Google fa spesa di semantica

Mountain View apre ancora il suo ricco portafogli per acquisire Metaweb e il relativo database Freebase. BigG promette ricerche migliori e più significative per tutti

Roma – Google è in fregola di shopping e acquisizioni , e dopo le informazioni sui viaggi è venuta la volta della ricerca sulle “entità” del mondo reale. Google Inc ha dunque annunciato l’incorporazione di Metaweb , società di San Franscisco che gestisce il database Freebase , incentrato sulla raccolta di dati significativi su persone, cose ed eventi, aperto al contributo di tutti.

Con il suo ultimo acquisto estivo dal valore ancora ignoto, ma certamente superiore ai 75 milioni di dollari in capitali di ventura sin qui raggranellati da Metaweb, Google promette di “migliorare la ricerca e trasformare il web in un posto più ricco e significativo per tutti”. Mountain View intende sfruttare Freebase per arricchire i risultati delle ricerche online oltre la dipendenza dalle keyword e dalla correlazione esistente tra queste.

Le 12 milioni di entità di cui è attualmente composto Freebase non sono semplici keyword ma persone, film, libri, show televisivi, concetti variamente connessi tra loro e arricchiti da una serie di domande e risposte sull’argomento.

L’obiettivo di Google è quindi sfruttare questo patrimonio di informazioni per incrementare il “valore aggiunto” dei risultati delle query di ricerca, aggiungendovi una maggiore quantità di informazioni corrispondenti a fatti reali e documentati.

Stando a quanto sostiene Mountain View, Freebase continuerà a esistere come entità separata rispetto agli altri asset di rete gestiti della società. Google si impegnerà a migliorare ulteriormente il database e a coinvolgere altre aziende nell’arricchimento delle informazioni presenti.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Enjoy with Us scrive:
    Sembra una bomba!
    Se AMD praticasse una politica dei prezzi aggressiva con Ontario potrebbe polverizzare le soluzioni Atom, si parla infatti di livelli prestazionali in campo CPU vicine a quelle dei core 2 duo, quindi nettamente superiori a quelle di Atom e in campo grafico il distacco rispetto alla soluzione intel è probabilmente anche superiore, probabilmente tale soluzione si rivelerà più performante anche degli ULV di intel!Attendo con impazienza di vedere quali siano i consumi reali della nuova piattaforma!
    • coschizza scrive:
      Re: Sembra una bomba!
      gli atom consumano comunque una frazione di w rispetto alle nuove cpu amd quindi sono in una categoria di mercato differente
      • collione scrive:
        Re: Sembra una bomba!
        però dice che farà concorrenza ad atom e tegra, quindi deve per forza consumare poco e magari essere fanlessc'ho provato con un atom ( nvidia ion per la precisione ) ma le temperature senza ventola toccano gli 80°, qualcosa di allucinante
Chiudi i commenti