Hack.it.art scuote Berlino

Dal 14 gennaio nella capitale tedesca si riverseranno le avanguardie italiane dell'attivismo tecnologico, artistico e politico. Expò, workshop ed eventi per disegnare i nuovi percorsi mediatici


Berlino – Nella capitale tedesca c’è un pezzettino dell’Italia che ragiona sulle nuove forme mediatiche innescate dalle tecnologie: dal 14 gennaio al 27 febbraio al museo Kunstraum Kreuzberg/Bethanien sarà ospitata l’attesa mostra-evento “Hack.it.art”, sottotitolo Hacktivism in the Context of Art and Media in Italy .

Hack.it.art, spiegano i promotori, consiste in una rassegna sull’attivismo politico, tecnologico e artistico in Italia. L’idea è dunque quella di mettere a fuoco le nuove forme indipendenti di produzione artistica e mediatica italiana, “riflettendo – si legge in una nota – su un percorso collettivo di un movimento che dagli anni Ottanta si batte per un uso libero e auto-gestito dei media e tecnologia”.

Si tratta di attività che non sempre possono essere identificate come arte ma che sono più facilmente individuabili con il termine pratica o azione . Siamo dunque all’essenza dell’ hactivism , fusione di hacking e activism, attivismo tecnologico e politico. “Hacktivism – spiega una nota – è una pratica rizomatica e open source”.

Le anomalie dei media italiani, sottoposti a forti pressioni monopolistiche associati ad un ventennio di forti impulsi indipendenti verso l’individuazione di nuovi modelli di produzione e fruizione dell’informazione, e alla miriade di progetti collegati, fanno sì secondo i promotori che Hack.it.art possa consentire di riflettere sulle possibilità di costruire nuovi modelli sociali e culturali.

“Il modello che propone Hack.it.art – continua la nota – vede il net come uno spazio aperto, in cui fioriscono attività decentralizzate, autonome e gestite dal basso. L’accesso all’informazione senza barriere, l’uso consapevole, non commerciale e libero dell’hardware e tecnologia, i concetti base dell’etica hacker, sono presentati in questo evento come forme di azione politica. Opponendosi alla logica dei crackers, che si introducono nei sistemi informatici distruttivamente, il concetto di hacktivism abbraccia una moltitudine di pratiche il cui scopo è quello di costruire nuove forme di azione politica e produzione creativa. Una eterogeneità di esperienze che si manifesta attraverso l’uso e l’interconnessione di diversi media (video, computer, radio, televisione). Considerando la vastità di tale network italiano, hack.it.art vuole offrire spunti salienti di riflessione attraverso l’attività di alcuni soggetti che in si battono per un uso aperto e critico della tecnologia, consapevole dell’azione di sintesi effettuata”.

Durante le sei settimane di presenza al Kunstraum Kreuzberg/Bethanien di Berlino verranno attivati workshop e diversi eventi sull’hacktivism, con uno spazio espositivo che diverrà come dicono i promotori “un medialab attivo”, fucina di progetti e dibattiti.

L’evento, presentato da AHA coinvolge molti soggetti italiani ed internazionali, e tra questi l’ hacker art di Tommaso Tozzi, il phag off di Nikky e Francesco “Warbear” Macarone Palmieri, come anche il Bootlab di Diana McCarty e via dicendo.

L’inaugurazione di Hack.it.art è prevista per le 19 del 14 gennaio.

Il programma e tutte le info sono disponibili qui .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: te credo, i singoli hanno (2)
    Il teorema di shannon parla di freq massima presente NEL segnale un onda quadra non la puoi campionare al doppio della frequenza dell'onda quadra ma al doppio della massima frequenza presente nel segnale.Un onda quadra con periodo ad esempio di 10hz ha componenti armonicha molto ma molto più alte di questa freq teoricamente bisognerebbe conoscere quella massima e campionare almeno al doppio di questa
  • Anonimo scrive:
    Re: I MUSICISTI GUADAGNANO!!! Con iTunes
    grazie per il consiglio!abbiamo inviato a cdbaby i nostri CD (CHAIOS e MU) e gia' in pochi giorni abbiamo avuto dei riscontri positivi! :)E ora siamo in attesa che vengano pubblicati anche in forma digitale (da qualche giorno un paio di titoli sono comparsi su iTunes :))))Joachimwww.res-net.org
  • Anonimo scrive:
    Re: MA quando un itunes per linux
    - Scritto da: dibigi

    - Scritto da: Anonimo

    Facciamo una petizione?

    www.petitiononline.com


    io la firmerei!allora fallo ;) come me, più siamo meglio è:http://www.apple.com/feedback/ipod.htmlhttp://www.apple.com/feedback/itunes.htmlciao (apple)
  • Anonimo scrive:
    Re: MA quando un itunes per linux
    tu forse niente ma io vorrei comprare un ipod ed usarlo con linux. e penso che comprando un prodotto dovrei avere il suo software per il mio sistema operativo. La vedi tanto strana come cosa?
  • Anonimo scrive:
    Re: MA quando un itunes per linux
    - Scritto da: dibigi
    con la crescita di questi sistemi per
    l'acquisto musica mi chiedo quando Real ,
    Apple o chi che sia si appresterà a
    fornire gli strumenti per poterlo fare.E che ce ne facciamo di roba wc-closed?
  • Solvalou scrive:
    Re: Come si spiega?
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Solvalou


    musica, perche' un artista solitario
    puo'

    vendere al mondo, perche uno
    scaricatore di
    ...


    vorrei proprio vedere quanti "sconosciuti"
    senza marketing cazzuto alle spalle vengono
    singoli su internet.http://www.magnatune.com , la prima che mi viene in mente
  • Anonimo scrive:
    Re: I MUSICISTI GUADAGNANO!!! Con iTunes

    concedimi la battuta... Il tuo amico
    sarà famosissimo in Germania, ma pure
    nel mondo e' famosissima la qualità
    generale della musica tedesca :pinfatti è famosissima, chiedilo ai Kraftwerk, ai Can, Neu!, Einsturzende Neubauten e a tanti altri gruppi provenienti dalla germania. se non sai chi sono prova a fare una ricerca su google, ti stupirai dei risultati. se poi tu ascolti paola & chiara e simili allora è un tuo problema...
  • anrapa scrive:
    Re: I MUSICISTI GUADAGNANO!!! Con iTunes
    Non lo so... Non me ne sono preoccupato... SPERO però che li intaschino loro, se lo meritano: hanno dato la possibilità ad un perfetto sconosciuto di far conoscere la sua musica... Tanto di cappello! :-D
  • gollum1 scrive:
    Re: iTunes e C. Una grossa balla....
    - Scritto da: Anonimo
    accidenti, ma abbiamo trovato un acerrimo
    sostenitore di ITunes.....Una piattaforma
    che offre mp3 con qualità/prezzo
    assolutamente sconvenienti e che non
    permette l'utilizzo dei file con altri
    lettori. E secondo te un papocchio del
    genere dovrebbe incontrare il consenso di un
    utente mediamete informato? Ma come mai ogni
    volta che si parla male di un'azienda (in
    questo caso monopolista...) c'è
    qualcuno che si offende, specie se si tratta
    di Apple? Mah...non ho ITunes, e non sono un appassionato di Apple, anche se è una macchina che non mi spiacerebbe avere, sicuramente meglio di winzoz.... ma a parte questo, volevo solo dire che viaggio parecchio in treno, e devo dire che negli ultimi 3 mesi vedo sempre più persone che ascoltano la loro musica proprio su IPod, quindi evidentemente se prima non ne vedevo, e adesso ne vedo parecchi, devo presumere che Apple ne ha effettivamente venduti parecchi in questo periodo, poi sulla qualità non voglio mettere naso, io continuo con i miei minidisk AC3 e mi vanno più che bene (con il vantaggio che cambio le canzoni in un attimo senza dovermi per forza collegare al pc, ma questo è un altro discorso).Byez
  • gollum1 scrive:
    Re: Itunes ? Ma fatemi il piacere...
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    io non li acquisto più da ben
    quattro

    anni. E ne vado fiero 8)

    io ne sarei fiero solo se non rubassi musica
    altrovea parte che i ladri sono gli stessi che li vendono, pure io da parecchio tempo non compro più CD originali, sono pazzi...e per quanto riguarda il p2p l'ho provato un paio di volte le prime volte di cui se ne parlava, poi per principio mi rifiuto di usare anche questo mezzo per scaricare musica... stesso discorso per il SW, i giochi e via dicendo...quello che purtroppo la maggior parte della gente non capisce, secondo il mio parere è che la pirateria in fondo fa un grosso favore ai produttori.Se un certo numero di persone abbastanza elevato si scarica musica, giochi e SW, bene o male si parla di questi autori, di questi giochi, di questi programmi, sempre più gente viene interessata, la pubblicità è l'anima del commercio... nel momento in cui io mi ritrovo a voler regalare il CD di Eros Ramazzotti (che gusti barbari) alla mia ragazza, vado alle messagerie e me lo ritrovo alla bella cifra di 26?, visto che si tratta di un regalo, lo compro (bhe... in questo caso mi sono rifiutato categoricamente, si è accontentata di un altro CD a 16? che è pur sempre una ladrata, ma è un regalo...)se non ci fossero le copie pirata, la maggior parte della gente non saprebbe neppure che esiste (forse un po' meno vero per l'audio, visto il tam tam di radio e tv, ma per SW e giochi sicuramente)...quindi è falso il fatto che i prezzi sono alti per contrastare la pirateria, la pirateria gli serve per spennare i polli...tanto per dire cosa vuol dire la pirateria, quando usci word di MS, era protetta dalla copia, vendite zero, la gente preferiva works, costo inferiore e prestazioni simili.... la MS ha semplicemente tolto la protezione, risultato... word è diventato uno standard de facto... perchè tutti hanno potuto copiarlo...quindi il mio suggerimento è molto semplice...NON compriamo a questi prezzi pazzeschi, ma NON copiamo, facciamo cadere il mercato... dovranno pur scendere a patti ad un certo punto...volete ascoltare musica nuova? c'è la radio, che spesso alieta anche con la pubblicità e con altre rubbrichette (alcune sono pure piacevoli)...byez
  • gollum1 scrive:
    Re: te credo, i singoli hanno (2)
    Non sono un audiofilo, mi piace ascoltare un po' di musica, mi sono comprato un MD-550 della sony, e l'unico mio rammarico è la difficoltà a trovare i minidisk vergini sul mercato italiano (politica autodistruttiva della sony secondo me) per non parlare dei MD premasterizzati... inesistenti... eppure la qualità per il mio orecchio è più che buona...una considerazione che mi viene da fare solitamente quando mi parlano di musica compressa o meno e tutte queste cose: solitamente gli mp3 e tutti gli altri formati compressi sono comunque ascoltati con cuffiette mentre una persona è immersa in altre realtà sonore (treno, traffico e via dicendo)...ma anche in un appartamento con un buon impianto, visto che i formati compressi sono comunque studiati per togliere informazioni che in ogni caso non sarebbero usate, non mi pare che sia da buttare, anzi...un mio collega lavora nell'audio (io mi occupo di video) e quando gli ho chiesto la differenza tra un formato compresso e non, mi ha risposto che se la maggior parte della gente (audiofili compresi) dovessero mettersi in una sala di ascolto, senza vedere la sorgente del segnale, non saprebbe comunque distinguere un formato compresso da uno non compresso...per quanto riguarda shannon, non ho capito una cosa: shannon dice che la frequenza di campionamento deve essere almeno il doppio della massima frequenza del segnale da campionare, e due post sopra si dice che il doppio della frequenza dell'onda quadra non è sufficiente per campionarla... ma shannon dice della massima frequenza del segnale da campionare , ora... un'onda quadra a quanto mi ricordo deve essere scomposta in una somma di sinusoidi, (fourier? mi pare, la memoria mi fa difetto), e ci sono alcune frequenze che sono molto più elevate di quella dell'onda quadra, quindi devi metterti al doppio di queste, non della risultante...probabilmente ho sparato qualche stron7ata, nel qual caso, fate conto che non abbia neppure scritto.... byez
  • Anonimo scrive:
    Re: Come cont(r)attare con iTMS
    - Scritto da: anrapa
    Sono onorato di sapere che ti piaccia! Se
    vuoi qualsiasi informazione in più
    oltre che scrivere alla mail del gruppo puoi
    contattarmi su

    yahoo: anrapa
    msn: sgamana@hotmail.com
    aim(ichat): anrapa@mac.com

    Ciao!!!E' un piacere! ho preso nota dei tuoi recapiti negli stickies....
  • Marte2 scrive:
    Re: I MUSICISTI GUADAGNANO!!! Con iTunes
    - Scritto da: anrapa
    Su 9.99 Euro (prezzo dell'intero CD)
    prendiamo 5.20 Euro, mi sembra DECISAMENTE
    ONESTO!!!!!Ad apple quanto rimane di quei 4,79 euro restanti ?
  • anrapa scrive:
    Re: I MUSICISTI GUADAGNANO!!! Con iTunes
    Prima di tutto ti ringrazio per aver apprezzato il mio CD!Per quanto riguarda il post scriptum devo dirti che continuo ad essere della mia idea (e cioè che viga la democrazia) ma questa mia frase non deve essere interpretata in modo illusorio: NON è vero che tutti con internet DIVENTERANNO famosi. Mentre invece E' ASSOLUTAMENTE vero che con questo mezzo tutti POSSONO avere successo.Molto spesso la gente confonde la possibilità con il "MI E' DOVUTO". Questo è un errore molto grave perchè taglia le gambe agli aspiranti musicisti perchè in breve tempo (se i risultati non giungono) perdono la fiducia in se stessi e abbandonano.Noi abbiamo avuto la FORTUNA di incontrare i gusti della gente. Evidentemente i tuoi amici non hanno colpito allo stesso modo i loro ascoltatori. Questo non dipende necessariamente dalla effettiva capacità del musicista ma anche da altri fattori (vogliamo metterci anche la fortuna?). Uno di questi è l'intraprendenza! La stragrande maggioranza delle persone che cercano il successo non si sbattono per ottenerlo: noi ci siamo iscritti in diversi siti e abbiamo ascoltato molta musica per proporre qualcosa che fosse diverso: quanta gente conosci che mischia il chillout, la samba, la dance, la musica irlandese, la pop, il rock e (soprattutto) il jazz nei suoi brani? Se riesci a dirmene qualcuno tanto di cappello a te e a chi lo ha fatto. La nostra fortuna è produrre musica che NON fanno altre persone, è nata per fungere da colonna sonora per dei filmini che abbiamo girato per sfizio.Ci sono MILIONI di persone che sanno cantare come alex britti (e non è che sia un fenomeno a cantare, in effetti) ma pochi sanno ANCHE suonare come lui la chitarra... Lui in qualche modo si è distinto. Io me la prenderei con i vari FENOMENI che escono dalla "fucina" della De Filippi che non hanno nulla in più di tanti bravi cantanti sconosciuti, tranne per il fatto che stanno in TV tutto il giorno e le ragazzine si arrapano....In TV non penso ci sia la necessaria democrazia per ricreare un fenomeno "The Winshurst Machine". In internet.... SIPer riassumere tutto il mio pensiero:Abbiamo avuto molta fortuna!Abbiamo prodotto musica che nessuno altro fa (per quanto ne so...)Siamo stati molto pervicaciNON SO se siamo bravi ma incontriamo il gusto di UNA PARTE della gente e questa è bastata per farci essere secondi in classifica nella sezione Electronic e ventiseiesimi in quella generale.Ma soprattutto NON ABBIAMO MAI PRETESO il successo e NON ci siamo mai LAMENTATI nel periodo in cui non lo abbiamo avuto (ma stiamo effettivamente avendo successo?)Ti ringrazio per aver letto fin qua e ti esorto a passarmi il link dei tuoi amici, li ascolterò volentieri.Se vuoi chattare di questo argomento puoi contattarmi con yahoo, msn o ichat (i nick li trovi in 3/4 altri post che ho in questo thread, non li metto qui per non spammare troppo... :-D )Ciao!Tony
  • anrapa scrive:
    Re: Come cont(r)attare con iTMS
    Sono onorato di sapere che ti piaccia! Se vuoi qualsiasi informazione in più oltre che scrivere alla mail del gruppo puoi contattarmi suyahoo: anrapamsn: sgamana@hotmail.comaim(ichat): anrapa@mac.comCiao!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Come cont(r)attare con iTMS
    - Scritto da: anrapa
    Scusami per la mia definizione di "un po'
    polemico", ho esagerato...

    Comunque hai ragione tu: le vendite
    fluttuano in continuazione, ieri a
    mezzanotte eravamo al 67esimo posto nella
    classifica GENERALE (non ci eravamo mai
    finiti!!!) e terzi in quella ELECTRONIC.

    (Ora è uscito anche il secondo CD:
    www.cdbaby.com/twm2)

    Ciao!Desideravo comunicati che ho trovato il cd del tuo gruppo notevole, infatti l'ho acquistato ieri su ITMS.Ciao
  • garsonpoole scrive:
    Re: I MUSICISTI GUADAGNANO!!! Con iTunes
    - Scritto da: Anonimo
    ma pure

    nel mondo e' famosissima la
    qualità

    generale della musica tedesca :p


    Scusa ma sei ignorante in campo musicale se
    affermi una cosa del genere.Te lo dice uno
    che ha almeno un centinaio di cd musicali
    provenienti dallla germania e non aggiungo
    altro.
    SalutiIn Germania è nata la Mute Records...a Koln ci sono studi di registrazione famosisiimi e di storica importanza dagli anni '70 in avanti ...per fare altri esempi
  • garsonpoole scrive:
    Re: I MUSICISTI GUADAGNANO!!! Con iTunes
    - Scritto da: anrapa
    Il cd del mio gruppo (io sono il
    trombettista), nel sottogenere Electronica,
    è al TERZO POSTO IN ITALIA!!!

    Al primo ci sono nientemeno che i Depeche
    Mode e al secondo i Chemical Brothers...
    Dietro di noi ci sono i Fat Boy Slim!!!!!!!

    Noi siamo al TERZO con "Freedom Calls" (il
    gruppo è "The Wimshurst
    Machine")!!!!!

    Sono esterrefatto io stesso e sono troppo
    contento per tenere per me questa
    notiziona!!!
    Il concetto che voglio far passare è
    che ESISTE DEMOCRAZIA NELLA MUSICA ONLINE!!!Complimenti ...e ho piacere per voi!Scusami però se dubito che le cose siano così semplici come le fai apparire: io stesso ho fatto parte di un gruppo e sono amico o conoscente di un sacco di gente che suona... e da quanto vedo la situazione comune è ben altra. Personalmente collaboro (nn a livello musicale) con un gruppo di persone a me molto care e vedo che, nonostante sia gente che suona da anni e nonostante un CD stampato uscito questa primavera e molti altri CD.R, un sito internet e diversi concerti, la loro situazione è sempre immobile. E' tutta gente che -chi lavora o chi ...è fancazzista- non vive certo con la musica, anzi la musica è la loro passione, pagata a caro prezzo.Forse dipende anche dal genere: eppure (vi ho ascoltato in streaming) quello che fanno non è molto diverso da quello che fate voi,anzi, direi che il genere è lo stesso: forse solo la vostra è un pò troppo sul new age mentre la loro trovo sia più originale e valida (chiaro è un giudizio mio, è questione di gusti)...Comunque penso che in genere sia tutaltro che semplice e se a voi è andata bene, magari è stato un caso e non credo si ripeterà facilmente per altri. Questo dovevo dirlo anche per non alimentare ulteriori illusioni in qualche sprovveduto che avesse letto in quel senso il tuo postCmq mi congratulo con voi, visto che destinate i ricavi in aiuti ai paesi poveri, ciaoPS; In quanto alla frasetta ad effetto sul fatto che su Internet per i musicisti vige la democrazia , non capisco che cosa tu voglia intendere!!!==================================Modificato dall'autore il 13/01/2005 15.45.35
  • teddybear scrive:
    Re: I MUSICISTI GUADAGNANO!!! Con iTunes
    - Scritto da: anrapa
    Ok, ci possiamo sentire in privato?

    Nick per chattare

    msn: sgamana@hotmail.com
    yahoo: anrapaRispondimi su yahoo appena ti connetti... grazie.
  • Anonimo scrive:
    Re: e i dipendenti?
    - Scritto da: Anonimo
    Le Majors dicevano che per colpa di chi
    scarica illegalmente musica da Internet
    saranno costretti a lasciare a casa tutti i
    lavoratori che dipendono dalla distribuzione
    di cd nei negozi.

    Adesso che hanno scoperto di guadagnare di
    piu' vendendo direttamente on-line
    scomettiamo che non saranno piu' cosi' tanto
    interessati alla sorte dei dipendenti
    addetti alla distribuzione nei negozi di cd?
    :D :D :DUhm.. mi sa che non mi conviene scommettere sul contrario....vinceresti troppo facilmente! :(
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma e' davvero cosi' conveniente?
    - Scritto da: Anonimo
    A me non pare ad essere sincero...
    1 euro a canzone... 10 euro a disco, per
    avere una qualità decente ma
    inferiore al cd audio, non avere un supporto
    decente ma dovermeno masterizzare io (e gli
    audiofili conoscono la differenza tra un cd
    stampato ed uno masterizzato) e non avere
    libretto.

    Se cui cd originali ci mangiano, non mi pare
    che su queste offerte online siano da meno.Allora fai come me! Vai di di P2P!!! (io personalmente mi trovo benissimo con kazaa lite e Shareazaa)... costo tendende a zero, convenienza tendente all'iperbole e la soddisfazione di metterlo nel c.... a SIAE e case discografiche tutte!!! :D
  • anrapa scrive:
    Re: Come cont(r)attare con iTMS
    Scusami per la mia definizione di "un po' polemico", ho esagerato...Comunque hai ragione tu: le vendite fluttuano in continuazione, ieri a mezzanotte eravamo al 67esimo posto nella classifica GENERALE (non ci eravamo mai finiti!!!) e terzi in quella ELECTRONIC.(Ora è uscito anche il secondo CD: www.cdbaby.com/twm2)Ciao!
  • VDM scrive:
    Re: Come cont(r)attare con iTMS
    - Scritto da: anrapa
    Le graduatorie (per rispondere ad un post un
    po' polemico di un altro utente...) variano
    continuamente (le aggiornano ogni 5 minuti
    per quanto ne so io...) e quindi è
    possibile vederci "fluttuare" un po' su e
    giù. Alle 7 di stamattina eravamo al
    terzo posto come brani (Freedom Calls) e
    secondi come CD!!!Se il polemico sono io, non ero polemico ma puntiglioso. Se le classifiche sono più o meno istantanee (come sono, se sono aggiornate ogni 5 minuti solo sul venduto recente), può essere che bastino pochi acquisti per salire (alle 7 di mattina in Italia: quanta musica si vende?). Detto questo, è comunque un ottimo modo per essere distribuiti su scala nazionale ed internazionale.In bocca al lupo.
  • anrapa scrive:
    Re: I MUSICISTI GUADAGNANO!!! Con iTunes
  • anrapa scrive:
    Re: Come cont(r)attare con iTMS
    Abbiamo mandato il CD a www.cdbaby.com e loro si sono occupati di tutto!Più semplice di così!!!E' uscito il secondo CD!!!www.cdbaby.com/twm2Ascoltalo!Ciao
  • anrapa scrive:
    Re: I MUSICISTI GUADAGNANO!!! Con iTunes
    Siamo "distribuiti" tramite www.cdbaby.com, sono dei FENOMENI!!! Chiedono poco in termini economici (9% dei guadagni su iTunes (che ti paga il 66% grazie a loro)) e sono molto ligi!Ciao!
  • Anonimo scrive:
    Re: Itunes ? Ma fatemi il piacere...
    smettila di dare del ladro a destra e manca, cominci a stufare....
  • Anonimo scrive:
    info per Ekleptical
    compro anche io musica dagli store.......(itunes,tiscali)ma vedo che purtroppo molti nel nostro paese non sono attivi, soprattutto quelli che offrono musica "in affitto" come Napster,Rapsody,Musicmatchconosci qualche store che offra questo servizio qui?grazieciao
  • Anonimo scrive:
    Mi spiegate perchè
    il musicstore italiano ( a differenza di quelli usa e Uk) non offre il download del brano gratuito settimanale?gliene ho comprati 33 in 2 settimane..................:@
  • Anonimo scrive:
    Re: iTunes guadagna?
    Il prob è che molti artisti non possono essere pagati direttamente, perchè hanno ceduto i diritti alle major, le quali in cambio li pagano un fisso l'anno.Se sia un bene o un male non lo so. Personalmente non mi pare giusto, ma se gli artisti lo fanno hanno una loro convenienza evidentemente.Tuttavia questo sistema taglia fuori molti emergenti e non solo, perchè le major così tendo ad investire e pubblicare solo chi vende moltissime copie, indipendentemente dalla qualità del contenuto. Motivo questo (non solo per carità) per cui la musica costa tutta uguale, sia che sia il mostro sacro con l'album da collezione, che il primo gruppo di stonati super commerciali che vendono facendo un buon pezzo super passato in radio e altri 10-11 giusto per fare 60 minuti scarsi di disco.L'artista ha il vantaggio di prendere soldi sempre e cmq, ma perde ogni diritto su ciò che fa. Tantè che spesso è costretto a pubblicare lavori ogni tot mesi, anche se i tempi non sono maturi (motivo per cui spesso gli album sembrano scadenti a parte qualche pezzo). Inoltre quando vengono pubblicate raccolte, greatest hits ecc. nonchè per tutte le esecuzioni live (anche da parte di coverband) le royalty se le prendono tutte le major, anche a distanza di anni.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma e' davvero cosi' conveniente?
    - Scritto da: The_GEZ
    Non e' che io ci creda poco a questa cosa
    ... NON CI CREDO PROPRIO !!!!beh, credici...perchè Apple grazie ad ITMS vende i SUOI prodotti cioè iPod....
    Apple non avrebbe messo in piedi un simile
    catafalco se non per fare soldi a palate
    !!!!Infatti riesce a fare soldi, ma con la vendita dei milioni di lettori ipod...non certo con quello che deve dare alle major.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma e' davvero cosi' conveniente?

    i file AAC venduti da iTunes Music Store
    sono di qualità identica, se non
    superiore a quella dei cd attualmente in
    commercioMa non e' per niente vero.I file AAC, anche se possono essere non lossy, di default sono lossy. Il formato di codifica e' ottimo ma comunque sia il segnale e' meno fedele di quello dei cd audio.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma e' davvero cosi' conveniente?
    Effettivamente ai prezzi odierni(considerato anche che in Italia abbiamo i prezzi di connessione più alti del mondo) non è così conveniente però c'è il vantaggio di potersi fare cd davvero personalizzati. In fondo su di un cd comprato in negozio la metà delle canzoni non interessano veramente o sono decisamente brutte o sono vecchie canzoni "rimasterizzate" ( che vuol dire "te le rivendiamo lo stesso").O mi sbaglio?michele
  • pikappa scrive:
    Re: I MUSICISTI GUADAGNANO!!! Con iTunes
    - Scritto da: anrapa
    Grazie Davide!

    Colgo l'occasione per aggiungere che
    è uscito anche il secondo CD!!!
    (quella carogna del mio compare lo ha fatto
    a mia insaputa! Doveva uscire fra due
    settimane ma non ha resistito vedendo i
    risultati che stiamo avendo!)

    Per ora non ancora su iTunes ma solo su

    www.cdbaby.com/cd/twm2

    Ciao a tutti e GRAZIE!!!!Oh ho sentito il pezzo su garageband, ma lo sai che è bello davvero!! mi sa che è il primo pezzo che compro su itunes, anche perchè avete disabilitato il dw dell'mp3 su garageband :p, scherzi a parte mi piace il tipo di musica che fate, peccato che non possa ascoltarla sotto linux :( altrim mi compro i 2 cd audio :-) ==================================Modificato dall'autore il 11/01/2005 18.02.36
  • Ekleptical scrive:
    Re: I MUSICISTI GUADAGNANO!!! Con iTunes

    Certo, allora se li hai tu, sono importanti!
    ...noi poveri ignoranti...
    :|In effetti è così, l'altro tizio ha ragione. La Germania è semplicemente fondamentale nell'Elettronica e di notevole peso in ambito Metal.Ha anche un discreto peso nel Pop a livello Europeo (vari artisti tedeschi commerciali vendono milioni di CD in tutta Europa, che non arrivino quaggiù in Italia è secondario, considerando tutta l'Europa del Nord!).
  • Ekleptical scrive:
    Re: I MUSICISTI GUADAGNANO!!! Con iTunes
    - Scritto da: anrapa
    Su 9.99 Euro (prezzo dell'intero CD)
    prendiamo 5.20 Euro, mi sembra DECISAMENTE
    ONESTO!!!!!Così tanto???? o_OMa siete direttamente in contatto con iTunes o attraverso una casa discografica (non fittizzia, vostra)?
  • Anonimo scrive:
    Re: te credo, i singoli hanno (2)
    - Scritto da: avvelenato
    - Scritto da: Ekleptical




    Il teorema di Shannon (vero solo in
    parte)

    ultimamente sta facendo più
    danni che

    altro a generazioni di elettronici.

    a) Non è vero che un'onda venga

    riportate in modo decentemente fedele se

    campionata a frequenza doppia. L'ha

    dimostrato il team del SACD con un'onda

    quadra. Per campionare e riprodurre

    correttamente una quadra 10KHz in PCM ci

    vuole il campionamento a 192KHz. In
    pratica

    Shannon ha sbagliato, in questo caso!!!
    E'

    il caso estremo in cui il transiente

    è troppo rapido per essere
    rilevato e

    l'unica è salire di frequenza.

    b) Maggiore è la frequenza di

    campionamento, più alta la
    coerenza

    dell'onda riprodotta rispetto
    all'origniale,

    con minore aliasing. Qua il limite
    teorico,

    secondo alcuni ingegneri audiofili, si

    aggira attorno al singolo MHz!!! (altro
    che

    44KHz). Al di sopra è inutile

    overkill, troppo hi-fi rispetto alle

    caratteristiche tecniche
    dell'apparecchio

    "orecchio umano"....





    il teorema di shannon è verissimo,
    non dire cazzate.

    il teorema di shannon che conosco dice che
    non è possibile ripristinare un
    segnale analogico se non lo si è
    campionato a frequenza f ALMENO
    della
    metà della frequenza del segnale.
    esatto.... F(campionamento)
    = F(segnale)/2 (l'uguale rappresenta il limite teorico che introduce,cmq, aliasing e altro rumore...)e questo non mi vieta di prendere una F(campionamento) 3/4 volte maggiore di Fs/2, anzi maggiore è la qualità.....
    semmai l'interpretazione che molti
    dànno a questo teorema è
    erronea e foriera di fraintesi. E' ovvio che
    all'aumentare dei campioni l'errore standard
    diminuisce e quindi la differenza tra il
    segnale ottenuto tramite interpolazione dei
    campioni e quello originale.

    E' altresì ovvio che esiste un limite
    oltre al quale quest'aumento di
    fedeltà, almeno parlando dell'audio,
    non è più percepibile
    forse qualcuno è interessato anche a dare piacere al proprio cane o ai pipistrelli appesi sotto le grondaie.... :D

    i 192khz (per lo stereo, per il 5.1 sono
    96khz, parlo del formato dvd audio) non
    rappresentano forse questo limite, ma
    secondo me sono un ottimo compromesso con le
    esigenze degli audiofili.
  • jokanaan scrive:
    Re: te credo, i singoli hanno (2)
    - Scritto da: Ekleptical

    il teorema di shannon che conosco dice
    che

    non è possibile ripristinare un

    segnale analogico se non lo si è

    campionato a frequenza f ALMENO

    della

    metà della frequenza del segnale.

    Leggi qua la prova empirica:
    www.smr-home-theatre.org/surround2002/technol

    Io direi che il segnale di ingresso,
    campionato al 4uplo della sua frequenza, non
    c'entra una fava con quello di uscita. E'
    stato completamente deformato! La perdita di
    informazione è totale. Se li
    ascoltassi i due segnali sarebbero
    totalmente diversi anche per il più
    profano dei profani!
    Come la mettiamo?hm.quindi com'é che riescono a fare i cd?
  • The_GEZ scrive:
    Re: Ma e' davvero cosi' conveniente?
    Ciao Anonimo !
    gli audiofili troverebbero dei difetti anche
    nell'acustica del teatro della scala di
    milano... Gia'.Il bello sta che poi ogni "audiofilo" troverebbe un difetto diverso !!!!:)
    iTMS sulle canzoni guadagna molto poco, il
    vero guadagno di apple stà
    nell'immenso successo dell'iPod...Non e' che io ci creda poco a questa cosa ... NON CI CREDO PROPRIO !!!!Apple non avrebbe messo in piedi un simile catafalco se non per fare soldi a palate !!!!
  • Anonimo scrive:
    che discorsi privi di senso
    Ma tu, cosa credi di avere nelle orecchie, un sistema di acquisizione dati a 100MHz??? Anche il nostro timpano è un sistema analogico con dei limiti fisici, dei tempi di risposta, delle masse in movimento, inerzia, attriti. Anche se ti facessero ascoltare un segnale prodotto da un'onda quadra tramite un trasduttore "perfetto", il tuo timpano non potrebbe mai ascoltarlo come un'onda quadra. Ciò che noi ascoltiamo (e vediamo) è sempre una percezione della realtà filtrata dai nostri organi di senso. E' assurdo pensare di prendere un'onda quadra come segnale audio per fare prove comparative. E' importante invece che il segnale sia gradevole. Che cavolo, gli audiofili ne dicono un sacco di ca77ate... come la storia dei connettori placcati oro e dei cavi per le casse da 50.000 lire al metro... cya... sob, che mondo...
  • Riot scrive:
    Re: Ma e' davvero cosi' conveniente?

    dovresti definire le differenze
    riscontrabili perché il tuo discorso
    venga preso sul serio.Il grosso problema dei cd audio è che hanno una protezione da errore penosa e, tranne che negli ultimi tempi forse, i lettori di cd audio standard sono di qualità inferiore a quelli dei pc.Se ogni lettore di cd audio implementasse un sistema simile a quello di ExactAudioCopy (leggere almeno due volte ogni settore per controllare che i dati siano corretti) la differenza sarebbe nulla.Poi c'è da dire che molti furboni masterizzano i cd audio ad alte velocità e questo, se non è un problema per i dati, è un grave danno alla qualità musicale.
  • anrapa scrive:
    Re: I MUSICISTI GUADAGNANO!!! Con iTunes
    Grazie Davide!Colgo l'occasione per aggiungere che è uscito anche il secondo CD!!! (quella carogna del mio compare lo ha fatto a mia insaputa! Doveva uscire fra due settimane ma non ha resistito vedendo i risultati che stiamo avendo!)Per ora non ancora su iTunes ma solo su http://www.cdbaby.com/cd/twm2Ciao a tutti e GRAZIE!!!!
  • Ekleptical scrive:
    Re: te credo, i singoli hanno (2)

    il teorema di shannon che conosco dice che
    non è possibile ripristinare un
    segnale analogico se non lo si è
    campionato a frequenza f ALMENO
    della
    metà della frequenza del segnale.Leggi qua la prova empirica:http://www.smr-home-theatre.org/surround2002/technology/page_07.shtmlIo direi che il segnale di ingresso, campionato al 4uplo della sua frequenza, non c'entra una fava con quello di uscita. E' stato completamente deformato! La perdita di informazione è totale. Se li ascoltassi i due segnali sarebbero totalmente diversi anche per il più profano dei profani!Come la mettiamo?
  • Anonimo scrive:
    Re: candy-candy...
    - Scritto da: Anonimo
    Con la tua mentalità il mondo della
    musica andrà sicuramente a
    morire...ma non capisci?Il vero
    appassionato di musica non si accontenta di
    farsi le Compilation di canzonette da
    bambini di 15 anni...Veramente su itunes trovi circa 700-800 mila brani...i cd singoli sono la minoranza...sono praticamente tutti CD completi....delle major ed etichette indipendenti.compilation di canzonette da bambini di 15 anni?Ma sei fuori o cosa? su itunes trovi qualsiasi genere...dalla musica classica a quella più alternativa (meno conosciuta di qualche etichetta indipendente).... chi è un
    cultore di un gruppo o di un artista vuole
    avere tutte le canzoni dell'album , vuole
    avere qualsiasi performance Live
    dell'artista ecc ecc Ed è per questo
    che non si rivolgerà a Itunes, come
    già ti ho detto costa troppo e non ti
    dà che qualche file da mettere
    sull'HD!!infatti su ITMS trovi anche queste cose...Si capisce benissimo che non sei mai stato su itunes music store....
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma e' davvero cosi' conveniente?
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    A me non pare ad essere sincero...

    1 euro a canzone... 10 euro a disco, per

    avere una qualità decente ma

    inferiore al cd audio, non avere un
    supporto

    decente ma dovermeno masterizzare io (e
    gli

    audiofili conoscono la differenza tra
    un cd

    stampato ed uno masterizzato) e non
    avere

    libretto.

    i file AAC venduti da iTunes Music Store
    sono di qualità identica, se non
    superiore a quella dei cd attualmente in
    commercio. vengono codificati direttamente
    dai master delle case discografiche.
    evidentemente non ne hai mai sentito uno in
    un impianto decente...
    Mmmh, dubito riguardo la qualita', AAC non e' un formato lossy? Se mi dicevi FLAC invece...
    p.s.
    gli audiofili troverebbero dei difetti anche
    nell'acustica del teatro della scala di
    milano...


    Se cui cd originali ci mangiano, non mi
    pare

    che su queste offerte online siano da
    meno.

    iTMS sulle canzoni guadagna molto poco, il
    vero guadagno di apple stà
    nell'immenso successo dell'iPod...
    lì il margine di apple è ben
    maggiore... (pare che nell'ultimo trimestre
    ne abbia venduti più di 5 milioni di
    pezzi... fai un pò te i conti...)Si, quadagnano ben poco dalla vendita dei contenuti (canzoni) rispetto alla vendita dell'HW.http://www.downhillbattle.org/itunes/
  • anrapa scrive:
    Re: I MUSICISTI GUADAGNANO!!! Con iTunes
    Ok, ci possiamo sentire in privato?Nick per chattaremsn: sgamana@hotmail.comyahoo: anrapaCiao!
  • anrapa scrive:
    Re: Come cont(r)attare con iTMS
    Grazie!Ecco le immagini (non sono le migliori posizioni che abbiamo raggiunto ma mi sa che rendono l'idea!http://img27.exs.cx/my.php?loc=img27&image=immaginecompleta0fv.jpghttp://img27.exs.cx/my.php?loc=img27&image=siamosecondi6vw.jpgCiao!
  • Anonimo scrive:
    Re: I MUSICISTI GUADAGNANO!!! Con iTunes!!!!
    - Scritto da: Anonimo
    Ciao, mi rivolgo a colui che ha scritto
    l'articolo: anrapa
    vorrei contattarti in privato, se possibile.
    Grazie
    Walter Savelli
    walter@waltersavelli.itWalter Savelliiiiiiiii!!!! :) Il mio artista preferiiiiiiitooooo!!!!Yoyo
  • Anonimo scrive:
    Re: iTunes guadagna?
    - Scritto da: Marte2
    Prende royalty/fees dalle musiche vendute
    on-line?:DCirca 3 centesimi a brano, se non sbaglio.Circa 9/10 cent vanno in commissioni per le carte di credito, del resto una parte va agli artisti e una parte alle case discografiche (dipende dagli accordi fatti)
  • dibigi scrive:
    Re: MA quando un itunes per linux
    - Scritto da: Anonimo
    Facciamo una petizione?
    www.petitiononline.comio la firmerei!
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma e' davvero cosi' conveniente?
    - Scritto da: Anonimo
    A me non pare ad essere sincero...
    1 euro a canzone... 10 euro a disco, per
    avere una qualità decente ma
    inferiore al cd audio, non avere un supporto
    decente ma dovermeno masterizzare io (e gli
    audiofili conoscono la differenza tra un cd
    stampato ed uno masterizzato) e non avere
    libretto.i file AAC venduti da iTunes Music Store sono di qualità identica, se non superiore a quella dei cd attualmente in commercio. vengono codificati direttamente dai master delle case discografiche. evidentemente non ne hai mai sentito uno in un impianto decente...p.s.gli audiofili troverebbero dei difetti anche nell'acustica del teatro della scala di milano...
    Se cui cd originali ci mangiano, non mi pare
    che su queste offerte online siano da meno.iTMS sulle canzoni guadagna molto poco, il vero guadagno di apple stà nell'immenso successo dell'iPod... lì il margine di apple è ben maggiore... (pare che nell'ultimo trimestre ne abbia venduti più di 5 milioni di pezzi... fai un pò te i conti...)
  • jokanaan scrive:
    Re: candy-candy...
    - Scritto da: Anonimo

    dov'è il problema? preferisci

    acquistare un CD completo a 20-30 euro
    dove

    se sei fortunato ti trovi solo 1-2
    canzoni

    che volevi veramente?



    Con Itunes tu decidi come crearti il

    CD...con i brani che preferisci....

    Con la tua mentalità il mondo della
    musica andrà sicuramente a
    morire...ma non capisci? Il vero
    appassionato di musica non si accontenta di
    farsi le Compilation di canzonette da
    bambini di 15 anni... chi è un
    cultore di un gruppo o di un artista vuole
    avere tutte le canzoni dell'album , vuole
    avere qualsiasi performance Live
    dell'artista ecc ecc Ed è per questo
    che non si rivolgerà a Itunes, come
    già ti ho detto costa troppo e non ti
    dà che qualche file da mettere
    sull'HD!!
    Io preferire pagare 5 o 6 euro un cd
    completo .. allora si che inizierei a
    spendere....
    sei mai stato su iTunes?
  • higgybaby scrive:
    Re: I MUSICISTI GUADAGNANO!!! Con iTunes
    complimenti Anto*** Rapacci*****vivissimi complimenti, dovrei farti conoscere ad un amico che fa di diletto il produttore, ha già lavorato con Paolo Benvegnù e qualcun 'altro!glielo dirò di questa possibilità dell'iTunes Music Store!ciaoigor
  • Anonimo scrive:
    Fantainformatica?
    Da diverso tempo ho un impressione strana, come se tutte le notizie di carattere informatico e "mediatico" convergessero.Vediamo se ho capito o no.Di cosa si parla su Punto Informatico ultimamente?adsldiritti d'autoresupporti (h.d. cd. memorie e vari)digitale terrestre, sat, dvd, mp3 .....insomma "contenuti"Voi avete un "calcolatore" (non scrivo pc senno fo' un flame)?Avete o vorreste avere un "sistema" per la lettura dei contenuti?Usate internet?Avete la banda larga? (uhia che tasto dolente)Cosa fate di tutte queste cose e soprattutto VI SERVE L' HARDAWARE?? Immaginate di NON avere un "calcolatore"....di NON aver bisogno installare software, si comprare brani o video che non vi interessano piu di tanto, di moda come diceva qualcuno visto che penso valga anche per altri generi di contenuti.Avete mai pubblicato un sito?Usate un server con indirizzo fisso in casa oppure lo avete fatto tramite un fornitore di servizi?Pensate di poter fare la stessa cosa per tutto quello che avete su pc.Un provider vi da banda (al momento il vero problema) vi da spazio, vi vende o affitta dei software(qui sta la rivoluzione), dei dischi dei film.quello che fate del vostro spazio e' sotto la vostra responsabilita esattamente come accade per la navigazione, ma la vostra "ferramenta" e' sempre nuova.E' pauroso ed affascinante al tempo stesso, ma potrebbe essere la via che stanno seguendo i produttori.Fine del file sharing, almeno come lo intendiamo.Posso benissimo utilizzare un pezzo del mio spazio come pubblico, e chi lo visita puo fruire dei contenuti senza doverli scaricare,oppure puo copiarli sul suo "pezzo" di server.Il provider mi fa pagare una determinata configurazione che posso modificare il qualsiasi momento, con prezzi differenti a seconda se voglio solo dello spazio(da partizionare come voglio magari) oppure se voglio un O.S. a pagamento (mio o in affitto con una licenza particolare) od ancora se voglio usare tutti gli ultimi software usciti.Io in cambio gli corrispondo un canone variabile secondo il tipo di connessione e di servizi.Mi dite cosa ne pensate?
  • Anonimo scrive:
    Re: costo canzoni
    - Scritto da: Anonimo
    se non ho capito male....
    sul sito di itunes americano le canzoni
    costano 99 centesimi di dollaro, su quello
    italiano 99 centesimi di euro (e gia'
    questo...)Tutti i prezzi americani, TUTTI, sono tasse escluse.Quando senti parlare di PC a 499 Dollari, aggiungi almeno l'IVA al 20%....
    sempre per rimanere sul parallelo usa-italia
    (ma vale anche per altri paesi europei,
    rispetto all'italia), sapete dirmi quanto e'
    la differenza di stipendio, a parità
    di posto di lavoro?

    ci credo che in america, in inghilterra etc
    etc la gente scarica da itunes maggiormente
    che da noi

    ah gia' ma l'italia e' il paese dei ladri,
    pirati e altre blablablate del genereQui hai più che ragione, ma non credo dipenda da Apple.... :|Considera però che negli USA paghi anche 3000 dollari per l'affitto di un appartamento di 50 metri quadri......
  • Anonimo scrive:
    costo canzoni
    se non ho capito male....sul sito di itunes americano le canzoni costano 99 centesimi di dollaro, su quello italiano 99 centesimi di euro (e gia' questo...)sempre per rimanere sul parallelo usa-italia (ma vale anche per altri paesi europei, rispetto all'italia), sapete dirmi quanto e' la differenza di stipendio, a parità di posto di lavoro?ci credo che in america, in inghilterra etc etc la gente scarica da itunes maggiormente che da noiah gia' ma l'italia e' il paese dei ladri, pirati e altre blablablate del genere
  • jokanaan scrive:
    Re: Ma e' davvero cosi' conveniente?
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Whishper





    - Scritto da: Anonimo


    (e gli


    audiofili conoscono la differenza
    tra

    un cd


    stampato ed uno masterizzato)



    Anche gli informatici conoscono la

    differenza: nessuna

    Allora gli informatici sono parecchio
    ignoranti. ;)
    Solo perche' ci sono 1 e 0 non e' che basti
    questo ad ottenere copie tutte uguali, a
    dire che i cd masterizzati e stampati sono
    uguali, a dire che ogni lettore cd, anche in
    digitale suona uguale... questo, QUANTO
    MENO, significa non aver mai messo in
    pratica cio' che si e' letto
    superficialmente sui libri.dovresti definire le differenze riscontrabili perché il tuo discorso venga preso sul serio.
  • Anonimo scrive:
    Re: Itunes ? Ma fatemi il piacere...
    - Scritto da: Anonimo
    io non li acquisto più da ben quattro
    anni. E ne vado fiero 8)io ne sarei fiero solo se non rubassi musica altrove
  • Anonimo scrive:
    Re: Itunes ? Ma fatemi il piacere...
    io non li acquisto più da ben quattro anni. E ne vado fiero 8)
  • Anonimo scrive:
    Re: MA quando un itunes per linux
    Facciamo una petizione? www.petitiononline.com
  • avvelenato scrive:
    Re: Come cont(r)attare con iTMS
    per gli screenshot:http://www.imageshack.us/
  • avvelenato scrive:
    Re: Ma e' davvero cosi' conveniente?
    - Scritto da: Anonimo
    quello masterizzato ha una durata media
    inferiore di quello stampato, ossia fra 10
    anni rischi di non leggerlo piùconosco originali che sono durati meno dei masterizzati :(
  • Anonimo scrive:
    Re: candy-candy...

    dov'è il problema? preferisci
    acquistare un CD completo a 20-30 euro dove
    se sei fortunato ti trovi solo 1-2 canzoni
    che volevi veramente?

    Con Itunes tu decidi come crearti il
    CD...con i brani che preferisci....Con la tua mentalità il mondo della musica andrà sicuramente a morire...ma non capisci? Il vero appassionato di musica non si accontenta di farsi le Compilation di canzonette da bambini di 15 anni... chi è un cultore di un gruppo o di un artista vuole avere tutte le canzoni dell'album , vuole avere qualsiasi performance Live dell'artista ecc ecc Ed è per questo che non si rivolgerà a Itunes, come già ti ho detto costa troppo e non ti dà che qualche file da mettere sull'HD!!Io preferire pagare 5 o 6 euro un cd completo .. allora si che inizierei a spendere....Saluti
  • avvelenato scrive:
    Re: te credo, i singoli hanno quel senso
    - Scritto da: Ekleptical

    audio media degli acquirenti. E comunque

    concedi 600kbps ad un formato compresso
    di

    nuova generazione e spaccherai dalla
    rabbia

    tutti i tuoi meravigliosi cd non
    compressi.

    Io spero che per la fine del decenni
    diventino diffusi i formati compressi a
    24bit/96KHz. A quel punto il CD lo prendi e
    lo butti via per scarsezza, come si fece per
    il vinile.

    Non dovrebbe essere difficile, contando le
    nuove specifiche audio dei PC lanciate da
    Intel. Tutto seguirà, compresa
    l'elettronica di consumo.ci siamo intesi alla perfezione 8)
  • avvelenato scrive:
    Re: te credo, i singoli hanno (2)
    - Scritto da: Ekleptical

    Il teorema di Shannon (vero solo in parte)
    ultimamente sta facendo più danni che
    altro a generazioni di elettronici.
    a) Non è vero che un'onda venga
    riportate in modo decentemente fedele se
    campionata a frequenza doppia. L'ha
    dimostrato il team del SACD con un'onda
    quadra. Per campionare e riprodurre
    correttamente una quadra 10KHz in PCM ci
    vuole il campionamento a 192KHz. In pratica
    Shannon ha sbagliato, in questo caso!!! E'
    il caso estremo in cui il transiente
    è troppo rapido per essere rilevato e
    l'unica è salire di frequenza.
    b) Maggiore è la frequenza di
    campionamento, più alta la coerenza
    dell'onda riprodotta rispetto all'origniale,
    con minore aliasing. Qua il limite teorico,
    secondo alcuni ingegneri audiofili, si
    aggira attorno al singolo MHz!!! (altro che
    44KHz). Al di sopra è inutile
    overkill, troppo hi-fi rispetto alle
    caratteristiche tecniche dell'apparecchio
    "orecchio umano"....

    il teorema di shannon è verissimo, non dire cazzate.il teorema di shannon che conosco dice che non è possibile ripristinare un segnale analogico se non lo si è campionato a frequenza f ALMENO
    della metà della frequenza del segnale.semmai l'interpretazione che molti dànno a questo teorema è erronea e foriera di fraintesi. E' ovvio che all'aumentare dei campioni l'errore standard diminuisce e quindi la differenza tra il segnale ottenuto tramite interpolazione dei campioni e quello originale.E' altresì ovvio che esiste un limite oltre al quale quest'aumento di fedeltà, almeno parlando dell'audio, non è più percepibilei 192khz (per lo stereo, per il 5.1 sono 96khz, parlo del formato dvd audio) non rappresentano forse questo limite, ma secondo me sono un ottimo compromesso con le esigenze degli audiofili.
  • anrapa scrive:
    Re: I MUSICISTI GUADAGNANO!!! Con iTunes
    Fra un mese circa ci daranno i dati di vendita, non ti so quantificare neanche gli ordini di grandezza...Spero solo però che i Depeche Mode vendano milioni di copie!!!Per quanto riguarda CDBABY (distribuisce la versione con custodia e booklet) invece sappiamo che abbiamo venduto 10 CD in 3 giorni...Mi posso ritenere soddisfatto per due motivi:1) Non ci hanno chiesto soldi per questo servizio (a parte 30 dollari di iscrizione una tantum)2) Non abbiamo speso neanche 1 Euro per REGISTRARE il cd (Fatto con un portatile iBook con il microfono interno e usando Garage Band e altri Software gratuiti!!!)Ciao a tutti!Tony
  • Anonimo scrive:
    Re: candy-candy...
    perchè?? sei ripetitivo, tutto qui....
  • Anonimo scrive:
    Re: Itunes ? Ma fatemi il piacere...
    - Scritto da: Anonimo
    Ciao, questa è la mia testimonianza
    riguardo Itunes.
    Lavoro da circa 8 anni a Roma nel campo
    informatico. Ho girato
    gran parte dei Centri Elaborazione Dati
    degli enti e uffici più importanti a
    livello nazionale. Ho consciuto centinaia di
    persone che masticano Informatica Web Pc
    dalla mattina alla sera, e sapete quante di
    queste utilizzano il famigerato itunes ???
    ZERO!!
    ZERO!!Ecchisenefrega...http://www.repubblica.it/2003/g/sezioni/scienza_e_tecnologia/p2p/vincedownload/vincedownload.html
  • Anonimo scrive:
    Re: candy-candy...
    - Scritto da: Anonimo
    e che scatole con questa wanna marchi.....forse si dovrebbero evitare commenti provocatori come il tuo....
  • anrapa scrive:
    Re: Come cont(r)attare con iTMS
    Noi abbiamo messo i pezzi su www.garageband.com e www.soundclick.comLa gente li ha votati, noi abbiamo vinto qualche premio (siamo inclusi in un CD che distribuisce la citta di San Diego come guida turistica musicale)In questi siti ci sono delle persone che fanno i "talent scout", ti contattano in pratica se vai bene (quindi non si può barare o avere scorciatoie)Noi ci siamo allora fatti pubblicare un cd negli USA dalla Statue Records senza cedere i diritti.Poi abbiamo contattato www.cdbaby.com che si offrono di distribuire i tuoi cd trattenendo una percentuale, senza chiederti soldi per farlo e senza cedere i diritti!!!!!Loro si sono riservati il diritto di distribuire il cd come volevano loro e su qualsiasi mezzo (noi non sapevamo che saremmo finiti su iTunes!!!!!!!!!)Quattro giorni fa per caso siamo ci siamo collegati ed eravamo al secondo posto (al primo i Depeche Mode, al terzo i Fat Boy Slim e al quarto i Chemical Brothers!!!!!!!)Le graduatorie (per rispondere ad un post un po' polemico di un altro utente...) variano continuamente (le aggiornano ogni 5 minuti per quanto ne so io...) e quindi è possibile vederci "fluttuare" un po' su e giù. Alle 7 di stamattina eravamo al terzo posto come brani (Freedom Calls) e secondi come CD!!!Devo dire comunque che metterei subito la firma per essere FISSO al CENTESIMO posto... Rendo l'idea?Ho uno screenshot della graduatoria di 2 gg fa, se volete ve la posso mandare (se mi spiegate come postare l'immagine...)Per fare un sunto del post, comunque, NON ABBIAMO CHIESTO NOI DI ANDARE SU ITUNES, MI CI HANNO MESSO!!! :|(scusate il maiuscolo ma era a scopo riassuntivo!)Che ne pensate dei pezzi? Li avete sentiti?Ciao a tutti!Tony
  • Anonimo scrive:
    Re: Itunes ? Ma fatemi il piacere...

    Quindi per me Itunes è una bella
    favoletta....Allora dormi caro ... buonanotte
  • Anonimo scrive:
    Re: candy-candy...
    e che scatole con questa wanna marchi.....
  • Anonimo scrive:
    Re: Itunes ? Ma fatemi il piacere...
    - Scritto da: Anonimo
    si, ma vaglielo a spiegare a quelli che qui
    sono impegnati a fare pubblicità
    all'Apple.....Ma nessuno vuole fare pubblicità ad Apple o ad altri sistemi concorrenti...ma almeno cercate di rispettare i consumatori.ps. qui il problema è che per partito preso si getta m***a su Apple....senza sapere bene di cosa si tratta....
  • Anonimo scrive:
    Re: Itunes ? Ma fatemi il piacere...
    - Scritto da: Anonimo
    livello nazionale. Ho consciuto centinaia di
    persone che masticano Informatica Web Pc
    dalla mattina alla sera, e sapete quante di
    queste utilizzano il famigerato itunes ???beh.. se con utilizzo, intendi mezzo per acquistare, mica mi sorprendo. Non conoscendolo non sarai informato a sufficenza che le vendite al pubblico europeo sono state aperte da pochissimo tempo e che quindi le statistiche di riferimento si basano sull'utenza americana.Facile, no?
  • Anonimo scrive:
    Re: candy-candy...
    - Scritto da: AnonimoHo girato
    gran parte dei Centri Elaborazione Dati
    degli enti e uffici più importanti a
    livello nazionale.Ho consciuto centinaia di
    persone che masticano Informatica Web Pc
    dalla mattina alla sera, e sapete quante di
    queste utilizzano il famigerato itunes ???espertoni Informatici, Web, PC....certo...qui in PI è pieno di questa gente....:|In Italia Itunes Music Store è arrivato da poco tempo...
    Quindi gli addetti ai lavori non lo usano,
    chi lo fà allora???Mia nonna??Non
    credo...Allora secondo la tua teoria da candy-candy, nessuno acquista da Real, Apple, OD2, ecc...vero eh?
    io personalmente penso che le tariffe siano
    ancora troppo alte, 50 cent per una canzone
    è troppo, calcolando anche che
    l'appassionato di musica è sempre in
    continua ricerca di unuvi gruppi o talenti e
    quindi scaricherebbe centinaia di canzoni...dov'è il problema? preferisci acquistare un CD completo a 20-30 euro dove se sei fortunato ti trovi solo 1-2 canzoni che volevi veramente?Con Itunes tu decidi come crearti il CD...con i brani che preferisci....
    Quindi per me Itunes è una bella
    favoletta....Si e funziona veramente bene....
    SalutiCerto, non piace a me, quindi è un cesso...che filosofia da WANNA MARCHI....:|
  • Anonimo scrive:
    Re: Itunes ? Ma fatemi il piacere...
    si, ma vaglielo a spiegare a quelli che qui sono impegnati a fare pubblicità all'Apple.....
  • Anonimo scrive:
    Re: non piace a me, quindi è un cesso...
    questi commenti mi sembrano un po' troppo "interessati" :
  • Anonimo scrive:
    Re: non piace a me, quindi è un cesso...
    - Scritto da: Anonimo
    accidenti, ma abbiamo trovato un acerrimo
    sostenitore di ITunes....Una piattaforma
    che offre mp3 con qualità/prezzo
    assolutamente sconvenienti e che non
    permette l'utilizzo dei file con altri
    lettori. E secondo te un papocchio del
    genere dovrebbe incontrare il consenso di un
    utente mediamete informato? Ma come mai ogni
    volta che si parla male di un'azienda (in
    questo caso monopolista...) c'è
    qualcuno che si offende, specie se si tratta
    di Apple? Mah...è così complicato per te capire che non tutti abbiamo le stesse opinioni?Devi per forza venire qui a gettare fango e fare disinformazione su un sistema legale (ITMS) che ha ottenuto e continua ad ottenere un ottimo riscontro mondiale???Non vuoi acquistare da itms o altri, beh, nessuno ti obbliga...ma almeno rispetta i pareri di altri consumatori.
  • anrapa scrive:
    Re: I MUSICISTI GUADAGNANO!!! Con iTunes
    Grazie per i complimenti!!!!!!!Se vuoi puoi iscriverti alla nostra newsletter! Fra poco esce il prossimo CD!Se hai critiche da fare (anche non positive.. :-D scrivimi pure, ne abbiamo un immenso bisogno per migliorarci!!!)Ciao, Tony
  • maxrainato scrive:
    Come cont(r)attare con iTMS
    Una volta compilato il modulo onlineavete inviato del materiale audio?Siete stati presentati dalle altre etichette?Come avete preparato il materiale per iTMS?
  • Anonimo scrive:
    Re: iTunes e C. Una grossa balla....
    - Scritto da: Anonimo
    accidenti, ma abbiamo trovato un acerrimo
    sostenitore di ITunes....Veramente nel mondo siamo parecchi...ma tu ovviamente con il tuo paraocchi....Una piattaforma
    che offre mp3 con qualità/prezzo
    assolutamente sconvenienti e che non
    permette l'utilizzo dei file con altri
    lettori.1) la compressione AAC è meglio di quella MP3 che offrono gli altri Store online...E secondo te un papocchio del
    genere dovrebbe incontrare il consenso di un
    utente mediamete informato?vuoi dire prevenuto ?Certo perchè i consumatori nel mondo (e sono tanti) che acquistano da itms sono tutti scemi vero?Ma come mai ogni
    volta che si parla male di un'azienda (in
    questo caso monopolista...) c'è
    qualcuno che si offende, specie se si tratta
    di Apple? Mah...Forse perchè tu riporti la tua versione dei fatti, scrivendo falsità e creando disinformazione....Non esiste apertura verso qualcosa di nuovo da parte tua, ma solo andare contro per principio ad Apple / MS / REAL o chi che sia....
  • Anonimo scrive:
    Re: iTunes e C. Una grossa balla....
    accidenti, ma abbiamo trovato un acerrimo sostenitore di ITunes.....Una piattaforma che offre mp3 con qualità/prezzo assolutamente sconvenienti e che non permette l'utilizzo dei file con altri lettori. E secondo te un papocchio del genere dovrebbe incontrare il consenso di un utente mediamete informato? Ma come mai ogni volta che si parla male di un'azienda (in questo caso monopolista...) c'è qualcuno che si offende, specie se si tratta di Apple? Mah...
  • anrapa scrive:
    Re: I MUSICISTI GUADAGNANO!!! Con iTunes
    Su 9.99 Euro (prezzo dell'intero CD) prendiamo 5.20 Euro, mi sembra DECISAMENTE ONESTO!!!!!
  • Anonimo scrive:
    Itunes ? Ma fatemi il piacere...
    Ciao, questa è la mia testimonianza riguardo Itunes.Lavoro da circa 8 anni a Roma nel campo informatico. Ho girato gran parte dei Centri Elaborazione Dati degli enti e uffici più importanti a livello nazionale. Ho consciuto centinaia di persone che masticano Informatica Web Pc dalla mattina alla sera, e sapete quante di queste utilizzano il famigerato itunes ???ZERO!!ZERO!!Quindi gli addetti ai lavori non lo usano, chi lo fà allora???Mia nonna??Non credo...io personalmente penso che le tariffe siano ancora troppo alte, 50 cent per una canzone è troppo, calcolando anche che l'appassionato di musica è sempre in continua ricerca di unuvi gruppi o talenti e quindi scaricherebbe centinaia di canzoni...Quindi per me Itunes è una bella favoletta....Saluti
  • Anonimo scrive:
    e i dipendenti?
    Le Majors dicevano che per colpa di chi scarica illegalmente musica da Internet saranno costretti a lasciare a casa tutti i lavoratori che dipendono dalla distribuzione di cd nei negozi.Adesso che hanno scoperto di guadagnare di piu' vendendo direttamente on-line scomettiamo che non saranno piu' cosi' tanto interessati alla sorte dei dipendenti addetti alla distribuzione nei negozi di cd? :D :D :D
  • Anonimo scrive:
    Re: iTunes e C. Una grossa balla....

    Tutto quello che hai scritto è
    perfettamente vero, solo che i maniaci della
    legalità non sono disposti ad
    ammetterlo :D:DQuelli che tu chiami "maniaci della legalità" (sic), nel mondo reale si definiscono "persone oneste"...
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma e' davvero cosi' conveniente?
    - Scritto da: Whishper


    - Scritto da: Anonimo

    (e gli

    audiofili conoscono la differenza tra
    un cd

    stampato ed uno masterizzato)

    Anche gli informatici conoscono la
    differenza: nessunaAllora gli informatici sono parecchio ignoranti. ;-)Solo perche' ci sono 1 e 0 non e' che basti questo ad ottenere copie tutte uguali, a dire che i cd masterizzati e stampati sono uguali, a dire che ogni lettore cd, anche in digitale suona uguale... questo, QUANTO MENO, significa non aver mai messo in pratica cio' che si e' letto superficialmente sui libri.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma e' davvero cosi' conveniente?
    quello masterizzato ha una durata media inferiore di quello stampato, ossia fra 10 anni rischi di non leggerlo più
  • Whishper scrive:
    Re: Ma e' davvero cosi' conveniente?
    - Scritto da: Anonimo
    (e gli
    audiofili conoscono la differenza tra un cd
    stampato ed uno masterizzato)Anche gli informatici conoscono la differenza: nessuna
  • Anonimo scrive:
    Re: I MUSICISTI GUADAGNANO!!! Con iTunes
    - Scritto da: VDM
    Scusa per la puntigliosità, ma il
    titolo del post non coincide col
    contenuto... terzi nel sottogenere
    elettronica cosa vuol dire in termini
    economici? (a parte che non sono riuscito a
    trovarvi, se non cercando con la funzione di
    ricerca)(sono un altro)Le classifiche di ITMS per i brani e/o CD completi cambiano ogni giorno praticamente....Se vuoi sentire in streaming tutti i brani puoi andare qui...http://www.garageband.com/artist/twm
  • VDM scrive:
    Re: I MUSICISTI GUADAGNANO!!! Con iTunes
    Scusa per la puntigliosità, ma il titolo del post non coincide col contenuto... terzi nel sottogenere elettronica cosa vuol dire in termini economici? (a parte che non sono riuscito a trovarvi, se non cercando con la funzione di ricerca)
  • Anonimo scrive:
    Re: I MUSICISTI GUADAGNANO!!! Con iTunes
    - Scritto da: Anonimo
    Scusa ma sei ignorante in campo musicale se
    affermi una cosa del genere.Te lo dice uno
    che ha almeno un centinaio di cd musicali
    provenienti dallla germania e non aggiungo
    altro.Certo, allora se li hai tu, sono importanti!...noi poveri ignoranti...:|
  • LaNberto scrive:
    Re: Ma e' davvero cosi' conveniente?
    - Scritto da: Anonimo
    A me non pare ad essere sincero...
    1 euro a canzone... 10 euro a disco, per
    avere una qualità decente ma
    inferiore al cd audio, non avere un supporto
    decente ma dovermeno masterizzare io (e gli
    audiofili conoscono la differenza tra un cd
    stampato ed uno masterizzato) e non avere
    libretto.

    Se cui cd originali ci mangiano, non mi pare
    che su queste offerte online siano da meno.mi sto comperando ora "Into my soul" di Dee Dee Bridgewater. é un singolo. non c'è l'LP. a 0.99 euri è un affare
  • Anonimo scrive:
    Re: I MUSICISTI GUADAGNANO!!! Con iTunes
    ma pure
    nel mondo e' famosissima la qualità
    generale della musica tedesca :p
    Scusa ma sei ignorante in campo musicale se affermi una cosa del genere.Te lo dice uno che ha almeno un centinaio di cd musicali provenienti dallla germania e non aggiungo altro.Saluti
  • Anonimo scrive:
    Re: iTunes notevole :)
    - Scritto da: Anonimo
    ah, un'altra cosa...ma ti pagano per
    scrivere queste cose??Veramente ho riportato la mia esperienza e quella delle persone che utilizzano con soddisfazione ITMS.Invece sarebbe interessante che tu spiegassi a tutti questo intervento da Wanna Marchi dell'informatica...http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=857402
  • Anonimo scrive:
    Ma e' davvero cosi' conveniente?
    A me non pare ad essere sincero...1 euro a canzone... 10 euro a disco, per avere una qualità decente ma inferiore al cd audio, non avere un supporto decente ma dovermeno masterizzare io (e gli audiofili conoscono la differenza tra un cd stampato ed uno masterizzato) e non avere libretto.Se cui cd originali ci mangiano, non mi pare che su queste offerte online siano da meno.
  • Anonimo scrive:
    Re: iTunes notevole :)
    - Scritto da: Anonimo
    toh, uno dei pochi che crede alle
    statistiche ufficali.si, va beh, hai ragione...meglio credere agli amici del centro sociale...Magari sei anche uno
    di quelli (pochi) che crede che non ci sia
    l'inflazione :Dma chi sei wanna marchi?
  • Anonimo scrive:
    Re: iTunes notevole :)
    ah, un'altra cosa...ma ti pagano per scrivere queste cose??
  • Anonimo scrive:
    Re: I MUSICISTI GUADAGNANO!!! Con iTunes!!!!
    concedimi la battuta... Il tuo amico sarà famosissimo in Germania, ma pure nel mondo e' famosissima la qualità generale della musica tedesca :-PEd ora tutti assieme con un kriegel in mano: "ROSAMUNDEN.....etc etc" :-P
  • Anonimo scrive:
    Re: iTunes notevole :)
    toh, uno dei pochi che crede alle statistiche ufficali. Magari sei anche uno di quelli (pochi) che crede che non ci sia l'inflazione :D
  • Anonimo scrive:
    Re: Preferirei i Cd ai download...
    - Scritto da: Ekleptical
    Farei notare che i supporti fisici per la
    musica sono un'invenzione dell'industria
    discografica dello scorso secolo. Nel resto
    della storia umana la musica non ha mai
    avuto alcun supporto fisico definito.Il supporto fisico di riproduzione è un surrogato dell'esecuzione musicale dal vivo, che era comune anche presso le famiglie, un tempo (naturalmente quelle che potevano permettersi di acquistare uno strumento e impararlo). Quello che esisteva prima che iniziasse a praticare la registrazione sonora era il commercio degli spartiti musicali, su cui grandi case editrici (in Italia la Ricordi in primis) hanno costruito le proprie fortune. E' un lascito del progresso tecnologico il fatto che sia stata scissa la fruizione dell'evento musicale dalla sua diretta esecuzione. Un po' come l'invenzione della stampa che ha permesso la diffusione della cultura. Si tratta di due grandissimi processi ( fra tanti altri) di prgresso culturale dell'uomo.
  • Anonimo scrive:
    Diritto di Copia Privata
    Approfitto di questo articolo per ribadire un concetto che, sempre più spesso, viene falsato da dichiarazioni di stampo semi-terroristiche:FARSI LE COPIE DI MUSICA E FILM NON E' VIETATO.La legge italiana è chiarissima in questo. Vale per brani audio e per i video (musica, film). L'unica condizione è che la copia sia per uso personale e senza scopo di lucro. Inoltre NON E' RICHIESTO IL POSSESSO DELL'ORIGINALE.Attenzione, però: non vale per il software.Pertanto si può fare una copia di un brano sia usando il registratore collegato alla radio, sia da cd con il masterizzatore, sia scaricandolo da internet. Ciò che è vietato, invece è diffondere copie, perchè allora non è più uso personale.L’Art. 71-sexies della legge 41/633, comma 1, nella sua ultima versione dice:“1. E' consentita la riproduzione privata di fonogrammi e videogrammi su qualsiasi supporto, effettuata da una persona fisica per uso esclusivamente personale, purché senza scopo di lucro e senza fini direttamente o indirettamente commerciali, nel rispetto delle misure tecnologiche di cui all'articolo 102-quater”. (in pratica è vietato "craccare" eventuali protezioni. Di fatto però, una volta craccate, come si fa a provare che sull'originale c'erano, se l'originale non c'è più?)CYA...
  • Ekleptical scrive:
    Re: Preferirei i Cd ai download...

    Ma personalmente non voglio paragonare un
    insieme di bytes sparsi nel mio pc ad un Cd
    con la sua bella copertina,il profumo del
    booklet e il fatto di poterlo aggiungere
    alla mia bella collezione..Farei notare che i supporti fisici per la musica sono un'invenzione dell'industria discografica dello scorso secolo. Nel resto della storia umana la musica non ha mai avuto alcun supporto fisico definito.La tua frase per Mozart o Beethoven (o qualune altro musicista al mondo dall'India alla Cina all'Arabia a dove voi pre-1900) sarebbe completamente inconcepibile ed incomprensibile, talmente è lontana dal loro senso comune di musica.==================================Modificato dall'autore il 11/01/2005 12.17.10
  • Ekleptical scrive:
    Re: I MUSICISTI GUADAGNANO!!! Con iTunes

    curiosita': che percentuale guadagnate sugli
    incassi di iTunes?Ho la stessa curiosità anch'io... facci sapere!
  • Ekleptical scrive:
    Re: Il download per i singoli

    (bisogna considerare il prezzo di un
    supporto per masterizzarli, sia come cd
    video o di mp3, o come dvd, e altre spese
    come stampa copertina).Secondo me ragionate in modo vecchio. Il CD sta tendenzialmente sparendo come mezzo di riproduzione e ascolto. Il freno attuale sono i prezzi, ma sono in forte discesa anche quelli. Se vi recate in un negozio di elettronica trovate una pletora di riproduttori portatili da HD come iTunes o basati su flash. La comodità di questi è infinitamente superiore al CD in termini di trasportabilità, maneggiabilità, facilità d'uso.Io già prima usavo solo in Mindisc, ora per la laurea mi han regalato anche un player mp3 (che supporta WMA DRM, ovviamente, conoscendomi! :P). Del CD non so proprio che farmene.Dati i prezzi in crollo libero delle chiavette USB e delle memorie flash (anche l'Hi-MD di Sony non sarebbe male, visto che viene 10 euro scarsi al Gb, ma non fa tendenza ed è troppo propietario!), entro 10 anni anche per ascoltare la musica sullo stereo fisso si potrà (e si farà) a meno del CD.Riassumendo: per me aggiornato tecnologicamente che compro (e non per ipotesi) musica online, il processo di masterizzazione è un ricordo del passato. Il costo è solamente l'acquisto, FINE!
  • Anonimo scrive:
    Re: iTunes notevole :)
    - Scritto da: Anonimo
    splendido, uno che usa ITunes. Uno dei
    pochi.....uno dei pochi? ahahha sei pazzesco neanche sai di cosa parli...ps. hai statistiche alla mano vero?O forse scrivi quello che hai sentito dire dai tuoi amici???
    Scrivi che scaricare=rubare.tu hai scritto di muli e sistemi simili...capisci la differenza?ILLEGALE vs DL LEGALE ? Comincia tu con
    l'evitare i luoghi comuni...scaricare musica commerciale da sistemi gratuiti tipo il mulo è legale ?????Io dovrò evitare i luoghi comuni, ma tu caro mio fatti una cultura perchè la tua ignoranza è desolante...
  • Anonimo scrive:
    Re: iTunes e C. Una grossa balla....
    - Scritto da: Anonimo
    Io non credo a queste cifre....[CUT]Tutto quello che hai scritto è perfettamente vero, solo che i maniaci della legalità non sono disposti ad ammetterlo :D:D
  • Ekleptical scrive:
    Re: te credo, i singoli hanno quel senso

    audio media degli acquirenti. E comunque
    concedi 600kbps ad un formato compresso di
    nuova generazione e spaccherai dalla rabbia
    tutti i tuoi meravigliosi cd non compressi.Io spero che per la fine del decenni diventino diffusi i formati compressi a 24bit/96KHz. A quel punto il CD lo prendi e lo butti via per scarsezza, come si fece per il vinile.Non dovrebbe essere difficile, contando le nuove specifiche audio dei PC lanciate da Intel. Tutto seguirà, compresa l'elettronica di consumo.
  • ikir scrive:
    Re: iTunes notevole :)
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Io non credo a queste cifre,
    semplicemente

    perché ritengo altamente
    improbabile

    che la gente si sia riversata in massa
    in

    sistemi di download a *pagamento*
    quando ve

    ne sono di più efficienti e
    gratuiti.

    Hai omesso volontariamente "quando ve ne
    sono di più efficienti e gratuiti &
    ILLEGALI...


    Ci sono circa 10 mln di utenti ogni
    giorni

    che utilizzano muli e simili, ma di
    quelli

    in certe statistiche non si parla.

    Pensi che i sistemi ILLEGALI dei quali stai
    parlando hanno bisogno di essere
    pubblicizzati?

    Forse

    perchè invece di criminalizzarli
    e

    meglio ignorarli? O forse perchè
    si

    vuole fare credere all'utonto medio che

    mette il nasino per la prima volta in

    internet che questi programmi a
    pagamento

    sono convenienti?

    Se stai parlando di sistemi LEGALI, i
    sistemi di DL sono
    convenienti...specialmente paragonati con i
    prezzi dei CD originali.


    Io non conosco quasi nessuno che usa
    ITunes,

    probabilmente conosci poche persone...O
    forse le persone che conosci preferiscono
    RUBARE invece che acquistare.


    al massimo c'è qualcuno che per

    motivi professionali lo utilizza per non

    avere grane dopo, ma si tratta davvero
    di

    una minoranza infinitesimale....

    certo non li conosci tu, quindi non serve...
    per oggi ho fatto il pieno di luoghi
    comuni...PAROLE SANTE Utente non registrato :-)
  • Anonimo scrive:
    Re: MA quando un itunes per linux
    - Scritto da: dibigi
    con la crescita di questi sistemi per
    l'acquisto musica mi chiedo quando Real ,
    Apple o chi che sia si appresterà a
    fornire gli strumenti per poterlo fare.Mah, forse chiedere potrebbe essere il primo passo...
  • Anonimo scrive:
    Re: iTunes notevole :)
    splendido, uno che usa ITunes. Uno dei pochi.....Scrivi che scaricare=rubare. Comincia tu con l'evitare i luoghi comuni...
  • dibigi scrive:
    MA quando un itunes per linux
    con la crescita di questi sistemi per l'acquisto musica mi chiedo quando Real , Apple o chi che sia si appresterà a fornire gli strumenti per poterlo fare.
  • ikir scrive:
    Re: I MUSICISTI GUADAGNANO!!! Con iTunes
    Mi fa sempre piacere leggere queste cose! Complimenti per il successo! W i Tunes :-)
  • Anonimo scrive:
    Re: iTunes notevole :)
    - Scritto da: Anonimo
    Io non credo a queste cifre, semplicemente
    perché ritengo altamente improbabile
    che la gente si sia riversata in massa in
    sistemi di download a *pagamento* quando ve
    ne sono di più efficienti e gratuiti.Hai omesso volontariamente "quando ve ne sono di più efficienti e gratuiti & ILLEGALI...
    Ci sono circa 10 mln di utenti ogni giorni
    che utilizzano muli e simili, ma di quelli
    in certe statistiche non si parla.Pensi che i sistemi ILLEGALI dei quali stai parlando hanno bisogno di essere pubblicizzati? Forse
    perchè invece di criminalizzarli e
    meglio ignorarli? O forse perchè si
    vuole fare credere all'utonto medio che
    mette il nasino per la prima volta in
    internet che questi programmi a pagamento
    sono convenienti? Se stai parlando di sistemi LEGALI, i sistemi di DL sono convenienti...specialmente paragonati con i prezzi dei CD originali.
    Io non conosco quasi nessuno che usa ITunes,probabilmente conosci poche persone...O forse le persone che conosci preferiscono RUBARE invece che acquistare.
    al massimo c'è qualcuno che per
    motivi professionali lo utilizza per non
    avere grane dopo, ma si tratta davvero di
    una minoranza infinitesimale....certo non li conosci tu, quindi non serve...per oggi ho fatto il pieno di luoghi comuni...
  • Anonimo scrive:
    iTunes e C. Una grossa balla....
    Io non credo a queste cifre, semplicemente perché ritengo altamente improbabile che la gente si sia riversata in massa in sistemi di download a *pagamento* quando ve ne sono di più efficienti e gratuiti. Ci sono circa 10 mln di utenti ogni giorni che utilizzano muli e simili, ma di quelli in certe statistiche non si parla. Forse perchè invece di criminalizzarli e meglio ignorarli? O forse perchè si vuole fare credere all'utonto medio che mette il nasino per la prima volta in internet che questi programmi a pagamento sono convenienti? Io non conosco quasi nessuno che usa ITunes, al massimo c'è qualcuno che per motivi professionali lo utilizza per non avere grane dopo, ma si tratta davvero di una minoranza infinitesimale....
  • jokanaan scrive:
    Re: Preferirei i Cd ai download...
    FETICISTA! :D:D- Scritto da: casteredandblue
    ...se solo avessero un prezzo decente!

    Molto probabilmente il digitale è il
    futuro ed i supporti via via spariranno..
    Ma personalmente non voglio paragonare un
    insieme di bytes sparsi nel mio pc ad un Cd
    con la sua bella copertina,il profumo del
    booklet e il fatto di poterlo aggiungere
    alla mia bella collezione..

    Stessa cosa vale per i Dvd.. volete mettere
    l'avere un file .avi sul pc oppure il
    possederne il Dvd con i suoi contenuti
    speciali,copertina etc..?
    Do alle due cose un valore diverso,forse
    perchè hanno un fascino diverso.

    Ciao!
  • Anonimo scrive:
    Re: I MUSICISTI GUADAGNANO!!! Con iTunes!!!!

    Da pochi mesi abbiamo messo i nostri pezzi su internet e abbiamo scalato le classifiche MONDIALI!!! (non è un'esagerazione, potete controllare!) Ma de che? Quali classifiche?Dopodiche' avete stampato i cd, pubblicato su itunes etc etc.Allora, un mio amico tedesco, produttore, con una quindicina di dischi diplatino attaccati nell'ufficio dello studio, mi dice che ha fatto richiestamesi e mesi fa a iTunes per la vendita online dei suoi pezzi (che, ripeto,nel mercato normale sono ben conosciuti ed apprezzati) e iTunes nonli ha accettati perche' non conosce l'artista (in germania e' stra-conosciuto).
  • Anonimo scrive:
    Memorie digitali: rischio estinzione
    I files per valutare, i CD da acquistare !http://www.olschki.it/novita/memodig.pdfBrUtE AiD
  • TADsince1995 scrive:
    Re: te credo, i singoli hanno quel senso

    Se adesso si reputa un buon compromesso la
    compressione a 128kbps (AAC) è
    perché evidentemente le carenze
    qualitative non sono poi così
    importanti; specie alla luce della dotazione
    audio media degli acquirenti.Beh, se sei abituato ad ascoltarti roba tipo Ligabue o Shakira ti puoi accontentare anche dello scatolone di plastica pieno di led comprato al supermercato dove qualche folle ci ha appiccicato la scritta "impianto hi-fi"...
    E comunque
    concedi 600kbps ad un formato compresso di
    nuova generazione e spaccherai dalla rabbia
    tutti i tuoi meravigliosi cd non compressi.Diciamo che un lame a 320kbps già diventa discretamente accettabile anche per tipi di musica più "difficili"...
    proprio non capisco infatti chi dice che la
    musica compressa fa schifo e poi vien fuori
    con frasi dissennate tipo "w il cd" (a meno
    che non possieda lettori tipo il Mephisto da
    20k euro che usano quelli di tntaudio per
    fare recensioni :D.
    Che poi tra l'altro neanche loro si sono mai
    scagliati veementemente contro l'mp3 &co.)Basterebbe anche un Cambridge Audio D500SE, con 500 euro circa hai un ottimo lettore...
    concludendo: il mercato della musica via
    internet è solo agli inizi, e non si
    sà come si evolverà..
    personalmente speravo in una rivoluzione del
    mercato più radicale... però,
    si è tanto criticato il modello di
    biz precedente... diamo un po' di fiducia ai
    cambiamenti... ;)D'accordissimo! :)TAD
  • Anonimo scrive:
    Re: Come si spiega?

    vorrei proprio vedere quanti "sconosciuti"
    senza marketing cazzuto alle spalle vengono
    singoli su internet.vallo a chiedere alle migliaia di etichette indipendenti sparse per la rete. se campano vuol dire che qualche copia la vendono, no?
  • Anonimo scrive:
    Re: Preferirei i Cd ai download...
    - Scritto da: casteredandblue
    ...se solo avessero un prezzo decente!concordo sul fattore prezzo.
    Stessa cosa vale per i Dvd.. volete mettere
    l'avere un file .avi sul pc oppure il
    possederne il Dvd con i suoi contenuti
    speciali,copertina etc..?
    Do alle due cose un valore diverso,forse
    perchè hanno un fascino diverso.oddio... qua non ti dò ragione... sai che faccio io ?compro un DVD che mi piace, lo rippo come Dio Comanda col mio G5 e poi me lo guardo sul mio 30" Apple...è un'altra cosa... fidati :)
    Ciao!ciao!
  • Anonimo scrive:
    Re: I MUSICISTI GUADAGNANO!!! Con iTunes!!!!
    Ciao, mi rivolgo a colui che ha scritto l'articolo: anrapavorrei contattarti in privato, se possibile. GrazieWalter Savelliwalter@waltersavelli.it
  • Anonimo scrive:
    Re: te credo, i singoli hanno quel senso.
    - Scritto da: Anonimo
    ma i dischi, le OPERE vere, non hanno questo
    senso.opinabile... sono le case discografiche che costringono gli artisti a fare 10-13 canzoni prima di poter incidere un disco (con risultati che tutti conosciamo, una-due canzoni degne di questo nome e le altre tutte cagate...).la musica è arte... TUTTA quanta, ma le case discografiche sono dei freni a quest'arte... iTunes potrebbe portare la libertà agli artisti, gestendo direttamente la musica che creano, senza passare dalle case discografiche... ci vorrà tempo, ma sarà la strada vincente.
    richiedono qualità, durata nel tempo,
    purezza di suono, supporti fruibili, e
    niente cagate alla DRM / copycontroli DRM sono necessari in questa transizione, senza di essi le case discografiche col cazzo che davano i permessi necessari a Apple et Similia...
    un singolo può anche essere un wma
    con scadenza ... in fondo scadrebbe
    comunque, è solo "moda".io il singolo lo voglio in AAC, codificato come solo apple può fare (direttamente dai Master delle case discografiche e non dai ciddì masterizzati di tuo cugggino).saluti.
  • Anonimo scrive:
    Re: I MUSICISTI GUADAGNANO!!! Con iTunes
    curiosita': che percentuale guadagnate sugli incassi di iTunes?
  • Anonimo scrive:
    Re: Il download per i singoli
    Parole sante, concordo pienamente!
  • Anonimo scrive:
    Re: Come si spiega?
    - Scritto da: Solvalou
    musica, perche' un artista solitario puo'
    vendere al mondo, perche uno scaricatore di...vorrei proprio vedere quanti "sconosciuti" senza marketing cazzuto alle spalle vengono singoli su internet.ha ha ! :D
  • Anonimo scrive:
    Re: Preferirei i Cd ai download...
    - Scritto da: casteredandblue
    ...se solo avessero un prezzo decente!diciamolo: 5, massimo 7 euro, per cd nuovi, di qualità, senza trucchetti e senza ostilità di sorta verso l'utente. Nessuna restrizione d'uso, nessuna rottura di palle.Con il prezzo giusto, è stupido fare pirateria; gli mp3 si limiterebbero alla comodità, non servirebbero alla pirateria che in minima - ed irrilevamente come lo erano bootleg e cassette ieri - parte.
    Molto probabilmente il digitale è il
    futuro ed i supporti via via spariranno.. il digitale comunque su qualcosa sta.non dimentichiamo che noi non siamo virtuali e la nostra "scadenza" è più lunga di quella di un DRMse ci fosse una recessione domani i prezzi per corrente e connessione potrebbero essere insostenibili per la massa.e allora vorreste voi avere qualcosa che per essere ascoltata richiede una connessione?no, vorreste formati tangibili su supporti tangibili che potete maneggiare, manipolare, gestire, trasferire, trasformare e ascoltare come vi pare e piace con i mezzi che già avete a disposizione.come qualche anno fa con le cassette.
    Ma personalmente non voglio paragonare un
    insieme di bytes sparsi nel mio pc ad un Cd
    con la sua bella copertina,il profumo del
    booklet e il fatto di poterlo aggiungere
    alla mia bella collezione..non dimentichiamo che la MUSICA è la cosa principale.se parliamo della qualità, allora ci siamo.
    Stessa cosa vale per i Dvd.. volete mettere
    l'avere un file .avi sul pc oppure il
    possederne il Dvd con i suoi contenuti
    speciali,copertina etc..? se la qualità di riproduzione e la tua percezione di questa non sono differenti nei due sistemi, no.se invece si, allora siamo d'accordissimo.
    Do alle due cose un valore diverso,forse
    perchè hanno un fascino diverso.forse perchè ti fai fregare dal vestito ... io preferisco la donna che c'è sotto: la musica, il film.
  • Anonimo scrive:
    Il download per i singoli
    conviene.Oggi il mercato su cd dei singoli è in pichhiata, per ovvi motivi.Comperare un singolo costa decisamente troppo, e se mi interessa una canzone non vale la pena, per questo molti la scaricano (pagando oppure no).Lo ritengo anche giusto.Lo stesso dicasi per album du cui interessa solo una canzone.Ma per album interi il prezzo (circa 10euro) per musica in forma di file audio scaricati online, se si trovassero su cd a 15 euro per esempio (ed alcuni stanno facendo questa promozione), non è concorrenziale (bisogna considerare il prezzo di un supporto per masterizzarli, sia come cd video o di mp3, o come dvd, e altre spese come stampa copertina).In questo caso conviene ancora il cd normale.Ma secondo me i prezzi sono ancora troppo alti, in entrambi i sensi.Pagare un album degli anni '60 o '70 (o '80), 10 euro mi sembra troppo, considerando che si saltano intermediari e costi dei supporti (cd e carta).Posso capirlo per un album nuovo, ma per quelli gia usciti da tempo vedrei meglio un prezzo di 5euro, considerando che si sono fatti le vendite anche al momento dell'uscita e dopo.Tornando alla questione dei singoli, il mercato discografico ha spinto in questa direzione, spesso in un album c'è un pezzo orecchiabile o due quando va bene (tre o quattro è già un album notevole).E' il singolo che trascina l'album, che fa il tormentone, che viene passato dalle radio soprattutto, ma l'estremizzazione del singolo (fare un brano buono e riempire l'album di contorno) è il risultato del considerare la musica un prodotto commerciale più che artistico (con alcune eccezioni).Per cui se la gente scarica un file da internet gratis, secondo me fa bene.Tanto per certo tipo di musica il business ormai sono anche le suonerie dei singoli (!!! mah).Sia chiaro, non condanno la musica commerciale, ci vuole ANCHE quella, spesso poi molte canzoni commerciali sono anche orecchiabili.La musica è anche intrattenimento e i singoli proprio perchè vengono trasmessi moltissimo e quindi ascoltati, in un certo periodo (quelli di successo), si legano poi a una stagione e diventano colonna sonora di momenti della vita.La mia critica va soprattutto alle case discografiche che negli ultimi anni non hanno avuto rispetto ne per gli artisti, ne per gli amanti della musica.
  • Anonimo scrive:
    Re: te credo, i singoli hanno (2)
    (segue da parte 1)-
    i formati digitali invece offrono una
    libertà che tuttora non è
    stata esplorata a fondo.da chi? mp3 ha un motivo di esistere, la diffusione, il supporto hardware, l'uso libero degli utenti.chi ama la qualità fa i migliori mp3 che gli consente la tecnologia: eac, lame, alt presets.chi vuole può usare mpc, ogg, aac/mp4, e tutti i formati lossless.che comunque sono pari al cd.se vuoi di più, lo puoi fare, ma chi registra meglio di così?certo, troverai le eccezioni.ma nel mercato dei singoli e della pappa per la massa, quel che abbiamo detto , che ha detto il poster iniziale, quello è sacrosanto.
    Se adesso si reputa un buon compromesso la
    compressione a 128kbps (AAC) è
    perché evidentemente le carenze
    qualitative non sono poi così
    importanti; col cavolo. vuol solo dire che c'è ignoranza a molti livelli e che gli conviene in qualche modo dare quello.
    specie alla luce della dotazione
    audio media degli acquirenti. il cd audio ha innalzato la qualità in un solo istante.se vuoi negarlo, abbiamo finito :)è successo tanto tempo fa, ma un cd-portatile con un paio di cuffie buone prima di essere eguagliato da un impianto vinile/ampli/diffusori/stanza adatta - ci mette parecchio carico di soldi.con 50 euro puoi oggi ascoltare frequenze che il tuo orecchio nemmeno sente.Forse il tuo si?Eppure le frequenze del cd non sono state studiate sulla compressione ... sono state studiate per SUPERARE la quantità di suoni udibili dall'orecchio umano. Tu sei super-umano? :)
    E comunque
    concedi 600kbps ad un formato compresso di
    nuova generazione e spaccherai dalla rabbia
    tutti i tuoi meravigliosi cd non compressi.per fare cosa? far ascoltare cani e pipistrelli?chi spacca dalla rabbia perchè non ha il cd a 20bit (enorme sciocchezza!) vuole solo "l'ultimo modello".io mi siedo e ascolto la musica godendola; se vuoi che ci mettiamo a fare i doppi test ciechi, ti puoi accomodare. io dico solo che per il NORMALE e quindi il più diffuso, la stragrande maggioranza di produzione/mercato ... dei singoli, quel discorso vale eccome.
    proprio non capisco infatti chi dice che la
    musica compressa fa schifo e poi vien fuori
    con frasi dissennate tipo "w il cd" (a meno
    che non possieda lettori tipo il Mephisto da
    20k euro che usano quelli di tntaudio per
    fare recensioni :D.si, infatti non li capisci.trovo comunque inutile fare voli pindarici dal "singolo modaiolo" ai discorsi su "quante ne sai" e quanto poco prosciutto ci sia nei tuoi timpani.non ce n'è molto nemmeno nei miei e credo concorderemo sul fatto che un cd audio originale in ogni caso è migliore di un formato compresso.questo per definizione, dato che il formato compresso viene compresso DA LI.guarda qualche prezzo qui: www.labtek.it - non sono 20k euro.e poi se vuoi guarda le recensioni di quegli oggettini sulle riviste specializzate.i prezzi non sono quelli che dici.con 500 euro ti prendi un valvolare di classe altissima, roba da audiofili, con pressioni sonore, presenza scenica, divisione del suono che fanno invidia a prodotti di costi e marche molto più "importanti".prezzo esagerato non significa qualità.
    Che poi tra l'altro neanche loro si sono mai
    scagliati veementemente contro l'mp3 &co.)mp3 è uno standard ed è vicino all'utente.nessuno dice che sia il migliore, ma il DRM non è mai amico dell'utente.
    concludendo: il mercato della musica via
    internet è solo agli inizi, e non si
    sà come si evolverà..non ci sono più le mezze stagionimeno tasse per tuttiquesto governo dovrà migliorare la vita del paesei negri hanno il ritmo nel sangue
    personalmente speravo in una rivoluzione del
    mercato più radicale... però,
    si è tanto criticato il modello di
    biz precedente... diamo un po' di fiducia ai
    cambiamenti... ;)il business è fondato sul denaro, non sulla soddisfazione del cliente. Quello è solo UN mezzo utilizzabile. Chi ne fa il mezzo principale ha la mia stima, la mia attenzione e il mio rispetto.Gli altri mi vedono schierato in prima linea con cavoli, pomodori e uova marce.
    • Ekleptical scrive:
      Re: te credo, i singoli hanno (2)


      E comunque

      concedi 600kbps ad un formato compresso
      di

      nuova generazione e spaccherai dalla
      rabbia

      tutti i tuoi meravigliosi cd non
      compressi.

      per fare cosa?
      far ascoltare cani e pipistrelli?Il teorema di Shannon (vero solo in parte) ultimamente sta facendo più danni che altro a generazioni di elettronici.a) Non è vero che un'onda venga riportate in modo decentemente fedele se campionata a frequenza doppia. L'ha dimostrato il team del SACD con un'onda quadra. Per campionare e riprodurre correttamente una quadra 10KHz in PCM ci vuole il campionamento a 192KHz. In pratica Shannon ha sbagliato, in questo caso!!! E' il caso estremo in cui il transiente è troppo rapido per essere rilevato e l'unica è salire di frequenza.b) Maggiore è la frequenza di campionamento, più alta la coerenza dell'onda riprodotta rispetto all'origniale, con minore aliasing. Qua il limite teorico, secondo alcuni ingegneri audiofili, si aggira attorno al singolo MHz!!! (altro che 44KHz). Al di sopra è inutile overkill, troppo hi-fi rispetto alle caratteristiche tecniche dell'apparecchio "orecchio umano"....
      non ce n'è molto nemmeno nei miei e
      credo concorderemo sul fatto che un cd audio
      originale in ogni caso è migliore di
      un formato compresso.
      questo per definizione, dato che il formato
      compresso viene compresso DA LI.Assolutamente falso. Nessuno lavora più a 16 bit 44KHz in studio. Lo standard ormai sono 24bit 96KHz o 192KHz (quest'ultimo ancora non pienamente sfruttato). Il foprmato compresso nei negozi online viene da qui (almeno su iTunes così si vantano), non dal CD, che è una riduzione per dithering dell'originale.Io attendo che si inizi a vendere brani compressi, ma a 24bit/96KHz o surround 5.1, come l'ultimo di Jean Michel Jarre. Mi sa tanto che il CD fa una pessima figura al confronto.
  • Anonimo scrive:
    Re: te credo, i singoli hanno (1)
    - Scritto da: jokanaan

    - Scritto da: Anonimo

    ma i dischi, le OPERE vere, non hanno
    questo

    senso.



    richiedono qualità, durata nel
    tempo,

    purezza di suono, supporti fruibili, e

    niente cagate alla DRM / copycontrol



    un singolo può anche essere un
    wma

    con scadenza ... in fondo scadrebbe

    comunque, è solo "moda".


    è una stupidaggine di dimensione
    spaventosa.se hai notato, c'era una persona che la pensava esattamente al contradio di te.secondo il tuo modo di commentare è lecito dire che quel che dici, tutto, è una stupidaggine di dimensione infinita.
    Una canzone può essere benissimo un
    opera a sé stante, che può
    essere racchiusa certo in un contenitore
    più grande e organizzato
    coerentemente (album)... ma anche no.in senso assoluto si, se vuoi arrampicarti sugli specchi.ma non è così che succede nel mondo dei singoli di cui si parla.basta guardare le classifiche degli ultimi 30 anni per capirlo.se vuoi fare il sofista, dici quel che hai detto. se vuoi guardare la realtà, ammetti che il 99% dei singoli è MODA e sparisce letteralmente entro 5 anni, mentre si limita a non fregare a nessuno già dopo i primi 3 mesi, tant'è vero che in altri articoli qualcuno ci ha spiegato che gli industriali della musica vogliono realizzare immediatamente, se ne fregano del lungo periodo.
    E la tendenza odierna è questa.
    Creare musica svincolata dai limiti di
    durata (e di qualità) imposti dai
    media.sicuro.e la tendenza del mondo è di fare del bene ai propri simili.certo.
    cercare di collegare un supposto valore
    artistico di un'opera solo a partire dalla
    durata di essa è una stupidaggine.? se parliamo del fatto che una canzone da 5 minuti possa essere immortale, nessuno lo nega.se parliamo del fatto che la maggior parte dei singoli non dura più di 3 mesi e poi sparisce lui e chi li ha creati, allora siamo realisti.
    E'
    come giudicare la qualità di una
    pietanza dal peso della portata!parliamo di pietanze?che ne dici del gelato al puffo?ne hai visto?e il gusto "ciambella simpson"?lo hai visto ultimamente?ecco, questi gusti sono i "singoli": nascono con la moda e con essa scompaiono.WMA e DRM si adattano perfettamente alla loro inutilità e allo scopo per cui nascono: il commercio.
    poi, parlando di qualità audio:
    ricordiamoci che i cd VINCOLANO ad un
    formato, che per quanto buono possa sembrare
    ai più (ma non a tutti), è
    comunque sempre la solita pappa da 44khz
    stereo. Certo, non compresso. Sai che roba.certo, superiore alla gamma udibile.pareggiabile dal vinile solo con apparati che per eguagliare un cd-portatile con le cuffiette, necessitano di spese non commensurate alla qualità raggiunta.ma tu vivi nell'eccezione, no?bene, noi no. (continua)
  • Anonimo scrive:
    Re: Preferirei i Cd ai download...
    per non sapesse e fosse interessato, il traker è qui: http://bt.etree.org/
  • Anonimo scrive:
    Re: Preferirei i Cd ai download...
    e quando scrivo "non li daranno legali per millenni", intendo i lossless dei musicisti 'conosciuti', in posti quali http://www.etree.org siamo già nel 'mio' futuro e ... legalmente!! (forse non legalmente in italia in virtù del fatto che la SIAE ha il diritto sulla musica in pubblico, anche sull'inno di mameli..., ma legalmente nel resto del mondo e dal punto di vista etico)
  • Anonimo scrive:
    Re: Preferirei i Cd ai download...
    - Scritto da: casteredandblue
    ...se solo avessero un prezzo decente!

    Molto probabilmente il digitale è il
    futuro ed i supporti via via spariranno.. I supporti odierni che citi (CD, DVD) *sono* digitali, ovvero un insieme di byte, esattamente come gli HD ecc..
    Ma personalmente non voglio paragonare un
    insieme di bytes sparsi nel mio pc ad un Cd
    con la sua bella copertina,il profumo del
    booklet e il fatto di poterlo aggiungere
    alla mia bella collezione..Se per te è quello, allora sono d'accordo con te, è tutta un'altra storia :)
    Stessa cosa vale per i Dvd.. volete mettere
    l'avere un file .avi sul pc oppure il
    possederne il Dvd con i suoi contenuti
    speciali,copertina etc..?idem
    Do alle due cose un valore diverso,forse
    perchè hanno un fascino diverso.Io ad esempio _dò_ un valore diverso alle due cose, ma in favore dei file nell'HD, non quelli via I-tunes o similari, ma dei bei file lossless (peccato non li daranno legali per millenni), che dureranno sicuramente di più in un HD che in un CD (in quanto dall'HD puoi farti tutte le copie _identiche_ che desideri con una sicurezza pressocché totale che l'audio è lo stesso; col CD no, provate a fare un dump di un CD audio appena comprato ... e poi dello stesso CD usato da un 1 anno ... vedrete con disgusto la differenza :()
  • Anonimo scrive:
    Preferirei i Cd ai download...
    ...se solo avessero un prezzo decente!Molto probabilmente il digitale è il futuro ed i supporti via via spariranno.. Ma personalmente non voglio paragonare un insieme di bytes sparsi nel mio pc ad un Cd con la sua bella copertina,il profumo del booklet e il fatto di poterlo aggiungere alla mia bella collezione..Stessa cosa vale per i Dvd.. volete mettere l'avere un file .avi sul pc oppure il possederne il Dvd con i suoi contenuti speciali,copertina etc..? Do alle due cose un valore diverso,forse perchè hanno un fascino diverso.Ciao!
  • jokanaan scrive:
    Re: iTunes guadagna?
    - Scritto da: Marte2
    Prende royalty/fees dalle musiche vendute
    on-line?:Droyalty = no (in realtà le paga)fees = sìguadagna = poco, molto pocoè giusto? no.sono un forte sostenitore del licensing non esclusivo. Il licensing esclusivo blocca la crescita del mercato.Se iTunes non dovesse pagare le case discografiche ma fosse semplicemente tenuta a pagare gli artisti direttamente, potrebbe abbassare i prezzi, secondo me almeno del 30% (l'ideale sarebbe dimezzarli), e tuttavia sia lei che gli artisti guadagnerebbero di più imhoSe poi gli artisti includessero nel loro sito un sistema autonomo per scaricare a pagamento la loro musica, magari in un formato drm-free, e nella pagina dei link collegamenti a siti di artisti simili, si costituirebbe una rete autonoma e non mediata, che garantirebbe la libera circolazione della musica, una equa retribuzione degli autori, e la possibilità per gli appassionati di conoscere nuovi suoni...
  • jokanaan scrive:
    Re: te credo, i singoli hanno quel senso
    - Scritto da: Anonimo
    ma i dischi, le OPERE vere, non hanno questo
    senso.

    richiedono qualità, durata nel tempo,
    purezza di suono, supporti fruibili, e
    niente cagate alla DRM / copycontrol

    un singolo può anche essere un wma
    con scadenza ... in fondo scadrebbe
    comunque, è solo "moda".è una stupidaggine di dimensione spaventosa.Una canzone può essere benissimo un opera a sé stante, che può essere racchiusa certo in un contenitore più grande e organizzato coerentemente (album)... ma anche no.E la tendenza odierna è questa. Creare musica svincolata dai limiti di durata (e di qualità) imposti dai media.cercare di collegare un supposto valore artistico di un'opera solo a partire dalla durata di essa è una stupidaggine. E' come giudicare la qualità di una pietanza dal peso della portata!poi, parlando di qualità audio:ricordiamoci che i cd VINCOLANO ad un formato, che per quanto buono possa sembrare ai più (ma non a tutti), è comunque sempre la solita pappa da 44khz stereo. Certo, non compresso. Sai che roba.i formati digitali invece offrono una libertà che tuttora non è stata esplorata a fondo.Se adesso si reputa un buon compromesso la compressione a 128kbps (AAC) è perché evidentemente le carenze qualitative non sono poi così importanti; specie alla luce della dotazione audio media degli acquirenti. E comunque concedi 600kbps ad un formato compresso di nuova generazione e spaccherai dalla rabbia tutti i tuoi meravigliosi cd non compressi.proprio non capisco infatti chi dice che la musica compressa fa schifo e poi vien fuori con frasi dissennate tipo "w il cd" (a meno che non possieda lettori tipo il Mephisto da 20k euro che usano quelli di tntaudio per fare recensioni :D.Che poi tra l'altro neanche loro si sono mai scagliati veementemente contro l'mp3 &co.)concludendo: il mercato della musica via internet è solo agli inizi, e non si sà come si evolverà.. personalmente speravo in una rivoluzione del mercato più radicale... però, si è tanto criticato il modello di biz precedente... diamo un po' di fiducia ai cambiamenti... ;)
  • Solvalou scrive:
    Re: iTunes guadagna?
    Itunes non guadagna, pare. La apple si'. Le majors si' Noi paghiamo poco, gli artisti prendono pochetto, come al solito. Direi che non va poi tanto male.
  • Solvalou scrive:
    Come si spiega?
    RIAA e SIAE dovrebbero riflettere sul fatto che crescono le vendite dei prodotti che dovrebbero subire la maggiore concorrenza del p2p, i singoli compressi e scaricati via internet. Chi si prende la briga di scaricarseli sa di non avere la identica qualita' sonora di un cd, ed ha la connettivita' internet per darsi, se volesse, alla pirateria.Praticamente si da' ragione agli utenti che dicono che il problema vero e' il prezzo.Inoltre, visto che nelle majors e anche credo alla RIAA e compagni, non ci sono mentecatti, presumo che questo lo avessero capito: internet fa paura perche' sovverte l'oligopolio dei canali di promozione della musica, perche' un artista solitario puo' vendere al mondo, perche uno scaricatore di mp3 non dipende piu' da quello che passa il convento (radio, riviste, video in tv). I danni diretti che la pirateria puo' causare alla vendite era solo l'unico appiglio che "i grossi" potevano avere per combattere le nuove tendenze. My 2 eurocents.
  • Anonimo scrive:
    Re: iTunes guadagna?

    Prende royalty/fees dalle musiche vendute
    on-line?:Dnon ne perdi una eh? ;-)
  • TADsince1995 scrive:
    Re: te credo, i singoli hanno quel senso
    - Scritto da: Anonimo
    ma i dischi, le OPERE vere, non hanno questo
    senso.

    richiedono qualità, durata nel tempo,
    purezza di suono, supporti fruibili, e
    niente cagate alla DRM / copycontrol

    un singolo può anche essere un wma
    con scadenza ... in fondo scadrebbe
    comunque, è solo "moda".Quoto al 100%.TAD
  • Marte2 scrive:
    iTunes guadagna?
    Prende royalty/fees dalle musiche vendute on-line?:D
  • Anonimo scrive:
    te credo, i singoli hanno quel senso.
    ma i dischi, le OPERE vere, non hanno questo senso.richiedono qualità, durata nel tempo, purezza di suono, supporti fruibili, e niente cagate alla DRM / copycontrolun singolo può anche essere un wma con scadenza ... in fondo scadrebbe comunque, è solo "moda".
Chiudi i commenti