Google, musica per l'India

Lanciato un motore di ricerca per il download o l'ascolto in streaming di migliaia di brani locali. In maniera gratuita, per combattere fenomeni illeciti come la pirateria web

Roma – Un nuovo motore di ricerca interamente dedicato alla musica, lanciato da Google in India. Tutti gli utenti del paese asiatico – ma anche quelli residenti all’estero – potranno così scaricare o ascoltare in streaming un vasto insieme di brani composti da artisti locali, dalle grandi hit di Bollywood ai suoni della più classica tradizione indiana.

Migliaia di brani, messi a disposizione dello specifico search engine grazie ad un accordo con tre fondamentali partner. Ovvero con la più importante etichetta del paese Saregama, la media company con base a New York Saavn e il portale In.com . Gli utenti potranno cliccare sui vari link ottenuti e ascoltare le canzoni attraverso un player pop-up .

Ma soprattutto ascoltare musica in modo completamente gratuito. Una decisione presa dalla Grande G e dai suoi partner per tentare di stroncare fenomeni illeciti come quello della pirateria online . Il servizio è infatti molto simile a quello già lanciato in Cina dopo un accordo con le major del disco. Download gratuito alimentato dalla pubblicità.

E un simile search engine Google l’aveva già lanciato in terra statunitense, dopo un accordo con MySpace e Lala. Unica differenza rispetto a quello indiano, la sola possibilità di ascoltare le tracce in formato preview e non nella loro interezza.

Resterà tuttavia da vedere se l’iniziativa porti effettivamente ai frutti sperati, stroncare le attività di condivisione illecita. Recenti ricerche hanno sottolineato come il mercato musicale in India sia destinato a crescere, arrivando quasi a 600 milioni di dollari entro il 2014 . Mentre su 1,2 miliardi di persone, solo 81 milioni hanno attualmente accesso alla Rete.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ruppolo scrive:
    2010, l'anno del tablet?
    No, l'anno degli annunci del tablet.A questo punto facciamo anche noi consumatori un annuncio per i produttori: Compreremo un tablet.Per ora è tutto, nei prossimi mesi forse saprete qualcosa di più.
    • Calikera scrive:
      Re: 2010, l'anno del tablet?
      Se pensano di fare concorrenza ad iPad con prodotti più cari dell'iPad, probabilmente stanno sbagliando qualcosina. Comunque si parlava di eReader. Se arrivano quelli a colori, io posso seriamente cominciare ad interessarmi al prodotto. L'iPad lo lascio ai ragazzini (così come i tablet anti-iPad la cui utilità è prossima allo zero).
    • rover scrive:
      Re: 2010, l'anno del tablet?
      Tu non sei un consumatore.Tu sei molto di più.Tu sei un accaparratore di prodotti apple, inutili o utili che siano.Ma la lavatrice ce l'hai, visto che apple non ne fa?
      • Grappolo scrive:
        Re: 2010, l'anno del tablet?
        Ne ho vista una che ha un modulo Wifi e può essere comandata da iPhone e iPad penso che si comprerà quella.
Chiudi i commenti