Google, milioni per l'energia verde

Il progetto, che sarà completato nel 2013, mira a produrre abbastanza energia solare per alimentare 140mila abitazioni

Roma – Mountain View è entrata definitivamente nel mondo dell’energia pulita siglando un accordo per investire 168 milioni di dollari in una centrale di energia solare nel deserto del Mojave in California.
L’impianto, sviluppato da BrightSource Energy e chiamato Ivanpah Solar Energy Generating System ha raccolto finanziamenti per oltre 1,6 miliardi, garantiti fra l’altro dal Dipartimento per l’Energia degli Stati Uniti, genererà 392 MW di energia quando sarà terminato nel 2013. Ovvero un quantitativo talmente alto da fornire elettricità a 85mila abitazioni all’anno secondo il dipartimento per l’Energia USA, invece, secondo la società BrightSource Energy , si potrebbe addirittura fornire energia a 140mila abitazioni.

La centrale sarà costituita da una distesa di 173.000 eliostati che faranno convergere i raggi solari verso tre torri solari, alte più di 130 metri, dove verrà generato vapore ad alta temperatura e pressione, utilizzato per far girare le turbine che a loro volta produrranno l’elettricità.

Promuovere l’adozione di energia più pulita è una delle diverse crociate sostenute dai fondatori di Google, Larry Page e Sergey Brin. Con questo progetto Google raggiunge la soglia dei 250 milioni di dollari investiti in fonti rinnovabili. Inoltre, tale investimento rappresenta la più grossa iniziativa per quello che riguarda le energie rinnovabili che finora Google ha finanziato. I responsabili di Google, che credono in questo progetto e vi leggono un investimento, sperano che il loro esempio possa essere d’incoraggiamento per altre aziende.

Il direttore delle operazioni di business verde di Google, Needham Rick, ha specificato le ragioni che hanno portato la società ad investire in questo progetto in un post sul blog ufficiale: “Abbiamo bisogno di utilizzare il nostro capitale in modo intelligente per trasformare il settore energetico e costruire un futuro di energia pulita”. “L’investimento – ha concluso Needham – ha un senso imprenditoriale e contribuirà a garantire che uno dei progetti di energia solare più grande del mondo venga completato”.

Raffaella Gargiulo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • luca scrive:
    fax
    ma li in iTaglia i domini li registrate ancora con il fax, o siete già passati al telegrafo? (rotfl)
    • Goldmund100 scrive:
      Re: fax
      Penso che questo articolo serva proprio per festeggiare l'accelerazione burocratica data dal passaggio alla nuova generazione di fax, quelli a colori.
    • ruppolo scrive:
      Re: fax
      - Scritto da: luca
      ma li in iTaglia i domini li registrate ancora
      con il fax, o siete già passati al telegrafo?
      (rotfl)Qui in itaglia è meglio che restiamo al fax, perché se introduciamo il telegrafo poi bisogna usarli entrambi, il telegrafo perché obbligatorio, il fax per sicurezza.
  • Marziano scrive:
    epic fail
    un punto com/net/org/stokazzo lo registro in un nano secondo senza tante XXXXXXXte burocraticheche si fottano
  • Registrar scrive:
    Carta di Credito?
    Non ho capito il discorso della carta di credito. Che cavolo centra?Non mi risulta che il nic.it operi direttamente con gli utenti finali (lo faceva con l'asincrono ma non era economicamente conveniente).Chiarimenti?
    • R.R. scrive:
      Re: Carta di Credito?
      Con la carta di credito il registrar può ricaricare il proprio credito, evitando il giro del bonifico e della comunicazione dell'id della transazione
Chiudi i commenti