IDF, Intel mostra i Core di quarta generazione

Il chipmaker fa debuttare la sua nuova architettura di processori x86. Promettendo prestazioni superiori a una frazione del fabbisogno energetico delle attuali CPU Ivy Bridge

Roma – Intel Developer Forum 2012, è tempo di “Haswell”: Santa Clara ha presentato ufficialmente l’architettura per le sue nuove CPU x86-64, assieme a cui debutta una nuova “filosofia” e un design tutto incentrato sui risparmi energetici e la “mobilizzazione” dei form factor. Le prestazioni? Ci sono anche quelle, al netto della oramai estinta “corsa ai Megahertz”.

Usando il gergo Intel, Haswell rappresenta la fase “Tock” del processo evolutivo delle CPU di Santa Clara: la nuova microarchitettura mantiene il processo produttivo introdotto con Ivy Bridge (22nm) ma introduce migliorie tali da differenziarla nettamente dalla generazione precedente.

La quarta generazione di CPU “Core” si segnala in particolare per l’introduzione di una nuova modalità di funzionamento in idle: quando non impegnati con carichi di lavoro importanti, i processori Haswell passeranno una maggiore quantità di tempo a risparmiare l’uso di corrente al punto da essere (dice Intel) 20 volte più efficienti rispetto ai chip Ivy Bridge.

Intel pianifica di presentare versioni di CPU Haswell con TDP da 10 Watt, in grado di girare su sistemi ultrasottili (ultrabook), tablet e altri dispositivi portatili. Ma la nuova architettura non sarà solo efficiente dal punto di vista energetico, e introdurrà nuove tecnologie per l’ottimizzazione della gestione delle istruzioni con predizione di salto, una nuova struttura di cache interna, nuove istruzioni avanzate e altre espressamente pensate per la sicurezza informatica.

Il lato GPU della nuova microarchitettura sarà altrettanto avanzato, promette Intel, supporterà DirectX 11.1, OpenGL 3.2 e sarà molto più potente del componente grafico di Ivy Bridge. Con Haswell Intel dice di voler “reinventare” i PC, o per meglio dire trasportare le funzionalità tipiche di un PC (con il bonus indubbio della compatibilità con un numero sterminato di applicativi software) su un numero sempre maggiore di form factor.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • dalek scrive:
    idea
    io sono un mendicante, senza casa, senza soldi, senza lavoro - mi scarico 400 giga di mp3 ora fatemi la multa.... lo stato paga la mia multa?
    • Leguleio scrive:
      Re: idea
      - Scritto da: dalek
      io sono un mendicante, senza casa, senza soldi,
      senza lavoro - mi scarico 400 giga di mp3 ora
      fatemi la multa....


      lo stato paga la mia multa?Nemmeno nel caso di Jammie Thomas-Rasset la somma verrà mai pagata, a meno che qualche benefattore la paghi per lei. Di soldi non ne ha. Però non è mai piacevole avere un debito con lo Stato tutta la vita: appena c'è un'entrata, fosse pure una vincita al totocalcio o un risarcimento per un incidente stradale, lo Stato vi piomba sopra e lo pignora. Se si trova un lavoro dipendente, idem.
      • Allibito scrive:
        Re: idea
        - Scritto da: Leguleio
        - Scritto da: dalek

        io sono un mendicante, senza casa, senza
        soldi,

        senza lavoro - mi scarico 400 giga di mp3 ora

        fatemi la multa....





        lo stato paga la mia multa?

        Nemmeno nel caso di Jammie Thomas-Rasset la somma
        verrà mai pagata, a meno che qualche benefattore
        la paghi per lei. Di soldi non ne ha.

        Però non è mai piacevole avere un debito con lo
        Stato tutta la vita: appena c'è un'entrata, fosse
        pure una vincita al totocalcio o un risarcimento
        per un incidente stradale, lo Stato vi piomba
        sopra e lo pignora. Se si trova un lavoro
        dipendente,
        idem.Aggiungo: eredità! Evento difficilmente prevedibile.
      • anon scrive:
        Re: idea
        - Scritto da: Leguleio
        Però non è mai piacevole avere un debito con lo
        Stato tutta la vita: appena c'è un'entrata, fosse
        pure una vincita al totocalcio o un risarcimento
        per un incidente stradale, lo Stato vi piomba
        sopra e lo pignora. Se si trova un lavoro
        dipendente, idem.Vero, ma ci sono limiti ben chiari a quanto lo Stato può pignorare, come e dove.Non è che lo Stato può prendersi il 90% del suo stipendio così come se niente fosse, per esempio.
        • Leguleio scrive:
          Re: idea
          - Scritto da: anon
          - Scritto da: Leguleio


          Però non è mai piacevole avere un debito con lo

          Stato tutta la vita: appena c'è un'entrata,
          fosse

          pure una vincita al totocalcio o un risarcimento

          per un incidente stradale, lo Stato vi piomba

          sopra e lo pignora. Se si trova un lavoro

          dipendente, idem.

          Vero, ma ci sono limiti ben chiari a quanto lo
          Stato può pignorare, come e
          dove.
          Non è che lo Stato può prendersi il 90% del suo
          stipendio così come se niente fosse, per
          esempio.Sì, siamo d'accordo. Non è piacevole lo stesso perché normalmente un pignoramento non ha limiti temporali, non scade dopo 10 o 20 anni. Si estingue con la morte, o con il pagamento della somma dovuta.
  • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
    $222000 Piracy Fine Not Unconstitutional
    $222,000 Music Piracy Fine Not Unconstitutional, Court Rules https://torrentfreak.com/222000-music-piracy-fine-not-unconstitutional-court-rules-120911
  • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
    copyright CANCRO della Cultura
    ...9.250 dollari per ciascun file scaricato... Pretesa infame che dimostra ancora una volta come il copyright sia il vero CANCRO della Cultura. ABOLIRE IL COPYRIGHT p)
  • ABOLIRE LA PIRATERIA scrive:
    ABOLIRE LA PIRATERIA
    Una sanzione strameritata!
    • Legione scrive:
      Re: ABOLIRE LA PIRATERIA
      - Scritto da: ABOLIRE LA PIRATERIA
      Una sanzione strameritata!Ma tu devi sempre rincfermare di essere decerebrato?Guarda che l'abbiamo ben capito ormaiA pèroposito come va il Kebab?
    • sbrotfl scrive:
      Re: ABOLIRE LA PIRATERIA
      - Scritto da: ABOLIRE LA PIRATERIA
      Una sanzione strameritata!Appunto! Aboliamo il copyright! Cosi' la pirateria non esiste più :)
      • bubba scrive:
        Re: ABOLIRE LA PIRATERIA
        - Scritto da: sbrotfl
        - Scritto da: ABOLIRE LA PIRATERIA

        Una sanzione strameritata!

        Appunto! Aboliamo il copyright! Cosi' la
        pirateria non esiste più
        :)bravo :) tanto e' inutile cercare di farglielo capire.Io cmq sono assai piu' moderato. Basterebbe TAGLIARE ferocemente i tempi di protezione. E gia che ci siamo, tagliamo anche qualche decina di articoli, prodotti da gente contorta e malata (come quelli sulla 'liberta' di panorama').Tanto TUTTI sanno (produttori in primis) che sono i primi mesi quelli che fanno la differenza tra un fallimento e un blockbuster.Tutto quello che avviene dopo e' grasso che cola. Lasciamo pure 5-10 anni di sbroda. Ma poi BASTA!
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: ABOLIRE LA PIRATERIA

          Tanto TUTTI sanno (produttori in primis) che sono
          i primi mesi quelli che fanno la differenza tra
          un fallimento e un
          blockbuster.Perchè, che differenza ci sarebbe tra il fallimento e blockbuster?[img]http://images2.gazzettaobjects.it/altre-passioni/Extra/Primo_Piano/2012/06/img/blockbuster-closing--638x366.jpg?v=201206061522[/img]
        • Jecks scrive:
          Re: ABOLIRE LA PIRATERIA
          - Scritto da: bubba
          - Scritto da: sbrotfl

          - Scritto da: ABOLIRE LA PIRATERIA


          Una sanzione strameritata!



          Appunto! Aboliamo il copyright! Cosi' la

          pirateria non esiste più

          :)
          bravo :) tanto e' inutile cercare di farglielo
          capire.

          Io cmq sono assai piu' moderato. Basterebbe
          TAGLIARE ferocemente i tempi di protezione. E gia
          che ci siamo, tagliamo anche qualche decina di
          articoli, prodotti da gente contorta e malata
          (come quelli sulla 'liberta' di
          panorama').

          Tanto TUTTI sanno (produttori in primis) che sono
          i primi mesi quelli che fanno la differenza tra
          un fallimento e un
          blockbuster.
          Tutto quello che avviene dopo e' grasso che cola.
          Lasciamo pure 5-10 anni di sbroda. Ma poi
          BASTA!I tempi di protezione del copyright dovrebbero essere legati al diritto d'autore. Dato che è l'autore a dare il permesso di copia delle proprie opere a chi vuole, questi dovrebbero decadere entrambi con la morte dell'autore evitando così di foraggiare major e mogli/figli/nipoti dell'autore vita natural durante.
    • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
      Re: ABOLIRE LA PIRATERIA
      Svegliati, il copyright è già morto de facto da anni, ora lo ammazzeranno anche de iure . ABOLIRE IL COPYRIGHT p)
    • marco fava scrive:
      Re: ABOLIRE LA PIRATERIA
      Testa.di cactus! Non dico di non farle pagare niente ma una cifra.del genere anche un benestante non riuscirebbe a pagarla. Cerca di ragionare prima.di scrivere. È una cosa assurda
  • uno qualsiasi scrive:
    Quanto avranno speso?
    Spero solo che le majors abbiano speso, tra avvocati e mazzette, dieci volte di più di tale cifra.
    • iRoby scrive:
      Re: Quanto avranno speso?
      Non sono i soldi di Jamie che gli interessano. Hanno fatto i loro conti, e avranno calcolato quanto guadagneranno dal terrorismo generato da queste azioni...
  • bubba scrive:
    che vergogna
    Gli americani per primi (i cittadini intendo, gli avvocati sono sempre senza vergogna) dovrebbero vergognarsi di avere un sistema legale che permette queste aberrazioni.
    • Allibito scrive:
      Re: che vergogna
      - Scritto da: bubba
      Gli americani per primi (i cittadini intendo, gli
      avvocati sono sempre senza vergogna) dovrebbero
      vergognarsi di avere un sistema legale che
      permette queste
      aberrazioni.Dovrebbero vergognarsi coloro che alimentano una guerra che purtroppo finisce spesso per punire le persone sbagliate. Non che la signora sia innocente, ma avrei preferito 220 multe da 1000 ad altrettanti colpevoli, presi tra i più agguerriti. La colpa comunque non è di chi si difende ma piuttosto di tutti coloro che esasperano certe reazioni. L'avente diritto è il danneggiato, non dimentichiamolo.
      • Sgabbio scrive:
        Re: che vergogna
        Non diciamo corbellerie, la colpa e di chi non si evolve e cercando di rimanere in una posizione arcaica, fa queste magre figure, sXXXXXXXndosi.Chiedere cifre cosi ESAGERATE per 24 file audio lossy è peggio della pedofilia. Essere favorevoli a sentenze simili, vuol dire ODIARE L'umanità.Qui la questione Copyright sconfina con veri atti di bullismo.
        • Allibito scrive:
          Re: che vergogna
          - Scritto da: Sgabbio
          Non diciamo corbellerie, la colpa e di chi non si
          evolve e cercando di rimanere in una posizione
          arcaica, fa queste magre figure,
          sXXXXXXXndosi.

          Chiedere cifre cosi ESAGERATE per 24 file audio
          lossy è peggio della pedofilia. Essere favorevoli
          a sentenze simili, vuol dire ODIARE
          L'umanità.

          Qui la questione Copyright sconfina con veri atti
          di
          bullismo.Quale sarebbe il tua idea di posizione non arcaica?Per quel che riguarda la sfortunata amica, la mia meraviglia sta piuttosto nel fatto del perchè a lei tanto accanimento e a migliaia di altri utente nulla, eppure le prove le hanno per tutti.
          • Sgabbio scrive:
            Re: che vergogna
            - Scritto da: Allibito

            Quale sarebbe il tua idea di posizione non
            arcaica?Privilegi fuori dalla realtà ? Campare su un esclusivo sfruttamento commerciali che dura quanto un secolo ?Far di tutto per mettere i bastoni tra le ruote all'evoluzione tecnologica ? (ricordiamoci com'erano avversi al video registratore, definito come lo strangolatore di boston).Dobbiamo continuare ?
            Per quel che riguarda la sfortunata amica, la mia
            meraviglia sta piuttosto nel fatto del perchè a
            lei tanto accanimento e a migliaia di altri
            utente nulla, eppure le prove le hanno per
            tutti.Mai sentito dire "bastonarne uno per educarne 100" ? Solo che questo sistema non funzione, vista la sproporzionalità per 24 brani, una cosa che ha fatto rendere preplessi molti in passato.Anche se vincessero alla corte suprema, il danno d'immagine sarebbe enorme, comunque.Del resto quale sarebbero "le prove le hanno per tutti" ? :D
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: che vergogna

        Dovrebbero vergognarsi coloro che alimentano una
        guerra che purtroppo finisce spesso per punire le
        persone sbagliate.Così sempre più persone si uniscono a questa guerra. Ogni persona colpita dimostra ulteriormente al pubblico quanto il copyright sia sbagliato.Un tempo le case discografiche erano viste dal pubblico in modo ambiguo: il pubblico pensava "massì, in fondo subiscono un danno, hanno ragione di brontolare, ma guadagnano lo stesso bene".Oggi sempre più gente considera le case discografiche alla stregua di un mostro da abbattere. Chi lavora per loro tra poco sarà considerato alla stregua di un ufficiale nazista.Pensi che sia facile avere un lavoro di cui non osi parlare in pubblico, perchè ti troveresti tutti gli indici puntati contro?
        Non che la signora sia
        innocente, ma avrei preferito 220 multe da 1000
        ad altrettanti colpevoli, presi tra i più
        agguerriti.io avrei preferito una multa da 200 milioni alla casa discografica.
        La colpa comunque non è di chi si
        difende ma piuttosto di tutti coloro che
        esasperano certe reazioni. L'avente diritto è il
        danneggiato, non
        dimentichiamolo.L'avente diritto ha VENDUTO il suo brano, quindi non deve avere più alcun diritto. Se vuole mangiare deve tornare a lavorare, non mettersi a piangere.
        • ruppolo scrive:
          Re: che vergogna
          - Scritto da: uno qualsiasi
          L'avente diritto ha VENDUTO il suo brano, quindi
          non deve avere più alcun diritto.L'ha venduto? E chi? A quanto?
          Se vuole
          mangiare deve tornare a lavorare, non mettersi a
          piangere.Giusto, ma rispondi prima alle domande.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: che vergogna
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: uno qualsiasi

            L'avente diritto ha VENDUTO il suo brano, quindi

            non deve avere più alcun diritto.

            L'ha venduto? E chi? A quanto?Agli utenti che l'hanno comprato. A quanto? 0,99 euro, credo... sei tu che sei aggiornato sui prezzi, io non compro quindi mi baso su quello che dici tu.
          • panda rossa scrive:
            Re: che vergogna
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: uno qualsiasi

            L'avente diritto ha VENDUTO il suo brano, quindi

            non deve avere più alcun diritto.

            L'ha venduto? E chi? A quanto?La villa a malibu' con che soldi se l'he comprata l'avente diritto?

            Se vuole

            mangiare deve tornare a lavorare, non mettersi a

            piangere.

            Giusto, ma rispondi prima alle domande.A chi e a quanto sono informazioni che non ha divulgato.Io vedo solo il villone, il macchinone, le guardie del corpo, il personal trainere...E so per certo che prima di mettersi a cantare faceva la cassiera al supermercato.
        • Get Real scrive:
          Re: che vergogna
          - Scritto da: uno qualsiasi
          Così sempre più persone si uniscono a questa
          guerra. Ogni persona colpita dimostra
          ulteriormente al pubblico quanto il copyright sia
          sbagliato.
          Quale guerra? Non c'è nessuna guerra. Non ci sono eserciti, non ci sono armi, non ci sono soldati. Ci sono scelte aziendali e cause legali. Niente a che vedere con la guerra. E quali persone si "uniscono a questa guerra"? Con quali mezzi? Quello che si vede è, semplicemente, una lobby vincente. Piaccia o non piaccia.
          Un tempo le case discografiche erano viste dal
          pubblico in modo ambiguo: il pubblico pensava
          "massì, in fondo subiscono un danno, hanno
          ragione di brontolare, ma guadagnano lo stesso
          bene".
          Il pubblico non è che abbia mai espresso un'opinione in merito. Hai fatto sondaggi per conto tuo, per caso? Alla gente non interessano queste cose. Sono altri i problemi.
          Oggi sempre più gente considera le case
          discografiche alla stregua di un mostro da
          abbattere. Chi lavora per loro tra poco sarà
          considerato alla stregua di un ufficiale
          nazista.
          Fonti? Non scambiare i tuoi sogni per realtà. Chi lavora per loro guadagna bene, non ci sono discografici che devono girare sotto scorta. La piccola minoranza che strilla nei forum non è "sempre più gente".
          Pensi che sia facile avere un lavoro di cui non
          osi parlare in pubblico, perchè ti troveresti
          tutti gli indici puntati contro?
          La triste realtà è che chi lavora per loro ed è loro portavoce (come i loro avvocati) guadagna bene, parla in pubblico, viene ascoltata da persone potenti, poi sale in mercedes e torna a casa. Chi protesta? Nessuno. Ti sfido a farlo.
          io avrei preferito una multa da 200 milioni alla
          casa
          discografica.
          Su quale base legale? Le leggi sono fatte per loro, sono anche ben pagate. Sono un prodotto, richiesto e acquistato regolarmente. Come tutto quello che esiste.Vuoi la giustizia? Comprane un po'. Guarda però che è piuttosto costosa.
          • Sgabbio scrive:
            Re: che vergogna
            01/10
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: che vergogna

            Quale guerra? Non c'è nessuna guerra. Non ci sono
            eserciti, non ci sono armi, non ci sono soldati.Mai sentito parlare di metafore? No, eh?
            Ci sono scelte aziendali e cause legali. Niente a
            che vedere con la guerra. E quali persone si
            "uniscono a questa guerra"? Con quali mezzi?Con il mulo
            Quello che si vede è, semplicemente, una lobby
            vincente. Piaccia o non
            piaccia.Una lobby che perde influenza e consensi ogni giorno.
            Il pubblico non è che abbia mai espresso
            un'opinione in merito.Ehhh?
            Hai fatto sondaggi per
            conto tuo, per caso? Alla gente non interessano
            queste cose. Sono altri i
            problemi.Ti metti a fare del benaltrismo, adesso?
            Fonti? Non scambiare i tuoi sogni per realtà. Chi
            lavora per loro guadagna bene, non ci sono
            discografici che devono girare sotto scorta.Fonti?
            La
            piccola minoranza che strilla nei forum non è
            "sempre più
            gente".E chi parla di tale piccola minoranza? Io parlo di quelli che girano con il lettore mp3 pieno di musica piratata.
            La triste realtà è che chi lavora per loro ed è
            loro portavoce (come i loro avvocati)I loro avvocati non sono loro dipendenti. Per loro le majors sono clienti come gli altri.
            guadagna
            bene, parla in pubblico, viene ascoltata da
            persone potenti, poi sale in mercedes e torna a
            casa. Chi protesta? Nessuno. Ti sfido a
            farlo.Fonti? Non scambiare le tue paure per la realtà.
            Su quale base legale? Le leggi sono fatte per
            loro, sono anche ben pagate.In pratica hanno buttato un mucchio di soldi per far fare delle leggi inapplicabili.
            Vuoi la giustizia? Comprane un po'. Guarda però
            che è piuttosto
            costosa.È chiaro che non hai mai avuto denaro in vita tua: ne hai troppa paura. Il tuo è il classico timore di fronte a ciò che non conosci.
          • Get Real scrive:
            Re: che vergogna
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Mai sentito parlare di metafore? No, eh?Una metafora un po' pericolosa. Farei attenzione.
            Con il muloFinchè funziona.
            Una lobby che perde influenza e consensi ogni
            giorno.Dici? Joe Biden è un grande sostenitore dell'industria discografica e cinematografica, che ha esponenti di spicco dovunque nel governo USA. E non solo lì. Nel mondo reale, quello che conta, loro dominano.
            Ehhh?Quando hai visto l'ultima grande manifestazione di piazza anti-copyright? Non mi pare che i vari partiti pirata abbiano avuto quello schiacciante consenso che sogni.
            Ti metti a fare del benaltrismo, adesso?Chiamalo come vuoi, ma la gente pensa - giustamente - al lavoro e al pane in tavola. Il copyright non mi sembra in cima ai pensieri di nessuno.
            Fonti?
            Guarda un po' i fatti: i discografici non vanno in giro con la scorta, questo è un fatto. Non ci sono dimostrazioni che li seguano ovunque. Non ci sono folle fuori dai loro uffici. Non c'è un movimento tipo "Occupy Wall Street" contro di loro.
            E chi parla di tale piccola minoranza? Io parlo
            di quelli che girano con il lettore mp3 pieno di
            musica
            piratata.Quella non costituisce un movimento politico. La strategia delle major è questa: "Sentito di quella signora condannata per aver scaricato della musica da internet? Sentito che la sua famiglia ha perso tutto? Potevi essere tu: attento a quello che fai." La paura è un fortissimo motivatore. Se sai che puoi essere colpito singolarmente, non protetto dall'anonimato della folla, stai molto attento a quello che fai.
            I loro avvocati non sono loro dipendenti. Per
            loro le majors sono clienti come gli
            altri.
            Clienti che pagano benissimo, e per i quali hanno tutte le motivazioni per battersi.
            Fonti? Non scambiare le tue paure per la realtà.Portami un solo esempio di dipendente delle major costretto a girare sotto scorta, e che ha paura a farsi vedere in pubblico.
            In pratica hanno buttato un mucchio di soldi per
            far fare delle leggi
            inapplicabili.
            Mamma Jammie non credo sia d'accordo. Nel suo caso, e non si tratta di un caso isolato, la legge viene applicata.
            È chiaro che non hai mai avuto denaro in
            vita tua: ne hai troppa paura. Il tuo è il
            classico timore di fronte a ciò che non
            conosci.Oh, ne ho di denaro. Non quanto un lobbista. Ma il mio non è timore, semplicemente so cosa la gente abbastanza ricca e potente può fare. Certo, nelle tue fantasie alimentate da Matrix e V per Vendetta le cose stanno diversamente.Lo sai che i tuoi sogni sono stati realizzati da quelle cattive major che cambieranno internet per sempre?
          • sardonico scrive:
            Re: che vergogna
            Si può discutere per mesi su quest'argomento, e si possono trovare argomentazioni condivisibili in entrambe le posizioni (pro e contro la tutela giudiziale del copyright).Quello che però mi pare palese, almeno tanto quanto lo è il fatto che le major si sono accanite in questo caso per sfruttare l'effetto deterrente ("può capitare a chiunque"), è che c'è un vergognoso accanimento contro una povera diavola piccolo borghese per un fatto di risibile entità, con la richiesta di una cifra mostruosa e vergognosa contraria ad ogni senso di logica, equità, proporzione ed umanità.Il mio disgusto è tale che ora mi stanno sui maroni tutti gli artisti con un contratto discografico, perché indirettamente avallano questo schifo.Ho condiviso 24 brani in vendita a 1 euro ciascuno? Bene: 24 euro di multa più le spese legali, e non se ne parli più. Vogliamo fare 50 euro?
          • bubba scrive:
            Re: che vergogna
            - Scritto da: sardonico
            Si può discutere per mesi su quest'argomento, e
            si possono trovare argomentazioni condivisibili
            in entrambe le posizioni (pro e contro la tutela
            giudiziale del
            copyright).
            Quello che però mi pare palese, almeno tanto
            quanto lo è il fatto che le major si sono
            accanite in questo caso per sfruttare l'effetto
            deterrente ("può capitare a chiunque"), è che c'è
            un vergognoso accanimento contro una povera
            diavola piccolo borghese per un fatto di risibile
            entità, con la richiesta di una cifra mostruosa e
            vergognosa contraria ad ogni senso di logica,
            equità, proporzione ed
            umanità.
            Il mio disgusto è tale che ora mi stanno sui
            maroni tutti gli artisti con un contratto
            discografico, perché indirettamente avallano
            questo
            schifo.
            Ho condiviso 24 brani in vendita a 1 euro
            ciascuno? Bene: 24 euro di multa più le spese
            legali, e non se ne parli più. Vogliamo fare 50
            euro?eh.. e pensa che i cialtroni hanno fatto ricorso xche gli hanno appioppato 54000 $... per loro era troppo poco! Roba da matti!!!Tanto piu che in 5-6 anni di avvocati, quei soldi li avranno gia abbondantemente sperperati in spese legali..
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: che vergogna


            Con il mulo

            Finchè funziona.Ha già funzionato molto a lungo... e sono già pronte diverse alternative per quando non funzionerà più (se mai non funzionerà più... potrebbe durare di più il mulo che la nostra società)

            Una lobby che perde influenza e consensi ogni

            giorno.

            Dici? Joe Biden è un grande sostenitore
            dell'industria discografica e cinematografica,Il suo capo, invece, ha bocciato i provvedimenti di SOPA e simili.

            Ehhh?

            Quando hai visto l'ultima grande manifestazione
            di piazza anti-copyright?Hai detto tu stesso che non è con le manifestazioni in piazza che si vince.

            Ti metti a fare del benaltrismo, adesso?

            Chiamalo come vuoi, ma la gente pensa -
            giustamente - al lavoro e al pane in tavola.E allora? Cosa c'entra?Oltre tutto, se hai da mangiare non ti serve il lavoro.
            Il
            copyright non mi sembra in cima ai pensieri di
            nessuno.Infatti: proprio per questo nessuno lo rispetta.


            Fonti?



            Guarda un po' i fatti: i discografici non vanno
            in giro con la scorta, questo è un fatto.Infatti: questo dimostra che non possono permettersela; se avessero i soldi, si metterebbero una guardia del corpo, anche solo come status symbol (tutti i VIP ce l'hanno); anche se non temi nessuno, la guardia del corpo serve a dimostrare ricchezza e potere: serve a dire "questi uomini grandi, robusti e armati obbediscono a me, ed io sono talmente ricco da potermi permettere di pagare uno stipendio a gente del genere per non fare niente tutto il giorno"

            E chi parla di tale piccola minoranza? Io parlo

            di quelli che girano con il lettore mp3 pieno di

            musica

            piratata.

            Quella non costituisce un movimento politico.Infatti: i movimenti politici chiacchierano e basta, quello che conta sono i fatti.
            La
            strategia delle major è questa: "Sentito di
            quella signora condannata per aver scaricato
            della musica da internet?Prova ad andare in strada e a dire questa frase al primo che passa. Scommetto 90 a uno che ti risponderà qualcosa del tipo "Quale signora?"
            Sentito che la sua
            famiglia ha perso tutto? Potevi essere tu:
            attento a quello che fai." La paura è un
            fortissimo motivatoreLa paura non motiva un bel niente se non la conosci.Molta gente è riuscita in imprese pericolosissime semplicemente perchè non sapeva quanto fossero pericolose, perciò ci ha provato ed ha avuto fortuna.
            . Se sai che puoi essere
            colpito singolarmente, non protetto
            dall'anonimato della folla, stai molto attento a
            quello che
            fai.Certo, ma come me ci sono milioni di altri che possono essere colpiti. La probabilità è a mio favore, perchè il rischio di essere colpito singolarmente è uno su milioni: corro un rischio più alto quando attraverso la strada.Quando attraversi la strada, anche tu puoi essere colpito singolarmente da un pirata della strada. La cosa ti impedisce forse di attraversare?


            I loro avvocati non sono loro dipendenti. Per

            loro le majors sono clienti come gli

            altri.



            Clienti che pagano benissimo, e per i quali hanno
            tutte le motivazioni per
            battersi.No, hanno solo la motivazione a farli pagare di più.Se l'avvocato si accorge che il suo cliente sta per fallire, ha tutte le motivazioni a spingerlo in cause che non può vincere, in modo da spremergli tutto il possibile prima che il cliente svanisca.


            Fonti? Non scambiare le tue paure per la realtà.

            Portami un solo esempio di dipendente delle major
            costretto a girare sotto scorta, e che ha paura a
            farsi vedere in
            pubblico.Sei stato tu per primo a parlare di portavoce delle majors che girano in mercedes e parlano in pubblico, quindi sei tu che devi portare un esempio.


            In pratica hanno buttato un mucchio di soldi per

            far fare delle leggi

            inapplicabili.



            Mamma Jammie non credo sia d'accordo. Nel suo
            caso, e non si tratta di un caso isolato, la
            legge viene
            applicata.Intanto non ha pagato, per ora.


            È chiaro che non hai mai avuto denaro in

            vita tua: ne hai troppa paura. Il tuo è il

            classico timore di fronte a ciò che non

            conosci.

            Oh, ne ho di denaro.Ne dubito molto.Comunque, ammettiamo pure che tu ne abbia: sei mai riuscito ad usarlo per mettere paura a qualcosa di più grosso di un topo?
            nelle tue fantasie alimentate da Matrix e V per
            Vendetta le cose stanno
            diversamente.Invece, nelle tue fantasie alimentate da Orwell e da vino scadente, come stanno le cose?
            Lo sai che i tuoi sogni sono stati realizzati da
            quelle cattive major che cambieranno internet per
            sempre?Non realizzati, copiati.
          • Get Real scrive:
            Re: che vergogna
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Il suo capo, invece, ha bocciato i provvedimenti
            di SOPA e
            simili.
            Perchè colto con le mani nel sacco. Con un'economia migliore e minor opposizione interna, non avrebbe avuto bisogno di schivare la patata bollente. Non pensare che la cosa si ripete.
            Hai detto tu stesso che non è con le
            manifestazioni in piazza che si
            vince.
            Questo non cambia che non ci sono stati moti contro il copyright. Contro Wall Street si (ovviamente inutili).
            Infatti: proprio per questo nessuno lo rispetta.
            Perchè ancora non c'è la percezione della punibilità. Questo purtroppo sta cambiando.
            Infatti: questo dimostra che non possono
            permettersela; se avessero i soldi, si
            metterebbero una guardia del corpo, anche solo
            come status symbol (tutti i VIP ce l'hanno);
            anche se non temi nessuno, la guardia del corpo
            serve a dimostrare ricchezza e potere: serve a
            dire "questi uomini grandi, robusti e armati
            obbediscono a me, ed io sono talmente ricco da
            potermi permettere di pagare uno stipendio a
            gente del genere per non fare niente tutto il
            giorno"
            Ah, fanciullesca ingenuità. Questi lobbisti che se ne fanno di uomini grandi, robusti e armati quando possono influenzare interi governi? Quello è potere. Quello che immagini tu è il "rispetto" da gangster.
            Infatti: i movimenti politici chiacchierano e
            basta, quello che conta sono i
            fatti.I movimenti politici fanno leggi. Se domani ti vietano qualcosa, quel qualcosa è vietato.
            Prova ad andare in strada e a dire questa frase
            al primo che passa. Scommetto 90 a uno che ti
            risponderà qualcosa del tipo "Quale
            signora?"
            Porta l'articolo, vediamo.
            La paura non motiva un bel niente se non la
            conosci.Strano che i patiti di internet siano quelli convinti che la gente non si informi. Pensi di essere un caso speciale? Non lo sei.

            Molta gente è riuscita in imprese pericolosissime
            semplicemente perchè non sapeva quanto fossero
            pericolose, perciò ci ha provato ed ha avuto
            fortuna.
            O è morta, più semplicemente. Non scambiare i sogni con la realtà.
            Certo, ma come me ci sono milioni di altri che
            possono essere colpiti. La probabilità è a mio
            favore, perchè il rischio di essere colpito
            singolarmente è uno su milioni: corro un rischio
            più alto quando attraverso la
            strada.
            Hai idea del business dietro il recupero crediti? Vedrai che business si formerà intorno alle multe da copyright.
            Sei stato tu per primo a parlare di portavoce
            delle majors che girano in mercedes e parlano in
            pubblico, quindi sei tu che devi portare un
            esempio.
            Jack Valenti non ha mai avuto problemi o paure a parlare in pubblico. Idem l'attuale presidente della MPAA, Chris Dodd. Quando parlano tanti, tantissimi politici ascoltano.
            Comunque, ammettiamo pure che tu ne abbia: sei
            mai riuscito ad usarlo per mettere paura a
            qualcosa di più grosso di un
            topo?Perchè dovrei? A me piace vivere tranquillo. Non sono alla ricerca del "rispetto" da gangster.
            Invece, nelle tue fantasie alimentate da Orwell e
            da vino scadente, come stanno le
            cose?
            Te lo dirò dopo un buon Montepulciano. Come vedi, posso anche trattarmi bene, non devo vivere di red bull.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: che vergogna

            Ah, fanciullesca ingenuità. Questi lobbisti che
            se ne fanno di uomini grandi, robusti e armati
            quando possono influenzare interi governi? Quello
            è potere. Quello che immagini tu è il "rispetto"
            da
            gangster.Eri tu che parlavi di sparatorie, non io.


            Infatti: i movimenti politici chiacchierano e

            basta, quello che conta sono i

            fatti.

            I movimenti politici fanno leggi. Se domani ti
            vietano qualcosa, quel qualcosa è
            vietato.E il divieto è inutile, se il movimento politico non ha i mezzi per farlo rispettare.Non riescono nemmeno ad evitare l'evasione fiscale, cosa ti aspetti?


            Prova ad andare in strada e a dire questa
            frase

            al primo che passa. Scommetto 90 a uno che ti

            risponderà qualcosa del tipo "Quale

            signora?"



            Porta l'articolo, vediamo.Che articolo?


            La paura non motiva un bel niente se non la

            conosci.

            Strano che i patiti di internet siano quelli
            convinti che la gente non si informi. Pensi di
            essere un caso speciale? Non lo
            sei.La gente che si informa sa come non farsi rintracciare (o come far beccare un altro al posto suo).
            O è morta, più semplicemente. Non scambiare i
            sogni con la
            realtà.E allora? Basta che ci riesca uno.
            Hai idea del business dietro il recupero crediti?Certo, visto che proprio tale business ha generato la crisi attuale (gente che non pagava i debiti)
            Vedrai che business si formerà intorno alle multe
            da
            copyright.Non conta il business, ma la tecnologia.

            Sei stato tu per primo a parlare di portavoce

            delle majors che girano in mercedes e
            parlano
            in

            pubblico, quindi sei tu che devi portare un

            esempio.



            Jack Valenti non ha mai avuto problemi o paure a
            parlare in pubblico. Idem l'attuale presidente
            della MPAA, Chris Dodd. Quando parlano tanti,
            tantissimi politici
            ascoltano.I politici non ascoltano mai, fanno solo finta.


            Comunque, ammettiamo pure che tu ne abbia:
            sei

            mai riuscito ad usarlo per mettere paura a

            qualcosa di più grosso di un

            topo?

            Perchè dovrei? A me piace vivere tranquillo. Non
            sono alla ricerca del "rispetto" da
            gangster.In altre parole: il denaro non ti permette di comprare il rispetto.
            Te lo dirò dopo un buon Montepulciano. Come vedi,
            posso anche trattarmi bene, non devo vivere di
            red
            bull.Come vedo, avevo ragione: tu scrivi qui dopo aver bevuto alcolici. Questo spiega tutto.
          • anon scrive:
            Re: che vergogna
            - Scritto da: Get Real
            La strategia delle major è questa: "Sentito di
            quella signora condannata per aver scaricato
            della musica da internet? Sentito che la sua
            famiglia ha perso tutto? Potevi essere tu:
            attento a quello che fai." La paura è un
            fortissimo motivatore.
            Se sai che puoi essere colpito singolarmente,
            non protetto dall'anonimato della folla,
            stai molto attento a quello che fai. Oppure, molto più semplicemente, continui imperterrito a fare quello che facevi prima, seguendo il ragionamento del: "tanto hanno beccato lei, mica me!"Metodo che sui grandi numeri (milioni di persone) si è sempre dimostrato molto efficace.
        • Allibito scrive:
          Re: che vergogna
          - Scritto da: uno qualsiasi

          Dovrebbero vergognarsi coloro che alimentano
          una

          guerra che purtroppo finisce spesso per
          punire
          le

          persone sbagliate.

          Così sempre più persone si uniscono a questa
          guerra. Ogni persona colpita dimostra
          ulteriormente al pubblico quanto il copyright sia
          sbagliato.Con altri due siete già in tre. Non esiste una guerra a chi produce, semmai esistono persone che non vogliono pagare i prodotti.
          Un tempo le case discografiche erano viste dal
          pubblico in modo ambiguo: il pubblico pensava
          "massì, in fondo subiscono un danno, hanno
          ragione di brontolare, ma guadagnano lo stesso
          bene".

          Oggi sempre più gente considera le case
          discografiche alla stregua di un mostro da
          abbattere. Chi lavora per loro tra poco sarà
          considerato alla stregua di un ufficiale
          nazista.Questa non è la visione del mondo, piuttosto una fantasiosa visione tua personale.
          Pensi che sia facile avere un lavoro di cui non
          osi parlare in pubblico, perchè ti troveresti
          tutti gli indici puntati contro?



          Non che la signora sia

          innocente, ma avrei preferito 220 multe da
          1000

          ad altrettanti colpevoli, presi tra i più

          agguerriti.

          io avrei preferito una multa da 200 milioni alla
          casa
          discografica.Discutiamone i motivi, per subire una multa dovrai pur fare un'infrazione, la signora l'ha fatta, non vedo quella della casa discografica.


          La colpa comunque non è di chi si

          difende ma piuttosto di tutti coloro che

          esasperano certe reazioni. L'avente diritto
          è
          il

          danneggiato, non

          dimentichiamolo.

          L'avente diritto ha VENDUTO il suo brano, quindi
          non deve avere più alcun diritto. Se vuole
          mangiare deve tornare a lavorare, non mettersi a
          piangere.L'avente diritto non vende mai il diritto, se non a fronte di molti zeri, semmai a te (ammesso che lo acquistassi) vende una licenza d'uso, il permesso, cioè, di poterlo ascoltare. Il brano rimane suo e tu hai solo il permesso di ascoltarlo. Metti a fuoco per bene questa piccola precisazione.
          • Sgabbio scrive:
            Re: che vergogna
            buona notte...
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: che vergogna

            Con altri due siete già in tre. Non esiste una
            guerra a chi produce, semmai esistono persone che
            non vogliono pagare i
            prodotti.E tali persone sono molte più di tre.

            Questa non è la visione del mondo, piuttosto una
            fantasiosa visione tua
            personale.Ok: dimmi quante persone trovano giusto il copyright; se togli i tuoi colleghi, vedrai che non ne resteranno molte.

            io avrei preferito una multa da 200 milioni alla

            casa

            discografica.

            Discutiamone i motivi, per subire una multa
            dovrai pur fare un'infrazione, la signora l'ha
            fatta, non vedo quella della casa
            discografica.Estorsione.
            L'avente diritto non vende mai il diritto, se non
            a fronte di molti zeriOk: se non vendi niente, perchè vuoi essere pagato?
            , semmai a te (ammesso che
            lo acquistassi) vende una licenza d'usoNon mi interessa, perchè non ho bisogno di una licenza per ascoltare il brano. Quindi, non la compro e ne faccio a meno. Mi ascolto il brano senza licenza.
            permesso, cioè, di poterlo ascoltare.E da quando in qua ci vuole un permesso per ascoltare?Ascoltare è un diritto: pretendere soldi per questo è estorsione.
            Il brano
            rimane suo e tu hai solo il permesso di
            ascoltarlo.Ok: e allora i soldi rimangono miei.
            Metti a fuoco per bene questa piccola
            precisazione.Ok: e allora ti ripeto: se il brano rimane tuo, quando hai fame mangiati pure quello.
Chiudi i commenti