IBM sposta Office nel cestino

L'azienda statunitense avrebbe dato dieci giorni di tempo ai suoi dipendenti per passare a Lotus Symphony. E Google Docs viene usato da un'azienda su cinque

Roma – Sarà un cambiamento quasi obbligato quello che attenderà i circa 360mila dipendenti IBM: un quotidiano economico tedesco, Handelsblatt , ha recentemente riportato una sorta di ultimatum che l’azienda di Armonk avrebbe lanciato ai suoi impiegati. Gettare nel cestino dell’ufficio Microsoft Office e passare a Lotus Symphony , suite basata su OpenOffice ed Eclipse, rilasciata lo scorso anno da IBM.

Più precisamente, saranno dieci i giorni a disposizione di ogni ufficio per mandare in soffitta il formato doc e accogliere l’ Open Document Format (ODF), lasciando ai vertici manageriali il futuro potere di autorizzare ogni utilizzo del pacchetto software di Microsoft. Un approccio che pare aver comunque già coinvolto la quasi totalità dei dipendenti di IBM .

E quindi un’altra notizia non troppo incoraggiante per Redmond e la sua massiccia presenza software negli uffici di tutto il mondo. La sfida lanciata da Lotus Symphony si inserisce sulla scia di una recente inchiesta condotta da IDC: circa 1 azienda su 5 ha dichiarato un utilizzo ampio di Google Docs sul posto di lavoro . “Google Docs non è ancora in grado di soppiantare Microsoft – ha dichiarato Melissa Webster, analista IDC – ma il fatto che viene adottato sempre più velocemente costituisce una seria minaccia per Microsoft”.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • tina godina scrive:
    iscrivermi
    sono curiosa di conoscere il vostro sito grazie
  • de paola michelina scrive:
    terremoto giappone
    è la prima volta che apro twitter e non so ancora come funziona, vorrei vedere alcuni vieo del teremoto
  • Franco Rossano scrive:
    Twitter
    Le solite aziende-fuffa all'ammerikana...Sparano numeri in aria come se fossero caramelle.La fine di questo modo di procedere l'abbiamo vista tutti... e ancora non ci credono fino a quando non ci si romperanno le corna in maniera definitiva.Così la smetteranno di rompere le balle al mondo con le loro idiozie di new-economy
    • euthymos scrive:
      Re: Twitter
      Bravo! Quanto hai ragione!Ci siamo rotti le palle di questa Fuffa 2.0. È il trionfo dell'inutile. Cosa producono? Frammenti di informazioni che per il 99.9% sono irrilevanti. Grazie al social networking oramai la comunicazione non soffre più dell' onere del contenuto .Il contenuto, ragazzi! Qui si cerca di far soldi intorno a un business che non produce contenuti, ma spazzatura impacchettata secondo metodi diversi: Facebook e Twitter sono tanto diversi quanto simili. Tranne per alcuni casi particolari, fanno parte di questo proXXXXX di eliminazione dei contenuti che dà a tutti la possibilità di comunicare senza avere niente da dire.Potete fare un test anche per conto vostro: guardate la vostra bacheca di Facebook (se ne avete una) e provate a trovare un solo contenuto interessante, scritto da voi o da altri. Un contenuto che aggiunga qualcosa alle vostre conoscenze, vi parli di qualcosa di nuovo e particolare, oppure vi aiuti ad approfondire il rapporto che avete con le persone.Troverete invece video di gente che si chiude i bottoni della camicia con i denti, o che tiene una pallina in equilibrio sul naso, poi test inutili tipo "che tipo di frullatore sei?" :DMa non è colpa vostra.Per fortuna, come ogni bolla è destinata ad esplodere. Vedrete che prima o poi ci rompiamo tutti i XXXXXXXX.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 17 settembre 2009 21.18-----------------------------------------------------------
      • anonimo scrive:
        Re: Twitter
        Su twitter seguo delle persone che mi informano di cose interessanti. Qualche parola e un link. Seguo avvenimenti ricevendo news in diretta. E' utile perché permette di comunicare informazioni brevi sia dal computer che dal cellulare.Ma qua sembrate tutti degli illuminati che hanno capito tutto della vita, chissà perché allo stesso tempo l'Italia nel mondo IT è rimasta al palo. Questa mentalità del "ah che XXXXXXX ma a che serve??? mah tutta spazzatura tutti deficienti" è il vostro cancro. Se uno non ha la mentalità aperta si fossilizza. Su Internet il 90% di quello che troverete sarà spazzatura. Ma è chi ha l'abilità di scremare i contenuti che può sfruttare la rete. Twitter è uno strumento, non è il contenuto, se lo usi per seguire scemate allora sei tu che ne fai un uso stupido e che non hai capito come sfruttarlo.
      • Funz scrive:
        Re: Twitter
        Giusto, chiudiamo tutti i bar perchè, è evidente, i baristi e i loro avventori non hanno mai un ca**o di sensato da dire :p
        • invasore scrive:
          Re: Twitter
          - Scritto da: Funz
          Giusto, chiudiamo tutti i bar perchè, è evidente,
          i baristi e i loro avventori non hanno mai un
          ca**o di sensato da dire
          :pAnche se euthymos ha delle posizioni un po troppo forti questo tuo commento non è molto pertinente... Volevi fare un abattuta vero?
          • Funz scrive:
            Re: Twitter
            - Scritto da: invasore
            - Scritto da: Funz

            Giusto, chiudiamo tutti i bar perchè, è
            evidente,

            i baristi e i loro avventori non hanno mai un

            ca**o di sensato da dire

            :p

            Anche se euthymos ha delle posizioni un po troppo
            forti questo tuo commento non è molto
            pertinente... Volevi fare un abattuta
            vero?certo che no, sono serissimo :p
        • euthymos scrive:
          Re: Twitter
          - Scritto da: Funz
          Giusto, chiudiamo tutti i bar perchè, è evidente,
          i baristi e i loro avventori non hanno mai un
          ca**o di sensato da dire
          :pMa dai funz, nei bar si parlerà pure di cose futili, ma almeno si parla di cose vere: con i miei amici ho sempre parlato di ragazze, di motori e di calcio, spesso in un modo da sfigati, magari in modo sconnesso. Non saranno argomenti colti ma sono COSE REALI .Spesso parlavamo di argomenti privati, intimi... Chiacchiere da bar, ma cose che non avremmo detto a nessuno se non ai nostri amici. Con Facebook è tutto appiattito, non è vero che viola la tua privacy perché in quella bacheca non metti te stesso, ma una versione censurata, banalizzata, standardizzata e addomesticata di quelli che sono i tuoi interessi e le tue ambizioni.Hai presente la figura mitica del "baretto" nell'iconografia degli 883? Ecco, prova a paragonarla con Facebook.Gli amici che ti citofonano sotto casa alle 11 di sera perché ti sei lasciato con la ragazza, quelli sono amici. Non i 200 contatti di Facebook. Nei bar non si parla dell'ultimo video di un tizio che fa le fiammate mettendo l'accendino vicino al sedere quando XXXXXXXXX. Quello è Facebook. :D-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 18 settembre 2009 20.45-----------------------------------------------------------
      • tina godina scrive:
        Re: Twitter
        ho letto quello ke hai scritto a parte alcune cose interessanti ki ti obbliga a farne parte:)
Chiudi i commenti