Google, One Pass per superare Apple

Mountain View risponde all'offerta di abbonamento e all'introduzione dei pagamenti in-app messa a disposizione da Cupertino. Con un sistema che integra pagamenti e concede agli editori molte libertà

Roma – Eric Schmidt ha annunciato Google One Pass , un sistema di pagamento che “consente agli editori online di addebitare ai clienti il costo di articoli e altri contenuti”.

Il principio seguito ricalca il motto Kindle e Google eBookstore “acquista una volta, visualizza ovunque”: una volta effettuato l’acquisto o sottoscritta una forma di abbonamento con una specifica testata o di un editore, l’utente potrà leggere i suoi contenuti sia via Web che tramite app mobile e su diversi dispositivi. Sempre che “le condizioni d’uso del sistema operativo utilizzato permettano agli editori l’accesso al Web tramite app”, e dunque per il momento con qualche ombra circa l’effettiva presenza su iOS.

Della nuova offerta di abbonamento con possibilità di acquisti in-app di Cupertino, d’altronde, Google sembra proprio voler rincorrere la tempistica per trasformare le smorfie di insoddisfazione generate dall’offerta di Apple in ammiccamenti nei suoi confronti. Il sistema promette di riuscire, su un’unica piattaforma, ad autenticare gli utenti, elaborare e gestire i pagamenti e veicolare i contenuti, grazie all’integrazione con l’altro servizio di casa Google Checkout , e con l’apertura ai sistemi di pagamento in-app può avere la stessa trasversalità sui dispositivi mobile.

Google, peraltro, sembra chiedere il 10 per cento del fatturato più l’appoggio a Checkout (il 2 per cento di commissione su ogni transazione) molto meno di quanto (il 30 per cento) chiesto agli editori da un concorrente diretto come Apple.

A favore di Apple, strategicamente, resta quella che in diritto internazionale si chiamerebbe Clausola della nazione più favorita e che prevede cioè l’obbligo di adottare per gli acquisti sulle app iOS la migliore offerta messa a disposizione. Non sarà dunque possibile per un editore che opera sia su iOS che su Android abbassare il prezzo sulla piattaforma di Google. E quindi, a meno di una fuga di sviluppatori dai dispositivi Apple, non sarà presumibilmente una battaglia che si giocherà sui prezzi. Sarà anzi il mercato, e il ruolo che ricopriranno in particolare i tablet per l’editoria, a influenzare i mercati dei due avversari: in questo Apple ha ancora il vantaggio competitivo conquistato con iPad, che rappresenta un’allettante offerta messa sul piatto delle riviste digitali, per cui varrebbe la pena ancora lasciare sul tavolo il 30 per cento degli introiti.

I conti, comunque, gli editori se li iniziano a fare: Time, per esempio, ha iniziato a vendere abbonamenti che includono le app Android delle proprie riviste.
Sports Illustrated, la cui intenzione di vendere il proprio abbonamento in-app ha dato il la alla decisione di Apple di introdurre la novità ora annunciata, ha esordito ora con un abbonamento da 48 dollari l’anno che dà anche accesso alla rivista via tablet, smartphone e Web.
E con l’occasione ha lanciato una frecciatina indirizzata a Cupertino: “Amiamo Apple e iPad – ha detto il chief digital officer di Time – ma se i alcuni negozi ci chiuderanno fuori, bene, significherà solo che altri negozi riceveranno più traffico e più compratori”.

“La nostra intenzione non è monetizzare con il servizio – ha detto Schmidt – vogliamo invece che siano gli editori a fare tutti i soldi”. D’altronde la principale fonte di remunerazione di Mountain View resta anche nelle intenzioni future l’advertising, coniugato magari nella sua declinazione mobile.

“Da tempo lavoriamo con gli editori per aiutarli a individuare nuovi modi per fidelizzare i lettori, attrarre traffico verso i loro siti e monetizzare i contenuti online”, ha spiegato Carlo D’Asaro Biondo, dirigente Google. “Da questa collaborazione e dalla sperimentazione di varie tecnologie – prospetta – possono nascere nuovi strumenti per sostenere e stimolare il giornalismo online”.

“Il nostro obiettivo – ha sottolineato il Googler Lee Shirani – è quello di offrire una piattaforma aperta e flessibile che porti avanti il nostro impegno a favore di editori, giornalisti e contenuti di qualità”. Saranno questi ad attirare gli utenti alle sue app, al suo servizio di micropagamenti e magari al suo sistema operativo Android.

Agli editori, dice Google, resta solo da decidere cosa distribuire gratuitamente e cosa no, quanto far pagare e che metodi di pagamento implementare (a singolo articolo, con pass giornalieri, abbonamenti ecc.) e di fornire contenuti di qualità che valga la pena pagare.

L’interfaccia è “semplice e online”, e tramite di essa gli editori hanno la promessa di mantenere un rapporto diretto sia con gli utenti (così come con l’implementazione di un paywall saprebbero chi legge e quanto vengono letti i propri articoli), senza dover rinunciare alla diffusione garantita da strumenti come Google e dell’indicizzazione nei motori di ricerca e negli aggregatori come Google News. Inoltre offre la possibilità di offrire abbonamenti dalle proprie app senza le imposizioni previste da Apple.

Il servizio al momento è disponibile agli editori in Italia , Francia, Germania, Spagna, Gran Bretagna, Canada e Stati Uniti.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • naXma scrive:
    LiMo-Phone?
    Già sul nome ci sarebbe da dire...Ma se Samsung ha difficoltà a portare avanti il suo Bada, che tanto malaccio non è, che interessi può avere a supportare un terzo OS, quando Android gli regala già tanto sucXXXXX (Galaxy S in primis)?Mi sembra poco credibile che voglia sperperare così le risorse.
    • Rover scrive:
      Re: LiMo-Phone?
      Avrà assunto qualche dirigente da Nokia!!!!
    • barra78 scrive:
      Re: LiMo-Phone?
      difficoltà a portare avanti bada non ce ne sono, tant'è che vende benissimo, lo sviluppo procede e sta stupendo molti (anche sony si è detta interesata ai prodotti bada). Recentemente è anche entrato nelle tv samsung.Limo è per Samsung un esperimento dal basso costo e senza rischi, mal che vada hanno buttato 4 soldi (almeno per gli standard di aziende abituate a spendere milioni di euro per ogni cagata).Guarda quanto ha speso nokia per symbian e meego: miliardi di $ negli ultimi 2 anni e hanno buttato tutto con una stretta di mano a MS...
      • embe scrive:
        Re: LiMo-Phone?
        - Scritto da: barra78
        difficoltà a portare avanti bada non ce ne sono,
        tant'è che vende benissimo, lo sviluppo procede e
        sta stupendo molti (anche sony si è detta
        interesata ai prodotti bada).

        Recentemente è anche entrato nelle tv samsung.

        Limo è per Samsung un esperimento dal basso costo
        e senza rischi, mal che vada hanno buttato 4
        soldi (almeno per gli standard di aziende
        abituate a spendere milioni di euro per ogni
        cagata).
        Guarda quanto ha speso nokia per symbian e meego:
        miliardi di $ negli ultimi 2 anni e hanno buttato
        tutto con una stretta di mano a
        MS...L'avevano già fatto nel 2009 un cellulare Samsung in joint venture con Vodafone con LiMo...vendite=sotto zero. Non tanto per un problema di hardware, ma per un problema di software: indipendentemente dalla bontà di LiMo, non vi era nessun sviluppatore di terze parti, e quindi nessuna applicazione disponibile oltre a quelle di default!http://www.gsmarena.com/samsung_vodafone_360_m1-2953.phpBada nel medio periodo è destinato a sparire, non c'è posto per tanti (troppi) sistemi operativi mobile nell'immediato futuro!
        • barra78 scrive:
          Re: LiMo-Phone?
          non usano limo anche gli altri cellulari vodafone?Poi scusami il 90% degli utenti manco sanno inviare un MMS figurati se vanno alla ricerca di un'app....LG e Samsung con i touchscreen sotto i 100 stanno vendendo un sacco, limo IMHO deve puntare a quei settori (e deve farlo in fretta, sta arrivando un'ondata di cell economici con Android!)
          • embe scrive:
            Re: LiMo-Phone?
            - Scritto da: barra78
            non usano limo anche gli altri cellulari vodafone?
            Che io sappia, no...ma magari mi sbaglio.
            Poi scusami il 90% degli utenti manco sanno
            inviare un MMS figurati se vanno alla ricerca di
            un'app....Il Samsung M1 era uno smartphone, però, quindi la gente sì che voleva delle applicazioni!
            LG e Samsung con i touchscreen sotto i 100
            stanno vendendo un sacco, limo IMHO deve puntare
            a quei settori (e deve farlo in fretta, sta
            arrivando un'ondata di cell economici con
            Android!)Appunto, sta arrivando Android...ergo per LiMo non c'è spazio!
Chiudi i commenti