un vero problema. Come tanti utilizzatori della rete trovo fondamentale per la raccolta di informazioni l’uso di Usenet. IMHO Google con i suoi “gruppi” ha fatto una gran cosa, un’impresa forse storica .

Ho provato vari reader di newsgroup ma devo dire che nessuno offre le stesse potenzialità di Google in quanto a ricerche, anche se questo può apparire scontato. Ebbene, Google ha però trascurato un problema enorme : per postare tramite il suo sistema bisogna essere iscritti. Bastano semplicemente una mail valida ed una password.

Ebbene, questa “mail valida” è una potentissima arma a doppio taglio: una volta postati i messaggi su Usenet, lo stesso indirizzo usato per iscriversi su Google (che deve essere confermato, perciò reale, attivo, in uso) è quello che appare come mittente del post . Già, logico in un sistema perfetto, ma siccome qui siamo in internet, io stesso ci metterei veramente poco a creare un programmino che scansioni le pagine di Google Groups rastrellando selvaggiamente indirizzi e-mail!

Normalmente, con i vari reader, si può creare una sorta di workaround immettendo qualche carattere di disturbo nell’indirizzo del mittente, magari aggiungendo una nota a piè pagina che dia indicazioni comprensibili solo ad umani (non a spiders/robots) su come ottenere l’indirizzo reale del mittente.

Ebbene, ora che Google Groups è un sistema avviato: perchè Google non aggiunge semplicemente un campo alla registrazione “Indirizzo da mostrare in pubblico ( )”, consentendoci di fornire a Google (come è giusto) il nostro indirizzo valido e al pubblico (e agli spammers) un indirizzo fake!

Saluti e buona giornata
Matteo B.

Ciao Matteo
come già ho avuto modo di ricordare ad un utente che lamentava proprio un episodio di spam, Google ha una policy chiara su questo punto, tanto che consiglia di usare un altro reader per Usenet se non si vuole che la propria email venga pubblicata insieme ai propri post.
Giriamo comunque la domanda a Google e speriamo di poter presto pubblicare una risposta che possa essere più fertile di quanto pubblicato dalle sue FAQ.
A presto, Adele Chiodi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Elwood_ scrive:
    mah questa storia ricorda staroffice
    Vi ricordate?Distribuito gratuitamente dalla sun e poi una mattina... Tanti saluti oggi pagate.Speriamo che un domani openoffice oltre a beccarsi la pubblicità della sun, sarà distribuito a pagamento.Ma se la mentalità è stata quella di Staroffice.... :s
    • Anonimo scrive:
      Re: mah questa storia ricorda staroffice
      -
      Speriamo che un domani openoffice oltre a
      beccarsi la pubblicità della sun, sarà
      distribuito a pagamento.questa ovviamente era una fine battuta, :D
    • Anonimo scrive:
      Re: mah questa storia ricorda staroffic
      - Scritto da: Elwood_
      Vi ricordate?
      Distribuito gratuitamente dalla sun e poi
      una mattina... Tanti saluti oggi pagate.
      Speriamo che un domani openoffice oltre a
      beccarsi la pubblicità della sun, sarà
      distribuito a pagamento.
      Ma se la mentalità è stata quella di
      Staroffice.... :snon è vero quello che dici.La SUN ha rilasciato i sorgenti originali di StarOffice (a sua volta acquisiti da un'altra società ... ora non ricordo il nome) per la creazione di OpenOffice.Questo per vari motivi:1) avere un prodotto commerciale vendibile solo da lei2) poter includere all'interno delle parti proprietarie ... cosa non fattibile in OpenofficeInoltre per quanto fa firmare ai collaboratori di OpenOffice può attingere alle parti di OpenOffice ed "integrarle" in StarOffice senza dover chiedere ulteriore permesso a chi ha collaborato a quel pezzo.In pratica la SUN pensava di far diffondere StarOffice nei luoghi di lavoro, scuole, pubbliche amministrazioni, ... (ove tutti devono comprare una licenza) e permettere a tutti i privati di utilizzare gli stessi documenti prodotti con StarOffice mediante l'utilizzo di OpenOffice.In questo modo tutti i private possono utilizzare un prodotto senza doverlo "comprare" e visualizzare/modificare i documenti magari prodotti al lavoro senza infrangere nessuna legge
      • Anonimo scrive:
        Re: mah questa storia ricorda staroffic
        - Scritto da: Anonimo
        La SUN ha rilasciato i sorgenti originali di
        StarOffice (a sua volta acquisiti da
        un'altra società ... ora non ricordo il
        nome)stardivision. Il logo era una farfalla colorata.
  • Sandro kensan scrive:
    Re: Non ci vedo niente di male.
    - Scritto da: DPY
    Ehm... detto così sembra proprio che... non
    capisci. Sun non regala ora, semmai
    ha regalato in passato alla comunità il
    codice di Star Office 5. La comunità lo ha
    preso, continua a svilupparlo e lo fa uscire
    come Open Office, Sun lo riprende, lo
    modifica a suo modo e lo vende come Star
    Office 6. E' stato quindi fatto un do ut
    des in cui entrambe le parti dovrebbero
    avere i loro vantaggi.Bel post DPY, idee chiare e al posto giusto, pare che molti si dimentichino di quello che sta dietro a un programma notevole come OO.o.In fin dei conti solo la comunità che lo sostiene deve avere voce in capitolo, loro sono OO.o e tra l'altro anche dal punto di vista economico rappresentano una fetta dell'utenza rilevante oltre che estremamente qualificata, per esempio chissà quanti pacchetti è in grado di piazzare ogni coders....
    • Anonimo scrive:
      Re: Non ci vedo niente di male.
      Tutte belle parole, peccato un piccolo particolare non indifferente: sono forse i firmatari della protesta gli unici ad aver contribuito alla traduzione italiana? NO. Hanno chiesto il parere delle altre persone che hanno contribuito? NO. E poi vengono a parlare della comunità: bella coerenza del ciufolo, si utilizza solo la parte che fa comodo...Come dici? "Tu che ne sai?" Beh, io faccio parte di quel gruppo di persone che ha contribuito al dizionario di OOo italiano e nessuno mi ha mai detto nulla di certe intenzioni. Sono un pirla? Probabile. Darò una mano ancora al progetto italiano? Nemmeno se mi pagano. Di Talebani ce ne sono già a sufficienza in giro...
  • Anonimo scrive:
    Via Sun! ..che poi arriva IBM!
    se Sun chiude o taglia i fondi per OO.org tranquilli che poi arriva IBM.Sinceramente io mi fido più di IBM che di SUN... e il branding è migliore.Inoltre IBM nei progetti Open in cui ha investito ha sempre e solo messo un logo come "partner" nei siti ufficiali e nel proprio.Anzi IBM punta più nell'apparire come supporter dell' Open Source e non come "padrona" del progetto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Via Sun! ..che poi arriva IBM!
      - Scritto da: Anonimo
      se Sun chiude o taglia i fondi per OO.org
      tranquilli che poi arriva IBM.

      Sinceramente io mi fido più di IBM che di
      SUN... e il branding è migliore.

      Inoltre IBM nei progetti Open in cui ha
      investito ha sempre e solo messo un logo
      come "partner" nei siti ufficiali e nel
      proprio.

      Anzi IBM punta più nell'apparire come
      supporter dell' Open Source e non come
      "padrona" del progetto.Difatti IBM RULES!altro che Sun il vero sun dell'open source oggi splende alla International Bussiness Machine!
      • Anonimo scrive:
        Re: Via Sun! ..che poi arriva IBM!
        - Scritto da: Anonimo
        Difatti IBM RULES!
        altro che Sun
        il vero sun dell'open source oggi splende
        alla International Bussiness Machine!Sembra contraddittorio ma è così.
        • Anonimo scrive:
          Re: Via Sun! ..che poi arriva IBM!
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo


          Difatti IBM RULES!

          altro che Sun

          il vero sun dell'open source oggi splende

          alla International Bussiness Machine!

          Sembra contraddittorio ma è così.IBM e' losca perche' continua a supportare Windows...
          • Anonimo scrive:
            Re: Via Sun! ..che poi arriva IBM!
            - Scritto da: Anonimo
            IBM e' losca perche' continua a supportare
            Windows...Ma ti leggi anche quando scrivi ?Chi supporta "Windows" è losco ?Ma vai al diavolo........
  • Anonimo scrive:
    Poveri muli
    evidentemente la Sun sta raggiungendo il suo $copo !
    • Anonimo scrive:
      Re: Poveri muli = adepti di win
      - Scritto da: Anonimo
      evidentemente la Sun sta raggiungendo il suo
      $copo !Attento ai dialer, te... winmaniac
      • Sandro kensan scrive:
        Re: Poveri muli = adepti di win
        - Scritto da: Anonimo
        Attento ai dialer, te... winmaniac^_^ forse questo post è stato fatto tramite un collegamento a internet a uno di quei numeri a 3 euro al minuto? Se ha win è una cosa possibile...
    • Anonimo scrive:
      Re: Poveri muli
      - Scritto da: Anonimo
      evidentemente la Sun sta raggiungendo il suo
      $copo !ma non capisco come non si riesca a comprendere che l'utilizzo di un software libero possa portare degli utili, grossi utili da parte delle società che lo usano/creanola SUN attualmente offre assistenza (non certo gratuita) agli utenti di OpenOffice; non utenti come possiamo esserlo io o te, ma a stati/organizzazioni/grosse società dove OpenOffice è diventato lo standard.Su questo punto la SUN sta agendo più che correttamente, perchè le licenze usate non lo vietano.se con suo $copo intendi dire che farà diventare OpenOffice un prodotto proprietario, questo non lo può fare, poichè tutto è stato rilasciato anche sotto licenza LGPL
      • Anonimo scrive:
        Re: Poveri muli
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        evidentemente la Sun sta raggiungendo il
        suo

        $copo !

        ma non capisco come non si riesca a
        comprendere che l'utilizzo di un software
        libero possa portare degli utili, grossi
        utili da parte delle società che lo
        usano/creano

        la SUN attualmente offre assistenza (non
        certo gratuita) agli utenti di OpenOffice;
        non utenti come possiamo esserlo io o te, ma
        a stati/organizzazioni/grosse società dove
        OpenOffice è diventato lo standard.
        Su questo punto la SUN sta agendo più che
        correttamente, perchè le licenze usate non
        lo vietano.

        se con suo $copo intendi dire che farà
        diventare OpenOffice un prodotto
        proprietario, questo non lo può fare, poichè
        tutto è stato rilasciato anche sotto licenza
        LGPLresta il fatto che i programmatori che lavorano per open office lo fanno aggratis (come tutti i muli opensorcini)... mentre la Sun ciuccia quattrini
        • Anonimo scrive:
          Re: Poveri muli

          resta il fatto che i programmatori che
          lavorano per open office lo fanno aggratis
          (come tutti i muli opensorcini)... mentre la
          Sun ciuccia quattriniresta il fatto che tu scrivi su questo forum aggratis lasciando che punto-informatico faccia quattrinie questo come lo consideri?vuoi forse dirmi che da ora in poi non scriverai più su questo forum perchè il *tuo* lavoro aggratis viene sfruttato da qualcun altro?o forse vuoi dirmi che il tuo obbiettivo qui non è fare soldi e quindi non ti interessa se altri ne fanno con qualcosa che ti è costato tempo e magari anche fatica?Poi c'è da dire che c'è chi partecipa al progetto impiegando tempo e risorse e magari ci guadagna anche con installazioni, configurazioni, assistenza proprio su OpenOfficeTi diro che chi partecipa ad un progetto pur non essendo pagato ha in cambio molto: conosce nuove persone, conosce nuovi modi di pensare, impara nuove cose ed alla fine, anche se non ha intascato nulla monetariamente, di sicuro qualcosa avrà guadagnato, qualcosa che vale più del denaro
          • Elwood_ scrive:
            Re: Poveri muli
            - Scritto da: Anonimo

            resta il fatto che i programmatori che

            lavorano per open office lo fanno aggratis

            (come tutti i muli opensorcini)... mentre
            la

            Sun ciuccia quattrini

            resta il fatto che tu scrivi su questo forum
            aggratis lasciando che punto-informatico
            faccia quattrini

            e questo come lo consideri?

            vuoi forse dirmi che da ora in poi non
            scriverai più su questo forum perchè il
            *tuo* lavoro aggratis viene sfruttato da
            qualcun altro?

            o forse vuoi dirmi che il tuo obbiettivo qui
            non è fare soldi e quindi non ti interessa
            se altri ne fanno con qualcosa che ti è
            costato tempo e magari anche fatica?Questo con la situazione di openoffice non c'entra una beneamata cippa. Cosa centra con lo sviluppo di Openoffice mica si parla un commentino da troll o da 5 minuti di tempo morto da pausa caffe'. Chi lavora a questi progetti ci lavora perchè crede nella GPL lo fa perchè crede nei principi e nella libertà, più che a riempire il portafoglio. ESSì CI SONO ANCHE DEI PAZZI IDEALISTI CHE CREDONO ANCHE IN COSE FOLLI COME LA GPL (TRA QUEI PAZZI MI CI METTO ANCHE IO)
            Poi c'è da dire che c'è chi partecipa al
            progetto impiegando tempo e risorse e magari
            ci guadagna anche con installazioni,
            configurazioni, assistenza proprio su
            OpenOffice

            Ti diro che chi partecipa ad un progetto pur
            non essendo pagato ha in cambio molto:
            conosce nuove persone, conosce nuovi modi di
            pensare, impara nuove cose ed alla fine,
            anche se non ha intascato nulla
            monetariamente, di sicuro qualcosa avrà
            guadagnato, qualcosa che vale più del denarosu questo concordoELWOOD
          • Anonimo scrive:
            Re: Poveri muli
            - Scritto da: Elwood_

            - Scritto da: Anonimo


            resta il fatto che i programmatori che


            lavorano per open office lo fanno
            aggratis


            (come tutti i muli opensorcini)...
            mentre

            la


            Sun ciuccia quattrini



            resta il fatto che tu scrivi su questo
            forum

            aggratis lasciando che punto-informatico

            faccia quattrini



            e questo come lo consideri?



            vuoi forse dirmi che da ora in poi non

            scriverai più su questo forum perchè il

            *tuo* lavoro aggratis viene sfruttato da

            qualcun altro?



            o forse vuoi dirmi che il tuo obbiettivo
            qui

            non è fare soldi e quindi non ti interessa

            se altri ne fanno con qualcosa che ti è

            costato tempo e magari anche fatica?

            Questo con la situazione di openoffice non
            c'entra una beneamata cippa. Cosa centra con
            lo sviluppo di Openoffice mica si parla un
            commentino da troll o da 5 minuti di tempo
            morto da pausa caffe'. Chi lavora a questi
            progetti ci lavora perchè crede nella GPL lo
            fa perchè crede nei principi e nella
            libertà, più che a riempire il portafoglio.
            ESSì CI SONO ANCHE DEI PAZZI IDEALISTI CHE
            CREDONO ANCHE IN COSE FOLLI COME LA GPL (TRA
            QUEI PAZZI MI CI METTO ANCHE IO)era solo un esempio per far vedere che alle volte si può fare qualcosa senza avere nulla in cambio ... anzi senza volere nulla in cambio, magari anche cose piccole come scrivendo su questo forum, magari cose più impegnative come partecipare ad un progetto come OpenOfficeChi ha iniziato questa discussione sembrava essere una persona che assolutamente non fa nulla senza essere pagato e quindi chiamava "poveri muli" coloro che invece spendevano tempo in un progetto "opensource".Tale tizio non comprende che una cosa può essere un lavoro retribuito per un dato individuo (e fa tale cosa solo se lo pagano); mentre per un altro individuo può essere un hobby e quindi farlo senza pretendere (o addirittura voler) di essere pagato.
          • Elwood_ scrive:
            Re: Poveri muli


            era solo un esempio per far vedere che alle
            volte si può fare qualcosa senza avere nulla
            in cambio ... anzi senza volere nulla in
            cambio, magari anche cose piccole come
            scrivendo su questo forum, magari cose più
            impegnative come partecipare ad un progetto
            come OpenOffice

            Chi ha iniziato questa discussione sembrava
            essere una persona che assolutamente non fa
            nulla senza essere pagato e quindi chiamava
            "poveri muli" coloro che invece spendevano
            tempo in un progetto "opensource".

            Tale tizio non comprende che una cosa può
            essere un lavoro retribuito per un dato
            individuo (e fa tale cosa solo se lo
            pagano); mentre per un altro individuo può
            essere un hobby e quindi farlo senza
            pretendere (o addirittura voler) di essere
            pagato.si capisco....scusa la mia paranoia, ma qui oggi come ti giri, ti ritrovi qualcuno che cerca di metterla nel deretano solo perchè sviluppi in GPL!CIAUZ
          • Anonimo scrive:
            Re: Poveri muli
            - Scritto da: Anonimo
            qualcosa che vale più del denaroAh.... xchè c'è qualcosa che vale più del denaro?
  • Anonimo scrive:
    Ma quando si capira' che nessuno lavora.
    Mi lasciano molto preplesso tutte queste disquisizioni sull'open source etc etc etcSecondo voi per quanto si potra' andare avanti a produrre senza alcun riscontro economico ????E' ovvio che chi investe denaro e tempo in un qualsiasi progetto prima o poi desideri portare a casa una qualche retribuzione. La gloria non riempe la pancia !!!!!A mio avviso la lotta dovrebbe essere indirizzata a far si che i prodotti software costino meno, gratis e' pura utopia.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quando si capira' che nessuno lav
      - Scritto da: Anonimo
      Mi lasciano molto preplesso tutte queste
      disquisizioni sull'open source etc etc etcbhe, ma allora perchè ne inizi di nuove?
      Secondo voi per quanto si potra' andare
      avanti a produrre senza alcun riscontro
      economico ????nessun riscontro economico?IBM ha fatturato l'anno scorso in miliardo di dollari per consulenza su GNU/Linux ... certo ha investito un sacco di soldi, ma penso che gli siano tornati indietro con gli interessiGuarda un po' anche Red Hat ed altri.
      E' ovvio che chi investe denaro e tempo in
      un qualsiasi progetto prima o poi desideri
      portare a casa una qualche retribuzione. La
      gloria non riempe la pancia !!!!!Ma infatti chi collabora può avere fini diversi, se è una società di sicuro il suo fine principale può essere quello di fare soldi, ma non è detto (per questo esistono gli statuti, nei quali si può definire uno scopo societario differente da quello del mero guadagno: la società si prefigge uno scopo più alto ed intanto per raggiungerlo paga i suoi dipendenti)
      A mio avviso la lotta dovrebbe essere
      indirizzata a far si che i prodotti software
      costino meno, gratis e' pura utopia.qui non c'è nessuna lotta da quanto vedo io, c'è soltanto una discussione su una presa di posizione non "lecita" da parte di SUN nei confronti di chi ha collaborato al progetto.forse non sai che una parola in inglese può avere più significati e molte traduzioni in Italiano.Quando si parla di Free Sofware il Free va tradotto libero e non gratis.Forse è meglio che ti leggi le licenze GPL e LGPL che possono essere sfruttate a fini commerciali ... come tanti fanno.La mia opinione è la seguente: la principale qualità che deve avere un software non è il basso costo, ma l'affidabilità, le prestazioni, la portabilità. In secondo tempo penso sia molto importante anche avere la libertà di farci quello che vuoi, se l'hai comprato puoi usarlo quando e quanto vuoi.A me sembra che il software libero abbia tutte queste caratteristiche, anzi ne ha molte di più: garantisce all'acquirente dei diritti che nel software proprietario ti sono negati.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma quando si capira' che nessuno lav

        nessun riscontro economico?
        IBM ha fatturato l'anno scorso in miliardo
        di dollari per consulenza su GNU/Linux ...EH???COSA????ma che stai a di???IBM ha SPESO non fatturato quella cifra...
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma quando si capira' che nessuno lav
          eccoti alcuni articoli che indicano che sia nel 2002 che nel 2003 l'IBM ha ricavato circa 1 miliardo di dallari direttamente da GNU/Linuxhttp://www.google.it/search?q=cache:QhZnJlvQZNkJ:www.infosatellite.com/news/2002/01/h310102ibm_linux_investment.html+%2Bibm+%2Bbillion+%2Blinux+-sco&hl=it&ie=UTF-8http://librenix.com/?inode=2654
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quando si capira' che nessuno lav
      Dovresti parlare con quelli di Debian forse ti spiegherebbero qualcosa. Non tutti operano per fini di Lucro e cmq ormai openoffice può marciare (anche se a ritmi più lenti) senza il contributo di Sun dato che il progetto è sotto licenza GPL- Scritto da: Anonimo
      Mi lasciano molto preplesso tutte queste
      disquisizioni sull'open source etc etc etc

      Secondo voi per quanto si potra' andare
      avanti a produrre senza alcun riscontro
      economico ????

      E' ovvio che chi investe denaro e tempo in
      un qualsiasi progetto prima o poi desideri
      portare a casa una qualche retribuzione. La
      gloria non riempe la pancia !!!!!

      A mio avviso la lotta dovrebbe essere
      indirizzata a far si che i prodotti software
      costino meno, gratis e' pura utopia.
      • Alessandrox scrive:
        Re: Ma quando si capira' che nessuno lav
        - Scritto da: Anonimo
        Dovresti parlare con quelli di Debian forse
        ti spiegherebbero qualcosa. Non tutti
        operano per fini di Lucro e cmq ormai
        openoffice può marciare (anche se a ritmi
        più lenti) senza il contributo di Sun dato
        che il progetto è sotto licenza GPLNO:http://punto-informatico.it/p.asp?i=45696Io vedo scritto LGPLTu leggi GPL?
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma quando si capira' che nessuno lav
          Guarda che il link che hai postato mi da pure ragione (leggi LGPL quasi identica alla gpl)- Scritto da: Alessandrox

          - Scritto da: Anonimo

          Dovresti parlare con quelli di Debian
          forse

          ti spiegherebbero qualcosa. Non tutti

          operano per fini di Lucro e cmq ormai

          openoffice può marciare (anche se a ritmi

          più lenti) senza il contributo di Sun dato

          che il progetto è sotto licenza GPL

          NO:
          http://punto-informatico.it/p.asp?i=45696
          Io vedo scritto LGPL
          Tu leggi GPL?
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma quando si capira' che nessuno lav
          - Scritto da: Alessandrox

          - Scritto da: Anonimo

          Dovresti parlare con quelli di Debian
          forse

          ti spiegherebbero qualcosa. Non tutti

          operano per fini di Lucro e cmq ormai

          openoffice può marciare (anche se a ritmi

          più lenti) senza il contributo di Sun dato

          che il progetto è sotto licenza GPL

          NO:
          http://punto-informatico.it/p.asp?i=45696
          Io vedo scritto LGPL
          Tu leggi GPL?Sento un vago rumore di unghie sui vetri.....
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma quando si capira' che nessuno lav
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Alessandrox



            - Scritto da: Anonimo


            Dovresti parlare con quelli di Debian

            forse


            ti spiegherebbero qualcosa. Non tutti


            operano per fini di Lucro e cmq ormai


            openoffice può marciare (anche se a
            ritmi


            più lenti) senza il contributo di Sun
            dato


            che il progetto è sotto licenza GPL



            NO:

            http://punto-informatico.it/p.asp?i=45696

            Io vedo scritto LGPL

            Tu leggi GPL?

            Sento un vago rumore di unghie sui vetri.....Sun si dovrebbe comunque vergognare, non tantoper la questione del logo, ma perche' sputanel piatto dove mangia, visto che poche settimanafa si e' alleata con SCO e il suo CEO ha avutoil coraggio di affermare che loro propongono soluzioniLinux, perche' le vuole il mercato, ma che comunqueper loro linux fa cagare...
          • pippo75 scrive:
            Re: Ma quando si capira' che nessuno lav



            che il progetto è sotto licenza GPL



            NO:

            http://punto-informatico.it/p.asp?i=45696

            Io vedo scritto LGPL

            Tu leggi GPL?

            Sento un vago rumore di unghie sui vetri.....Il codice di openoffice viene di proprietà di sune se il codice è suo puo' farne quello che vuole, cosi' almeno capisco io:Contributor hereby assigns to Sun joint ownership in all worldwide common law and statutory rights associated with the copyrights, copyright application, copyright registration and moral rights in the Contribution to the extent allowable under applicable local laws and copyright conventions. Contributor agrees that this assignment may be submitted by Sun to register a copyright in the Contribution. Contributor retains the right to use the Contribution for Contributor's own purposes. This Joint Copyright Assignment supersedes and replaces all prior copyright assignments made by Contributor to Sun under the OpenOffice.org project.ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma quando si capira' che nessuno lav
            Non esattamente, leggi bene la licenza LGPL è quella a cui anche Sun deve sottostare dopo aver rilasciato il programma- Scritto da: pippo75






            che il progetto è sotto licenza GPL





            NO:



            http://punto-informatico.it/p.asp?i=45696


            Io vedo scritto LGPL


            Tu leggi GPL?



            Sento un vago rumore di unghie sui
            vetri.....

            Il codice di openoffice viene di proprietà
            di sune se il codice è suo puo' farne quello
            che vuole, cosi' almeno capisco io:

            Contributor hereby assigns to Sun joint
            ownership in all worldwide common law and
            statutory rights associated with the
            copyrights, copyright application, copyright
            registration and moral rights in the
            Contribution to the extent allowable under
            applicable local laws and copyright
            conventions. Contributor agrees that this
            assignment may be submitted by Sun to
            register a copyright in the Contribution.
            Contributor retains the right to use the
            Contribution for Contributor's own purposes.
            This Joint Copyright Assignment supersedes
            and replaces all prior copyright assignments
            made by Contributor to Sun under the
            OpenOffice.org project.

            ciao
          • pippo75 scrive:
            Re: Ma quando si capira' che nessuno lav
            - Scritto da: Anonimo
            Non esattamente, leggi bene la licenza LGPL
            è quella a cui anche Sun deve sottostare
            dopo aver rilasciato il programma

            Per contribuire ad openofice ed nviare un contributo devo firmare una contratto di cessione a sun di questo, la quale poi detiene il copyright.Nella licenza leggo:Redistribution and use in source and binary forms, with or without modification, are permitted provided that the following conditions are met:1. Redistributions of source code must retain the above copyright notice, this list of conditions and the following disclaimer.2. Redistributions in binary form must reproduce the above copyright notice, this list of conditions and the following disclaimer in the documentation and/or other materials provided with the distribution.3. Neither the name of the University nor the names of its contributors may be used to endorse or promote products derived from this software without specific prior written permission..quindi in rispetto del copyright, che rimane in posseso della sun che puo' trattarlo come vuole e anche inserire un suo logo nel suo progetto.Sarà una cosa brutta ma secondo me è nei suoi diritti, ogni contributo viene ceduto a sun che ne diviene proprietaria.Quando openoffice viene rilasciato chi ne riceve una copia deve garantire i diritti prevvisti dalla LGPL.
  • Anonimo scrive:
    Ma c'avete ragione!!!
    Io non vedo perchè all'improvviso mi deve apparire quel logo lì!!! :(:(:(
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma c'avete ragione!!!
      - Scritto da: Anonimo
      Io non vedo perchè all'improvviso mi deve
      apparire quel logo lì!!! :(:(:(FREGATENE !E vivi sereno !Oppure vai insieme ai Linari Opentalebani che son peggio di quelli che osteggiano.
  • Anonimo scrive:
    a me non da fastidio
    ..e sicuramente la sun se lo merita un riconoscimento per openoffice.orgIn futuro spero che tutti i progetti siano così: opensource e il manteiner che investe soldi nel mantenimento del progetto ci piazza il logo (nei limiti della invasività)per il poco che ho contribuito a openoffice non mi sento oltraggiato.piuttosto se non l'avete mai provato fatelo ora!
    • Anonimo scrive:
      Re: a me non da fastidio
      - Scritto da: Anonimo
      ..e sicuramente la sun se lo merita un
      riconoscimento per openoffice.orgnessuno dice che SUN non debba avere un riconoscimento per quanto ha fatto e sta facendo, però non deve prendersi quello che vuole come lo vuole.Come è stato fatto sembra che il prodotto sia SUN e non della comunità
      In futuro spero che tutti i progetti siano
      così: opensource e il manteiner che investe
      soldi nel mantenimento del progetto ci
      piazza il logo (nei limiti della invasività)Qui è colui che fa partire il progetto che decide; basta scegliere una licenza appropriata e poi si può fare quello che la licenza ti permette.La SUN ha dato la possibilità di usare la LGPL per l'intero codice sorgente e quindi si deve attenere a questa.Molti partecipano al progetto proprio perchè il progetto è sotto LGPL e quindi il prodotto non sarà mai proprietario, ma sarà di tutti e il rispetto della comunità deve essere assoluto. Se tutte le società che partecipano a progetti liberi facessero altrettanto io penso che perderebbero molti collaboratori.
      per il poco che ho contribuito a openoffice
      non mi sento oltraggiato.Dipende sempre dallo scopo che ti prefiggi; se il tuo scopo è quello di aiutare la creazione di un prodotto libero, allora questa azione di SUN già non ti va più bene, perchè toglie delle libertà al prodotto a cui hai partecipato.
      • pippo75 scrive:
        Re: a me non da fastidio

        Qui è colui che fa partire il progetto che
        decide; basta scegliere una licenza
        appropriata e poi si può fare quello che la
        licenza ti permette.
        La SUN ha dato la possibilità di usare la
        LGPL per l'intero codice sorgente e quindi
        si deve attenere a questa.
        Molti partecipano al progetto proprio perchè
        il progetto è sotto LGPL e quindi il
        prodotto non sarà mai proprietario, ma sarà
        di tutti e il rispetto della comunità deve
        essere assoluto. Se tutte le società che
        partecipano a progetti liberi facessero
        altrettanto io penso che perderebbero molti
        collaboratori.
        Da quanto ho capito:Il codice di openoffice appartiene a Sun, chi lo ha donato pero' continua ad avere il diritto di usarlo per propri usi (e qui si potrebbe interpretare in vari modi questa frase).ciao
        • Sandro kensan scrive:
          Re: a me non da fastidio
          - Scritto da: pippo75
          Da quanto ho capito:

          Il codice di openoffice appartiene a Sun,
          chi lo ha donato pero' continua ad avere il
          diritto di usarlo per propri usi (e qui si
          potrebbe interpretare in vari modi questa
          frase).Penso che se hanno protestato vuol dire che c'è stata un'invasione di campo, da quel che ho capito il codice non è più di proprietà di Sun e il suo logo sullo splash screen do OO.o è fuorviante. Credo che le possibilità di reazione ci siano nel caso che Sun non voglia tornare sulle sue decisioni, comunque speriamo per il meglio.
  • vb scrive:
    Il senso della misura
    Capisco il problema, in parte lo condivido, però forse in un momento come questo, in cui il settore è in crisi e tutti tagliano, sarebbe più sensato dotarsi di senso della misura e, invece di scandalizzarsi per un logo, supportare in pubblico quelle aziende che credono nel modello open source e ne finanziano lo sviluppo.Altrimenti, niente di più facile che tra un po' la Sun, di fronte a un investimento a favore della comunità per cui invece degli applausi si becca critiche sui media, risponda "Ah sì? Allora fatevelo da soli" e tagli tutto il progetto (e voglio vedere poi se la comunità riesce da sola e senza fondi a stare dietro alla concorrenza di Office...). Non credo che sarebbe un buon risultato per la comunità open source, anzi darebbe solo ragione a quelli che sostengono ad arte che l'open source è solo roba per nerd, pirati, comunisti e invasati (vedi SCO).
    • Anonimo scrive:
      Re: Il senso della misura
      - Scritto da: vb
      Capisco il problema, in parte lo condivido,
      però forse in un momento come questo, in cui
      il settore è in crisi e tutti tagliano,
      sarebbe più sensato dotarsi di senso della
      misura e, invece di scandalizzarsi per un
      logo, supportare in pubblico quelle aziende
      che credono nel modello open source e ne
      finanziano lo sviluppo.se SUN avesse dichiarato apertamente questa sua intenzione si sarebbe trovata di sicuro una soluzione che avrebbe soddisfatto entrambe le parti.Per esempio si poteva mettere il logo SUN però sotto una frase che indicava tale azienda come mantainer e/o maggior collaboratrice al progetto.Così come è stato fatto sembra che SUN sia il proprietario di OpenOffice, quando così non è.La cosa importante è rispettare tutti coloro che collaborano. Tieni conto che chi collabora ad un progetto libero non percepisce nulla per tutto ciò che fa, anzi lo fa durante il suo tempo libero e di sicuro non è contento di fatti del genere.SUN di sicuro ha dei costi per sostenere il pregetto OpenOffice, ma anche numerosi benefici.
      Altrimenti, niente di più facile che tra un
      po' la Sun, di fronte a un investimento a
      favore della comunità per cui invece degli
      applausi si becca critiche sui media,
      risponda "Ah sì? Allora fatevelo da soli" e
      tagli tutto il progetto (e voglio vedere poi
      se la comunità riesce da sola e senza fondi
      a stare dietro alla concorrenza di
      Office...). Non credo che sarebbe un buon
      risultato per la comunità open source, anzi
      darebbe solo ragione a quelli che sostengono
      ad arte che l'open source è solo roba per
      nerd, pirati, comunisti e invasati (vedi
      SCO).Se SUN abbandonasse oggi il progetto OpenOffice si creerebbe immediatamente una nuova struttura e penso che anche i finanziamenti non tarderebbero ad arrivare; probabilmente ora ci sono pochi/nessun finanziamento perchè è un'azienda privata che sta gestendo il progetto.Non vedo perchè ci si debba spaventare per questa eventualità, se non sbaglio ce ne sono a iosa di progetti liberi e di successo senza avere dietro un colosso come SUN.
      • Anonimo scrive:
        Re: Il senso della misura
        Per esempio? Linux? Forse non ti sei accorto delle pubblicità alla tv firmate IBM?L'anno scorso IBM ha messo 1 miliardo (MILIARDO) di dollari in marketing su Linux.Veniamo giù dalle nuvole, per favore.Business is business.Ora che gli sviluppatori prendono stipendi normali, ammesso che li prendano, non è più così facile lavorare la notte a gratis.Nel 2000 negli USA uno sviluppatore prendeva anche 120 dollari ALL'ORA.
        • Anonimo scrive:
          Re: Il senso della misura
          i prezzi per la consulenza IBM non è che siano tanto a buone mercato; io ho visto un contratto per massimo 30 giorni di lavoro e dal costo di circa 2.100 euro al giorno per persona per quei 30 giorni ... nota bene se il lavoro lo termineranno prima prenderanno tutti i soldiQuindi se lavorano tutti i 30 giorni ogni persona porta all'IBM la bella cifra di 262 euro all'ora.
      • Sandro kensan scrive:
        Re: Il senso della misura
        - Scritto da: Anonimo
        Se SUN abbandonasse oggi il progetto
        OpenOffice si creerebbe immediatamente una
        nuova struttura e penso che anche i
        finanziamenti non tarderebbero ad arrivare;
        probabilmente ora ci sono pochi/nessun
        finanziamento perchè è un'azienda privata
        che sta gestendo il progetto.
        Non vedo perchè ci si debba spaventare per
        questa eventualità, se non sbaglio ce ne
        sono a iosa di progetti liberi e di successo
        senza avere dietro un colosso come SUN.Si potrebbero fare dei nomi, per esempio Netscape Navigator è praticamente stato abbandonato da AOL, a me pare che l'OpenOffice.org del caso, cioè Mozilla, prosperi come non mai.Poi si potrebbe parlare di Blender che era closed source ma è stato acquistato dalla comunità per 100.ooo euro e ora pienamente funzionante e sviluppato.
  • Anonimo scrive:
    Sparate sulla croce rossa...
    ... cari membri dell'ennesima comunità di spaccacapelli, vi siete resi conto che vi state rivolgendo contro una società che deve velocemente trovare una nuova ragione d'essere o fare una ingloriosa fine come a suo tempo Digital?Io quel logo lo vedo come un disperato tentativo da parte di qualche benintenzionato dipendente di Sun di giustificare il costo del supporto a un progetto non remunerativo verso un management alla cerca di facili tagli.Fate un favore al management di Sun e dategli un motivo per sospendere immediatamente il supporto a OpenOffice.Però nel frattempo cercate qualcuno che adotti il progetto, oppure preparatevi a vedere l'ennesimo open source orfano degli ultimi tre anni. Visto che Sun vi fa schifo c'è sempre l'Apache Software Foundation, che poi è come dire IBM...
    • Anonimo scrive:
      Re: Sparate sulla croce rossa...
      - Scritto da: Anonimo
      Io quel logo lo vedo come un disperato
      tentativo da parte di qualche
      benintenzionato dipendente di Sun di
      giustificare il costo del supporto a un
      progetto non remunerativo verso un
      management alla cerca di facili tagli.non penso proprio che sia non remunerativo perchè:1) la diffusione di OpenOffice permette la diffusione anche di StarOffice poichè i formati dei files sono al 100% compatibili2) la diffusione di StarOffice negli uffici/scuole/etc permette a tutti di poter usare gli stessi file anche a casa con OpenOffice in modo legale e questo è uno dei motivi per cui stati o società comprano le licenze StarOffice3) la SUN offre assistenza A PAGAMENTO su OpenOffice a chiunque la richieda e attualmente ha già dei contratti aperti
  • Anonimo scrive:
    Discussioni sterili...
    Tanto SUN è ormai praticamente "andata".Ancora qualche mese e sarà solo ricordo...(linux)
  • Anonimo scrive:
    non lo volete??? toglietelo!!
    editate il file /opt/OpenOffice.org1.1.0/program/sofficerce mettete [Bootstrap]Logo=0e il gioco è fatto....ciao..è libero..... liberale.... insomma piace a Berluscone!
    • Anonimo scrive:
      Re: non lo volete??? toglietelo!!
      ma è diverso il concetto, chiunque lo scarica vede il logo e pensa che quello è un prodotto SUN
      • Anonimo scrive:
        Re: non lo volete??? toglietelo!!
        - Scritto da: Anonimo
        ma è diverso il concetto, chiunque lo
        scarica vede il logo e pensa che quello è un
        prodotto SUNVoglio vedere che fine faceva openoffice senza i soldi di Sun e il codice della Stardivision.Basta seghe ideologiche.
  • Anonimo scrive:
    e' vero...
    Non si puo' dire che non sia utile il contributo di sun sopratutto su un terreno critico e importante come quello office per la diffusione su larga scala.Tuttavia e' meglio mantenere sempre un atteggiamento critico e di "attenzione" quando si notano degli "scivolamenti" e' decisivo per "la comunita'" mantenere il "controllo" della filosofia di base del movimento GNU e open source (con tutte le differenze tra i due).;-)
    • Anonimo scrive:
      Re: e' vero...
      finche' le decisioni arrivano solo a piazzare il logo SUN nell'about, non vedo il problema. e poi quel logo non fa certo male. Sun e' un marchio di prestigio (secondo me, almeno), averlo nel about fa molto branding :)Pascal
      • Anonimo scrive:
        Re: e' vero...
        - Scritto da: Anonimo
        finche' le decisioni arrivano solo a
        piazzare il logo SUN nell'about, non vedo il
        problema.Il problema è che oggi ti piazzano il marchio, domani chissà cosa.Daccordo che il codice è open, però meglio tenere 2 occhi aperti..
        e poi quel logo non fa certo male.
        Sun e' un marchio di prestigio (secondo me,
        almeno), averlo nel about fa molto brandingQuesto è vero, infatti se Sun l'avesse comunicato non penso che si sarebbe risentito nessuno.
    • Sandro kensan scrive:
      Re: e' vero...
      - Scritto da: Anonimo
      Non si puo' dire che non sia utile il
      contributo di sun sopratutto su un terreno
      critico e importante come quello office per
      la diffusione su larga scala.Vero ma OO.o sta diventando più conosciuto di star office, quindi è bene che la SUN codecida con i mantainer del progetto, d'altronde i progetti che vanno avanti sono quelli sostenuti dalla comunità di sviluppatori e che a sua volta sono usati dagli utenti che si fidano di questo sistema.Se SUN crede di avere i vantaggi di un prodotto commerciale e i vantaggi di un prodotto Libero vuol dire che non ha fatto bene i suoi conti, comunque si tratta di un rapporto da gestire.
      Tuttavia e' meglio mantenere sempre un
      atteggiamento critico e di "attenzione"
      quando si notano degli "scivolamenti" e'
      decisivo per "la comunita'" mantenere il
      "controllo" della filosofia di base del
      movimento GNU e open source (con tutte le
      differenze tra i due).
      ;-)A me non va di avere un'invadenza commerciale su un prodotto gpl o lgpl, i rapporti si vedono dallo splash screen ed è bene che SUN abbia lo spazio che merita ma non di più.Attualmente la mia versione di OO.o, la 1.0, ha uno splash screen tutto originale, non mi abituerei a un'invadenza del marchio SUN.
Chiudi i commenti