I social network: un male per la società

Una nuova voce autorevole e critica si leva contro Facebook & Co. In particolare, presunti colpevoli della distruzione della società prossima ventura...

Roma – Chamath Palihapitiya si è unito al coro di quelli che sparano alzo zero contro Facebook e gli altri social network , una tipologia di servizio che a dire dei critici ha effetti sostanzialmente negativi su chi lo usa. Palihapitiya è stato particolarmente duro contro il network americano, un’azienda che lui conosce bene perché l’ha vissuta dall’interno sin dal 2007.

Palihapitiya è stato infatti vice-presidente di Facebook assegnato alla crescita degli utenti, e di quel periodo ha conservato un “enorme senso di colpa” per quello che ha contribuito a creare e a far sviluppare. Ora che si occupa di finanziare aziende impegnate nell’educazione e nella cura della salute, però, l’ex-manager si è dimostrato ben disposto a confessare questa sua colpa davanti a un pubblico selezionato.


Palihapitiya è infatti intervenuto con la audience della Stanford Graduate School of Business , definendo Facebook e i network similari come “strumenti che stanno facendo a pezzi il tessuto sociale del modo in cui funziona la nostra società.”

Il feedback a breve termine fatto di cuoricini, iconcine e “like” su cui si basa Facebook sta distruggendo la società , ha continuato Palihapitiya, con un meccanismo che genera dopamina in modiche quantità ed elimina la conversazione civile, la cooperazione e porta alla diffusione di informazioni false, alla sfiducia o peggio.

Palihapitiya ci tiene a precisare che non si riferisce all’advertising russo del Russiagate ma a un problema globale, confermando di essere lui stesso in astinenza da social e di aver imposto la stessa condizione ai suoi figli. Ma alla fine l’ex-manager va oltre Facebook, prendendosela anche con il modello con cui funzionano gli investimenti della Silicon Valley con il denaro che viene pompato in “aziende merdose, inutili e idiote” che giocano con le app invece di occuparsi dei veri problemi del mondo.

Il giudizio tranchant di Palihapitiya non lascia possibilità di appello al social networking, e arriva a non molta distanza da un’altra presa di posizione altrettanto impietosa a opera dell’ex-presidente di Facebook Sean Parker che si era scagliato contro un servizio che sta “friggendo il cervello” ai più giovani.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti