Google: la Cina è lontana

L'ennesima intrusione nei suoi sistemi non è andata giù ai capi del Googleplex. Che ora minacciano: basta filtri o ce ne andiamo

Roma – A seguito di un’ondata di cyberattacchi che ha avuto la sua origine in Cina e che ha coinvolto diverse aziende in tutto il mondo, Google potrebbe chiudere la propria filiale di Pechino. Lo ha scritto David Drummond, legale di BigG, sul blog ufficiale di Mountain View.

Google avrebbe rilevato diversi tentativi di violazione di alcuni account Gmail registrati da dissidenti e attivisti cinesi : i database, stando ai risultati dell’investigazione avviata subito dopo l’attacco, non sarebbero stati violati. I cracker cinesi sarebbero riusciti a scoprire solo la data di creazione di due caselle di posta, senza potersi spingersi oltre. Tuttavia, come spiega Drummond, questa imponente operazione ha significato per Google anche “il furto di proprietà intellettuale”, oltre che una mancata introduzione clandestina nei suoi server Gmail, per i quali sono state adottate ulteriori misure di sicurezza.

Per BigG questo episodio potrebbe essere la goccia che ha fatto traboccare il vaso e sarebbe quindi pronto a lasciare la Cina chiudendo i suoi uffici di Pechino, licenziando o trasferendo oltre 700 dipendenti e soprattutto rinunciando ad un business da 300 milioni di dollari in uno dei mercati con le più floride prospettive per il futuro.

David Drummond ha scritto che a Mountain View “non sono più disposti a censurare google.cn “. Nelle prossime settimane dovrebbe esserci un incontro con le autorità cinesi, le stesse che mantengono inaccessibile YouTube e che più volte hanno minacciato di tagliare fuori dalla rete cinese il motore di ricerca se non avesse ottemperato alle loro richieste . L’intento di Google sarebbe quello di verificare se e come ripulire la versione cinese del suo search engine dai filtri rispettando comunque la legge locale. Nell’eventualità che ciò non accada google.cn cesserebbe di esistere dopo 4 anni di attività.

C’è chi, come Electronic Frontier Foundation , ha accolto con favore l’aut-aut di Google all’esecutivo cinese auspicando che altre aziende in futuro possano imitare BigG : “Tralasciando le eventuali reazioni da parte delle autorità, non significa che Google svanirà dalla Rete cinese – si legge sul comunicato – ci saranno sempre e comunque molteplici stratagemmi per aggirare la censura di stato e speriamo che Google possa mantenere un motore di ricerca in lingua locale, appoggiato su server al di fuori della Cina se necessario”.

L’approvazione per questa presa di posizione è stata manifestata anche all’interno della Grande Muraglia: “La sorpresa – ha dichiarato Liu Ning, blogger di Pechino – non è tanto la censura o l’attacco quanto la decisione di un’azienda così grande di rompere il silenzio su questo problema. Fino ad ora non si erano mai esposti”.

L’eventuale ritiro dal mercato cinese ovviamente significherebbe lasciare campo libero a Baidu , motore di ricerca Made in China e di gran lunga il più utilizzato dai 344 milioni di netizen locali. Inoltre, secondo le stime di JP Morgan, nel 2010 la divisione cinese di Google potrebbe generare circa 600 milioni di dollari di profitto: milioni che andrebbero in fumo se il paventato ritiro di google.cn dovesse verificarsi.

Difficile capire se si tratti di un bluff o se veramente a Mountain View siano disposti a sacrificare una parte importante del proprio business per i diritti digitali dei cittadini cinesi. Intanto proprio il governo di Pechino avrebbe dato ordine ai media nazionali di affossare alcuni particolari dell’ affaire Google: i reportage di China Daily e delle agenzie Xinhua e China News non menzionano in nessun caso i cyberattacchi denunciati da Drummond come ragione principale di quello che potrebbe essere una fondamentale svolta della politica di BigG sullo scacchiere globale.

Giorgio Pontico

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ephestione scrive:
    basta cominciare dai laptop...
    ...con windows truecrypt e full system encryption, oppure linux e luks; così, se non si può curare l'ingenuità delle persone che li lasciano incustoditi assieme a borsa e caricabatteria, senza neppure sapere cosa sia quel buco chiamato "slot kensington", perlomeno si può ridurre la probabilità che qualcuno ottenga i dati.A meno che ovviamente la password non sia una tra "c***o c**o t***e f**a segreto password datadinascita" o addirittura non sia scritta su un postit appiccicato sul manuale di istruzioni (ovviamente dentro la borsa assieme al caricabatteria...)
  • andy61 scrive:
    ... e tutti i dati persi dal governo ..?
    ... alla fine paga il cittadino ...Per quanto riguarda il settore privato, ciò che si otterrà non è tanto una maggiore attenzione alla protezione dei dati, quanto una maggiore attenzione a nasconderne la perdita ...In aggiunta, verranno tutti qui in Italia a fare dei master sulla professione dello scaricabarile ...:-)
Chiudi i commenti