HP e Dell, numeri depressi

I due produttori statunitensi comunicano i rispettivi risultati trimestrali: il business dei PC langue, i numeri calano e per tamponare la situazione il management pensa a tagliare posti di lavoro

Roma – Il mercato dei PC continua a far registrare numeri alquanto depressi e una condizione di stagnazione generale. Gli ultimi risultati trimestrali di Hewlett-Packard e Dell confermano questo stato di cose, valido soprattutto nel caso di HP. In futuro la situazione dovrebbe migliorare, anche grazie al debutto sul mercato di Windows 8.

Per HP il consuntivo finanziario del primo trimestre del 2012 è a dir poco negativo: i ricavi complessivi sono scesi del 44 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, con le perdite maggiori registrate proprio nelle zone del mondo (Asia) in cui il mercato è in crescita.

Particolarmente negativo l’impatto sulla divisione PC, mentre il CEO Meg Whitman dice di essere impegnata a “prendere le misure necessarie a migliorare i processi, aumentare l’efficacia e capitalizzare sulle opportunità emergenti per riaffermare la leadership tecnologica di HP”.

Gergo aziendalista a parte, per Whitman è stato un esordio complesso: il manager ha preso il posto dopo la cacciata a tempo di record di Leo Apotheker, il CEO che voleva stampare la parola “cloud” su ogni prodotto e infilare WebOS anche nei tostapane.

HP intende “capitalizzare sulle opportunità emergenti”, ma intanto penserebbe a licenziare una parte della sua ingente forza lavoro per ridurre le spese nell’immediato. La corporation sarà però “ben posizionata su Windows 8 per piattaforma x86 entro le vacanze” di fine anno, promette Whitman.

Se HP piange, Dell sorride ma con moderazione: la trimestrale della texana ha fatto registrare una crescita di ricavi del 2 per cento fino a 16 miliardi di dollari, ma nello stesso tempo gli utili netti sono crollati del 18 per cento. Nondimeno, Dell definisce il precedente anno finanziario come il maggior successo nella storia della società con 62 miliardi di dollari incamerati in totale.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Maria Soccorsa scrive:
    Prestito veloce in 72 ore
    Buongiorno sig. e Sig.raOffro prestiti da partire da 5.000 a 1.000.000 a chiunque può rimborsare con interesse. Per ogni persona interessata. Sono pronto per i prestiti locali ed internazionali per la gente ovunque nel mondo. Contatta fin da oggi e lasciate sapere quanto denaro volete prendere in prestito. Sono pronto a rispondere tra le 72 ore a seguito della ricezione della domanda.E_ mail: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    Aiutare e finanziare
    CiaoHo un capitale di 3.500.000 che mi aiuterà a concedere prestiti a privati ??breve e lungo termine da 1000 a qualsiasi persona seria che può fare buon uso del prestito in suo possesso. Con un tasso di interesse del 2,5 al 5% come particolarmente non voglio violare la legge sullusura. Potete pagare da 5 a 10 anni o più a seconda della quantità massima prestato.Email: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    Offerte di prestito veloce e affidabile
    Contattami voi che hanno bisogno di un prestito urgente fatto più guai. Diamo 500 e 5000 000 con un tasso di interesse del 3%.Sarà puramente e semplicemente per di specificare limporto del prestito che ti serve e il termine di rimborso in base alle vostre capacità. Grave Ogni individuo non vi chiedo di andare molto lontano, perché Io presto solo a persone che mi potesse rimborsare.vi preghiamo di contattarci via e-mail: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    Offerta di prestito tra privato nelle 72
    Sono un privato e dispongo di un capitale che può servirmi ad assegnare offerte di prestito particolare. Sono in grado di prestare denaro ha ogni persona essendo nella necessità e capace di rimborsare e soprattutto riconoscente delle mie prestazioni. Grazie di me contattato: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    OTTENETE IL VOSTRO CREDITO SENZA RISCHI
    Le offerte di prestito tra privati esistono realmente poiché se ho trovato il sorriso dopo molti rifiuti di cartella alla banca, ho conosciuto dall'aiuto di un amico una signora ardua che mi ha conceduto un prestito di 20.000 senza alcuna complicazione. E come riconoscimento che faccio questa prova per aumentare la sua clientela ed anche aiutare coloro che sono in preoccupazioni finanziario. Allora voi che siete vietati bancari, che avete bisogno di finanziamento per le vostre preoccupazioni personali, più preoccupazioni prendete appena contatta con la signora Isabella Descaprio Sono Émail è: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    Offerta di prestito ai privati
    buongiornoSiamo un gruppo d'investitore che dispone di un importante capitale finanziario. Così siamo disposti ha assegnarvi un prestito compreso tra 500 e 100.000 poiché i nostri capitali sociali sono di 2.500.000 ; fare prestiti ai privati per il loro progetto di attività.Ma i nostri tassi d'interesse sono da 3% al 5% l'anno, poiché essendo una coalizione non vogliamo violare la legge sull'usura. La nostra durata di rimborso è da 2 a 10ans al massimo.Grazie bene di collaborare con noi; siamo a vostra disposizione. Volete li contattate con questa posta elettronica: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    Offerta di prestito tra privato
    Il prestito personale fa parte del credito al consumo. La caratteristica del prestito personale è che non è destinato ad un progetto preciso e dunque che il suo utilizzo è realizzato liberamente. Tuttavia, il suo principio è lo stesso che gli altri crediti: un organismo vi presta una certa somma che dovete rimborsare ogni mese con gli interessi. Secondo gli organismi prestatori, il prestito personale può essere chiamato anche: credito classico, credito personale, credito redimibile o prestito personale. Ma indipendentemente dal nome utilizzato, sono le stesse condizioni che vi saranno offerte. Allora li contattate per le vostre domande di prestito tra privato dell'importo di 2.000,00 a 500.000,00 per ogni persona nella necessità di finanziamento. E-mail: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    Volete volere contattarlo per le loro ri
    Beneficiate della nostra competenza è semplice e rapido sono un privato e vengo a mettersi a vostra disposizione per aiutarseli nei vostri diversi ostacoli financiers.j'offro prestiti che variano da 2.000 a 1.000.000 ad un interesse del 2%. Dunque ogni persona nella necessità di denaro non esistete volete contattarla io sono a vostra disposizione per tutti i vostri problemi finanziari: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    Tasso di particolare interesse del 3%
    Avete un problema finanziario e tutti i vostri tentativi di ripresa a disposizione cadono all'acqua. Li sono rifiutati alla banca perché il vostro credito non risponde alle loro norme? Sognate di possedere la vostra casa, ma si a rifiutato un mutuo ipotecario a causa di un credito insufficiente. I vostri affari si sono migliorare da un anno ed avevate necessità di denaro per aumentare la vostra attività. Che abbiate avuto ritardi di pagamento spiegabili, un indebitamento, un divorzio o una perdita di posto di lavoro o altri. Questa non è una situazione senza soluzione poiché potreste avere una seconda possibilità al credito particolare. Presento alla vostra domanda prestatori che sono pronti a rivalutare la vostra situazione finanziaria. Potete beneficiare dei prestiti che vanno da 1000 a 5.000.000.Volete contattarli sulla nostra mail: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    Finanza del 5.000€ à 5.00.000€
    Sono un privato che offerte del prestito tra privato che va di 2.000,00 a 500.000,00 a persone che sono nella necessità con un tasso d'interesse dal 3% al 5% e dunque in questa preoccupazione voi siete alla ricerca di credito per sia rilanciare le vostre attività sia per la realizzazione di un progetto, sia per comperarvi un appartamento ma la banca li pone a condizioni di cui siete incapaci. E dunque la mia offerta non richiede molti documenti, ma essere giusti ed onesti ed affidabili. contattiamo fin da oggi e fatte conoscere l'importo l'importo di prestito di cui avete realmente bisogno. Sono pronto a soddisfarli per la vostra necessità tra le 72 ore a seguito della ricezione della vostra domanda. Sia avete necessità di denaro per altre ragioni; non stimolate di contattarlo per ulteriori informazioni.Contatto mail: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    Offerta di finanziamento
    Buongiorno a tuttiSiete schedati vietato bancario e non avete il favore delle banche, o meglio, voi avete un progetto e necessità di finanziamento, una cattiva cartella di credito o necessità di denaro per pagare fatture, fondo da investire sulle imprese. La nostra organizzazione li accompagna a concretizzare il vostro sognati. Il tasso d'interesse è pari al 3% con una durata di rimborso ben determinato di comune accordo con il cliente. Le nostre offerte si situano su base di 5000 a 500.000 . Allora se avete necessità di un prestito volete contattarli: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    Potete mi contattate 5.000 € ha 120.000
    Prestatore tra privato nello spirito di venire in aiuto ha tutti i divieti bancari o non ha il favore delle banche per le domande di prestito, assegno il mio denaro ad gente seria ed onesta, che può rimborsare il prestito nel tempo normale che vogliono. Allora in questo caso volete precisarlo quanto volete avere come prestito e la durata del prestito, affinché vi invii i parametri del credito e le procedure a seguano per ottenere il vostro prestito. Poiché sono limitato per i prestiti a breve, medio e lungo termine secondo il vostro importo da assegnare andando da 2.000,00 a 500.000,00 con una zigrinatura di un interesse del 3% su tutto la durata del vostro rimborso.per le vostre domande di credito tra privato volete contattarlo: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    Alla vostra situazione 6.000 € a 30.000€
    Buongiorno sig./Sig.raQuesto messaggio si rivolge ai privati che hanno bisogno di prestito per affrontare le difficoltà finanziarie infine per uscire dal vicolo cieco che causano le banche, con il rifiuto delle vostre cartelle di domanda di crediti. Sono in grado di farvi prestiti che vanno di 2500 a 7.000.000 e con condizioni che vi faciliteranno la vita e un tasso annuale da partire dal 3%. Siete schedati, divieti bancari e non avete il favore delle banche o meglio avete un progetto ed avete bisogno di finanziamento, una cattiva cartella di credito o necessità di denaro per pagare fatture, fondo da investire sulle imprese. Allora se avete necessità di prestito non esitate a contattarli per ulteriori informazioni sulle nostre condizioni. Per qualsiasi altra informazione volete contattarli per mail: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    Oferta di prestito Il finanziamento
    Offro prestiti a organizzazioni commerciali e privati, che vanno da 5.000 a un massimo di 10.000.000. Offro prestiti personali, prestiti di consolidamento del debito, capitale di rischio, prestiti commerciali, prestiti agli studenti, mutui casa prestiti per qualsiasi motivo.Grazie contatto con me. e-mail: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    Oferta di prestito Il finanziamento
    Offro prestiti a organizzazioni commerciali e privati, che vanno da 5.000 a un massimo di 10.000.000. Offro prestiti personali, prestiti di consolidamento del debito, capitale di rischio, prestiti commerciali, prestiti agli studenti, mutui casa prestiti per qualsiasi motivo.Grazie contatto con me. e-mail: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    Avete bisogno di un prestito?
    Sei un uomo daffari o una donna e hai bisogno di un prestito per incrementare il vostro business ?? Avete bisogno di capitale per avviare unimpresa? Qualunque cosa i vostri problemi di prestito potrebbero essere, ecco che arriva il vostro aiuto come offriamo prestiti a individui e le imprese a basso tasso di interesse e prezzi accessibili.Contattaci oggi a: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    Aiiutare le persone in diffiicoltà
    Buon giorno, sono registrato un usuraio privato. Diamo i prestiti a favore delle persone, le imprese che hanno bisogno di aggiornare il proprio stato finanziario in tutto il mondo, con molto minimale tassi di interesse annuali a partire da 3% in un anno a 30 anni un periodo di ammortamento della durata di ogni parte del mondo. Diamo i prestiti allinterno della gamma di 5000 a 100.000.000. I nostri prestiti sono assicurati, per la massima sicurezza è la nostra priorità. Persona interessata dovrebbe contattarci via e-mail: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    Offerta di prestito particolare a tutti
    Ciao Tra cui l'Italia e nel mondo della moda che ho fatto con un prestito a partire da 2.000 a 500.000, ho anche preparato locali, investimenti internazionali e prestiti, in particolare, tra tutti i tipi. I concedere prestiti a breve termine, medio e lungo termine. Io conosco le tue abitudini e il mio trasferimenti sono erogati da una banca a garanzia di operazioni a chiunque in grado di rimborsare, con tassi di interesse del 2,5%. Se siete interessati mandatemi per tutte le esigenze nella vostra proposta di tariffe e acconti sarà il vostro aiuto. Infine, per ulteriori informazioni si prega di contattarmi via E-mail: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    Ciao! Offerta di prestito
    Sei alla ricerca di finanziamenti, sia per aumentare le vostre attività, sia per un progetto o per comprare un appartamento, ma purtroppo la banca vi chiede quali condizioni non si riesce a colmare. Mi sono imbattuto in un uomo d'affari francese che mi ha conXXXXX un finanziamento di 25.000 , che mi ha permesso di realizzare il mio progetto. Oppure, se siete bannato Banking è disponibile a concedere prestiti a chiunque in grado di far fronte ai propri impegni. in caso contrario il tasso di interesse è del 2% annuo. E-mail: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    Fatto me la fiducia di finanziamento
    Sono un prestatore privato in azione con una banca del posto che mi servirà a fare un mutuo personale ed ipotecario ad ogni persona nelle necessità . J offerta del prestito che va di 5.000 a 50.000.000 che possono essere rimborsare su una durata che varia di 12 mesi a 30 anni che dipendono dalla vostra capacità e ad un tasso d interesse fisso del 2%. Per tutte le vostre necessità, volete allora contattarlo per e-mail precisando limporto di cui avete bisogno ed di voi certifica che sarete soddisfare entro un termine preciso . Email : maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    Sono disponibile da 5000€ a 1.500.000€
    Ciao,Dopo numerose uscite discografiche da parte delle banche che ho ottenuto il mio prestito di 50.000 per una donna comprende il nome Mercier Alexandra in 72 ore. In un primo momento non ci credevo, ma la mia curiosità mi ha spinto provato ma alla fine sono stato in grado di ottenere il prestito che sono uscito dal vicolo cieco in cui vivevo. Ho solo condividere ciò informati in modo da sapere ora è che si indirizza quando si è nel bisogno, il loro indirizzo e-mail è questa: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    Offerta di prestito affidabile e rapido
    Siamo investitori privati che dispone di un capitale importante che servirci ad assegnare prestiti ai privati credibile a breve e lungo termine che va da 5000 a 5.000.000 ogni persona seria capace di fare un buono impiego di questo prestito in suo possesso. Con un tasso d'interesse del 3% poiché essendo particolare non possiamo violare la legge sull'usura. Potete rimborsare su una durata dai 5 ai 25 anni o più in massimo secondo la somma prestato.E-mail: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    Mettiamo anche a vostra disposizione un
    Siete schedati vietato bancario e non avete il favore delle banche, o meglio avete un progetto e necessità di finanziamento, una cattiva cartella di credito o necessità di denaro per pagare fatture, fondo da investire in un progetto o bisogno personale. Siamo privati che dispone di un capitale abbastanza importante ad investire in tutti i domini proficui del vostro progetto.E-maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    Per qualsiasi domanda DI 3000€ A 300.000
    Siete un dirigente aziendale, un padre di famiglia, una madre di famiglia o meglio una persona avente bisogno di colpo di mano finanziario rapidamente tenuto conto della vostra situazione finanziere visto che tutte le banche e istituti finanziari vi mettono; o siete alla ricerca di un credito (consumo, rinnovamento, settore immobiliare, affare ecc.) Per ciò se siete seri non stimolare di contattarcelo per smalto: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    Promozionale di 5.000€ a 880.000€
    Donna che al timore di dio che fare di prestito ad ogni persona serietà e capace di rimborsate. Volete fare un progetto dei vostri sogni, si vuole una casa per la tua famiglia o hai debiti e bollette da pagare. Le banche non vogliono soddisfare voi e non si sa a che santo dedicato, io sono la soluzione ai vostri problemi finanziari. I fornisce sovvenzioni che vanno da 1.000 a 1.000.000 con un tasso di interesse del 2% annuo. Contattate per email: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    PROPOSITO PRESTITO: CHE AVETE BISOGNO DI
    Ciao.Sei in difficoltà finanziarie e tutti i tuoi tentativi di riprendere il controllo è caduto in acqua. Lei è stato negato perché la banca che il vostro credito non soddisfa le loro standard? È il sogno di una casa propria, ma si rifiutò di un mutuo a causa del credito insufficiente? La vostra azienda è migliorata da un anno. Hai bisogno di soldi per crescere il tuo business. Se avete avuto ritardi di pagamento spiegabile, una perdita di debito, il divorzio o per lavoro o altro. Questa non è una situazione senza soluzione, perché si potrebbe avere una seconda occasione di credito particolare. I presenti alla vostra richiesta di finanziatori che sono disposti a rivalutare la soluzione finanziaria. È possibile usufruire del prestito da 2.000 a 800.000.000 , con una percentuale del 3%. Qualsiasi tipo di finanziamento per un progetto ben definito Se hai bisogno, non esitate a contattarci. Email: maria.soccorsa01@gmail.comSono a vostra disposizione 24h/24.
  • Maria Soccorsa scrive:
    NECESSITA DI FINANZIAMENTO PER I VOSTRI
    Il sig. & la signora Notamment ha ogni persona ed ovunque nel mondo del modo che aifait grazie ad un prestito di 1000 era di 800.000.000 in termini semplici, faccio anche investimenti ed in particolare i prestiti tra tutti i tipi. Vi offro prestiti a breve termine, termine medio e lungo. Conosco le vostre pratiche e le nostre spedizioni sono garantite da una banca sulla sicurezza delle transazioni ad ogni persona in grado di rimborsare, con interessi al tasso di 3% ha il 5% se siete interessati inviate. Per tutte le domande delle vostre proposte da partire dai tassi e dai pagamenti di rate e sarà il vostro aiuto. Infine, per più di unire. Grazie per la mia nostra comprensione. Email: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    Aiuto finanziamento urgente
    BUONGIORNO Sig.ra e Sig.Sono il sig. Blanaruoperatore economico che esercita nell'import export. Avendo un capitale abbastanza considerevole, mi porto volentieri ad assegnare prestiti di crediti ha ogni persona onesta e seria capace di bene rimborsarsi. Le mie condizioni di prestito di cui molto semplici e chiare.Email: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    AIUTO FINANZIAMENTO URGENTE E PER SOLISI
    Il prestito di denaro tra privato presto è rientrarla più di preoccupazioni per voi. Di prestito di denaro tra privato dispongo di un capitale di 750.000 che servirà ad assegnare prestiti tra privato a breve e lungo termine che va da 1000 a di 800.000.000 ad ogni persona seria che vuole di questo prestito. 3% al 10% d'interesse l'anno secondo le Somme prestato poiché essendo particolari non voglio violare la legge sull'usura. Potete rimborsare su 6 a 20 anni massimi secondo la somma prestato. Spetta a vederli per le mensilità. Chiedo soltanto un riconoscimento di debito certificato scritto a mano.Email: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    OFFERTA DI PRESTITO FINANZIAMENTO SERIO
    Siete alla ricerca di finanziamento per sia rilanciare le vostre attività sia per la realizzazione di un progetto, sia per comperarvi un appartamento ma purtroppo la banca vi pone condizioni di cui siete incapace di riempire; più preoccupazione io sono un privato io assegno prestiti che vanno da 1000 a di 800.000.000 ad ogni persona capace di rispettare i suoi impegni, d'altra parte il tasso d'interesse è pari al 3% l'anno. Sia avete necessità di denaro per altre ragioni, non esitate di contattarla per ulteriori informazioni.Email: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    URGENTE DI 2000€ AL 800.000.000€
    Ciao Mr / Ms,Ottenere un prestito legittimo sono sempre stati un grosso problema per la le esigenze finanziarie della clientela. La questione del credito e della sicurezza è qualcosa che i clienti sono sempre più preoccupati ricerca di un prestito da un prestatore legittima. Il tasso di interesse per il mio prestito è del 3% e l'importo minimo che io do in forma di finanziamento del 1000 per i quali il massimo è 800.000.000. Se siete interessati ad ottenere l'assistenza finanziaria,contatto con me oggi: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    OFFERTA DI PRESTITO GRATUITO
    Buongiorno signora e signoreIn seguito alla nostra intervista con uno dei miei consulenti finanziari, abbiamo deciso di accordare prestiti che vanno da 2.000 a 800.000.000 per aiutare privati che non hanno purtroppo acXXXXX alle banche con le loro condizioni difficili da riempire.1 Se avete un progetto affidabile che richiede un prestito, e che non disporte di mezzi per la sua messa per strada, io si prega di contattarlo per vedere insieme come collaborare e permettere la realizzazione di questo progetto al più presto.2 avete crediti a rimborsare, in questo caso potete prendere un prestito che potrà risolvere più rapidamente i vostri problemi sia con la vostra banca o anche con società.Posta elettronica: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    OFFRO DI PRESTITO TRA PRIVATO
    Buongiorno a voi,Offro di prestito tra privato che va da 2000 a 800.000.000 ha ogni persona capace di rispettare i suoi impegni daltra parte il tasso dinteresse è pari al 3% lanno. Sia avete necessità di denaro per altre ragioni; non esitate di contattarlo per ulteriori informazioni. Ecco una grande opportunità per voi che avete difficoltà finanziarie, divieti bancari, o progetti esposizione di realizzazioni. Volete contattarlo da parte di mail: maria.soccorsa01@gmail.comGrazie
  • Maria Soccorsa scrive:
    FINANZE MOLTO SERI TRA PRIVATO
    Amerei con quest'avviso informarli che sono pronto ad aiutarli per i vostri problemi di finanze.Siamo ad alcuni giorni del 2016Quali sono i vostri desideri?Tutti i vostri progetti hanno poco essere fallito a causa della crisi?Vi dò la certezza che il 2016 promette molta sorpresa.Sono dunque disponibile voi a servire grazie ad una capitale enorme. Posta elettronica: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    RISPOSTA URGENTE: OFFERTA DI PRESTITO TR
    Ciao Noi abbiamo un capitale di 800.000.000 che dobbiamo a disposizione di chiunque voglia fare prestito serio. Il prestito sarebbe concessi nel breve e lungo termine dal 2000 a 800.000.000 a chiunque serio e anche disposti a strutturare un prestito. Si può pagare in 4 a 20 anni al massimo a seconda della quantità in prestito. E 'vietato formellemnt disonesti allora fino a mensile per la vostra convenienza. di beneficiare di questo prestito solo una scritta a mano IOU certificata ed anche alcuni documenti richiesti.Posta elettronica: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    AVETE NECESSITA DI DENARO
    Avete necessità di prestito????? avete già vi fanno un prestito???? sono disponibile per un prestito di 1.000 a 250.000. Allora se siete nella necessità di finanziamento per il vostro progetto non stimolare a contattarlo: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    OFFRONO PRESTITO TRA PRIVATI SUL SERIO
    Ciao Io sono un finanziere ammesso Pensionato per oltre 5 anni e attualmente nel settore immobiliare, ho anche fornire prestiti tra una certa velocità con bassissima 3% annuo. Vi prego di contattarmi per ulteriori renseigements Contatto: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    PER LA VOSTRA NECESSITÀ FINANZIARIA
    Offro prestiti che vanno di 1000 a 8.000.000.000 per un tasso d'interesse del 3%. Avevate una necessità di denaro per realizzare un sogno o risolvere un problema o qualsiasi altra cosa, non esitate a contattarmi mail: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    OFFERTA DI PRESTITO TRA PRIVATO SERIO
    Ciao Sir, signora, per rompere definitivamente l'impasse che ha causato le banche, si ha la soluzione ai vostri problemi. Io sono un individuo, ho concedere prestiti a breve e lungo termine da 1000 a 800.000.000 con un periodo di rimborso molto facilmente accessibile, pronto per il vostro contatto ha bisogno di me, grazie.maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    L'ASSISTENZA FINANZIARIA DI BENEFICIARE
    BuongiornoIl sig. e la signora Ce messaggio si rivolge a tutti quelli che sono in una necessità urgente e soprattutto seria di domanda di prestito allo scopo: mettiamo a vostra disposizione un prestito a partire da 2000 a 1.000.000 a condizioni molto semplice noi facciamo anche investimenti e prestiti tra privato di qualsiasi tipo .nous offriamo crediti a breve, medio e lungo termine. Ignoriamo dei vostri impieghi ed i nostri trasferimenti sono garantiti da una banca per la sicurezza della transazione ad ogni persona capace di rimborsarlo con interesse al tasso di 3% per ogni persona interessare scrivermi. Ecco i settori nei quali possiamo aiutarli:-Finanziaria-Ipoteche-Prestito all'investimento -Prestito auto -Consolidamento del debito -Linea di credito-Seconda ipoteca-Riacquisto di credito-Prestiti personaliPer tutte le vostre domande fatte proposte rispetto ai tassi ed agli scaglionamenti di pagamenti e sarò al vostro aiuto. Infine per più comprensione volete joindre.notre smalto: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    OFFERTE DI PRESTITO IN 72 ORE
    Ciao ho un capitale che verrà utilizzato per erogare prestiti soprattutto nel breve e lungo termine da 1000 a 8.000.00.000 a chiunque voglia seriamente questo prestito. 3% al 10% di interessi all'anno a seconda della quantità viene prestato soprattutto perché non voglio violare la legge sull'usura. Si può pagare 1 a 20 anni al massimo in base alla quantità prestato. tocca a te per i pagamenti mensili. Ti chiedo soltanto una mano IOU certificate e anche alcune parti di cui le persone interessate vi prego di contattarmi via mail: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    FORNISCE PRESTITO DI DENARO
    Vi offriamo un prestito di 1000 A 8.000.000.000 termini molto semplici. abbiamo anche fare investimenti e prestiti tra particolari tipi. offriamo crediti a breve, medio e lungo termine. Non sappiamo le vostre abitudini ed i nostri trasferimenti sono erogati da una banca per la sicurezza della transazione. Per tutte le richieste formulate proposte in materia di tariffe e di sosta dei pagamenti e io sarò il vostro aiuto. Infine, per una maggiore comprensione joindre.notre inviare un'e-mail: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    OFFERTA DI PRESTITO CREDIBILI SUL SERIO
    Buongiorno Signora & Sig, Mi rivolgo a tutte le persone che hanno bisogno di finanziamenti per la loro condivisione che ho concedere prestiti di denaro nel 1000 a 8.000.00.000 credibile a tutte le persone in grado di ripagare con tasso di interesse del 3% annuo e un ritardo di 1 a 35 anni, a seconda della quantità. Se siete veramente bisogno di denaro di prestito farlo in buone condizioni si prega di contattare me oggi per ottenere il prestito. E-mail: maria.soccorsa01@gmail.comPS / Ma non sul serio astenersi. Quindi non vedo l'ora alle vostre richieste.
  • Maria Soccorsa scrive:
    OFFERTA DI PRESTITO TRA PRIVATO
    Ciao Sig / Signora Io sono uno speciale cittadino belga, finanziario internazionale in una banca, prendo il tuo indirizzo e-mail per informarvi che mi concede di prestiti ai privati con un tasso di interesse del 3% per un periodo a vostra scelta. 1000 a 8.000.00.000 rimborso inizia due mesi dopo Trasferire dal vostro conto in banca e fatto rateale. Non esitate a contattarmi via e-mail per ulteriori informazioni se ne avete bisogno. Email: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    FINANZIAMENTO DI CREDITO E DI PRESTITO I
    Buongiorno Il sig. e la signora Ce messaggio si rivolge a tutti quelli che sono in una necessità urgente e soprattutto seria di domanda di prestito allo scopo: mettiamo a vostra disposizione un prestito a partire da 1000 a 8.000.00.000 a condizioni molto semplice noi facciamo anche investimenti e prestiti tra privato di qualsiasi tipo .nous offriamo crediti a breve, medio e lungo termine. Ignoriamo dei vostri impieghi ed i nostri trasferimenti sono garantiti da una banca per la sicurezza della transazione ad ogni persona capace di rimborsarlo con interesse al tasso di 3% per ogni persona interessare scrivermi. Ecco i settori nei quali possiamo aiutarli: -Finanziaria -Ipoteche -Prestito all'investimento -Prestito auto -Consolidamento del debito -Linea di credito -Seconda ipoteca -Riacquisto di credito -Prestiti personali Per tutte le vostre domande fatte proposte rispetto ai tassi ed agli scaglionamenti di pagamenti e sarò al vostro aiuto. Infine per più comprensione volete joindre.notre smalto: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    OFFERTA DI PRESTITO TRA PRIVATO OFFERTA
    Buongiorno sig. e Sig.ra Offro prestiti da partire da 1000 a 8.000.00.000 a chiunque può rimborsare con interesse. Per ogni persona interessata. Sono pronto per i prestiti locali ed internazionali per la gente ovunque nel mondo. Contatta fin da oggi e lasciate sapere quanto denaro volete prendere in prestito. Sono pronto a rispondere tra le 72 ore a seguito della ricezione della domanda. Email: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    AIUTO HA TUTTO PERSONA IN PROBLEMA
    Soluzione a tutto il vostro problema di finanziamento per realizzare il vostro progetto ed il vostro sogno. per più informazione vuole contattarsi: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    OFFERTA DI PRESTITO ENTRA PARTICULARE O
    Ciao Stanco di essere rifiutati dalla banca siete stanchi fate. Non sono uscita per il vostro problema. Prestito interbibliotecario offerte speciali 1000 a 8.000.00.000. Come abbiamo fatto una struttura formata da singoli individui, a sua voltacontoe aiutare le persone che offrono prestiti fino a 1000 a 8.000.00.000 tassi di interesse che vanno dall' 3% al 10%. Quindi, se hai un progetto o vogliono acquistare una casa o in autotutte le altre cose. Non esitate a contattarci per un prestito siamo felici di trovare unasoluzione alla tua richiesta.CordialmenteE-mail : maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    OTTENERE UN PRESTITO DI EMERGENZA
    Sono particolarmente privata, mi presti denaro a chiunque si senta bisogno di prestito Quindi, per tutte le esigenze di prestito tra particolare per far fronte alle difficoltà finanziarie di rompere finalmente la situazione di stallo provocata dalle banche, dal rifiuto dei file dell'applicazione per i crediti? Sono in grado di darvi l'importo del prestito è necessario e con le condizioni che rendono la vita più facile vi prego di contattarmi tramite il mio email: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    AL VOSTRO AIUTO OVUNQUE IN LE MONDO
    Siete alla ricerca di un prestito con la predisposizione dei vostri progetti o per consolidare i vostri debiti o del problema urgente di denaro. Avete bisogno di un fondo di finanziamento per la realizzazione dei vostri progetti. Siete una persona di parola serietà ed onesta. Avete ricevuto una défence bancaria e per ciò, le banche non accettano più di farvi prestiti. Tengo a dirvi che sono disponibile ad aiutarli nei vostri problemi di questione di prestito. Se avete bisogno di un prestito, esitato non a contattarlo per più informazione sul prestito di denaro. Potete contattarlo per posta elettronica: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    UNA SOLUZIONE PER IL PROBLEMA FINANZIARI
    Gratis un aiuto finanziarioMi rivolgo a tutte le persone che necessitano per la loro causaCondivido che fornisce prestiti di denaro di 1000 a 8.000.00.000 a tuttipersone in grado di ripagare con un tasso di interesse del 3%anni e un ritardo di 1 a 35 anni, a seconda della quantità. iofare nelle seguenti aree:- Prestito Finanza- Mutui- Credito d'investimento- Auto Prestito- Consolidamento del debito- Acquisizione di credito- Prestito personale- Si sono bloccatiSe avete veramente bisogno, si prega di contattare per meulteriori informazioni.email: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    ECCO LA VOSTRA DOMANDA DI PRESTITO IN LI
    Buongiorno sig. e Sig.raMetto alla vostra portata molto tipo di prestito fin da oggi notate che avete la possibilità di farvi un prestito senza necessariamente passare per la banca. Più preoccupazioni, io sono un particolare, assegno prestiti che vanno di 1000 a 95.000.000 ha ogni persona capace di rispettare i suoi impegni d'altra parte il tasso d'interesse è pari al 3% l'anno. Il prestito può essere ottenuto in EUR o in USD o in $ ecc. ...... con un termine di 1 a 20 anni.Ecco alcuni esempi dei numerosi utilizzi di un prestito personale: - Intraprendere rinnovamenti domiciliari- Effettuare un acquisto importante (casa mobile, barca, motocicletta, motoslitta, vtt, veicolo ricreativo, ecc.)- Finanziare una formazione (diritti di scolarità, prestiti studi, ecc.)- Consolidare debiti- Finanziare sistemazioni- Comperare un veicolo- Sovvenzionare i costi di un matrimonio (prevedete di contrarre un prestito matrimonio)- Regolare spese di vacanze (chiedete un prestito vacanze)- Regolare spese mediche importanti (spese di chirurgia di plastica, onorari di dentista, spese di cure ortodontiche)- Gestire altri fabbisogni finanziariContattate fin d'ora per le vostre domande precisando l'importo e la durata di rimborso. Grazie a voi.E-MAIL: maria.soccorsa01@gmail.com
  • Maria Soccorsa scrive:
    OFFRO DI PRESTITO TRA PRIVATO
    Buongiorno a voi,Offro di prestito tra privato che va da 2000 a 800.000.000 ha ogni persona capace di rispettare i suoi impegni daltra parte il tasso dinteresse è pari al 3% lanno. Sia avete necessità di denaro per altre ragioni; non esitate di contattarlo per ulteriori informazioni. Ecco una grande opportunità per voi che avete difficoltà finanziarie, divieti bancari, o progetti esposizione di realizzazioni. Volete contattarlo da parte di mail: maria.soccorsa01@gmail.comGrazie
  • brunoalves scrive:
    Finanziamento assistenza e credito all'i
    Finanziamento assistenza e credito all'individuoHai bisogno di soldi per comprare una macchina, un appartamento, pagare la bolletta, creare un'azienda o finanziare un progetto, ma purtroppo la banca ti chiedere condizioni si riesce. O entrambi che hanno sostenuto credito e ti cadono su povera gente o non hai i mezzi per pagare tutte le spese che ha sostenute.Siamo qui per aiutarvi. Contattaci da questo mail:bruno01alves@hotmail.fr
  • brunoalves scrive:
    Finanziamento assistenza e credito all'i
    Finanziamento assistenza e credito all'individuoHai bisogno di soldi per comprare una macchina, un appartamento, pagare la bolletta, creare un'azienda o finanziare un progetto, ma purtroppo la banca ti chiedere condizioni si riesce. O entrambi che hanno sostenuto credito e ti cadono su povera gente o non hai i mezzi per pagare tutte le spese che ha sostenute.Siamo qui per aiutarvi. Contattaci da questo mail:bruno01alves@hotmail.fr
  • brunoalves scrive:
    Finanziamento assistenza e credito all'i
    Finanziamento assistenza e credito all'individuoHai bisogno di soldi per comprare una macchina, un appartamento, pagare la bolletta, creare un'azienda o finanziare un progetto, ma purtroppo la banca ti chiedere condizioni si riesce. O entrambi che hanno sostenuto credito e ti cadono su povera gente o non hai i mezzi per pagare tutte le spese che ha sostenute.Siamo qui per aiutarvi. Contattaci da questo mail:bruno01alves@hotmail.fr
  • brunoalves scrive:
    Finanziamento assistenza e credito all'i
    Finanziamento assistenza e credito all'individuoHai bisogno di soldi per comprare una macchina, un appartamento, pagare la bolletta, creare un'azienda o finanziare un progetto, ma purtroppo la banca ti chiedere condizioni si riesce. O entrambi che hanno sostenuto credito e ti cadono su povera gente o non hai i mezzi per pagare tutte le spese che ha sostenute.Siamo qui per aiutarvi. Contattaci da questo mail:bruno01alves@hotmail.fr
  • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
    Rights Group Demands Cash To Libraries
    Rights Group Demands Cash So Libraries Can Read Books To Kids https://www.torrentfreak.com/rights-group-demands-cash-so-libraries-can-read-books-to-kids-120314 ABOLIRE IL COPYRIGHT p)
  • ziovax scrive:
    Aiutatemi a capire
    <<Dal punto di vista del circuito bibliotecario, poi, ogni lettore accreditato avrà la possibilità di scaricare un ebook ogni 14 giorni e tale copia rimarrà occupata per i 14 giorni successivi, periodo in cui sarà soltanto prenotabile da altri utenti (a meno che la biblioteca non ne abbia acquistate più copie)

    A cosa servirebbe questo limite imposto?
    • Freedom scrive:
      Re: Aiutatemi a capire

      A cosa servirebbe questo limite imposto?A farti usare GOOGLE per cercare gli ebook.
      • ziovax scrive:
        Re: Aiutatemi a capire
        - Scritto da: Freedom

        A cosa servirebbe questo limite imposto?

        A farti usare GOOGLE per cercare gli ebook.Ma l'iniziativa dovrebbe servire proprio ad evitare che la persone cerchino gli ebook con google... quindi la scarterei.
    • Freedom scrive:
      Re: Aiutatemi a capire

      A cosa servirebbe questo limite imposto?A evitare la copia.Scegli fra questa e l'altra risposta quella che preferisci.Tutta roba inutile che porta a rifare gli stessi errori.Bisogna che gli autori guadagnino, ma la strada passa per il cambiamento del modello economico non per la riproposizione in digitale dei limiti fisici.
      • ziovax scrive:
        Re: Aiutatemi a capire
        - Scritto da: Freedom

        A cosa servirebbe questo limite imposto?

        A evitare la copia.In che modo la eviterebbe?
        Scegli fra questa e l'altra risposta quella che
        preferisci.Grazie per le risposte, ma rimango con lo stesso dubbio.
        Tutta roba inutile che porta a rifare gli stessi
        errori.Non credo che lo facciano appositamente a commettere degli errori, mi chiedo come sia possibile che lo ritengano una cosa corretta? nella loro mente, almeno, sarà una cosa corretta?
        Bisogna che gli autori guadagnino, E questi 14 giorni in che modo aiuterebbero gli autori a guadagnare?
        ma la strada
        passa per il cambiamento del modello economico
        non per la riproposizione in digitale dei limiti
        fisici.Questo pensiero l'ho avuto anche io, ma mi ha complicato ancor di più la risoluzione del dubbio.
        • Ospite scrive:
          Re: Aiutatemi a capire
          Il fatto che riducano la disponibilità (tenete conto che sono comunque editori minori) è legata al fatto che altrimenti nessuno comprerebbe più un libro (tutti lo chiederebbero alla biblioteca ed è fatta).In pratica ripristinano il principio del libro cartaceo con unico accorgimento tecnico il watermark (per cui è vero che lo scarico su e-mule ma è vero che poi mi pinzano e risalgono a me che ho avuto il prestito).E' vero che esisteranno metodi per cancellare il watermark ma non è pirateria a livello di tutti (e poi sarebbe pirateria comunque anche facendo in altri modi).Non mi è chiaro invece cosa succede dopo 14 giorni. La biblioteca può concedere un'altro prestito ma se ho capito bene io che avevo il primo non devo ritornare a restituire il libro per cui dura per sempre e magari ai parenti di cui mi fido veramente (per evitare che siano loro a mettere su e-mule) lo posso passare.
          • JosaFat scrive:
            Re: Aiutatemi a capire
            E' così.E credo che quello dei 14 giorni sia un limite più che accettabile: sarebbe esagerato aspettarsi che gli editori diano la possibilità a una biblioteca di far scaricare a un utente tutta la biblioteca in formato ebook in un sol colpo.Alla fin fine, basta andare 2 volte al mese in biblioteca per potersi leggere gratis ogni ebook che la biblioteca ha in casa. E potendoseli tenere.
          • ziovax scrive:
            Re: Aiutatemi a capire
            - Scritto da: JosaFat
            E' così.

            E credo che quello dei 14 giorni sia un limite
            più che accettabile: ma anche no... a tuttora, ancora non mi è chiaro a cosa serve.
            sarebbe esagerato aspettarsi
            che gli editori diano la possibilità a una
            biblioteca di far scaricare a un utente tutta la
            biblioteca in formato ebook in un sol
            colpo.Per questo c'è il limite di 20 ebook annuali, sti 14 giorni di attesa non sono ancora giustificati.
            Alla fin fine, basta andare 2 volte al mese in
            biblioteca per potersi leggere gratis ogni ebook
            che la biblioteca ha in casa. E potendoseli
            tenere.No: sarebbero 24 libri l'anno, oltre il limite imposto.
          • JosaFat scrive:
            Re: Aiutatemi a capire
            Guarda, capisco che esistono persone che sono abituate a scaricarsi film, canzoni e libri (se li scaricano) da riempire Terabyte di disco. Una biblioteca però non ha lo scopo di riempire gli hard disk. Ti fornisce dei libri da leggere, in questo caso non devi neanche ridarli indietro dopo che l'hai finito. In pratica, da ogni biblioteca puoi avere gratis 24 libri l'anno. In maniera legale. Senza DRM che ti danno problemi alla lettura.Di biblioteche me ne intendo abbastanza, e ti assicuro che di lettori che hanno un ritmo di turnover costante a 14 giorni se ne vedono pochissimi.
          • ziovax scrive:
            Re: Aiutatemi a capire
            - Scritto da: JosaFat
            Guarda, capisco che esistono persone che sono
            abituate a scaricarsi film, canzoni e libri (se
            li scaricano) da riempire Terabyte di disco.
            Ma cosa c'entra?
            Una biblioteca però non ha lo scopo di riempire
            gli hard disk. Ti fornisce dei libri da leggere,
            in questo caso non devi neanche ridarli indietro
            dopo che l'hai finito. In pratica, da ogni
            biblioteca puoi avere gratis 24 libri l'anno. In
            maniera legale. Senza DRM che ti danno problemi
            alla
            lettura.Certo: è una cosa ottima!
            Di biblioteche me ne intendo abbastanza,di libri di carta...
            e ti
            assicuro che di lettori che hanno un ritmo di
            turnover costante a 14 giorni se ne vedono
            pochissimi.Ok, cosa che capisco con un libro di carta: se ce l'ha uno, non può avercelo l'altro e quest'ultimo deve aspettare che venga riportato...ma con un libro digitale? che senso ha? perché dovrei attendere 14 giorni per averne una copia? Sono già limitato a 20 libri l'anno (limite accettabilissimo) cosa cambia se un libro lo prendo adesso o fra 14 giorni?Non ho capito a chi giova questo limite imposto artificialmente.
          • JosaFat scrive:
            Re: Aiutatemi a capire
            - Scritto da: ziovax
            Ma cosa c'entra?Mi pare abbastanza chiaro cosa ho detto. Una biblioteca non è MegaUpload.
            Certo: è una cosa ottima!Almeno su questo concordiamo


            Di biblioteche me ne intendo abbastanza,

            di libri di carta...Sì, circa il 99,99% delle biblioteche...


            e ti

            assicuro che di lettori che hanno un ritmo di

            turnover costante a 14 giorni se ne vedono

            pochissimi.

            Ok, cosa che capisco con un libro di carta: se ce
            l'ha uno, non può avercelo l'altro e quest'ultimo
            deve aspettare che venga
            riportato...Non hai capito.I lettori che vengono a fare il cambio del libro, restituendo quello che hanno preso (perché hanno finito di leggerlo) e prendendone uno nuovo (da leggere) non riesco a reggere un ritmo di un cambio ogni 14 giorni. Sarebbe già ottimo se il ritmo fosse uno ogni 30.
          • ziovax scrive:
            Re: Aiutatemi a capire
            - Scritto da: JosaFat
            - Scritto da: ziovax

            Ma cosa c'entra?

            Mi pare abbastanza chiaro cosa ho detto. Una
            biblioteca non è
            MegaUpload.Certo, infatti c'è il ragionevole limite di 20 download l'anno.

            Certo: è una cosa ottima!

            Almeno su questo concordiamo





            Di biblioteche me ne intendo abbastanza,



            di libri di carta...

            Sì, circa il 99,99% delle biblioteche...Ok, si sta provando a fare qualcosa con una nuova tecnologia: perché tarpare uno dei più grossi vantaggi che induce?




            e ti


            assicuro che di lettori che hanno un
            ritmo
            di


            turnover costante a 14 giorni se ne
            vedono


            pochissimi.



            Ok, cosa che capisco con un libro di carta:
            se
            ce

            l'ha uno, non può avercelo l'altro e
            quest'ultimo

            deve aspettare che venga

            riportato...

            Non hai capito.
            I lettori che vengono a fare il cambio del libro,
            restituendo quello che hanno preso (perché hanno
            finito di leggerlo) e prendendone uno nuovo (da
            leggere) non riesco a reggere un ritmo di un
            cambio ogni 14 giorni. Sarebbe già ottimo se il
            ritmo fosse uno ogni
            30.Scenario ipotetico: vado in biblioteca per prendere un libro, questo è impegnato ed il bibliotecario mi dice di ritornare dopo 14 giorni... torno in biblioteca dopo 14 giorni chiedo nuovamente il libro, ma questo è stato impegnato da un altro, devo ritornare fra 14 giorni... e così via ad libitum... prima o poi, lo troverò libero, ma è stata una scocciatura, che sarebbe eliminabile con la nuova tecnologia... perché reinserirla artificiosamente? a chi giova?Grazie per il tempo che mi stai dedicando, ma il dubbio mi rimane... addirittura rafforzato.
          • shevathas scrive:
            Re: Aiutatemi a capire

            Scenario ipotetico: vado in biblioteca per
            prendere un libro, questo è impegnato ed il
            bibliotecario mi dice di ritornare dopo 14
            giorni... torno in biblioteca dopo 14 giorni
            chiedo nuovamente il libro, ma questo è stato
            impegnato da un altro, devo ritornare fra 14
            giorni... e così via ad libitum... prima o poi,
            lo troverò libero, ma è stata una scocciatura,
            che sarebbe eliminabile con la nuova
            tecnologia... perché reinserirla
            artificiosamente? a chi
            giova?
            per i libri cartacei c'era la coda di prenotazione; prenotavi il libro e appena arrivava il tuo turno venivi chiamato dal bibliotecario per andare a prenderlo in prestito. Nulla vieta di farlo anche con gli ebook.
          • ziovax scrive:
            Re: Aiutatemi a capire
            - Scritto da: shevathas

            Scenario ipotetico: vado in biblioteca per

            prendere un libro, questo è impegnato ed il

            bibliotecario mi dice di ritornare dopo 14

            giorni... torno in biblioteca dopo 14 giorni

            chiedo nuovamente il libro, ma questo è stato

            impegnato da un altro, devo ritornare fra 14

            giorni... e così via ad libitum... prima o
            poi,

            lo troverò libero, ma è stata una
            scocciatura,

            che sarebbe eliminabile con la nuova

            tecnologia... perché reinserirla

            artificiosamente? a chi

            giova?


            per i libri cartacei c'era la coda di
            prenotazione; prenotavi il libro e appena
            arrivava il tuo turno venivi chiamato dal
            bibliotecario per andare a prenderlo in prestito.
            Nulla vieta di farlo anche con gli
            ebook.Ok, grazie per il chiarimento.Perché continuare a tenere questo limite?
          • JosaFat scrive:
            Re: Aiutatemi a capire
            - Scritto da: ziovax
            - Scritto da: JosaFat
            Certo, infatti c'è il ragionevole limite di 20
            download
            l'anno.Di questo non ho trovato traccia nell'articolo di PI.Tu dove l'hai letto?
            Ok, si sta provando a fare qualcosa con una nuova
            tecnologia: perché tarpare uno dei più grossi
            vantaggi che
            induce?Per me il vantaggio maggiore è di poter accedere anche a libri elettronici, e non solo di carta, oltre al fatto di non doverli restituire.Per avere questo, sarei ben disposto ad accettare di prendere solo un libro alla volta, anziché 2 o più. Tanto quello leggo.E' chiaro che si tratta di una misura anti-abusi.
            Scenario ipotetico: vado in biblioteca per
            prendere un libro, questo è impegnato ed il
            bibliotecario mi dice di ritornare dopo 14
            giorni... torno in biblioteca dopo 14 giorni
            chiedo nuovamente il libro, ma questo è stato
            impegnato da un altro, devo ritornare fra 14
            giorni... e così via ad libitum... prima o poi,
            lo troverò libero, ma è stata una scocciatura,
            che sarebbe eliminabile con la nuova
            tecnologia... perché reinserirla
            artificiosamente? a chi
            giova?Su questo ti ha già risposto shevatas, comunque si tratta sempre di una questione di licensing.

            Grazie per il tempo che mi stai dedicando, ma il
            dubbio mi rimane... addirittura
            rafforzato.Prego
          • ziovax scrive:
            Re: Aiutatemi a capire
            - Scritto da: JosaFat
            Tu dove l'hai letto?Qui: http://ehibook.corriere.it/2012/02/24/se-la-biblioteca-%C2%ABregala%C2%BB-il-libro/
          • JosaFat scrive:
            Re: Aiutatemi a capire
            Ma ehi, qui c'è una cosa che nessuno ha detto!!!"Gli editori riceveranno il pagamento delle copie da parte della biblioteca in base al prezzo di copertina, più una cifra intorno ai 50 centesimi (ma destinata a variare nel tempo e da dividere con Medialibrary e BookRepublic) ad ogni prestito."E chi li paga?Sinceramente questo fa perdere qualsiasi interesse per il progetto, preferisco un ebook (o un libro) che devo restituire che dover pagare per il prestito.
          • krane scrive:
            Re: Aiutatemi a capire
            - Scritto da: JosaFat
            Ma ehi, qui c'è una cosa che nessuno ha detto!!!
            "Gli editori riceveranno il pagamento delle copie
            da parte della biblioteca in base al prezzo di
            copertina, più una cifra intorno ai 50 centesimi
            (ma destinata a variare nel tempo e da dividere
            con Medialibrary e BookRepublic) ad ogni
            prestito."

            E chi li paga?

            Sinceramente questo fa perdere qualsiasi
            interesse per il progetto, preferisco un ebook (o
            un libro) che devo restituire che dover pagare
            per il prestito.Averne libri a 50 Cent !!! Io io pago dove devo firmare ???
          • JosaFat scrive:
            Re: Aiutatemi a capire
            Ti sfugge qualcosa.Quello non è il prezzo del libro, è il prezzo del prestito!!Prima paghi il prezzo totale dell'ebook, poi ci aggiungi quei 50 centesimi.
          • krane scrive:
            Re: Aiutatemi a capire
            - Scritto da: JosaFat
            Ti sfugge qualcosa.
            Quello non è il prezzo del libro, è il prezzo del
            prestito!!Io do' 50 centesimi e il libro mi resta, mi piacciono questi prestiti...
            Prima paghi il prezzo totale dell'ebook, poi ci
            aggiungi quei 50 centesimi.Si, l'ho pagato con le tasse.
          • JosaFat scrive:
            Re: Aiutatemi a capire
            Io preferisco comprare un libro per il suo prezzo di listino, non per prezzo di listino PIU' 50 centesimi, non so te.
          • panda rossa scrive:
            Re: Aiutatemi a capire
            - Scritto da: JosaFat
            Io preferisco comprare un libro per il suo prezzo
            di listino, non per prezzo di listino PIU' 50
            centesimi, non so
            te.Io preferisco sapere che quei 50 centesimi finiscano TUTTI INTERI nelle tasche dell'autore, se ancora vivente e in grado di produrre altre opere, e non ad ingrassare una pletora di inutili intermediari parassiti il cui scopo e' quello di arricchirsi ed ostacolare nel contempo la diffusione della cultura imponendo odiosi balzelli medievali.
          • JosaFat scrive:
            Re: Aiutatemi a capire
            Non è questo il merito della questione.
          • krane scrive:
            Re: Aiutatemi a capire
            - Scritto da: JosaFat
            Io preferisco comprare un libro per il suo prezzo
            di listino, non per prezzo di listino PIU' 50
            centesimi, non so te.Il prezzo di listino per un'unica copia originale va pagato collettivamente, ok, in modo che poi tutti possano copiarselo a 50C che possibilmente vadano tutti all'autore.
          • JosaFat scrive:
            Re: Aiutatemi a capire
            Tanto si sa che non vanno all'autore... gli autori hanno contratti di edizioni con le case editrici e i pagamenti li incassano loro eccetera eccetera. Insomma, stiamo ai fatti.E comunque il servizio di "copia autorizzata" che debba farlo una biblioteca mi pare sbagliato. Non è il suo lavoro. Da che mondo è mondo, le biblioteche:1) non chiedono soldi ai propri utenti;2) non debbono mantenere una documentazione a norma di legge sui prestiti che effettuano;3) non devono pagare per i prestiti che effettuano.Ergo, questo accordo non mi piace. E' chiaramente realizzabile solo da grandi biblioteche, la cui utenza potrà ottenere ebook gratis (o, molto remotamente, quasi gratis) a spese della collettività.
          • ziovax scrive:
            Re: Aiutatemi a capire
            - Scritto da: JosaFat
            Ma ehi, qui c'è una cosa che nessuno ha detto!!!

            "Gli editori riceveranno il pagamento delle copie
            da parte della biblioteca in base al prezzo di
            copertina, più una cifra intorno ai 50 centesimi
            (ma destinata a variare nel tempo e da dividere
            con Medialibrary e BookRepublic) ad ogni
            prestito."

            E chi li paga?Non è la biblioteca che paga?
            Sinceramente questo fa perdere qualsiasi
            interesse per il progetto, preferisco un ebook (o
            un libro) che devo restituire che dover pagare
            per il
            prestito.Non ci sto capendo più un cacchio!Ma mi pare che dica chiaramente:" <b
            da parte della biblioteca </b
            "
          • ziovax scrive:
            Re: Aiutatemi a capire
            - Scritto da: Ospite
            Il fatto che riducano la disponibilità (tenete
            conto che sono comunque editori minori) è legata
            al fatto che altrimenti nessuno comprerebbe più
            un libro (tutti lo chiederebbero alla biblioteca
            ed è
            fatta).Ma per questo c'è già il limite di 20 ebook l'anno.
            In pratica ripristinano il principio del libro
            cartaceo con unico accorgimento tecnico il
            watermark (per cui è vero che lo scarico su
            e-mule ma è vero che poi mi pinzano e risalgono a
            me che ho avuto il
            prestito).
            E' vero che esisteranno metodi per cancellare il
            watermark ma non è pirateria a livello di tutti
            (e poi sarebbe pirateria comunque anche facendo
            in altri
            modi).Non c'entra nulla: se lo si vuole senza watermark lo si scarica dai circuiti alternativi da subito.
            Non mi è chiaro invece cosa succede dopo 14
            giorni. La biblioteca può concedere un'altro
            prestito ma se ho capito bene io che avevo il
            primo non devo ritornare a restituire il libro
            per cui dura per sempre e magari ai parenti di
            cui mi fido veramente (per evitare che siano loro
            a mettere su e-mule) lo posso
            passare.Bhò? non è che se il libro da me richiesto avesse già altre 100 richieste mi toccherà aspettare 1400 giorni?Siamo al nonsense assoluto.
  • ... scrive:
    watermark lending?
    ma parlate italiano, diocristo!!!
  • NO copyright scrive:
    Bit vs. Atomi
    ...ogni lettore accreditato avrà la possibilità di scaricare un ebook ogni 14 giorni e tale copia rimarrà occupata per i 14 giorni successivi... Che idiozia!Trattano gli ebook come se fossero libri di carta...Il Mondo ormai radicalmente cambiato, che si rassegnino. p)
    • Trincialleg ra scrive:
      Re: Bit vs. Atomi
      Condivido.L'idea di permette il prestito in digitale è ottima; a differenza di altre porcherie DRM, il semi-DRM utilizzato non pregiudica l'usufruibilità e la leggibilità, mantenendo i riferimenti al titolare dei diritti.Ma il blocco esclusivo nell'utilizzo non lo vedo per niente di buon occhio (anche se capisco che abbia una sua logica in relazione alle copie ebook acquistate dalla biblioteca)
    • Videoteca NewVision scrive:
      Re: Bit vs. Atomi
      - Scritto da: NO copyright
      <i
      ...ogni lettore accreditato avrà la
      possibilità di scaricare un ebook ogni 14 giorni
      e tale copia rimarrà occupata per i 14 giorni
      successivi... </i


      Che idiozia!

      Trattano gli ebook come se fossero libri di
      carta...

      Il Mondo ormai radicalmente cambiato, che si
      rassegnino.

      p)Rassegnatevi voi piuttosto! Ormai stanno chiudendo tutti i siti dello scaricaggio a sbafo. Ad avere le ore contate sono quelli col download facile.
      • panda rossa scrive:
        Re: Bit vs. Atomi
        - Scritto da: Videoteca NewVision
        - Scritto da: NO copyright

        <i
        ...ogni lettore accreditato avrà
        la

        possibilità di scaricare un ebook ogni 14
        giorni

        e tale copia rimarrà occupata per i 14 giorni

        successivi... </i




        Che idiozia!



        Trattano gli ebook come se fossero libri di

        carta...



        Il Mondo ormai radicalmente cambiato, che si

        rassegnino.



        p)

        Rassegnatevi voi piuttosto! Ormai stanno
        chiudendo tutti i siti dello scaricaggio a sbafo.
        Ad avere le ore contate sono quelli col download
        facile.Azz... davvero!Allora corro subito in comune per far domanda di aprire una videoteca!
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: Bit vs. Atomi
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: Videoteca NewVision

          - Scritto da: NO copyright


          <i
          ...ogni lettore accreditato
          avrà

          la


          possibilità di scaricare un ebook ogni
          14

          giorni


          e tale copia rimarrà occupata per i 14
          giorni


          successivi... </i






          Che idiozia!





          Trattano gli ebook come se fossero
          libri
          di


          carta...





          Il Mondo ormai radicalmente cambiato,
          che
          si


          rassegnino.





          p)



          Rassegnatevi voi piuttosto! Ormai stanno

          chiudendo tutti i siti dello scaricaggio a
          sbafo.

          Ad avere le ore contate sono quelli col
          download

          facile.

          Azz... davvero!
          Allora corro subito in comune per far domanda di
          aprire una
          videoteca!Ma no e poi Maya chi lo scrive? (rotfl)Il tuo amichetto diceva di fare un film a cartoni animati stile disney in pochi giorni e tu di scrivere una mega applicazione :D Forse dovreste veramente aprire una videoteca insieme e far pagare il biglietto per vedere chi la spara più grossa (rotfl)
          • panda rossa scrive:
            Re: Bit vs. Atomi
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Ma no e poi Maya chi lo scrive? (rotfl)
            Il tuo amichetto diceva di fare un film a cartoni
            animati stile disney in pochi giorni e tu di
            scrivere una mega applicazione :D Forse dovreste
            veramente aprire una videoteca insieme e far
            pagare il biglietto per vedere chi la spara più
            grossa
            (rotfl)E' davvero divertente scoprire a quali bassezze puo' giungere l'incompetenza.Siccome l'incompetente e' totalmente incapace di fare qualunque cosa, allora tutti sono totalmente incapaci di fare qualunque cosa.E' davvero bello incontrare una persona del genere: fa sentire superiore persino un macaco.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Bit vs. Atomi
            Non hai ancora pagato la commissione, stranamore.
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: Bit vs. Atomi
        Solo per aprirne altri. E intanto gli hard disk degli utenti sono sempre piú pieni di roba ancora da vedere
        • panda rossa scrive:
          Re: Bit vs. Atomi
          - Scritto da: uno qualsiasi
          Solo per aprirne altri. E intanto gli hard disk
          degli utenti sono sempre piú pieni di roba
          ancora da
          vedereE per fortuna che possiamo comprare gli hard disk in germania, che altrimento con quel pizzo di stampo mafioso denominato equo compenso, si finirebbe con l'arricchire inutilmente i parassiti siae.
      • Joe Tornado scrive:
        Re: Bit vs. Atomi
        Senz'altro ... vedrai che fra qualche giorno li troverai tutti davanti a far la fila davanti alle porte del tuo locale .............................................................................................................................. quando ospiterà una pizzeria, ovviamente ;)
    • JosaFat scrive:
      Re: Bit vs. Atomi
      Pretendi che ti vengano a portare a casa direttamente un DVD con tutto il loro catalogo aggratis?Magari anche con una fettina di XXXX?Proprio perché le biblioteche prestano e non regalano, dovresti già apprezzare il fatto che puoi prenderti a gratis un ebook e tenertelo, ogni 14 giorni.Potevano non fornire gli ebook alle biblioteche e queste seghe mentali non dovevi neanche fartele.
      • panda rossa scrive:
        Re: Bit vs. Atomi
        - Scritto da: JosaFat
        Pretendi che ti vengano a portare a casa
        direttamente un DVD con tutto il loro catalogo
        aggratis?
        Magari anche con una fettina di XXXX?Gia' lo fanno!http://www.biblioteche.regione.lombardia.it/OPACMI23/cat/SF
        Proprio perché le biblioteche prestano e non
        regalano, dovresti già apprezzare il fatto che
        puoi prenderti a gratis un ebook e tenertelo,
        ogni 14 giorni.Perche' aggiungere una inutile complicazione?C'e' gia' il motore di ricerca in rete, aggiungono un pulsante e mi scarico l'ebook.Troppo semplice? Bisogna per forza inserire artificiose complicazioni?
        Potevano non fornire gli ebook alle biblioteche e
        queste seghe mentali non dovevi neanche
        fartele.Peccato che la legge lo preveda!E la legge prevede pure che i libri scolastici debbano essere distribuiti anche in formato elettronico.Mi sai spiegare tu, perche' questa legge che garantisce l'accessibilita' dei libri scolastici e' stata sempre regolarmente disattesa?
        • JosaFat scrive:
          Re: Bit vs. Atomi
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: JosaFat

          Pretendi che ti vengano a portare a casa

          direttamente un DVD con tutto il loro
          catalogo

          aggratis?

          Magari anche con una fettina di XXXX?

          Gia' lo fanno!
          http://www.biblioteche.regione.lombardia.it/OPACMIQuello è l'OPAC.......Non è che ci scarichi i libri.E' vero che puoi ricercare per autore, titolo eccetera, ma non per questo è la stessa cosa di PirateBay.Certo che non immaginavo di dover spiegare cose così elementari.
          Perche' aggiungere una inutile complicazione?
          C'e' gia' il motore di ricerca in rete,
          aggiungono un pulsante e mi scarico
          l'ebook.Perché una cosa la fanno i motori di ricerca devono farla tutti?Sei mica mai andato in biblioteca a cercare la strada per andare in un posto?

          Potevano non fornire gli ebook alle
          biblioteche
          e

          queste seghe mentali non dovevi neanche

          fartele.

          Peccato che la legge lo preveda!Ma quale legge.....Le norme sui libri di testo non si applicano in automatico a tutti i libri.
          Mi sai spiegare tu, perche' questa legge che
          garantisce l'accessibilita' dei libri scolastici
          e' stata sempre regolarmente
          disattesa?Zanichelli, Paravia e Loescher; credo abbiano tutti una casella email a cui puoi rivolgerti.
          • panda rossa scrive:
            Re: Bit vs. Atomi
            - Scritto da: JosaFat
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: JosaFat


            Pretendi che ti vengano a portare a casa


            direttamente un DVD con tutto il loro

            catalogo


            aggratis?


            Magari anche con una fettina di XXXX?



            Gia' lo fanno!


            http://www.biblioteche.regione.lombardia.it/OPACMI

            Quello è l'OPAC.......
            Non è che ci scarichi i libri.Per adesso.
            E' vero che puoi ricercare per autore, titolo
            eccetera, ma non per questo è la stessa cosa di
            PirateBay.Infatti.Sarebbe bello poter avere un motore di ricerca simile, e poi scaricarsi direttamente l'ebook.Cominciando magari dai testi gia' liberi da copyright.
            Certo che non immaginavo di dover spiegare cose
            così
            elementari.Che cosa avresti spiegato?

            Perche' aggiungere una inutile complicazione?

            C'e' gia' il motore di ricerca in rete,

            aggiungono un pulsante e mi scarico

            l'ebook.

            Perché una cosa la fanno i motori di ricerca
            devono farla tutti?Perche' la tecnologia lo permette.
            Sei mica mai andato in biblioteca a cercare la
            strada per andare in un posto?Si, dei sentieri di montagna su un libro che parlava di una valle dove sono andato in vacanza tempo fa.


            Potevano non fornire gli ebook alle

            biblioteche

            e


            queste seghe mentali non dovevi neanche


            fartele.



            Peccato che la legge lo preveda!

            Ma quale legge.....
            Le norme sui libri di testo non si applicano in
            automatico a tutti i libri.Neppure ai libri di testo, a quanto pare.

            Mi sai spiegare tu, perche' questa legge che

            garantisce l'accessibilita' dei libri
            scolastici

            e' stata sempre regolarmente

            disattesa?

            Zanichelli, Paravia e Loescher; credo abbiano
            tutti una casella email a cui puoi rivolgerti.Io quello che voglio e' un link per scaricare il libro di testo in formato elettronico, come prevede la legge, non una casella a cui rivolgermi.
          • JosaFat scrive:
            Re: Bit vs. Atomi
            Ti ho spiegato che c'è differenza, GROSSA differenza, tra un servizio di ricerca tra i libri presenti nel sistema bibliotecario nazionale e Megaupload.E' un po' come spiegare che c'è differenza tra la plastica e un pozzo di petrolio, ma tant'è.
          • panda rossa scrive:
            Re: Bit vs. Atomi
            - Scritto da: JosaFat
            Ti ho spiegato che c'è differenza, GROSSA
            differenza, tra un servizio di ricerca tra i
            libri presenti nel sistema bibliotecario
            nazionale e
            Megaupload.Ti ho spiegato che c'e' un GROSSO valore aggiunto che offre Megaupload rispetto al sistema bibliotecario nazionale: mi da' anche il file!
            E' un po' come spiegare che c'è differenza tra la
            plastica e un pozzo di petrolio, ma tant'è.Allora ti faccio uno schemino.Premessa: io voglio leggere un libro.A)Lo cerco nel catalogo delle biblioteche.Trovo in che biblioteca sta.Prenoto il libro.Mi reco alla biblioteca quando e' disponibile.Lo prendo e lo leggo.Lo devo anche andare a restituire.B)Lo cerco in Megaupload.Lo scarico.Lo carico nel mio ereader.Lo leggo.Spiegami perche' non e' possibile sfruttare appieno la tecnologia attuale e avere il buon motore di ricerca del caso A, e tutto il resto del caso B.
          • JosaFat scrive:
            Re: Bit vs. Atomi
            Ma chi ti dice che non devi usare MegaUpload? Usalo pure, santiddio!Ma non chiedere alle biblioteche di fare lo stesso. Sai quanto gliene frega a una biblioteca se ti perde come cliente.
          • panda rossa scrive:
            Re: Bit vs. Atomi
            - Scritto da: JosaFat
            Ma chi ti dice che non devi usare MegaUpload?
            Usalo pure,
            santiddio!Quello che mi si dice e' che non posso usare la biblioteca!E' di questo che stiamo parlando: di un artificioso limite senza senso.
            Ma non chiedere alle biblioteche di fare lo
            stesso. Sai quanto gliene frega a una biblioteca
            se ti perde come cliente.Le biblioteche non hanno clienti, hanno LETTORI.E l'indice di frequentazione delle biblioteche e' significativo per capire il livello di cultura di una nazione.Se la gente la smettesse di leggere, i librai chiuderebbero entro ieri.E la gente gia' legge poco. Se poi mettiamo altri impedimenti per scoraggiare ulteriormente la lettura...
          • JosaFat scrive:
            Re: Bit vs. Atomi
            Mamma mia che scoraggiamento alla lettura.Fino a ieri i libri li prendevi e li dovevi restituire. Adesso ti consentono di tenerne 24 all'anno. Eh già, se continuano così non leggerà più nessuno. L'unica ragione per cui si potrebbero impigrire i lettori è proprio perché non devono restituirli, dunque se la prendono comoda a leggere.
          • panda rossa scrive:
            Re: Bit vs. Atomi
            - Scritto da: JosaFat
            Mamma mia che scoraggiamento alla lettura.
            Fino a ieri i libri li prendevi e li dovevi
            restituire.Noooooo!Fino a ieri i libri ANDAVO A PRENDERLI e poi LI LEGGEVO.Riportandoli ne prendevo di nuovi.Oggi e' possibile eliminare il passaggio di ANDARE A PRENDERLI.
            Adesso ti consentono di tenerne 24
            all'anno. Eh già, se continuano così non leggerà
            più nessuno.Ma perche' questo assurdo limite?Che cos'hanno paura?Che uno scaricando tutto faccia concorrenza alle biblioteche medesime?
            L'unica ragione per cui si potrebbero impigrire i
            lettori è proprio perché non devono restituirli,
            dunque se la prendono comoda a leggere.E quindi? Vuoi costringerli a leggere di corsa?
          • JosaFat scrive:
            Re: Bit vs. Atomi
            E' una biblioteca, non MegaUpload. Ti devo fare un disegnino? Capisci che non possono andare contro le leggi vigenti solo per fare un favore a te?Capisci che molti editori, anche stranieri, non accettano nemmeno lontanamente quello che questi altri hanno conXXXXX?Vuoi scaricare tutto dal P2P a gratisse e per sempre? Fallo.
            E quindi? Vuoi costringerli a leggere di corsa?E tu?Vuoi costringerli a leggere solo una riga al giorno?Come sempre, fingi di non capire, per ignorare le critiche alle tue idee.
          • panda rossa scrive:
            Re: Bit vs. Atomi
            - Scritto da: JosaFat
            E' una biblioteca, non MegaUpload. Ti devo fare
            un disegnino? Capisci che non possono andare
            contro le leggi vigenti solo per fare un favore a
            te?Quali leggi vigenti?Le leggi vigenti impediscono forse di distribuire romanzi di due secoli fa?Forse Tolstoj ed Edgar Allan Poe sono ancora sotto coyright?
            Capisci che molti editori, anche stranieri, non
            accettano nemmeno lontanamente quello che questi
            altri hanno conXXXXX?Capisci che il giorno che tutti gli editori saranno scomparsi faremo festa per una settimana?
            Vuoi scaricare tutto dal P2P a gratisse e per
            sempre?
            Fallo.Lo faccio.

            E quindi? Vuoi costringerli a leggere di
            corsa?
            E tu?
            Vuoi costringerli a leggere solo una riga al
            giorno?La parola "costringere" non c'e' nel mio dizionario.
            Come sempre, fingi di non capire, per ignorare le
            critiche alle tue idee.Le mie idee sono estremamente semplici: oggi la tecnologia permette la libera e comoda fruizione di qualunque libro esistente.Perche' impedirlo?
          • JosaFat scrive:
            Re: Bit vs. Atomi
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: JosaFat

            E' una biblioteca, non MegaUpload. Ti devo
            fare

            un disegnino? Capisci che non possono andare

            contro le leggi vigenti solo per fare un
            favore
            a

            te?

            Quali leggi vigenti?Eccolo, solo perché scaricare l'ultimo romanzo di Ken Follett si fa in dieci secondi dal p2p, allora deve essere legale.
            Forse Tolstoj ed Edgar Allan Poe sono ancora
            sotto
            coyright?Tolstoj lo leggi in russo?
            Capisci che il giorno che tutti gli editori
            saranno scomparsi faremo festa per una
            settimana?E finalmente torneremo a raccontarci le leggende dei nostri nonni nella stalla. Ah, quel buon profumo di letame!
            Lo faccio.E allora continua e non rompere.
            La parola "costringere" non c'e' nel mio
            dizionario.Non sei riuscito a scaricarlo tutto? C'era solo la A e la B? Si spiegano molte cose.
            Perche' impedirlo?Le tecnologie attuali permettono di poter cacciare qualsiasi animale e prendersi ogni risorsa naturale che ci aggrada.Perché impedirlo?
          • panda rossa scrive:
            Re: Bit vs. Atomi
            - Scritto da: JosaFat
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: JosaFat


            E' una biblioteca, non MegaUpload. Ti
            devo

            fare


            un disegnino? Capisci che non possono
            andare


            contro le leggi vigenti solo per fare un

            favore

            a


            te?



            Quali leggi vigenti?

            Eccolo, solo perché scaricare l'ultimo romanzo di
            Ken Follett si fa in dieci secondi dal p2p,
            allora deve essere
            legale.


            Forse Tolstoj ed Edgar Allan Poe sono ancora

            sotto

            coyright?

            Tolstoj lo leggi in russo?Il traduttore e' stato pagato a suo tempo?Oppure anche i suoi figli stanno campando di rendita?

            Capisci che il giorno che tutti gli editori

            saranno scomparsi faremo festa per una

            settimana?

            E finalmente torneremo a raccontarci le leggende
            dei nostri nonni nella stalla. Ah, quel buon
            profumo di letame!Guarda che nessun editore si potra' portare nella tomba i suoi libri.Almeno non quelli di cui possiedo gia' una copia digitale.

            Lo faccio.

            E allora continua e non rompere.Non rompo.

            La parola "costringere" non c'e' nel mio

            dizionario.

            Non sei riuscito a scaricarlo tutto? C'era solo
            la A e la B? Si spiegano molte
            cose.Ah! Ah! Ah! (sarcastico)

            Perche' impedirlo?

            Le tecnologie attuali permettono di poter
            cacciare qualsiasi animale e prendersi ogni
            risorsa naturale che ci aggrada.
            Perché impedirlo?Perche' gli oggetti del tuo esempio sono in quantita' limitata.Un animale morto poi non c'e' piu'.Una risorsa consumata, idem.Un file invece non si consuma.
          • JosaFat scrive:
            Re: Bit vs. Atomi
            - Scritto da: panda rossa
            Il traduttore e' stato pagato a suo tempo?
            Oppure anche i suoi figli stanno campando di
            rendita?
            Puoi fare tutti proclami che vuoi, ma le leggi sono quelle.Non ti vanno bene? Cambiale o emigra.Smettila di piagnucolare perché un ente pubblico non viola le leggi per farti un favore.
            Guarda che nessun editore si potra' portare nella
            tomba i suoi
            libri.
            Almeno non quelli di cui possiedo gia' una copia
            digitale.Io preferisco invece che ci sia sempre la produzione di nuovi libri e di nuova cultura. E come me, miliardi di altre persone.


            Perche' impedirlo?



            Le tecnologie attuali permettono di poter

            cacciare qualsiasi animale e prendersi ogni

            risorsa naturale che ci aggrada.

            Perché impedirlo?

            Perche' gli oggetti del tuo esempio sono in
            quantita'
            limitata.
            Un animale morto poi non c'e' piu'.
            Una risorsa consumata, idem.

            Un file invece non si consuma.Anche l'acqua non si consuma.Tutti beni rinnovabili si rinnovano.Non per questo abbiamo il diritto di usare la nostra tecnologia per prenderli violando i diritti degli altri.Dunque, il tuo principio è sbagliato.
          • Teo_ scrive:
            Re: Bit vs. Atomi
            - Scritto da: panda rossa
            Infatti.
            Sarebbe bello poter avere un motore di ricerca
            simile, e poi scaricarsi direttamente
            l'ebook.
            Cominciando magari dai testi gia' liberi da
            copyright.Tipo quello del primo link nellarticolo? http://www.medialibrary.it/media/ricerca.aspx?ricidtip=310
  • Cosetto scrive:
    Un nuovo modello
    E' evidente che la tecnologia deve semplificare la vita, non renderla piu' difficile.Se questo non succede, c'è un problema nel modello scelto.Tutte le soluzioni che mi vengono in mente passano pero' per una modifica del denaro e del modo di scambiare merci e valori.ad esempio dare a tutti la possibilità di avere un "minimo esistenziale" (casa-cibo-sanità-istruzione-mobilità), poi per gli extra ed i beni di lusso dipende dal lavoro e dalla capacità delle persone.Così scrivo il libro, lo rendo disponibile gratis, poi in base a quanti lo leggono avro' dei benefici...
    • panda rossa scrive:
      Re: Un nuovo modello
      - Scritto da: Cosetto
      Così scrivo il libro, lo rendo disponibile
      gratis, poi in base a quanti lo leggono avro' dei
      benefici...Il problema non sei tu che scrivi il libro e puoi vivere di benefici.Il problema oggi sono tutti quegli intermediari parassiti che si trovano tra te che scrivi e io che leggo che si nutrono di copyright come una zanzara del sangue, e applicando il tuo sacrosanto modello, a costoro non resta che scegliere tra la zappa o il piccone, mentre oggi costoro sono abituati a passare il tempo contando i soldi che gli entrano in tasca senza fare niente.
      • tucumcari scrive:
        Re: Un nuovo modello
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: Cosetto


        Così scrivo il libro, lo rendo disponibile

        gratis, poi in base a quanti lo leggono
        avro'
        dei

        benefici...

        Il problema non sei tu che scrivi il libro e puoi
        vivere di
        benefici.

        Il problema oggi sono tutti quegli intermediari
        parassiti che si trovano tra te che scrivi e io
        che leggo che si nutrono di copyright come una
        zanzara del sangue, e applicando il tuo
        sacrosanto modello, a costoro non resta che
        scegliere tra la zappa o il piccone, mentre oggi
        costoro sono abituati a passare il tempo contando
        i soldi che gli entrano in tasca senza fare
        niente.Come niente?Lo hai appena detto contano i soldi! :DE appena hanno finito di farlo decidono quanto spendere in attività lobbystiche per potere continuare a contarli indisturbati!Ti sembra niente? :D
        • sgroggo scrive:
          Re: Un nuovo modello
          Che loro facciano resistenze per salvarsi la sedia mi sembra normale.....ma preferisco concentrarmi sulle "ricompense" che devono avere gli artisti per le loro opere digitalizzate.Se partiamo dal principio che lo opere dell'ingegno sono gratis per tutta l'umanità, deriva che bisogna pensare ai benefici per chi le fa......ma soldi non possono essere, quindi benefici materiali tipo.....crediti per fare viaggi, avere oggetti di lusso o altro.Sappiemo che il nostro pianeta a risorse limitate, "tutto per tutti" non è sostenibile, quindi o ci teniamo le diseguaglianze oppure cambiamo questo modello, dando benefici limitati a chi veramente merita.p.s. sono sempre io cosetto :)
          • tucumcari scrive:
            Re: Un nuovo modello
            - Scritto da: sgroggo
            Che loro facciano resistenze per salvarsi la
            sedia mi sembra
            normale..No non è la sedia il problema! è il grisbì cominciamo a chiamare le cose col loro nome!I ladri sono ladri (quelli che si intascano il grisbì) i pirati sono quelli che stanno in somalia e assaltano le navi... e così via! ;)
          • sgroggo scrive:
            Re: Un nuovo modello
            - Scritto da: tucumcari
            - Scritto da: sgroggo
            No non è la sedia il problema! è il grisbì
            cominciamo a chiamare le cose col loro
            nome!
            I ladri sono ladri (quelli che si intascano il
            grisbì) i pirati sono quelli che stanno in
            somalia e assaltano le navi... e così
            via!
            ;)"Sedia" inteso come simbolo di potere e soldi :)
          • Videoteca NewVision scrive:
            Re: Un nuovo modello
            - Scritto da: tucumcari
            - Scritto da: sgroggo

            Che loro facciano resistenze per salvarsi la

            sedia mi sembra

            normale..
            No non è la sedia il problema! è il grisbì
            cominciamo a chiamare le cose col loro
            nome!
            I ladri sono ladri (quelli che si intascano il
            grisbì) i pirati sono quelli che stanno in
            somalia e assaltano le navi... e così
            via!
            ;)E quelli che scaricano a sbafo.
  • Freedom scrive:
    Il prestito ha senso per i beni fisici
    Un PDF si copia senza limiti. Siccome i PDF non si possono fermare e nemmeno la pirateria, siccome l'alternativa illegale offre più di quella legale, è bene che gli editori creino un portale stile megaupload e guadagnino tutti in un modo diverso dall'attuale.
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: Il prestito ha senso per i beni fisici
      - Scritto da: Freedom
      Un PDF si copia senza limiti. Siccome i PDF non
      si possono fermare e nemmeno la pirateria,
      siccome l'alternativa illegale offre più di
      quella legale, è bene che gli editori creino un
      portale stile megaupload e guadagnino tutti in un
      modo diverso
      dall'attuale.Ragionano così anche i mafiosi, siccome l'alternativa illegale offre di più di quella legale, allora è meglio seguire quella.
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: Il prestito ha senso per i beni fisici
        No, i mafiosi sono quelli che chiedono il pizzo, cioè quelli che vogliono essere pagati per qualcosa che non richiede di essere pagata.
        • kurdt scrive:
          Re: Il prestito ha senso per i beni fisici
          - Scritto da: uno qualsiasi
          No, i mafiosi sono quelli che chiedono il pizzo,
          cioè quelli che vogliono essere pagati per
          qualcosa che non richiede di essere
          pagata.Ma cos'è questa, una rivistazione in chiave moderna di Eva contro Eva? Una guerra psicologica?Sdoppiamento di personalità?
          • panda rossa scrive:
            Re: Il prestito ha senso per i beni fisici
            - Scritto da: kurdt
            - Scritto da: uno qualsiasi

            No, i mafiosi sono quelli che chiedono il
            pizzo,

            cioè quelli che vogliono essere pagati per

            qualcosa che non richiede di essere

            pagata.

            Ma cos'è questa, una rivistazione in chiave
            moderna di Eva contro Eva?


            Una guerra psicologica?

            Sdoppiamento di personalità?No, semplicemente c'e' un utente cosi' poco astuto da non essere neppure capace di copiare un nick.
          • kurdt scrive:
            Re: Il prestito ha senso per i beni fisici
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: kurdt

            - Scritto da: uno qualsiasi


            No, i mafiosi sono quelli che chiedono
            il

            pizzo,


            cioè quelli che vogliono essere pagati
            per


            qualcosa che non richiede di essere


            pagata.



            Ma cos'è questa, una rivistazione in chiave

            moderna di Eva contro Eva?





            Una guerra psicologica?



            Sdoppiamento di personalità?

            No, semplicemente c'e' un utente cosi' poco
            astuto da non essere neppure capace di copiare un
            nick.Stavo scherzando.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il prestito ha senso per i beni fisici
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: kurdt

            - Scritto da: uno qualsiasi


            No, i mafiosi sono quelli che chiedono
            il

            pizzo,


            cioè quelli che vogliono essere pagati
            per


            qualcosa che non richiede di essere


            pagata.



            Ma cos'è questa, una rivistazione in chiave

            moderna di Eva contro Eva?





            Una guerra psicologica?



            Sdoppiamento di personalità?

            No, semplicemente c'e' un utente cosi' poco
            astuto da non essere neppure capace di copiare un
            nick.tu vuoi che la gente copi i nick come piace a te, vuoi che regalino le cose così non le paghi, vuoi che ti regalino 5000 euro per scrivere Maya. Secondo me stai messo molto male (rotfl)
      • krane scrive:
        Re: Il prestito ha senso per i beni fisici
        - Scritto da: uno qualsiasi
        - Scritto da: Freedom

        Un PDF si copia senza limiti. Siccome

        i PDF non si possono fermare e nemmeno

        la pirateria, siccome l'alternativa

        illegale offre più di quella legale, è

        bene che gli editori creino un portale

        stile megaupload e guadagnino tutti in

        un modo diverso dall'attuale.
        Ragionano così anche i mafiosi, siccome
        l'alternativa illegale offre di più di
        quella legale, allora è meglio seguire
        quella.E' esattamente quello che accade nella realta', anzi la mafia stessa e' nata per fornire quei servizi che lo stato non forniva in diversi territori quali sicurezza, finanziamenti.
        • mela avvelenata scrive:
          Re: Il prestito ha senso per i beni fisici
          - Scritto da: krane
          - Scritto da: uno qualsiasi

          - Scritto da: Freedom


          Un PDF si copia senza limiti. Siccome


          i PDF non si possono fermare e nemmeno


          la pirateria, siccome l'alternativa


          illegale offre più di quella legale, è


          bene che gli editori creino un portale


          stile megaupload e guadagnino tutti in


          un modo diverso dall'attuale.


          Ragionano così anche i mafiosi, siccome

          l'alternativa illegale offre di più di

          quella legale, allora è meglio seguire

          quella.

          E' esattamente quello che accade nella realta',
          anzi la mafia stessa e' nata per fornire quei
          servizi che lo stato non forniva in diversi
          territori quali sicurezza,
          finanziamenti.Ma sei sicuro?
          • krane scrive:
            Re: Il prestito ha senso per i beni fisici
            - Scritto da: mela avvelenata
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: uno qualsiasi


            - Scritto da: Freedom



            Un PDF si copia senza limiti.
            Siccome



            i PDF non si possono
            fermare e nemmeno



            la pirateria, siccome
            l'alternativa




            illegale offre più di quella
            legale, è




            bene che gli editori creino un
            portale




            stile megaupload e guadagnino
            tutti
            in



            un modo diverso dall'attuale.




            Ragionano così anche i mafiosi, siccome


            l'alternativa illegale offre di più di


            quella legale, allora è meglio seguire


            quella.



            E' esattamente quello che accade nella
            realta',

            anzi la mafia stessa e' nata per fornire quei

            servizi che lo stato non forniva in diversi

            territori quali sicurezza,

            finanziamenti.

            Ma sei sicuro?www.continuitas.org/texts/alinei_camorra.pdfIl fenomeno della mafia non è sorto in una data esatta o per una causa significante.Ma sicuro è, che trova le sue radici sulla terra della Sicilia. Siccome fosse vinta e dominata da tanti popoli diversi, la sfiducia dei siciliani nella giustizia dello Stato si è diminuita.Il sistema feudale nella Sicilia (specialmente nel ovest) e lo stato di grande povertà e ignoranza hanno forzato la popolazione di difendere da se la propria persone/famiglia, i propri possessi ed interessi. Così è cresciuto una violenza che è rimasta fino ad oggi.
  • prova123 scrive:
    Non ha senso ...
    avere la spada laser di Dark Fener ed appesantirla con un manico in piombo, perchè sino ad oggi ho usato la clava che pesa molto di più...Cambiare sistema significa comporta cambiare logica altrimenti non si risolve nulla, non dico sia facile ma è così per tutti i campi.
    • tucumcari scrive:
      Re: Non ha senso ...
      - Scritto da: prova123
      avere la spada laser di Dark Fener edaho!e 'nnamo!Se chiama Dart Vader anche se (non si sa perchè) nel doppiaggio è diventato Dart Fener...Ma "Dark Fener" proprio te lo sei inventato tu!Per il resto siamo daccordo...
  • Nome e cognome scrive:
    la critica sta a 0
    come da oggetto, chi critica senza proporre nulla (anche solo di minimamente credibile) potrebbe fare altro invece che scrivere su questo forum. Per me l'idea è buona, anche se è solo un primo timido passo.
    • Videoteca Krane Rossa scrive:
      Re: la critica sta a 0
      - Scritto da: Nome e cognome
      come da oggetto, chi critica senza proporre nulla
      (anche solo di minimamente credibile) potrebbe
      fare altro invece che scrivere su questo forum.
      Per me l'idea è buona, anche se è solo un primo
      timido
      passo.io propongo l'abolizione del copyright
    • krane scrive:
      Re: la critica sta a 0
      - Scritto da: Nome e cognome
      come da oggetto, chi critica senza proporre nulla
      (anche solo di minimamente credibile) potrebbe
      fare altro invece che scrivere su questo forum.
      Per me l'idea è buona, anche se è solo un primo
      timido passo.Metro 2033 e' solo un esempio tra mille di autori che guadagnano con l'indotto senza nessun bisogno di imporre un prezzo fisso obbligatorio, tutto questo grazie alla Tennologgggia....Ma e' stato gia' detto milioni di volte e' a te che non entra o hai bisogno di leggerti un po' di tread.
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: la critica sta a 0
        - Scritto da: krane
        Metro 2033 e' solo un esempioIntanto in Italia è stato pubblicato con una traduzione pessima. Chiaro esempio di quanta differenza faccia un buon editore.
        • krane scrive:
          Re: la critica sta a 0
          - Scritto da: uno qualsiasi
          - Scritto da: krane

          Metro 2033 e' solo un esempio
          Intanto in Italia è stato pubblicato con una
          traduzione pessima. Chiaro esempio di quanta
          differenza faccia un buon editore.E non e' stato pubblicato da un editore ?
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: uno qualsiasi

            - Scritto da: krane


            Metro 2033 e' solo un esempio


            Intanto in Italia è stato pubblicato con una

            traduzione pessima. Chiaro esempio di quanta

            differenza faccia un buon editore.

            E non e' stato pubblicato da un editore ?Sai leggere? Ho scritto BUON editore. Mestiere che voi confondete con quello del tipografo.
          • panda rossa scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: uno qualsiasi
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: uno qualsiasi


            - Scritto da: krane



            Metro 2033 e' solo un esempio




            Intanto in Italia è stato pubblicato
            con
            una


            traduzione pessima. Chiaro esempio di
            quanta


            differenza faccia un buon editore.



            E non e' stato pubblicato da un editore ?

            Sai leggere? Ho scritto BUON editore. Mestiere
            che voi confondete con quello del
            tipografo.No caro.Non lo confondiamo.Il tipografo e' un professionista.Gli commissioni delle stampe, lui le stampa, lo paghi e il rapporto e' finito.L'editore invece e' come una zecca su un cane rognoso: succhia il sangue per tutta la vita dell'autore e per i successivi 70 anni.
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: uno qualsiasi

            - Scritto da: krane


            - Scritto da: uno qualsiasi



            - Scritto da: krane




            Metro 2033 e' solo un esempio






            Intanto in Italia è stato
            pubblicato

            con

            una



            traduzione pessima. Chiaro esempio
            di

            quanta



            differenza faccia un buon editore.





            E non e' stato pubblicato da un editore
            ?



            Sai leggere? Ho scritto BUON editore.
            Mestiere

            che voi confondete con quello del

            tipografo.

            No caro.
            Non lo confondiamo.
            Il tipografo e' un professionista.
            Gli commissioni delle stampe, lui le stampa, lo
            paghi e il rapporto e'
            finito.

            L'editore invece e' come una zecca su un cane
            rognoso: succhia il sangue per tutta la vita
            dell'autore e per i successivi 70
            anni.quindi l'editore è una zecca e l'autore un cane rognoso. Ma solo chi legge ebook scaricati aggratisse è bravo e buono? O)
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: mcmcmcmcmc

            quindi l'editore è una zecca e l'autore un cane
            rognoso. Ma solo chi legge ebook scaricati
            aggratisse è bravo e buono?
            O)Poi dicono che i genovesi sono spilorci.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: la critica sta a 0

            quindi l'editore è una zecca e l'autore un cane
            rognoso. Ma solo chi legge ebook scaricati
            aggratisse è bravo e buono?
            O)Anche chi li condivide.
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: uno qualsiasi

            quindi l'editore è una zecca e l'autore un
            cane

            rognoso. Ma solo chi legge ebook scaricati

            aggratisse è bravo e buono?

            O)

            Anche chi li condivide.ma sei uno qualsiasi o siete due qualsiasi?
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: la critica sta a 0
            Siamo due.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: la critica sta a 0
            O forse siamo anche di più di due.
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: uno qualsiasi
            O forse siamo anche di più di due.i qualsiasi :|
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: mcmcmcmcmc
            - Scritto da: uno qualsiasi


            quindi l'editore è una zecca e l'autore
            un

            cane


            rognoso. Ma solo chi legge ebook
            scaricati


            aggratisse è bravo e buono?


            O)



            Anche chi li condivide.

            ma sei uno qualsiasi o siete due qualsiasi?Uno nessuno centomila!Vale per i qualsiasi e anche per gli mcmcmcmcmc :p
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: mcmcmcmcmc
            - Scritto da: mcmcmcmcmc

            - Scritto da: uno qualsiasi



            quindi l'editore è una zecca e
            l'autore

            un


            cane



            rognoso. Ma solo chi legge ebook

            scaricati



            aggratisse è bravo e buono?



            O)





            Anche chi li condivide.



            ma sei uno qualsiasi o siete due qualsiasi?
            Uno nessuno centomila!
            Vale per i qualsiasi e anche per gli
            mcmcmcmcmc
            :pevvai! Siamo almeno in due. Sono commosso.
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: mcmcmcmcmc
            - Scritto da: mcmcmcmcmc

            - Scritto da: mcmcmcmcmc


            - Scritto da: uno qualsiasi




            quindi l'editore è una zecca e

            l'autore


            un



            cane




            rognoso. Ma solo chi legge
            ebook


            scaricati




            aggratisse è bravo e buono?




            O)







            Anche chi li condivide.





            ma sei uno qualsiasi o siete due
            qualsiasi?

            Uno nessuno centomila!

            Vale per i qualsiasi e anche per gli

            mcmcmcmcmc

            :p

            evvai! Siamo almeno in due. Sono commosso.E perchè non tre :p
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: mcmcmcmcmc
            - Scritto da: mcmcmcmcmc

            - Scritto da: mcmcmcmcmc


            - Scritto da: mcmcmcmcmc



            - Scritto da: uno qualsiasi





            quindi l'editore è una
            zecca
            e


            l'autore



            un




            cane





            rognoso. Ma solo chi
            legge

            ebook



            scaricati





            aggratisse è bravo e
            buono?






            O)









            Anche chi li condivide.







            ma sei uno qualsiasi o siete due

            qualsiasi?


            Uno nessuno centomila!


            Vale per i qualsiasi e anche per gli


            mcmcmcmcmc


            :p



            evvai! Siamo almeno in due. Sono commosso.
            E perchè non tre
            :pcon l'almeno davanti ho coperto titti quanti :p
          • tucumcari scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: mcmcmcmcmc
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: uno qualsiasi


            - Scritto da: krane



            - Scritto da: uno qualsiasi




            - Scritto da: krane





            Metro 2033 e' solo un
            esempio








            Intanto in Italia è stato

            pubblicato


            con


            una




            traduzione pessima. Chiaro
            esempio

            di


            quanta




            differenza faccia un buon
            editore.







            E non e' stato pubblicato da un
            editore

            ?





            Sai leggere? Ho scritto BUON editore.

            Mestiere


            che voi confondete con quello del


            tipografo.



            No caro.

            Non lo confondiamo.

            Il tipografo e' un professionista.

            Gli commissioni delle stampe, lui le stampa,
            lo

            paghi e il rapporto e'

            finito.



            L'editore invece e' come una zecca su un cane

            rognoso: succhia il sangue per tutta la vita

            dell'autore e per i successivi 70

            anni.

            quindi l'editore è una zecca e l'autore un cane
            rognoso. Ma solo chi legge ebook scaricati
            aggratisse è bravo e buono?
            O)Che l'autore sia o non sia cane dipende da cosa ha scritto che l'editore invece sia una zecca è proprio un fatto indiscutibile.Non c'è nulla di suo che non sia il costo della copia (zero) e la intermediazione commerciale (aka zecca succhiasangue).E il problema sta esclusivamente su quel punto!C'è anche la prova del 9!Infatti se togli la zecca il contenuto resta identico!Il costo è solo quella della copia che tu dici essere "aggratisse" (cosa non vera al 100%) ma è ovviamente abbastanza piccolo da essere trascurabile!Ma in questo caso va benissimo...Se l'editore vuole farmi pagare il servizio di copia (che è un servizio appunto) mi sta bene purchè sia scritto nero su bianco che quello è ciò che pago e che tale costo sia competitivo con quello che devo affrontare io per farlo da solo perchè altrimenti... come qualunque servizio non competitivo in questo mondo brutto e cattivo (è il mercato bellezza!) fallisce! :DCome qualunque altra azienda!È semplice eh!Dove sta il problema? @^
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: tucumcari
            - Scritto da: mcmcmcmcmc

            - Scritto da: panda rossa


            - Scritto da: uno qualsiasi



            - Scritto da: krane




            - Scritto da: uno qualsiasi





            - Scritto da: krane






            Metro 2033 e' solo
            un

            esempio










            Intanto in Italia è stato


            pubblicato



            con



            una





            traduzione pessima.
            Chiaro

            esempio


            di



            quanta





            differenza faccia un buon

            editore.









            E non e' stato pubblicato da
            un

            editore


            ?







            Sai leggere? Ho scritto BUON
            editore.


            Mestiere



            che voi confondete con quello del



            tipografo.





            No caro.


            Non lo confondiamo.


            Il tipografo e' un professionista.


            Gli commissioni delle stampe, lui le
            stampa,

            lo


            paghi e il rapporto e'


            finito.





            L'editore invece e' come una zecca su
            un
            cane


            rognoso: succhia il sangue per tutta la
            vita


            dell'autore e per i successivi 70


            anni.



            quindi l'editore è una zecca e l'autore un
            cane

            rognoso. Ma solo chi legge ebook scaricati

            aggratisse è bravo e buono?

            O)
            Che l'autore sia o non sia cane dipende da cosa
            ha scritto che l'editore invece sia una zecca è
            proprio un fatto
            indiscutibile.
            Non c'è nulla di suo che non sia il costo della
            copia (zero) e la intermediazione commerciale
            (aka zecca
            succhiasangue).
            E il problema sta esclusivamente su quel punto!
            C'è anche la prova del 9!
            Infatti se togli la zecca il contenuto resta
            identico!
            Il costo è solo quella della copia che tu dici
            essere "aggratisse" (cosa non vera al 100%) ma è
            ovviamente abbastanza piccolo da essere
            trascurabile!
            Ma in questo caso va benissimo...
            Se l'editore vuole farmi pagare il servizio di
            copia (che è un servizio appunto) mi sta bene
            purchè sia scritto nero su bianco che quello è
            ciò che pago e che tale costo sia competitivo con
            quello che devo affrontare io per farlo da solo
            perchè altrimenti... come qualunque servizio non
            competitivo in questo mondo brutto e cattivo (è
            il mercato bellezza!)
            fallisce!
            :D
            Come qualunque altra azienda!
            È semplice eh!
            Dove sta il problema?
            @^non è certo mia intenzioni difendere gli editori. Ma ora ti faccio due domande. Quanti autori di sucXXXXX conosci, che non siamo passati da editori "bravi"? (Se pochi vuole dire che l'editore il suo lavoro lo fa). Azzerando il lavoro degli editori, il lavoro dell'autore come lo retribuisci, se del libro paghi solo il costo materiale?
          • tucumcari scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: mcmcmcmcmc
            - Scritto da: tucumcari

            - Scritto da: mcmcmcmcmc


            - Scritto da: panda rossa



            - Scritto da: uno qualsiasi




            - Scritto da: krane





            - Scritto da: uno
            qualsiasi






            - Scritto da: krane







            Metro 2033 e'
            solo

            un


            esempio












            Intanto in Italia è
            stato



            pubblicato




            con




            una






            traduzione pessima.

            Chiaro


            esempio



            di




            quanta






            differenza faccia
            un
            buon


            editore.











            E non e' stato
            pubblicato
            da

            un


            editore



            ?









            Sai leggere? Ho scritto BUON

            editore.



            Mestiere




            che voi confondete con quello
            del




            tipografo.







            No caro.



            Non lo confondiamo.



            Il tipografo e' un professionista.



            Gli commissioni delle stampe, lui
            le

            stampa,


            lo



            paghi e il rapporto e'



            finito.







            L'editore invece e' come una zecca
            su

            un

            cane



            rognoso: succhia il sangue per
            tutta
            la

            vita



            dell'autore e per i successivi 70



            anni.





            quindi l'editore è una zecca e l'autore
            un

            cane


            rognoso. Ma solo chi legge ebook
            scaricati


            aggratisse è bravo e buono?


            O)

            Che l'autore sia o non sia cane dipende da
            cosa

            ha scritto che l'editore invece sia una
            zecca
            è

            proprio un fatto

            indiscutibile.

            Non c'è nulla di suo che non sia il costo
            della

            copia (zero) e la intermediazione commerciale

            (aka zecca

            succhiasangue).

            E il problema sta esclusivamente su quel
            punto!

            C'è anche la prova del 9!

            Infatti se togli la zecca il contenuto resta

            identico!

            Il costo è solo quella della copia che tu
            dici

            essere "aggratisse" (cosa non vera al 100%)
            ma
            è

            ovviamente abbastanza piccolo da essere

            trascurabile!

            Ma in questo caso va benissimo...

            Se l'editore vuole farmi pagare il servizio
            di

            copia (che è un servizio appunto) mi sta bene

            purchè sia scritto nero su bianco che quello
            è

            ciò che pago e che tale costo sia
            competitivo
            con

            quello che devo affrontare io per farlo da
            solo

            perchè altrimenti... come qualunque servizio
            non

            competitivo in questo mondo brutto e cattivo


            il mercato bellezza!)

            fallisce!

            :D

            Come qualunque altra azienda!

            È semplice eh!

            Dove sta il problema?

            @^

            non è certo mia intenzioni difendere gli editori.
            Ma ora ti faccio due domande. Quanti autori di
            sucXXXXX conosci, che non siamo passati da
            editori "bravi"? Dante Petrarca Boccaccio Cavalcanti Virgilio William Sakespeare... posso andare avanti per mesi!(Se pochi vuole dire che
            l'editore il suo lavoro lo fa). Bene definiamo in cosa consiste e quello che costa e decidiamo se il prezzo è giusto (scriviamolo nero su bianco in controcopertina così sappiamo cosa paghiamo) se è giusto (aka competivo) verrà pagato altrimenti no!
            Azzerando il
            lavoro degli editori, il lavoro dell'autore come
            lo retribuisci, se del libro paghi solo il costo
            materiale?Pagando l'autore per il SUO lavoro?E anche qui si scrive cosa costa e <b
            cosa </b
            si compra!Naturalmente!Che ne dici?Perchè dovrei pagare a prescindere da quante volte tali costi sono stati ammortizzati una cifra x?Lo sai che se compri OGGI un MC68000 lo paghi una cifra in centesimi e quando invece è uscito lo pagavi oltre 500$?La sai che questa differenza (3 ordini di grandezza ovvero 1/1000) dipende appunto dal fatto che si sono ammortizzati i costi una tantum?C'è qualcosa di complicato in questo discorso ?Cosa è che rende complicata la cosa se non la pretesa dell'editore di guadagnare all'infinito la stessa cifra a prescindere dalle quantità (e quindi dai costi ammortizzati?)Lo sai che nessuna (ripeto nessuna) industria o attività economica può permettersi di ragionare in questo modo perchè altrimenti chiude?
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: tucumcari
            - Scritto da: mcmcmcmcmc

            - Scritto da: tucumcari


            - Scritto da: mcmcmcmcmc



            - Scritto da: panda rossa




            - Scritto da: uno qualsiasi





            - Scritto da: krane






            - Scritto da: uno

            qualsiasi







            - Scritto da:
            krane








            Metro
            2033
            e'

            solo


            un



            esempio














            Intanto in
            Italia
            è

            stato




            pubblicato





            con





            una







            traduzione
            pessima.


            Chiaro



            esempio




            di





            quanta







            differenza
            faccia

            un

            buon



            editore.













            E non e' stato

            pubblicato

            da


            un



            editore




            ?











            Sai leggere? Ho scritto
            BUON


            editore.




            Mestiere





            che voi confondete con
            quello

            del





            tipografo.









            No caro.




            Non lo confondiamo.




            Il tipografo e' un
            professionista.




            Gli commissioni delle stampe,
            lui

            le


            stampa,



            lo




            paghi e il rapporto e'




            finito.









            L'editore invece e' come una
            zecca

            su


            un


            cane




            rognoso: succhia il sangue per

            tutta

            la


            vita




            dell'autore e per i
            successivi
            70




            anni.







            quindi l'editore è una zecca e
            l'autore

            un


            cane



            rognoso. Ma solo chi legge ebook

            scaricati



            aggratisse è bravo e buono?



            O)


            Che l'autore sia o non sia cane dipende
            da

            cosa


            ha scritto che l'editore invece sia una

            zecca

            è


            proprio un fatto


            indiscutibile.


            Non c'è nulla di suo che non sia il
            costo

            della


            copia (zero) e la intermediazione
            commerciale


            (aka zecca


            succhiasangue).


            E il problema sta esclusivamente su quel

            punto!


            C'è anche la prova del 9!


            Infatti se togli la zecca il contenuto
            resta


            identico!


            Il costo è solo quella della copia che
            tu

            dici


            essere "aggratisse" (cosa non vera al
            100%)

            ma

            è


            ovviamente abbastanza piccolo da essere


            trascurabile!


            Ma in questo caso va benissimo...


            Se l'editore vuole farmi pagare il
            servizio

            di


            copia (che è un servizio appunto) mi
            sta
            bene


            purchè sia scritto nero su bianco che
            quello

            è


            ciò che pago e che tale costo sia

            competitivo

            con


            quello che devo affrontare io per farlo
            da

            solo


            perchè altrimenti... come qualunque
            servizio

            non


            competitivo in questo mondo brutto e
            cattivo




            il mercato bellezza!)


            fallisce!


            :D


            Come qualunque altra azienda!


            È semplice eh!


            Dove sta il problema?


            @^



            non è certo mia intenzioni difendere gli
            editori.

            Ma ora ti faccio due domande. Quanti autori
            di

            sucXXXXX conosci, che non siamo passati da

            editori "bravi"?
            Dante Petrarca Boccaccio Cavalcanti Virgilio
            William Sakespeare... posso andare avanti per
            mesi!e le opere di questi, forse che non si trovano anche gratis?E, non essendo io conoscitore, la Divina Commedia, per esempio come era diffusa all'epoca di Dante? Come ci guadagnava il Dante? Solo per fare un esempio.

            (Se pochi vuole dire che

            l'editore il suo lavoro lo fa).

            Bene definiamo in cosa consiste e quello che
            costa e decidiamo se il prezzo è giusto
            (scriviamolo nero su bianco in controcopertina
            così sappiamo cosa paghiamo) se è giusto (aka
            competivo) verrà pagato altrimenti
            no!


            Azzerando il

            lavoro degli editori, il lavoro dell'autore
            come

            lo retribuisci, se del libro paghi solo il
            costo

            materiale?
            Pagando l'autore per il SUO lavoro?
            E anche qui si scrive cosa costa e <b

            cosa </b
            si
            compra!
            Naturalmente!

            Che ne dici?
            Perchè dovrei pagare a prescindere da quante
            volte tali costi sono stati ammortizzati una
            cifra
            x?
            Lo sai che se compri OGGI un MC68000 lo paghi una
            cifra in centesimi e quando invece è uscito lo
            pagavi oltre
            500$?
            La sai che questa differenza (3 ordini di
            grandezza ovvero 1/1000) dipende appunto dal
            fatto che si sono ammortizzati i costi una
            tantum?
            C'è qualcosa di complicato in questo discorso ?
            Cosa è che rende complicata la cosa se non la
            pretesa dell'editore di guadagnare all'infinito
            la stessa cifra a prescindere dalle quantità (e
            quindi dai costi
            ammortizzati?)
            Lo sai che nessuna (ripeto nessuna) industria o
            attività economica può permettersi di ragionare
            in questo modo perchè altrimenti
            chiude?d'altraparte e purtroppo, non conosco casi in cui è chi paga che decide il prezzo.
          • shevathas scrive:
            Re: la critica sta a 0

            E, non essendo io conoscitore, la Divina
            Commedia, per esempio come era diffusa all'epoca
            di Dante? Come ci guadagnava il Dante? Solo per
            fare un
            esempio.
            <i
            Tu proverai siccome sa di sale Lo pane altrui, e com'è duro calle Lo scendere e'l salir per l'altrui scale </i
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: shevathas

            E, non essendo io conoscitore, la Divina

            Commedia, per esempio come era diffusa
            all'epoca

            di Dante? Come ci guadagnava il Dante? Solo
            per

            fare un

            esempio.


            <i
            Tu proverai siccome sa di sale Lo pane
            altrui, e com'è duro calle Lo scendere e'l salir
            per l'altrui scale </i

            come primo lavoro faceva il fornaio? Come Fabio Volo?:'(
          • tucumcari scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: mcmcmcmcmc
            - Scritto da: shevathas


            E, non essendo io conoscitore, la Divina


            Commedia, per esempio come era diffusa

            all'epoca


            di Dante? Come ci guadagnava il Dante?
            Solo

            per


            fare un


            esempio.




            <i
            Tu proverai siccome sa di sale Lo
            pane

            altrui, e com'è duro calle Lo scendere e'l
            salir

            per l'altrui scale </i




            come primo lavoro faceva il fornaio? Come Fabio
            Volo?:'(Purtroppo per te non faceva "lo scrittore" e proprio per quel motivo non ha avuto mai problemi economici fino a che non ha rotto le balle ai suoi clienti fiorentini... i quali lo hanno spedito altrove a imparare "siccome sa di sale...."Nessuno lo ha mai pagato per scrivere la divina commedia!Tantomeno un editore!E dubito che se ci fossero stati gli editori (all'epoca) avrebbe scritto "siccome sa di zucchero" (invece che di sale!)
          • tucumcari scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: shevathas

            E, non essendo io conoscitore, la Divina

            Commedia, per esempio come era diffusa
            all'epoca

            di Dante? Come ci guadagnava il Dante? Solo
            per

            fare un

            esempio.


            <i
            Tu proverai siccome sa di sale Lo pane
            altrui, e com'è duro calle Lo scendere e'l salir
            per l'altrui scale </i

            Il punto è che nessuno lo ha mai pagato per scrivere la divina commedia!E questo non avrebbe comunque alleggerito il "sale" (faceva altro mestiere non lo scrittore) dato che il "sale" non è riferito a un fatto <b
            economico </b
            ma contiene un doppio senso uno "nostalgico" (il pane a firenze era "sciocco") e l'altro riferito al fatto di dover servire padroni "stranieri".E questo vale per tutti quelli citati!Nessuno di loro faceva "lo scrittore"!
          • shevathas scrive:
            Re: la critica sta a 0

            E questo vale per tutti quelli citati!
            Nessuno di loro faceva "lo scrittore"!che però dovevan fare gli interessi, o almeno non dispiacere i loro mecenati. Si vedano le traversie del Tasso.
          • tucumcari scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: shevathas

            E questo vale per tutti quelli citati!

            Nessuno di loro faceva "lo scrittore"!

            che però dovevan fare gli interessi, o almeno non
            dispiacere i loro mecenati. Si vedano le
            traversie del
            Tasso.Perchè fammi capire adesso gli scrittori (e i giornalisti) passano il loro tempo a sXXXXXttarsi con gli interessi degli editori?O sono proprio gli editori che li tengono per le 00 con contratti da fame e esclusive millenarie? :D :DGuarda un pochino .... va ... controlla ...che lo pane altrui sa di sale ancora adesso anzi ancora di più! :DPerchè vedi una differenza effettivamente c'è ... non essendo scrittori di professione (vivevano di altro) potevano scrivere quello che gli pareva!Comprese le lamentele sul SALE!
          • shevathas scrive:
            Re: la critica sta a 0

            O sono proprio gli editori che li tengono per le
            00 con contratti da fame e esclusive
            millenarie?
            :D :Ddipende dallo scrittore. Dubito che un saviano o un martin non abbiano alcun potere contrattuale. Poverini, chiusi in una stanza buia a pane e acqua per scrivere, e scrivere, e scrivere.
          • tucumcari scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: shevathas

            O sono proprio gli editori che li tengono
            per
            le

            00 con contratti da fame e esclusive

            millenarie?

            :D :D

            dipende dallo scrittore. Dubito che un saviano o
            un martin non abbiano alcun potere contrattuale.
            Poverini, chiusi in una stanza buia a pane e
            acqua per scrivere, e scrivere, e
            scrivere.Saviano il potere contrattuale se lo è (notoriamente) guadagnato non grazie all'editore ma grazie a tutto il resto che LUI non certo l'editore ha fatto con sostegni pesanti e molto sostanziosi di amici conoscenti (non editori) e pubblico che ha offerto spontaneamente il proprio sostegno!Se aspettava l'editore a quest'ora stava qualche metro sotto terra!Ma giusto per approfondire ...Mi faresti un elenchino di editori a pane e acqua (come dici tu) che stanno a lavorare 24 ore su 24 per il ricco autore?No... così sai... giusto per ipotizzare qualee delle 2 cose è più comune!Che ne dici? :DPerchè sai invece... a fare l'elenco (è molto lungo) degli autori a "pane e acqua" (e anche meno) ci vuole una vita (è molto lungo anche se pieno di nomi noti) e difficilmente si riesce a farlo completo! ;)Sarà un caso?
          • shevathas scrive:
            Re: la critica sta a 0

            Perchè sai invece... a fare l'elenco (è molto
            lungo) degli autori a "pane e acqua" (e anche
            meno) ci vuole una vita (è molto lungo anche se
            pieno di nomi noti) e difficilmente si riesce a
            farlo
            completo!
            ;)
            Sarà un caso?editori che erano a pane e acqua ? La Einaudi, poi acquistata da Mondadori. La Rizzoli, acquistata negli anni '80 a causa del forte indebitamento.
          • panda rossa scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: shevathas

            Perchè sai invece... a fare l'elenco (è molto

            lungo) degli autori a "pane e acqua" (e anche

            meno) ci vuole una vita (è molto lungo anche
            se

            pieno di nomi noti) e difficilmente si
            riesce
            a

            farlo

            completo!

            ;)

            Sarà un caso?

            editori che erano a pane e acqua ?
            La Einaudi, poi acquistata da Mondadori. La
            Rizzoli, acquistata negli anni '80 a causa del
            forte
            indebitamento.Si, certo... e sono cosi' fallite che tengono per le palle sia il governo che l'opposizione.Pensa se fossero state floride, invece.
          • JosaFat scrive:
            Re: la critica sta a 0
            A parte i casi citati da Shevatas, in cui grossi marchi editoriali sono stati acquisiti da enormi gruppi che possono permettersi qualsiasi passivo nella gestione editoriale (che je frega a Berlusconi se Mondadori è in perdita di qualche milione l'anno? l'importante è che possedere la maggior casa editrice italiana), posso citarti casi in cui l'autore ha una situazione economica molto più solida dell'editore, cioè Amelie Nothomb e Voland. Grande autrice lei, una dei maggiori in Europa, loro una piccola casa che si vedrebbe ridimensionata se la perdesse come autrice.
          • shevathas scrive:
            Re: la critica sta a 0

            E anche qui si scrive cosa costa e <b

            cosa </b
            si
            compra!
            Naturalmente!

            Che ne dici?sarebbe desiderabile, così qualcuno comincerebbe a rendersi conto del lavoro che c'è dietro la preparazione di un libro.
            Perchè dovrei pagare a prescindere da quante
            volte tali costi sono stati ammortizzati una
            cifra
            x?capita spessissimo. I prezzi dipendono dal mercato e dalla concorrenza, e anche dall'età del prodotto.
            Lo sai che se compri OGGI un MC68000 lo paghi una
            cifra in centesimi e quando invece è uscito lo
            pagavi oltre
            500$?capita anche per i proXXXXXri intel. I modelli che costano di più son quelli più recenti, e allora ?
            La sai che questa differenza (3 ordini di
            grandezza ovvero 1/1000) dipende appunto dal
            fatto che si sono ammortizzati i costi una
            tantum?e dal fatto che sono usciti proXXXXXri più performanti. Se quel proXXXXXre fosse ancora lo stato dell'arte, ovvero nessuna concorrenza, costerebbe ancora una botta. Lo si vede nel mercato delle schede "dedicate", prova a chiedere i preventivi per cambiare una centralina della macchina.
            C'è qualcosa di complicato in questo discorso ?
            Cosa è che rende complicata la cosa se non la
            pretesa dell'editore di guadagnare all'infinito
            la stessa cifra a prescindere dalle quantità (e
            quindi dai costi
            ammortizzati?)l'editore guadagna se la gente compra, e la gente compra se il libro piace.
            Lo sai che nessuna (ripeto nessuna) industria o
            attività economica può permettersi di ragionare
            in questo modo perchè altrimenti
            chiude?neanche gli editori ragionano in quel modo. Se c'è mercato il libro viene stampato e distribuito. Se non c'è n'è finisce nel dimenticatoio.
          • tucumcari scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: shevathas

            E anche qui si scrive cosa costa e <b


            cosa </b
            si

            compra!

            Naturalmente!



            Che ne dici?

            sarebbe desiderabile, così qualcuno comincerebbe
            a rendersi conto del lavoro che c'è dietro la
            preparazione di un
            libro.Basta esporlo chiaro e venderlo come tale (non come diritto di autore che nulla c'entra) ...Si dice (appunto) come fa qualunque azienda..Io ti vendo questi servizi a questi prezzi!è facile!


            Perchè dovrei pagare a prescindere da quante

            volte tali costi sono stati ammortizzati una

            cifra

            x?

            capita spessissimo. I prezzi dipendono dal
            mercato e dalla concorrenza, e anche dall'età del
            prodotto.Non capita mai!I prezzi dipendono da quanto è l'utile marginale che sei in grado di ottenere perchè altrimenti trovi qualcuno che lo fa a prezzo inferiore!Si chiama appunto CONCORRERNZA!e nel caso dell'editoria è proprio quella che manca percè ad essa si è sustituito il concetto opposto ovvero l'esclusiva!


            Lo sai che se compri OGGI un MC68000 lo
            paghi
            una

            cifra in centesimi e quando invece è uscito
            lo

            pagavi oltre

            500$?

            capita anche per i proXXXXXri intel. I modelli
            che costano di più son quelli più recenti, e
            allora
            ?Allora?Indovina perchè cosano poco quelli vecchi?Forse perchè si sono ammortizzati i costi?


            La sai che questa differenza (3 ordini di

            grandezza ovvero 1/1000) dipende appunto dal

            fatto che si sono ammortizzati i costi una

            tantum?

            e dal fatto che sono usciti proXXXXXri più
            performanti. Se quel proXXXXXre fosse ancora lo
            stato dell'arte, ovvero nessuna concorrenza,
            costerebbe ancora una botta. Lo si vede nel
            mercato delle schede "dedicate", prova a chiedere
            i preventivi per cambiare una centralina della
            macchina.Non i proXXXXXri più performanti non c'entrano un tubo è proprio riduzione brutale dei costi (sono ammortizzati) e concorrenza (non esclusività del prodotto)Vedo che è un argomento con cui non hai dimestichezza!Sai cosa costa il primo impianto di produzione di un chip?E sai quanta parte di quel costo finisce nel prezzo di vendita?Sai invece (una volta che quel costo lo hai pagato) costa produrre 100 copie (piuttosto che un milione) di un proXXXXXre?Praticamente la stessa cifra (quasi zero!).


            C'è qualcosa di complicato in questo
            discorso
            ?

            Cosa è che rende complicata la cosa se non la

            pretesa dell'editore di guadagnare
            all'infinito

            la stessa cifra a prescindere dalle quantità
            (e

            quindi dai costi

            ammortizzati?)

            l'editore guadagna se la gente compra, e la gente
            compra se il libro
            piace.La gente compra per motivi che sono tutti altri da quelli che ha in testa l'editore!Si chiama appunto mercato!


            Lo sai che nessuna (ripeto nessuna)
            industria
            o

            attività economica può permettersi di
            ragionare

            in questo modo perchè altrimenti

            chiude?

            neanche gli editori ragionano in quel modo. Se
            c'è mercato il libro viene stampato e
            distribuito. Se non c'è n'è finisce nel
            dimenticatoio.Sbagliato!Finisce nel dimenticatoio perché nessuno può stamparlo a un prezzo più competitivo di quello che ha deciso l'editore che ne VUOLE AVERE L'ESCLUSIVA!Neutralizzando così comodamente l'effetto della <b
            concorrenza </b
            che invece vale per qualunque prodotto NORMALE!
          • shevathas scrive:
            Re: la critica sta a 0

            Non c'è nulla di suo che non sia il costo della
            copia (zero) e la intermediazione commerciale
            (aka zecca
            succhiasangue).tutti sono esperti dei lavori che non conoscono.
            Ma in questo caso va benissimo...
            Se l'editore vuole farmi pagare il servizio di
            copia (che è un servizio appunto) mi sta bene
            purchè sia scritto nero su bianco che quello è
            ciò che pago e che tale costo sia competitivo con
            quello che devo affrontare io per farlo da solo
            perchè altrimenti... come qualunque servizio non
            competitivo in questo mondo brutto e cattivo (è
            il mercato bellezza!)
            fallisce!il fatto è che all'editore non paghi solo il servizio di copia, paghi anche un bel po' di altra roba. Se gli editori si occupassero solo di distribuzione tanto vale pubblicare con DHL o con Bartolini. In realtà per fare un libro, come per registrare un buon brano musicale, c'è bisogno anche di ulteriori lavori di editing e di revisione.
          • tucumcari scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: shevathas

            Non c'è nulla di suo che non sia il costo
            della

            copia (zero) e la intermediazione commerciale

            (aka zecca

            succhiasangue).

            tutti sono esperti dei lavori che non conoscono.


            Ma in questo caso va benissimo...

            Se l'editore vuole farmi pagare il servizio
            di

            copia (che è un servizio appunto) mi sta bene

            purchè sia scritto nero su bianco che quello
            è

            ciò che pago e che tale costo sia
            competitivo
            con

            quello che devo affrontare io per farlo da
            solo

            perchè altrimenti... come qualunque servizio
            non

            competitivo in questo mondo brutto e cattivo


            il mercato bellezza!)

            fallisce!

            il fatto è che all'editore non paghi solo il
            servizio di copia, paghi anche un bel po' di
            altra roba. Se gli editori si occupassero solo di
            distribuzione tanto vale pubblicare con DHL o con
            Bartolini.Un bel po di altra roba?Sai ... il problema è che io per fare uscire i soldini dal portafogli ho bisogno di sapere che "roba è" perchè vedi ... io ci posso anche provare a fare entrare i soldini nel mio portafogli dicendo ai miei clienti che comprano un "bel po di altra roba"...Ma poi quando li vedo ridere (e quindi non mi danno i soldini) ho difficoltà (ripeto direttamente proporzionale) a convincere i miei soldini a uscire dal portafogli per comprare appunto un <b
            bel po di altra roba </b
            ....C'è in piccolo principio di reciprocità che sembra sfuggirti!Si chiama principio del levantino nel deserto!In sintesi...Vuoi denaro?Ok ... dammi il cammello!Vuoi il cammello?Ok dammi il denaro! :DGuarda che è facile eh!P.S.Per trasportare e book non serve DHL!Pensaci!

            In realtà per fare un libro, come per registrare
            un buon brano musicale, c'è bisogno anche di
            ulteriori lavori di editing e di
            revisione.Bravo... è un servizio che l'editore paga una tantum o onche spessum...Basta che dica il costo!Sarò io a decidere se e quanto è competitivo o no?O il mercato vale solo quando fa comodo?Cosa ha a che vedere questo col ricarico all'infinito (a prescindere da quante sono le copie e quindi i valori di ammortamento)?Cosa ha a che vedere questo con la "proprietà intelletuale?"Nulla!Come dice il padrino ... "si tratta di affari figghio mio solo di affari!"E come tutti sanno chi fa affari si assume (LUI) il rischio di impresa!Niente lo esime dall'essere competitivo!È per questo che i cari editori o perdono il vizio di fare finta di vendere lanterne che sono in realtà delle semplici lucciole oppure tra pochi lustri saranno spariti!!Non c'è legge a "protezione" che possa durare all'infinito!A fare la guerra al portafogli dei propri clienti si va verso un esito scontato!SI PERDE!
          • shevathas scrive:
            Re: la critica sta a 0

            Un bel po di altra roba?
            Sai ... il problema è che io per fare uscire i
            soldini dal portafogli ho bisogno di sapere che
            "roba è" perchè vedi ... io ci posso anche
            provare a fare entrare i soldini nel mio
            portafogli dicendo ai miei clienti che comprano
            un "bel po di altra
            roba"...dunque il file grezzo dell'autore viene impaginato, viene fatta una revisione editoriale e correzione delle bozze, talvolta c'è lo studio della grafica della copertina, eventualmente ci sono le spese di traduzione, c'è la promozione dell'opera e le pubbliche relazioni per l'autore.
            Ma poi quando li vedo ridere (e quindi non mi
            danno i soldini) ho difficoltà (ripeto
            direttamente proporzionale) a convincere i miei
            soldini a uscire dal portafogli per comprare
            appunto un <b
            bel po di altra roba
            </b

            ....prendi una divina commedia stampata e prendi il file grezzo, senza alcuna formattazione da liber liber. Confrontali e scoprirai cos'è l'altra roba.
            P.S.
            Per trasportare e book non serve DHL!
            Pensaci!
            ma serve telecom (o qualche altro provider).
            Bravo... è un servizio che l'editore paga una
            tantum o onche
            spessum...
            Basta che dica il costo!

            Sarò io a decidere se e quanto è competitivo o no?
            O il mercato vale solo quando fa comodo?
            e come fai a decidere se è competitivo. Il testo (con revisione etc. etc.) lo paghi monoblocco non puoi pagare selettivamente per le singole voci.
            E come tutti sanno chi fa affari si assume (LUI)
            il rischio di
            impresa!esistono anche autori che hanno fatto buchi nell'acqua.
            È per questo che i cari editori o perdono il
            vizio di fare finta di vendere lanterne che sono
            in realtà delle semplici lucciole oppure tra
            pochi lustri saranno
            spariti!!si trasformeranno. Magari in agenzie che offriranno i servizi di cui sopra agli autori.
            Non c'è legge a "protezione" che possa durare
            all'infinito!
            A fare la guerra al portafogli dei propri clienti
            si va verso un esito
            scontato!
            SI PERDE!c'è una legge economica che dice: se il guadagno previsto dalla vendita di un bene è minore del costo di produzione allora non conviene produrre.
          • tucumcari scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: shevathas

            c'è una legge economica che dice: se il guadagno
            previsto dalla vendita di un bene è minore del
            costo di produzione allora non conviene
            produrre.Vero ma è una legge che prevede la CONCORRENZA!non l'esclusiva!Non è l'ultima novità eh!Qualcuno lo diceva già nel 1776!http://it.wikipedia.org/wiki/La_ricchezza_delle_nazioni
          • panda rossa scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: shevathas

            dunque il file grezzo dell'autore viene
            impaginato, viene fatta una revisione editoriale
            e correzione delle bozze, 20 euro/ora.facciamo 30 proprio perche' sei tu.16 ore di lavoro, 2gg e siamo a 480 euro.
            talvolta c'è lo studio
            della grafica della copertina, Si, vabbe'...
            eventualmente ci
            sono le spese di traduzione, 15 euro/h
            c'è la promozione dell'opera Costo fisso.
            e le pubbliche relazioni per
            l'autore.Che significa?
            prendi una divina commedia stampata e prendi il
            file grezzo, senza alcuna formattazione da liber
            liber. Confrontali e scoprirai cos'è l'altra
            roba.Sono capace di farla pure io quest'altra roba.Come ci sono gli appassionati che mettono i sub, ci saranno pure quelli che fanno quest'altra roba gratis, partendo da un file grezzo.

            P.S.

            Per trasportare e book non serve DHL!

            Pensaci!



            ma serve telecom (o qualche altro provider).Compresa nel costo forfettario dell'adsl che gia' ho.

            Bravo... è un servizio che l'editore paga una

            tantum o onche

            spessum...

            Basta che dica il costo!



            Sarò io a decidere se e quanto è competitivo
            o
            no?

            O il mercato vale solo quando fa comodo?


            e come fai a decidere se è competitivo. Il testo
            (con revisione etc. etc.) lo paghi monoblocco non
            puoi pagare selettivamente per le singole
            voci.


            E come tutti sanno chi fa affari si assume
            (LUI)

            il rischio di

            impresa!

            esistono anche autori che hanno fatto buchi
            nell'acqua.Ed editori che hanno fatto buchi nell'acqua?

            È per questo che i cari editori o
            perdono
            il

            vizio di fare finta di vendere lanterne che
            sono

            in realtà delle semplici lucciole oppure tra

            pochi lustri saranno

            spariti!!

            si trasformeranno. Magari in agenzie che
            offriranno i servizi di cui sopra agli autori.Cosi' va meglio.Agenzie che l'autore paga e la cosa finisce li'.

            Non c'è legge a "protezione" che possa durare

            all'infinito!

            A fare la guerra al portafogli dei propri
            clienti

            si va verso un esito

            scontato!

            SI PERDE!

            c'è una legge economica che dice: se il guadagno
            previsto dalla vendita di un bene è minore del
            costo di produzione allora non conviene
            produrre.Questa legge va rivista pesantemente, visto che c'e' un sacco di roba gratis in giro che la confuta.
          • shevathas scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: shevathas




            dunque il file grezzo dell'autore viene

            impaginato, viene fatta una revisione
            editoriale

            e correzione delle bozze,

            20 euro/ora.
            facciamo 30 proprio perche' sei tu.
            16 ore di lavoro, 2gg e siamo a 480 euro.
            fonte ?

            talvolta c'è lo studio

            della grafica della copertina,

            Si, vabbe'...


            eventualmente ci

            sono le spese di traduzione,

            15 euro/h
            con il rischio di http://attivissimo.blogspot.com/2012/02/il-miur-confonde-pecorino-e-pecorina.html
            Sono capace di farla pure io quest'altra roba.
            Come ci sono gli appassionati che mettono i sub,
            ci saranno pure quelli che fanno quest'altra roba
            gratis, partendo da un file
            grezzo.
            benissimo, fallo o scaricati il file grezzo e impaginatelo come piace a te. La divina commedia è un opera libera.


            P.S.


            Per trasportare e book non serve DHL!


            Pensaci!






            ma serve telecom (o qualche altro provider).

            Compresa nel costo forfettario dell'adsl che gia'
            ho.
            cioè i server che contengono siti commerciali li attacchi ad una adsl domestica ?

            Questa legge va rivista pesantemente, visto che
            c'e' un sacco di roba gratis in giro che la
            confuta.se è gratis ovviamente non è commerciale o non è oggetto diretto di commercio.
          • tucumcari scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: shevathas
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: shevathas







            dunque il file grezzo dell'autore viene


            impaginato, viene fatta una revisione

            editoriale


            e correzione delle bozze,



            20 euro/ora.

            facciamo 30 proprio perche' sei tu.

            16 ore di lavoro, 2gg e siamo a 480 euro.


            fonte ?



            talvolta c'è lo studio


            della grafica della copertina,



            Si, vabbe'...




            eventualmente ci


            sono le spese di traduzione,



            15 euro/h


            con il rischio di
            http://attivissimo.blogspot.com/2012/02/il-miur-co


            Sono capace di farla pure io quest'altra
            roba.

            Come ci sono gli appassionati che mettono i
            sub,

            ci saranno pure quelli che fanno quest'altra
            roba

            gratis, partendo da un file

            grezzo.



            benissimo, fallo o scaricati il file grezzo e
            impaginatelo come piace a te. La divina commedia
            è un opera
            libera.




            P.S.



            Per trasportare e book non serve
            DHL!



            Pensaci!









            ma serve telecom (o qualche altro
            provider).



            Compresa nel costo forfettario dell'adsl che
            gia'

            ho.


            cioè i server che contengono siti commerciali li
            attacchi ad una adsl domestica
            ?Se vendi poco si!Regge benissimo il caricoSe vendi tanto è un "happy problem" non trovi?E costa semre infinitamente meno dei camion e delle percentuali sull'incasso che devi dare per distribuire fisicamente!A casa mia se prima spendevo 300 euro di benzina per andare al lavoro e ora lo faccio da casa via ADSL non ho un costo di 29 euro ho minori costi per un totale di 271 euro!Sempre soldi sono... (come cioccolata e la m.. sempre marroni sono) Però tra i soldi il segno + e quello - fanno la differenza e invece per la cioccolata e la m... la differenza è?(rotfl)(rotfl)
          • kurdt scrive:
            Re: la critica sta a 0


            il fatto è che all'editore non paghi solo il
            servizio di copia, paghi anche un bel po' di
            altra roba. Se gli editori si occupassero solo di
            distribuzione tanto vale pubblicare con DHL o con
            Bartolini.

            In realtà per fare un libro, come per registrare
            un buon brano musicale, c'è bisogno anche di
            ulteriori lavori di editing e di
            revisione.Sono d'accordo che questo è quello che l'editore "dovrebbe" fare. In realtà però l'editing è quasi assente, la traduzione è penosa, e per finire non si rispetta nemmeno il formato e la dimensione scelti dall'autore. In alcuni casi sono stati addirittura SPEZZATI dei libri.
          • shevathas scrive:
            Re: la critica sta a 0


            In realtà però l'editing è quasi assente, la
            traduzione è penosa, e per finire non si rispetta
            nemmeno il formato e la dimensione scelti
            dall'autore.
            senza fare nomi; le cronache del ghiaccio e del fuoco di george martin :(Purtroppo gli editori hanno il vizio di fare troppe cavolate con i testi che pubblicano, su questo ti do ragione al 101%. La mondadori sfortunatamente considera il fantasy come prodotto a basso costo, e ci lavora molto meno del minimo sindacale :(
          • kurdt scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: shevathas



            In realtà però l'editing è quasi assente, la

            traduzione è penosa, e per finire non si
            rispetta

            nemmeno il formato e la dimensione scelti

            dall'autore.



            senza fare nomi; le cronache del ghiaccio e del
            fuoco di george martin
            :(

            Purtroppo gli editori hanno il vizio di fare
            troppe cavolate con i testi che pubblicano, su
            questo ti do ragione al 101%. La mondadori
            sfortunatamente considera il fantasy come
            prodotto a basso costo, e ci lavora molto meno
            del minimo sindacale
            :(Esatto. Non volevo fare nomi, ma tanto ormai la XXXXXta che hanno combinato è nota a tutti. Se gli editori facessero gli editori sarebbe sicuramente un mondo migliore.
      • mcmcmcmcmc scrive:
        Re: la critica sta a 0
        - Scritto da: krane
        - Scritto da: Nome e cognome

        come da oggetto, chi critica senza proporre
        nulla

        (anche solo di minimamente credibile)
        potrebbe

        fare altro invece che scrivere su questo
        forum.

        Per me l'idea è buona, anche se è solo un
        primo

        timido passo.

        Metro 2033 e' solo un esempio tra mille di autori
        che guadagnano con l'indotto senza nessun bisogno
        di imporre un prezzo fisso obbligatorio, tutto
        questo grazie alla
        Tennologgggia....ma il guadagno con l'indotto non deve essere necessariamante l'unica possibilità. Ma non voglio tornare su copyright, ebook a pagamento e tutto quel che ci gira intorno, che si dice sempre le stesse cose. Dico solo che la nuova tennologggia (ebook) non può essere solo volano per guadagnare con la vecchia tennologggia (carta, conferenze, ...).Non conosco tanti casi come quelli che citi tu. Se mi rispondi passandomi qualche buon esempio (per te, non per me che i miei gusti non li sai) non mi dispiacerebbe.
    • tor scrive:
      Re: la critica sta a 0
      è un passo di 1 mm su un astrada lunga milioni di kilometri...contenti voi.ma scusa non è piu' semplice dire: "la tessera della biblioteca costa x euro al mese e va quello che vuoi?" ...così è ridicolo. Se il libro è occupato e mi serve? secondo te aspetto 14 giorni o lo scarico pirata? ...
      • mcmcmcmcmc scrive:
        Re: la critica sta a 0
        - Scritto da: tor
        è un passo di 1 mm su un astrada lunga milioni di
        kilometri...contenti
        voi.

        ma scusa non è piu' semplice dire: "la tessera
        della biblioteca costa x euro al mese e va quello
        che vuoi?" ...così è ridicolo. Se il libro è
        occupato e mi serve? secondo te aspetto 14 giorni
        o lo scarico pirata?
        ...e comprarlo no?
        • tucumcari scrive:
          Re: la critica sta a 0
          - Scritto da: mcmcmcmcmc
          - Scritto da: tor

          è un passo di 1 mm su un astrada lunga
          milioni
          di

          kilometri...contenti

          voi.



          ma scusa non è piu' semplice dire: "la
          tessera

          della biblioteca costa x euro al mese e va
          quello

          che vuoi?" ...così è ridicolo. Se il libro è

          occupato e mi serve? secondo te aspetto 14
          giorni

          o lo scarico pirata?

          ...

          e comprarlo no?Parola magica!Comprare cosa?è proprio questo che vorrei capire <b
          cosa </b
          compro?Con quali garanzie?E oltre a capirlo lo vorrei scritto NERO SU BIANCO in maniera possibilmente chiara perchè altrimenti NON (ripeto NON) compro!I soldini escono dal mio portafogli con una certa riluttanza che è direttamente proporzionale a quella che mi è toccato vincere per farceli entrare!Vogliono essere convinti che è <b
          conveniente e vantaggioso </b
          uscire!È chiaro così?
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: tucumcari
            - Scritto da: mcmcmcmcmc

            - Scritto da: tor


            è un passo di 1 mm su un astrada lunga

            milioni

            di


            kilometri...contenti


            voi.





            ma scusa non è piu' semplice dire: "la

            tessera


            della biblioteca costa x euro al mese e
            va

            quello


            che vuoi?" ...così è ridicolo. Se il
            libro
            è


            occupato e mi serve? secondo te aspetto
            14

            giorni


            o lo scarico pirata?


            ...



            e comprarlo no?
            Parola magica!
            Comprare cosa?
            è proprio questo che vorrei capire <b

            cosa </b

            compro?
            Con quali garanzie?
            E oltre a capirlo lo vorrei scritto NERO SU
            BIANCO in maniera possibilmente chiara perchè
            altrimenti NON (ripeto NON)
            compro!
            I soldini escono dal mio portafogli con una certa
            riluttanza che è direttamente proporzionale a
            quella che mi è toccato vincere per farceli
            entrare!
            Vogliono essere convinti che è <b

            conveniente e vantaggioso </b

            uscire!
            È chiaro così?chiaro. Come dovrebbe essere chiaro che nessuno è obbligato a comperare. Non lo ritieni vantaggioso? Non comperare. Non comperare non vuole dire scaricare a gratis. C'è tanta roba fruibile a costo zero, anche di qualità. Valorizziamo questa, invece di scaricare a gratis XXXXXte di giochini, libri o canzoncine. Sono stato abbastanza chiaro pure io? Senza nemmeno alzare la voce.
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: mcmcmcmcmc
            - Scritto da: tucumcari

            - Scritto da: mcmcmcmcmc


            - Scritto da: tor



            è un passo di 1 mm su un astrada
            lunga


            milioni


            di



            kilometri...contenti



            voi.







            ma scusa non è piu' semplice dire:
            "la


            tessera



            della biblioteca costa x euro al
            mese
            e

            va


            quello



            che vuoi?" ...così è ridicolo. Se
            il

            libro

            è



            occupato e mi serve? secondo te
            aspetto

            14


            giorni



            o lo scarico pirata?



            ...





            e comprarlo no?

            Parola magica!

            Comprare cosa?

            è proprio questo che vorrei capire <b


            cosa </b


            compro?

            Con quali garanzie?

            E oltre a capirlo lo vorrei scritto NERO SU

            BIANCO in maniera possibilmente chiara perchè

            altrimenti NON (ripeto NON)

            compro!

            I soldini escono dal mio portafogli con una
            certa

            riluttanza che è direttamente proporzionale a

            quella che mi è toccato vincere per farceli

            entrare!

            Vogliono essere convinti che è <b


            conveniente e vantaggioso </b


            uscire!

            È chiaro così?

            chiaro. Come dovrebbe essere chiaro che nessuno è
            obbligato a comperare. Non lo ritieni
            vantaggioso? Non comperare. Non comperare non
            vuole dire scaricare a gratis. C'è tanta roba
            fruibile a costo zero, anche di qualità.Non comperare vuole dire solo non comperare non c'è alcuna altra implicazione!Mi spiace!
            Valorizziamo questa, invece di scaricare a gratis
            XXXXXte di giochini, libri o canzoncine. Sono
            stato abbastanza chiaro pure io? Senza nemmeno
            alzare la
            voce. E che mi frega a me dei giochini e delle canzoncine?La questione è molto diversa si parla di chi <b
            ruba sul lavoro altrui </b
            (editore) obbligando l'autore a partecipare ad un rischio di impresa che invece è solo dell'editore e che si trattiene la stragrande maggioranza degli importi con l'autore che muore "allegramente" (si fa per dire) di fame!Vogliamo parlare di Alda Merini tanto per fare un esempio?Che ha dovuto chiedere i sussidi di stato per campare mentre i suoi libri erano invece ottimamente posizionati in termini di copie vendute?
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: mcmcmcmcmc
            - Scritto da: mcmcmcmcmc

            - Scritto da: tucumcari


            - Scritto da: mcmcmcmcmc



            - Scritto da: tor




            è un passo di 1 mm su un
            astrada

            lunga



            milioni



            di




            kilometri...contenti




            voi.









            ma scusa non è piu' semplice
            dire:

            "la



            tessera




            della biblioteca costa x euro
            al

            mese

            e


            va



            quello




            che vuoi?" ...così è
            ridicolo.
            Se

            il


            libro


            è




            occupato e mi serve? secondo
            te

            aspetto


            14



            giorni




            o lo scarico pirata?




            ...







            e comprarlo no?


            Parola magica!


            Comprare cosa?


            è proprio questo che vorrei capire
            <b



            cosa </b



            compro?


            Con quali garanzie?


            E oltre a capirlo lo vorrei scritto
            NERO
            SU


            BIANCO in maniera possibilmente chiara
            perchè


            altrimenti NON (ripeto NON)


            compro!


            I soldini escono dal mio portafogli con
            una

            certa


            riluttanza che è direttamente
            proporzionale
            a


            quella che mi è toccato vincere per
            farceli


            entrare!


            Vogliono essere convinti che è
            <b



            conveniente e vantaggioso </b



            uscire!


            È chiaro così?



            chiaro. Come dovrebbe essere chiaro che
            nessuno
            è

            obbligato a comperare. Non lo ritieni

            vantaggioso? Non comperare. Non comperare non

            vuole dire scaricare a gratis. C'è tanta roba

            fruibile a costo zero, anche di qualità.

            Non comperare vuole dire solo non comperare non
            c'è alcuna altra
            implicazione!
            Mi spiace!


            Valorizziamo questa, invece di scaricare a
            gratis

            XXXXXte di giochini, libri o canzoncine. Sono

            stato abbastanza chiaro pure io? Senza
            nemmeno

            alzare la

            voce.
            E che mi frega a me dei giochini e delle
            canzoncine?
            La questione è molto diversa si parla di chi
            <b
            ruba sul lavoro altrui </b

            (editore) obbligando l'autore a partecipare ad un
            rischio di impresa che invece è solo dell'editore
            e che si trattiene la stragrande maggioranza
            degli importi con l'autore che muore
            "allegramente" (si fa per dire) di
            fame!
            Vogliamo parlare di Alda Merini tanto per fare un
            esempio?
            Che ha dovuto chiedere i sussidi di stato per
            campare mentre i suoi libri erano invece
            ottimamente posizionati in termini di copie
            vendute?ci sono autori che campano benissimo solo di quello che scrivono, e non pochi. E hanno tutti un editore. Autori che sono editori di sè stessi non ne conosco.
          • tucumcari scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: mcmcmcmcmc
            - Scritto da: mcmcmcmcmc

            - Scritto da: mcmcmcmcmc


            - Scritto da: tucumcari



            - Scritto da: mcmcmcmcmc




            - Scritto da: tor





            è un passo di 1 mm su un

            astrada


            lunga




            milioni




            di





            kilometri...contenti





            voi.











            ma scusa non è piu'
            semplice

            dire:


            "la




            tessera





            della biblioteca costa x
            euro

            al


            mese


            e



            va




            quello





            che vuoi?" ...così è

            ridicolo.

            Se


            il



            libro



            è





            occupato e mi serve?
            secondo

            te


            aspetto



            14




            giorni





            o lo scarico pirata?





            ...









            e comprarlo no?



            Parola magica!



            Comprare cosa?



            è proprio questo che vorrei capire

            <b




            cosa </b




            compro?



            Con quali garanzie?



            E oltre a capirlo lo vorrei scritto

            NERO

            SU



            BIANCO in maniera possibilmente
            chiara

            perchè



            altrimenti NON (ripeto NON)



            compro!



            I soldini escono dal mio
            portafogli
            con

            una


            certa



            riluttanza che è direttamente

            proporzionale

            a



            quella che mi è toccato vincere per

            farceli



            entrare!



            Vogliono essere convinti che è

            <b




            conveniente e vantaggioso
            </b





            uscire!



            È chiaro così?





            chiaro. Come dovrebbe essere chiaro che

            nessuno

            è


            obbligato a comperare. Non lo ritieni


            vantaggioso? Non comperare. Non
            comperare
            non


            vuole dire scaricare a gratis. C'è
            tanta
            roba


            fruibile a costo zero, anche di qualità.



            Non comperare vuole dire solo non comperare
            non

            c'è alcuna altra

            implicazione!

            Mi spiace!




            Valorizziamo questa, invece di
            scaricare
            a

            gratis


            XXXXXte di giochini, libri o
            canzoncine.
            Sono


            stato abbastanza chiaro pure io? Senza

            nemmeno


            alzare la


            voce.

            E che mi frega a me dei giochini e delle

            canzoncine?

            La questione è molto diversa si parla di chi

            <b
            ruba sul lavoro altrui </b


            (editore) obbligando l'autore a partecipare
            ad
            un

            rischio di impresa che invece è solo
            dell'editore

            e che si trattiene la stragrande maggioranza

            degli importi con l'autore che muore

            "allegramente" (si fa per dire) di

            fame!

            Vogliamo parlare di Alda Merini tanto per
            fare
            un

            esempio?

            Che ha dovuto chiedere i sussidi di stato per

            campare mentre i suoi libri erano invece

            ottimamente posizionati in termini di copie

            vendute?

            ci sono autori che campano benissimo solo di
            quello che scrivono, e non pochi. Invece sono proprio pochi!In Italia non c'è praticamente nessuno che ci riesca a campare di sola scrittura fanno tutti altri mestieri!è meglio che ti informi ;)
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: tucumcari
            - Scritto da: mcmcmcmcmc

            - Scritto da: mcmcmcmcmc


            - Scritto da: mcmcmcmcmc



            - Scritto da: tucumcari




            - Scritto da: mcmcmcmcmc





            - Scritto da: tor






            è un passo di 1 mm
            su
            un


            astrada



            lunga





            milioni





            di






            kilometri...contenti






            voi.













            ma scusa non è piu'

            semplice


            dire:



            "la





            tessera






            della biblioteca
            costa
            x

            euro


            al



            mese



            e




            va





            quello






            che vuoi?" ...così è


            ridicolo.


            Se



            il




            libro




            è






            occupato e mi serve?

            secondo


            te



            aspetto




            14





            giorni






            o lo scarico pirata?






            ...











            e comprarlo no?




            Parola magica!




            Comprare cosa?




            è proprio questo che vorrei
            capire



            <b





            cosa </b





            compro?




            Con quali garanzie?




            E oltre a capirlo lo vorrei
            scritto


            NERO


            SU




            BIANCO in maniera
            possibilmente

            chiara


            perchè




            altrimenti NON (ripeto NON)




            compro!




            I soldini escono dal mio

            portafogli

            con


            una



            certa




            riluttanza che è direttamente


            proporzionale


            a




            quella che mi è toccato
            vincere
            per


            farceli




            entrare!




            Vogliono essere convinti che
            è



            <b





            conveniente e vantaggioso

            </b







            uscire!




            È chiaro così?







            chiaro. Come dovrebbe essere
            chiaro
            che


            nessuno


            è



            obbligato a comperare. Non lo
            ritieni



            vantaggioso? Non comperare. Non

            comperare

            non



            vuole dire scaricare a gratis. C'è

            tanta

            roba



            fruibile a costo zero, anche di
            qualità.





            Non comperare vuole dire solo non
            comperare

            non


            c'è alcuna altra


            implicazione!


            Mi spiace!






            Valorizziamo questa, invece di

            scaricare

            a


            gratis



            XXXXXte di giochini, libri o

            canzoncine.

            Sono



            stato abbastanza chiaro pure io?
            Senza


            nemmeno



            alzare la



            voce.


            E che mi frega a me dei giochini e delle


            canzoncine?


            La questione è molto diversa si parla
            di chi



            <b
            ruba sul lavoro altrui
            </b




            (editore) obbligando l'autore a
            partecipare

            ad

            un


            rischio di impresa che invece è solo

            dell'editore


            e che si trattiene la stragrande
            maggioranza


            degli importi con l'autore che muore


            "allegramente" (si fa per dire) di


            fame!


            Vogliamo parlare di Alda Merini tanto
            per

            fare

            un


            esempio?


            Che ha dovuto chiedere i sussidi di
            stato
            per


            campare mentre i suoi libri erano invece


            ottimamente posizionati in termini di
            copie


            vendute?



            ci sono autori che campano benissimo solo di

            quello che scrivono, e non pochi.
            Invece sono proprio pochi!
            In Italia non c'è praticamente nessuno che ci
            riesca a campare di sola scrittura fanno tutti
            altri
            mestieri!
            è meglio che ti informi

            ;)sì, va bene. Ora vado a finire di leggere un ebook diuno di quelli che ce la fa.
          • tucumcari scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: mcmcmcmcmc

            sì, va bene. Ora vado a finire di leggere un
            ebook diuno di quelli che ce la
            fa.Beh ma allora dicci chi è non ti sarà difficile no?hai visto quanto poco ci ho messo io a farti il nome della Merini?Fallo anche tu il nome di un italiano/a!Se quello che dici è vero non hai che l'imbarazzo della scelta no? :D
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: tucumcari
            - Scritto da: mcmcmcmcmc




            sì, va bene. Ora vado a finire di leggere un

            ebook diuno di quelli che ce la

            fa.
            Beh ma allora dicci chi è non ti sarà difficile
            no?
            hai visto quanto poco ci ho messo io a farti il
            nome della
            Merini?
            Fallo anche tu il nome di un italiano/a!
            Se quello che dici è vero non hai che l'imbarazzo
            della scelta
            no?
            :DNel caso in particolare Ammaniti.
          • kurdt scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: tucumcari
            - Scritto da: mcmcmcmcmc




            sì, va bene. Ora vado a finire di leggere un

            ebook diuno di quelli che ce la

            fa.
            Beh ma allora dicci chi è non ti sarà difficile
            no?
            hai visto quanto poco ci ho messo io a farti il
            nome della
            Merini?
            Fallo anche tu il nome di un italiano/a!
            Se quello che dici è vero non hai che l'imbarazzo
            della scelta
            no?
            :DVabbè, non è impossibile, basta pensare a Fabio Volo, Moccia, o parecchi altri. Senza dare giudizi di valore, parliamo di vendite.
          • panda rossa scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: kurdt
            - Scritto da: tucumcari

            - Scritto da: mcmcmcmcmc







            sì, va bene. Ora vado a finire di
            leggere
            un


            ebook diuno di quelli che ce la


            fa.

            Beh ma allora dicci chi è non ti sarà
            difficile

            no?

            hai visto quanto poco ci ho messo io a farti
            il

            nome della

            Merini?

            Fallo anche tu il nome di un italiano/a!

            Se quello che dici è vero non hai che
            l'imbarazzo

            della scelta

            no?

            :D

            Vabbè, non è impossibile, basta pensare a Fabio
            Volo, Moccia, o parecchi altri.


            Senza dare giudizi di valore, parliamo di vendite.No, no, e' proprio questione di giudizi di valore.Se dismettessimo questo anacronistico mercato, immediatamente scomparirebbero Moccia, Volo, e perfino le barzellette di Totti.E sarebbero proprio gli Scrittori (con la S maiuscola) ad ottenere un vantaggio immediato.
          • kurdt scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: kurdt

            - Scritto da: tucumcari


            - Scritto da: mcmcmcmcmc










            sì, va bene. Ora vado a finire di

            leggere

            un



            ebook diuno di quelli che ce la



            fa.


            Beh ma allora dicci chi è non ti sarà

            difficile


            no?


            hai visto quanto poco ci ho messo io a
            farti

            il


            nome della


            Merini?


            Fallo anche tu il nome di un italiano/a!


            Se quello che dici è vero non hai che

            l'imbarazzo


            della scelta


            no?


            :D



            Vabbè, non è impossibile, basta pensare a
            Fabio

            Volo, Moccia, o parecchi altri.





            Senza dare giudizi di valore, parliamo di
            vendite.

            No, no, e' proprio questione di giudizi di valore.
            Se dismettessimo questo anacronistico mercato,
            immediatamente scomparirebbero Moccia, Volo, e
            perfino le barzellette di
            Totti.Ma chi saresti tu (o io stesso) per poter decidere che Moccia non è degno di mantenersi con i suoi libri? La gente lo compra, punto.
            E sarebbero proprio gli Scrittori (con la S
            maiuscola) ad ottenere un vantaggio
            immediato.
          • panda rossa scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: kurdt
            Ma chi saresti tu (o io stesso) per poter
            decidere che Moccia non è degno di mantenersi con
            i suoi libri? La gente lo compra,
            punto.La gente apre pure un account su fessbuk, e allora?Mi pare che il concetto della <i
            Vox populi </i
            sia tramontato da tempo.L'opinione del gregge non conta.Moccia e' e resta un idiota, e si rivolge ad un pubblico di idioti.La cultura e' una cosa diversa.
          • kurdt scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: kurdt


            Ma chi saresti tu (o io stesso) per poter

            decidere che Moccia non è degno di
            mantenersi
            con

            i suoi libri? La gente lo compra,

            punto.

            La gente apre pure un account su fessbuk, e
            allora?
            Mi pare che il concetto della <i
            Vox
            populi </i
            sia tramontato da
            tempo.
            L'opinione del gregge non conta.
            Moccia e' e resta un idiota, e si rivolge ad un
            pubblico di
            idioti.
            La cultura e' una cosa diversa.Senti, se uno vende allora significa che merita i soldi che ha guadagnato, nessuno dovrebbe poter decidere quello che devono leggere gli altri, altrimenti costruiamo un ministero apposito e ciao.
          • john doe scrive:
            Re: la critica sta a 0
            Comunque Moccia non campa di libri, ma fa l'autore televisivo di moltissime trasmissioni (tra cui il festival di sanremo, ad esempio)
          • panda rossa scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: mcmcmcmcmc

            chiaro. Come dovrebbe essere chiaro che nessuno è
            obbligato a comperare. Non lo ritieni
            vantaggioso? Non comperare. Non comperare non
            vuole dire scaricare a gratis. Non hai pero' spiegato che cosa vuol dire "comprare".
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: mcmcmcmcmc




            chiaro. Come dovrebbe essere chiaro che
            nessuno
            è

            obbligato a comperare. Non lo ritieni

            vantaggioso? Non comperare. Non comperare non

            vuole dire scaricare a gratis.

            Non hai pero' spiegato che cosa vuol dire
            "comprare".e che ne so io? L'ha scritto l'altro mcmcmcmcmc. Se vuoi te lo vado a cercare su un dizionario.
          • tucumcari scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: mcmcmcmcmc
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: mcmcmcmcmc







            chiaro. Come dovrebbe essere chiaro che

            nessuno

            è


            obbligato a comperare. Non lo ritieni


            vantaggioso? Non comperare. Non
            comperare
            non


            vuole dire scaricare a gratis.



            Non hai pero' spiegato che cosa vuol dire

            "comprare".

            e che ne so io? L'ha scritto l'altro mcmcmcmcmc.
            Se vuoi te lo vado a cercare su un
            dizionario.Se non lo sai vuole dire che non c'è quindi nessun contratto da rispettare e quindi i soldi vengono dati a fronte di che?Che cosa si compra?
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: tucumcari
            - Scritto da: mcmcmcmcmc

            - Scritto da: panda rossa


            - Scritto da: mcmcmcmcmc










            chiaro. Come dovrebbe essere
            chiaro
            che


            nessuno


            è



            obbligato a comperare. Non lo
            ritieni



            vantaggioso? Non comperare. Non

            comperare

            non



            vuole dire scaricare a gratis.





            Non hai pero' spiegato che cosa vuol
            dire


            "comprare".



            e che ne so io? L'ha scritto l'altro
            mcmcmcmcmc.

            Se vuoi te lo vado a cercare su un

            dizionario.
            Se non lo sai vuole dire che non c'è quindi
            nessun contratto da rispettare e quindi i soldi
            vengono dati a fronte di
            che?
            Che cosa si compra?riepilogando:cosa vuol dire comprare?non lo sose non lo sai vuol dire che non c'è contrattobravo.
          • tucumcari scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: mcmcmcmcmc
            - Scritto da: tucumcari

            - Scritto da: mcmcmcmcmc


            - Scritto da: panda rossa



            - Scritto da: mcmcmcmcmc













            chiaro. Come dovrebbe essere

            chiaro

            che



            nessuno



            è




            obbligato a comperare. Non lo

            ritieni




            vantaggioso? Non comperare.
            Non


            comperare


            non




            vuole dire scaricare a
            gratis.








            Non hai pero' spiegato che cosa
            vuol

            dire



            "comprare".





            e che ne so io? L'ha scritto l'altro

            mcmcmcmcmc.


            Se vuoi te lo vado a cercare su un


            dizionario.

            Se non lo sai vuole dire che non c'è quindi

            nessun contratto da rispettare e quindi i
            soldi

            vengono dati a fronte di

            che?

            Che cosa si compra?

            riepilogando:

            cosa vuol dire comprare?
            non lo so
            se non lo sai vuol dire che non c'è contratto

            bravo.Ergo non ho motivo di comprare!Nessuno compra nulla se non sa cosa compra! :DNon lo sapevi? :p
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: la critica sta a 0

          e comprarlo no?Quali vantaggi darebbe quello comprato, rispetto a quello gratuito?Perchè sai, ci deve essere una differenza che giustifichi la differenza di prezzo.
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: uno qualsiasi

            e comprarlo no?

            Quali vantaggi darebbe quello comprato, rispetto
            a quello
            gratuito?
            Perchè sai, ci deve essere una differenza che
            giustifichi la differenza di
            prezzo.non è così. Se mi parli di non senso o poco senso del copyright mi va bene. Ma se mi parli di vantaggi del comperato rispetto a quello scaricato gratuitamente ci mettiamo sullo stesso piano di un libro di carta comperato o rubato, e io non credo che si possa svilire tutto il discorso in questi termini.
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: mcmcmcmcmc
            - Scritto da: uno qualsiasi


            e comprarlo no?



            Quali vantaggi darebbe quello comprato,
            rispetto

            a quello

            gratuito?

            Perchè sai, ci deve essere una differenza che

            giustifichi la differenza di

            prezzo.

            non è così. Se mi parli di non senso o poco senso
            del copyright mi va bene. Ma se mi parli di
            vantaggi del comperato rispetto a quello
            scaricato gratuitamente ci mettiamo sullo stesso
            piano di un libro di carta comperato o rubato, e
            io non credo che si possa svilire tutto il
            discorso in questi
            termini.Il libro elettronico non si può rubare si può solo copiare!è per quello che non è di carta!Non te ne sei mai reso conto? :p
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: mcmcmcmcmc
            - Scritto da: mcmcmcmcmc

            - Scritto da: uno qualsiasi



            e comprarlo no?





            Quali vantaggi darebbe quello comprato,

            rispetto


            a quello


            gratuito?


            Perchè sai, ci deve essere una
            differenza
            che


            giustifichi la differenza di


            prezzo.



            non è così. Se mi parli di non senso o poco
            senso

            del copyright mi va bene. Ma se mi parli di

            vantaggi del comperato rispetto a quello

            scaricato gratuitamente ci mettiamo sullo
            stesso

            piano di un libro di carta comperato o
            rubato,
            e

            io non credo che si possa svilire tutto il

            discorso in questi

            termini.
            Il libro elettronico non si può rubare si può
            solo
            copiare!
            è per quello che non è di carta!
            Non te ne sei mai reso conto?
            :pleggo solo digitale. E pago quel che c'è da pagare. E di letture non a pagamento se ne possono fare fin che si vuole.Il copyright così come è, è una XXXXXta? Sì.Essere contro il copyright per voler scaricare l'ultimo giochino o l'ultimo libretto alla moda è intelligente? No.
          • tucumcari scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: mcmcmcmcmc
            - Scritto da: mcmcmcmcmc

            - Scritto da: mcmcmcmcmc


            - Scritto da: uno qualsiasi




            e comprarlo no?







            Quali vantaggi darebbe quello
            comprato,


            rispetto



            a quello



            gratuito?



            Perchè sai, ci deve essere una

            differenza

            che



            giustifichi la differenza di



            prezzo.





            non è così. Se mi parli di non senso o
            poco

            senso


            del copyright mi va bene. Ma se mi
            parli
            di


            vantaggi del comperato rispetto a quello


            scaricato gratuitamente ci mettiamo
            sullo

            stesso


            piano di un libro di carta comperato o

            rubato,

            e


            io non credo che si possa svilire tutto
            il


            discorso in questi


            termini.

            Il libro elettronico non si può rubare si può

            solo

            copiare!

            è per quello che non è di carta!

            Non te ne sei mai reso conto?

            :p

            leggo solo digitale. E pago quel che c'è da
            pagare. Ci spieghi che cosa paghi?Perchè sai ho bisogno di saperlo per convincere i miei soldini a uscire dal portafogli!Come ti ho detto fanno una resistenza direttamente proporzionale a quella che hanno fatto per entrarci!
            E di letture non a pagamento se ne
            possono fare fin che si
            vuole.Questo è evidente quello che non si capisce è perchè si debbano fare quelle a pagamento!
            Il copyright così come è, è una XXXXXta? Sì.
            Essere contro il copyright per voler scaricare
            l'ultimo giochino o l'ultimo libretto alla moda è
            intelligente?
            No.Perchè no?è questo il punto sai?Non basta dire <b
            no! </b
            Ripeto non è sufficiente a fare uscire i soldini dal mio portafogli!E se non è sufficiente gli editori spariranno nel giro di qualche lustro (gli piaccia o no) non sono sempre esistiti, sono esistiti per un po (finchè aveva una parvenza di senso) e non esisteranno più fra un po!È un pochino come il vecchio west!Prima non c'erano ne cavalli ne maniscalchi....Poi sono arrivati i "cow boys" (gli indiani se ne fottevano del maniscalco).... e i maniscalchi lavoravano come matti....Poi i cow boys hanno abbandonato il cavallo... e il maniscalco!Che ci vuoi fare !Sono i casi della vita! :D
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: tucumcari
            - Scritto da: mcmcmcmcmc

            - Scritto da: mcmcmcmcmc


            - Scritto da: mcmcmcmcmc



            - Scritto da: uno qualsiasi





            e comprarlo no?









            Quali vantaggi darebbe quello

            comprato,



            rispetto




            a quello




            gratuito?




            Perchè sai, ci deve essere una


            differenza


            che




            giustifichi la differenza di




            prezzo.







            non è così. Se mi parli di non
            senso
            o

            poco


            senso



            del copyright mi va bene. Ma se mi

            parli

            di



            vantaggi del comperato rispetto a
            quello



            scaricato gratuitamente ci mettiamo

            sullo


            stesso



            piano di un libro di carta
            comperato
            o


            rubato,


            e



            io non credo che si possa svilire
            tutto

            il



            discorso in questi



            termini.


            Il libro elettronico non si può rubare
            si
            può


            solo


            copiare!


            è per quello che non è di carta!


            Non te ne sei mai reso conto?


            :p



            leggo solo digitale. E pago quel che c'è da

            pagare.
            Ci spieghi che cosa paghi?
            Perchè sai ho bisogno di saperlo per convincere i
            miei soldini a uscire dal
            portafogli!
            Come ti ho detto fanno una resistenza
            direttamente proporzionale a quella che hanno
            fatto per
            entrarci!



            E di letture non a pagamento se ne

            possono fare fin che si

            vuole.

            Questo è evidente quello che non si capisce è
            perchè si debbano fare quelle a
            pagamento!

            Il copyright così come è, è una XXXXXta? Sì.

            Essere contro il copyright per voler
            scaricare

            l'ultimo giochino o l'ultimo libretto alla
            moda
            è

            intelligente?

            No.
            Perchè no?
            è questo il punto sai?
            Non basta dire <b
            no! </b

            Ripeto non è sufficiente a fare uscire i soldini
            dal mio
            portafogli!
            E se non è sufficiente gli editori spariranno nel
            giro di qualche lustro (gli piaccia o no) non
            sono sempre esistiti, sono esistiti per un po
            (finchè aveva una parvenza di senso) e non
            esisteranno più fra un
            po!
            È un pochino come il vecchio west!
            Prima non c'erano ne cavalli ne maniscalchi....
            Poi sono arrivati i "cow boys" (gli indiani se ne
            fottevano del maniscalco).... e i maniscalchi
            lavoravano come
            matti....
            Poi i cow boys hanno abbandonato il cavallo... e
            il
            maniscalco!
            Che ci vuoi fare !
            Sono i casi della vita!
            :DCosa pago? Quel che mi è richiesto.Molto bene. Quando non ci saranno più gli editori vorrà dire che se ne potrà fare a meno.E ti consiglio di lasciare i soldi sotto il materasso. Non si sa mai che scappino dal portafoglio.
          • tucumcari scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: mcmcmcmcmc
            E ti consiglio di lasciare i soldi sotto il
            materasso. Non si sa mai che scappino dal
            portafoglio.Non ti preoccupare dei miei soldi sopra o sotto il materasso non raggiungeranno mai le tasche di uno che non mi dice cosa mi da in cambio di quei soldi!Su questo stai pure tranquillo! :D
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: la critica sta a 0

            non è così. Se mi parli di non senso o poco senso
            del copyright mi va bene. Ma se mi parli di
            vantaggi del comperato rispetto a quello
            scaricato gratuitamente ci mettiamo sullo stesso
            piano di un libro di carta comperato o rubato, e
            io non credo che si possa svilire tutto il
            discorso in questi
            termini.A parte il fatto che un libro piratato non è rubato, in questo caso specifico il libro può essere scaricato gratuitamente dalla biblioteca. Quindi torno a porti la domanda: che vantaggio ci sarebbe a comprarlo?Per un libro cartaceo, il vantaggio è: quello comprato, me lo posso tenere, mentre quello della biblioteca va restituito. Ma in questo caso, tale esempio non si applica. Quindi, qual'è la tua risposta?
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: la critica sta a 0
            - Scritto da: uno qualsiasi

            non è così. Se mi parli di non senso o poco
            senso

            del copyright mi va bene. Ma se mi parli di

            vantaggi del comperato rispetto a quello

            scaricato gratuitamente ci mettiamo sullo
            stesso

            piano di un libro di carta comperato o
            rubato,
            e

            io non credo che si possa svilire tutto il

            discorso in questi

            termini.

            A parte il fatto che un libro piratato non è
            rubato, in questo caso specifico il libro può
            essere scaricato gratuitamente dalla biblioteca.
            Quindi torno a porti la domanda: che vantaggio ci
            sarebbe a
            comprarlo?

            Per un libro cartaceo, il vantaggio è: quello
            comprato, me lo posso tenere, mentre quello della
            biblioteca va restituito. Ma in questo caso, tale
            esempio non si applica. Quindi, qual'è la tua
            risposta?Io sono in attesa di iscrizione alla biblioteca digitale da quasi un mese. Per questo tipo di prestito non c' è bisogno di comperare. È una buona notizia, questa. Non sono io a criticarla o a pensare come eliminare il watermark per distribuire il libro. Libro che chiunque può prendere in prestito a tempo indeterminato!
  • Videoteca Krane Rossa scrive:
    ottimo
    rimuovere il social watermark è una sciocchezza, basta avere due copie dello stesso file con watermark distinti, compari bit a bit, lo trovi, lo modifichi, crei un torrent e buona notte al secchio :D
    • suoranciata scrive:
      Re: ottimo
      test
    • Skywalker scrive:
      Re: ottimo
      A parte il fatto che il watermark funziona se, come tutte le leggi, si basa su un patto sociale. Non a caso il nome di "Social DRM". Perché se per questo ti posso prestare anche il file con il watermark, dopo aver denunciato lo smarrimento della chiavetta USB.Inoltre la tua proposta è un attimino semplicistica: se aggiungo un Watermark, aggiungo anche un po' di rumore sui bit meno significativi. Un banale confronto "bit a bit" ti rivela molto più rumore che watermark.Si rimuove, ma con qualcosa di più di un confronto bit a bit. Ma come già detto, se salta il "patto sociale", non serve nemmeno rimuovere il watermark. Ci si scambia direttamente il file con il watermark. Non mi risulta che la scritta "Tutti i Diritti Riservati" venga rimossa dai film condivisi in rete...
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: ottimo

        Inoltre la tua proposta è un attimino
        semplicistica: se aggiungo un Watermark, aggiungo
        anche un po' di rumore sui bit meno
        significativi. Un banale confronto "bit a bit" ti
        rivela molto più rumore che
        watermark.Su un film o un brano di musica puoi farlo. Su un testo no, perchè se cambi i bit meno significativi... cambiano i caratteri, e il testo diventa qualcosa tipo rvtsn sbbsbpbdlp...
        • JosaFat scrive:
          Re: ottimo
          Ma sai di quello che parli? Mica gli ebook sono file di testo.
          • panda rossa scrive:
            Re: ottimo
            - Scritto da: JosaFat
            Ma sai di quello che parli? Mica gli ebook sono
            file di
            testo.No.Ma contengono del testo.A me basta quello.
          • JosaFat scrive:
            Re: ottimo
            E dunque?Da un epub, ti estrai il plain text, prima di leggerlo? Ti fa schifo che qualcuno lo impagini?
          • panda rossa scrive:
            Re: ottimo
            - Scritto da: JosaFat
            E dunque?
            Da un epub, ti estrai il plain text, prima di
            leggerlo? Ti fa schifo che qualcuno lo
            impagini?Non ho detto questo.Ma se quel qualcuno, per impaginare il text in epub mi chiede dei soldi, io gli risponderei: "No grazie, faccio da me!"E' giusto farsi pagare per un servizio.E' sbagliato pretendere di farsi pagare per un servizio non richiesto.
          • JosaFat scrive:
            Re: ottimo
            Si sta parlando degli ebook prodotti dalle case editrici, e sono _già_ prodotti come pub
          • panda rossa scrive:
            Re: ottimo
            - Scritto da: JosaFat
            Si sta parlando degli ebook prodotti dalle case
            editrici, e sono _già_ prodotti come
            pubSi sta anche parlando di come togliere il watermark da questi epub, e lo si fa semplicemente estraendo il testo.
          • JosaFat scrive:
            Re: ottimo
            Bel modo di togliere il Watermark, togli tutta la parte grafica e le suddivisioni in capitoli, gli indici eccetera.Se facessi il barbiere, mi sa che decapiteresti la gente.
          • panda rossa scrive:
            Re: ottimo
            - Scritto da: JosaFat
            Bel modo di togliere il Watermark, togli tutta la
            parte grafica e le suddivisioni in capitoli, gli
            indici
            eccetera.

            Se facessi il barbiere, mi sa che decapiteresti
            la
            gente.Tanto devo leggere io, a te che importa?E comunque non faccio il barbiere.Al massimo mi sto facendo la barba da solo, e se mi tagliassi, sono fatti miei.
          • JosaFat scrive:
            Re: ottimo
            Chiarissimo, affari tuoi; cmq, anche tu fai gli affari degli altri quando rispondi al posto di tizio o caio.
          • panda rossa scrive:
            Re: ottimo
            - Scritto da: JosaFat
            Chiarissimo, affari tuoi; cmq, anche tu fai gli
            affari degli altri quando rispondi al posto di
            tizio o
            caio.Io rispondo ad un messaggio nel forum.Forse ti sfugge il concetto di forum: pubblica discussione che tutti possono leggere e a cui tutti possono contribuire.
          • JosaFat scrive:
            Re: ottimo
            A te sfugge il fatto che rispondere a ogni mio benedetto post per esporre sempre la stessa idea è INUTILE. Mi aspetterei un dialogo con la persona con cui ho risposto. Se ogni thread non finisce con un tuo post non dormi la notte?
          • panda rossa scrive:
            Re: ottimo
            - Scritto da: JosaFat
            A te sfugge il fatto che rispondere a ogni mio
            benedetto post per esporre sempre la stessa idea
            è INUTILE. Mi aspetterei un dialogo con la
            persona con cui ho risposto. Se ogni thread non
            finisce con un tuo post non dormi la
            notte?Se trovo un messaggio contenente una idea sbagliata, cerco di rimettere le cose a posto.
          • JosaFat scrive:
            Re: ottimo
            Perché se una cosa non è come la pensi te, è per forza sbagliata?
          • panda rossa scrive:
            Re: ottimo
            - Scritto da: JosaFat
            Perché se una cosa non è come la pensi te, è per
            forza
            sbagliata?No.Proprio per questo si discute.Tu esponi un concetto, io espongo le mie controdeduzioni.Finche' ho argomenti per controbattere, vuol dire che la tua idea e' piu' debole.Vale anche il viceversa, naturalmente.
          • JosaFat scrive:
            Re: ottimo
            Si discute certo. Finché entrambi vogliono discutere seriamente. Tu invece, hai già dimostrato che i tuoi discorsi non hanno alcuna base, e hai sparato delle XXXXXXX tali che sono diventate parte della leggenda di questo forum (vedi quella secondo cui tu su commissione sei in grado di programmare qualsiasi software, dalle app per smartphone ai sistemi di puntamento missilistico; ma ne abbiamo lette tante... come quella di oggi per cui, secondo te, l'OPAC deve diventare come MegaUpload, non si sa perché... a quanto il WWF che produce salame di panda?).
          • panda rossa scrive:
            Re: ottimo
            - Scritto da: JosaFat
            Si discute certo. Finché entrambi vogliono
            discutere seriamente.

            Tu invece, hai già dimostrato che i tuoi discorsi
            non hanno alcuna base, e hai sparato delle
            XXXXXXX tali che sono diventate parte della
            leggenda di questo forum (vedi quella secondo cui
            tu su commissione sei in grado di programmare
            qualsiasi software, dalle app per smartphone ai
            sistemi di puntamento missilistico; ma ne abbiamo
            lette tante... come quella di oggi per cui,
            secondo te, l'OPAC deve diventare come
            MegaUpload, non si sa perché... a quanto il WWF
            che produce salame di
            panda?).Vedi?Non potendo confutare le idee, cerchi di screditare il portatore delle idee.
          • JosaFat scrive:
            Re: ottimo
            No, non potendo far cambiare idea a chi è convinto di essere portatore della verità, lo lascio a discutere da solo.Ho cercato in mille modi di mostrare i limiti delle tue idee, ma messo di fronte alle tue contraddizioni, hai sempre svicolato.Prova a spiegare perchè, tanto per dirne una, quando ho detto che non si può chiedere alle biblioteche di trasformarsi in Megaupload, e perciò dare a chiunque la possibilità di scaricare l'intero loro patrimonio librario in formato ebook tutto d'un colpo, hai detto "Lo fanno già" linkando l'OPAC (cioè l'indice dei libri disponibili nelle varie biblioteche).E quando ti ho fatto notare l'abissale differenza tra le due cose, ti sei già contraddetto dicendo "ora non lo fanno, ma in futuro sì". 1) Sai la differenza tra "Lo fanno già" e "lo faranno in futuro"? Prova a convicermi di non esserti contraddetto (senza farsi strappare i capelli a tutta l'Accademia della Crusca, se possibile).2) Spiegami su cosa basi la tua certezza nel "lo faranno in futuro". Dati concreti, please.
          • panda rossa scrive:
            Re: ottimo
            - Scritto da: JosaFat

            Prova a spiegare perchè, tanto per dirne una,
            quando ho detto che non si può chiedere alle
            biblioteche di trasformarsi in Megaupload, e
            perciò dare a chiunque la possibilità di
            scaricare l'intero loro patrimonio librario in
            formato ebook tutto d'un colpo, hai detto "Lo
            fanno già" linkando l'OPAC (cioè l'indice dei
            libri disponibili nelle varie
            biblioteche).
            E quando ti ho fatto notare l'abissale differenza
            tra le due cose, ti sei già contraddetto dicendo
            "ora non lo fanno, ma in futuro sì".Non fare un montaggio diverso delle mie affermazioni, a tuo uso e consumo.Tu avevi detto: <i
            "Pretendi che ti vengano a portare a casa direttamente un DVD con tutto il loro catalogo aggratis?Magari anche con una fettina di XXXX?" </i
            E io a quello ti avevo risposto "lo fanno gia'" linkando l'OPAC.Si stava parlando di catalogo, vedi?Poi siamo passati a parlare dei testi, e abbiamo appurato che MegaUpload fornisce i testi e le biblioteche arriveranno a farlo in futuro.Senza questa XXXXXta del watermark.Questo e' il riassunto.E' tutto scritto nei messaggi precedenti. Sei pregato di preservarne il significato.
            1) Sai la differenza tra "Lo fanno già" e "lo
            faranno in futuro"? Prova a convicermi di non
            esserti contraddetto (senza farsi strappare i
            capelli a tutta l'Accademia della Crusca, se
            possibile). <i
            Lo fanno gia' </i
            era riferito agli indici. <i
            Lo faranno in futuro </i
            era riferito ai testiComincio ad avere il sospetto di aver scambiato opinioni con uno che neanche ha letto quello che ho scritto.
            2) Spiegami su cosa basi la tua certezza nel "lo
            faranno in futuro". Dati concreti,
            please.1)Con i libri per i quali il copyright e' scaduto, si puo' gia' fare (e qualcuno lo fa).2) Per tutti i libri prima o poi scadra' il copyright.3)Il futuro e' illimitato.Dal confronto della 1) con la 2) e con la 3) si deduce la tesi.CVD.
          • JosaFat scrive:
            Re: ottimo
            Mi spiace, ma sei tu che abusi di quanto ho scritto, rigirandone le parole.Io ho parlato del fatto che è troppo chiedere che la biblioteca distribuisca l'intero corpus del suo patrimonio librario in ebook a casa, e tu hai detto che lo fa perché gli indici OPAC sono pubblici.Hai pure provato a correggerti dopo dicendo che "lo farà"; come al solito alterni affermazioni erronee a previsioni basate sulle tue speranze, senza neanche provare a dire come si possono realizzare, come se bastasse che tu lo voglia perché avvenga.
          • panda rossa scrive:
            Re: ottimo
            - Scritto da: JosaFat
            Mi spiace, ma sei tu che abusi di quanto ho
            scritto, rigirandone le
            parole.La sai usare la funzione "quota"?Evidentemente no, visto che ti inventi il fatto che io rigiri le parole, senza quotarle cercando cosi' di intortare l'eventuale lettore.Quindi, o riporti le mie parole evidenziando quello che sostieni che io stia rigirando, oppure ammetti l'inconsistenza delle tue affermazioni di fronte all'evidenza della mia confutazione.
            Io ho parlato del fatto che è troppo chiedere che
            la biblioteca distribuisca l'intero corpus del
            suo patrimonio librario in ebook a casa, e tu hai
            detto che lo fa perché gli indici OPAC sono
            pubblici.E io ti ho risposto che non e' affatto chiedere troppo.Gli indici gia' sono trasmessi.I testi esistono in formato digitale.1+1=2
            Hai pure provato a correggerti dopo dicendo che
            "lo farà"; come al solito alterni affermazioni
            erronee a previsioni basate sulle tue speranze,
            senza neanche provare a dire come si possono
            realizzare, come se bastasse che tu lo voglia
            perché avvenga.Si realizzera' perche' e' possibile e perche' non costa niente.Anzi gia' esiste, solo che delle assurde leggi finalizzate a mantenere in vita una inutile casta di parassiti che tu insisti col difendere perche' evidentemente ne fai parte, impediscono questo.
      • Videoteca Krane Rossa scrive:
        Re: ottimo
        - Scritto da: Skywalker
        A parte il fatto che il watermark funziona se,
        come tutte le leggi, si basa su un patto sociale.
        Non a caso il nome di "Social DRM".il punto è che sto patto sociale nessuno è cotretto ad accettarlo
        Perché se per questo ti posso prestare anche il
        file con il watermark, dopo aver denunciato lo
        smarrimento della chiavetta
        USB.anche
        Inoltre la tua proposta è un attimino
        semplicistica: se aggiungo un Watermark, aggiungo
        anche un po' di rumore sui bit meno
        significativi. Un banale confronto "bit a bit" ti
        rivela molto più rumore che
        watermark.uh? e questo cosa cambia? comunque io modifico tutti i dati che differiscono, modificando sia il watermark che il rumore; ai fin i del contenuto non cambia nulla e il watermark non serve più a niente (lo scopo è raggiunto)
        Si rimuove, ma con qualcosa di più di un
        confronto bit a bit.no, è sufficiente il confronto bit a bit
        Ma come già detto, se salta il "patto sociale",
        non serve nemmeno rimuovere il watermark. Ci si
        scambia direttamente il file con il watermark.
        Non mi risulta che la scritta "Tutti i Diritti
        Riservati" venga rimossa dai film condivisi in
        rete...non lo puoi scambiare a meno di non commettere un reato più grave (denunciare un furto mai avvenuto) oppure rischiare che ti denuncino risalendo a te
        • krane scrive:
          Re: ottimo
          - Scritto da: Videoteca Krane Rossa
          - Scritto da: Skywalker

          A parte il fatto che il watermark funziona
          se,

          come tutte le leggi, si basa su un patto
          sociale.

          Non a caso il nome di "Social DRM".

          il punto è che sto patto sociale nessuno è
          cotretto ad
          accettarlo


          Perché se per questo ti posso prestare anche
          il

          file con il watermark, dopo aver denunciato
          lo

          smarrimento della chiavetta

          USB.

          anche


          Inoltre la tua proposta è un attimino

          semplicistica: se aggiungo un Watermark,
          aggiungo

          anche un po' di rumore sui bit meno

          significativi. Un banale confronto "bit a
          bit"
          ti

          rivela molto più rumore che

          watermark.

          uh? e questo cosa cambia? comunque io modifico
          tutti i dati che differiscono, modificando sia il
          watermark che il rumore; ai fin i del contenuto
          non cambia nulla e il watermark non serve più a
          niente (lo scopo è
          raggiunto)


          Si rimuove, ma con qualcosa di più di un

          confronto bit a bit.

          no, è sufficiente il confronto bit a bit


          Ma come già detto, se salta il "patto
          sociale",

          non serve nemmeno rimuovere il watermark. Ci
          si

          scambia direttamente il file con il
          watermark.

          Non mi risulta che la scritta "Tutti i
          Diritti

          Riservati" venga rimossa dai film condivisi
          in

          rete...

          non lo puoi scambiare a meno di non commettere un
          reato più grave (denunciare un furto mai
          avvenuto) oppure rischiare che ti denuncino
          risalendo a teIn effetti e' meglio smarrirla piu' che farsela rubare, che so salendo sull'auto di qualche amico che, cattivone, non riconoscendola non te la restituisce.
  • shevathas scrive:
    Mi sembra un compromesso equilibrato
    Che bene o male rispecchia i limiti che avevano i vecchi libri cartacei. Se io l'avevo preso in prestito dalla biblioteca allora non poteva averlo nessun altro in prestito.
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
      Il limite del libro cartaceo era dettato da esigenze fisiche. Qui tali esigenze non esistono: il limite è artificiale, e perciò inutile.
      • Nome e cognome scrive:
        Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
        - Scritto da: uno qualsiasi
        Il limite del libro cartaceo era dettato da
        esigenze fisiche. Qui tali esigenze non esistono:
        il limite è artificiale, e perciò
        inutile.Inutile? Se è così inutile allora perchè le biblioteche hanno così tante difficoltà con gli ebook da dovrelo creare artificialmente?Senza tale limite cosa cambia tra una biblioteca e un torrent? NULLA da entrambi si possono scaricare libri gratuitamente e senza pagare il ben che minimo compenso all'autore (l'editore per me può attaccarsi..).Girala come vuoi, per me è giusto che uno scrittore venga compensato per il suo lavoro e finche non avremo idee migliori per farlo vabene anche questa.
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: Mi sembra un compromesso equilibrato

          Inutile? Se è così inutile allora perchè le
          biblioteche hanno così tante difficoltà con gli
          ebook da dovrelo creare
          artificialmente?Perchè sono costrette ad accogliere le richieste di alcuni mentecatti.
          Senza tale limite cosa cambia tra una biblioteca
          e un torrent?Infatti non dovrebbe esserci nessuna differenza. I torrent sono le biblioteche del futuro.
          NULLA da entrambi si possono
          scaricare libri gratuitamente e senza pagare il
          ben che minimo compenso all'autore (l'editore per
          me può
          attaccarsi..).L'autore va pagato una volta, e basta.
          Girala come vuoi, per me è giusto che uno
          scrittore venga compensato per il suo lavoro e
          finche non avremo idee migliori per farlo vabene
          anche
          questa.L'autore può solo fare una cosa: può dire "se non mi pagate, non pubblico il libro". Poi, si può discutere.
          • JosaFat scrive:
            Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
            Sono proprio questi "mentecatti" che ti consentono di avere da una biblioteca un ebook. Potrebbero anche vendere gli ebook solo a privati e tu da utente di biblioteca ti accontenteresti del libro cartaceo.E' proprio vero che a certa gente fare un favore è sprecato.
          • panda rossa scrive:
            Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
            - Scritto da: JosaFat
            Sono proprio questi "mentecatti" che ti
            consentono di avere da una biblioteca un ebook.
            Potrebbero anche vendere gli ebook solo a privati
            e tu da utente di biblioteca ti accontenteresti
            del libro
            cartaceo.Questione di tempo.Anche loro creperanno, e il testo diventera' libero.
            E' proprio vero che a certa gente fare un favore
            è sprecato.Quale favore?
          • JosaFat scrive:
            Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
            PR, non rispondevo a te.So che per te i libri si producono da soli e chi ti chiede un centesimo per poter scaricare 20000000000000 libri è una persona da condannare a morte.Pertanto, rispetto (ma non condivido) le tue certezze e non cerco di illustrarti un'altra visione.
          • panda rossa scrive:
            Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
            - Scritto da: JosaFat
            PR, non rispondevo a te.Hai scritto sul forum.Se volevi rispondere privatamente mandavi un PM.
            So che per te i libri si producono da soli e chi
            ti chiede un centesimo per poter scaricare
            20000000000000 libri è una persona da condannare
            a morte.Dove avrei detto che bisogna condannare chi chiede soldi per far scaricare?
            Pertanto, rispetto (ma non condivido) le tue
            certezze e non cerco di illustrarti un'altra
            visione.Pero' non mi hai risposto.
          • JosaFat scrive:
            Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
            E' inutile discutere su questo tema con te, tanto hai i tuoi dogmi, e non li cambi. Se voglio sentire la predica vado in Chiesa.
          • panda rossa scrive:
            Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
            - Scritto da: JosaFat
            E' inutile discutere su questo tema con te, tanto
            hai i tuoi dogmi, e non li cambi. Se voglio
            sentire la predica vado in
            Chiesa.Amen!
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
            - Scritto da: JosaFat
            Sono proprio questi "mentecatti" che ti
            consentono di avere da una biblioteca un ebook.
            Potrebbero anche vendere gli ebook solo a privati
            e tu da utente di biblioteca ti accontenteresti
            del libro
            cartaceo.O il libro finirebbe sul p2p.

            E' proprio vero che a certa gente fare un favore
            è
            sprecato.Se il favore è una falsa concessione, sì, è sprecato.
          • JosaFat scrive:
            Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
            E se deve finire su p2p finirà. Ma chiedere che siano le case editrici a rilasciare gratis gli ebook su p2p mi pare troppo.
          • panda rossa scrive:
            Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
            - Scritto da: JosaFat
            E se deve finire su p2p finirà. Ma chiedere che
            siano le case editrici a rilasciare gratis gli
            ebook su p2p mi pare
            troppo.Infatti si chiede che le case editrici rilascino gratis sui loro siti.Se non lo fanno loro, lo fara' qualcun altro.
          • JosaFat scrive:
            Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
            Ma tu scrivi i post da 2 o 3 account per darti ragione da solo?
          • panda rossa scrive:
            Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
            - Scritto da: JosaFat
            Ma tu scrivi i post da 2 o 3 account per darti
            ragione da
            solo?No.Per te e' cosi' difficile concepire che ci sono piu' persone che condividono il mio pensiero rispetto al tuo?
          • JosaFat scrive:
            Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
            No, io vedo che rispondo a tizio e caio, e ogni volta rispondi tu.
          • panda rossa scrive:
            Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
            - Scritto da: JosaFat
            No, io vedo che rispondo a tizio e caio, e ogni
            volta rispondi
            tu.Tu rispondi pure a chi ti pare.Io quando rispondo, l'ultima cosa che guardo e' il nick di chi posta, che tanto o e' anonimo, o e' una cosa qualunque.Non mi interessa chi scrive, ma CHE COSA VIENE SCRITTO.Ed e' allo scritto che rispondo, non allo scrittore.
          • JosaFat scrive:
            Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
            Ora mi spiego perché hai tutti questi post.
          • panda rossa scrive:
            Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
            - Scritto da: JosaFat
            Ora mi spiego perché hai tutti questi post.Non sono tanti rispetto ai tuoi.Io commento qui dentro dal 1996 piu' o meno.
          • JosaFat scrive:
            Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
            Sono tantissimissimissimissimi, rispetto ai miei.Io sono iscritto dal 1999. Se ti limitassi a postare con la mia frequenza, dovresti avere al massimo mille post. Non 14000.
          • panda rossa scrive:
            Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
            - Scritto da: JosaFat
            Sono tantissimissimissimissimi, rispetto ai miei.
            Io sono iscritto dal 1999. Se ti limitassi a
            postare con la mia frequenza, dovresti avere al
            massimo mille post. Non
            14000.In questo caso vuol dire che o hai poche idee, o non ti sta a cuore sostenerle.Non so che dirti.Ma non puoi lamentarti se qualcuno con le idee diverse dalle tue, ha pure piu' passione per sostenerle e difenderle.
          • JosaFat scrive:
            Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
            Scusa, dimenticavo che tu fai sempre la cosa giusta.Ave, messia.
    • krane scrive:
      Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
      - Scritto da: shevathas
      Che bene o male rispecchia i limiti che avevano i
      vecchi libri cartacei. Se io l'avevo preso in
      prestito dalla biblioteca allora non poteva
      averlo nessun altro in prestito.Come dire: che abbiamo speso a fare 600 anni in ricerca tecnologica ? Potevamo rimanere a gutemberg e spenderceli in divertimenti...
    • panda rossa scrive:
      Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
      - Scritto da: shevathas
      Che bene o male rispecchia i limiti che avevano i
      vecchi libri cartacei. Se io l'avevo preso in
      prestito dalla biblioteca allora non poteva
      averlo nessun altro in
      prestito.Mi chiedo perche' non abbiano fatto una cosa del genere anche per i frigoriferi: un bel limite di 10 cubetti di ghiaccio al giorno, per rispecchiare i limiti che avevano i venditori di ghiaccio.Oppure imporre un bel limite di velocita' alle auto di 25 km/h di media, per rispecchiare quello delle carrozze a cavallo.E perche' non obbligare le memorie per le fotocamere digitali a contenere al massimo 36/48 foto, per rispecchiare il limite dei vecchi rullini di pellicola?
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: shevathas

        Che bene o male rispecchia i limiti che
        avevano
        i

        vecchi libri cartacei. Se io l'avevo preso in

        prestito dalla biblioteca allora non poteva

        averlo nessun altro in

        prestito.

        Mi chiedo perche' non abbiano fatto una cosa del
        genere anche per i frigoriferi: un bel limite di
        10 cubetti di ghiaccio al giorno, per
        rispecchiare i limiti che avevano i venditori di
        ghiaccio.

        Oppure imporre un bel limite di velocita' alle
        auto di 25 km/h di media, per rispecchiare quello
        delle carrozze a
        cavallo.

        E perche' non obbligare le memorie per le
        fotocamere digitali a contenere al massimo 36/48
        foto, per rispecchiare il limite dei vecchi
        rullini di
        pellicola?Forse perché sono esempi che non c'entrano niente. Te e l'altro genio sopra non avete capito che il costo di stampa è solo una piccola parte del costo del libro. Non è la carta e l'inchiostro che costa.
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
          Gli altri costi non incidono, perchè sono tutti costi che si hanno <b
          una sola volta </b
          , e che perciò vengono ammortizzati.
          • Teo_ scrive:
            Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Gli altri costi non incidono, perchè sono tutti
            costi che si hanno <b
            una sola volta
            </b
            , e che perciò vengono
            ammortizzati.Ma tu saresti disposto a comprare un libro a che so, per stare bassi a 30.000 euro? Poi lo dai a chi ti pare quante volte vuoi.Fra le altre voci, cè proprio per la prospettiva di vendita che consente di definire il prezzo di copertina che conosciamo.Riguardo la distribuzione digitale, lascerei i prezzi bassissimi, proprio perché i costi di distribuzione sono minimi e a costi bassi, su molti titoli si vende di più, ma non sono un editore
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Mi sembra un compromesso equilibrato

            Ma tu saresti disposto a comprare un libro a che
            so, per stare bassi a 30.000 euro? Tieni presente che ne comprerei uno in tutta la vita, probabilmente; gli altri li scaricherei. E le altre persone scaricherebbero quello che ho compratio io.
            Fra le altre voci, cè proprio per la prospettiva
            di vendita che consente di definire il prezzo di
            copertina che
            conosciamo.
            Riguardo la distribuzione digitale, lascerei i
            prezzi bassissimi,Più bassi di zero?Perchè altrimenti, dimmi: perchè mai io (o chiunque altro) dovrei pagare anche solo un centesimo, per comprare qualcosa che è anche disponibile a costo zero?Che vantaggio ci sarebbe, per l'utente, a comprare rispetto a scaricare gratis? (ti ricordo che lo scaricamento, in sè, non costituisce reato, quindi eventuali argomenti tipo "è illegale" non attaccano)Se non riesci a rispondere a questa domanda, il tuo ragionamento non sarà mai applicabile.
          • Teo_ scrive:
            Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
            - Scritto da: uno qualsiasi

            Ma tu saresti disposto a comprare un libro a
            che

            so, per stare bassi a 30.000 euro?

            Tieni presente che ne comprerei uno in tutta la
            vita, probabilmente; gli altri li scaricherei. E
            le altre persone scaricherebbero quello che ho
            compratio
            io.A me starebbe bene. Mi finanzi tu allora il primo libro?

            Fra le altre voci, cè proprio per la
            prospettiva

            di vendita che consente di definire il
            prezzo
            di

            copertina che

            conosciamo.

            Riguardo la distribuzione digitale, lascerei
            i

            prezzi bassissimi,

            Più bassi di zero?
            Perchè altrimenti, dimmi: perchè mai io (o
            chiunque altro) dovrei pagare anche solo un
            centesimo, per comprare qualcosa che è anche
            disponibile a costo
            zero?

            Che vantaggio ci sarebbe, per l'utente, a
            comprare rispetto a scaricare gratis? (ti ricordo
            che lo scaricamento, in sè, non costituisce
            reato, quindi eventuali argomenti tipo "è
            illegale" non
            attaccano)

            Se non riesci a rispondere a questa domanda, il
            tuo ragionamento non sarà mai
            applicabile.Non so se si reato o meno, ma se non funziona nellottica che descrivi sopra (uno finanzia il libro acquisisce i diritti e rilascia la copia gratuita), mi sembra si tratti di appropriazione indebita, che lo dica la legge o meno.Se voglio sostenere un autore, lo pago per scrivere o compro i suoi libri, se gradisco il lavoro di un editore (perché di editori veri fortunatamente ne restano ancora) compro libri o lo promuovo. Si guadagna anche dalla distribuzione gratuita, ma non è sostenibile per tutti.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Mi sembra un compromesso equilibrato

            A me starebbe bene. Mi finanzi tu allora il primo
            libro?Se è un argomento che mi interessa, va bene.

            Se non riesci a rispondere a questa domanda,
            il

            tuo ragionamento non sarà mai

            applicabile.

            Non so se si reato o meno,E allora controlla pure:http://www.interlex.it/testi/l41_633.htmLa semplice fruizione per uso personale, o la duplicazione per uso personale di qualcosa di cui tu hai il diritto di acXXXXX non è reato.
            ma se non funziona
            nellottica che descrivi sopra (uno finanzia il
            libro acquisisce i diritti e rilascia la copia
            gratuita), mi sembra si tratti di appropriazione
            indebita, che lo dica la legge o
            meno.A me sembra di no. E quindi, dal momento che la legge non me lo proibisce, me lo prendo, e sinceramente non mi importa nulla di quello che sembra a te.Se io ti dico "mi sembra che non sia giusto vestirsi di nero", tu ti sentiresti forse obbligato ad accontentarlo? Non credo. Quindi, visto che la legge non te lo proibisce, tu ti vesti come desideri.
            Se voglio sostenere un autore, lo pago per
            scrivere o compro i suoi libriSei liberissimo di farlo. Ma non sei libero di pretendere che lo faccia anche io.Magari a me vanno bene i libri che l'autore ha già scritto, non mi interessa che ne scriva altri (molti autori, dopo un po' di anni, cominciano a ripetersi o a scrivere libri scadenti contando solo sulla reputazione già ottenuta per venderli)
            , se gradisco il
            lavoro di un editore (perché di editori veri
            fortunatamente ne restano ancora) compro libri o
            lo promuovo. Si guadagna anche dalla
            distribuzione gratuita, ma non è sostenibile per
            tutti.In altre parole: se gradisci il lavoro fai una donazione. O avevi in mente qualcosa di diverso?
          • Teo_ scrive:
            Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
            - Scritto da: uno qualsiasi

            ma se non funziona

            nellottica che descrivi sopra (uno finanzia
            il

            libro acquisisce i diritti e rilascia la
            copia

            gratuita), mi sembra si tratti di
            appropriazione

            indebita, che lo dica la legge o

            meno.

            A me sembra di no. E quindi, dal momento che la
            legge non me lo proibisce, me lo prendo, e
            sinceramente non mi importa nulla di quello che
            sembra a
            te.

            Se io ti dico "mi sembra che non sia giusto
            vestirsi di nero", tu ti sentiresti forse
            obbligato ad accontentarlo? Non credo. Quindi,
            visto che la legge non te lo proibisce, tu ti
            vesti come
            desideri.Due cose colmano di meraviglia e di venerazione sempre nuove e crescenti, a misura che vi si dedica attenzione più frequente e durevole: il cielo stellato sopra di me e la legge morale dentro di me. (Kant. Critica alla ragion pratica)


            Se voglio sostenere un autore, lo pago per

            scrivere o compro i suoi libri
            [...]

            In altre parole: se gradisci il lavoro fai una
            donazione. O avevi in mente qualcosa di
            diverso?Rispetto il metodo di distribuzione che ha scelto lautore, che sia donazione, o il prezzo fisso.
          • krane scrive:
            Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
            - Scritto da: Teo_
            - Scritto da: uno qualsiasi


            ma se non funziona


            nellottica che descrivi sopra (uno
            finanzia

            il


            libro acquisisce i diritti e rilascia la

            copia


            gratuita), mi sembra si tratti di

            appropriazione


            indebita, che lo dica la legge o


            meno.



            A me sembra di no. E quindi, dal momento che
            la

            legge non me lo proibisce, me lo prendo, e

            sinceramente non mi importa nulla di quello
            che

            sembra a

            te.



            Se io ti dico "mi sembra che non sia giusto

            vestirsi di nero", tu ti sentiresti forse

            obbligato ad accontentarlo? Non credo.
            Quindi,

            visto che la legge non te lo proibisce, tu ti

            vesti come

            desideri.

            Due cose colmano di meraviglia e di venerazione
            sempre nuove e crescenti, a misura che vi si
            dedica attenzione più frequente e durevole: il
            cielo stellato sopra di me e la legge morale
            dentro di me. (Kant. Critica alla ragion
            pratica)





            Se voglio sostenere un autore, lo pago
            per


            scrivere o compro i suoi libri


            [...]



            In altre parole: se gradisci il lavoro fai
            una

            donazione. O avevi in mente qualcosa di

            diverso?

            Rispetto il metodo di distribuzione che ha scelto
            lautore, che sia donazione, o il prezzo
            fisso.Ma attualmente un autore non ha possibilita' di scelta, infatti quelli che pubblicano in modo alternativo vengono definiti "coraggiosi", non dimenticare che c'e' un vero e proprio cartello delle case editrici per tenere alti i prezzi dei libri non cartacei.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: Teo_

            - Scritto da: uno qualsiasi



            ma se non funziona



            nellottica che descrivi sopra (uno

            finanzia


            il



            libro acquisisce i diritti e
            rilascia
            la


            copia



            gratuita), mi sembra si tratti di


            appropriazione



            indebita, che lo dica la legge o



            meno.





            A me sembra di no. E quindi, dal
            momento
            che

            la


            legge non me lo proibisce, me lo
            prendo,
            e


            sinceramente non mi importa nulla di
            quello

            che


            sembra a


            te.





            Se io ti dico "mi sembra che non sia
            giusto


            vestirsi di nero", tu ti sentiresti
            forse


            obbligato ad accontentarlo? Non credo.

            Quindi,


            visto che la legge non te lo proibisce,
            tu
            ti


            vesti come


            desideri.



            Due cose colmano di meraviglia e di
            venerazione

            sempre nuove e crescenti, a misura che vi si

            dedica attenzione più frequente e durevole:
            il

            cielo stellato sopra di me e la legge morale

            dentro di me. (Kant. Critica alla ragion

            pratica)








            Se voglio sostenere un autore, lo
            pago

            per



            scrivere o compro i suoi libri




            [...]





            In altre parole: se gradisci il lavoro
            fai

            una


            donazione. O avevi in mente qualcosa di


            diverso?



            Rispetto il metodo di distribuzione che ha
            scelto

            lautore, che sia donazione, o il prezzo

            fisso.

            Ma attualmente un autore non ha possibilita' di
            scelta, infatti quelli che pubblicano in modo
            alternativo vengono definiti "coraggiosi", non
            dimenticare che c'e' un vero e proprio cartello
            delle case editrici per tenere alti i prezzi dei
            libri non
            cartacei.Le case editrici cosa c'entrano col prezzo fatto da uno che si autopubblica?
          • panda rossa scrive:
            Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
            - Scritto da: uno qualsiasi
            non

            dimenticare che c'e' un vero e proprio
            cartello

            delle case editrici per tenere alti i prezzi
            dei

            libri non

            cartacei.

            Le case editrici cosa c'entrano col prezzo fatto
            da uno che si
            autopubblica?Il tuo livello di comprensione del testo e' quasi come quello di fiber, a quanto pare.
          • Teo_ scrive:
            Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: Teo_

            - Scritto da: uno qualsiasi


            In altre parole: se gradisci il lavoro
            fai

            una


            donazione. O avevi in mente qualcosa di


            diverso?



            Rispetto il metodo di distribuzione che ha
            scelto

            lautore, che sia donazione, o il prezzo

            fisso.

            Ma attualmente un autore non ha possibilita' di
            scelta, infatti quelli che pubblicano in modo
            alternativo vengono definiti "coraggiosi", non
            dimenticare che c'e' un vero e proprio cartello
            delle case editrici per tenere alti i prezzi dei
            libri non
            cartacei.Vero, ma tieni conto anche dellIVA piena contro quella al 4% dei libri cartacei.
          • Videoteca NewVision scrive:
            Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
            - Scritto da: uno qualsiasi
            E allora controlla pure:

            http://www.interlex.it/testi/l41_633.htm

            La semplice fruizione per uso personale, o la
            duplicazione per uso personale di qualcosa di cui
            tu hai il diritto di acXXXXX non è
            reato.
            Però dice:Art. 131. Il diritto esclusivo di riprodurre ha per oggetto la moltiplicazione in copie diretta o indiretta, temporanea o permanente, in tutto o in parte dell'opera, in qualunque modo o forma, come la copiatura a mano, la stampa, la litografia, l'incisione, la fotografia, la fonografia, la cinematografia ed ogni altro procedimento di riproduzione.
          • panda rossa scrive:
            Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
            - Scritto da: Videoteca NewVision
            - Scritto da: uno qualsiasi


            E allora controlla pure:



            http://www.interlex.it/testi/l41_633.htm



            La semplice fruizione per uso personale, o la

            duplicazione per uso personale di qualcosa
            di
            cui

            tu hai il diritto di acXXXXX non è

            reato.



            Però dice:

            Art. 13

            1. Il diritto esclusivo di riprodurre ha per
            oggetto la moltiplicazione in copie diretta o
            indiretta, temporanea o permanente, in tutto o in
            parte dell'opera, in qualunque modo o forma, come
            la copiatura a mano, la stampa, la litografia,
            l'incisione, la fotografia, la fonografia, la
            cinematografia ed ogni altro procedimento di
            riproduzione.E quindi e' ora di abrogare questi codicilli dal sapore medievale e adeguarli al XXI secolo.
        • panda rossa scrive:
          Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
          - Scritto da: uno qualsiasi
          - Scritto da: panda rossa

          - Scritto da: shevathas


          Che bene o male rispecchia i limiti che

          avevano

          i


          vecchi libri cartacei. Se io l'avevo
          preso
          in


          prestito dalla biblioteca allora non
          poteva


          averlo nessun altro in


          prestito.



          Mi chiedo perche' non abbiano fatto una cosa
          del

          genere anche per i frigoriferi: un bel
          limite
          di

          10 cubetti di ghiaccio al giorno, per

          rispecchiare i limiti che avevano i
          venditori
          di

          ghiaccio.



          Oppure imporre un bel limite di velocita'
          alle

          auto di 25 km/h di media, per rispecchiare
          quello

          delle carrozze a

          cavallo.



          E perche' non obbligare le memorie per le

          fotocamere digitali a contenere al massimo
          36/48

          foto, per rispecchiare il limite dei vecchi

          rullini di

          pellicola?

          Forse perché sono esempi che non c'entrano
          niente. Te e l'altro genio sopra non avete capito
          che il costo di stampa è solo una piccola parte
          del costo del libro. Non è la carta e
          l'inchiostro che
          costa.Meno male che ci sei tu a dispensare genialita'.Copiare un file COSTA ZERO.E se per te questo costo e' troppo per le tue possibilita', ME LO POSSO ACCOLLARE IO.
          • becker scrive:
            Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
            ed eventuali costi di promozione e di grafica, impaginazione (pagati una volta solo perchè è da parassiti pretendere su questo tipo di lavoro dei diritti su ogni copia venduta) essendo divisi per tante copie infinite del contenuto che si posso far pagare incidono pochissimo..Con i DRM gli editori vogliono solo limitare le copie per tenere i prezzi alti!!
        • krane scrive:
          Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
          - Scritto da: uno qualsiasi
          - Scritto da: panda rossa

          - Scritto da: shevathas


          Che bene o male rispecchia i limiti che

          avevano

          i


          vecchi libri cartacei. Se io l'avevo
          preso
          in


          prestito dalla biblioteca allora non
          poteva


          averlo nessun altro in


          prestito.



          Mi chiedo perche' non abbiano fatto una cosa
          del

          genere anche per i frigoriferi: un bel
          limite
          di

          10 cubetti di ghiaccio al giorno, per

          rispecchiare i limiti che avevano i
          venditori
          di

          ghiaccio.



          Oppure imporre un bel limite di velocita'
          alle

          auto di 25 km/h di media, per rispecchiare
          quello

          delle carrozze a

          cavallo.



          E perche' non obbligare le memorie per le

          fotocamere digitali a contenere al massimo
          36/48

          foto, per rispecchiare il limite dei vecchi

          rullini di

          pellicola?

          Forse perché sono esempi che non c'entrano
          niente. Te e l'altro genio sopra non avete capito
          che il costo di stampa è solo una piccola parte
          del costo del libro. Non è la carta e
          l'inchiostro che costa.E invece si, a quanto diceva un postatore scrittore qualche settimana fa, ma se vuoi specificarci meglio le cifri dicci pure la tua visione entrando nel dettaglio.
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: Mi sembra un compromesso equilibrato

        E perche' non obbligare le memorie per le
        fotocamere digitali a contenere al massimo 36/48
        foto, per rispecchiare il limite dei vecchi
        rullini di
        pellicola?Avevano fatto una cosa del genere: c'erano le macchine fortografiche digitali usa e getta, che rispecchiavano i limiti delle usa-e-getta a pellicola: in pratica, te le vendevano sottocosto, e tu però non potevi nè cancellare le foto scattate, nè scaricarle sul computer, nè stamparle: dovevi riportare la macchina in negozio, dove la smontavano, ne estraevano le foto e ti davano le stampe.Il risultato? Un flop: tutti compravano la macchina e la craccavano per potersi scaricare le foto sul computer (così avevano una macchina digitale, anche se scadente, ad un prezzo bassissimo, perchè era venduta sottocosto, almeno per l'epoca). In poco tempo, i produttori hanno fatto l'unica cosa possibile: hanno smesso di venderle. Ora, se vuoi una macchina digitale, non la puoi più comprare sottocosto: la paghi al prezzo giusto (che è sceso drasticamente, ed ormai è quasi allo stesso livello delle macchine usa e getta), poi la macchina è tua e la usi come ti pare per il tempo che ti pare.Niente falsi sconti, niente false promesse, niente limiti insensati: si riducono le spese, si paga quello che copre i costi di produzione, e si vande un prodotto libero da vincoli. Oppure... si chiude bottega.
      • Skywalker scrive:
        Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
        - Scritto da: panda rossa
        Mi chiedo perche' non abbiano fatto una cosa del
        genere anche per [...] rispecchiare i limiti che
        avevano i venditori [...] imporre un bel limite
        di velocita' alle auto di 25 km/h di media,
        per rispecchiare quello delle carrozze a
        cavallo.Fatto. In UK nel 1865. Ma la velocità era 6 km/h, non 25.Ed uno dei passeggeri doveva precedere l'auto di 55 metri,a piedi, ed agitare una bandiera rossa per segnalarne ilpassaggio. Da qui il nome di "Red Flag Act".Mica era per difendere gli interessi di chi produceva carrozzea cavallo. No, no, assolutamente no. Era per la difesa dei pedoni.E' innegabile che con l'avvento delle automobili i pedonisiano stati investiti molto più di quando c'erano solo lecarrozze a cavalli.Nel 1896 l'hanno rimosso...l'auto

        E perche' non obbligare le memorie per le
        fotocamere digitali a contenere al massimo 36/48
        foto, per rispecchiare il limite dei vecchi
        rullini di
        pellicola?
        • panda rossa scrive:
          Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
          - Scritto da: Skywalker
          - Scritto da: panda rossa

          Mi chiedo perche' non abbiano fatto una cosa
          del

          genere anche per [...] rispecchiare i limiti
          che


          avevano i venditori [...] imporre un bel
          limite


          di velocita' alle auto di 25 km/h di media,

          per rispecchiare quello delle carrozze a

          cavallo.
          Fatto. In UK nel 1865. Ma la velocità era 6 km/h,
          non
          25.
          Ed uno dei passeggeri doveva precedere l'auto di
          55
          metri,
          a piedi, ed agitare una bandiera rossa per
          segnalarne
          il
          passaggio. Da qui il nome di "Red Flag Act".
          Mica era per difendere gli interessi di chi
          produceva
          carrozze
          a cavallo. No, no, assolutamente no. Era per la
          difesa dei
          pedoni.Si, certo, per difendere i pedoni.Esattamente come le leggi per censurare la rete sono per difendere i bambini dai pedoterrosatanisti.E tu te la bevi?
          E' innegabile che con l'avvento delle automobili
          i pedoni
          siano stati investiti molto più di quando c'erano
          solo le carrozze a cavalli.Come e' innegabile che da quando ci sono mail e forum i pedoterrosatanisti riescono a conversare piu' comodamente di quando usavano telefono a rotella e cartoline postali.
          Nel 1896 l'hanno rimosso...Quando la lobby delle automobili e' riuscita a far eleggere qualche senatore.
      • kurdt scrive:
        Re: Mi sembra un compromesso equilibrato

        Mi chiedo perche' non abbiano fatto una cosa del
        genere anche per i frigoriferi: un bel limite di
        10 cubetti di ghiaccio al giorno, per
        rispecchiare i limiti che avevano i venditori di
        ghiaccio.

        Oppure imporre un bel limite di velocita' alle
        auto di 25 km/h di media, per rispecchiare quello
        delle carrozze a
        cavallo.

        E perche' non obbligare le memorie per le
        fotocamere digitali a contenere al massimo 36/48
        foto, per rispecchiare il limite dei vecchi
        rullini di
        pellicola?C'è solo un punto su cui vorrei portare la tua attenzione, ovvero il fatto che tu non puoi "creare il libro" puoi solo duplicarlo. Quelli che vendevano ghiaccio sono stati sconfitti da una tecnologia superiore, che permetteva di creare ghiaccio in maniera migliore e più velocemente.- I venditori di fotocamere digitali hanno sconfitto in maniera simile quelle a pellicola. - Le auto hanno sconfitto le carrozze a cavalli e le hanno sostituite. Che io sappia non hanno ancora inventato un sistema per far si che i libri si scrivano da soli, in tal caso avresti ragione. Ma l'unico modo che esiste per ottenere un libro e quella roba pesante, noiosa, che mangia, caga, respira (e rutta) chiamata scrittore.
        • panda rossa scrive:
          Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
          - Scritto da: kurdt
          Che io sappia non hanno ancora inventato un
          sistema per far si che i libri si scrivano da
          soli, in tal caso avresti ragione.


          Ma l'unico modo che esiste per ottenere un libro
          e quella roba pesante, noiosa, che mangia, caga,
          respira (e rutta) chiamata
          scrittore.Hai ragione, e non e' questo il punto della discussione.Il punto della discussione e' il mercimonio che gravita in tutta la filiera che va dallo scrittore ai lettori.La tecnologia editoriale di stampa, dagli amanuensi in poi, ha permesso di far stare una briciola di remunerazione per lo scrittore nel vorace mangia mangia di editori, tipografi, distributori e venditori al dettaglio.La medesima tecnologia che a breve togliera' di mezzo questo sciame di inutili parassiti, togliera' pure quella briciola di remunerazione dello scrittore, il quale pero' essendo scrittore e quindi intelligente, trovera' sicuramente il modo per ottenere la sua giusta remunerazione dalle sue decine di migliaia di lettori, per canali alternativi.Chi l'ha gia' trovato questo modo, si sta gia' arricchendo.
          • shevathas scrive:
            Re: Mi sembra un compromesso equilibrato

            La tecnologia editoriale di stampa, dagli
            amanuensi in poi, ha permesso di far stare una
            briciola di remunerazione per lo scrittore nel
            vorace mangia mangia di editori, tipografi,
            distributori e venditori al
            dettaglio.se mangiavano era anche perché i loro servizi bene o male dovevi sfruttarli. Credo ci sarebbe stata un po di difficoltà per gli utenti a procurarsi il manoscritto originale e ricopiarselo.
            La medesima tecnologia che a breve togliera' di
            mezzo questo sciame di inutili parassiti,
            togliera' pure quella briciola di remunerazione
            dello scrittore, il quale pero' essendo scrittore
            e quindi intelligente, trovera' sicuramente il
            modo per ottenere la sua giusta remunerazione
            dalle sue decine di migliaia di lettori, per
            canali
            alternativi.
            Sinceramente non condivido tale fiducia. L'unico sarebbe pubblicare il libro e chiedere offerte per continuare la saga, ma non saprei con quale fortuna visto che chiunque potrebbe ripubblicare storia e personaggi creando una serie di realtà alternative. Ad esempio in un sequel harry potter uccide piton, in un altro capita il viceversa, in un terzo potter muore ma arriva gandalf a fermare voldermort... :s
            Chi l'ha gia' trovato questo modo, si sta gia'
            arricchendo.qualche nome, a parte saviano che ha usato la fama datagli dal libro per trasformarsi in un opinionista prezzemolino ?
          • panda rossa scrive:
            Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
            - Scritto da: shevathas

            qualche nome, a parte saviano che ha usato la
            fama datagli dal libro per trasformarsi in un
            opinionista prezzemolino
            ?Severgnini.
          • shevathas scrive:
            Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: shevathas




            qualche nome, a parte saviano che ha usato la

            fama datagli dal libro per trasformarsi in un

            opinionista prezzemolino

            ?

            Severgnini.E' un giornalista, non uno scrittore full time. I libri per lui sono un addendum, non quello di cui campa.
          • panda rossa scrive:
            Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
            - Scritto da: shevathas
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: shevathas







            qualche nome, a parte saviano che ha
            usato
            la


            fama datagli dal libro per trasformarsi
            in
            un


            opinionista prezzemolino


            ?



            Severgnini.

            E' un giornalista, non uno scrittore full time. I
            libri per lui sono un addendum, non quello di cui
            campa.E di questo stiamo parlando: di autori che scrivono per il piacere di scrivere e non con la pretesa di camparci.
          • shevathas scrive:
            Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: shevathas

            - Scritto da: panda rossa


            - Scritto da: shevathas










            qualche nome, a parte saviano che
            ha

            usato

            la



            fama datagli dal libro per
            trasformarsi

            in

            un



            opinionista prezzemolino



            ?





            Severgnini.



            E' un giornalista, non uno scrittore full
            time.
            I

            libri per lui sono un addendum, non quello
            di
            cui

            campa.

            E di questo stiamo parlando: di autori che
            scrivono per il piacere di scrivere e non con la
            pretesa di
            camparci.come totti.
          • kurdt scrive:
            Re: Mi sembra un compromesso equilibrato

            Hai ragione, e non e' questo il punto della
            discussione.

            Il punto della discussione e' il mercimonio che
            gravita in tutta la filiera che va dallo
            scrittore ai
            lettori.Sono d'accordo, gli editori è da tempo che non fanno più quello che dovrebbero fare (scoprire e valorizzare nuovi talenti)
            La tecnologia editoriale di stampa, dagli
            amanuensi in poi, ha permesso di far stare una
            briciola di remunerazione per lo scrittore nel
            vorace mangia mangia di editori, tipografi,
            distributori e venditori al
            dettaglio.
            La medesima tecnologia che a breve togliera' di
            mezzo questo sciame di inutili parassiti,
            togliera' pure quella briciola di remunerazione
            dello scrittore, il quale pero' essendo scrittore
            e quindi intelligente, trovera' sicuramente il
            modo per ottenere la sua giusta remunerazione
            dalle sue decine di migliaia di lettori, per
            canali
            alternativi.

            Chi l'ha gia' trovato questo modo, si sta gia'
            arricchendo.Esiste Amazon, puoi autopubblicarti già ora. Ovviamente fino a quando la gente non smetterà di comprare i libri più pubblicizzati sarà dura.Il problema è che se elimini (completamente) il copyright ti ritrovi con un prodotto inutile. Il giusto sarebbe renderlo breve (10 anni dalla prima pubblicazione) e decurtare il prezzo dei libri del 70% (cosa che con l'autopubblicazione già succede.
          • shevathas scrive:
            Re: Mi sembra un compromesso equilibrato

            Esiste Amazon, puoi autopubblicarti già ora.
            Ovviamente fino a quando la gente non smetterà di
            comprare i libri più pubblicizzati sarà
            dura.
            è un poco il cane che si morde la coda: più un libro viene acquistato, più se ne parla e maggiore è la pubblicità che viene fatta intorno. Basta pensare al fenomeno "Harry Potter", partito in sordina con una casa "minore" e diventato un fenomeno di costume.E poi ci son quelli che comprano i libri non per il contenuto ma per far vedere che sono "alla moda"; un poco come capitato a suo tempo per "il nome della rosa" di Eco.
            Il problema è che se elimini (completamente) il
            copyright ti ritrovi con un prodotto inutile.


            Il giusto sarebbe renderlo breve (10 anni dalla
            prima pubblicazione) e decurtare il prezzo dei
            libri del 70% (cosa che con l'autopubblicazione
            già
            succede.pienamente d'accordo.
    • becker scrive:
      Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
      - Scritto da: shevathas
      Che bene o male rispecchia i limiti che avevano i
      vecchi libri cartacei. Se io l'avevo preso in
      prestito dalla biblioteca allora non poteva
      averlo nessun altro in
      prestito.per i libri cartacei è normale avere dei limiti di disponibilità si tratta di qualcosa di fisico eogni copia ha bisogno del suo tempo (e costi) per essere prodotta..E' assurdo continuare a paragonare due mezzi di distribuzione dei contenuti diversi. Parlando di una biblioteca online che offre ebook gratis non ha senso mettere questi limiti..L'errore che viene fatto in generale (non questo caso specifico) è di cercare di applicare un modello di business legato a cose fisiche/materiali ai bit. Non sto dicendo che deve essere tutto gratis ma deve cambiare il modo di distribuire i contenuti e ammettere che certi intermediari nell'era di internet sono obsoleti..Io sono il primo che vuole compensare l'autore per quello che ho letto, visto e mi è piaciuto ecc. ma mi da fastido che molti soldi se l'intascano intermediari parassiti che non hano creato un bel niente ma detengono licenze, diritti, copyright!!!! Quello del watermak può essere un compromesso temporaneo ma spero veramente che un giorno gli autori posso distribuire le opere direttamente ai loro lettori.
      • shevathas scrive:
        Re: Mi sembra un compromesso equilibrato


        Quello del watermak può essere un compromesso
        temporaneo ma spero veramente che un giorno gli
        autori posso distribuire le opere direttamente ai
        loro
        lettori.lo possono fare anche adesso, lulù, amazon ed altri portali permettono l'autopubblicazione.
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
        - Scritto da: becker
        Quello del watermak può essere un compromesso
        temporaneo ma spero veramente che un giorno gli
        autori posso distribuire le opere direttamente ai
        loro
        lettori.Nessuno glielo ha mai impedito, semplicemente un grande autore si trova meglio con una casa editrice che gli cura il prodotto e gli fa promozione.
    • gerry scrive:
      Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
      - Scritto da: shevathas
      Che bene o male rispecchia i limiti che avevano i
      vecchi libri cartacei. Se io l'avevo preso in
      prestito dalla biblioteca allora non poteva
      averlo nessun altro in
      prestito.Per un libro cartaceo, è un diritto tutelato per legge.Per un Ebook, è lasciato alla bontà dell'editore.
      • shevathas scrive:
        Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
        - Scritto da: gerry
        - Scritto da: shevathas

        Che bene o male rispecchia i limiti che
        avevano
        i

        vecchi libri cartacei. Se io l'avevo preso in

        prestito dalla biblioteca allora non poteva

        averlo nessun altro in

        prestito.

        Per un libro cartaceo, è un diritto tutelato per
        legge.

        Per un Ebook, è lasciato alla bontà dell'editore.un Ebook non è un libro cartaceo.
        • krane scrive:
          Re: Mi sembra un compromesso equilibrato
          - Scritto da: shevathas
          - Scritto da: gerry

          - Scritto da: shevathas


          Che bene o male rispecchia i limiti che

          avevano

          i


          vecchi libri cartacei. Se io l'avevo
          preso
          in


          prestito dalla biblioteca allora non
          poteva


          averlo nessun altro in


          prestito.



          Per un libro cartaceo, è un diritto tutelato
          per

          legge.



          Per un Ebook, è lasciato alla bontà
          dell'editore.

          un Ebook non è un libro cartaceo.Infatti siamo tutti qua a dirtelo da un po', eri tu quello d'accordo a volerci mettere assurdi limiti per emulare la carta.
  • uno qualsiasi scrive:
    Perchè la copia deve rimanere occupata?
    Non c'è nessun bisogno di fare questo... il download mica dura 14 giorni, nemmeno con una connessione a 56k!
    • Teo_ scrive:
      Re: Perchè la copia deve rimanere occupata?
      - Scritto da: uno qualsiasi
      Non c'è nessun bisogno di fare questo... il
      download mica dura 14 giorni, nemmeno con una
      connessione a
      56k!Sembra assurdo, ma tutto sommato un compromesso accettabile.Forse per andare incontro alle esigenze delleditore di non distribuire infinite copie a infinite persone, poteva essere una soluzione migliore il vendere licenze a pacchetti: licenza per X prestiti annui, magari integrabile quando scarseggiano, così che in periodi di picco di richieste, possano essere sempre disponibili per il prestito . Mi immagino una classe di scuola che vuole fruire contemporaneamente o il particolare interesse di molti per un argomento in un certo periodo a causa di un un qualche evento.Il watermarking come DRM mi sembra la soluzione migliore (lunico che finora ho accettato acquistando media digitali).
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: Perchè la copia deve rimanere occupata?
        - Scritto da: Teo_
        - Scritto da: uno qualsiasi

        Non c'è nessun bisogno di fare questo... il

        download mica dura 14 giorni, nemmeno con una

        connessione a

        56k!

        Sembra assurdo, ma tutto sommato un compromesso
        accettabile.
        Forse per andare incontro alle esigenze
        delleditore di non distribuire infinite copie a
        infinite personeSi tratta sempre di un limite assurdo. Se l'editore vuole mettere un limite che non giova a nessuno. sarebbe meglio che si togliesse di mezzo del tutto.
        , poteva essere una soluzione
        migliore il vendere licenze a pacchetti: licenza
        per X prestiti annui, magari integrabile quando
        scarseggiano, così che in periodi di picco di
        richieste, possano essere sempre disponibili per
        il prestito . Mi immagino una classe di scuola
        che vuole fruire contemporaneamente o il
        particolare interesse di molti per un argomento
        in un certo periodo a causa di un un qualche
        evento.Lo prende a prestito l'insegnante e ne fa una copia a testa.
        Il watermarking come DRM mi sembra la soluzione
        migliore (lunico che finora ho accettato
        acquistando media
        digitali).Quoto solo questa parte.
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: Perchè la copia deve rimanere occupata?
          - Scritto da: uno qualsiasi
          Si tratta sempre di un limite assurdo. Se
          l'editore vuole mettere un limite che non giova a
          nessuno. sarebbe meglio che si togliesse di mezzo
          del
          tutto.coraggio che domani mamma ti dà la paghetta
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Perchè la copia deve rimanere occupata?
            Sarebbe una argomentazione? Dovrebbe significare qualcosa?O sei un troll idiota?
      • Videoteca Krane Rossa scrive:
        Re: Perchè la copia deve rimanere occupata?
        - Scritto da: Teo_
        - Scritto da: uno qualsiasi

        Non c'è nessun bisogno di fare questo... il

        download mica dura 14 giorni, nemmeno con una

        connessione a

        56k!

        Sembra assurdo, ma tutto sommato un compromesso
        accettabile.anche no
        Forse per andare incontro alle esigenze
        delleditore di non distribuire infinite copie a
        infinite personel'editore rimarrà deluso, basta prendere in prestito lo stesso file da due biblioteche distinte (quindi watermark distinto), e poi modificare il watermark dopo averlo individuato con una comparazione bit a bit
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: Perchè la copia deve rimanere occupata?

          l'editore rimarrà deluso, basta prendere in
          prestito lo stesso file da due biblioteche
          distinte (quindi watermark distinto), e poi
          modificare il watermark dopo averlo individuato
          con una comparazione bit a
          bitDovrebbero essere due persone diverse a farlo: altrimenti, il watermark della biblioteca sarebbe diverso, ma quello della persona che ha preso il libro sarebbe lo stesso e non verrebbe notato dal confronto binario.Ma il sistema avrebbe un punto debole ancora più importante: se qualcuno prendesse un ebook, lo salvasse sul portatile, e poi denunciasse ai carabinieri il furto del portatile? A quel punto, potrebbe tranquillamente mettere il file online: dal watermark, verrebbe rintracciato, ma nessuno potrebbe punirlo, perchè lui potrebbe sostenere che è stato il ladro che gli ha rubato il computer a mettere il file online (e potrebbe dimostrare di avere in effetti denunciato il furto poco prima). E a quel punto, la frittata è fatta: chiunque scaricasse l'ebook piratato potrebbe condividerlo con chi vuole, perchè tanto c'è il watermark di un altro, sopra.E all'utente medio converrebbe di più mettersi sul lettore di ebook solo testi piratati: infatti, il lettore di ebook è un oggetto piccolo, che può essere facilmente smarrito o rubato: se mi rubano il lettore di ebook, e io non facessi in tempo a sporgere denuncia (o non mi ricordassi tutti i files che c'erano sopra), se il ladro mettesse online il contenuto del lettore la colpa ricadrebbe su di me, e io oltre ad aver subito il furto dovrei pure pagare. Ma se sul lettore ho solo libri piratati, in caso di furto del lettore non avrei grossi problemi (a parte il costo del lettore stesso), perchè online non finirebbe nessun file con il mio watermark. Quindi, paradossalmente, mi converrebbe comunque prendere il file piratato... perfino se potessi scaricare gratuitamente la versione autorizzata dalla biblioteca.
          • Videoteca Krane Rossa scrive:
            Re: Perchè la copia deve rimanere occupata?
            - Scritto da: uno qualsiasi

            l'editore rimarrà deluso, basta prendere in

            prestito lo stesso file da due biblioteche

            distinte (quindi watermark distinto), e poi

            modificare il watermark dopo averlo
            individuato

            con una comparazione bit a

            bit

            Dovrebbero essere due persone diverse a farlo:
            altrimenti, il watermark della biblioteca sarebbe
            diverso, ma quello della persona che ha preso il
            libro sarebbe lo stesso e non verrebbe notato dal
            confronto
            binario.ovviamente, ma non mi pare un grosso scoglio
            Ma il sistema avrebbe un punto debole ancora più
            importante: se qualcuno prendesse un ebook, lo
            salvasse sul portatile, e poi denunciasse ai
            carabinieri il furto del portatile? il portatile, tramite garanzie e altri impicci potrebbe permettere di sgamare la truffa, meglio denunciare il furto di un'anonima penna usb o disco esterno (che ovviamente conteneva _tutti_ i file che avevamo preso in prestito dalla biblioteca)
            E all'utente medio converrebbe di più mettersi
            sul lettore di ebook solo testi piratati:
            infatti, il lettore di ebook è un oggetto
            piccolo, che può essere facilmente smarrito o
            rubato: se mi rubano il lettore di ebook, e io
            non facessi in tempo a sporgere denuncia (o non
            mi ricordassi tutti i files che c'erano sopra),
            se il ladro mettesse online il contenuto del
            lettore la colpa ricadrebbe su di me, e io oltre
            ad aver subito il furto dovrei pure pagare. Ma se
            sul lettore ho solo libri piratati, in caso di
            furto del lettore non avrei grossi problemi (a
            parte il costo del lettore stesso), perchè online
            non finirebbe nessun file con il mio watermark.
            Quindi, paradossalmente, mi converrebbe comunque
            prendere il file piratato... perfino se potessi
            scaricare gratuitamente la versione autorizzata
            dalla
            biblioteca.quoto tutto, ma purtroppo dubito che l'utente medio abbia le capacità intellettive per porsi questo genere di problemi
  • no problem scrive:
    ridicolo
    totalmente ridicolo
    • Etan Lock scrive:
      Re: ridicolo
      Perché? Mi sembra del tutto interessante...almeno un passo avanti da questo punto di vista.Se l'avessero fatto all'estero staremo qua a dire "mentre in Italia ancora non blablabla"...
      • pippo cammello scrive:
        Re: ridicolo
        - Scritto da: Etan Lock
        Perché? Mi sembra del tutto interessante...almeno
        un passo avanti da questo punto di
        vista.

        Se l'avessero fatto all'estero staremo qua a dire
        "mentre in Italia ancora non
        blablabla"...avremmo detto che era una minc****a comunque...
    • fagotto scrive:
      Re: ridicolo
      Concordo. Facendo un parallelo è come se, quando la inventarono, all'auto a motore avessero aggiunto uno spargitore di XXXXX di cavallo perchè, insomma, non possiamo lasciare i poveri spazzini di XXXXXX di cavallo senza lavoro.Ricreare artificiosamente i problemi ed i limiti di una soluzione vecchia sulla nuova che ne sarebbe altrimenti immune, col solo scopo di tutelare interessi di minoranze arrichitesi sul vecchio sistema è stupido ed antieconomico.
      • korn scrive:
        Re: ridicolo





        Ricreare artificiosamente i problemi ed i limiti di una soluzione vecchia sulla nuova che ne sarebbe altrimenti immune, col solo scopo di tutelare interessi di minoranze arrichitesi sul vecchio sistema è stupido ed antieconomico.Hai ragione ma almeno e' qualcosa di diverso, chissa' che domani non si faccia qualche altro passo avanti.
Chiudi i commenti