I sindacati si appellano agli operatori di call center

CGIL, CISL e UIL dialogano con i lavoratori delle decine di call center del palermitano e chiedono loro di venire allo scoperto: è ora di passare all'azione e, sfruttando le attuali normative, superare il precariato
CGIL, CISL e UIL dialogano con i lavoratori delle decine di call center del palermitano e chiedono loro di venire allo scoperto: è ora di passare all'azione e, sfruttando le attuali normative, superare il precariato

Palermo – Il mondo delle TLC è in agitazione da tempo sul fronte bollente dei call center ma ora i sindacati confederali CGIL, CISL e UIL stanno cercando di “far uscire allo scoperto” i lavoratori delle più di 90 strutture che operano nel palermitano, per superare il precariato .

Proprio oggi alle 10 a Palermo i tre sindacati invitano i dipendenti di questi call center a partecipare alla mobilitazione con cui vogliono fare cornice al previsto intervento del ministro Cesare Damiano al San Paolo Palace Hotel, un intervento con cui il Ministro parlerà proprio della stabilizzazione dei precari dei call center e dei passi previsti per raggiungere l’obiettivo. In tutto sono circa 6mila gli operatori (2700 solo in Sicilia) che saranno assunti entro la fine dell’anno grazie alle nuove norme.

Per questo i sindacati si augurano che i precari vogliano “unirsi per aprire la fase di contrattazione con le imprese che dovrà portare alla loro stabilizzazione”. “Dopo tante denunce di sfruttamento – ha dichiarato Rosario Farone di SLC CGIL – ora con gli strumenti di legge che esistono è il momento di pensare alla stabilizzazione delle migliaia di precari dei nostri call center”. I sindacati chiedono alle imprese di collaborare e, come previsto dalla Finanziaria, chiudere gli accordi entro la fine di aprile. Per le società di settore è un obbligo: hanno tre mesi di sanatoria per sistemare la questione. “Altrimenti – avverte Faraone – riceveranno la visita degli ispettori”.

L’invito, dunque, è quello di “venire fuori”. “Mettetevi in contatto con noi – dicono i sindacati – scrivete ai nostri indirizzi email, raccontateci in che condizioni lavorate”.

L’appello, secondo i sindacati, è necessario per contrastare l’ostruzionismo di molti imprenditori di settore che spingerebbero i propri lavoratori a non farsi sentire per evitare grane.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

29 01 2007
Link copiato negli appunti