Google Voice diventa segreteria

Mountain View si fa carico dell'ennesimo servizio a vantaggio dell'utente, dedicato questa volta alla segreteria vocale. Carrier-free, senza attivare nuovi numeri telefonici

Incurante della vera e propria guerra a colpi di lobbying ingaggiata con i carrier di telefonia statunitensi, Google continua a estendere le funzionalità di Voice proponendo l’ennesimo servizio mirato a dispensare gli utenti dalle eventuali restrizioni di utilizzo messe in campo dalle società di telecomunicazioni. E questa volta non è nemmeno necessario attivare un numero fornito da Mountain View per usufruire della funzionalità.

L’ultimo arrivato in casa Voice è un sistema di segreteria vocale personale che piuttosto che far affidamento sui corrispondenti servizi offerti dall’operatore telefonico rimette nelle capacità dei server di Mountain View lo stoccaggio e lo smistamento dei messaggi. Per usufruire della casella vocale basta attivare un account Google Voice, senza per questo essere costretti a richiedere un nuovo numero telefonico a Google (caratteristica, questa, che frenerebbe l’adozione di Voice da parte degli utenti).

La casella vocale offre un subset incompleto delle possibilità di Google Voice (archiviazione, ricerca, salvataggio, trascrizione in SMS, smistamento via mail dei messaggi vocali) ma in compenso permette di conservare il proprio numero senza la problematica necessità di fornire un nuovo recapito telefonico a parenti, amici, contatti e colleghi di lavoro.

La nuova funzionalità di Google Voice non fa in realtà altro che adottare una tecnica di gestione della segreteria che era già stata sfruttata in maniera non ufficiale , e se gli osservatori dell’hi-tech elogiano la capacità di Google di stare al passo con le esigenze concrete degli utenti non è difficile prevedere, dopo l’ennesima mossa di Voice, l’inasprimento dello scontro tra Mountain View e i sempre più imbufaliti carrier telefonici tradizionali.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • TheGynius scrive:
    Facebook, Microsoft e Google
    Non è una grande novità che Zuckerberg (il giovanissimo CEO di Facebook) abbia un'aperta antipatia (per non dire ostilità) nei confronti di Google.Ho trovato molto interessante questo articolo di Wired:http://www.wired.it/magazine/archivio/2009/07/storie/google-vs-facebook-.aspx?page=allAlla luce di questo le porte chiuse verso Google e gli annunci di Microsoft in ambito di social search sono quasi scontate.
  • Nome e cognome scrive:
    Indicizzare lo spam
    Su Facebook non so, ma su Twitter gli spammer dilagano. Non c'è molto da indicizzare la.Màh...
  • Roberto scrive:
    Tempo reale?
    Ricerca sociale e ricerca in tempo reale sono due cose mooolto differenti (leggi pc professionale di ottobre).
Chiudi i commenti