Harvard e MIT, e-learning per tutti

Al via una nuova piattaforma per l'insegnamento online aperta a tutte le università interessate. Mentre sorgono nuovi motori di ricerca dedicati alla formazione

Roma – Il Massachusetts Institute of Technology (MIT) e l’università di Harvard hanno unito le forze per la costituzione di una nuova iniziativa orientata all’ e-learning .

Il progetto raccoglie 60 milioni di dollari di investimenti congiunti e si chiama edX : combina i sistemi dei due istituti per offrire un servizio gratuito e completo che vada ad integrare i suoi corsi, anche a favore di coloro che sono interessati ma non possono seguirli. Inoltre può servire alle università per individuare gli studenti più meritevoli sparsi per il mondo.

Entrambe le scuole hanno esperienza nel campo della formazione a distanza, con piattaforme già utilizzate per garantire un’offerta online di lezioni e materiali didattici: tecnicamente la nuova partnership partirà proprio da quella finora utilizzata dal MIT, che si chiama “MITx”, a cui si aggiungono una serie di strumenti online tutti basati su software open source .

L’intenzione, d’altronde, è quella di accogliere contenuti e servizi anche di altre università interessate al progetto , che potranno da subito iniziare ad impiegarne gli strumenti ritenuti utili, in modo tale da costituire in prospettiva un polo online accademico unico.

I primi corsi dovrebbero essere annunciati in estate per iniziare il prossimo autunno.

Nel frattempo a disposizione degli studenti giungono due nuovi strumenti online: il primo è Search Education ed è un nuovo progetto di Google, il secondo nasce nell’orbita del Princeton Review e si chiama Noodle Education . Entrambi rappresentano motori di ricerca dedicati specificatamente ai contenuti accademici e, nel secondo caso, si mira ad offrire agli interessati suggerimenti e indicazioni circa corsi di studio, professori o tutor divisi per scuole specifiche.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Lucifer scrive:
    Mah
    Personalmente penso che tutta questa mania di aggregare l'aggregabile sia uno dei tanti segnali della decadenza del livello medio della cultura informatica.Queste soluzioni alla fine fanno comodo solo ai grandi aggregatori, che ci fanno fior di $$$ (dati aggregati = miglior analisi degli stessi e data mining facilitato = dati più appetibili e vendibili = più $$$$) sulla pelle dei milioni di utonti che non hanno la minima idea delle conseguenze e del significato delle loro azioni sul web.Siamo arrivati a livelli di ignoranza informatica abissale, fate ocnto che qualche giorno fa ho visto gente che manco sapeva come fare logout dall'account google :D roba da pazzi.
  • r1348 scrive:
    Causa da Google
    In 3... 2... 1...
  • Pino scrive:
    Altra domanda
    Ma quindi se qualcuno scopre la mia UNICA password per tutto, significa che ce l'ho in un determinato posto?
    • jj jj scrive:
      Re: Altra domanda
      - Scritto da: Pino
      Ma quindi se qualcuno scopre la mia UNICA
      password per tutto, significa che ce l'ho in un
      determinato posto?Si, ma non la password, in quel determinato posto eh!
  • flux scrive:
    domanda
    e quelli che usano ancora windows 7?
    • sdruppolo scrive:
      Re: domanda
      Windowsàno!
    • Pippo Papero scrive:
      Re: domanda
      - Scritto da: flux
      e quelli che usano ancora windows 7?E quelli che usano ancora Windoxs XP su un Pentium III e se ne sbattono di migrare, dei contenuti multimediali e del fare tutto online ?E nei villaggi africani con le connessioni a 56Kb che ci mettiamo ? Windows 9 ?
  • AxAx scrive:
    Fuffa
    Cambiano nome e basta come nella più pura tradizione micro$oft.
    • Commodore94 scrive:
      Re: Fuffa
      Ecosistemi migliori personalmente non ne vedo, soprattutto perchè MS Account sarà perfettamente integrato nel sistema... cambiano nome per "unire" definitivamente tutti i servizi sotto un unico marchio, invece di avere tanti servizi con nomi diversi. Ma per molta gente basta leggere Microsoft e un servizio diventa subito "fuffa"... mha...
      • gianfranco scrive:
        Re: Fuffa
        quoto in pieno
      • doc allegato velenoso scrive:
        Re: Fuffa
        Ma per molta gente basta leggere
        Microsoft e un servizio diventa subito "fuffa"...
        mha...se MS si attira ormai da anni e soprattutto tra i più esperti questa "simpatia" preventiva magari ci sarà un perchè... :D
        • Cavallo Pazzo scrive:
          Re: Fuffa
          Io invece constato che l'antipatia verso microsoft ce l'hanno piuttosto i parlafüs (per chi non sa il dialetto del nord, si cerchi su google il significato), o meglio, quelli vorrebbero farsi credere esperti ma che poi, scava scava, sanno solo raccontare le solite stupide storielle senza neppure sapere quello che dicono.
          • krane scrive:
            Re: Fuffa
            - Scritto da: Cavallo Pazzo
            Io invece constato che l'antipatia verso
            microsoft ce l'hanno piuttosto i parlafüs (per
            chi non sa il dialetto del nord, si cerchi su
            google il significato), o meglio, quelli
            vorrebbero farsi credere esperti ma che poi,
            scava scava, sanno solo raccontare le solite
            stupide storielle senza neppure sapere quello che
            dicono.(rotfl)(rotfl)Non sono molto d'accordo (cercati pure su google i motivi).
        • luca scrive:
          Re: Fuffa
          Se per essere esperti basterebbe dire che microsoft fa schifo saremmo tutti come Alan Kay. Sai quanti ne conosco che dicono che Windows fa schifo e Linux é il top e se poi gli chiedi a che serve la cartella proc ti guardano come se gli chiedi di calcolare a mano il pi greco.
          • Funz scrive:
            Re: Fuffa
            - Scritto da: luca
            Se per essere esperti basterebbe dire che
            microsoft fa schifo saremmo tutti come Alan Kay.
            Sai quanti ne conosco che dicono che Windows fa
            schifo e Linux é il top e se poi gli chiedi a che
            serve la cartella proc ti guardano come se gli
            chiedi di calcolare a mano il pi
            greco.e chi se ne frega della directory proc? E non ci arrivi da solo con un po' di intuito a capire a cosa serve? E quanti utenti felici di windows sanno cos'è / a che serve la cartella C:System Volume Information? E cosa gliene dovrebbe sbattere?
          • luca scrive:
            Re: Fuffa
            La tua risposta dimostra cosa intendevo per "esperto".
      • krane scrive:
        Re: Fuffa
        - Scritto da: Commodore94
        Ecosistemi migliori personalmente non ne vedo,
        soprattutto perchè MS Account sarà perfettamente
        integrato nel sistema... cambiano nome per
        "unire" definitivamente tutti i servizi sotto un
        unico marchio, invece di avere tanti servizi con
        nomi diversi. Ma per molta gente basta leggere
        Microsoft e un servizio diventa subito "fuffa"...
        mha...E sai come mai scatta questo meccanismo ? Proprio perche' gran parte delle grandi innovazioni di M$ si e' rivelata fuffa.E' una questione di immagine aziendale.
        • Commodore94 scrive:
          Re: Fuffa
          Chi è che ha portato un computer in ogni scrivania? Apple? Commodore? IBM? FSF-GNU? NO! Microsoft. E non sto parlando da fanboy: uso Linux quasi quotidianamente, anche su sistemi non desktop come la "FOX G20", e anzi sostengo che per diversi aspetti Linux è nettamente superiore. Ovviamente, come tutte le aziende, ci sono degli errori che si commettono:Apple rischiò di fallire negli anni 90, Commodore fallì completamente, Linux è fermo allo 0,98% di share da anni, IBM si fece XXXXXXX con la questione OS/2 e come non citare i clamorosi flop Microsoft: Win ME, Zune, Win Vista... Il fatto è che più un'azienda è importante, più viene criticata.
          • krane scrive:
            Re: Fuffa
            - Scritto da: Commodore94
            Chi è che ha portato un computer in ogni
            scrivania? Apple? Commodore? IBM? FSF-GNU? NO!
            Microsoft. E non sto parlando da fanboy: uso
            Linux quasi quotidianamente, anche su sistemi non
            desktop come la "FOX G20", e anzi sostengo che
            per diversi aspetti Linux è nettamente superiore.
            Ovviamente, come tutte le aziende, ci sono degli
            errori che si commettono:
            Apple rischiò di fallire negli anni 90, Commodore
            fallì completamente, Linux è fermo allo 0,98% di
            share da anni, IBM si fece XXXXXXX con la
            questione OS/2 e come non citare i clamorosi flop
            Microsoft: Win ME, Zune, Win Vista... Il fatto è
            che più un'azienda è importante, più viene
            criticata.Il computer su tutte le scrivanie lo hanno portato Amiga, Atari, Archimedes, IBM. Micrsoft e' arrivata dopo a fare danni bloccando l'innovazione e sfavorendo l'interoperabilita', se sei arrivato al mondo dell'informatica ai tempi di win 95 ti sei gia' trovato nella seconda situazione.
          • nome e cognome scrive:
            Re: Fuffa

            Il computer su tutte le scrivanie lo hanno
            portato Amiga, Atari, Archimedes, IBM. Micrsoft
            e' arrivata dopo a fare danni bloccando
            l'innovazione e sfavorendo l'interoperabilita',Hm perchè Atari, amiga, archimedes, ecc erano interoperabili? E innovativi? Vogliamo ricordare che mentre i pc con dos prima e windows poi potevano essere espansi per seguire l'innovazione tecnologica, gli amiga / atari, ecc li dovevi buttare via come qualsiasi console?
          • krane scrive:
            Re: Fuffa
            - Scritto da: nome e cognome

            Il computer su tutte le scrivanie lo

            hanno portato Amiga, Atari, Archimedes,

            IBM.
            Micrsoft e' arrivata dopo a fare danni
            bloccando l'innovazione e sfavorendo
            l'interoperabilita',
            Hm perchè Atari, amiga, archimedes, ecc erano
            interoperabili ?Certo che lo erano, Amiga era posix, i videogiochi ed i programmi venivano convertiti per i vari sistemi piu' di quanto si sia mai visto dopo e gli standard di rete venivano rispettati.
            E innovativi? Vogliamo ricordare che
            mentre i pc con dos prima e windows poi
            potevano essere espansi per seguire
            l'innovazione tecnologica, gli
            amiga / atari, ecc li dovevi buttare
            via come qualsiasi console?Le schede d'espansione montate sul mio Amiga dicono il contrario (rotfl)Che inNNnioranza...
Chiudi i commenti