Huawei: nessun pericolo per la sicurezza

La telco cinese replica ai sospetti degli Stati Uniti relativi alla presunta collusione con il governo di Pechino. Il nostro atteggiamento, dice Huawei, è sempre stato collaborativo

Roma – Le conclusioni dell’indagine condotta dall’intelligence statunitense circa la presunta minaccia per la sicurezza nazionale rappresentata dalle telco cinesi ha suscitato l’immediata replica di Huawei , sospettata, insieme a ZTE, di essere legata a doppio filo con il governo cinese.

Nella nota ufficiale diramata, i vertici di Huawei sostengono di aver collaborato costantemente con la commissione d’inchiesta statunitense durante gli ultimi undici mesi. “Il nostro top management – si legge – ha partecipato periodicamente a incontri faccia a faccia con i componenti della Commissione e abbiamo aperto il nostro centro di Ricerca e Sviluppo, il centro di formazione e il centro di produzione ai membri del Comitato, offrendo una ricca documentazione a supporto delle indagini”.

Secondo la dirigenza del colosso cinese delle telecomunicazioni, l’atteggiamento di Washington sarebbe stato segnato da un marcato pregiudizio nei confronti dell’azienda, inclinazione che avrebbe portato, dunque, all’elaborazione di un rapporto che sembra essere “prestabilito”. ( C.S. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • maxsix scrive:
    A quando il contrario?
    Quand'è che qualcuno inizierà a fare le pulci a BigG per i dati che PRENDE dagli utenti?
    • mcmcmcmcmc scrive:
      Re: A quando il contrario?
      - Scritto da: maxsix
      Quand'è che qualcuno inizierà a fare le pulci a
      BigG per i dati che PRENDE dagli
      utenti?intendi che "prendono" più dati di quel che dichiarano? Perchè nei termini di servizio le clausole ci sono. Così come esiste il metodo di evitare di dare i dati a google.
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: A quando il contrario?
      Prima deve fare le pulci ad apple, che prende agli utenti molti più dati di quanti ne prenda google.
  • Viut scrive:
    Che usino bing
    Fanno prima a mettere un disclaimer "questi risutlati potrebbero riportare servizi offerti da google, se non ti fidi usa bing"ovviamnete dico bing per dirne uno, potrebbero mettere qualsiasi altro provider di ricerca
Chiudi i commenti