AMD e IBM accelerano sui 45 nanometri

AMD e IBM accelerano sui 45 nanometri

Le due partner hanno promesso di mettere a punto il nuovo processo di fabbricazione per la metà del 2008. Useranno tecnologie con cui sperano, in futuro, di riagguantare il gigante Intel
Le due partner hanno promesso di mettere a punto il nuovo processo di fabbricazione per la metà del 2008. Useranno tecnologie con cui sperano, in futuro, di riagguantare il gigante Intel

San Francisco (USA) – Dopo aver ha avviato la produzione dei suoi primi chip a 65 nanometri , di recente AMD si è detta pronta ad abbracciare la tecnologia a 45 nm verso la metà del 2008. Gli analisti hanno accolto la notizia con un certo scetticismo, visto che 18 mesi sono un tempo davvero breve per un tale salto tecnologico, ma in questi giorni AMD e la propria partner, IBM, hanno solennemente confermato la promessa.

In occasione dell' International Electron Device Meeting , le due società hanno descritto le tecnologie che utilizzeranno per sviluppare la loro prossima generazione di chip: la litografia a immersione e le connessioni con dielettrici ultra-low-K.

“La litografia a immersione ci consentirà di ottenere una migliore definizione nella progettazione del microprocessore e una migliore stabilità nei processi di produzione”, ha affermato Nick Kepler, vice president del Logic Technology Development di AMD. “L'utilizzo di connessioni con dielettrici ultra-low-K aumenterà ulteriormente le prestazioni dei nostri microprocessori, riducendo sensibilmente il consumo di energia a beneficio di tutti i nostri clienti, delle applicazioni e del consumo di energia a livello globale. Questo annuncio è un'altra dimostrazione della positiva collaborazione tra IBM e AMD nella ricerca e sviluppo”.

La litografia a immersione utilizza un liquido trasparente per riempire lo spazio tra la lente di proiezione del sistema di litografia step-and-repeat e il wafer che contiene centinaia di microprocessori. Questa importante evoluzione nella litografia offre una maggiore profondità di fuoco e una migliore fedeltà dell'immagine, che possono migliorare le prestazioni a livello di chip e l'efficienza di produzione.

Sebbene Intel abbia già prodotto prototipi di chip a 45 nm , e preveda di migrare a questa tecnologia già a partire dalla seconda metà del 2007 , il chipmaker di Santa Clara continuerà ad avvalersi di una tecnologia litografica tradizionale. Alcuni osservatori sostengono che il ritardo di Intel nell'adottare la litografia a immersione potrebbe consentire ad AMD, in futuro, di azzerare il gap maturato nei confronti della propria rivale . Per Intel, infatti, il passaggio dai 45 ai 32 nm potrebbe rivelarsi più complesso e impegnativo.

IBM ha poi spiegato che l'uso di connessioni con dielettrici a basso K di tipo poroso, unite all'uso della tecnologia wiring delay , riducono le dispersioni degli elettroni attraverso le interconnessioni del silicio: rispetto ai dielettrici low-k tradizionali, quelli ultra-low-k promettono di ridurre le latenze nella trasmissione dei segnali elettrici di circa il 15% .

IBM e AMD collaborano allo sviluppo delle tecnologie di produzione dei semiconduttori di prossima generazione sin dal gennaio 2003. Nell'agosto di quest'anno le due aziende hanno annunciato un'estensione della propria cooperazione tecnologica fino al 2011, un arco di tempo che le vedrà occupate a sviluppare le tecnologie di processo a 32 nm e 22 nm.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

13 12 2006
Link copiato negli appunti