IBM miniaturizza il chip di PlayStation 3

Big Blue ha avviato la produzione di una nuova versione di Cell con tecnologia a 65 nanometri che, rispetto ai chip di prima generazione, vanta costi e consumi più ridotti. La prima a beneficiarne sarà Sony

Armonk (USA) – All’inizio della settimana IBM ha avviato la produzione di una nuova versione del processore Cell, lo stesso alla base di PlayStation 3, che utilizza una tecnologia di processo a 65 nanometri.

Il passaggio dai circuiti a 90 nm – quelli della prima generazione di Cell – verso circuiti a 65 nm porta come benefici una riduzione dei costi di produzione e dei consumi energetici .

Il nuovo Cell a 65 nm aiuterà Sony a ridurre significativamente il costo di produzione di PS3 : iSuppli stima che Cell costi oggi a Sony 89 dollari, ossia oltre un decimo del valore complessivo della console. La nuova versione di Cell dovrebbe invece costare circa 60 dollari.

D’altronde, proprio per contenere i costi della console, Sony ha rimosso il processore Emotion Engine dalla versione europea della console: una mossa molto contestata dai fan del Vecchio Continente, soprattutto perché a fronte di una minore compatibilità con i giochi di PS2 non vi è stato alcun ritocco al prezzo finale della console. Prezzo che, peraltro, secondo alcuni analisti rimarrà invariato ancora per parecchio tempo: secondo iSuppli, Sony oggi perderebbe tra i 200 e i 300 dollari per ogni PS3 prodotta.

Il minor consumo di energia del nuovo processore, stimato da IBM intorno al 19%, va soprattutto a vantaggio della linea di server blade con architettura Cell introdotta da Big Blue lo scorso anno.

Un team di scienziati di IBM, Sony e Toshiba collabora allo sviluppo di Cell presso un centro di progettazione sito ad Austin, nel Texas, dal marzo del 2001. Questo processore è stato pensato per un’ampia gamma di applicazioni, da quelle consumer a quelle business, compresi server, set-top box, apparati medici, workstation grafiche e dispositivi di telecomunicazione.

IBM sta fabbricando la nuova versione di Cell presso l’ impianto di Fishkill , nello stato di New York, lo stesso dal quale nel corso dell’anno usciranno anche i primi processori Power 6 da 65 nm.

Il big di Armonk ha messo a punto la tecnologia di processo a 65 nm insieme alla propria partner AMD , con cui sta lavorando anche allo step successivo, rappresentato dalla litrografia a 45 nm . AMD ha iniziato a produrre chip a 65 nm verso la fine dello scorso anno , circa un anno dopo la rivale Intel .

Maggiori informazioni tecniche sul Cell da 65 nm vengono fornite in questo approfondimento di BetaNews.com .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Curiosità
    Con il dovuto rispetto per chi, purtroppo non ci vede, ma cosa razzo se ne fa un cieco di un VIDEO???
    • Cobra Reale scrive:
      Re: Curiosità
      Può ascoltarne l'audio, ovviamente.Il software consentirà di controllare agevolmente l'avviamento del filmato, renderà più facile regolarne il volume, migliorerà la gestione dell'audio in modo che esso non interferisca con le applicazioni normalmente usate dai non vedenti (come i reader che leggono il testo delle pagine) e sarà in grado di leggere i metadati eventualmente presenti nel video stesso.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 15 marzo 2007 15.31-----------------------------------------------------------
      • Anonimo scrive:
        Re: Curiosità

        Può ascoltarne l'audio, ovviamente.
        Il software consentirà di controllare agevolmente
        l'avviamento del filmato, renderà più facile
        regolarne il volume, migliorerà la gestione
        dell'audio in modo che esso non interferisca con
        le applicazioni normalmente usate dai non vedenti
        (come i reader che leggono il testo delle pagine)
        e sarà in grado di leggere i metadati
        eventualmente presenti nel video
        stesso.Esattamente quello che pensavo, però vista la qualità audio della roba che gira su youtube mi domandavo quanto ne valesse la pena :|
  • Cobra Reale scrive:
    Brava Chieko
    Un'ottima idea, che dimostra come l'informatica possa migliorere la qualità della vita.
  • Anonimo scrive:
    Redazione: "Accademy"
    Si scrive Academy, con una sola "c".
Chiudi i commenti