Google eBookstore, biblioteca sulle nuvole

Nome nuovo ma stesso progetto per l'esordio nell'editoria di Mountain View. Il servizio comincia ad operare negli Stati Uniti, nei prossimi mesi su molti browser del mondo

Roma – Ha esordito oggi negli Stati Uniti Google eBooks, con il suo eBookstore, già Google Editions , il servizio con cui Mountain View si lancia nel mercato dell’editoria digitale integrando alle opere già digitalizzate con il progetto Google Books, gli ebook di quei piccoli e medi editori e librerie che non godono di store digitali propri come quelli di Amazon, Barnes&Noble e Borders.

Google eBooks rappresenta la piattaforma per la vendita di libri digitali di Mountain View: interamente costruita in the cloud persegue il motto “compra ovunque, leggi ovunque”. I volumi acquistati dagli utenti sono infatti conservati sui server di Google (che diventano una sorta di biblioteca online) che offre “illimitate possibilità di archiviazione”. Adobe Systems ha annunciato che il suo software Content Server 4 assisterà nella gestione dei diritti digitali inerenti, legando i volumi ai singoli account che li hanno acquistati.

Niente download dunque? Non proprio, perché per alcuni volumi, compatibilmente con gli accordi presi da Google con l’editore, sarà possibile scaricare la versione ePub o PDF e così caricarla sul proprio ereader. E anche questa versione si sincronizzerà con quella conservata tra le nuvole . In questo modo se si ha a disposizione una connessione Internet i volumi acquistati possono essere letti effettivamente su qualsiasi dispositivo ( tranne Kindle , eccetto che per gli ebook gratuiti) dal momento che il software eBook Web Reader di Google necessita solo di un browser e garantisce automaticamente l’ultimo punto di lettura.

Per il momento la piattaforma è attiva solo sul mercato statunitense, mentre nel 2011 è prevista l’estensione ad altri paesi . Per Android e iOS, inoltre, saranno anche disponibili app gratuite.

Fra gli editori di cui è già confermata la collaborazione, Random House, Simon&Schuster e Hachette. In totale dovrebbero essere 35mila in tutto il mondo. Varia la percentuale di profitti a essi riservata: sembrerebbe compresa tra il 45 e il 70 per cento. Inoltre Google ha anche avviato una collaborazione con il social network tematico Goodreads .

Per molti testi il servizio online di Google si allinea agli e-reader concorrenti offrendo la possibilità di selezionare il tipo di carattere, la sua dimensione, offrendo opzioni aggiuntive come la modalità di lettura giorno/notte e la scelta dell’interlinea che si preferisce. 

Oltre alla prossima dimensione internazionale, l’ambizioso progetto diventato realtà ha un’altra caratteristica che potrebbe rappresentare un vantaggio competitivo rispetto ai concorrenti: è trasversale non solo per i dispositivi di lettura ma anche nel senso che si possono acquistare i volumi sia tramite la sua piattaforma che nelle sue integrazioni presso i siti di librerie associate come Powell’s Books .

Inoltre, partendo dai libri digitalizzati e delle centinaia di migliaia di volumi digitali gratuiti già compresi in Google Books, il nuovo servizio può vantare un catalogo competitivo , dichiarato da Mountain View superiore ai 4 milioni di libri.

D’altra parte occorrerà verificare se l’esperienza nella ricerca e nell’advertising di Google si vedrà anche nell’ecommerce. E se l’interfaccia e il sistema sviluppati siano facilmente fruibili dagli utenti.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti