Google Play, intrattenimento musicale mobile

Durante il keynote di I/O Google rilancia il suo store come hub multimediale. Dal servizio musicale streaming, in stile Spotify, al nuovo ecosistema videoludico Play Games
Durante il keynote di I/O Google rilancia il suo store come hub multimediale. Dal servizio musicale streaming, in stile Spotify, al nuovo ecosistema videoludico Play Games

Dalle ultime indiscrezioni all’ ufficialità nel corso dell’ultima edizione del ciclo di conferenze I/O organizzato da Google per incontrare la comunità dei suoi sviluppatori. Con un modello molto simile a quello introdotto da piattaforme come Spotify e Rdio, il nuovo servizio musicale Google Play Music All Access andrà a rimpolpare l’offerta d’intrattenimento nel vasto ecosistema operativo basato su Android.

Per ora disponibile sul solo mercato statunitense, il nuovo servizio sonico di BigG permetterà agli utenti di ascoltare milioni di brani con un modello a sottoscrizione per lo streaming on-demand su dispositivi desktop e mobile . L’azienda di Mountain View ha già siglato preziosi accordi di licenza con tre delle quattro grandi sorelle dell’industria discografica, da Universal a Sony Music.

Fino al prossimo 30 giugno, tutti quegli utenti che decideranno di provare gratuitamente il servizio – la modalità free trial dura un mese – avranno la possibilità di abbonarsi al prezzo scontato di 7,99 dollari (circa 6 euro) mensili. Agli altri ascoltatori sarà invece offerta una sottoscrizione di 9,99 dollari (quasi 8 euro) , in linea con le politiche di prezzo stabilite da numerosi concorrenti sul mercato digitale.

Descritto dalla stessa Google come “una radio senza regole” – probabile stoccata al progetto di Apple, al lavoro su un modello di raccomandazione musicale più simile a Pandora che a Spotify – il servizio Play Music All Access permetterà ai suoi utenti di mettere in piedi stazioni radiofoniche con playlist personalizzate , senza limitazioni nel numero di contenuti e con le ormai classiche opzioni per la condivisione social.

Ma non sarà soltanto la musica a rilanciare il marketplace Google Play verso le vette dell’intrattenimento in ambiente OS. Con il pacchetto di feature videoludiche di Play Games , l’azienda californiana porterà su Android la ricchezza di certe esperienze di gioco su console, in modo da trasformare lo store androide in un vero e proprio territorio interattivo per milioni di gamer a stelle e strisce.

Importanti sviluppatori del settore – da Glu Mobile a Gameloft – hanno infatti deciso di salire a bordo della nuova sezione Play Games per offrire succulente feature agli utenti basati su Android. I vari progressi di gioco potranno essere salvati sulla nuvola, con la possibilità di gestire gli inviti attraverso il social network G+, per attivare la modalità multiplayer in tempo reale .

Dai giochi all’ istruzione , i responsabili di BigG sembrano intenzionati a rovesciare il dominio di Apple con una maggiore presenza dei tablet Android nelle scuole. L’iniziativa Google Play for Education mette a disposizione un pacchetto applicativo per studenti ed insegnanti, con l’inclusione di specifiche app suddivise per materia e grado d’istruzione. Ovviamente, basterà avere una tavoletta androide e un account Gmail.

Infine, alle ultime conferenze I/O è stata presentata la versione aggiornata dell’e-reader mobile Play Book, ora con il supporto di file in formato PDF e EPUB non direttamente provenienti dallo store di Mountain View . Dai servizi sulla nuvola offerti da Google Drive gli utenti potranno caricare fino a mille file in maniera gratuita, purché non venga superato il limite di 50MB di spazio occupato.

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

16 05 2013
Link copiato negli appunti