Hubble, tutto rinviato

La camera del telescopio spaziale funziona, ma la missione di salvataggio è rinviata. E ora sul futuro del HST aleggia lo spettro del dubbio: i soccorsi arriveranno in tempo?

Roma – Una notizia buona e una cattiva per Hubble Space Telescope, il telescopio orbitante che da molti anni delizia i palati di scienziati e appassionati con immagini provenienti dalle profondità dello spazio. Quella buona è che la fotocamera in panne è stata riavviata e ora funziona correttamente. Quella cattiva è che la NASA si è vista costretta a rinviare a data da destinarsi la cosiddetta “missione di salvataggio” del satellite scientifico.

Due galassie riprese dal HST Un bel 10: ecco quanto hanno assegnato i tecnici da terra alle prestazioni della Wide Field Planetary Camera 2 (WFPC2) dopo il reboot dei sistemi resosi necessario. Le immagini restituite sono eccezionali come sempre, e pare che il blackout temporaneo di cui era stato vittima l’HST non abbia inficiato minimamente il rendimento del telescopio.

Contemporaneamente, però, la missione dello Shuttle che dovrebbe garantire la sopravvivenza per qualche anno ancora del telescopio orbitante è stata nuovamente posticipata: c’è ancora troppo lavoro da fare prima di poter dare il via all’operazione, non tutto è ancora pronto per volare e soprattutto per garantire il funzionamento della struttura nello spazio. Occorrerà provvedere a sistemare tutto prima di poter fare un tentativo, e ad oggi è impossibile fare una stima precisa di quanto tempo ci vorrà.

“Abbiamo completato l’analisi di quanto occorrerà per volare e ora sappiamo che non siamo pronti per un lancio a Febbraio” ha spiegato il direttore della Divisione Astrofisica NASA, Jon Morse , ai giornalisti. In ogni caso “La data di febbraio era solo una stima preliminare, fatta tenendo conto di preparativi hardware minimi e durata dei test ridotta”: entrambi fattori che, allo stato attuale, devono essere esclusi. Il programma dello Shuttle è stato dunque modificato di conseguenza, e non resta che attendere i prossimi mesi per conoscere quale sarà il destino dell’Hubble. ( L.A. )

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • onoff scrive:
    condizionale
    "I dati presenti nel terminale non dovrebbero venire modificati"non "dovrebbero"??? ma ROTFL... e se invece vengono modificati?
    • Uby scrive:
      Re: condizionale
      - Scritto da: onoff
      "I dati presenti nel terminale non dovrebbero
      venire
      modificati"

      non "dovrebbero"??? ma ROTFL... e se invece
      vengono
      modificati?Google di sicuro sa se vengono modificati o meno, credo che a non saperlo sia l'articolista che per questo ha usato il condizionale.
  • Esteta scrive:
    [ot] che brutto
    il designer sarebbe da licenziare, è proprio brutto! (anonimo)
    • ma dai scrive:
      Re: [ot] che brutto
      - Scritto da: Esteta
      il designer sarebbe da licenziare, è proprio
      brutto!
      (anonimo)Non sarà bellissimo da dire WOW, ma non è neanche così brutto:http://news.cnet.com/8301-1009_3-10080714-83.html?part=rss&subj=news&tag=2547-1_3-0-5Sicuramente con la tastiera sarà molto più pratico di uno che ha solo il touchscreen
    • nokiafan scrive:
      Re: [ot] che brutto
      non si possono fare discorsi sull'esteticaperchè non è un cellulare commerciale, è il primo modelloè poco + di un prototipoun qualcosa di "fisico" fatto per i programmatori, per non usare solo un emulatore non è bruttino, cmq se parliamo di estetica, l'htc ha dimostrato che può far telefoni molto belli .. basta attendere un altro concorrente che fa uscire qualcosa con android .. ed ecco che si scateneranno su abbellimeti e frocerie varie indispensabili per fare un cellulare da mezzo stipendio!
    • Riccardo.Raneri scrive:
      Re: [ot] che brutto
      Bisogna fare distinzione tra il software (Google Android) e l'hardware (HTC Dream). Per essere un HTC non è bellissimo, ma il sistema operativo, che sembra funzionale, con ottime prospettive, *multitasking* (cfr. iPhone) e soprattutto open source, è virtualmente installabile su qualsiasi altro dispositivo futuro, quindi per questo tipo di giudizio è meglio aspettare i prossimi smartphone, che saranno sicuramente molto belli anche esteticamente.
Chiudi i commenti