Grooveshark, il banchetto degli squali

Per sfruttare la notorietà della piattaforma appena chiusa bastano delle dichiarazioni ad effetto? Il nuovo dominio è sì una copia, ma non del Grooveshark che si è arreso alle major

Roma – L’industria della musica nei giorni scorsi ha definitivamente affondato Grooveshark e il suo modello di business, servizio di streaming che ha cresciuto il catalogo della propria piattaforma anche con del materiale messo a disposizione illegalmente, nel tentativo di guadagnare l’attenzione degli utenti per rivenderla ai detentori dei diritti con degli accordi di licenza. Ha fallito nella sua missione e si è inabissato, ma il suo nome vive nei progetti di un aspirante emulo già affiorato all’attenzione della Rete.

Si tratta di Grooveshark.io (dominio su cui qualcuno ha rilevato delle minacce): poco sembrerebbe avere a che fare con Grooveshark.com , non fosse per il riuso del marchio e le dichiarazioni del suo admin, tale Shark, che si dice vicino al team del progetto originale e per questo motivo “in possesso delle conoscenze e delle risorse tecnologiche per riportarlo in vita”.

“Ho cominciato ad eseguire un backup di tutti i contenuti del sito nel momento in cui ho iniziato a sospettare che la fine di Grooveshark fosse vicina – sostiene l’admin – e i miei sospetti sono stati confermati pochi giorni dopo, quando hanno scelto di chiudere”: al momento della chiusura, afferma, “disponevo di un backup del 90 per cento dei contenuti del sito e ora sto lavorando per l’altro 10 per cento”.

Le dichiarazioni dell’amministratore, però, non sembrano rispecchiarsi nella descrizione del funzionamento del sito, che si posiziona come “un motore di ricerca molto simile a Google, che permette la ricerca di file audio”, ospitati su server terzi, e che si dichiara “non responsabile rispetto a quello che le persone postano sul Web e non responsabile per quello che le persone fanno con i contenuti che trovano”. Un disclaimer che ricalca quello di un sito che si offre con una proposta analoga, mp3juices.se , e che all’identico invito ad eseguire una ricerca per la parola chiave “madonna” restituisce esattamente gli stessi risultati.

Grooveshark

mp3juices.se

Le contraddizioni del sito che si spaccia per il redivivo Grooveshark agendo sotto i riflettori delle cronache non trovano però spazio nei determinati propositi del suo admin: “sarà come stare sulle montagne russe – prospetta – ma siamo qui per restare”.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Albedo 0,9 scrive:
    Refresh JS
    ...post di approfondimento... XXXXto grazie al vostro refresh.M'è passata la voglia di riscriverlo.
  • AxAx scrive:
    Ma che due palle...
    tutte ste str.. che costringono ad un lavoro immane assolutamente inutile dato che il 99% cliccherà su Ok senza neanche leggere.Perchè il garante del suo stipendio invece non vieta in maniera assoluta i cookies e i plugin di facebook e google?
    • Pippo PLuto scrive:
      Re: Ma che due palle...
      Esatto.Sai però quanti soldi muove una roba del genere?
      • AxAx scrive:
        Re: Ma che due palle...
        Ma infatti. Con localstorage memorizzi come e meglio dei cookie quello che ti pare senza dover mai mandare appunto nessuna richiesta di cookie.Nell'html5 l'hanno messo apposta...
  • mi chiedo scrive:
    ma è veramente importante ?
    Perchè non legiferano sulla produzione di acqua calda ?
  • CrazyCo scrive:
    che cagata!!!
    Una cosa completamente inutile sia per gli utenti che per le varie società italiane che dovranno adeguarsi a un altra mattata del governo italiano, ed è anche abbastanza complicata da implementare.
Chiudi i commenti