Google Plus, meno il suo capo

Vic Gundotra, alla dirigenza del social network, lascia Mountain View. Nuvole nere sull'orizzonte del social network? Google smentisce, ma le indiscrezioni si affollano

Roma – Vic Gundotra, il vice presidente senior di Google con il comando di Google Plus, ha lasciato Mountain View.

Gundotra ha lasciato Google dopo otto anni: nel post di addio risuona un tragico evento che ha investito il mese scorso la sua famiglia. Ma lo spirito con cui Vic Gundotra parla del cambiamento è l’entusiasmo della nuova avventura: “È tempo per un nuovo viaggio. Una continuazione. Un nuovo e poi . Sono eccitato per quello che verrà dopo”.

Se il futuro di Gundotra è lontano da Mountain View ed ammantato dal mistero, quello del suo ultimo prodotto, Google Plus, non è da meno. Nonostante Larry Page, augurando buona fortuna a Gundotra per i suoi progetti futuri, abbia detto che a Mountain View si continuerà a lavorare duramente per offrire nuove grandi esperienze per il sempre crescente numero di fan di Google Plus, il futuro del social network non è affatto fuori discussione.

Dovendo rincorrere i social network già affermati, Google Plus ha avuto reali difficoltà ad affermarsi, tanto che anche le statistiche dei suoi utenti attivi – si parla di 300 milioni – sono contaminate da tutti quelli che non hanno mai visitato il sito, ma che hanno interagito con altri servizi di Big G .

Così, nonostante le smentite ufficiali , sono diversi gli osservatori secondo cui Google Plus sarebbe destinato ad essere chiuso da Mountain View, o trasformato da un prodotto ad una piattaforma di interazione degli utenti con i suoi altri servizi: per giunta le indiscrezioni annunciano tagli alle risorse dedicate al social network e un trasferimento ad Android del team di sviluppatori che si era finora occupato di Hangout e delle foto.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Claudio Rossi scrive:
    Apple e la zappa sui piedi
    Apple si sta tirando la zappa sui piedi. Ma cosa significa pagare il 30% dei ricavi a Apple?! Non ha senso. Ovvio che poi le aziende tolgono il supporto! Ma se al smettessero tutti di fare queste mosse protezionistiche forse i clienti sarebbero più contenti. Invece no, bisogna sempre complicare la vita a tutti. Io spero davvero che piano piano tutti questi mezzucci vengano aboliti e che le aziende che si fanno pagare una percentuale (peraltro da strozzini) sul venduto vengano isolate.
    • bertuccia scrive:
      Re: Apple e la zappa sui piedi
      - Scritto da: Claudio Rossi

      Io spero davvero che
      piano piano tutti questi mezzucci vengano aboliti
      e che le aziende che si fanno pagare una
      percentuale (peraltro da strozzini) sul venduto
      vengano isolate.mai messo su un ecommerce? ha dei costi, non indifferenti.mai venduto su ebay? si prendono circa il 3% sul prezzo finale, più un costo sull'inserzione.poi serve un gateway per ricevere il pagamento.Mai preso soldi con paypal? Altro 3% circa che se ne va.puoi discutere se il 30% sia tanto o poco, ma nessuno ti regala un servizio che ha dei costi non indifferenti in termini di gestione.
      • panda rossa scrive:
        Re: Apple e la zappa sui piedi
        - Scritto da: bertuccia
        - Scritto da: Claudio Rossi



        Io spero davvero che

        piano piano tutti questi mezzucci vengano
        aboliti

        e che le aziende che si fanno pagare una

        percentuale (peraltro da strozzini) sul
        venduto

        vengano isolate.

        mai messo su un ecommerce? ha dei costi, non
        indifferenti.Credo che dipenda dal settore merceologico.Che il mio commercio in rete ha un costo praticamente zero.
        mai venduto su ebay? si prendono circa il 3% sul
        prezzo finale, più un costo
        sull'inserzione.Siamo anni luce lontani dal pizzo che estorce apple.
        poi serve un gateway per ricevere il pagamento.
        Mai preso soldi con paypal? Altro 3% circa che se
        ne va.Bonifico bancario.Costo zero.
        puoi discutere se il 30% sia tanto o poco, ma
        nessuno ti regala un servizio che ha dei costi
        non indifferenti in termini di
        gestione.Siamo sempre li'. Chi non sa usare il cervello, sopperisce col denaro.E ovviamente c'e' sempre qualcuno che approfitta a piene mani dell'XXXXXXXXXta' di chi e' privo del suddetto cervello.
        • caccia gli script scrive:
          Re: Apple e la zappa sui piedi
          - Scritto da: panda rossa

          Bonifico bancario.
          Costo zero.
          wow ! sei avanti !! next step ? Vaglia Postale ? Francobolli ?
      • Clauerouges scrive:
        Re: Apple e la zappa sui piedi
        Ok, ma se le varie Amazon, Google ed Apple la smettessero di farsi la guerra sulle restrizioni reciproche e si limitassero a sfidarsi solo sulla bontà dei servizi non ci sarebbero sempre questi problemi. E poi il 30% è quasi un terzo. Dai, è ridicol! Va bene, ci saranno anche dei costi, ma mi vendono già un telefono a 700 euro, almeno sui servizi potrebbero non fare gli strozzini!
      • gnammolo scrive:
        Re: Apple e la zappa sui piedi
        le commissioni CC sono all'1,5% massimo, e cmq nessuno critica il fatto di chiedere soldi per un e commerce, ma il chiederne il 30% (stessa cosa fa playmerket, ben inteso, altro enorme furto)Chiedere più del 10% online per un servizio (quindi non su merce fisica) è SEMPRE un furto
Chiudi i commenti