Google sperimenta ancora col search

Almeno un paio di opzioni abilitate a caso tra gli utenti di BigG consentono di modificare l'elenco dei risultati delle ricerche. Con qualche risvolto positivo e qualcuno negativo

Si fa un gran parlare in queste ore dell’ultima novità del campo di ricerca del più diffuso motore del web: Google. Dopo aver liberato dalla schiavitù del marchio beta i suggerimenti di ricerca, e dopo aver avviato la personalizzazione dell’ordine dei risultati tramite l’opzione SearchWiki, ora da Mountain View hanno anche iniziato ad offrire la possibilità di aggiungere una lista di siti giudicati affidabili nel proprio profilo. Un’idea, dicono, che servirà per il momento al singolo utente: ma in futuro, chissà.

In realtà, a quanto pare le modalità di funzionamento del sistema sono almeno due. La prima, che pare essere quella più diffusa, si chiama Preferred Sites , e – per chi abbia attivato SearchWiki nel proprio profilo – consente di andare ad aggiungere nella pagina delle preferenze di ricerca una serie di indirizzi che si ritengono particolarmente autorevoli. CNN , Repubblica , Corriere e New York Times per le news, Techcrunch e Ars Technica per la tecnologia: gli esempi, per tutto quanto è presente su web e secondo i gusti di ciascun utente , potrebbero essere infiniti.

Inserendo le URL preferite, una volta effettuata una ricerca i risultati presenti su quel dominio risulteranno promossi in cima – o quasi – alla lista dei link proposti da Google. Un meccanismo che, fanno sapere da Mountain View, al momento influisce unicamente sui risultati di ricerca personalizzati ma che, in futuro e sempre che questa funzionalità venga promossa al grado di ufficiale e resa disponibile a tutti, potrebbe anche iniziare a modificare gli attuali ranking generali di ricerca seguendo i criteri di attendibilità e autorevolezza generati dalla lista dei siti preferiti inseriti dai singoli utenti.

Diverso nel meccanismo ma dalle caratteristiche simili è invece Subscribed Links : il sistema di promozione dei risultati è analogo al caso precedente, con una serie di URL piazzate in cima alle ricerche basandosi sulle preferenze indicate dal singolo utente. La differenza è che, mentre nel caso precedente si poteva spaziare nell’intero universo del World Wide Web inserendo qualsiasi indirizzo, in questo caso viene proposta una lista relativamente breve di testate – raggruppate in una serie di macroaree quali “Fun and games” o “Lifestyle” – tra cui scegliere per raffinare e personalizzare i risultati proposti.

L'opzione Subscribed Links

Un’idea, comunque, quella di cambiare l’ordine delle pagine di ricerca, che non convince proprio tutti. Mashable sottolinea come sia oggi possibile dire a chiunque di cercare una certa stringa, essendo pressoché certi che tra i primi risultati figurerà il link di cui si ha bisogno. Google, sostiene tuttavia qualcun altro, potrebbe essere sulla strada di realizzare quanto i suoi manager sostengono da tempo: ottenere un algoritmo talmente preciso e talmente informato sui gusti e le preferenze del singolo navigatore (o del profilo a cui il suo tipo fa riferimento) da essere quasi in grado di prevederne le prossime mosse e soddisfarne in anticipo i bisogni . A scapito, sempre che sia così, dell’universalità dello strumento di ricerca tradizionale.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Linus scrive:
    Ha confermato lei stessa: e' una bufala
    Il video della confessione:http://www.youtube.com/watch?v=lciYV9Fks-oSi chiama lily, ed e' un attrice :D
  • Marco Marcoaldi scrive:
    Jesù di Nazareth
    Zio paperone, Topolino, minnie !!!Dammelo, qui, quo, qua !!!!
  • Roberto scrive:
    che perfezione!
    Tutto cromaticamente perfetto: copriletto, lampada, paralumi, cuscini, piantina sullo sfondo, abbigliamento, quadro, tende, luce bianchissimi dall'esterno (!!).Lei troppo perfetta e disinvolta per essere spontanea, le pause, i respiri ed i sospiri...Ripresa perfetta, inquadratura perfetta. Lei si è messa a montare il video tagliando il momento in cui avvia e spegne la telecamare.Che audio poi!! Acusticamente perfetta come stanza (la mia rimbomba in certe occasioni particolari ... :) ) e audio molto nitido (dove aveva il microfono???).Bho, non so, ma mi sa tanto di clamoroso fake girato su un setto. E' fatto troppo bene per essere credibile. Qualche elemento più "casalingo" lo avrebbe reso sicuramente più credibile (tipo una maglia lasciata sul letto! io c'ho il mio armadio sul pavimento!)...ehehehe
    • Il Trattore scrive:
      Re: che perfezione!
      Non vorrei sembrare pignolo, ma al secondo nove si vede la telecamera spostarsi, anche se di poco. A meno di qualche fantasmino dispettoso, doveva esserci pure qualcuno lì dietro...
  • Sceicco Elmer scrive:
    Dietro c'è Alcheida e Binladen
    Occhio, sento puzza di terrorismo islamico.La tizia è chiaramente una talibana. Vogliono colpirci di nascosto. Dopo aver commosso il mondo sarà ospitata al G8 e davanti a tutti i capi di stato si farà esplodere.Le ultime parole di Berlusconi saranno: "avevo appena raccontato una barzelletta fantastica... coff coff... sono tutti scoppiati dal ridere... muoio felice... aargh".
  • krik&krok scrive:
    NON E' VERA !
    Troppo "leccata" lei;troppo perfettina la ripresa.E poi, se ti dimentichi la giacca nel bar, che fai?Vai e te la riprendi, no?Marketing virale. bufala o quant'altro. C'hanno rotto.Saluti.
    • Trombolino scrive:
      Re: NON E' VERA !
      Io una bottarella gliela darei piu' che volentieri :-D
    • Fuffa scrive:
      Re: NON E' VERA !
      - Scritto da: krik&krok
      troppo perfettina la ripresa.Infatti...Oltre alle molte banalità, si potevano anche sprecare a mettere la ripresa in "formato web cam" ovvero il solito 4:3 anziche i 16:9 usati nella ripresa...Sembra impossibile che una stordita come quella tipa riesca a realizzare un video di quella qualità e per giunta a 16:9.Annunziata... Vergogna... :)
  • Fuffa scrive:
    Si ma...
    Ho notato solo dopo... sto video ha poco più di 100 mila visite...Pensavo che Annunziata ci avesse fatto un articolo su un caso molto popolare, ma la quantità di visite non mi sembra poi cosi eclatante...Magari Annunziata ha tentato il colpaccio nella speranza che questo video "esploda" (grazie anche alla sua stessa pubblicità) e fare buona figura per essere stato uno dei primi a parlarne.O più semplicemente non si sapeva come tappare i buchi vuoti nelle notizie di oggi... :)
    • interceptor scrive:
      Re: Si ma...
      Repubblica l'aveva in home-page ieri...Sempre a criticare tutti??saluti
      • Fuffa scrive:
        Re: Si ma...
        - Scritto da: interceptor
        Repubblica l'aveva in home-page ieri...

        Sempre a criticare tutti??

        salutiSi si io sono un criticone :)
  • Fuffa scrive:
    Stupendo...
    E' ben noto che se il cameriere ti porta un'ordinazione sbagliata, bisogna individuare dove è finita la tua ordinazione e TU STESSO/A (si perchè i camerieri se ne fregano proprio) devi andare a fare la sostituzione.E' un nuovo gioco non lo sapevate?Troppe incongruenze nella storia...
  • Chappy scrive:
    Uno sconosciuto conosciuto
    Ma se lo ha conosciuto non è più sconosciuto...è come dire di essere su un'isola deserta, se ci sei tu non è più deserta.
    • Undertaker scrive:
      Re: Uno sconosciuto conosciuto
      - Scritto da: Chappy
      Ma se lo ha conosciuto non è più sconosciuto...è
      come dire di essere su un'isola deserta, se ci
      sei tu non è più
      deserta.filosofo da strapazzo
  • melo dramma scrive:
    Fake as a three dollar bill
    Falsa come una banconota da tre dollari... si vede proprio che recita tentando di simulare spontaneità...
  • DR.House scrive:
    Serendipity
    A me ricorda clamorosamente la trama di Serendipity in versione 2.0
  • lufo88 scrive:
    marketing virale
    "questa giacca sembra faccia parte di una collezione non ancora uscita"frase chiave ;)
Chiudi i commenti