Google Maps, 100 miglioramenti grazie all'IA

Google Maps, 100 miglioramenti grazie all'IA

Google Maps preannuncia oltre 100 miglioramenti sulle proprie mappe entro il 2021 grazie all'apporto dell'IA: nuove opzioni per scegliere i percorsi.
Google Maps preannuncia oltre 100 miglioramenti sulle proprie mappe entro il 2021 grazie all'apporto dell'IA: nuove opzioni per scegliere i percorsi.

Google Maps lancia la promessa: entro la prossima annata introdurrà sulle proprie mappe oltre 100 migliorie in gran parte messe a punto grazie all'Intelligenza Artificiale. Dopo aver assemblato un numero sempre maggiore di informazioni, trasformando le mappe in un riferimento ricchissimo per quanti si stanno spostando ed hanno bisogno di trovare qualcosa sul territorio, ora sarà l'intelligenza di bordo ad offrire un vantaggio esclusivo grazie a nuove possibilità di scelta, nuovi servizi e nuovi modi di utilizzare l'app durante i propri spostamenti.

Tra le principali novità:

Orientarsi negli ambienti interni grazie a Live View

Quante volte vi siete trovati in un aeroporto o una stazione senza sapere dove andare per arrivare al vostro imbarco o al vostro treno? Quante volte vi siete guardati attorno smarriti, in cerca di un qualche riferimento o persi all'interno di una segnaletica vetusta o confusionaria? Google Maps vuole diventare una guida valida anche all'interno, laddove la ricerca si fa capillare e dove l'utente sta andando verso una direzione precisa. Rollout? Progressivo, fino a raggiungere tutto il mondo.

Se state per prendere un aereo o un treno, Live View può aiutarvi a trovare le scale mobili o l’ascensore più vicini, il gate, il binario, il ritiro bagagli, il banco del check-in, la biglietteria, i bagni, gli sportelli bancomat e molto altro. Frecce e indicazioni vi indicheranno la direzione giusta. Se invece dovete ritirare qualcosa in un centro commerciale, potete usare Live View per vedere a che piano si trova il negozio e come raggiungerlo più velocemente. La funzionalità Live View per ambienti interni è disponibile su Android e iOS in alcuni centri commerciali di Chicago, Long Island, Los Angeles, Newark, San Francisco, San Jose e Seattle. Nei prossimi mesi sarà disponibile anche in aeroporti, centri commerciali e stazioni per il trasporto pubblico selezionati a Tokyo e Zurigo, per poi arrivare anche in molte altre città.

Pianificare gli spostamenti

Nei processi di pianificazione di uno spostamento, subentra ora un ingrediente in più per fornire consigli ancor più precisi: il meteo. Fin qui, infatti, soltanto lunghezza e tempi di percorrenza venivano usati da Maps per calibrare il miglior percorso in base a partenza e arrivo; ora, invece, anche il Meteo può offrire informazioni fondamentali che consentano di scegliere quando partire, che strada fare e se rinviare. Al meteo si aggiunge inoltre la qualità dell'aria, ulteriore elemento che diventa disponibile durante le proprie pianificazioni e che risulta pertanto utile per chi ne fa una discriminante (ad esempio per questioni allergiche).

Mobilità sostenibile

Meglio il percorso più corto, quello più rapido o quello più sostenibile? Questa terza opzione, infatti, sarà a disposizione per quanti vogliano intraprendere non soltanto scelte comode, ma anche intelligenti:

Presto Google Maps mostrerà in maniera predefinita il percorso con il minor impatto ambientale quando l’orario di arrivo stimato è lo stesso del percorso più veloce. Nei casi in cui il percorso più sostenibile aumenti sensibilmente l’orario di arrivo previsto, vi permetteremo di confrontare l’impatto di CO2 di entrambi i percorsi in modo che siate voi a scegliere. Preferite che vi venga indicato sempre il percorso più veloce? Nessun problema: basterà modificare le vostre preferenze in Impostazioni. Questa funzionalità verrà lanciata negli Stati Uniti su Android e iOS nel corso dell’anno per poi espandersi a livello globale.

Le mappe, inoltre, segnaleranno le strade presso le quali il proprio veicolo non ha la possibilità di andare, consentendo così ricerche mirate che fanno uso delle limitazioni basate proprio su questo tipo di vincoli del tessuto urbano.

Ritiro della spesa all'esterno

Sulle mappe compariranno progressivamente quelle catene e quei negozi che consegnano a domicilio o che offrono i ritiri all'esterno: così Google vuol premiare quegli esercenti che in epoca di pandemia hanno cercato alternative e offerto soluzioni per i propri clienti, trovando il modo di mettere a disposizione i propri servizi pur nella massima tutela della salute collettiva. Si parte dagli States, poi il servizio sarà esteso a tutto il mondo.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

30 03 2021
Link copiato negli appunti