Google sospettata di censurare le voci scomode

Pressioni indirette ai centri di pensiero (che ricevono finanziamenti da Mountain View) e strane penalizzazioni nei risultati di ricerca creano l'allarme. Fin dove potrebbe mai arrivare il potere delle grandi corporation hi-tech?

Roma – Non è la prima volta che Google viene sospettata di esercitare fosche pressioni su gruppi di potere e stakeholder. D’altronde Google ha speso solo tra aprile e giugno di quest’anno 5,4 milioni di dollari in attività di lobby politica . Recentemente il New York Times ha riportato la notizia di un licenziamento sospetto all’interno della New America , importante fondazione statunitense la cui voce ha da sempre un ruolo fondamentale nei dibattiti pubblici . Recentemente, il responsabile dell’iniziativa ribattezzata Open Markets, Barry Lynn, critico nei confronti del potere predominante dei giganti hi-tech, è stato licenziato. Nonostante il presidente della fondazione abbia confermato che la decisione è da attribuirsi a “ripetuti rifiuti di aderire agli standard di apertura e collegialità istituzionali della New America”, in molti credono che il fulcro del problema sia da rintracciare specificatamente nella pubblicazione di un articolo di compiacimento per la recente sanzione per abuso di potere dominante elevata dall’Unione Europea ai danni di Google.

google

La fondazione fino al 2016 è stata “vicina” ad Eric Schmidt, executive chairman di Google, e altro aspetto da tenere in considerazione è che la fondazione ha ricevuto dallo stesso Schmidt finanziamenti per 21 milioni di dollari . Sono in molti a ritenere quindi che una celebrazione anti-Google, sia stata “punita” con un licenziamento, o meglio con un distacco del gruppo Open Markets da New America. “Il team di Open Markets si congratula con il commissario europeo per la concorrenza Margrethe Vestager e con l’autorità europea per la concorrenza di questa importante decisione. Il potere di Google è una delle sfide più critiche per i responsabili politici della concorrenza nel mondo di oggi. Esigendo che Google tratti con parità i servizi rivali invece di privilegiare i propri, Vestager protegge il libero flusso di informazioni e commercio su cui dipendono tutte le democrazie” – è l’introduzione all’ articolo al centro della diatriba tuttavia presente nel sito di New America.

In questa vicenda come in altre dallo stesso timbro, non ci sono evidenze che Google sia intervenuta con pressioni dirette . Wired, venuta in possesso di alcune email tra Schimdt e la presidente di New America, confermerebbero semplicemente un certo rammarico. Quel che è certo è che le fondazioni e i centri pensiero che hanno legami con la grande G hanno tutto l’interesse a mantenere i migliori rapporti visto che da essi dipendono cospicui finanziamenti. La stessa New America infatti, per voce della sua presidente Slaughter, fin dall’inizio della vicenda ha invitato Lynn a considerare come le sue azioni avrebbero potuto compromettere i finanziamenti per i suoi colleghi : “Pensa a come hai messo a repentaglio i finanziamenti per gli altri colleghi”. “Stiamo cercando di espandere il nostro rapporto con Google su alcuni punti assolutamente fondamentali. Ho bisogno anche dell’attuale revisione di quanto accaduto. Immediatamente”: così si è rivolta la Slaughter a Lynn.

Quanto accaduto, sembra destinato a non passare inosservato. La Content Creators Coalition (C3), che raccoglie aziende e personalità del mondo della creazione di contenuti digitali, ha chiesto che venga aperta un’ indagine in merito. E sempre in questi giorni vengono a galla alcuni strani casi di “forzature” dei risultati di ricerca, che per alcuni sono riconducibili a veri e propri atti di censura . I responsabili del sito World Socialist Web Site, accusano Google di aver penalizzato il sito in Google News inserendo i termini più usati per la sua ricerca in una black list. Dall’altra parte del versante, invece, la testata di destra The Liberty Conservative, avrebbe ricevuto da Google la richiesta di rimozione di un articolo a sfondo politico sociale dal dubbio gusto, pena il ban dalle piattaforme pubblicitarie utilizzate da cui il sito trae profitto. Un altro caso ancora, riguarderebbe un vecchio articolo di critica al social network Google Plus, scritto da un ex giornalista di The Forbes al momento del lancio. Al centro della disamina c’era la poca correttezza nella modifica dell’algoritmo di ricerca, volta a premiare gli editori che avessero integrato il pulsante di condivisione nelle loro piattaforme. Google ha rassicurato che la penalizzazione dell’articolo critico e la successiva rimozione (anche la sua versione cache) è dipesa dalla richiesta formulata dall’editore stesso per tutelarsi legalmente; il giornalista non avrebbe avuto infatti l’autorizzazione legale per pubblicare quell’articolo, tratto da un incontro con Google (non-disclosure agreement). Il giornalista però non sarebbe dello stesso parere.

Il potere monopolistico dei giganti del tech non è più solo un tema di antitrust. Se Google, Facebook e Amazon (solo per citarne alcune ) influenzano con il loro potere e i loro soldi i centri di pensiero indipendenti (ci sono casi persino di finanziamenti a professori universitari interpellati a “indorare la pillola” con alcune ricerche) che ne sarà della net neutrality , della libertà di pensiero e la pluralità dell’informazione?

Mirko Zago

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • C & C scrive:
    e ...
    ... se uno non lo vuole perché non gli serve, può evitare l'installazione , oppure si deve sciroppare giga di fuffa per nulla?
    • panda rossa scrive:
      Re: e ...
      - Scritto da: C & C
      ... se uno non lo vuole perché non gli serve, può
      evitare l'installazione , oppure si deve
      sciroppare giga di fuffa per
      nulla?Serve al padrone del computer, quindi tu ti devi sciroppare giga di fuffa.
  • free software scrive:
    free software
    Voi winari ce la potete solo sucare.
    • winaro scrive:
      Re: free software
      - Scritto da: free software
      Voi winari ce la potete solo sucare.A forza di litigare sui sistemi di init non vi parte più il cervello
  • boomerang scrive:
    Perfezione
    La perfezione richiede tempo voi linari tenetevi il vostro zero virgola qualche cosa
    • sono la morte scrive:
      Re: Perfezione
      - Scritto da: boomerang
      La perfezione richiede tempo voi linari tenetevi
      il vostro zero virgola qualche
      cosaLa prefezione cosa? Ma ti ci mando oppure ci vai da solo?ma XXXXXXXXXX!!!!
    • panda rossa scrive:
      Re: Perfezione
      - Scritto da: boomerang
      La perfezione richiede tempo voi linari tenetevi
      il vostro zero virgola qualche
      cosaChe gira sul 99,99 qualcosa dei top500 server.Voi winari tenetevi il vostro giocattolo colorato.
      • Fan innamorato di Bertuccia il macaco scrive:
        Re: Perfezione
        In effetti i uinari non hanno proprio la percezione che pressoché TUTTA la struttura informatica del pianeta è tenuta in piedi da server LINUX.Si focalizzano sull'autoradio ma non osano aprire il cofano.Anche MS ha fior di server Linux.
      • ... scrive:
        Re: Perfezione
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: boomerang

        La perfezione richiede tempo voi linari
        tenetevi

        il vostro zero virgola qualche

        cosa

        Che gira sul 99,99 qualcosa dei top500 server.

        Voi winari tenetevi il vostro giocattolo colorato.Top500 che tu vedi solo in foto.Al massimo ti é conXXXXX usare un vecchio pc di 10 anni , per giocare ti basta e ti avanza.
  • servis pacco scrive:
    nuovo, inutile e anche dannoso
    Questo modello di business legato alla costante introduzione di nuove funzionalità in brevissimi spazi di tempo è una chiavica, a farne le spese sono sempre sicurezza, stabilità e performances.Buon servis pacco a tutti... i winari.
    • yepp scrive:
      Re: nuovo, inutile e anche dannoso
      - Scritto da: servis pacco
      Questo modello di business legato alla costante
      introduzione di nuove funzionalità in brevissimi
      spazi di tempo è una chiavica, a farne le spese
      sono sempre sicurezza, stabilità e
      performances.Falso, perchè fra le nuove funzionalità che vengono introdotte in brevissimi spazi di tempi a cui ti riferisci (6 mesi), ci sono anche potenziamenti lato sicurezza
      • ... scrive:
        Re: nuovo, inutile e anche dannoso
        Si... le patch inutili introdotte dai servis pacchi precedenti.
      • panda rossa scrive:
        Re: nuovo, inutile e anche dannoso
        - Scritto da: yepp
        - Scritto da: servis pacco

        Questo modello di business legato alla
        costante

        introduzione di nuove funzionalità in
        brevissimi

        spazi di tempo è una chiavica, a farne le
        spese

        sono sempre sicurezza, stabilità e

        performances.

        Falso, perchè fra le nuove funzionalità che
        vengono introdotte in brevissimi spazi di tempi a
        cui ti riferisci (6 mesi), ci sono anche
        potenziamenti lato
        sicurezza(rotfl)Sicurezza per la NSA di poter introdurre il cetriolo!
  • Dumah Brazorf scrive:
    Compreso nell'update...
    ... c'è il trex con le presine?
  • ... scrive:
    windows=CIA
    CIA=Cock In Ass. il vostro ass, cari utenti "uindov".
  • fallout scrive:
    notizie fallaci
    L'aggiornamento del creatore di falli arriva ad ottobre...E' una notizia per donne sole?
  • panda rossa scrive:
    Un creatore di falle?
    Questa si che e' innovazione.Finalmente si concede anche all'utente la possibilita' di creare falle nel sistema!(rotfl)
    • Maxsucks scrive:
      Re: Un creatore di falle?
      - Scritto da: panda rossa
      Questa si che e' innovazione.
      Finalmente si concede anche all'utente la
      possibilita' di creare falle nel
      sistema!

      (rotfl)Non è un creatore di falle ma di falli che finiscono dove sappiamo.
    • ... scrive:
      Re: Un creatore di falle?
      - Scritto da: panda rossa
      Questa si che e' innovazione.
      Finalmente si concede anche all'utente la
      possibilita' di creare falle nel
      sistema!

      (rotfl)Non vorrai mica l'esclusiva ?!
  • pamela_ scrive:
    E' anni luce avanti rispetto a Linux
    Anche solo la possibilità di monitorare l'occupazione della GPU dal task manager
    • iRoby scrive:
      Re: E' anni luce avanti rispetto a Linux
      Wow sono arrivati anche loro ad avere cose che in Linux/Unix ci sono da sempre...Nella shell per esempio... Col comando top
      • ... scrive:
        Re: E' anni luce avanti rispetto a Linux
        - Scritto da: iRoby
        Wow sono arrivati anche loro ad avere cose che in
        Linux/Unix ci sono da
        sempre...

        Nella shell per esempio... Col comando topgpu con top?tu sì che hai capito tutto (rotfl)
        • iRoby scrive:
          Re: E' anni luce avanti rispetto a Linux
          Ho letto di fretta e non mi sono accorto che era la GPU.Comunque su Linux ci sono i tool forniti dai produttori Nvidia e AMD.E una marea di script autoprodotti che fanno altrettanto.
          • FDG scrive:
            Re: E' anni luce avanti rispetto a Linux
            - Scritto da: iRoby
            Ho letto di fretta e non mi sono accorto che era
            la GPU.Si, ma ti fremeva la mano per scrivere la battuta, vero?
            Comunque su Linux ci sono i tool forniti dai
            produttori Nvidia e AMD.Ho il sospetto che li abbiano prima rilasciati altrove...
            E una marea di script autoprodotti che fanno
            altrettanto.Ah, beh, cavolo ci sono pure i compilatori con cui risolversi tutti i problemi...
          • ... scrive:
            Re: E' anni luce avanti rispetto a Linux
            - Scritto da: iRoby
            Ho letto di fretta e non mi sono accorto che era
            la
            GPU.Nel senso che avevi letto "CPU" e non sapevi che il task manager di winzozz ha il monitor della cpu da una vita? Questa è ancora più bella (rotfl)
          • ... scrive:
            Re: E' anni luce avanti rispetto a Linux
            - Scritto da: ...
            - Scritto da: iRoby

            Ho letto di fretta e non mi sono accorto che
            era

            la

            GPU.

            Nel senso che avevi letto "CPU" e non sapevi che
            il task manager di winzozz ha il monitor della
            cpu da una vita?

            Questa è ancora più bella (rotfl)TOP !
    • ... scrive:
      Re: E' anni luce avanti rispetto a Linux
      - Scritto da: pamela_
      Anche solo la possibilità di monitorare
      l'occupazione della GPU dal task
      manageranni luce? anni di MErcurio, forse.
    • sono la morte scrive:
      Re: E' anni luce avanti rispetto a Linux
      - Scritto da: pamela_
      Anche solo la possibilità di monitorare
      l'occupazione della GPU dal task
      managerTu si che sarai la tipica donna da tacchi alti, e alluce vago ben nascosto.Non vuol dire nulla, ma si intona tanto con la scazzuola scritta da te.bugia che non significa nulla, significa tanto..... ha ha.
    • c478238b6bd scrive:
      Re: E' anni luce avanti rispetto a Linux
      Guarda che se volevi trollare hai proprio sbagliato applicazione. Task manager è sempre stato inadeguato e penso che fosse castrato di proposito perchè tutti quelli con un minimo di infarinatura di informatica si sono sempre potuti scaricare gratis ProcessExplorer. Con ProcessExplorer da sempre si possono controllare le DLL caricate, i file e i port aperti. Queste sono funzionalità molto più importanti del monitoraggio della GPU. Giusto gli utonti possono estasiarsi di fronte alle scarse informazioni fornite dal task manager.
Chiudi i commenti