I neutrini rallentano, Einstein aveva ragione

Un nuovo esperimento condotto sotto il Gran Sasso conferma: i neutrini non viaggiano a velocità superiori a quelle della luce. ICARUS smentisce OPERA, ma Rubbia smorza la polemica

Roma – Dopo aver messo a soqquadro il mondo scientifico e quello dei media internazionali, la scoperta della presunta velocità superluminale dei neutrini deve fare i conti con le verifiche da parte di team di ricerca ed esperimenti terzi. E si tratta, a quando pare, di smentite al lavoro di analisi fatto dai ricercatori del progetto OPERA nel laboratorio del Gran Sasso.

Già messa in dubbio per possibili errori nella strumentazione usata durante i test dal team di Antonio Ereditato – lo stesso responsabile dell’annuncio iniziale – la super-velocità dei neutrini viene ora smentita dal team di ICARUS, progetto operante nello stesso laboratorio di OPERA ma con un rivelatore di particelle differente.

Per rivelare e misurare le particelle elementari sfuggenti e refrattarie all’interazione come i neutrini, ICARUS usa una tecnologia a base di argon liquido contro quella a emulsione fotografica di OPERA: nel corso dell’esperimento, il rivelatore ha “catturato” sette neutrini sparati (come nel caso di OPERA) dal CERN di Ginevra in direzione Gran Sasso, con velocità prossime a quelle delle luce : certamente non superiori.

Che il team di OPERA e dei neutrini superluminali si sia dunque sbagliato? Altamente probabile, visto che ICARUS usa in pratica le stesse strumentazioni adottate dal progetto precedente a parte la differenza succitata nel tipo di materiale usato nel rivelatore di particelle.

Il premio Nobel e portavoce del progetto ICARUS Carlo Rubbia ha commentato dicendo che “ICARUS misura la velocità dei neutrini come niente affatto più veloce della luce”, e questo genere di risultati non farebbe altro che “fornire un’importante riscontro sui rapporti di risultati anomali di OPERA dello scorso anno”.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Osvy scrive:
    Va bene recensirlo, ma...
    ... non è che i programmatori di Windows saranno tutti scemi: se danno certi "times" a certe operazioni, dovrebbero sapere meglio di noi che è il caso di aspettare almeno quel tempo lì.Quindi, io eviterei di mettermi "a rischio" manipolando la tempistica di Windows per guadagnare quanto? 3-5 secondi?... ritrovandosi poi magari in cambio con files non salvati e programmi corrotti (anche se si tratta di rischi con bassa probabilità di avveramento). ciao
  • goog scrive:
    attenzione alle opzioni di startup
    Attenzione, le opzioni di startup rimandano a siti analizzati come malevoli dall'antivirus (Nod32)
  • Mukkolo scrive:
    Ma per favore
    " <b
    SPeed </b
    ""Check <b
    systeam </b
    <b
    partiton </b
    from <b
    erorr </b
    "Ma per favore.
Chiudi i commenti