Google, tracciare scalda

Lotte intestine per difendere la privacy e non cedere alle lusinghe della pubblicità comportamentale. La Grande G e l'evolvere delle sue strategie, fotografata da un documento che viene dal passato
Lotte intestine per difendere la privacy e non cedere alle lusinghe della pubblicità comportamentale. La Grande G e l'evolvere delle sue strategie, fotografata da un documento che viene dal passato

Sette pagine per un documento composto ad uso e consumo dei veritici del Googleplex, redatto da Aitan Weinberg, ex Doubleclick e ora, dopo l’acquisizione da parte di Google, a capo della divisione di Mountain View dedicata all’interest based adevrtising. Lo ha rinvenuto il Wall Street Journal , che lo presenta centellinato, a mostrare come la Grande G abbia ammorbidito le proprie posizioni in materia di privacy e tracciamento a scopi pubblicitari, come si siano infiammate lotte intestine per programmare le modalità di sfruttamento dell’enorme mole di dati che Google ogni istante si trova a gestire.

Dai brandelli di documento che vengono mostrati dal WSJ emergono strategie e proposte: alcune sono state adottate da Google, altre sono di dominio di aziende che lavorano con un approccio più aggressivo rispetto a quello tenuto da Mountain View. Nulla di nuovo sotto al sole: Weinberg, fresco del trasferimento di DoubleClick, sembra limitarsi a presentare proposte per avviare una discussione , esponendo modelli che nel 2009 solleticavano l’interesse degli attori del mercato.

Alcune delle ipotesi avanzate da Weinberg sono state oggetto di accese discussioni . A raccontarlo, una fonte anonima del WSJ : ricorda un incontro ai vertici, 18 mesi fa, un manipolo di dirigenti riuniti di fronte a un tavolo per dibattere dell’introduzione dell’advertising basato sugli interessi degli utenti. “Era come vedere scontrarsi i tuoi genitori”, ricorda la fonte: con Brin che intimava di andarci cauti e Page che proponeva di spingere di più sull’acceleratore per mettere a frutto i dati rastrellati da Google e mettere a fuoco profili di consumatori a cui proporre consigli personalizzati per gli acquisti.

Il servizio di basato sul tracciamento degli utenti a mezzo cookie è stato messo a disposizione , solo per alcuni inserzionisti, nel marzo del 2009, quando già scalpitava una concorrenza disinvolta nel trattamento dei dati disseminati dalle azioni e dalle relazioni online dei netizen, il retargeting è offerta ancora più recente. Google deve evidentemente aver trovato il modo di gestire questo nodo delicato, così capace di toccare anfratti sensibili della vita del cittadino della rete, così esposto a possibili “incomprensioni” presso gli utenti: la Grande G lo ha affrontato cercando di offrire trasparenza, consegnando agli utenti la possibilità di scegliere come Google rumina i suoi dati.

Ma le proposte messe sul piatto da Weinberg non erano tutte rassicuranti: idee autodefinite balzane si alternano a spunti proccupanti, in materia di aggregazione e rivendita di informazioni raccolte da tutti i servizi offerti da Mountian View, search in primis. Ma non tutte le proposte , per stessa ammissione di Weinberg, potrebbero essere messe in atto in sicurezza . A introdurre il documento, una precisazione ad uso e consumo interno: nulla può essere messo in atto “senza confrontarsi con la privacy, con il quadro legale e con le best practice dell’industria”. E con la “sensazione di inquietudine” che si rischia di far vibrare nel cittadino della rete.

Gaia Bottà

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

11 08 2010
Link copiato negli appunti