Green Pass, l'ultimo emendamento sarà del Garante

Green Pass, l'ultimo emendamento sarà del Garante

Il Garante Privacy bacchetta il legislatore e suggerisce l'abolizione della raccolta dei Green Pass da parte del datore di lavoro.
Il Garante Privacy bacchetta il legislatore e suggerisce l'abolizione della raccolta dei Green Pass da parte del datore di lavoro.

Non è un emendamento vero e proprio, ma avrà il medesimo effetto. Il Garante Privacy aveva infatti già precedentemente ammonito la Camera circa la necessità di evitare la raccolta dei Green Pass da parte dei datori di lavoro, ma il contraddittorio emendamento Fedeli era prima passato in Senato per poi restare impacchettato nel voto di fiducia alla Camera. Quel comma già messo all'indice dall'Authority era quindi arrivato fino all'approvazione finale, ma ora il Garante torna sul tema e, in audizione alla Commissione Affari Istituzionali, fissa il punto:

Dietro la parola “suggerito” c'è molto di più. Non si tratta infatti di un intervento correttivo postumo, ma di un ammonimento circa una mancanza che il legislatore ha tenuto nel non eliminare una pratica che il Garante stesso aveva già ampiamente messo all'indice. Il Presidente dell'Autorità Garante per i dati personali, Pasquale Stanzione, non ha potuto quindi far altro che ribadire con forza la posizione del Garante in quello che è una sorta di malcelato ultimo avvertimento.

La pratica stessa della raccolta dei Green Pass non è comodissima, dunque l'emendamento Fedeli ha più che altro creato caos su una questione che era ormai stata archiviata dalle metodologie alternative di verifica. Ora però il problema va sanato anche dal punto di vista legale, evitando che eventuali raccolte massive possano costituire problemi ulteriori. Il Garante suggerisce, la Commissione ha registrato e ora occorrerà vedere come l'iter arriverà o meno ad una correzione in fase di approvazione finale.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

07 12 2021
Link copiato negli appunti