Ibridare iPhone e Android si può

Anche il sistema operativo mobile di Google è stato infilato a forza sul melafonino. In barba ai severi regolamenti imposti da Cupertino

Roma – Da quando ha esordito sul mercato, iPhone si è prestato più volte a soddisfare le diverse perversioni dei componenti del Dev Team , gli autori di ogni jailbreak sin dalla prima versione del melafonino, ma mai prima d’ora, se si fa eccezione per una versione di Linux , si era visto uno smartphone di Cupertino equipaggiato con Android , in barba ai severi dettami emanati da Steve Jobs in persona sotto forma di EULA.

L’autore di questo sberleffo exploit è Planetbeing , pseudonimo di David Wong (hacker facente parte della squadra del Dev Team) che ha utilizzato un iPhone di prima generazione sbloccato per portare a compimento un progetto su cui ha lavorato nel tempo libero: “Effettuare il porting sulla versione 3G è abbastanza semplice – ha aggiunto Wong – mentre per quanto riguarda il 3GS si tratterebbe di un’operazione alquanto complessa”.

Per effettuare il boot di Android è bastato spegnere iPhone per accedere al software OpeniBoot e successivamente, tenendo premuto il tasto home, provare la strana sensazione di osservare il caricamento di un OS diverso da quello che si è soliti vedere su iPhone. Lo sviluppo attuale consente la navigazione in WiFi e il supporto alle comunicazioni via GSM, anche se mancano ancora diversi driver.

Giorgio Pontico

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Sandro Sandrucci scrive:
    lo scivolone dell'antivirus
    'sti XXXXXchi di virus ferisce di antivirus perisceSandrino
  • suc scrive:
    nessuno dovrebbe accedere al kernel
    ecco il perchè nessuno, nemmeno l'antivirus, dovrebbe permettersi di modificare il kernel. Ecco il perchè Microsoft ha introdotti il kernel patchguard con Vista e 7, ecco il perchè Win8 proseguirà sulla strada di Vista/7, segnando definitivamente la fine dei virus (almeno quelli in kernel mode)
    • hacher scrive:
      Re: nessuno dovrebbe accedere al kernel
      - Scritto da: suc
      ecco il perchè nessuno, nemmeno l'antivirus,
      dovrebbe permettersi di modificare il kernel.
      Ecco il perchè Microsoft ha introdotti il kernel
      patchguard con Vista e 7, ecco il perchè Win8
      proseguirà sulla strada di Vista/7, segnando
      definitivamente la fine dei virus (almeno quelli
      in kernel
      mode)l'unico modo perché window 8, 9 o 10 siano immuni ai virus é quello di usare il kernen linux. Il resto sono bla bla
      • vinnie scrive:
        Re: nessuno dovrebbe accedere al kernel
        - Scritto da: hacher
        l'unico modo perché window 8, 9 o 10 siano immuni
        ai virus é quello di usare il kernen linux. il kernel linux è facilmente rimpiazzabile da un malware con 1 sola linea di comando, quindi è tutt'altro che adatto
        • krane scrive:
          Re: nessuno dovrebbe accedere al kernel
          - Scritto da: vinnie
          - Scritto da: hacher

          l'unico modo perché window 8, 9 o 10 siano

          immuni ai virus é quello di usare il kernen linux.
          il kernel linux è facilmente rimpiazzabile da un
          malware con 1 sola linea di comando, quindi è
          tutt'altro che adattoCerto : basta essere root...
    • Fiamel scrive:
      Re: nessuno dovrebbe accedere al kernel
      Se si scopre un buco nel kernel, anche quello va pezzato, e allora chi lo pezza?
      • vinnie scrive:
        Re: nessuno dovrebbe accedere al kernel
        - Scritto da: Fiamel
        Se si scopre un buco nel kernel, anche quello va
        pezzato, e allora chi lo
        pezza?lo pezza solo il servizio autenticato per farlo
        • krane scrive:
          Re: nessuno dovrebbe accedere al kernel
          - Scritto da: vinnie
          - Scritto da: Fiamel

          Se si scopre un buco nel kernel, anche quello va

          pezzato, e allora chi lo pezza ?
          lo pezza solo il servizio autenticato per farloE se si copia il pezzo di quel codice per creare il virus ?
    • collione scrive:
      Re: nessuno dovrebbe accedere al kernel
      mmm in pratica gli antivirus non potranno più patchare i kernel objects e quindi saranno incapaci di identificare l'hooking user mode usato dai malware per intercettare le chiamate alle syscallnon c'è che dire una gran furbatain windows 8 sono sicuro che implementeranno la modalità "usa il pc da spento così sei tranquillo al 100%" :Dadesso capisco perchè Jobs vende mac a palate
      • vinnie scrive:
        Re: nessuno dovrebbe accedere al kernel
        - Scritto da: collione
        mmm in pratica gli antivirus non potranno più
        patchare i kernel objects e quindi saranno
        incapaci di identificare l'hooking user mode
        usato dai malware per intercettare le chiamate
        alle
        syscallsei rimasto indietro ai tempi di XP... Da Vista, nessun proXXXXX che gira con livello di integrità più bassa, può intercettare o manipolare o fare hooking di oggetti con livello di integrità più alta
  • Ernesto scrive:
    io non pago più e sapete perchè?
    avast è gratuito e buon antivirusdefender proteggi il registro da modifichemalware antibytes è free e anch'esso trova trojan e modifiche nascoste al registro, uso zone alarm come firewall, e vivo bene con windows xp da anni!! pagare per chi? tutti pazzi
    • Nedanfor non loggato scrive:
      Re: io non pago più e sapete perchè?
      Nessuno di essi ti garantisce che non ci possano essere errori, idem per tutto il software del resto. Comunque io preferisco vivere direttamente senza antivirus di sorta... Di rado utilizzo strumenti per controllare che non vi siano eventuali rootkit, ma in due anni che campa questa installazione zero. Controllo spesso anche la lista di processi, nulla di insolito, nessun comportamento anomalo, niente di niente. Basta non usare Windows, a volte.
      • Sgabbio scrive:
        Re: io non pago più e sapete perchè?
        linux ? :DComunque nessuno ha mai detto dei falsi positivi di Avast! (si chiama cosi, con il punto esclamativo), famoso per questa sua particolarità fino a qualche mesetto fa.Mi ricordo una volta che vide come trojan UTorrent, ma li risolsero la cosa in 2 ore :D
    • DarkOne scrive:
      Re: io non pago più e sapete perchè?
      - Scritto da: Ernesto
      avast è gratuito e buon antivirus
      defender proteggi il registro da modifiche
      malware antibytes è free e anch'esso trova trojan
      e modifiche nascoste al registro, uso zone alarm
      come firewall, e vivo bene con windows xp da
      anni!! pagare per chi? tutti
      pazziSe devo dirla tutta è proprio questo che mi ha convinto ad abbandonare windows. Non se ne può più...
  • Giorgio scrive:
    pagare!!!!
    Se ti venissi contro con l'auto devo pagarti,se ti insultassi pesantemente rischierei un proXXXXX e dovrei pagarese ti danneggiassi il computer e tu chiamassi un tecnico informatico a riparare a chi mandi la fattura? a te stesso , perché? mcafee si scusa soltanto, quale responsabilità si assume? Nel paese dei belli e ribelli la giustizia incolpa chi ruba per mangiare durante la crisi, non chi di soldi a milioni ne ha fatti e se ne lava le mani.mcafee recita mia culpa, ma non recita il padre nostro sa che non pagherà.
    • Nedanfor non loggato scrive:
      Re: pagare!!!!
      Tu con Windows e con McAfee firmi un contratto. Usufruisci (non possiedi, usi soltanto) del loro software assumendoti ogni singola responsabilità, impegnandoti a non incolpare loro per eventuali mancanze dettate dal caso. Ma ti hanno ammanettato ad una sedia e costretto ad usarlo? No. Allora perdonami, ma chi è causa del suo mal pianga sé stesso. Mi rendo conto che questo è un furto legalizzato, ma questo è il mercato degli antivirus (e anche di alcuni sistemi operativi).
      • xxx scrive:
        Re: pagare!!!!
        Guarda la bonta di qs clausole è tutta da dimostrare di fronte ad un giudice... - Scritto da: Nedanfor non loggato
        Tu con Windows e con McAfee firmi un contratto.
        Usufruisci (non possiedi, usi soltanto) del loro
        software assumendoti ogni singola responsabilità,
        impegnandoti a non incolpare loro per eventuali
        mancanze dettate dal caso. Ma ti hanno
        ammanettato ad una sedia e costretto ad usarlo?
        No. Allora perdonami, ma chi è causa del suo mal
        pianga sé stesso. Mi rendo conto che questo è un
        furto legalizzato, ma questo è il mercato degli
        antivirus (e anche di alcuni sistemi
        operativi).
  • Raul scrive:
    e che cavolo!
    Spengo il computer e al primo riavvio tutto disattivato, mcafee, malware antibytes, defender, interfaccia grafica, mille e uno problemi.tutte le aziende danneggiate dovrebbero far causa a mcafee per pagare un tecnico che si occupi di sistemare gratutitamente a spese loro il danno, le scuse non son niente in confronto al tempo perso, e si sa il tempo è denaro ve lo dice un imprenditore
    • krane scrive:
      Re: e che cavolo!
      - Scritto da: Raul
      Spengo il computer e al primo riavvio tutto
      disattivato, mcafee, malware antibytes, defender,
      interfaccia grafica, mille e uno problemi.
      tutte le aziende danneggiate dovrebbero far causa
      a mcafee per pagare un tecnico che si occupi di
      sistemare gratutitamente a spese loro il danno,
      le scuse non son niente in confronto al tempo
      perso, e si sa il tempo è denaro ve lo dice un
      imprenditoreL'imprenditore doveva pensarci prima di firmare l'eula in fase di installazione.
      • Raul scrive:
        Re: e che cavolo!
        ma scusami, compro un antivirus per proteggermi non per essere danneggiato dalla stessa azienda, non comprendo il tuo commento, spero ironico...
        • krane scrive:
          Re: e che cavolo!
          - Scritto da: Raul
          ma scusami, compro un antivirus per proteggermi
          non per essere danneggiato dalla stessa azienda,
          non comprendo il tuo commento, spero ironico...Non lo e' : quando hai installato McAfee hai firmato un contratto preciso nel quale hai sollevato i produttori dell'antivirus dalla responsabilita' per ogni tipo di danno che ti possano causare.E giusto perche' tu lo sappia e' lo stesso anche per lo stesso windows.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 25 aprile 2010 11.47-----------------------------------------------------------
          • Raul scrive:
            Re: e che cavolo!
            Sì, concordo su questo, io so che ogni antivirus protegge al 65% come tutti gli altri nessuno fa al 100%, mi aspetto che qualche virus PASSI indisturbato e faccia i suoi XXXXXX, tuttavia è indeclinabile che sia l'azienda stessa a farmi il torto. Giudicando questo dovrei ritenermi insoddisfatto e rimuoverlo il prima possibile licenziando l'azienda come un lavoratore che non fa bene il suo lavoro, tuttavia la licenza ha avuto un suo costo che non ha rimborso...
          • Mela avvelenata scrive:
            Re: e che cavolo!
            - Scritto da: Raul
            Sì, concordo su questo, io so che ogni antivirus
            protegge al 65% come tutti gli altri nessuno fa
            al 100%, mi aspetto che qualche virus PASSI
            indisturbato e faccia i suoi XXXXXX, tuttavia è
            indeclinabile che sia l'azienda stessa a farmi il
            torto. Giudicando questo dovrei ritenermi
            insoddisfatto e rimuoverlo il prima possibile
            licenziando l'azienda come un lavoratore che non
            fa bene il suo lavoro, tuttavia la licenza ha
            avuto un suo costo che non ha
            rimborso...Purtroppo se il contratto che avete sottoscritto al momento dell'installazione (anche solo spuntando la casella "sono d'accordo" o "I agree") non prevede indennizzi in caso di eventi del genere (non comunque danni causati da virus, ma dallo stesso antivirus), tutto ciò che si può fare è stare ad ascoltare le loro scuse, e nell'immediato cambiare antivirus, cercando magari qualche prodotto che offra maggiori garanzie e maggiore serietà! Questo scherzetto costerà a McAfee il rinnovo di parecchie licenze...forse almeno in questo modo servirà loro di lezione per il futuro! Certo, magra consolazione per chi dovrà pagare di tasca propria tecnici per sistemare i computer KO, siano essi di privati o di aziende!
          • DOG scrive:
            Re: e che cavolo!
            Se invece di antivirus bacati Voi imprenditori pagaste decentemente un sistemista in azienda, vedresTe che ci sarebbero molto meno problemi......
  • vac scrive:
    Grazie McAfee!!
    Guadagno + $$$ risolvendo i problemi di McAfee (e compagni) che con i virus!
    • Ho letto e approvato la policy scrive:
      Re: Grazie McAfee!!
      - Scritto da: vac
      Guadagno + $$$ risolvendo i problemi di McAfee (e
      compagni) che con i
      virus!Sottoscrivo, questa settimana McAfee mi ha risanato il bilancio!
  • gabriela cucca scrive:
    il pasticcio di McAfee
    Cè poco da scusarsi, l'azienda dovrebbe innanzitutto risolvere i problemi degli utenti in modo preciso e puntuale. L'aggiornamento del file Dat ha prodotto il blocco totale del mio pc sul quale lavoro ogni giorno; ho cercato di seguire le istruzioni in inglese, perchè nel sito fino a ieri erano così, ma non ci sono riuscita. L'assistenza telefonica non rispondeva così come pure la chat. Credo che dovrò rivolgermi ad un tecnico e chi me lo paga? la prima cosa che farò quando ripristino il sistema è la cancellazione del programma McAfee.Gabriela
    • collione scrive:
      Re: il pasticcio di McAfee
      leggi l'eula e vedrai che non hai nessun diritto di lamentartiquesto è il software proprietario, costi alti ma responsabilità zero alla pari e anzi peggio dell'opensourcetanto vale usare software open
    • Mela avvelenata scrive:
      Re: il pasticcio di McAfee
      La prossima volta scegli un antivirus più serio...tipo NOD o Kaspersky! Costano un pò di più, ma sono più sicuri! Altrimenti tanto vale installarsi un bel antivirus gratuito, visto che in caso di problemi non rimborsano ugualmente tempo/denaro perduto!
  • bugbuster scrive:
    un mcafee macchiato caldo
    ma disinstallare mcafee per riappropriarsi del 50% del proXXXXXre e il 50% della ram?e quante soluzioni free ci sono ormai?mah
    • Anonymous scrive:
      Re: un mcafee macchiato caldo
      - Scritto da: bugbuster
      ma disinstallare mcafee per riappropriarsi del
      50% del proXXXXXre e il 50% della
      ram?
      e quante soluzioni free ci sono ormai?
      mahSì, infatti, stessa qualità devo dire...Ma piazzarsi un MSE su account utente (e non Administrator) no eh? Tutti sempre lì che state ad installare driver e software tutto il giorno.Poi ti credo che il PC va a puttane e senza mcafee. Il registro collasserebbe su se stesso con tutti sti installatori-professionisti-che-necessitano-dell'account-administrator. Ma và, và.
      • collione scrive:
        Re: un mcafee macchiato caldo
        quindi non dovremmo più installare niente?la prossima proposta quale sarà? di spegnere il pc così windows non s'incarta?
        • Picchiatell o scrive:
          Re: un mcafee macchiato caldo
          - Scritto da: collione
          quindi non dovremmo più installare niente?

          la prossima proposta quale sarà? di spegnere il
          pc così windows non
          s'incarta?beh' economicamenta si.... (troll)
          • collione scrive:
            Re: un mcafee macchiato caldo
            economicamente conviene non acquistare le licenze retail di windows :Dops ma quello già si fa :P W IL MULO
    • Picchiatell o scrive:
      Re: un mcafee macchiato caldo
      - Scritto da: bugbuster
      ma disinstallare mcafee per riappropriarsi del
      50% del proXXXXXre e il 50% della
      ram?
      e quante soluzioni free ci sono ormai?
      mah per me la situazione di questi utenti e' quella tipica di chi ha comprato il pc in un centro commerciale o da grossi dealer con preistallato winzoz e maccoffee e li sono rimasti...l'uso della macchina e' puramente ludico con crack games o altri programmi piratati...non penso che la comunità linux ne' apple voglia in fondo questo tipo di utenza redmond....
    • francososo scrive:
      Re: un mcafee macchiato caldo
      Hai centrato il segno : c'è ClamWin, le versioni gratuite di Avast 5.0, di Avira, a maggio quella di Bitdefender , senza poi contare tutti quell'antivirus gratuiti con protezione in tempo-reale con il motore open-source di clamwin ..... insomma c'è n'è per tutti i gusti !
  • Dovellas scrive:
    Altra ragione per passare a Win7.
    Come da oggetto.
    • collione scrive:
      Re: Altra ragione per passare a Win7.
      fino a quando mcafee non infilerà l'md5 di qualche file di sistema di windows 7 in qualche futuro aggiornamento del database delle signature :D
      • Dovellas scrive:
        Re: Altra ragione per passare a Win7.
        Cocco, su Win7 c'è il UAC, l'antivirus non può modificare file di sistema.
        • William scrive:
          Re: Altra ragione per passare a Win7.
          Uau o wow!C'era bisogno di attendere il 2009 per questo rivoluzionario UAC!Meditate gente, meditate!
          • Dovellas scrive:
            Re: Altra ragione per passare a Win7.
            2009? Scusa fin adesso dove hai vissuto? UAC esiste da fine 2006 presente su Vista, ritenta sarai più fortunato.
          • collione scrive:
            Re: Altra ragione per passare a Win7.
            sudo esiste fin dal 1960 su unix berkeley :D
          • Dovellas scrive:
            Re: Altra ragione per passare a Win7.
            E quindi? il discorso non è partito da me.
          • collione scrive:
            Re: Altra ragione per passare a Win7.
            beh visto che sembravi convinta che uac è una genialata unica ed inimitabile pensavo non sapessi che fosse una parziale copia di sudo
          • Dovellas scrive:
            Re: Altra ragione per passare a Win7.
            UAC è meglio di sudo.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Altra ragione per passare a Win7.
            no. ;D
          • collione scrive:
            Re: Altra ragione per passare a Win7.
            "UAC is not a security boundary", parole di Mark Russinovich che sicuramente ne sa più di tehttp://msmvps.com/blogs/installsite/archive/2009/06/11/why-uac-isn-t-a-security-boundary-and-how-auto-elevation-works-on-windows-7.aspxhttp://news.techworld.com/security/8031/microsoft-uac-not-a-security-feature/sempre Russinovich http://blogs.zdnet.com/security/?p=175uac è solo una copia mal riuscita di sudo, tutto qui
          • gnulinux86 scrive:
            Re: Altra ragione per passare a Win7.
            - Scritto da: Dovellas
            UAC è meglio di sudo.Potresti argomentare!?
          • collione scrive:
            Re: Altra ragione per passare a Win7.
            shhhhh gliel'ha detto ballmer :D
          • William scrive:
            Re: Altra ragione per passare a Win7.
            Ma tu consideri e/o hai considerato Vista? Mah...Per farti contento/a ti lascio la ragione, tanto 2009 o 2006 che differenza fa quando un'azienda come Microsoft l'ha introdotto (neanche tanto bene) secoli informatici dopo!
          • Anonymous scrive:
            Re: Altra ragione per passare a Win7.
            - Scritto da: William
            Uau o wow!
            C'era bisogno di attendere il 2009 per questo
            rivoluzionario
            UAC!

            Meditate gente, meditate!Che razza di commenti... sempre più infima la qualità di questo forum. Tra quegli altri che, puntualmente ogni volta, saltan fuori "Io non ho più problemi perchè ho MAC (ROTFL, questa sì che è buona)", "Io non ho più problemi perchè ho Linucs gratuito e powo" (ove io scarico e magari ci faccio soldi e poi non dono una ciofeca a chi me lo rende sempre lindo e nuovo).Sempre peggio. Poi sti qua vorrebbero pure lavorare nell'IT e fare un botto di soldi. Ridicolo.
        • collione scrive:
          Re: Altra ragione per passare a Win7.
          guarda che l'antivirus gira in kernel mode quindi può fare tutto quello che gli parestudiare un pò prima di sparare XXXXXte no eh!?!
          • collione scrive:
            Re: Altra ragione per passare a Win7.
            p.s. se fosse come dici tu mi dici come fa l'antivirus a disinfettare un file di sistema infettato da un virus?
          • Dovellas scrive:
            Re: Altra ragione per passare a Win7.
            Ti chiedi di riavviare il sistema, per effettuare un controllo all'avvio, ma prima di cancellare, riparare, spostare, modificare, l'antivirus stesso chiede conferma, i XXXXXX succedono solo con Xp che non ha il UAC.
          • collione scrive:
            Re: Altra ragione per passare a Win7.
            quindi quando fa il controllo all'avvio può comunque incasinare il sistemail fatto che compaia la finestrella di uac in che modo dovrebbe evitare i disastri? l'utente che ne sa di quali azioni sta per compiere l'antivirus?se in quel file DAT ci fosse stata la signature di un file di sistema di 7, avremmo una notiziona fresca fresca sui crash di 7 dovuti a mcafeecome vedi non c'è poi molta differenzal'uac non dà all'utente nessuna informazione utile su cosa sta per succedere e ovviamente l'utente risponde sempre si
          • Dovellas scrive:
            Re: Altra ragione per passare a Win7.
            Gli antivirus su Linux funzionano alla stessa maniera, quindi evita castelli in aria.http://www.avast.com/it-it/linux-home-editionhttp://www.sophos.it/products/enterprise/endpoint/security-and-control/linux/Tiè.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Altra ragione per passare a Win7.
            Certo che se linkiamo cose a caso :D
          • collione scrive:
            Re: Altra ragione per passare a Win7.
            e quindi? ho forse detto diversamente?per linux però c'è in testing un antivirus comportamentale che non analizza le signature ma il comportamento dei processi ed identifica quelli malignisu windows non ce l'haiTIE'
          • Caratteri non permessi scrive:
            Re: Altra ragione per passare a Win7.
            - Scritto da: Dovellas
            Ti chiedi di riavviare il sistema, per effettuare
            un controllo all'avvio, ma prima di cancellare,
            riparare, spostare, modificare, l'antivirus
            stesso chiede conferma, i XXXXXX succedono solo
            con Xp che non ha il
            UACCioe' secondo te se l'antivirus identifica un file come trojan (secondo lui) e chiede all'utente se vuole cancellarlo, l'utente dovrebbe rispondere no? E come fa l'utente a sapere a priori se e' un falso positivo o meno? Se cosi' fosse il problema dei falsi positivi non esisterebbe per alcun antivirus.Ma insomma, cosa vai blaterando? Un falso positivo di un antivirus che cancella per sbagliuo un file vitale per Windows esiste indipendentemente dall'UAC.
          • Dovellas scrive:
            Re: Altra ragione per passare a Win7.
            A perchè adesso i trojan si trovano nel Kernel? Hai la vaga idea di quello che scrivi?
          • collione scrive:
            Re: Altra ragione per passare a Win7.
            ma lo sai almeno cosa significa il termine "falso positivo"?qui il problema è che mcafee ha identificato un file di windows come malware, lo capisci liso flitto? :Din quel caso mcafee chiede all'utente se vuole cancellare il file e ovviamente l'utente risponde di si
          • linguist scrive:
            Re: Altra ragione per passare a Win7.
            No! I XXXXXX accadono solo a quelli che non pensano e si limitano a pigiare sui tasti senza sapere cosa stanno facendo. Il problema che AVG ebbe lo scorso anno non colpì coloro che negarono al programma la messa in quarantena del file di sistema, e tra questi il sottoscritto. Il problema non è sempre e solo nel sistema operativo, ma nella totale incapacità dell'utente o nel suo non voler ragionare con la propria testa.
          • collione scrive:
            Re: Altra ragione per passare a Win7.
            quindi stai implicitamente affermando che windows non è il sistema che "fa tutto da sè"?a questo punto, visto che l'utente comunque devi capirne di filesystem, system files, dll, server in-process, ecc... tanto vale usare linuxwindows è nato come il sistema operativo per l'utonto ovvero il totale ignorante, quindi chi lo sviluppa deve sobborcarsi il carico derivante da questi incidentiè inutile che accusiamo l'utente, che magari nella sua vita fa il medico, l'avvocato, ecc... e ovviamente non ne capisce niente di informatica
          • linguist scrive:
            Re: Altra ragione per passare a Win7.
            Questa mia frase del precedente commento mi sembra sia esplicita: "Il problema non è sempre e solo nel sistema operativo, ma nella totale incapacità dell'utente o nel suo non voler ragionare con la propria testa." Se non è chiara semplifico ulteriormente: il sistema operativo, o meglio il modo in cui è stato concepito fa la sua parte, il resto la fa l'utente. La cosa era contenibile sin da win 3.1 evitando che l'utente agisse sempre e solo con acXXXXX da amministratore, ma qualche "furbo" ha pensato diversamente.Passiamo poi al fatto che l'utente non debba necessariamente capire di concetti informatici non alla portata di tutti. Non occorre essere dei programmatori o analisti per capire lo stretto necessario alla propria sicurezza, basta usare il cervello e la capacità di leggere. Le informazioni semplificate o complete le fornisce la rete, i manuali, semplificati o completi hanno costi accessibili. Internet non serve solo a cercare sesso o altre amenità, serve per istruirsi, per utilizzare il sapere condiviso di gente che ne sa molto di più di noi in tanti materie differenti, ed i gruppi di discussione seri, non questo viste le trollate diffuse, si prestano a questo scopo. Chi fa il medico, l'avvocato, l'impiegato o qualsiasi altro lavoro che prevede un uso minimale del computer non può e non deve esimersi da apprendere quel che gli serve ad ottimizzare il proprio tempo lavorativo e non. Il computer è uno strumento che serve a produrre meglio e di più, non si può pretendere di astenersi dal pensare, dallo sforzarsi di imparare. Oggi il vezzo comune, in ogni cosa, è quello di servirsi di contenuti predigeriti, di non ragionare, ciò porta invitabilmente a scenari inquietanti nei quali pochi altri decidono per tutti.
          • collione scrive:
            Re: Altra ragione per passare a Win7.
            - Scritto da: linguist
            sembra sia esplicita: "Il problema non è sempre e
            solo nel sistema operativo, ma nella totale
            incapacità dell'utente o nel suo non voler
            ragionare con la propria testa." Se non è chiaraho capito che vuoi dire, ma dobbiamo partire dall'assioma che windows è il sistema per l'utonto, quindi parlare di incapacità dell'utente è totalmente insensato perchè windows è nato per portare gli incapaci in un mondo dove non dovrebbero starequindi, visto che vogliono gli incapaci al pc, devono assumersene la totale responsabilità
            contenibile sin da win 3.1 evitando che l'utente
            agisse sempre e solo con acXXXXX da
            amministratore, ma qualche "furbo" ha pensato
            diversamente.
            certo ma a questo punto stiamo parlando di separazione di ruoli, di superutente versus utente normale, di sudo e compagniaripeto, sono tutte cose che microsoft ci ha detto che non dovevano esistere perchè non sono alla portata dell'utonto
            non alla portata di tutti. Non occorre essere dei
            programmatori o analisti per capire lo stretto
            necessario alla propria sicurezza, basta usare il
            cervello e la capacità di leggere. Lequesto è un tuo punto di vista, ma quando l'antivirus dice "il file XYZ è infettato dal worm VWT, vuoi cancellarlo, metterlo in quarantena, ecc...?", l'utente che dovrebbe rispondere secondo te?come fa a sapere che il file ntapi.dll è un file di sistema e se lo cancella succede il finimondo?quindi stiamo implicitamente affermando che il pc non è fatto per utonti? quindi tutte le critiche contro linux cadono nel vuoto
            informazioni semplificate o complete le fornisce
            la rete, i manuali, semplificati o completi hanno
            costi accessibili. Internet non serve solo asi ma tutto questo implica un continuo aggiornamento e studio di varie problematicheparli di rete e mi viene da ridere, perchè voi winari dite sempre che trovare soluzioni online, sui forum è da nerd, da malati di pc sfigati e cantinari e che poi le risposte reali non si trovanopure sui forum per windows ci sono spessissimo scritte emerite XXXXXte, procedure e informazioni obsolete che se utilizzate ti portano solo a danneggiare il sistemano, voi winari ci avete insegnato che il sistema operativo fa tutto da sè, io utente non devo fare nulla se non cliccare qualche bottone per andare su feisbook
            cercare sesso o altre amenità, serve per
            istruirsi, per utilizzare il sapere condiviso di
            gente che ne sa molto di più di noi in tanti
            materie differenti, ed i gruppi di discussionesi ma a questo punto tanto vale istruirsi su linux e usare quello, così paghi di meno, usi copie legali del software e favorisci il crescere di software e formati aperti e standard
            che prevede un uso minimale del computer non può
            e non deve esimersi da apprendere quel che gli
            serve ad ottimizzare il proprio tempo lavorativodunque windows ha fallito, perchè il suo scopo dichiarato è da sempre quello di adattare il computer all'utente e non viceversa
            non ragionare, ciò porta invitabilmente a scenari
            inquietanti nei quali pochi altri decidono per
            tutti.e non è forse questo il piano che sta dietro le software house? ovvero il dominio dell'informazione e degli strumenti per accedervi? Steve Jobs 30 anni ebbe a dire che l'informazione è il potere e che la Apple doveva avere il controllo totale degli strumenti per la fruizione delle informazioniBill l'ha sempre pensata allo stesso modo e infatti i loro software "facili da usare" ma col motore ben occultato agli occhi dei curiosi hanno proprio questo scopo
          • linguist scrive:
            Re: Altra ragione per passare a Win7.
            Capisco il tuo punto di vista e penso che l'utonto non debba mettere le mani su un pc o su qualsiasi altra cosa il cui cattivo utilizzo abbia delle conseguenze nefaste per gli altri, pensa ai virus ed ai costi della mancata produttività indotta, tuttavia nell'ottica di chi vende e dell'indotto (negozi di informatica et similia) ciò non è applicabile né auspicabile. L'assistenza informatica in buona parte risolve problemi relativamente semplici generati da una malaccorto uso del pc. Purtroppo sull'assunzione della responsabilità dei propri gesti e del proprio operato, oggi ed in passato, in pochi se ne sono fatto carico. Circa il cosa avrebbe dovuto fare un utente medio innanzi alla richiesta dell'antivirus sul destino di un file presunto virus, io penso che avrebbe dovuto indagare prima di dare l'assenso alla cancellazione. Ma ciò presuppone l'uso del cervello. Sbagli nel dividere in pro e contro tale o tal'altro sistema operativo. Uso win da sempre ma apprezzo ed uso linux. Giusto in merito alle "trollate" in stile Dovellas o altri campioni del genere, torno a ribadire in questo gruppo di discussione che le "guerre di religione" non portano a nulla. I sistemi possono essere validi in base alle proprie necessità. Circa le soluzioni reperibili in rete: vale sempre il principio di utilizzare le informazioni dopo averne saggiato la veridicità, come per ogni altra cosa. Chi crede che è vero perché la trovato su internet, lo ha letto sul giornale, l'ho ha detto la tv, lo ha sentito alla radio o altrove, casca nella vecchia storia dell'ipse dixit. Il mondo era ritenuto piatto e finiva alle colonne d'Ercole finché qualcuno pensò che la cosa andava verificata e non era necessariamente vero perché qualche altro lo aveva detto. Sul tentare di limitare o posporre il controllo credo che basti usare la testa, informarsi e confrontarsi con gli altri, mai delegare ad altri se si può intervenire direttamente. "Siamo tutti ignoranti ma non ignoriamo le stesse cose", quindi lo scambio reciproco aiuta molto.
          • collione scrive:
            Re: Altra ragione per passare a Win7.
            - Scritto da: linguist
            produttività indotta, tuttavia nell'ottica di chi
            vende e dell'indotto (negozi di informatica et
            similia) ciò non è applicabile né auspicabile.e ti dirò di più, in quell'indotto ci sono migliaia di tecnici che campano ripulendo i pc altrui dai virusquindi la morale è "teniamoci gli utonti e i virus russo/ucraini"
            Circa il cosa avrebbe dovuto fare un utente medio
            innanzi alla richiesta dell'antivirus sul destino
            di un file presunto virus, io penso che avrebbe
            dovuto indagare prima di dare l'assenso alla
            cancellazione. Ma ciò presuppone l'uso del
            cervello.
            si ma in quel caso si entra nel mondo dei nerd, ovvero quella cosa che rinfacciate sempre a linux e cioè che devi girare nei forum per cercare rispostea questo punto mi chiedo se per l'utonto non sarebbe più logico usare direttamente linux invece di sbattersi lo stesso ma poi dover usare un sistema operativo più pesante e soggetto ad attacchitutti i fanboy delle finestre dicono che il sucXXXXX di windows è legato al fatto che lo usi a cervello spento, doppiocliccando istintivamente di qua e di làse dici che l'utonto deve accendere il cervello, informarsi, cercare di capire ( l'utonto mica sa cos'è un file, figuriamoci un file di sistema, un componente del kernel )già solo quei termini possono farli decidere di staccare spina e lasciare il pc agli altri
            Sbagli nel dividere in pro e contro tale o
            tal'altro sistema operativo. Uso win da sempre ma
            apprezzo ed uso linux. Giusto in merito alle
            "trollate" in stile Dovellas o altri campioni del
            genere, torno a ribadire in questo gruppo di
            discussione che le "guerre di religione" non
            portano a nulla. I sistemi possono essere validi
            in base alle proprie necessità.
            i sistemi operativi sono validi in base ad un insieme di criteriio ritengo che windows sia il meglio per chi ha bisogno di millemila programmi e supporto per le più assurde periferiche made in bangkokma se parliamo di sicurezza e performance non riuscirà mai a superare linuxcosì come se parliamo di usabilità è praticamente impossibile superare mac
            Circa le soluzioni reperibili in rete: vale
            sempre il principio di utilizzare le informazioni
            dopo averne saggiato la veridicità, come per ogni
            altra cosa. Chi crede che è vero perché lasi ma questo lo fanno i linari e i winari li criticano per questo
            dixit. Il mondo era ritenuto piatto e finiva alle
            colonne d'Ercole finché qualcuno pensò che la
            cosa andava verificata e non era necessariamente
            vero perché qualche altro lo aveva detto.
            si ma quel qualcuno si fece un **** così per dimostrare che il mondo non era piattol'equivalente moderno è il linaro che usa la shellquindi stai dicendo che l'utonto deve tendere al linaro maniaco della shell? e quindi a che pro usare windows?
            Sul tentare di limitare o posporre il controllo
            credo che basti usare la testa, informarsi e
            confrontarsi con gli altri, mai delegare ad altri
            se si può intervenire direttamente. "Siamo tutti
            ignoranti ma non ignoriamo le stesse cose",
            quindi lo scambio reciproco aiuta
            molto.certo ma è sempre un discorso che tira per le lunghela ragazzina sta su facebook e vuole chattare, all'improvviso l'antivirus comincia a sputare sentenze e dire che il file di sistema tal del tali ha un virus dentrosecondo te la ragazzina dovrebbe fermare le sue attività e dedicare le 2 ore successive ad andare in giro per forum a discutere con smanettoni sul da farsi?Bill ha sempre insistito sul fatto che il pc fosse utilizzabile come una lavatricebenissimo, questi sono i risultatiil produttore della lavatrice non pretende che io sappia sostituirne i cuscinetti se necessario, quindi perchè tu vuoi pretendere che l'utente sappia sostituire "i cuscinetti" del suo pc?
          • linguist scrive:
            Re: Altra ragione per passare a Win7.
            Per concludere il nostro costruttivo scambio di opinioni rispondo alla tua ultima domanda: forse perché mi illudo che come me e tanti altri anche la ragazzina cominci a pensare, sarebbe l'inizio della svolta dell'umanità verso un mondo migliore in cui finalmente si propenderebbe alla soluzione di tutti i problemi reali ed indotti che affliggono il mondo, ma mi rendo conto che è solo utopia. P.S.Cambia pseudonimo se puoi, quello che hai scelto spinge a cattivi pensieri nei tuoi confronti, poi in realtà sembri essere migliore di quel che si pensa d'acchito ;-)
          • suc scrive:
            Re: Altra ragione per passare a Win7.
            - Scritto da: collione
            guarda che l'antivirus gira in kernel mode quindi
            può fare tutto quello che gli
            pareFALSO, in Vista/7 64-bit esiste il patchguard che impedisce modifiche al strutture dati allocate dal kernel
    • attonito scrive:
      Re: Altra ragione per passare a Win7.
      - Scritto da: Dovellas
      Come da oggetto.Berlusconi sta ad Emilio Fede come Microsoft sta a Dovella.Certo che Ballmer alla fine si scocciera' ad andare sempre in giro con mezzo metro di lingua di Dovellas infilata su per il XXXX... mah.. de gustibus.
      • Cesare scrive:
        Re: Altra ragione per passare a Win7.
        Sempre che non si consumi prima la lingua di dovella, anche se mi sembra difficle....
    • vac scrive:
      Re: Altra ragione per passare a Win7.
      6 1 Def***te!!Se vogliamo lavorare siamo costretti ad utilizzare I.E.6 e WinXP...Se potessimo scegliere passeremmo a Linux.
    • Ernesto scrive:
      Re: Altra ragione per passare a Win7.
      eh già, per questo si parla di windows seven service pack 1, ma quante falle!!!ogni sistema microsoft è un buco, tuttavia linux ha troppe distro, servirebbe come diceva un utente uno standard diffuso e drivers support,e allora linux prenderà piede.intanto mac lo lascio col suo design su una scrivania in vetro, è bello da vedere, i mac sono design.......
      • krane scrive:
        Re: Altra ragione per passare a Win7.
        - Scritto da: Ernesto
        eh già, per questo si parla di windows seven
        service pack 1, ma quante falle!!!
        ogni sistema microsoft è un buco, tuttavia linux
        ha troppe distro, servirebbe come diceva un
        utente uno standard diffuso e drivers
        support, e allora linux prenderà piede.Lo standard esiste gia', perche' dici che non lo e' ? In che cosa non lo e' ?Il kernel, quindi i diver, sono comuni elle varie distribuzioni, salvo le poche puriste che non contemplano diver non free che vengono utilizzate in ambiti particolare, qual e' il problema ?
        intanto mac lo lascio col suo design su una
        scrivania in vetro, è bello da vedere, i mac
        sono design.......Quindi oltre a non provare linux non hai mai neanche provato Mac.
    • Funz scrive:
      Re: Altra ragione per passare a Win7.
      - Scritto da: Dovellas
      Come da oggetto.Dopo questa débacle hai ancora il coraggio di farti vedere e sparare certe sc*emenze?
  • angros scrive:
    Il tempo é denaro (2)
    Con le scuse non mi ci ripago il tempo perso, il "fermo macchina" e il tempo perso per il ripristino! Buffoni.Mo' se ne escono che é colpa del controllo (inadeguato) qualitá (che fa comunque schifo). Tzé Tzé
    • Dovellas scrive:
      Re: Il tempo é denaro (2)
      La colpa è dell'utenza che usa sistemi ormai obsoleti come Xp, si passa a Win7 è svanisce la paura.
      • Sgabbio scrive:
        Re: Il tempo é denaro (2)
        Perchè in un'azienda cambiano sistema operativo, cosi per divertimento :D
        • Anonymous scrive:
          Re: Il tempo é denaro (2)
          - Scritto da: Sgabbio
          Perchè in un'azienda cambiano sistema operativo,
          cosi per divertimento
          :DInfatti, per non parlare dei gestionali scritti ancora in DOS."Ma c'è la virtual machine". Certo, aumentiamo la complessità ancora di più di quanto già non è.
          • Dovellas scrive:
            Re: Il tempo é denaro (2)
            Problema inesistentehttp://www.microsoft.com/windows/virtual-pc/features/default.aspxTiè.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Il tempo é denaro (2)
            ma la macchina virtuale ha problemi di performance.
          • collione scrive:
            Re: Il tempo é denaro (2)
            virtual pc, ovvero la più pesante e instabile soluzione di virtualizzazione del mondo :Dconsiglia almeno software seri tipo virtualbox o vmware
        • Dovellas scrive:
          Re: Il tempo é denaro (2)
          Le aziende sono gestite da dinosauri.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Il tempo é denaro (2)
            No le aziende sono gestite da persone che non buttano via i soldi solo perchè arriva un nuovo sistema operativo con 3 effetti fighi.
        • Picchiatell o scrive:
          Re: Il tempo é denaro (2)
          - Scritto da: Sgabbio
          Perchè in un'azienda cambiano sistema operativo,
          cosi per divertimento
          :De quando cambia sistema operativo windows DEVE pure cambiare TUTTE le macchine annesse.... :@ :@ :@
      • Sgabbio scrive:
        Re: Il tempo é denaro (2)
        Perchè in un'azienda cambiano sistema operativo, cosi per divertimento :D
      • Pompeo scrive:
        Re: Il tempo é denaro (2)
        - Scritto da: Dovellas
        La colpa è dell'utenza che usa sistemi ormai
        obsoleti come Xp, si passa a Win7 è svanisce la
        paura. A me la paura è passata per sempre da quando sono passato al Mac. Ah... e senza UAC, che francamente non so cosa sia.
        • Nome e cognome scrive:
          Re: Il tempo é denaro (2)
          A me invece è passata per sempre quando sono passato a Gnu/Linux.
          • c64 scrive:
            Re: Il tempo é denaro (2)
            A me non è mai venuta: uso OpenBSD e Chuck Norris come firewall - ammazzavirus 8)
          • Nedanfor non loggato scrive:
            Re: Il tempo é denaro (2)
            - Scritto da: c64
            A me non è mai venuta: uso OpenBSD e Chuck Norris
            come firewall - ammazzavirus
            8)3 vulnerabilità rilevate da quando esiste (e naturalmente patchate rapidamente) o mi ricordo male?
          • Pancini Ilio scrive:
            Re: Il tempo é denaro (2)
            - Scritto da: Nome e cognome
            A me invece è passata per sempre quando sono
            passato a
            Gnu/Linux.Vero, ma mentre Linux, che non conosco, da quello che mi sembra di capire è un sistema un po' complicato, OSX lo raccomando anche a chi, come me, di computer e di sistemi non ne capisce nulla e ci vuole solo lavorare (anche divertirsi), senza problemi. Lo so che questo è un forum per esperti, ma il mondo è pieno di NON esperti, che se avessero il coraggio di passare al Mac si risparmierebbero molte grane e vivrebbero più sereni, per di più con un oggetto che, messo su un tavolo o tenuto sulle ginocchia è anche bello da vedere e da toccare.
      • Enterprise Profession al scrive:
        Re: Il tempo é denaro (2)
        - Scritto da: Dovellas
        La colpa è dell'utenza che usa sistemi ormai
        obsoleti come Xp, si passa a Win7 è svanisce la
        paura.Me li dai tu i soldi per l'ennesima licenza? Io uso linux da 11 anni e non ho mai avuto problemi simili...
      • Cesare scrive:
        Re: Il tempo é denaro (2)
        O si passa a mac e si elimina il problema alla radice
        • Cesare scrive:
          Re: Il tempo é denaro (2)
          O a linux, ovviamente!!!Credo che allo stato attuale delle cose la rapida ascesa dei mac possa essere arrestata solo facendo sì che i produttori di HW comincino a distribuire linux anzichè windows sulle loro macchine. Far funzionare tutto è fattibile per un utente un pochino smaliziato, ma l'utente medio al primo ostacolo molla tutto. Diverso sarebbe il discorso nel caso in cui i sistemi nascessero ottimizzati per linux, con tanto di dischi di ripristino ed aggiornamento periodico dei drivers. Linux ha bisogno di una sola cosa per avere sucXXXXX: standardizzarsi. Troppe distribuzioni che creano solo confusione. Se solo un produttore di fama mondiale come Dell o Sony si decidesse a fare uscire modelli dedicati per la fascia consumer sarebbe solo questione di tempo.Nel giro di 5-6 anni anche il settore professionale ne verrebbe coinvolto.
          • natalino scrive:
            Re: Il tempo é denaro (2)
            - Scritto da: Cesare
            O a linux, ovviamente!!!

            Credo che allo stato attuale delle cose la rapida
            ascesa dei mac possa essere arrestata solo
            facendo sì che i produttori di HW comincino a
            distribuire linux anzichè windows sulle loro
            macchine. Gia fatto, è stato un fallimento. http://guiodic.wordpress.com/2009/05/28/post-amaro-gnulinux-ha-fallito/.E' restato tutto sullo scaffale, perkè alla gente non serve il computer, ma serve un computer con WindowsFar funzionare tutto è fattibile per un
            utente un pochino smaliziato, ma l'utente medio
            al primo ostacolo molla tutto. Diverso sarebbe il
            discorso nel caso in cui i sistemi nascessero
            ottimizzati per linux, con tanto di dischi di
            ripristino ed aggiornamento periodico dei
            drivers.
            Linux ha bisogno di una sola cosa per avere
            sucXXXXX: standardizzarsi. Troppe distribuzioni
            che creano solo confusione. Se solo un produttore
            di fama mondiale come Dell o Sony si decidesse a
            fare uscire modelli dedicati per la fascia
            consumer sarebbe solo questione di
            tempo.
            Nel giro di 5-6 anni anche il settore
            professionale ne verrebbe
            coinvolto.Concordo pienamente.
          • collione scrive:
            Re: Il tempo é denaro (2)
            - Scritto da: natalino
            Gia fatto, è stato un fallimento.
            http://guiodic.wordpress.com/2009/05/28/post-amaro
            E' restato tutto sullo scaffale, perkè alla gente
            non serve il computer, ma serve un computer con
            Windowsma che XXXXXXXdell e asus lo danno al 30% sui netbook, ma che troll :D
          • Sgabbio scrive:
            Re: Il tempo é denaro (2)
            Linux è già standard nel suo interno. Il problema sono i produttori HW.
        • Dovellas scrive:
          Re: Il tempo é denaro (2)
          - Scritto da: Cesare
          O si passa a mac e si elimina il problema alla
          radice(rotfl)(rotfl)
          • Sgabbio scrive:
            Re: Il tempo é denaro (2)
            E' vero :D C'è poco da ridere :D
          • Cesare scrive:
            Re: Il tempo é denaro (2)
            Ridi ridi....Il web ti ride dietro e tu ridi di rimando
          • natalino scrive:
            Re: Il tempo é denaro (2)
            Il Web è praticamente Windows. Guardati le statistiche. A propositi gia che ci sei vedi anche WIndows Server come letteralmente si sta pappando Apachehttp://news.netcraft.com/archives/web_server_survey.htmlGuarda il trend dal 2006, vorrai dare la colpa al preinstallato?
          • Cesare scrive:
            Re: Il tempo é denaro (2)
            Ma che c'entra con quello che ho detto io?
          • Nedanfor non loggato scrive:
            Re: Il tempo é denaro (2)
            In the April 2010 survey we received responses from 205,368,103 sitesIn the March 2010 survey we received responses from 206,675,938 sites.In the February 2010 survey we received responses from 207,316,960 sites.Ma perdono 1m di siti ogni mese? Se ogni sito conta uno, sono totalmente inattendibili a livello statistico.PS. In the December 2009 survey we received responses from 233,848,493 sites
          • collione scrive:
            Re: Il tempo é denaro (2)
            buhahahahahahiis che si pappa apache? ma almeno i grafici che posti li sai leggere? non hai visto la caduta del 2009 di iis? :Dma che trolliis poi è superbuggato e tutti i siti violati per installare malware sono tutti su iissarà un caso? :D
      • vac scrive:
        Re: Il tempo é denaro (2)
        6 1 Def***te!!Se vogliamo lavorare siamo costretti ad utilizzare I.E.6 e WinXP...Se potessimo scegliere passeremmo a Linux.
Chiudi i commenti