I server Dell salgono sul carro ARM

Si tratta di una sperimentazione, ma già aperta ad alcuni clienti. E in futuro sarà un prodotto per tutti. Il sistema operativo prescelto è Ubuntu
Si tratta di una sperimentazione, ma già aperta ad alcuni clienti. E in futuro sarà un prodotto per tutti. Il sistema operativo prescelto è Ubuntu

Dopo Hewlett-Packard , anche Dell si prepara a realizzare server con cuore ARM, specializzati nel tenere a bada i consumi energetici. Sulla carta la tecnologia appare pronta a contrastare l’architettura x86 nel campo dei datacenter, ma ARM deve ancora dimostrare il suo reale valore fuori dai confini mobile. L’iniziativa Dell servirà proprio ad accelerare le fasi di sviluppo e test.

L’idea ruota intorno ad una piattaforma che evidenzierà i benefici dei server basati su processore ARM e del computing basato sul cloud. La richiesta sta crescendo, e Dell consentirà agli sviluppatori interessati di mettere un primo piede in questo nuovo mercato.

I programmi dei server “Copper”, implementati nei Dell Solution Center, supporteranno creazione e verifica del software. L’accesso remoto all’ecosistema funzionerà su prenotazione e sarà riservato ad un numero ristretto di clienti. Nel prossimo futuro le porte del server ARM Dell verranno comunque aperte a tutti.

I system-on-a-chip (SoC) utilizzati per il progetto “Copper” sono i quad-core Marvell Armada XP da 1,6GHz di frequenza. Lo chassis del rack utilizzato da Dell può includere 48 nodi indipendenti per un totale di 192 core.

Tra i partner dell’operazione troviamo anche il Texas Advanced Computing Center (TACC) e la Canonical di Mark Shuttleworth. L’annuncio Dell incorona Ubuntu come “sistema perfetto per questa prima generazione di server ARM”.

Roberto Pulito

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

30 05 2012
Link copiato negli appunti