Google, medico sulla fiducia

Grazie a BigG sarà possibile scoprire sul web le cause e le cure dei sintomi di certi malesseri. Google però avverte: non siamo medici

Roma – Da ora in poi cercando un sintomo su Google, in numerose occasioni verrà visualizzato un elenco di condizioni di salute che potranno essere utilizzate per affinare la ricerca e capire qual è la causa del malessere.

Ad esempio, digitando “tosse notturna” potrebbe comparire un elenco con una serie di condizioni per lo più correlate con il sintomo che permetteranno di capire meglio da cosa deriva e come si cura questo malanno.

“La lista viene generata dai nostri algoritmi che analizzano i dati delle pagine in tutto il web” spiega in un post Roni Zeiger, Chief Health Strategist di Google.
BigG però avverte: l’elenco non è scritto da medici e non dovrebbe essere considerato come se fosse il parere di un vero dottore.

Non è la prima volta che Google ha a che fare con la sanità. Molte persone si rivolgono a BigG per cercare notizie relative a problemi di salute o malattie vere e proprie. L’azienda ringrazia, si dice “lusingata” e promette: “stiamo lavorando duramente per rendere i nostri risultati ancora più utili per le ricerche sulla salute”.

Gabriella Tesoro

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Francesco Ahmed scrive:
    Libre Office penoso per le presentazioni
    Ok: MS Office ha dovuto aspettare la versione 2011 per avere una buona versione di PowerPoint, ma ora ce l'ha. Presentazioni fluide, effetti e transizioni veramente "smooth".Impress di LibreOffice/Openoffice, purtroppo, è ancora lontana da questo obiettivo.
  • Cavallo Pazzo scrive:
    contro corrente
    Direte che sono matto, in realtà sono solo pazzo, ma vedrete che LibreOffice inizierà a diventare serio quando si deciderà a rinnovare la propria interfaccia grafica, spesso gli smanettoni snobbano la GUI argomentando che quello che conta è solo il codice, ma gli smanettoni sono solo smanettoni, un progetto serio, che mira alla qualità non relativizza l'aspetto estetico e il cosiddeto "user-friendly", il fatto che l'interfaccia sia ancora quella tipica del secolo scorso significa che libreoffice è tuttora retaggio degli smanettoni... con tutto il rispetto e l'ammirazione per gli smanettoni, però non è certo sul loro lavoro che affido il mio lavoro.Non dico che LibreOffice debba per forza passare al ribbon (la cosa non mi dispiacerebbe) ma almeno uno sforzo per trovare qualcosa di innovativo e funzionale, potrebbero proporlo...
    • panda rossa scrive:
      Re: contro corrente
      - Scritto da: Cavallo Pazzo
      con tutto il
      rispetto e l'ammirazione per gli smanettoni, però
      non è certo sul loro lavoro che affido il mio
      lavoro.Bravo! Tu si che la sai lunga.Affida il tuo lavoro a markettari e avvocati.E la prossima volta che ti dovesse capitare di finire in ospedale, assicurati che il chirurgo abbia la cravatta intonata coi calzini, mi raccomando.Perche' la qualita' si misura dall'estetica, mica dall'efficienza.
      • pippo75 scrive:
        Re: contro corrente

        Bravo! Tu si che la sai lunga.
        Affida il tuo lavoro a markettari e avvocati.su lo vogliono diffondere alle messa non hanno altra scelta.La gente la attiri con le caramelle non con i transistor.

        E la prossima volta che ti dovesse capitare di
        finire in ospedale, assicurati che il chirurgo
        abbia la cravatta intonata coi calzini, mi
        raccomando.Mi piacerebbe sapere il nesso tra un programma di scrittura ed un chirurgo.Comunque dubito di trovare Patch Adams.
        • doc allegato velenoso scrive:
          Re: contro corrente

          La gente la attiri con le caramelle non con i
          transistor.con le caramelle attiri più che altro le scimmie
        • panda rossa scrive:
          Re: contro corrente
          - Scritto da: pippo75

          Bravo! Tu si che la sai lunga.

          Affida il tuo lavoro a markettari e avvocati.

          su lo vogliono diffondere alle messa non hanno
          altra
          scelta.

          La gente la attiri con le caramelle non con i
          transistor.




          E la prossima volta che ti dovesse capitare
          di

          finire in ospedale, assicurati che il
          chirurgo

          abbia la cravatta intonata coi calzini, mi

          raccomando.

          Mi piacerebbe sapere il nesso tra un programma di
          scrittura ed un
          chirurgo.Hai parlato di smanettoni, dicendo che mai e poi mai affideresti il tuo business ad un tecnico che bada al sodo e sa dove mettere le mani, preferendo magari un bel consulente incravattato, dalla lingua lunga.Mi chiedevo se pure per i dottori hai le stesse prefereze: un bel docente di medicina generale che non ha mai messo piede in una sala operatoria, o un chirurgo di pronto soccorso che fa fino a 4 interventi al giorno.
    • MacGeek scrive:
      Re: contro corrente
      - Scritto da: Cavallo Pazzo
      Direte che sono matto, in realtà sono solo pazzo,
      ma vedrete che LibreOffice inizierà a diventare
      serio quando si deciderà a rinnovare la propria
      interfaccia grafica, spesso gli smanettoni
      snobbano la GUI argomentando che quello che conta
      è solo il codice, ma gli smanettoni sono solo
      smanettoni, un progetto serio, che mira alla
      qualità non relativizza l'aspetto estetico e il
      cosiddeto "user-friendly", il fatto che
      l'interfaccia sia ancora quella tipica del secolo
      scorso significa che libreoffice è tuttora
      retaggio degli smanettoni... con tutto il
      rispetto e l'ammirazione per gli smanettoni, però
      non è certo sul loro lavoro che affido il mio
      lavoro.
      Non dico che LibreOffice debba per forza passare
      al ribbon (la cosa non mi dispiacerebbe) ma
      almeno uno sforzo per trovare qualcosa di
      innovativo e funzionale, potrebbero
      proporlo...Ribbon è un buon motivo per passare ad OpenOffice ;)Ma potendo scegliere, iWork ha l'interfaccia di gran lunga migliore.
    • pruriginoso scrive:
      Re: contro corrente
      Ribbon su monitor da 16:9 (tutti ormai) non ti dispiacerebbe?Un'interfaccia che si mangia metà della risoluzione verticale merita solo l'oblio.- Scritto da: Cavallo Pazzo
      Non dico che LibreOffice debba per forza passare
      al ribbon (la cosa non mi dispiacerebbe) ma
      almeno uno sforzo per trovare qualcosa di
      innovativo e funzionale, potrebbero
      proporlo...
      • Polipo scrive:
        Re: contro corrente
        - Scritto da: pruriginoso
        Ribbon su monitor da 16:9 (tutti ormai) non ti
        dispiacerebbe?
        Un'interfaccia che si mangia metà della
        risoluzione verticale merita solo
        l'oblio.Bhè, ad aggiungere righe di pulsanti si arriva lo stesso a mangiare tanto spazio quanto la ribbon. Quest'ultima poi si può nascondere e tante cose le hai dai menù contestuali, ad esempio la formattazione del testo, il carattere ecc su office la hai appena evidenzi del testo o al massimo facendo tasto destro del mouse.Io con la ribbon mi trovo bene e su un buon monitor non ci vedo tutta sta occupazione di spazio.Detto questo devo dire che avere qualche migliaio di client ed una suite d'ufficio più che decorosa aggiornata uguale su tutti i client non mi dispiace per niente e rinuncio anche alla ribbon. La cosa peggiore per me è avere 100 client con office 2000, 200 con office xp, 150 con xp small business, altri 100 con 2003 standard, 50 con 2003 professional, e poi i 2007 e i 2010.... non ho problemi di compatibilità di documenti, però ho problemi nell'assistenza agli utenti e nella gestione patch.Le soluzioni di licenza MS sono troppo onerose, alla fine la cosa più conveniente a mio avviso sarebbe la software assurance ma se durasse alemno 5 anni e non 3 (mi sembra sia 3 adesso). Poi dove lavoro io mi arriva pure il questionario MS ogni due anni dove con toni poco gentili ti chiedono la compilazione di tutte le versione oem che hai, compresi 5 numeri di licenza.... ma scherziamo?Io apprezzo i prodotti ms (chi più chi meno), ma stanno alzando troppo il tiro. Non sono un esperto in materia ma secondo me, costasse 50 euro a licenza, l'office l'avrebbero tutti, ma proprio tutti tutti, poichè in azienda i prezzi vanno dai 250 in su allora uno inizia a pensarci tre volte su cosa usare.
        • Sgabbio scrive:
          Re: contro corrente
          - Scritto da: Polipo
          - Scritto da: pruriginoso

          Ribbon su monitor da 16:9 (tutti ormai) non
          ti

          dispiacerebbe?

          Un'interfaccia che si mangia metà della

          risoluzione verticale merita solo

          l'oblio.


          Bhè, ad aggiungere righe di pulsanti si arriva lo
          stesso a mangiare tanto spazio quanto la ribbon.
          Quest'ultima poi si può nascondere e tante cose
          le hai dai menù contestuali, ad esempio la
          formattazione del testo, il carattere ecc su
          office la hai appena evidenzi del testo o al
          massimo facendo tasto destro del
          mouse.
          Io con la ribbon mi trovo bene e su un buon
          monitor non ci vedo tutta sta occupazione di
          spazio.
          Detto questo devo dire che avere qualche migliaio
          di client ed una suite d'ufficio più che decorosa
          aggiornata uguale su tutti i client non mi
          dispiace per niente e rinuncio anche alla ribbon.
          La cosa peggiore per me è avere 100 client con
          office 2000, 200 con office xp, 150 con xp small
          business, altri 100 con 2003 standard, 50 con
          2003 professional, e poi i 2007 e i 2010.... non
          ho problemi di compatibilità di documenti, però
          ho problemi nell'assistenza agli utenti e nella
          gestione
          patch.
          Le soluzioni di licenza MS sono troppo onerose,
          alla fine la cosa più conveniente a mio avviso
          sarebbe la software assurance ma se durasse
          alemno 5 anni e non 3 (mi sembra sia 3 adesso).

          Poi dove lavoro io mi arriva pure il questionario
          MS ogni due anni dove con toni poco gentili ti
          chiedono la compilazione di tutte le versione oem
          che hai, compresi 5 numeri di licenza.... ma
          scherziamo?

          Io apprezzo i prodotti ms (chi più chi meno), ma
          stanno alzando troppo il tiro. Non sono un
          esperto in materia ma secondo me, costasse 50
          euro a licenza, l'office l'avrebbero tutti, ma
          proprio tutti tutti, poichè in azienda i prezzi
          vanno dai 250 in su allora uno inizia a pensarci
          tre volte su cosa
          usare.In tutta sincerità anche per uso domestico, hanno cominciato ad alzare il tiro con i prezzi, senza tanti complimenti. Uno si chiede come fa una persona a spendere tanti soldi per una suit d'uffico.Fortuna che esisono delle buone alternative a office.
          • Polipo scrive:
            Re: contro corrente


            In tutta sincerità anche per uso domestico, hanno
            cominciato ad alzare il tiro con i prezzi, senza
            tanti complimenti. Uno si chiede come fa una
            persona a spendere tanti soldi per una suit
            d'uffico.
            Fortuna che esisono delle buone alternative a
            office.Mi sembra che ci sia la versione home & student che sia abbastanza economica ed ha tutto ma potrei ricordare male. Sono certo invece che esiste su certi pc di "marca" la Office Starter che ha solo word ed excel, non so se siano castrati nelle funzionalità.Io personalmente uso libreoffice anche a casa per quello che serve a me.
    • James Kirk scrive:
      Re: contro corrente
      Purtroppo quel che dici è in buona parte vero, ma più che altro Office sembra migliore ad una prima occhiata, principalmente perchè l'interfaccia è più curata da un punto di vista estetico. Per l'uso O_o (non ho mani installato L_o) è come Office 2003.Veniamo alla Ribbon: Uso Office dal '92 e li ho visti tutti e trovo la Ribbon comoda per alcune cose e scomoda per altre. Qualcosa hanno migliorato con la 2010 in quanto è configurabile, ma forse per abitudine, io preferisco i vecchi menu a tendina perchè con essi trovo subito tutti i comandi, inclusi quelli meno noti che con la ribbon è faticoso trovare.In conclusione per me la Ribbon serve più a fare impressione estetica sul neofita che non a facilitare l'uso dei programmi.Personalmente, a causa anche della politica dei prezzi di M$ che non vende più le versioni aggiornamento, sto migrando alle suite Open e mi trovo benissimo. Anche sui PC di famiglia ho messo O_o e nessuno ha avuto nulla da dire.Quanto a L_o lo proverò tra un paio di release minori, quando anche i bug saranno risolti.
  • ruppolo scrive:
    "più pulito e più leggero"
    Strano concetto di leggero: La versione precedente (per OS X) pesa 173MB, quella attuale 200MB. A parte questo dettaglio markettaro, dal punto di vista dell'interfaccia questo software fa pena.Quanto ai bug, la versione, secondo loro stabile e definitiva 3.4.5, ha un bug per cui non si riesce a scrollare la pagina prendendo il cursore e spostandolo col mouse. Per scrollare un foglio elettronico di qualche migliaio di righe bisogna farlo a pagine, pazientando minuti. Bug indegni anche per una beta.
    • FDG scrive:
      Re: "più pulito e più leggero"
      - Scritto da: ruppolo
      A parte questo dettaglio markettaro, dal punto di
      vista dell'interfaccia questo software fa pena.Su questo sono d'accordo. Però preferisco prima che lavorino sul codice per dargli una bella ripulita. Da sviluppatore so che è meglio avere codice maneggevole per fare sviluppi significativi.
      Quanto ai bug...Appen aggiornato il 3.5. Ecco l'effetto che si ottiene ridimensionando la finestra di avvio:[img]http://p.twimg.com/Als12AZCIAE0KWn.jpg[/img]Detto questo, personalmente faccio il tifo per loro.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 15 febbraio 2012 15.25-----------------------------------------------------------
      • Sgabbio scrive:
        Re: "più pulito e più leggero"
        In effetti, meglio sistemare il motore a dovere, poi si pensa alla carrozzeria, anche se paragonare una gui, con una carrozzeria, mi sembra una cosa avventata.io invece preferisco Libreoffice/openoffice a MS Office, per 2 ragioni:1) Non costa un organo interno a piacere2) Essendo gratuito, non sono eventualmente "obbligato" a cercare crack varie ed eventuali.Un' altra cosa, a differenza di Office è realmente multi piattaforma.
      • Cavallo Pazzo scrive:
        Re: "più pulito e più leggero"
        Segnala il bug alla fondazione, daranno anche a te un attestato! (sempre che con la loro suite riescano a stamparlo...)
      • Max-B scrive:
        Re: "più pulito e più leggero"
        - Scritto da: FDG
        Quanto ai bug...

        Appen aggiornato il 3.5. Ecco l'effetto che si
        ottiene ridimensionando la finestra di
        avvio:Serve a poco segnalare i bug nei commenti di PI. Molto più utile segnalarli al team di sviluppo di LibreOffice:http://wiki.documentfoundation.org/BugReport
        Detto questo, personalmente faccio il tifo per
        loro.Anche io.Ciao,Max-B-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 15 febbraio 2012 17.36-----------------------------------------------------------
      • pippo75 scrive:
        Re: "più pulito e più leggero"

        Su questo sono d'accordo. Però preferisco prima
        che lavorino sul codice per dargli una bella
        ripulita. Da sviluppatore so che è meglio avere
        codice maneggevole per fare sviluppi
        significativi.gusti, personalmente non mi dispiace.
        [img]http://p.twimg.com/Als12AZCIAE0KWn.jpg[/img]

        Detto questo, personalmente faccio il tifo per
        loro.sia per il foglio di calcolo che per il ridimensionamento della finestra al momento non ho trovato bug.Mi è capitato invece un problema ( ma non sempre ) con gli elenchi puntati.Per quanto riguarda l'aumento di dimensione, sarei curioso di sapere il motivo.
        • Sgabbio scrive:
          Re: "più pulito e più leggero"
          - Scritto da: pippo75
          Per quanto riguarda l'aumento di dimensione,
          sarei curioso di sapere il
          motivo.Installer attuale e compresso meno? Oppure la contro parte grafica e più "pesante"... non saprei dire.
      • ukay scrive:
        Re: "più pulito e più leggero"
        guarda che quella roba lì del ridimensionamento la fa solo a te :)provato adesso su ubuntu 10.04, libreoffice 3.5.
    • panda rossa scrive:
      Re: "più pulito e più leggero"
      - Scritto da: ruppolo
      Strano concetto di leggero: La versione
      precedente (per OS X) pesa 173MB, quella attuale
      200MB.Ci sara' qualche artwork in piu'. Non credo proprio che quella differenza sia tutta codice.
      A parte questo dettaglio markettaro, dal punto di
      vista dell'interfaccia questo software fa
      pena.

      Quanto ai bug, la versione, secondo loro stabile
      e definitiva 3.4.5, ha un bug per cui non si
      riesce a scrollare la pagina prendendo il cursore
      e spostandolo col mouse. Per scrollare un foglio
      elettronico di qualche migliaio di righe bisogna
      farlo a pagine, pazientando minuti. Bug indegni
      anche per una
      beta.Ruppolo????Ma tu ti metti a scrollare un foglio elettronico di qualche migliaio di pagine?E per farci che cosa?Per vedere quanto sono belli i numeri?Un foglio di qualunque dimensione che superi la grandezza dello schermo, non lo scrolli. Effettui ricerche! O filtri per i risultati che ti interessano!
    • Max-B scrive:
      Re: "più pulito e più leggero"
      Ciao!- Scritto da: ruppolo
      A parte questo dettaglio markettaro, dal punto di
      vista dell'interfaccia questo software fa
      pena.Opinione personale, priva di argomentazioni e poco costruttiva.
      Quanto ai bug, la versione, secondo loro stabile
      e definitiva 3.4.5, ha un bug per cui non si
      riesce a scrollare la pagina prendendo il cursore
      e spostandolo col mouse. Per scrollare un foglio
      elettronico di qualche migliaio di righe bisogna
      farlo a pagine, pazientando minuti. Bug indegni
      anche per una
      beta.Hanno fatto 30.000 commit al codice, magari hanno corretto anche questo bug, sempre che sia è stato segnalato attraverso i canali ufficiali.La Document Fountation ci sta regalando un software che possiamo usare senza limiti su tutti i nostri computer. Se vogliamo lo possiamo ridistribuire senza violare la legge, possiamo studiarne il codice e modificarlo. Poiché si sta parlando di software libero io penso che, come minimo, sia doveroso criticare in modo costruttivo, perché in ogni caso l'alternativa mi sembra molto peggio.Ciao,Max-B-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 15 febbraio 2012 15.41-----------------------------------------------------------
      • Matrix scrive:
        Re: "più pulito e più leggero"
        si vede che non conosci ruppolo. Lui denigra libreoffice e compagnia bella solo per dire che i programmi a pagamento per mac sono i migliori. Che se li compri pure e non rompa più le scatole.
        • Sgabbio scrive:
          Re: "più pulito e più leggero"
          - Scritto da: Matrix
          si vede che non conosci ruppolo. Lui denigra
          libreoffice e compagnia bella solo per dire che i
          programmi a pagamento per mac sono i migliori.
          Che se li compri pure e non rompa più le
          scatole.Bhe oddio l'interfaccia di iwork fa sfigurare libreoffice, questo va detto.
  • Polipo scrive:
    Re: Distribuzione Centralizzata


    Su linux queste funzionalita' sono talmente ovvie
    ed integrate nel sistema; ormai solo su windows
    e' necessario dare una mano al SO con programmi
    di 3'
    parti.Mi potresti linkare una guida che mi indichi come installare LibreOffice in una rete linux gentilmente? Scusa ma non sono molto pratico, mi affido a te.grazie
    • RokiBilboa scrive:
      Re: Distribuzione Centralizzata
      E' sufficiente una guida bash. Dal tuo server fai un ciclo for su tutte le macchine della rete a cui fare eseguire un comando - in questo caso l'installazione.Ad esempio se sulla tua rete usi una distribuzione rpm-based puoi fare una cosa del genere:for i in (10 11 12 13 14 15); do ssh zoot@192.168.5.$i 'yum -y install libreoffice'; doneCome passo successivo puoi installare dei certificati per evitare di inserire la passwd con ssh - dai un'occhiata qui http://www.csua.berkeley.edu/~ranga/notes/ssh_nopass.htmlOvviamente questo metodo funziona benissimo per una piccola rete - immagino ad esempio un'aula multimediale in una struttura formativaPer infrastrutture più grandi poi potrai cercare, e certamente ne saranno disponibili, soluzioni grafiche magari web-based.Ma iniziare con la linea di comando è certamente: - più semplice di quanto sembri - a costo nullo - altamente formativo - ti permette di capire cosa c'è "sotto il cofano", competenza che oggi giorno in un mondo di interfacce point & click in cui i software si interfacciano tra di loro in modi "misteriosi", ti fornisce un livello di consapevolezza che risulta essere quasi un privilegio, ma anche un forte valore aggiunto anche nell'uso di questi ultimi. Ovvero, detto in altri termini, chi capisce bene cosa fa, lo fa meglio e tende a sbagliare molto di meno.
      • attonito scrive:
        Re: Distribuzione Centralizzata
        - Scritto da: RokiBilboa
        E' sufficiente una guida bash. a questo punto della lettura, il 90% dei lettori ha avuto un collasso cerebrale con conseguente morte. Sei un asssassino!
        • sbrotfl scrive:
          Re: Distribuzione Centralizzata
          - Scritto da: attonito
          - Scritto da: RokiBilboa

          E' sufficiente una guida bash.

          a questo punto della lettura, il 90% dei lettori
          ha avuto un collasso cerebrale con conseguente
          morte. Sei un
          asssassino!Sicuro che sia un male ciò che ha fatto? :)
          • attonito scrive:
            Re: Distribuzione Centralizzata
            - Scritto da: sbrotfl
            - Scritto da: attonito

            - Scritto da: RokiBilboa


            E' sufficiente una guida bash.



            a questo punto della lettura, il 90% dei
            lettori

            ha avuto un collasso cerebrale con
            conseguente

            morte. Sei un

            asssassino!

            Sicuro che sia un male ciò che ha fatto? :)ASSOLUTAMENTE no! stiamo piu' larghi :D
        • panda rossa scrive:
          Re: Distribuzione Centralizzata
          - Scritto da: attonito
          - Scritto da: RokiBilboa

          E' sufficiente una guida bash.

          a questo punto della lettura, il 90% dei lettori
          ha avuto un collasso cerebrale con conseguente
          morte. Sei un
          asssassino!Il 90% dei lettori non mi pare che amminisri una piccola rete.
      • Polipo scrive:
        Re: Distribuzione Centralizzata
        - Scritto da: RokiBilboa
        E' sufficiente una guida bash. Dal tuo server fai
        un ciclo for su tutte le macchine della rete a
        cui fare eseguire un comando - in questo caso
        l'installazione.

        Ad esempio se sulla tua rete usi una
        distribuzione rpm-based puoi fare una cosa del
        genere:

        for i in (10 11 12 13 14 15); do ssh
        zoot@192.168.5.$i 'yum -y install libreoffice';
        done

        Come passo successivo puoi installare dei
        certificati per evitare di inserire la passwd con
        ssh - dai un'occhiata qui
        http://www.csua.berkeley.edu/~ranga/notes/ssh_nopa

        Ovviamente questo metodo funziona benissimo per
        una piccola rete - immagino ad esempio un'aula
        multimediale in una struttura
        formativa

        Per infrastrutture più grandi poi potrai cercare,
        e certamente ne saranno disponibili, soluzioni
        grafiche magari
        web-based.

        Ma iniziare con la linea di comando è certamente:
        - più semplice di quanto sembri
        - a costo nullo
        - altamente formativo
        - ti permette di capire cosa c'è "sotto il
        cofano", competenza che oggi giorno in un mondo
        di interfacce point & click in cui i software si
        interfacciano tra di loro in modi "misteriosi",
        ti fornisce un livello di consapevolezza che
        risulta essere quasi un privilegio, ma anche un
        forte valore aggiunto anche nell'uso di questi
        ultimi. Ovvero, detto in altri termini, chi
        capisce bene cosa fa, lo fa meglio e tende a
        sbagliare molto di
        meno.Ti ringrazio per la risposta. Io sono esperto in reti windows e group policy, con linux smanetto ma, sinceramente parlando, non posso dire di essere un esperto.Quello che tu mi hai scritto è ottimo, sicuramente perfezionabile ma ottimo. Il dubbio è questo però: ma con yum da dove scarica libreoffice? posso configurare un repository centralizzato immagino, ad esempio con le group policy lo installo da una cartella condivisa.
        • collione scrive:
          Re: Distribuzione Centralizzata
          - Scritto da: Polipo
          Quello che tu mi hai scritto è ottimo,
          sicuramente perfezionabile ma ottimo. Il dubbio è
          questo però: ma con yum da dove scarica
          libreoffice? posso configurare un repository
          centralizzato immagino, ad esempio con le group
          policy lo installo da una cartella
          condivisa.sotto linux è da sempre ammessa la possibilità di creare dei propri repository in locale ed utilizzarli per l'installazione degli applicativi
          • schiatt scrive:
            Re: Distribuzione Centralizzata
            io faccio così, le poche volte che devo installare roba non presente nei repository ufficiali. La mia cartella scaricati è diventato anche repository
          • Polipo scrive:
            Re: Distribuzione Centralizzata


            sotto linux è da sempre ammessa la possibilità di
            creare dei propri repository in locale ed
            utilizzarli per l'installazione degli
            applicativiGrazie per la risposta
        • vuoto scrive:
          Re: Distribuzione Centralizzata

          Quello che tu mi hai scritto è ottimo,
          sicuramente perfezionabile ma ottimo. Il dubbio è
          questo però: ma con yum da dove scarica
          libreoffice? posso configurare un repository
          centralizzato immagino, ad esempio con le group
          policy lo installo da una cartella
          condivisa.Per quanto riguarda debian c'e' apt-cacher-ng che ti permette di scaricare i pacchetti una sola volta.Personalmente la facevo ancora piu' facile, una riga in rc.local che fa rsync da una directory dove mettevo i pacchetti .deb da installare, presi, quindi con tutte le dipendenze già a posto, da /var/cache/apt/archivesa memoriarsync user@host:/dirConIDeb /tmp/debs && dpkg -i /tmp/debs/*.debCon le chiavi ssh non serve neanche la password.se hai situazioni piu' complesse c'e' roba tipohttp://m23.sourceforge.net/PostNuke-0.750/html/index.phpo clearOS per distro stile redhat che e' ancora piu' carinoo fatti tu la tua distro live netbootata
          • Polipo scrive:
            Re: Distribuzione Centralizzata


            Per quanto riguarda debian c'e' apt-cacher-ng che
            ti permette di scaricare i pacchetti una sola
            volta.

            Personalmente la facevo ancora piu' facile, una
            riga in rc.local che fa rsync da una directory
            dove mettevo i pacchetti .deb da installare,
            presi, quindi con tutte le dipendenze già a
            posto, da
            /var/cache/apt/archives

            a memoria
            rsync user@host:/dirConIDeb /tmp/debs && dpkg -i
            /tmp/debs/*.deb

            Con le chiavi ssh non serve neanche la password.

            se hai situazioni piu' complesse c'e' roba tipo
            http://m23.sourceforge.net/PostNuke-0.750/html/ind
            o clearOS per distro stile redhat che e' ancora
            piu'
            carino
            o fatti tu la tua distro live netbootatagrazie per la risposta
          • Polipo scrive:
            Re: Distribuzione Centralizzata

            o clearOS per distro stile redhat che e' ancora
            piu'
            carinoscusa, clear os mi sembra una distro per firewall/proxy. Io uso pfsense. Ho letto male?grazie
          • vuoto scrive:
            Re: Distribuzione Centralizzata
            - Scritto da: vuoto

            Quello che tu mi hai scritto è ottimo,

            sicuramente perfezionabile ma ottimo. Il dubbio
            è

            questo però: ma con yum da dove scarica

            libreoffice? posso configurare un repository

            centralizzato immagino, ad esempio con le group

            policy lo installo da una cartella

            condivisa.

            Per quanto riguarda debian c'e' apt-cacher-ng che
            ti permette di scaricare i pacchetti una sola
            volta.

            Personalmente la facevo ancora piu' facile, una
            riga in rc.local che fa rsync da una directory
            dove mettevo i pacchetti .deb da installare,
            presi, quindi con tutte le dipendenze già a
            posto, da
            /var/cache/apt/archives

            a memoria
            rsync user@host:/dirConIDeb /tmp/debs && dpkg -i
            /tmp/debs/*.debrsync -avz
        • say no scrive:
          Re: Distribuzione Centralizzata
          - Scritto da: Polipo
          - Scritto da: RokiBilboa

          E' sufficiente una guida bash. Dal tuo
          [...] Ti ringrazio per la risposta. Io sono esperto in
          reti windows e group policy, con linux smanetto
          ma, sinceramente parlando, non posso dire di
          essere un esperto.
          Quello che tu mi hai scritto è ottimo,mah...
          sicuramente perfezionabile ma ottimo. Il dubbio è
          questo però: ma con yum da dove scarica
          libreoffice? posso configurare un repository
          centralizzato immagino, ad esempio con le group
          policy lo installo da una cartella
          condivisa.appunto... mi sa che sei molto più esperto tu dell'"esperto"...
          • krane scrive:
            Re: Distribuzione Centralizzata
            - Scritto da: say no
            - Scritto da: Polipo

            - Scritto da: RokiBilboa


            E' sufficiente una guida bash. Dal tuo

            [...]

            Ti ringrazio per la risposta. Io sono esperto in

            reti windows e group policy, con linux smanetto

            ma, sinceramente parlando, non posso dire di

            essere un esperto.


            Quello che tu mi hai scritto è ottimo,

            mah...


            sicuramente perfezionabile ma ottimo. Il dubbio
            è

            questo però: ma con yum da dove scarica

            libreoffice? posso configurare un repository

            centralizzato immagino, ad esempio con le group

            policy lo installo da una cartella

            condivisa.

            appunto... mi sa che sei molto più esperto tu
            dell'"esperto"...Ma se gli e' stato risposto ! Forse sei tu che non hai gli strumenti per capire la risposta, Polipo l'ha capita.
      • say no scrive:
        Re: Distribuzione Centralizzata
        - Scritto da: RokiBilboa
        E' sufficiente una guida bash. Dal tuo server fai
        un ciclo for su tutte le macchine della rete a
        cui fare eseguire un comando - in questo caso
        l'installazione.

        [...]mettere su un repository interno e pare installare/aggiornare i sw sui client da lì, no?anche perché in un dominio gestito immagino non ci sia da installare/aggiornare solo LO ma anche un bel botto di altri sw...
        • panda rossa scrive:
          Re: Distribuzione Centralizzata
          - Scritto da: say no
          - Scritto da: RokiBilboa

          E' sufficiente una guida bash. Dal tuo server
          fai

          un ciclo for su tutte le macchine della rete a

          cui fare eseguire un comando - in questo caso

          l'installazione.



          [...]

          mettere su un repository interno e pare
          installare/aggiornare i sw sui client da lì,
          no?E' stata gia' data alle 12:57 questa risposta.http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3440170&m=3441409#p3441409
  • KeS scrive:
    Grandi...
    FancIu Oracle!!!
  • Sgabbio scrive:
    non riesco ad installarlo
    la 3.5 non vuole installarsi, dice che è in escuzione la 3.4 o il quickstar, ma quest'ultimo lo disabilito sempre....
    • Ubunto scrive:
      Re: non riesco ad installarlo
      Ma... sotto linux? (newbie)
      • attonito scrive:
        Re: non riesco ad installarlo
        - Scritto da: Ubunto
        Ma... sotto linux? (newbie)se fa brutto aspettare un mese per averla nei tuoi reposotory, scarica e installa il pacchetto direttamente dal sito http://www.libreoffice.org/download/
        • Ubunto scrive:
          Re: non riesco ad installarlo
          - Scritto da: attonito
          - Scritto da: Ubunto

          Ma... sotto linux? (newbie)

          se fa brutto aspettare un mese per averla nei
          tuoi reposotory, scarica e installa il pacchetto
          direttamente dal sito
          http://www.libreoffice.org/download/Veramente l'avevo già fatto appena è uscita. :DNon avendo avuto io problemi, chiedevo a Sgabbio se avesse riscontrato il difetto sotto win o linux. ;)
          • Sgabbio scrive:
            Re: non riesco ad installarlo
            - Scritto da: Ubunto
            - Scritto da: attonito

            - Scritto da: Ubunto


            Ma... sotto linux? (newbie)



            se fa brutto aspettare un mese per averla nei

            tuoi reposotory, scarica e installa il
            pacchetto

            direttamente dal sito

            http://www.libreoffice.org/download/

            Veramente l'avevo già fatto appena è uscita. :D
            Non avendo avuto io problemi, chiedevo a Sgabbio
            se avesse riscontrato il difetto sotto win o
            linux.
            ;)No no, parlo di windows 7, sto problema riguarda questo sistema, l'installer si rifiuta di aggiornare, dicendo che l'attuale versione installata è in esecuzione.Cosa non vera. Ho risolto, disintallando la versione precedente.
          • panda rossa scrive:
            Re: non riesco ad installarlo
            - Scritto da: Sgabbio
            - Scritto da: Ubunto
            No no, parlo di windows 7, sto problema riguarda
            questo sistema, Windows e problema nella stessa frase e' come cacio e maccheroni.
          • Sgabbio scrive:
            Re: non riesco ad installarlo
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Sgabbio

            - Scritto da: Ubunto


            No no, parlo di windows 7, sto problema
            riguarda

            questo sistema,

            Windows e problema nella stessa frase e' come
            cacio e
            maccheroni.lo so, però sto problema mi ha sorpreso, visto che è un bug dell'installer della 3.5 proprio, come mi è stato segnalato più giù.
          • VITRIOL scrive:
            Re: non riesco ad installarlo
            - Scritto da: Sgabbio
            lo so, però sto problema mi ha sorpreso, visto
            che è un bug dell'installer della 3.5 proprioIn realtà non è esattamente così. Il problema è nell'(un)installer delle versioni precedenti alla 3.4.5 e si manifesta quando si aggiornano con una feature relese successiva.Quindi il bug non c'è nella 3.5.0, ma c'è nella 3.4.4 ad esempio, ma lo vedi solo quando cerchi di aggiornare.SalutiVITRIOL
          • Sgabbio scrive:
            Re: non riesco ad installarlo
            - Scritto da: VITRIOL
            - Scritto da: Sgabbio


            lo so, però sto problema mi ha sorpreso, visto

            che è un bug dell'installer della 3.5 proprio

            In realtà non è esattamente così. Il problema è
            nell'(un)installer delle versioni precedenti alla
            3.4.5 e si manifesta quando si aggiornano con una
            feature relese
            successiva.
            Quindi il bug non c'è nella 3.5.0, ma c'è nella
            3.4.4 ad esempio, ma lo vedi solo quando cerchi
            di
            aggiornare.

            Saluti
            VITRIOLHa ecco! Mannaggia a me, che non ho aggiornato la 3.4.4 ai tempi :D Comunque curioso che unistaller segnala che il software è in uso però :D
    • VITRIOL scrive:
      Re: non riesco ad installarlo
      - Scritto da: Sgabbio
      la 3.5 non vuole installarsi, dice che è in
      escuzione la 3.4 o il quickstar, ma quest'ultimo
      lo disabilito
      sempre....http://www.libreoffice.org/download/3-5-new-features-and-fixes/Most annoying bugs [...]LibreOffice
      • Sgabbio scrive:
        Re: non riesco ad installarlo
        - Scritto da: VITRIOL
        - Scritto da: Sgabbio

        la 3.5 non vuole installarsi, dice che è in

        escuzione la 3.4 o il quickstar, ma quest'ultimo

        lo disabilito

        sempre....

        http://www.libreoffice.org/download/3-5-new-featur

        Most annoying bugs

        [...]
        LibreOffice directly; first, it must be updated to 3.4.5 or
        uninstalled (fdo#45068)


        Saluti
        VITRIOLGrazie :D Ci ero arrivato dopo 20 minuti di sXXXXXXXmenti :D Un pò grossolana la cosa. Comunque è evidente che non avevo aggiornato alla 3.4.5 :D-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 15 febbraio 2012 16.41-----------------------------------------------------------
  • mazz0lator scrive:
    Come Major release ?
    La 3.5 è una major release? E allora un'eventuale 4.0 come si dovrebbe chiamare??
    • Sgabbio scrive:
      Re: Come Major release ?
      - Scritto da: mazz0lator
      La 3.5 è una major release?

      E allora un'eventuale 4.0 come si dovrebbe
      chiamare??Se porta un gran nummero di cambiamenti, direi di si.
    • panda rossa scrive:
      Re: Come Major release ?
      - Scritto da: mazz0lator
      La 3.5 è una major release?

      E allora un'eventuale 4.0 come si dovrebbe
      chiamare??Quattro punto zero.
    • attonito scrive:
      Re: Come Major release ?
      - Scritto da: mazz0lator
      La 3.5 è una major release?

      E allora un'eventuale 4.0 come si dovrebbe
      chiamare??guarda che solo i marchettari di microsoft/google/apple etc vanno avanti a numeri interi 1, 2, 3, ...... 17, etc, lo fanno per intertare lagente come te... e a quanto pare, ci riescono benissimo.
      • shevathas scrive:
        Re: Come Major release ?
        - Scritto da: attonito
        - Scritto da: mazz0lator

        La 3.5 è una major release?



        E allora un'eventuale 4.0 come si dovrebbe

        chiamare??

        guarda che solo i marchettari di
        microsoft/google/apple etc vanno avanti a numeri
        interi 1, 2, 3, ...... 17, etc, lo fanno per
        intertare lagente come te... e a quanto pare, ci
        riescono
        benissimo.Firefox ormai sta arrivando ai numeri complessi... :D
      • Sgabbio scrive:
        Re: Come Major release ?
        - Scritto da: attonito
        - Scritto da: mazz0lator

        La 3.5 è una major release?



        E allora un'eventuale 4.0 come si dovrebbe

        chiamare??

        guarda che solo i marchettari di
        microsoft/google/apple etc vanno avanti a numeri
        interi 1, 2, 3, ...... 17, etc, lo fanno per
        intertare lagente come te... e a quanto pare, ci
        riescono
        benissimo.Bhe oddio, Mac OS sta ancora sui 10.x Comunque non c'è uno stantard per la numerazione di versione di un software. Ogni uno fa come meglio si trova.
        • FDG scrive:
          Re: Come Major release ?
          - Scritto da: Sgabbio
          Bhe oddio, Mac OS sta ancora sui 10.x Comunque
          non c'è uno stantard per la numerazione di
          versione di un software. Ogni uno fa come meglio
          si trova.Io sono rimasto alla numerazione classica:primo numero: modifiche strutturali significative e nuove funzionalitàsecondo numero: nuove funzionalitàterzo numero: bug fixQuando possibile uso questa regola.
          • panda rossa scrive:
            Re: Come Major release ?
            - Scritto da: FDG
            - Scritto da: Sgabbio


            Bhe oddio, Mac OS sta ancora sui 10.x
            Comunque

            non c'è uno stantard per la numerazione di

            versione di un software. Ogni uno fa come
            meglio

            si trova.

            Io sono rimasto alla numerazione classica:

            primo numero: modifiche strutturali significative
            e nuove
            funzionalità
            secondo numero: nuove funzionalità
            terzo numero: bug fix

            Quando possibile uso questa regola.Io da parecchio tempo ormai inserisco direttamente la data nel numero di versione.La compilazione di questa mattina, per esempio, ha prodotto la 1.0215
          • Sgabbio scrive:
            Re: Come Major release ?
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: FDG

            - Scritto da: Sgabbio




            Bhe oddio, Mac OS sta ancora sui 10.x

            Comunque


            non c'è uno stantard per la numerazione
            di


            versione di un software. Ogni uno fa
            come

            meglio


            si trova.



            Io sono rimasto alla numerazione classica:



            primo numero: modifiche strutturali
            significative

            e nuove

            funzionalità

            secondo numero: nuove funzionalità

            terzo numero: bug fix



            Quando possibile uso questa regola.

            Io da parecchio tempo ormai inserisco
            direttamente la data nel numero di
            versione.

            La compilazione di questa mattina, per esempio,
            ha prodotto la
            1.0215Molti fanno cosi, però mette in confusione se non si sta attenti, a lato utente, dico.Comunque FDG ha detto come dovrebbe essere la numerazione stantard, in teoria.
          • panda rossa scrive:
            Re: Come Major release ?
            - Scritto da: Sgabbio
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: FDG


            - Scritto da: Sgabbio






            Bhe oddio, Mac OS sta ancora sui 10.x


            Comunque



            non c'è uno stantard per la
            numerazione

            di



            versione di un software. Ogni uno fa

            come


            meglio



            si trova.





            Io sono rimasto alla numerazione classica:





            primo numero: modifiche strutturali

            significative


            e nuove


            funzionalità


            secondo numero: nuove funzionalità


            terzo numero: bug fix





            Quando possibile uso questa regola.



            Io da parecchio tempo ormai inserisco

            direttamente la data nel numero di

            versione.



            La compilazione di questa mattina, per esempio,

            ha prodotto la

            1.0215

            Molti fanno cosi, però mette in confusione se non
            si sta attenti, a lato utente,
            dico.

            Comunque FDG ha detto come dovrebbe essere la
            numerazione stantard, in
            teoria.Il mio sistema ha un enorme vantaggio: posso sempre sapere quale versione girava il tal giorno, senza dover ravanare in decine di mail.
      • Skywalker scrive:
        Re: Come Major release ?
        Ricordo di un "tipo"(rotfl) che chiamò le varie release del suo programma:33.13.143.1453.14153.141593.141592.........(rotfl)
        • panda rossa scrive:
          Re: Come Major release ?
          - Scritto da: Skywalker
          Ricordo di un "tipo"(rotfl) che chiamò le varie
          release del suo
          programma:
          3
          3.1
          3.14
          3.145
          3.1415
          3.14159
          3.141592
          .........
          (rotfl)In questo modo non finira' mai!
          • Sgabbio scrive:
            Re: Come Major release ?
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Skywalker

            Ricordo di un "tipo"(rotfl) che chiamò le
            varie

            release del suo

            programma:

            3

            3.1

            3.14

            3.145

            3.1415

            3.14159

            3.141592

            .........

            (rotfl)

            In questo modo non finira' mai!Mi viene in mente il mame...
          • pignolo scrive:
            Re: Come Major release ?
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Skywalker

            Ricordo di un "tipo"(rotfl) che chiamò le
            varie

            release del suo

            programma:

            3

            3.1

            3.14

            3.145

            3.1415

            3.14159

            3.141592

            .........

            (rotfl)

            In questo modo non finira' mai!Senza contare che, inesorabilmente, il numero di versione occuperà uno spazio sempre maggiore del codice sorgente... e anche del rispettivo binario... se viene usato dal programma!
          • panda rossa scrive:
            Re: Come Major release ?
            - Scritto da: pignolo
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: Skywalker


            Ricordo di un "tipo"(rotfl) che chiamò
            le

            varie


            release del suo


            programma:


            3


            3.1


            3.14


            3.145


            3.1415


            3.14159


            3.141592


            .........


            (rotfl)



            In questo modo non finira' mai!

            Senza contare che, inesorabilmente, il numero di
            versione occuperà uno spazio sempre maggiore del
            codice sorgente... e anche del rispettivo
            binario... se viene usato dal
            programma!printf("%1.*lf", VER, PI);
          • pignolo scrive:
            Re: Come Major release ?
            - Scritto da: panda rossa

            printf("%1.*lf", VER, PI);Ok. Ma rimane il problema di determinare PI con n cifre significative (e ben presto non basterà la precisione dei double...)
        • shevathas scrive:
          Re: Come Major release ?
          - Scritto da: Skywalker
          Ricordo di un "tipo"(rotfl) che chiamò le varie
          release del suo
          programma:
          3
          3.1
          3.14
          3.145
          3.1415
          3.14159
          3.141592
          .........
          (rotfl)per quelle del LateX invece si usava il numero di nepero22.7...
        • Cavallo Pazzo scrive:
          Re: Come Major release ?
          FANTASTICOOO O O O O !!!! sembra proprio la quadratura del cerchio, la ricerca continua della perfezione!!!- Scritto da: Skywalker
          Ricordo di un "tipo"(rotfl) che chiamò le varie
          release del suo
          programma:
          3
          3.1
          3.14
          3.145
          3.1415
          3.14159
          3.141592
          .........
          (rotfl)
  • LibreOffice scrive:
    LibreOffice
    LibreOffice https://www.libreoffice.org
Chiudi i commenti