I creatori di Morpheus denunciano eBay

StreamCast Networks, la società dietro il celebre software P2P, si scaglia contro il colosso delle aste online. L'accusa: Skype, acquistato da eBay, abusa di tecnologie P2P brevettate da StremCast
StreamCast Networks, la società dietro il celebre software P2P, si scaglia contro il colosso delle aste online. L'accusa: Skype, acquistato da eBay, abusa di tecnologie P2P brevettate da StremCast

Los Angeles (USA) – I creatori del celebre Morpheus , a suo tempo uno tra i più diffusi sistemi di condivisione P2P, hanno denunciato eBay per via di alcune tecnologie utilizzate in Skype , il software di comunicazione VoIP acquistato dal colosso delle aste online.

Secondo le dichiarazioni dei rappresentanti legali di Streamcast Netoworks , l’azienda produttrice di Morpheus deterrebbe diritti esclusivi sull’uso della tecnologia P2P FastTrack , fondamentale per il funzionamento di Skype.

“C’è stato un piano ben orchestrato da parte di eBay e Skype”, si legge nel testo della denuncia, “per rubare e trarre profitto da tecnologie che appartengono a StreamCast di diritto”. StreamCast, prima dell’acquisto di Skype da parte di eBay, avrebbe pagato per divenire utilizzatori esclusivi di FastTrack. La richiesta di risarcimento avanzata dai produttori di Morpheus è enorme: si parla di 4 miliardi di dollari .

I legali di StreamCast hanno denunciato anche Niklas Zennstrom e Janus Friis, gli sviluppatori del protocollo FastTrack. FastTrack, in principio, veniva utilizzato da Morpheus ed costituiva l’ asse portante dei sistemi iMesh, Grokster e Kazaa. I portavoce di eBay si sono limitati a puntualizzare che “si tratta di un procedimento legale che ci interessa sin dallo scorso gennaio” e non hanno voluto fornire ulteriori commenti.

Le controversie sui brevetti software , sostiene sulla lista CopyWhat Andrea Glorioso, esperto ed osservatore, “stanno contribuendo a rovinare il sistema statunitense dei brevetti”. “Molte aziende lamentano di non poter operare sotto il costante rischio dei cosiddetti patent troll , ditte o individui che acquisiscono brevetti, spesso in grande quantità, per poi ricattare le aziende operanti nel settore di riferimento”. Tuttavia, qualcosa sta iniziando lentamente a cambiare perché negli USA aumentano le pulsioni di più soggetti, operatori e aziende, verso una riforma delle dinamiche brevettuali .

Tra i protagonisti del cambiamento, auspicato da numerosi addetti ai lavori e da aziende di primo piano come IBM , spicca l’iniziativa Open Source as Prior Art , che si batte affinché l’ Ufficio Brevetti degli USA inizi ad attribuire lo status di prior-art a tecnologie open-source.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

24 05 2006
Link copiato negli appunti