Google, la salute al polso

Mountain View non perde di vista il settore dell'e-health: sta lavorando a un nuovo dispositivo indossabile per raccogliere dati dei pazienti e trasferirli ai medici

Roma – Il laboratorio d’avanguardia Google X ha sviluppato una nuova fascia da polso per raccogliere diversi dati sulla persona che lo indossa, tra cui la temperatura ed il battito cardiaco.

La nuova idea si aggiunge ai progetti già avviati da Mountain View nel campo biomedico, come le lenti a contatto per misurare il livello di glucosio e tenere sotto controllo il diabete e il suo esperimento di pelle sintetica e braccialetto in grado di individuare l’eventuale presenza di una formazione tumorale, con l’obiettivo di rivoluzionare la medicina diagnostica in campo oncologico. Tutto ciò si distingue dai device Android Wear perché è pensato specificatamente per uso medico: a differenza di Google Fit , dunque, non si limita a tracciare dati superficiali legati all’attività fisica di chi lo utilizza.
La nuova fascia, costruita intorno a sensori per rilevare i dati e quanto necessario per inviarli, è destinata ad essere impiegata da dottori e pazienti per i checkup sanitari , tanto che il dispositivo non è destinato al mercato consumer ed ha un prezzo di circa 1.500 dollari.

L’idea, secondo Andry Conrad, ai vertici del team scientifico di Google, è quello di “arrivare ad una tecnologia in grado di sbloccare una serie di possibilità di monitoraggio e raccolta continua di dati medici”. Individuando l’obiettivo finale del suo progetto, Conrad cita Star Trek ed il Tricorder, in grado di effettuare diagnosi accurate ed immediate.

Questo, naturalmente, solleva diverse questioni legate alla privacy: d’altronde già Apple è stata chiamata a rapporto dalla Federal Trade Commission (per il momento per un confronto e non per un’indagine) per approfondire le modalità con cui la piattaforma HealthKit gestisce i dati relativi alle funzioni biologiche dei suoi utenti raccolti dai dispositivi con la Mela.

Come per le lenti a contatto e per tutti gli altri prodotti medicali, d’altronde, Google dovrebbe essersi rivolta alla Food and Drug Administration per ottenere i primi permessi per condurre i test clinici che dovrebbero iniziare questa estate .

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Nome e cognome scrive:
    Domanda
    Scusate non ho capito bene. Ma Cassandra non era Marco Calamari?Perciò si è intervistato da solo? :| :(
    • ... scrive:
      Re: Domanda
      - Scritto da: Nome e cognome
      Scusate non ho capito bene. Ma Cassandra non era
      Marco
      Calamari?
      Perciò si è intervistato da solo? :| :(se non ci arrivi da solo, spiegartelo e' solo una perdita di tempo.
      • leo scrive:
        Re: Domanda
        Sono d'accordo con te...Perdonami la critica, ma bisognerebbe saper impostare il layout in italiano anche su tastiere estere. Rischiamo di impoverire la nostra lingua se riteniamo " e' " equivalente a " è ".
        • Dubbioso scrive:
          Re: Domanda
          - Scritto da: leo
          Sono d'accordo con te...

          Perdonami NO!Non perdonato!Siccome siamo esseri in grado di applicare la (anzi le) astrazioni possiamo tranquillamente (e liberamente) assumere la convenzione che "è" e "e'" siano del tutto equivalenti.Se non ne siamo capaci (di astrazione) siamo assai limitati.Del resto in questo contesto (web) per rappresentare "è" devi comunque ricorrere a una sequenza (encoding) che rappresenta solo in modo (appunto convenzionale e astratto "è").Nella realtà di questo contesto (e senza astrazione e convenzione) "è" è tutt'altro che "è"...Poi ci sono quelli che pretendono di fabbricare scarpini per le pulci...E in realtà non lo sanno assolutamente fare...Fortunatamente possiamo permetterci "il lusso" di ignorarli o prenderli per il c prenderli in giro....
Chiudi i commenti